Piante velenose in viaggio

Mentre ovviamente non è saggio mangiare una pianta sconosciuta, poiché ci sono letteralmente migliaia di specie velenose, ci sono alcune piante che i viaggiatori possono incontrare e che possono causare problemi dopo averle semplicemente toccate. Quando si godono attività all’aria aperta come l’escursionismo nelle aree in cui queste piante sono endemiche, è meglio sapere cosa cercare. Se non sei sicuro al 100% di cosa sia una pianta, meglio prevenire che curare e stare lontano da essa (ad esempio: ci sono piante che sembrano cetrioli e piccoli angurie nell’Africa nord-occidentale ma sono in realtà velenosi al tatto. )!

Edera velenosa, quercia velenosa e sommacco velenoso

“Foglie di tre, lascia che sia”.
-Proverbio sull’edera velenosa

Queste tre piante secernono una sostanza chiamata olio urushiolico, che può causare eruzioni cutanee e vesciche note come dermatite da contatto. L’olio aderisce a quasi tutto ciò con cui viene a contatto, come asciugamani, coperte e persino indumenti. Abbigliamento o altri materiali che contattano la pianta e quindi, prima di essere lavati, i contatti con la pelle sono le cause più comuni di esposizione. Normalmente, ci vogliono circa 24 ore prima che l’eruzione si manifesti; per quelli con gravi reazioni, peggiorerà nei prossimi giorni. Per reazioni gravi, è necessaria una prescrizione di prednisone per arrestare il danno alla pelle, specialmente se sono coinvolti gli occhi. L’eruzione persiste in genere da una a due settimane e in alcuni casi fino a cinque settimane. Almeno il 25% delle persone ha risposte molto forti con conseguenti sintomi gravi. Poiché la reazione cutanea è allergica, le persone possono sviluppare reazioni progressivamente più forti dopo esposizioni ripetute. Alcune persone non hanno l’allergia, ma non vuoi scoprire nel modo più duro che non sei una di queste eccezioni.

Edera velenosa L’edera
velenosa cresce in gran parte del Nord America, comprese le province canadesi del Quebec, dell’Ontario, del Manitoba, della Columbia Britannica e di tutti gli Stati degli Stati Uniti ad est delle Montagne Rocciose, nonché nelle aree montuose del Messico. Normalmente si trova in aree boschive, in aree rocciose esposte e in campi aperti e aree disturbate.

L’edera velenosa può essere trovata in crescita in una delle seguenti forme:

come un traliccio alto 10-25 centimetri (4-10 in)
come un arbusto alto fino a 1,2 metri (4 piedi)
come una vite rampicante che cresce sugli alberi o qualche altro supporto

Le seguenti quattro caratteristiche sono sufficienti per identificare l’edera velenosa nella maggior parte delle situazioni:

grappoli di tre foglioline
alternano la
mancanza di spine alla disposizione delle foglie
ogni gruppo di tre foglioline cresce sul proprio stelo, che si collega al vitigno principale.

L’aspetto di edera velenosa può variare notevolmente tra gli ambienti e anche all’interno di una singola area. L’identificazione da parte di persone esperte è spesso resa difficile dal danneggiamento delle foglie, dalla condizione sfrondata della pianta durante l’inverno e da forme di crescita inusuali dovute a fattori ambientali o genetici.

Varie rime mnemoniche descrivono l’aspetto caratteristico dell’edera velenosa:

“Volantini tre, lascia che sia” è la rima cauzionale più conosciuta e più utile. Si applica alla quercia velenosa e all’edera velenosa.
“Vite pelosa, nessun mio amico.” Le viti di edera velenosa sono più velenose delle radici e il veleno può rimanere a lungo in vite per anni.
“Stelo medio più lungo, stai lontano da loro”. Questo si riferisce al foglio mediano che ha uno stelo visibilmente più lungo delle due foglioline laterali ed è una chiave per differenziarlo dal Rhus aromatica dall’aspetto simile (sumac fragrante).
“Corda arrogante, non essere una droga!” Le viti di edera velenosa sugli alberi hanno un aspetto “rognoso” peloso. Questa filastrocca mette in guardia gli arrampicatori sugli alberi. Vecchie e mature viti sui tronchi possono essere abbastanza grandi e lunghe,
“Uno, due, tre? Non toccarmi.”
“Bacche bianche, spaventate” e “Bacche bianche, pericolo in vista”.
“Volantini rossi in primavera, è una cosa pericolosa.” Questo si riferisce all’aspetto rosso che i nuovi foglietti hanno a volte in primavera. (Si noti che in seguito, in estate, i volantini sono verdi, rendendoli più difficili da distinguere dalle altre piante, mentre in autunno possono essere rossastro-arancioni.)
“I volantini laterali come muffole, prurito come i dickens.” Questo si riferisce all’aspetto di alcune, ma non tutte, foglie di edera velenosa, in cui ciascuna delle due foglioline laterali ha una piccola tacca che fa apparire il foglietto come un guanto con un “pollice”. (Si noti che questa rima non deve essere interpretata erroneamente nel senso che solo i foglietti laterali causano prurito, poiché in realtà tutte le parti della pianta possono causare prurito.)
“Nessuno ama le foglie come i guanti.” Vedi sopra.
“Se ha i capelli, non sarà giusto.” Questo si riferisce ai capelli che possono essere sul gambo e le foglie di edera velenosa.

Quercia velenosa La quercia
velenosa si riferisce a una delle due specie di piante, diffusa in tutte le montagne, valli e canyon degli Stati Uniti occidentali e del Canada. Cresce in canyon ombrosi e in habitat ripari, crescendo sia una vite rampicante con radici aeree che aderiscono ai tronchi di querce e sicomori, o come una pianta autonoma. Come l’edera velenosa, le sue foglie arrivano a tre, e variano dal verde al rosso a seconda del periodo dell’anno.

Sommacco velenoso Il sommacco
velenoso è un arbusto o piccolo albero che cresce fino a circa 30 piedi di altezza. Le sue foglie sono lunghe 2-4 pollici e sono ovali-oblunghe, affusolate fino a una punta acuminata, e a forma di cuneo con bordi ondulati. I suoi fiori sono verdastri, crescendo in grappoli sciolti lunghi 3-8 pollici. I frutti non sono abbastanza sferici, grigi, appiattiti e di circa 0,2 pollici di diametro. Il sommacco velenoso cresce esclusivamente in terreni molto umidi o allagati, di solito nelle paludi e nelle torbiere, negli Stati Uniti orientali e in Canada.

Trattamenti
I trattamenti potenziali sono in due fasi: arrestare il contatto urushiol il più rapidamente possibile, e successivamente ridurre il dolore o il prurito di qualsiasi formazione di vesciche che si è formata.

Il trattamento primario comporta il lavaggio a fondo della pelle esposta con acqua fredda e sapone il più presto possibile dopo la scoperta. Sapone o detersivo è necessario, poiché urushiol è un olio. I preparati per la rimozione commerciale sono disponibili nelle aree in cui cresce l’edera velenosa.

Docce o impacchi con acqua molto calda possono offrire sollievo dal prurito fino a diverse ore, anche se questo è solo per il trattamento secondario.

Antistaminici e creme idrocortisone possono essere utilizzati nei casi più gravi. Benadryl è l’antistaminico più comunemente suggerito. Sono disponibili formulazioni topiche, ma possono ulteriormente irritare le aree della pelle colpite. Molti rimedi casalinghi e persino prodotti commerciali (ad esempio, Zanfel e Tecnu) pretendono di prevenire l’eruzione di urushiolo dopo l’esposizione.

Il lavaggio ordinario con detersivo per bucato rimuove l’urushiol dalla maggior parte degli indumenti, ma non dalla pelle o dalla pelle scamosciata. Un rimedio casalingo comprende il lavaggio di indumenti con Fels-Naptha.
Il fluido delle vesciche risultanti non diffonde l’edera velenosa agli altri.
Le vesciche devono essere lasciate ininterrotte durante la guarigione.
L’edera velenosa non è innocua quando le foglie sono cadute, poiché la resina tossica è molto persistente. Ogni parte della pianta contiene urushiol e può provocare un’esposizione cutanea con esposizione in qualsiasi momento dell’anno.
Ghiaccio, acqua fredda, lozioni refrigeranti o aria fredda non aiutano a curare le eruzioni da edera velenosa, ma il raffreddamento può ridurre l’infiammazione e lenire il prurito.

Ortiche pungenti
Queste piante hanno molti peli urticanti sulle loro foglie e gambi, che agiscono come aghi ipodermici, iniettando istamina e altre sostanze chimiche che producono una sensazione di bruciore quando vengono contattati da esseri umani e altri animali. Le ortiche pungenti sono abbondanti nell’Europa settentrionale e in gran parte dell’Asia, di solito si trovano nelle campagne. Sono meno diffusi nell’Europa meridionale e nell’Africa settentrionale, dove sono limitati dal loro bisogno di terreno umido. Nel Nord America, sono ampiamente distribuiti in Canada e negli Stati Uniti, dove si trovano in ogni provincia e stato ad eccezione delle Hawaii e si trovano anche nel Messico settentrionale. Crescono in abbondanza nel nord-ovest del Pacifico, specialmente in luoghi dove le precipitazioni annuali sono elevate.

I farmaci anti-prurito, solitamente sotto forma di creme contenenti antistaminici o idrocortisone, possono fornire sollievo dai sintomi dell’essere punti dalle ortiche. Ma a causa della combinazione di sostanze chimiche coinvolte, potrebbero essere necessari altri rimedi. La lozione di calamina può essere utile. Esistono molti rimedi popolari per il trattamento del prurito compreso dente di leone, equiseto, la parte inferiore di una felce (le spore), fango, saliva, o bicarbonato di sodio, olio e cipolle e uso topico del latte di magnesia. Il succo di limone funziona anche per il trattamento. In alternativa, si può semplicemente ignorare la sensazione pungente e lasciar correre il suo corso (innocuo). Anche il semplice lavaggio con acqua (subito dopo la puntura) aiuta.

Il panace
gigante Il gigante panace (Heracleum mantegazzianum) è originario del Caucaso e dell’Asia centrale ed è stato introdotto per la prima volta in Gran Bretagna come pianta ornamentale. Oggi cresce selvaggiamente in vaste regioni dell’Europa a nord delle Alpi, nonché in Canada e negli Stati Uniti settentrionali. La pianta sembra esteriormente simile al panace comune, ma raggiunge un’altezza di diversi metri e tutte le parti della pianta portano una linfa fototossica. La pelle che viene a contatto con la linfa diventerà ipersensibile per i raggi UV, con conseguente blister doloroso ben oltre una normale scottatura solare che lascia cicatrici per lungo tempo. Se viene a contatto con gli occhi provoca la cecità.

Se si ottiene la linfa sulla pelle, lavare immediatamente con acqua e sapone e stare lontano dalla luce solare per un paio di giorni.

Funghi
Esistono numerosi funghi (comunemente chiamati funghi o feci-rospi) che sono tossici per l’uomo.

In nessun caso dovresti consumare alcun fungo che non sia stato identificato in modo positivo, e dovresti prestare attenzione ai consigli locali se sei in cerca di cibo.

Tags: