La caduta degli angeli ribelli, video a 360 °, musei reali di belle arti del Belgio

Uno sguardo più da vicino al capolavoro, La caduta degli angeli ribelli (1562) Gigapixel, di Pieter Bruegel il Vecchio, Royal Museum of Fine Arts of Belgium. Un’esperienza immersiva che ti consente di esplorare The Fall of the Rebel Angels (1562) come mai prima d’ora. Dettaglio per dettaglio, il dipinto prende vita davanti ai tuoi occhi: si mescolano con le creature di Bruegel.

Prefazione
La caduta degli angeli ribelli di Pieter Bruegel il Vecchio è uno dei capolavori dei Musei reali di belle arti del Belgio.

I Musei reali acquistarono il dipinto nel 1846 pensando che fosse opera di suo figlio, Pieter Brueghel il Giovane.

L’opera fu quindi attribuita a Hieronymus Bosch (1450-1516) fino al 1898 quando la data e la firma “MDLXII / Brvegel” furono trovate nell’angolo in basso a sinistra, nascoste dalla cornice.

Così il dipinto fu infine attribuito al suo legittimo creatore, Bruegel il Vecchio.

Capitolo 1.
Iconografia e composizione
“E c’era la guerra in cielo …”

L’opera descrive in dettaglio il primo confronto tra Bene e Male, anche prima della caduta dell’uomo, quando l’angelo più potente, Lucifero (o “portatore di luce”) si rivolge all’autorità divina. Successivamente, viene inseguito dal cielo dall’Arcangelo Michele su ordine di Dio, provocando la caduta degli altri angeli ribelli.

Quando cadono, gli angeli ribelli si trasformano in demoni e sono condannati ai box dell’oscurità.

La superficie del dipinto è divisa orizzontalmente in due metà più o meno uniformi: i cieli occupano la parte superiore dell’opera, mentre l’inferno è rappresentato sotto.

Le tonalità chiare dei cieli contrastano con i toni ricchi e cupi dell’inferno, dove ocre e calde tonalità di marrone si fondono insieme.

La composizione nel suo insieme, dovuta sia al soggetto che alle scelte artistiche del pittore, rafforza l’idea della lotta tra Bene e Male – un tema ricorrente nelle opere di Bruegel il Vecchio.

Al centro della drammatica e tumultuosa composizione appare l’Arcangelo Michele. Le ali si allargano e indossa un’armatura dorata lucida, il suo volto è un’immagine di calma mentre il suo mantello, come se sospeso a mezz’aria, forma un magnifico drappo.

Ha uno scudo sul quale possiamo distinguere una croce latina rossa su uno sfondo bianco – un simbolo della Resurrezione.

Il piede destro dell’Arcangelo poggia sullo stomaco del mostro a sette teste descritto in Apocalisse (12: 7-23), dandogli un momento di relativa stabilità.

Tine L. Meganck, ricercatrice post-dottorato presso i Royal Museum of Fine Arts del Belgio, legge il passaggio sulla lotta tra Michele e il drago, tratto dall’Apocalisse:

“E ci fu guerra in cielo Michele e i suoi angeli combatterono contro il drago. E il drago combatté e i suoi angeli, e non prevalse; né il loro posto fu più trovato in cielo. E il grande drago fu scacciato, quel vecchio serpente, chiamato il Diavolo, e Satana, che inganna il mondo intero: fu scacciato nella terra e i suoi angeli furono scacciati con lui ”.
(Apocalisse 12: 7)

La presenza di questo mostro apocalittico mostra l’originalità di Bruegel mentre riunisce due storie bibliche, una dall’inizio dei tempi e l’altra dalla fine.

Nel corso dei secoli, le storie di Lucifero e il mostro apocalittico si sono fuse.
Questa ambiguità iconografica non è una coincidenza poiché, riferendosi a queste due storie, Bruegel mostra l’onnipresenza della lotta tra Bene e Male e una delle sue componenti essenziali, l’orgoglio.

In questo dipinto, Bruegel riunisce tempo e spazio in un’unica immagine onnicomprensiva.

Brandendo la sua spada sopra la sua testa, San Michele uccide il drago apocalittico prima di scagliarlo e gli angeli caduti nelle profondità dell’inferno.

Il movimento contorto del drago, con la pancia rivolta verso il cielo e sette teste gettate all’indietro, suggerisce già ciò che verrà.

Sullo sfondo si riversa una spirale infernale di demoniaci.

capitolo 2
Le fonti d’ispirazione di Bruegel

1. Riferimenti al lavoro di Hieronymus Bosch
Lucifero e il drago sono accompagnati da angeli ribelli che, mentre cadono, si trasformano in demoni e altri mostri ibridi con peculiarità boschesche – come la figura con il cappello alla destra dell’Arcangelo Michele.

L’artista ha anche lasciato numerosi suggerimenti umoristici nelle sue opere.

In particolare, nell’angolo in basso a sinistra, appena sopra la firma di Bruegel.
Qui possiamo vedere un diavolo, metà umano, metà lucertola, con la testa abbassata per mordersi il polpaccio e mostrare la sua parte posteriore allo spettatore, un segno di disprezzo.

2. Il nuovo mondo e la cultura dei gabinetti delle curiosità
Collegamenti tangibili al Nuovo Mondo abbondano nell’opera di Bruegel.

Le esplorazioni del continente americano sono diventate sempre più diffuse nel corso del XVI secolo e la fauna, la flora e gli indigeni del Nuovo Continente sono stati oggetto di osservazioni dettagliate, registrate e riportate dai primi esploratori. Sono stati pubblicati numerosi taccuini illustrati di botanica, zoologia e persino cartografia.

Questa propensione per il Nuovo Mondo ha comportato anche un significativo aumento degli scambi, per i quali il porto di Anversa sarebbe diventato uno degli epicentri. Durante il regno di Carlo V, le città erano uno dei centri finanziari più importanti per il capitalismo emergente e un’economia globale alle prime armi.

La scoperta di continenti lontani e antiche culture ha creato un’ondata di nuove conoscenze.

Numerose opere di storia naturale e serie di stampe che descrivono tali scoperte e nuove conoscenze erano in circolazione nella seconda metà del XVI secolo, a dimostrazione del desiderio di creare una qualche forma di enciclopedia. L’espressione più sorprendente di questo desiderio di catalogare la conoscenza è l’apparizione di gabinetti di curiosità. Questi armadietti costituivano un mezzo per mettere insieme strutture che davano una relativa classificazione degli “oggetti del mondo”.

La maggior parte dei collezionisti dell’epoca distingue ciò che è stato creato dall’uomo, noto come artificalia, da ciò che è stato creato dalla natura, naturalia.
Questa divisione binaria di Arte contro Natura, le cui radici affondano nell’antica filosofia, è presentata anche nella tela di Bruegel. L’artista “ha riempito” la sua composizione di collezionista avrebbe riempito un gabinetto di curiosità.

“Naturalia”
Gli angeli caduti di Bruegel sono costituiti da diversi elementi naturali o naturalia (oggetti creati dalla natura).

Il loro aspetto naturalistico implica uno studio dettagliato del mondo visibile, come se li avesse osservati in armadietti di curiosità. Prendiamo ad esempio la figura centrale, appena sotto il piede destro di Michael, le cui ali decorate a motivi neri e gialli sono indiscutibilmente quelle di una farfalla Macaone (Papilio macaone) – una specie di farfalla particolarmente bella che vive nei continenti europeo e americano. I suoi morbidi capelli a forma di angelo, il suggestivo corpo a forma di fragola e la coda esotica di fiori, rendono questo uno dei demoni più seducenti del capolavoro.

Non sorprende che, come attento osservatore del mondo che lo circonda, Bruegel abbia usato altri animali rari del Nuovo Mondo nella sua caduta degli angeli ribelli.

Gli animali esotici erano particolarmente apprezzati dai collezionisti. A causa della loro rarità e familiarità, erano spesso percepiti come mostruosi. Così, il guscio dell’armadillo (della famiglia Cingulata), con le sue classiche placche ossee e la sua coda a costine, si trasforma in una pesante armatura metallica mentre scende più in profondità nell’ombra.

L’armadillo, che vive solo nel continente americano, era una vera fonte di curiosità per i contemporanei di Bruegel. Tuttavia, stampe e altre illustrazioni che Bruegel avrebbe sicuramente saputo, stavano già facendo la comparsa di questo animale esotico conosciuto in Europa.

La presenza di questa creatura suggerisce che Bruegel avesse familiarità con le descrizioni dei primi esploratori del continente americano.

Il fatto che in questo lavoro Bruegel associ l’armadillo a una rappresentazione demoniaca è caratteristico di una particolare percezione del Nuovo Mondo.

Tra i naturalia, Bruegel utilizza anche parti identificabili di crostacei, molluschi e pesci, che talvolta combina insieme e altre volte riproduce così come sono, come nel caso del pesce palla (Tetraodontiformes della famiglia dei tetraodontidae) raffigurato in alto a destra- angolo della mano.

Questo pesce esotico del Pacifico e dell’oceano indiano è riconoscibile per i suoi denti prominenti, le sue spine e, soprattutto, per il fatto che riempie il suo addome di acqua quando minacciato. È comprensibilmente situato sotto la spada di uno degli angeli che combattono a fianco dell’Arcangelo Michele.

“Artificialia”
Queste mostruose creature sono composte non solo di naturalia ma anche di artificia (oggetti creati dall’uomo).

La rappresentazione dettagliata mostra la conoscenza approfondita dell’artista di questo tipo di oggetto da collezione. Equipaggia vari angeli caduti con attributi artificiali come strumenti scientifici o musicali, armi e armature, oggetti etnografici e persino opere d’arte.

Uno di questi, ad esempio, è dotato di una sorta di pettorale realizzato con una meridiana. Le due parti dell’armatura sono collegate da un cinturino in pelle.

Questo tipo di orologio portatile era generalmente realizzato in avorio ed era molto apprezzato dai collezionisti per la sua preziosa natura. La bussola al centro, composta da un ago e una placca di bronzo, è incastonata nell’avorio. Indica l’ora in base alla posizione del sole.

Bruegel ha attirato la sua attenzione ai dettagli fino a dipingere le diverse iscrizioni sulla meridiana in rosso e nero. Gli altri cerchi rappresentano i segni dello zodiaco che spesso figurano su questo tipo di strumento. Orientato in questo modo, la meridiana assume un significato molto specifico: ricorda l’onnipresenza della lotta tra Bene e Male, facendo eco alla fusione delle due storie, una dall’inizio e l’altra dalla fine dei tempi. Lo strumento ricorda inoltre allo spettatore di usare saggiamente il suo tempo sulla terra.

Si credeva che questo tipo di meridiana fosse uno strumento di misura in grado di correggere il caos terrestre e mantenere le persone più in sintonia con la regolarità dell’universo. Trasponendo la meridiana sul retro di questo angelo caduto, Bruegel sembra trattare queste idee con una certa ironia.

L’inventario quasi esauriente di armi e armature qui descritto da Bruegel conferisce alla sua caduta degli angeli ribelli una qualità unica.

Questi manufatti formano una parte significativa delle prime collezioni moderne, in particolare nelle collezioni reali.

Oltre all’armatura splendente dell’Arcangelo Michele, la composizione pullula di esempi, tra cui alcuni della cultura ottomana che mostrano ancora una volta la conoscenza precisa dell’artista di questo tipo di manufatto.

Tra l’artificiale, è anche possibile distinguere un turbante che adorna la testa di uno dei mostri.

La presenza di un tale oggetto evoca un riferimento al Ritratto di un uomo (1433) di Jan Van Eyck (1390-1441), ora conservato alla National Gallery di Londra.

Sul dorso di un diavolo quasi nudo con una testa di capelli rossi sgargianti che punta verso il basso, è possibile distinguere alcune piume rosse e bianche.

Si ritiene che queste piume siano riferimenti alla rappresentazione della cultura indiana americana che ha iniziato a diffondersi in tutta Europa in questo momento.

Questo dettaglio fa eco all’idea che la gente aveva di queste persone in quel momento – vivendo generalmente nudi in capanne e talvolta persino con morale cannibale. Non sorprende quindi che Bruegel abbia inserito questi riferimenti nella parte demoniaca della sua composizione.

Ambientato su uno sfondo celeste celeste, gli angeli fedeli sembrano vestiti di bianco. Sono armati di spade o trombe divine la cui musica mira a incoraggiare i combattenti.

Lontano, alcuni angeli stanno già proclamando la vittoria con le loro corna, suggerendo un risultato positivo dalla battaglia.

capitolo 3
Verso un’interpretazione politica

La miriade di teste rivolte verso il basso, le gambe in aria, gli uccelli che cadono dal cielo e i pesci volanti, rendono La caduta degli angeli ribelli forse la rappresentazione più letterale di Bruegel di un mondo in subbuglio.

Con i puri angeli che si trasformano in una varietà dei mostri più inimmaginabili, Bruegel mostra vividamente le conseguenze infernali del mancato rispetto dell’ordine stabilito. Per alcuni, questo lavoro mostra l’attenzione che Bruegel ha prestato alle turbolenze del suo periodo. Si può anche considerare di prefigurare lo sconvolgimento politico e religioso che stava minacciando i Paesi Bassi in quel momento.

All’epoca, Margherita di Parma era il reggente dei Paesi Bassi. Fu avvisata dal potente cardinale de Granvelle. La storia ricorda Granvelle come odiato politico, ma era anche un grande mecenate, che ospitava artisti nel suo palazzo e un grande collezionista di artificia e naturalia, il tipo di entusiasta che Bruegel aveva preso di mira. Possedeva almeno un’altra delle opere di Bruegel. Nel 1561, Granvelle fu nominata Arcivescovo di Malines. Questa posizione portò a una lotta di potere con la nobiltà locale, incluso il giovane William of Orange. Sebbene lo stesso Orange non fosse un grande collezionista, aveva ereditato una delle opere del maestro fiammingo, oggetto di grande invidia: il giardino delle delizie terrene di Hieronymus Bosch. Fu uno di questi dipinti che Bruegel cercò di superare in La caduta degli angeli ribelli.

Nel 1562, Orange fece del suo palazzo di Bruxelles la sede della “Lega contro la Granvelle”. Per quanto riguarda Granvelle, riferì al re la crescente disobbedienza di Orange. Da uno spettacolo teatrale organizzato nello stesso anno, possiamo dedurre che anche la popolazione sentiva che le tensioni avevano raggiunto il picco. I retorici di Bruxelles hanno organizzato un concorso sul tema “Come mantenere la pace in questi paesi”. Diversi partecipanti hanno menzionato la disobbedienza di Lucifero come un esempio negativo; l’orgoglio ha portato a discordia e disordine, che erano una minaccia per la pace. Bruegel conosceva bene la cultura sia dei retorici che dei collezionisti di corte. Possiamo quindi porci la domanda se, emulando Bosch, in particolare con The Garden of Earthly Delights in Orange ‘

Nell’opera di Bruegel, le rappresentazioni di un mondo portato all’apocalisse dalla follia degli uomini erano veramente visionarie poiché, nel 1562, i Paesi Bassi non avevano ancora visto il vero disastro della guerra.

Con gli eventi che sarebbero seguiti solo quattro anni dopo con lo scoppio della crisi iconoclasta del 1566 e la successiva ribellione, l’avvertimento dipinto da Bruegel – l’orgoglio arriva prima di una caduta – divenne una realtà dolorosa.

Conclusione
Le fonti d’ispirazione di Bruegel sono una testimonianza della sua conoscenza precisa e approfondita delle creazioni artistiche e del mondo che lo circonda. Integrato in un racconto di orgoglio, il suo capolavoro invita lo spettatore a riflettere sulle possibilità e sui pericoli della ricerca dell’umanità di conoscenza e arte – un tema particolarmente attraente per i collezionisti eruditi dell’epoca, che senza dubbio ha perso il suo impatto nel corso dei secoli.

Musei reali di belle arti del Belgio
I Royal Museum of Fine Arts del Belgio sono un gruppo di musei d’arte a Bruxelles, in Belgio. Includono sei musei: il museo Oldmasters, precedentemente chiamato “Royal Museum of Ancient Art”; il Museo Magritte; il Museo Wiertz; il museo Meunier; il Museo della fine del secolo; il Museo di arte moderna.

I musei reali di belle arti del Belgio conservano la più importante collezione di arti visive del Belgio. Attraverso dipinti, sculture o disegni, tutte le 20.000 opere e sei musei illustrano la nostra storia, dal 15 ° al 21 ° secolo. I musei Old Masters, Magritte, Fin-de-Siècle, Modern (selezione) e gli home-studio Wiertz e Meunier costituiscono un patrimonio culturale unico che esplora anche il futuro, fungendo da piattaforma per la riflessione sociale sulla costruzione del nostro identità contemporanee.

Tags: