Scottature solari e protezione solare in viaggio

La solarizzazione è un sintomo di pelle danneggiata prodotta dalla sovraesposizione al sole. È un pericolo particolare se si è fuori nei giorni di sole, anche se le nuvole non sempre lo impediscono. Scottarsi male il primo giorno di una vacanza al sole e sabbia può rovinare il resto del viaggio.

Un problema correlato è il colpo di calore, che non è causato esclusivamente dall’esposizione al sole, e non è trattato in questo articolo.

Capire
Quando si viaggia, è necessario fare attenzione a proteggersi dal sole, poiché è comune passare più tempo all’aria aperta di quanto la pelle sia abituata a fare. Mai sottovalutare il potere del sole nelle regioni tropicali, sulle montagne, sull’acqua o anche in una normale giornata estiva intorno al mezzogiorno. Lo sci è particolarmente rischioso, perché oltre al sole diretto, anche il tuo corpo viene colpito dalla luce solare riflessa da una superficie liscia e bianca. Allo stesso modo, la luce solare viene riflessa dall’acqua o dalla sabbia.

Il pericolo principale è dalla parte ultravioletta (UV) della radiazione solare. Questi fotoni a lunghezza d’onda corta hanno un’energia superiore alla luce nella parte visibile dello spettro, quindi provocano più danni. L’UV non è visibile agli occhi umani e può penetrare sia nella copertura nuvolosa da leggera a moderata che in alcuni indumenti, quindi può essere abbastanza difficile giudicare quanto si sta ottenendo; prova a sbagliare sul lato della cautela.

Una complicazione è che i “buchi di ozono” nell’atmosfera superiore, causati dall’inquinamento, consentono a più raggi UV di raggiungere il suolo rispetto a prima, quindi il pericolo nelle regioni polari (sotto i buchi) è aumentato durante la maggior parte del 20 ° secolo, anche se ci sono segni provvisori dello strato di ozono in ripresa nel 2010. Non è chiaro quanto lontano dai poli si estende questo pericolo, e cambia nel tempo, quindi chiunque passi molto tempo all’aria aperta ad alte latitudini dovrebbe prendere precauzioni. L’Antartide è più colpita rispetto alle latitudini settentrionali e gli effetti del buco nell’ozono dell’Antartide sembrano estendersi fino all’Australia e in alcune parti del Sud America.

Inoltre, le ustioni solari e il troppo sole nel corso degli anni possono portare al cancro della pelle. I tipi di cellule basali e squamose non sono così male per quanto riguarda il cancro, ma la loro rimozione lascerà cicatrici antiestetiche. Tuttavia, il melanoma è altrettanto letale degli altri tumori mortali. Negli ultimi decenni è diventato noto che le scottature solari aumentano sostanzialmente il rischio di melanoma.

Aumento dei rischi La
suscettibilità alle scottature dipende fortemente dal tono della pelle. Le persone con i capelli rossi, gli occhi verdi e la pelle lentigginosa sono maggiormente a rischio di contrarre danni alla pelle. Il rischio aumenta anche in primavera, prima di abituarsi alla luce più forte, e per i viaggiatori prima di abituarsi a una luce solare più forte in una destinazione.

Il rischio di scottature aumenta quando il sole è alto nel cielo (vedi indice UV sotto). Può anche essere aumentato dall’assunzione di prodotti farmaceutici. Alcuni comuni antibiotici, contraccettivi, tranquillanti e profilassi della malaria provocano un’eccessiva sensibilità al sole.

Lasciare il succo di limoni o altri agrumi sulla pelle aumenterà la velocità e l’intensità dei danni alla pelle. Un po ‘di succo di lime in mano da fare un paio di margaritas, seguita da una giornata piuttosto ordinaria all’aperto, può provocare una grave “solarizzazione”, tecnicamente chiamata fitoplodermatite, che può durare per settimane e che interesserà qualsiasi parte esposta al sole di la tua pelle che il succo di agrumi ha toccato.

Negli ultimi anni, l’incidenza e la gravità delle scottature solari sono aumentate in tutto il mondo, soprattutto nell’emisfero australe, a causa del danneggiamento dello strato di ozono dovuto ai CFC e perché sempre più persone percorrono distanze maggiori per zone climatiche diverse esponendo la pelle abituata al freddo al sole intenso .

Indice UV
L’ indice UV è uno standard internazionale che fornisce informazioni sull’intensità dei raggi solari e, quindi, sui danni potenziali della luce solare in un particolare giorno. Maggiore è il valore dell’indice, maggiore è il rischio di scottature.

L’indice UV, come definito dall’OMS
1-4: basso – nessuna protezione necessaria
4-8: moderato – rimanere all’ombra a mezzogiorno, indossare occhiali da sole e coprire la pelle se è sensibile
9-11: alta – in aggiunta, utilizzare 30+ protezione solare e indumenti protettivi
12-13: molto alta – in aggiunta, non stare all’aperto per periodi prolungati
14+: estremo – copriti il ​​più possibile se devi uscire e stare in casa a mezzogiorno

La maggior parte dei siti Web meteo include ora un valore UV previsto ed è consigliabile guardare il tempo prima del viaggio per sapere di quale protezione solare è necessario.

Ma in generale, è possibile valutare la probabilità di essere influenzati dal sole considerando sette fattori:

Angolo del sole
Latitudine: il più forte nei tropici, in particolare i tropici del nord dal 20 marzo al 23 settembre ei tropici del sud dal 23 settembre al 20 marzo
, più forte in tarda primavera e all’inizio dell’estate, senza nubi. Poiché la presenza di piogge primaverili significa che questo periodo è abbastanza nuvoloso in molte zone, il picco può essere spinto localmente verso la fine dell’estate.
Ora del giorno – più forte dalle 9:00 alle 15:00 ora del sole, con un picco alle 12.00. L’ora solare è più o meno riflessa nell’ora locale, ma dato che quest’ultima è una questione politica, potrebbe essere spenta anche di alcune ore. Aggiungi un’ora in cui viene osservata l’ora legale (ovvero dalle 10 alle 16:00). Regolare anche per la posizione nel fuso orario: il sole è presto nel bordo orientale (sottrarre mezz’ora se le zone sono regolari); più tardi nell’ovest (aggiunga mezz’ora).
Questi tre fattori possono essere combinati in un’unica misura facile. I raggi più forti sono quando il sole supera i 45 gradi nel cielo. In altre parole, la tua ombra è più corta della tua altezza attuale. Le ombre corte indicano un’intensità UV elevata.

Per le inclinazioni matematiche, le regole generali per l’angolo del sole lontano dalla verticale a mezzogiorno alla latitudine L sono:

L agli equinozi, il 20 marzo e il 23 settembre, ovunque.
L-23 ° al solstizio d’estate per il tuo emisfero, il 21 giugno nell’emisfero settentrionale e il 21 dicembre nel sud.
L + 23 ° al solstizio d’inverno, data opposta a quella sopra.
I tropici sono la regione in cui tale angolo è talvolta zero, L <= 23 ° quindi L-23 ° <= 0 <= L + 23 °. Tra il Tropico del Cancro (23 ° N) e il Tropico del Capricorno (23 ° S), il sole è a volte direttamente sopra la testa. Il sole di mezzanotte si verifica dove L> = 67 °, quindi L + 23 ° a volte è maggiore di 90 ° e il sole di metà inverno è sotto l’orizzonte anche a mezzogiorno. In estate, il sole è sopra l’orizzonte anche a mezzanotte. Tuttavia, al di là dei cerchi polari dove si verifica il sole di mezzanotte, l’intensità del sole è generale talmente bassa che tutti, tranne i più ipersensibili, possono essere all’aperto 24 ore su 24 (ma attenzione quando c’è neve, che moltiplicherà l’intensità per riflessi e in alta altitudini).

Fattori ambientali
Altitudine – La radiazione UV aumenta rapidamente con l’altitudine.
Meteo: più forte nei giorni limpidi e asciutti (ma le nuvole chiare non forniscono alcuna protezione)
Dintorni: la sabbia, l’acqua e la neve riflettono le radiazioni UV nelle aree ombreggiate e questo eleva la protezione UV come cappelli e ombrelli. E si ottiene la radiazione riflessa in aggiunta alla normale luce solare
strato di ozono – lo strato di ozono nell’atmosfera fornisce una certa protezione contro le radiazioni UV, ma il suo spessore varia. È spesso più sottile in primavera vicino all’Artico e Antartico, il che significa più radiazioni che altrimenti anche nelle zone temperate. Questi “buchi” non sono regolari.

UV-A e UV-B
Il sole emette più di un tipo di radiazione UV. L’UV-C non è un problema, in quanto non attraversa l’atmosfera terrestre. UV-B è quello che causa ciò che la maggior parte delle persone pensa come una scottatura solare. Poiché la sua lunghezza d’onda è breve, UV-B penetra solo nello strato più superficiale della pelle (l’epidermide) che quindi assorbe tutta l’energia UV-B e prende tutto il danno. Oltre a causare arrossamento e dolore, UV-B danneggia anche direttamente il DNA della pelle ed è considerato il tipo più pericoloso di radiazioni UV. L’UV-A entra più a fondo nella pelle e non causa danni immediati e visibili. Invece, provoca danni alla pelle a lungo termine.

Quando acquisti la protezione solare, non scegliere una versione che ti protegga solo dalle radiazioni UV-B. L’esposizione a entrambi i tipi di radiazioni UV aumenta il rischio di cancro della pelle. Cerca una protezione solare etichettata come “spettro completo” o che dice che blocca sia UV-A che UV-B.

Solstizio d’estate
Questo è il giorno in cui il sole è più forte e talvolta viene chiamato il primo giorno dell’estate. Si verifica il 21 giugno nell’emisfero settentrionale e il 21 dicembre nell’emisfero australe. Fuori dai tropici, potrebbe portare il più alto livello di radiazioni UV dell’intero anno. Naturalmente, l’atmosfera non ha ancora avuto il tempo di scaldarsi completamente fino al picco dell’estate, e molti posti sono ancora nuvolosi e freschi. Tuttavia, se capita di essere soleggiato, questo è il momento in cui hai più bisogno della protezione UV. Il primo giorno dell’estate, la terra ha completato il suo asse spostando di 23,5 gradi, e questo porta raggi UV tropicali come le zone temperate.

Tutte le località nei tropici hanno il sole direttamente sopra la testa a mezzogiorno due volte all’anno e su base annuale ricevono la stessa quantità di radiazioni UV dell’equatore (assumendo fattori ambientali uguali).
Nel solstizio d’estate, le posizioni nelle zone temperate (fino a 47 gradi di latitudine) potrebbero ricevere più radiazioni UV dell’equatore. Praticamente tutta l’Italia, la Nuova Zelanda e gli Stati Uniti orientali sono sotto i 47 gradi. A ovest, il confine USA-Canada è a 49 gradi.
Le posizioni tra i 47 gradi e il circolo polare potrebbero ricevere altrettante radiazioni UV sul solstizio d’estate come fanno i tropici sull’altro lato dell’equatore (il loro inverno). Se è una giornata limpida e soleggiata il 21 giugno a Reykjavík, in Islanda, avrà raggi UV leggermente più intensi rispetto a Rio de Janeiro. Ciò è dovuto al fatto che Reykjavík è più vicino al Tropico del Cancro (23,5 gradi nord) rispetto a Rio.
Fortunatamente mentre l’estate avanza, la terra ha spostato nuovamente il suo asse in linea con l’equatore. Il vero pericolo è che una persona dalla pelle chiara che non è stata esposta per mesi trascorre il tempo fuori al sole in tarda primavera o all’inizio dell’estate senza protezione. Potrebbero erroneamente pensare che la radiazione UV non sia ancora così male, quando in realtà è ancora peggio.

Protezione
Prima di partire, cerca di ottenere informazioni sulle condizioni meteorologiche della regione in cui ti rechi, in particolare in merito alla luce solare e solare. L’Organizzazione mondiale della sanità ha una tabella di valori indicativi medi approssimativi dei raggi UV per alcune città in tutto il mondo, anche se per le informazioni attuali è necessario verificare sempre con il servizio di previsioni meteorologiche locali. Inoltre, sul sito sunburnmap, puoi controllare l’indice UV corrente per qualsiasi parte del mondo (insieme alle informazioni per quanto tempo puoi passare al sole lì) e il sito ha anche una previsione per i prossimi due giorni.

Quando sei arrivato a destinazione, soprattutto se sei abituato a luoghi con un’intensità solare notevolmente minore, correre direttamente in spiaggia o fare una passeggiata di tre ore al sole di mezzogiorno in abiti leggeri è qualcosa di cui ti pentirai prima di andare a dormire. Ci vogliono un paio di giorni perché la pelle si abitui alla nuova intensità del sole. Anche allora, segui i consigli di seguito.

Occhiali da sole
Nota: Indossare occhiali da sole senza protezione UV provoca più danni ai vostri occhi quanto non indossare occhiali da sole a tutti. Assicurati che i tuoi occhiali da sole provengano da un marchio affidabile e certificato UV.

Gli occhiali da sole sono un must in pieno sole, e specialmente in aree dove i dintorni riflettono la luce del sole, come spiagge, ghiacciai e deserti.

Assicurati che gli occhiali da sole non lasciano spazi vuoti nel campo visivo: se guardi verso il basso e riesci a vedere oltre gli occhiali da sole, i tuoi occhi saranno comunque esposti a radiazioni UV. In ambienti con elevata intensità UV, come ad altitudini elevate, utilizzare occhiali da sci anziché occhiali da sole.

Sebbene gli occhiali da sole contrari intuitivi, chiari o chiari offrano una protezione migliore rispetto a quelli scuri, poiché a) la naturale avversione alla luce solare è preservata, e b) i tuoi alunni restano stretti, lasciando meno luce ai tuoi occhi.

Abbigliamento L’
abbigliamento è di gran lunga la difesa più efficace contro il sole, ma non tutti gli indumenti sono resistenti ai raggi UV e si può bruciare anche indossando indumenti.

Quando si viaggia in un ambiente tropicale, indossare un grande cappello o un foulard, una camicia a maniche lunghe bianca o beige in cotone spesso e un paio di pantaloni lunghi. Evitare di indossare pantaloncini e magliette; utilizzare invece abiti larghi a maniche lunghe, che ti terranno sempre al fresco evitando scottature. La parte posteriore del collo è particolarmente soggetta alle scottature, quindi indossa una camicia con colletto e indossa il colletto verso l’alto (oppure indossa una sciarpa di cotone). Inoltre, proteggi il tuo viso e soprattutto la tua fronte con un cappello o un berretto da baseball. Indossare scarpe e calze quando possibile.

Sulla spiaggia, non toglierti i vestiti tranne quando nuoti. Naturalmente, in questo caso, non stare in acqua per lunghi periodi. Considera di prendere una maglietta e altri indumenti che puoi indossare nell’acqua. Se ritieni che stando completamente vestito sfida l’intero punto delle spiagge, avvolgiti in un pesante pareo.

Prendi in considerazione la possibilità di viaggiare con un piccolo ombrello pieghevole, che offre una vasta area di ombra e fa i bagagli più in basso di un cappello. Questa è la forma più comune di protezione solare nell’Asia tropicale.

Comportamento
Non passare molto tempo all’aria aperta durante le ore intorno a mezzogiorno senza un’estesa protezione solare, soprattutto se viaggi nei tropici. Usa qualsiasi tonalità disponibile. Pianificare attività all’aria aperta come nuotare o andare in barca, se possibile, al mattino presto o nel tardo pomeriggio.

Lozione di protezione
solare Applicare lozioni di protezione solare (crema solare e crema solare) è meglio di niente, ma tieni presente che anche le lozioni solari più potenti forniscono solo una parziale protezione UV (nonostante le etichette rivendichino “piena efficacia UVA / B”) e nessuna adatto solo per esposizione prolungata (2 ore +) a luce solare intensa.

Le lozioni sono valutate da SPF, fattore di protezione solare, una misura di quanto riducono la combustione. Ad esempio, se dovessi masterizzare in dieci minuti senza protezione, con SPF 15 dovresti essere in grado di passare 150 minuti prima di masterizzare i set. Non è esatto, l’efficacia varia a seconda della quantità di materiale applicato, i diversi paesi hanno standard differenti per l’etichettatura SPF, e la classificazione SPF generalmente ignora la radiazione UV-A che non provoca arrossamento o dolore ma può causare altri danni. Ricerche recenti indicano che i fattori di protezione solare (SPF) ben oltre 30 forniscono una protezione leggermente superiore a 30. Nuovi standard FDA saranno presto pubblicati (circa l’inverno 2012) per i preparati di etichettatura per descrivere meglio la protezione che offrono realmente.

Le lozioni solari devono essere accuratamente applicate laddove l’abbigliamento non sia possibile o praticabile, ad esempio, sul viso, sul dorso delle mani o su qualsiasi pelle esposta. Le parti superiori e inferiori dei piedi e della parte posteriore delle ginocchia possono bruciare sorprendentemente velocemente. Se si prevede di rimanere in acqua, è possibile applicare una crema solare protettiva. Per lavorare in modo efficace, i preparativi devono essere riapplicati ogni 2 ore o meno, di nuovo quando si è in acqua o se si suda. Assicurati che la preparazione che usi sia “fresca”, poiché anche le migliori formule iniziano a perdere efficacia dopo più di un anno.

Trattare
Se si brucia il sole, il primo sintomo è l’arrossamento iniziale (eritema), seguito da vari gradi di dolore, sia proporzionale in termini di gravità che di intensità di esposizione. Dopo essere stato bruciato, la pelle potrebbe diventare rossa dopo 2 o 6 ore. Il dolore è peggiore tra 6 e 48 ore dopo. L’ustione continua a svilupparsi per 24-72 ore dopo l’esposizione. Il peeling cutaneo inizia da 3 a 8 giorni dopo l’ustione. I risultati comuni includono la tenerezza, il dolore, l’edema, la pelle rossa e / o desquamata, l’eruzione cutanea, la nausea e la febbre. Le bruciature del sole possono essere ustioni di primo o secondo grado.

Le scottature minori in genere non causano nulla di più che un leggero rossore e una sensazione di tenerezza sulla zona interessata. In casi più gravi possono verificarsi vesciche. Le scottature estreme possono essere dolorose fino al punto di debilitazione e possono richiedere cure ospedaliere.

Quando si brucia seriamente, cerca di vedere un medico il prima possibile.

Immergersi in acqua per rinfrescarsi non aiuta a bruciare e la pelle continua a subire danni. Fai attenzione alle infezioni se la tua pelle sta formando vesciche. Fai una bella doccia (non fredda) o un bagno. Evitare di strofinare e rasare, utilizzare asciugamani morbidi per asciugare se stessi.

Prendi una crema abbronzante preparata commercialmente o Aloe Vera per alleviare i sintomi immediati. L’applicazione di olio essenziale di lavanda o yogurt (tipo non aromatizzato) nell’area bruciata può anche allontanare parte del dolore in base ad alcune esperienze.

Riposati più che puoi e bevi molta acqua per prevenire la disidratazione. E stai fuori dal sole finché la pelle non si è ristabilita, il che può spesso richiedere circa una settimana.

Tags: