Biosicurezza

La biosicurezza ha molteplici significati ed è definita diversamente in base alle varie discipline. La definizione originale di biosicurezza è nata come una serie di misure preventive progettate per ridurre il rischio di trasmissione di malattie infettive in colture e bestiame, parassiti in quarantena, specie esotiche invasive e organismi viventi modificati (Koblentz, 2010). La natura emergente delle minacce alla biosicurezza significa che i rischi su piccola scala esplodono rapidamente, quindi una politica efficace diventa una sfida poiché esistono limiti di tempo e risorse disponibili per analizzare le minacce e stimare la probabilità che si verifichino.

Il termine fu usato per la prima volta dalle comunità agricole e ambientali. A partire dalla fine degli anni ’90 in risposta alla minaccia del terrorismo biologico, la biosicurezza comprende la prevenzione della rimozione intenzionale (furto) di materiali biologici da laboratori di ricerca. Queste misure preventive sono una combinazione di sistemi e pratiche messe al loro posto nei laboratori di bioscienza per prevenire l’uso di pericolosi agenti patogeni e tossine per uso dannoso, così come agenti doganali e responsabili delle risorse agricole e naturali per prevenire la diffusione di questi agenti biologici .

I progressi tecnologici hanno fatto sì che molti progetti di ricerca civile in medicina abbiano il potenziale per essere utilizzati in applicazioni militari (ricerca a duplice uso) e che i protocolli di biosicurezza siano usati per impedire che materiali biologici pericolosi cadano nelle mani di partiti malevoli. La National Academy of Sciences definisce la biosicurezza come “la sicurezza contro l’uso involontario, inappropriato o malevolo intenzionale o malevolo di agenti biologici potenzialmente biotecnologici o biotecnologie, tra cui lo sviluppo, la produzione, lo stoccaggio o l’uso di armi biologiche e di nuovi emergenti e malattia epidemica “. La biosicurezza richiede la collaborazione di scienziati, tecnici, responsabili politici, ingegneri della sicurezza e funzionari delle forze dell’ordine.

Come problema di sicurezza internazionale
Esperimenti controversi in biologia sintetica, inclusa la sintesi di poliovirus dalla sua sequenza genetica, e la modifica di H5N1 per la trasmissione aerea nei mammiferi, hanno portato a richieste di controlli più severi sui materiali e le informazioni utilizzate per compiere imprese simili. Le idee includono una migliore applicazione da parte dei governi nazionali e delle entità private in merito alle spedizioni e al download di tali materiali, nonché i requisiti di registrazione o di controllo dei precedenti per chiunque manipoli tali materiali.

Inizialmente, le questioni di sicurezza sanitaria o di biosicurezza non sono state considerate una questione di sicurezza internazionale, specialmente nella visione tradizionale delle relazioni internazionali. Tuttavia, alcuni cambiamenti nella tendenza hanno contribuito all’inclusione della biosicurezza (sicurezza sanitaria) nelle discussioni sulla sicurezza (Koblentz, 2010).

Col passare del tempo, ci fu un movimento verso la cartolarizzazione. Problemi di sicurezza non tradizionali come il cambiamento climatico, la criminalità organizzata, il terrorismo e le mine antiuomo sono stati inclusi nella definizione di sicurezza internazionale (Koblentz, 2010). C’era una consapevolezza generale che gli attori del sistema internazionale non solo coinvolgevano gli stati-nazione ma includevano anche organizzazioni, istituzioni e individui internazionali (Koblentz, 2010).Pertanto, garantire la sicurezza dei vari attori all’interno di ogni nazione è diventato un importante programma. La biosicurezza è uno dei problemi da cartolarizzare in questa tendenza. Infatti, il 10 gennaio 2000, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito per discutere dell’HIV / AIDS come problema di sicurezza in Africa e lo ha definito una minaccia nel mese successivo. Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio dell’UNDP riconoscono anche i problemi di salute come problemi di sicurezza internazionale (Koblentz, 2010). Diversi casi di epidemie che seguirono, come la SARS, aumentarono la consapevolezza della sicurezza sanitaria (biosicurezza). Recentemente diversi fattori hanno reso i problemi di biosicurezza più gravi. C’è un continuo progresso della biotecnologia che aumenta la possibilità di uso malevolo, l’evoluzione delle malattie infettive e la forza globalizzante che sta rendendo il mondo più interdipendente e più suscettibile alla diffusione di epidemie (Koblentz, 2010).

Alcune incertezze sull’attuazione delle politiche per la biosicurezza permangono per il futuro. Al fine di pianificare attentamente le politiche preventive, i responsabili politici devono essere in grado di prevedere in qualche modo la probabilità e valutare i rischi; tuttavia, poiché la natura incerta della questione della biosicurezza è incerta, è molto difficile prevedere e comporta anche un processo complesso in quanto richiede un approccio multidisciplinare (Koblentz, 2010). Le scelte politiche che fanno per affrontare una minaccia immediata potrebbero rappresentare un’altra minaccia in futuro, affrontando un compromesso non voluto. I responsabili politici sono costantemente alla ricerca di un modo più efficace per coordinare gli attori internazionali – organizzazioni governative e ONG – e attori di diverse nazioni in modo che possano affrontare il problema della sovrapposizione delle risorse (Koblentz, 2010).

Programma di laboratorio
I componenti di un programma di biosicurezza di laboratorio includono:

Sicurezza fisica
Sicurezza del personale
Controllo materiale e amp; responsabilità
Sicurezza del trasporto
Informazioni di sicurezza
Gestione del programma

Animale
La biosicurezza animale è il prodotto di tutte le azioni intraprese da un’entità per impedire l’introduzione di agenti patogeni in un’area specifica. La biosicurezza degli animali differisce dalla biosicurezza che sono misure adottate per ridurre il rischio di furto di agenti infettivi e dispersione per mezzo del bioterrorismo. La biosicurezza animale è un approccio globale che comprende diversi mezzi di prevenzione e contenimento. Un elemento critico nella biosicurezza animale, il biocontenimento, è il controllo degli agenti patogeni già presenti in una particolare area e si adopera per prevenire nuove trasmissioni. La biosicurezza degli animali può proteggere gli organismi da agenti infettivi o agenti non infettivi quali tossine o sostanze inquinanti e può essere eseguita in aree grandi come una nazione o piccole come una fattoria locale.

La biosicurezza animale tiene conto della triade epidemiologica per l’insorgenza della malattia: l’ospite individuale, la malattia e l’ambiente nel contribuire alla suscettibilità alla malattia. Mira a migliorare l’immunità non specifica dell’ospite per resistere all’introduzione di un agente, o limitare il rischio che un agente possa essere sostenuto in un ambiente a livelli adeguati. Il biocontenimento, un elemento della biosicurezza animale, lavora per migliorare l’immunità specifica verso i patogeni già presenti.

Bioprotezione significa prevenire l’uso illecito di microrganismi patogeni da parte di personale di laboratorio o altro. Per biosicurezza si intende la protezione del personale di laboratorio dall’essere infetto da microrganismi patogeni.

Contromisure mediche
Le contromisure mediche (“MCM”) sono prodotti come farmaci biologici e farmaceutici che possono proteggere o trattare gli effetti di un attacco chimico, biologico, radiologico o nucleare (“CBRN”). Gli MCM possono anche essere utilizzati per la prevenzione e la diagnosi dei sintomi associati agli attacchi o alle minacce CBRN.

La FDA gestisce un programma chiamato FDA Medical Countermeasures Initiative (“MCMi”). Il programma aiuta le agenzie e le organizzazioni “partner” a prepararsi per emergenze di salute pubblica che potrebbero richiedere MCM.

Il governo federale fornisce finanziamenti per i programmi relativi al MCM. A giugno 2016, una sottocommissione per gli stanziamenti del Senato ha approvato un progetto di legge che continuerà a finanziare quattro specifici programmi di contromisura medica:

$ 512 milioni per l’Autorità di ricerca e sviluppo biomedica avanzata (BARDA)
$ 510 milioni per BioShield Special Reserve Fund (SRF)
$ 575 milioni per la scorta nazionale strategica (SNS)
$ 72 milioni per l’influenza pandemica

Le sfide
La distruzione del World Trade Center a Manhattan l’11 settembre 2001 da parte dei terroristi e la successiva ondata di attacchi di antrace sui media statunitensi e sugli sbocchi del governo (sia reali che burla) hanno portato a una maggiore attenzione sul rischio di attacchi di bioterrorismo negli Stati Uniti. Sono state avanzate proposte per gravi riforme strutturali, controlli alle frontiere nazionali e / o regionali e un unico sistema coordinato di risposta ai rischi biologici.

Una delle principali sfide della biosicurezza è che la tecnologia dannosa sta diventando più disponibile e accessibile. I progressi biomedici e la globalizzazione delle competenze scientifiche e tecniche hanno permesso di migliorare notevolmente la salute pubblica. Tuttavia, c’è anche il rischio che questi progressi possano rendere più facile per i terroristi la produzione di armi biologiche.

La proliferazione di laboratori ad alto livello di biosicurezza in tutto il mondo ha molti esperti preoccupati per la disponibilità di obiettivi per coloro che potrebbero essere interessati a rubare pericolosi agenti patogeni. La malattia emergente e riemergente è anche una seria preoccupazione per la biosicurezza. La recente crescita nei laboratori di contenimento è spesso in risposta a malattie emergenti, molti dei nuovi laboratori di contenimento sono l’obiettivo principale di trovare modi per controllare queste malattie. Rafforzando i sistemi nazionali di sorveglianza, prevenzione, controllo e risposta delle malattie nazionali, questi laboratori stanno portando la salute pubblica internazionale a nuovi livelli.

Ricerca sulla biosicurezza e amp; la biosicurezza condotta dall’Università delle Nazioni Unite per l’Advanced Study of Sustainability (UNU-IAS) pone l’accento sulle “conseguenze a lungo termine dello sviluppo e dell’uso della biotecnologia” e richiede “un broker onesto per creare strade e forum per sbloccare le impasse”. ”

Nella Report Card Bio-Response di ottobre 2011, il Centro WMD ha affermato che le principali sfide alla sicurezza biologica sono:

attribuzione
comunicazione
rilevazione e diagnosi
pulizia ambientale
disponibilità contromisura medica
sviluppo di contromisure mediche e processo di approvazione
erogazione di contromisure mediche
gestione medica
La comunicazione tra i cittadini e le forze dell’ordine è fondamentale. Gli indicatori di agro-terrorismo in un impianto di trasformazione alimentare possono includere persone che prendono appunti o foto di un’azienda, furti di uniformi dei dipendenti, dipendenti che cambiano l’orario di lavoro o persone che cercano di ottenere informazioni su misure di sicurezza e personale. Le attività insolite devono essere segnalate tempestivamente al personale delle forze dell’ordine.

Anche la comunicazione tra i responsabili delle politiche e gli scienziati delle scienze della vita è importante.

La regione MENA, con i suoi disordini socio-politici, le diverse culture e società e i recenti programmi di armi biologiche, affronta sfide particolari.

incidenti

Data Incidente Organismo Dettagli
1984 Attacchi di culto religioso Rajneeshee, The Dalles, Oregon Salmonella typhimurium Insalate di ristorante contaminate, sperando di rendere inabili la popolazione, in modo che i loro candidati vincessero le elezioni della contea

751 malattie, le prime indagini condotte da CDC suggerirono che l’evento era un focolaio naturale. Il membro di culto arrestato per accusa non correlata ha confessato il coinvolgimento con l’evento
1990 Aum Shinrikyo tenta a Tokyo, in Giappone

Attacco del sarin della metropolitana di Tokyo, incidente di Matsumoto
Bacillus anthracis,Clostridium botulinum Disseminazione: aerosolizzazione a Tokyo

Shoko Asahara è stato condannato per attività criminale Aum Shinrikyo ha ordinato a C. botulinum da una società farmaceutica e ha tentato di acquisire dallo scoppio dello Zaire sotto le sembianze di una “missione umanitaria” Risultato in circa 20 morti e oltre 4000 feriti
2001 “Amerithrax” Bacillus anthracis Le lettere contenenti spore di antrace venivano spedite agli uffici media e ai senatori

Il sospetto perpetratore era uno scienziato DOD statunitense
22 infetti, 5 morti
1995 Larry Wayne Harris, un suprematista bianco, ordinò 3 fiale di Yersinia pestis dell’ATCC Yersinia pestis
2003 Thomas C. Butler, professore degli Stati Uniti Yersinia pestis 30 flaconcini di Y. pestis mancanti dal laboratorio (mai recuperati); Butler ha scontato 19 mesi di prigione
1966 “Dr. X uccisioni” Curaro Il Dr. Mario Jascalevich fu accusato di avvelenare 5 pazienti
1977-1980 Arnfinn Nesset, ex infermiera in Norvegia succinilcolina Confessato di aver ucciso 27 pazienti, potrebbe averne ucciso ben 138
1987-1990 David J. Acer, dentista della Florida HIV Ha infettato 6 pazienti dopo che gli è stato diagnosticato l’HIV
1995 Debora Green, un medico del Kansas ricina Condannato per aver tentato di uccidere suo marito con ricina, in seguito ha ucciso la sua famiglia in un incendio domestico
1998 Richard J. Schmidt, un gastroenterologo in Louisiana HIV Condannato per tentato omicidio di secondo grado per aver infettato l’infermiera Janice Allen con l’HIV iniettandola sangue da un malato di AIDS
1999 Brian T. Stewart, un flebotomo HIV Condannato all’ergastolo per aver deliberatamente infettato il suo bambino di 11 mesi con sangue infetto da HIV per evitare i pagamenti per il mantenimento dei figli
1964-1966 Dr. Mitsuru Suzuki, medico con formazione, Giappone Shigella dysenteriae eSalmonella typhi Obiettivo: vendetta dovuta al profondo antagonismo a ciò che percepiva come un sistema prevalente di anzianità

Diffusione: Pan di Spagna, altre fonti di cibo L’indagine ufficiale è iniziata dopo la segnalazione anonima al Ministero della Salute e del Welfare. È stato accusato, ma non è stato condannato per nessuna morte; successivamente coinvolto in 200 – 400 malattie e 4 morti
1996 Diane Thompson, tecnico di laboratorio clinico, Dallas, TX Shigella dysenteriae Tipo 2 Rimosso Shigella dysenteriae di tipo 2 dalla collezione dell’ospedale e collaboratori infetti con pasticcini contaminati nella sala dell’ufficio

Infettata 12 dei suoi colleghi, è stata arrestata, condannata e condannata a 20 anni di carcere

Ruolo dell’educazione
Il progresso delle scienze della vita e della biotecnologia ha il potenziale per portare grandi benefici all’umanità attraverso la risposta alle sfide della società. Tuttavia, è anche possibile che tali progressi possano essere sfruttati a fini ostili, cosa evidenziata in un piccolo numero di episodi di bioterrorismo, ma più particolarmente dalla serie di programmi di guerra biologica offensiva su larga scala condotti dai principali stati nel secolo scorso . Affrontare questa sfida, che è stata etichettata come il dilemma del “duplice uso”, richiede che un numero di attività diverse come quelle sopra identificate richiedano la biosicurezza. Tuttavia, uno degli ingredienti essenziali per garantire che le scienze della vita continuino a generare grandi benefici e non diventi oggetto di uso improprio a fini ostili è un processo di impegno tra gli scienziati e la comunità della sicurezza e lo sviluppo di forti strutture etiche e normative per complimentarmi misure legali e normative che vengono sviluppate dagli stati.

normativa
Stati Uniti Selezionare i regolamenti degli agenti
Registrazione dell’impianto se possiede uno degli 81 agenti selezionati
La struttura deve designare un funzionario responsabile
Controlli in background per le persone con accesso a Select Agents
Controlli di accesso per aree e contenitori che contengono Select Agents
Requisiti di inventario dettagliati per Select Agents
Sicurezza, sicurezza e piani di risposta alle emergenze
Formazione sulla sicurezza e la sicurezza
Regolamentazione dei trasferimenti di agenti selezionati
Ampia documentazione e tenuta dei registri
Ispezioni di sicurezza e protezione

La Convenzione sulle armi biologiche affronta tre questioni rilevanti:
Legislazione nazionale di attuazione
National Pathogen Security (biosicurezza)
Cooperazione internazionale
Gli Stati parti si impegnano a perseguire l’attuazione nazionale della biosicurezza di laboratorio e dei trasporti (2003)

ONU 1540
esorta gli Stati ad adottare misure preventive per attenuare la minaccia della proliferazione delle ADM da parte di attori non statali
“Prendere e applicare misure efficaci per stabilire controlli interni per prevenire la proliferazione di … armi biologiche …, anche stabilendo adeguati controlli sui materiali correlati”

Libro verde della Commissione europea sulla preparazione biologica (novembre 2007)
raccomanda lo sviluppo di standard europei sulla biosicurezza di laboratorio, tra cui protezione fisica, controllo dell’accesso, responsabilità dei patogeni e registrazione dei ricercatori

Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico
pubblicato “Linee guida sulle migliori pratiche per i centri di risorse biologiche”, inclusa una sezione sulla biosicurezza nel febbraio 2007

Kampala Compact (ottobre 2005) e Nairobi Announcement (luglio 2007)
sottolineare l’importanza di implementare la biosicurezza e la biosicurezza dei laboratori in Africa

Tags: