Stanislavskij e Nemirovich-Danchenko Theater, Mosca, Russia

Il Moscow Academic Music Theatre Stanislavskij e Nemirovich-Danchenko (in russo:. Московский академический Музыкальный театр имени народных артистов К. С. Станиславского и Вл И. Немировича-Данченко) è un teatro musicale a Mosca.

Il teatro accademico di musica di Stanislavsky e Nemirovich-Danchenko di Mosca è stato fondato nel 1941, quando due compagnie dirette dai leggendari riformatori del teatro del XX secolo – Konstantin Stanislavski e Vladimir Nemirovich-Danchenko – si sono fuse: lo Stanislavsky Opera Theatre (istituito alla fine del 1918 come uno Studio dell’Opera del Teatro Bolshoi) e il Teatro musicale Nemirovich-Danchenko (istituito nel 1919 come Studio del Teatro dell’Arte di Mosca).

Il nuovo teatro ha seguito i principi artistici dei suoi fondatori, che hanno applicato il sistema del Moscow Art Theatre all’opera e al balletto. Sia Stanislavsky che Nemirovich-Danchenko respinsero l’attuale concezione dell’opera come «concerto in costume». Volevano avvicinarlo al dramma e alla commedia, rivelando l’idea principale della trama attraverso un’azione psicologicamente motivata. La compagnia di balletto entrò nel teatro come parte della compagnia di Nemirovich-Danchenko. Era l’ex compagnia del Moscow Art Ballet, fondata nel 1929 da Victorina Krieger, la stimata ballerina del Teatro Bolshoi. È stata direttrice artistica e una delle principali ballerine del Moscow Art Ballet. Poco dopo la morte di Stanislavsky, Nemirovich-Danchenko prese in carico tutte le compagnie (Vsevolod Meyerhold invitato da Stanislavsky a lavorare per il suo teatro, fu arrestato nel 1939, e nessun altro regista teatrale poteva dimostrarsi uguale a Nemirovich-Danchenko). Quindi al teatro è stato dato il nome attuale.

Opera Studio di Stanislavskij
Nel 1918 Stanislavski fondò uno Studio Opera sotto l’egida del Teatro Bolshoi, anche se in seguito interruppe la sua connessione con il teatro. La sua produzione di successo di Werther nel 1923 fu vietata mentre il regista era all’estero. Nel 1924 fu ribattezzato “Stanislavski Opera Studio” e nel 1926 divenne “Stanislavski Opera Studio-Theater”, quando si trasferì nella sua base permanente al Teatro Dmitrovsky. Nel 1928 divenne il Teatro dell’Opera di Stanislavskij. Poco prima della sua morte, avvenuta nel 1938, Stanislavskij invitò Vsevolod Meyerhold ad assumere la direzione dell’azienda; Meyerhold condusse il teatro fino al suo arresto nel giugno 1939.

Direttori: include Mikhail Zhukov 1922-32, 1935-1938, attuale (2011) è Felix Korobov.

Teatro musicale di Nemirovich-Danchenko
Nemirovich aveva partecipato alla produzione di The Snow Maiden da parte del Bolshoi, ma presto partì per un lavoro indipendente. Nemirovich si sporse verso l’operetta popolare e il vaudeville. Alla fine del 1920 iniziò la produzione de La fille de Madame Angot di Lecocq, provocando un tumulto del nucleo “drammatico” della compagnia del Teatro dell’Arte di Mosca. Lo spettacolo fu presentato per la prima volta nel maggio 1920, con Valeria Barsova e ospiti cantanti della Polonia e della compagnia Bolshoi, e divenne un successo tutto esaurito. Una serie di spettacoli di successo seguirono fino al 1925, quando la compagnia partì per un lungo tour in Europa e negli Stati Uniti. Nemirovich accettò un’offerta americana e rimase a Hollywood fino al settembre 1927; una parte sostanziale della sua compagnia si rifiutò di tornare nella Russia sovietica; la società stessa si è disintegrata.

Quando Nemirovich tornò in URSS nel 1926, dovette ricominciare da capo. Per anni, il suo studio operetta non aveva una base e un’orchestra permanenti, prendendo in prestito entrambi dal teatro di Stanislavskij in via Bolshaya Dmitrovka. La compagnia produsse principalmente spettacoli di commedie musicali ma anche l’opera “seria” – Traviata e Katerina Izmailova, entrambe nel 1934; Katerina Izmailova fu bandita nel 1935 e ripresa nel 1962.

Guerra e fusione
Nel giugno 1941 la compagnia di Nemirovich si esibì in un tour a Murmansk e nelle vicine basi militari. Immediatamente allo scoppio dell’Operazione Barbarossa tornò a Mosca; gli spettacoli sono ripresi il 10 agosto. La compagnia di Stanislavskij tornò a Mosca da Yaroslavl. Il 1 ° settembre 1941 le compagnie, ridotte in numero, furono unite per diventare il “Teatro statale musicale di Mosca di Stanislavskij e Nemirovich-Danchenko”. Nemirovich fu nominato direttore artistico. Desideroso di superare i limiti del genere dell’opera, ha difeso il titolo di un teatro musicale. Nel settembre 1941 parte della compagnia fu evacuata prima a Nalchik, poi a Tbilisi e infine ad Ashabad; Nemirovich con il nucleo della sua compagnia rimase a Mosca, esibendosi per le truppe.

Nemirovich, dopo una breve evacuazione a Tbilisi, tornò a Mosca nel settembre del 1942; morì nell’aprile del 1943. Dopo la sua morte il teatro fu gestito da Joseph Tumanishvili (regia) e Samuil Samosud (dipartimento musicale). In quattro anni di guerra la compagnia, divisa in piccoli gruppi, eseguì 770 spettacoli per le truppe di prima linea. Due membri del suo staff furono uccisi in azione e un gruppo di artisti fu fatto prigioniero di guerra.

Periodo postbellico
Gli anni ’50 sono diventati un punto di riferimento per lo sviluppo del teatro, quando era diretto da uno studente di Nemirovich-Danchenko Leonid Baratov. In quel momento, che coincideva con l’era del disgelo, furono messe in scena le opere Guerra e pace di Sergei Prokofiev, Keto e Kote di Viktor Dolidze, Vespri siciliani di Giuseppe Verdi, Zaporozhets oltre il Danubio di Semyon Gulak-Artemovsky.

Negli anni ’60, Lev Mikhailov divenne il direttore principale del teatro. Tra le produzioni più significative di questo periodo ci sono l’opera Pagliacci di Ruggiero Leoncavallo, “All Women Do” di Wolfgang Amadeus Mozart, La regina di picche di Pyotr Tchaikovsky, Viriney di Sergey Slonimsky, Kolya Bryunion di Dmitry Kabalevsky, Hari Janos di Zoltan Koday , “Love for Three Oranges” di Sergei Prokofiev, “Porgy and Bess” di George Gershwin. Nel 1963, per la prima volta dagli anni ’30, Lev Mikhailov insieme al direttore Gennady Provator introdussero al pubblico sovietico “Katerina Izmailova” Dmitry Shostakovich. Allo stesso tempo, i registi Pavel Zlatogorov, Mikhail Mordvinov, Mikhail Dotlibov, Nikolai Kuznetsov, Vladimir Kandelaki, Nadezhda Kemarskaya, i direttori Dmitry Kitaenko, Kemal Abdullaev, Georgy Zhemchuzhin,

Per la compagnia di balletto, i periodi dal 1941 al 1960 e dal 1963 al 1970, quando Vladimir Burmeister ricoprì l’incarico di coreografo principale del teatro, divennero un importante traguardo. Possiede le produzioni originali di Esmeralda di Caesar Pugni, Lago dei cigni di Pyotr Ciajkovskij, Straussiani alla musica di Johann Strauss, Windsor Mockers Victor Oransky, Giovanna d’Arco, Nikolai Peyko e il balletto per bambini Doctor Aibolit Ivan Morozov. Lo “Snow Maiden” alla musica di Ciajkovskij è stato messo in scena dal Burmeister commissionato dal London Festival Ballet. Durante questo periodo, Violetta Bovt, Eleanor Vlasova, Sofia Vinogradova, Alexander Sobol hanno ballato sul palcoscenico del teatro, Alexey Chichinadze, il giovane Maris Liepa ha iniziato la sua carriera allo stesso tempo.

Dalla fine degli anni ’60 – primi anni ’70, iniziò la collaborazione con il teatro musicale di Berlino “Komische Oper”, lavorando con i registi tedeschi Walter Felsenstein (l’opera “Carmen” di Bizet), Harry Kupfer (Singspiel “The Abduction from the Seraglio” di Mozart), Tom Schilling (balletto “Gli uccelli neri” di Georg Katzer).

Nell’estate del 1980, spettacoli teatrali furono inclusi nel programma culturale delle Olimpiadi di Mosca. Allo stesso tempo, sempre più produzioni di classici dell’opera mondiale iniziarono a essere messe in scena nella lingua originale e non nelle traduzioni russe. Il principale innovatore nella vita del teatro è stato Evgeny Kolobov, che ha assunto la carica di direttore principale nel 1987. Possiede l’edizione dell’autore di Boris Godunov Modest Mussorgsky e la produzione dell’opera poco conosciuta di Vincenzo Bellini Pirate “. ri-mettere in scena l’opera tradizionale per il teatro, Eugene Onegin, Kolobov ha attirato giovani artisti all’opera, che ha portato a un conflitto con la direzione e il vecchio cast. Nonostante la campagna pubblica in difesa del direttore, nel 1989 ha dovuto lasciare Il gruppo.

Tempo post-sovietico
Dal 1991, Alexander Titel è diventato il direttore principale del teatro. Ha dovuto riassemblare la compagnia d’opera. Le prime produzioni di Titel nel teatro aggiornato furono Ruslan e Lyudmila di Mikhail Glinka, che causarono critiche critiche da parte della critica, Hernani Giuseppe Verdi e Boemia Giacomo Puccini, assegnate il Golden Mask Award. Le esibizioni più famose della svolta degli anni ’90 – 2000 sono state Carmen di Georges Bizet, Betrothal nel monastero di Sergei Prokofiev, Il pipistrello di Johann Strauss, Il galletto d’oro di Nikolai Rimsky-Korsakov.

Dal 1997, il Teatro Musicale di Mosca, in collaborazione con il Teatro Bolshoi, organizza il festival di danza contemporanea DanceInversion, che è diventato un evento annuale.

Modernità
Il teatro, sopravvissuto a un secondo incendio nel 2005, è attualmente gestito da Anton Getman (direttore generale), Alexander Titel (direttore artistico dell’opera), Felix Korobov (direttore principale), Laurent Hilaire (direttore artistico del balletto) e Vladimir Arefiev (capo scenografo).

Il repertorio dell’azienda dal 2005 comprende:

Dal 2016, il direttore del teatro è stato Anton Getman, che ha sostituito Aru Karapetyan in questo post. Il direttore artistico della direzione del balletto era il coreografo francese Laurent Hilaire. Allo stesso tempo, il festival Intersection Point si è tenuto per la prima volta sul piccolo palco, con l’obiettivo di aprire nuovi nomi di balletto da Europa, Asia, America e Africa e creare spettacoli di danza originali. Nel 2017 è stato lanciato il progetto di prova generale, che introduce i giovani nel balletto moderno.

Opere – tra cui: Betrothal in a Monastery, un burlesque Cafe “Socrate” a doppia fattura con Socrate di Erik Satie e Le pauvre matelot di Darius Milhaud, Carmen di Bizet, Carmen di Così fan tutte, The Demon, Die Fledermaus, Opera comica di Vladimir Kobekin Hamlet ( Prince of Denmark) (russo) Commedia (2008), Il Barbiere di Siviglia, La Bohème, La forza del destino, La traviata, Les Contes d’Hoffmann, Lucia di Lammermoor, Madama Butterfly, May Night, Mosca, Cheryomushki, Pelléas et Mélisande, Pique Dame, The Tale of Tsar Saltan, Tosca e Werther.
Balletto – repertorio tradizionale russo e opere sperimentali come il balletto acquatico di John Neumeier The Little Mermaid.

L’edificio
La storia dell’edificio presso l’indirizzo Bolshaya Dmitrovka, 17 anni, che è noto a più di una generazione come l’edificio dello Stanislavsky Music Theater, ha circa 300 anni ed è associato ai nomi di molte persone eccezionali che hanno contribuito a la storia della Russia, di Mosca e della cultura russa.

Residenza dei governatori di Mosca
Il moderno complesso teatrale si trova alla base della casa principale della tenuta della città dei conti Saltykov, che erano governatori generali di Mosca nel corso del XVIII secolo.

I Saltykov erano una delle famiglie boyar più antiche e nobili. I loro antenati di Novgorod erano famosi per le loro prodezze di armi fin dai tempi di Alexander Nevsky. Dal 14 ° secolo i Saltykov erano boiardi di Mosca sotto Ivan Kalita, Ivan il Terribile e infine i Romanov. Il primo della famiglia Saltykov a diventare governatore generale di Mosca nel 1713 fu Alexey Petrovich Saltykov, che fu uno dei membri del processo di Tsarevich Alexei. Nel diciassettesimo secolo i Saltykovs si sono sposati con la famiglia reale: la figlia del boyar Fyodor – Praskovia Fyodorovna – divenne la moglie dello zar Ivan Alexeyevich, che condivise il trono con il futuro imperatore Pietro il Grande. La loro figlia Anna era destinata a diventare l’imperatrice Anna Ivanovna (Anna di Russia 1730-1741). A causa della sua ascesa al trono i Saltykov furono portati allo stato di Conti. Lo zio dell’imperatrice Vasiliy ottenne il titolo di Conte, l’Ordine di Sant’Andrea Apostolo, il Primo Chiamato. Fu promosso consigliere delegato ad agire e allo stesso tempo fu nominato governatore generale di Mosca (1730). Ma un lontano parente dell’imperatrice, Semyon Saltykov, era destinato a svolgere un ruolo molto più influente.

I Saltykov possedevano la tenuta in via Bolshaya Dmitrovka dal XVII secolo. Fu ulteriormente modellato dalla fusione di diversi lotti nella prima parte del 18 ° secolo, quando il generale in capo Semyon Saltykov, il comandante in capo di Mosca dal 1732 al 1741, venne in possesso. Suo figlio Vladimir è stato Vice-Governatore di Mosca per dieci anni (1741-1751). Durante il suo servizio come uno dei governatori della capitale, iniziò la costruzione del Senato a Lefortovo e fu aperta l’Accademia di architettura, che produsse grandi architetti russi – Vasily Bazhenov e Mikhail Kazakov. Fu allora sotto il suo regno che si plasmò la futura immagine architettonica della città.

Il figlio di Semyon, Pyotr Saltykov, fu il comandante in capo di Mosca per 8 anni (1763-1771). Sotto il suo regno furono aperti gli uffici postali, riparati i cancelli del Cremlino e ricostruiti alcuni altri importanti lavori di architettura. I compiti di Pyotr Saltykov includevano anche fornire cibo e vino alla città.

La residenza di famiglia che ereditò dopo che suo padre nel 1742 occupò l’intero isolato da Tverskaya Street a Bolshaya Dmitrovka Street e da Glinishchevsky Lane a Kozitsky. Due chiese in piedi agli angoli di due corsie e la Bolshaya Dmitrovka fiancheggiavano la proprietà. Da un lato confinava con la chiesa di San Alessio Metropolita di Mosca, eretta nel 1601 dal diacono Ivan Alferov. Dall’altro lato, all’angolo tra Kozitsky Lane e B. Dmitrovka Street, c’era una chiesa di San Sergio di Radonež. Le facciate degli edifici della tenuta si affacciavano su Tverskaya e B. Dmitrovka Street. La via attraverso la tenuta conduceva da una strada all’altra – e la parte interna del parco era occupata da stalle, fienili, cucine con orti, serre e case di abitazione.

La struttura della proprietà finale fu stabilita sotto l’erede di Pyotr Saltykov – Ivan Saltykov, quando una corte vicina e un vasto giardino ombroso erano adiacenti alla proprietà. Il palazzo stesso fu ricostruito in stile classico. Nel 1804 fu rinnovato: fu aggiunto un secondo piano e le ali furono collegate agli annessi. L’edificio non fu danneggiato dall’incendio del 1812. La scala principale che porta al secondo piano e le cabine al secondo piano che in seguito divenne l’atrio del teatro portano ancora le caratteristiche classiche.

Ivan Saltykov fu governatore militare di Mosca sotto Paolo I e Alessandro I dal 1797 al 1804. Si arruolò nell’esercito all’età di 15 anni, prese parte alla guerra dei sette anni e alla guerra russo-turca. Nel 1790 divenne comandante in capo della Guardia finlandese dell’Impero russo e vinse diverse vittorie sugli svedesi. Il governatore generale di Vladimir, Kostroma e Kiev, ha assunto il suo ufficio a Mosca con una vasta esperienza nel lavoro del governo.

Una riqualificazione su larga scala della città fu effettuata sotto il regno di Ivan Saltykov, che portò alla fondazione di nuovi istituti sociali. Come esperto leader militare, Saltykov era particolarmente preoccupato per i militari e le loro famiglie: fu costruito l’ospedale militare di Lefortovo; la Casa delle Vedove fu aperta, dove vedove di soldati, ufficiali dell’esercito russo e altri impiegati statali potevano trovare riparo. Fu istituita la St.Catherine’s School for Noble Maidens. Occupava l’edificio che era di proprietà dei Saltykov.

Ma soprattutto nonostante l’abbondanza di riforme durante i due controversi regni Ivan Saltykov è riuscito a creare le strutture del governo cittadino e compilare il bilancio della città. Nel 1804 si dimise di sua volontà, lasciando un buon ricordo. È così che Ivan Saltykov è caratterizzato nel libro “Biografie dei Generalissimos russi e del Generale Field Marshalls” pubblicato nel 1840: “Non avendo mai reso nessuno infelice in tutta la sua vita, il conte Ivan Saltykov era estraneo a un orgoglio vergognoso e non disprezzava nessuno ma timeservers arroganti; era un ospite cordiale e conduceva una vita lussureggiante a Mosca: pranzi e cene per 60 persone venivano serviti nella sua casa ogni giorno; ogni domenica una folla di 100 ospiti veniva al suo ballo … cercava di sradicare l’estorsione negli uffici governativi, stabilire ordine e decenza, era universalmente amato e rispettato e amava portare il bene alle persone. Trascorse il tempo libero nei campi con i suoi cacciatori che ne aveva circa cento; suo figlio ha ereditato sedicimila contadini, oltre duecento servi domestici e un debito di due milioni e ottomila ”.

La vasta tenuta di Ivan Slatykov è stata ereditata dalle sue figlie: Anna Orlova e Praskovia Myatleva. La tenuta in via Bolshaya Dmitrovka era prima di proprietà di Anna, poi di Praskovia e infine di suo nipote Pyotr. Ma i Myatlev preferivano vivere a San Pietroburgo. Nel 1839 il palazzo con la sua corte e il suo giardino fu affittato all’Assemblea dei mercanti per ospitare il club. Ha aperto una nuova era nella storia dell’edificio in via Bolshaya Dmitrovka.

Club of Merchants
Nel 1840 la tenuta divenne il centro culturale e commerciale dell’Assemblea dei Mercanti, un luogo di svago e socializzazione. Al centro dell’Assemblea dei mercanti c’erano le famose dinastie manifatturiere di Mosca degli Alexeyev, i Bakhrushin, i Mamontov e i Morozov. Queste famiglie erano destinate a svolgere un ruolo eccezionale nella storia della cultura russa e soprattutto nella storia del teatro russo. Mamontov entrò nella storia come fondatore della famosa Opera russa privata di Mamontov, dove i talenti di Feodor Chaliapin e Nadezhda Zabela-Vrubel furono rivelati e sbocciati per la prima volta. Lo scenario per le produzioni è stato progettato da Vasiliy Polenov, Victor Vasnetsov, Valentin Serov, Konstantin Korovin e Mikhail Vrubel. Fin dalla fondazione del Moscow Art Theater, Savva Morozov avrebbe fornito un sostegno finanziario al teatro. Grazie ai suoi sforzi, l’edificio teatrale di Kamergersky Lane, squisitamente riprogettato e ricostruito dal famoso architetto Fyodor Schechtel, fu messo a disposizione del Teatro dell’Arte di Mosca. La famiglia Alexeyevs ha regalato al mondo un grande regista, attore e riformatore del teatro, che è conosciuto in tutto il mondo con il suo nome d’arte “Konstantin Stanislavsky”.

Nei giorni di riunione l’Assemblea dei mercanti ha eletto i direttori, i decani e i membri onorari e ha compilato il preventivo per la manutenzione del club, i progetti di beneficenza e le spese impreviste. I membri dell’Assemblea avevano il diritto di accedere gratuitamente al club in qualsiasi momento, a una partita a biliardo, a carte o a scacchi, potevano prendere in prestito libri e partecipare a feste di famiglia, balli, mascherate, invitando ciascuna due donne. Gli ospiti più onorati del club erano rappresentanti delle autorità cittadine: governatore generale, governatore, maresciallo della nobiltà, sindaco e capo della polizia.

I rinomati cori, sia russi che gitani, si sono esibiti nel ristorante del club, tra cui il famoso coro zingaro di Ilya Sokolov. Era il momento in cui “la musica in Russia non era più apprezzata della musica gitana, quando amare gli zingari e preferirli agli italiani non sembrava strano” secondo Leo Tolstoy. Un virtuoso chitarrista, cantante, ballerino e compositore di canzoni Ilya Sokolov era uno dei preferiti di Mosca e San Pietroburgo. “Non un uomo, ma fiamma e illuminazione”, – i giornali dicevano di lui. “Il suono della chitarra di Sokolov risuona ancora nelle orecchie”, – è stato cantato decenni dopo. Il coro del Sokolov ha eseguito canzoni e romanzi russi, ma a modo suo, dando alla musica un suono sensuale e sensuale. La vivacità della danza gitana è diventata frenetica. Ai balli e alle maschere del Club si sono esibite le migliori orchestre dirette da Stepan Ryabov,

Celebrità di livello mondiale hanno visitato il Bolshaya Dmitrovka. Nel 1843 Franz Liszt tenne due concerti al Merchants Club. Uno degli eventi più importanti della vita sociale di Mosca fu l’incontro del grande compositore con scrittori, musicisti e filosofi che ebbe luogo nel Club il 6 maggio 1843. Un famoso critico Stepan Shevyrev, che conosceva molto bene Liszt attraverso i suoi concerti in Europa e San Pietroburgo, ha fatto un discorso di benvenuto al banchetto. Il musicista è stato trattato con cucina russa. Lo storione di due metri trasportato nella sala da pranzo da diversi uomini spinse Liszt ad applaudire. Un vero artista di un cuoco di nome Vlas, che una volta prestava servizio nella casa dello zio di Pushkin, dovette uscire in applauso. L’esibizione del coro di Sokolov che rapì Liszt fu di ispirazione per i suoi studi di musica gitana.

Nel 1859 Leo Tolstoy visitò il Merchants Club per prendere parte alla discussione sulla questione della terra e del servo.

Il Merchants Club nel Bolshaya Dmitrovka esisteva per 70 anni dal 1839 al 1909. L’edificio rimase intatto per i primi 15 anni. Nel 1855 le cabine furono ampliate. Lo spazio è stato trasformato con archi di nuova costruzione (il motivo sviluppato ai nostri giorni dagli architetti che hanno progettato la ricostruzione del capitale dell’edificio). Nel 1909 il Club si trasferì in un nuovo edificio nella Malaya Dmitrovka (oggi occupato dal Teatro Lenkom), progettato appositamente per i suoi usi dall’architetto Illarion Ivanov-Sсhitz. Alla fine del XIX secolo, la tenuta di Myatlev fu acquistata dalla Partnership di fabbrica di stoffa-pelle di Alexey Bakhrushin e figli. Il fondatore della Partnership e la dinastia mercantile Alexey Bakhrushin erano morti a quel tempo. I suoi figli, gli onorevoli cittadini di Mosca, Pyotr, Vasily e Alexander erano diventati i proprietari della dimora e del giardino di Bolshaya Dmitrovka. Il figlio di Alexander, Alexey, in seguito fondò il primo Museo del Teatro al mondo (ora Museo Statale del Teatro Centrale di AABakhrushin).

L’inizio dell’età teatrale nel Bolshaya Dmitrovka, 17 anni

Parte della tenuta nella tenuta dei Bakhrushin a Bolshaya Dmitrovka è stata costruita con condomini e l’altra è stata locata. Anche dopo che il Merchants Club si trasferì a Malaya Dmitrovka, l’antica dimora era ancora utilizzata per scopi di intrattenimento. Nel 1909 fu aperto un Casino Theater con terrazza e giardino. Quindi parte della proprietà è stata affittata da Stephen Adel per uno stabilimento ricreativo. Nel 1912 completò la costruzione di un Variety Theatre estivo “Chanticleer”, aprì il palco e una sala cinema e allestì padiglioni con attrazioni nel giardino.

Ma tutto ciò ebbe vita breve. Nel 1913 la trama passò al prossimo inquilino – un imprenditore di successo, il proprietario del giardino dell’acquario Friedrich Thomas. Costruì un Variety Theatre di pietra a due piani “Maxim’s” adiacente al palazzo dal giardino. L’ingresso al teatro era da Kozitskiy Lane. Il teatro presentava spettacoli spensierati, rappresentazioni teatrali in un atto, operette, intermezzi musicali comici e brevi balletti. Gli anni difficili che seguirono gli eventi del 1905 suscitarono un incredibile desiderio di spettacoli e spettacoli.

Friedrich Thomas con il suo acuto senso delle esigenze del pubblico ha invitato artisti da tutto il mondo. Nell’ottobre 1913 presentò al pubblico di Mosca un trentenne musicista e filosofo indiano, “portatore del messaggio sufi”, Inayat Khan, discepolo dello sceicco Muhammad Abu Hashim Madani (che fu riconosciuto come discendente diretto del Profeta Maometto). Soddisfacendo la missione affidatagli dallo sceicco che credeva che il suo discepolo avrebbe dovuto “unirsi all’Oriente e all’Occidente in armonia attraverso la sua musica”, Inayat Khan fece il giro del mondo con concerti e conferenze e ottenne il riconoscimento in America e Francia. Arrivò a Mosca da Parigi con i suoi tre fratelli musicisti e vi trascorse sette mesi.

Fece amicizia con il compositore Alexander Skryabin e una nota cantante lirica Elizaveta Lavrovskaya, nonché con i professori del Conservatorio di Mosca. Il compositore Vladimir Pol e il conte Sergey Tolstoy lo hanno aiutato a pubblicare un libro di spartiti con sedici melodie hindustan adattate per pianoforte.

“Maxim’s” è stato progettato dall’architetto Karl Hippius, uno dei brillanti rappresentanti dello stile Art Nouveau di Mosca che aveva un suo modo peculiare. Lavorò sotto l’egida del 5 ° dipartimento del Consiglio comunale di Mosca, ma fu quasi universalmente considerato “l’architetto di corte” delle famiglie mercantili di Bakhrushin e Perlov. Due dei suoi capolavori: la dimora di Alexey Bakhrushin che ospita il Museo del teatro e la casa da tè Perlov in via Myasnitskaya che ora funziona come una boutique di tè e caffè sono ancora tra i veri ornamenti della città di Mosca.

I layout di entrambi i piani di “Maxim’s” sono stati conservati. Entrati nel teatro della varietà, i visitatori si ritrovarono in un grande spazio oblungo con un piccolo palcoscenico e una fila di scatole che correvano lungo le tre pareti. Non abbiamo informazioni specifiche sull’arredamento, le prove sono scarse. Sappiamo solo che c’erano colonne di metallo e molte lampade di vari colori nella casa, i contemporanei menzionano anche il pavimento di vetro con luci integrate.

L’attuale auditorium e il palcoscenico del Stanislavsky Music Theatre si trovano proprio nel luogo di “Maxim’s”. Il teatro della varietà non è mai stato demolito. Fu ricostruito e ridisegnato più volte e la trasformazione graduale lo cambiò oltre il riconoscimento.

Oltre a “Maxim’s”, l’edificio di Bolshaya Dmitrovka ospitava anche un altro teatro: vi lavorava il Teatro delle miniature intimo di Boris Nevolin che si trasferì a Mosca da San Pietroburgo nel 1910. Il suo repertorio consisteva in vaudevilles, pantomime di balletto, balli, intermezzi e disegni comici .

Il teatro Dmitrovsky

Dopo la Rivoluzione d’Ottobre, l’edificio dell’ex Merchants Club e il giardino che lo circondava divenne proprietà del governo. Il Teatro Dmitrovsky fu aperto lì e due auditorium attrezzati: il “Maxim” fu usato per spettacoli musicali e uno degli staterooms fu trasformato in una sala da concerto.

Il repertorio del Teatro Dmitrovsky consisteva principalmente di operette. Le future star del Teatro dell’Operetta di Mosca, Grigory Yaron e Tatiana Bach, hanno iniziato la loro carriera lì. Nel 1924 il palazzo ospitava anche un teatro sperimentale in studio “Semperante” specializzato in investigatori e giochi d’avventura con un pizzico di mistero e usando gli elementi della cinematografia sul palco. I suoi attori hanno introdotto l’improvvisazione nelle loro esibizioni. Per l’estate lo spazio del Teatro Dmitrovsky è stato affittato al Comedy Theatre (l’ex Korsh Private Theatre), famoso per la sua potente compagnia (Maria Blumenthal-Tamarina, Anatoly Ktorov, Vasily Toporkov, Vera Popova, Boris Borisov, Elena Shatrova, Nikolay Radin , Tatiana Peltser ecc.)

Nel 1926, per ordine del governo, il Teatro Dmitrovsky fu trasferito a due studi lirici fondati da due importanti riformatori dell’arte teatrale, Konstantin Stanislavsky e Vladimir Nemirovich-Danchenko – Stanislavsky Opera Studio (originariamente iniziato come Bolshoi Theater Studio ma presto si mise al lavoro indipendentemente) e il Nemirovich-Danchenko Music Studio (iniziato come Moscow Art Theatre Music Studio e per diversi anni si è tenuto presso la sede del Teatro, ma è stato separato dalla sua alma mater dopo un tour di successo in Europa e negli Stati Uniti). Entrambe le compagnie hanno acquisito lo status di cinema nello stesso anno. Dovevano condividere una fase, usandola a turno, e avevano la gestione congiunta delle imprese.

Nel 1929 fu progettato il progetto di un nuovo edificio per la compagnia di Nemirovich-Danchenko, che doveva essere costruito negli ex locali del Merchants Club, al posto di uno dei locali con l’ingresso da Kozitsky Lane. Ma questo progetto non è mai stato realizzato. Nel 1935 fu sollevata di nuovo la questione dell’espansione del teatro. Oltre a costruire una nuova casa per la compagnia di Nemirovich-Danchenko, fu deciso di ricostruire il teatro Dmitrovsky per quello di Stanislavsky. Si è svolto un concorso di progetti. Nel 1936 la costruzione di un nuovo edificio per il teatro musicale Nemirovich-Danchenko è iniziata sul Boulevard Tverskoy, ma a passo lento. Nell’estate del 1941 furono costruite solo le mura. Con lo scoppio della guerra, il cantiere fu abbandonato fino all’inizio degli anni ’70, quando un nuovo edificio teatrale per il Teatro dell’Arte di Mosca fu eretto sulle fondamenta del teatro dell’opera incompiuto di Nemirovich-Danchenko; oggi è il Maxim Gorky Art Theater.

Nel 1938 la ricostruzione capitale del Teatro Dmitrovsky fu eseguita dall’architetto Fedorov. L’auditorium è stato ricostruito e attrezzato un palcoscenico d’opera contemporanea. La sala a pilastri del palazzo fu trasformata in un atrio teatrale. La sala da concerto è stata convertita in uno studio di balletto. Già agli inizi degli anni ’30 Nemirovich-Danchenko aveva iniziato a collaborare con una compagnia di Mosca rinomata: il Moscow Art Ballet diretto da Viktorina Krieger, che negli anni ’40 si unì regolarmente al teatro.

Nel 1941, dopo la morte di KS Stanislavsky, il Teatro dell’Opera di Stanislavsky si fonde con il Teatro musicale Nemirovich-Danchenko su iniziativa di Vladimir Nemirovich-Danchenko. Ha anche inventato il nome che il Teatro porta oggi. La compagnia si stabilì nell’edificio ricostruito. Il teatro è stato l’unico a rimanere a Mosca durante la guerra, non è stato evacuato. La compagnia si esibì regolarmente anche nell’ottobre e nel dicembre 1941, quando le truppe naziste si avvicinarono alla capitale russa e dal 1942 al 1945 presentò due o tre nuove produzioni ogni stagione.

Molti frequentatori di teatri di Mosca ricordano il Teatro com’era dopo la ricostruzione del 1938 e una serie di riparazioni cosmetiche: un grande edificio a più piani, la sua facciata decorata con archi italiani, un accogliente auditorium di proporzioni confortevoli e l’incredibile foyer blu con colonne bianche . È stato lì che i famosi registi d’opera Leonid Baratov e Lev Mikhailov hanno creato le loro produzioni, il grande Vladimir Bourmeister e il suo seguace di talento Alexey Chichinadze hanno messo in scena i loro balletti, i meravigliosi scenografi come Boris Volkov e Alexander Lushin hanno ideato i loro set indimenticabili e gli eccezionali conduttori Samuel Samosud, Dmitry Kitaenko e Vladimir Kozhukhar guidano l’orchestra. Più di una generazione di cantanti e ballerini straordinari ha recitato lì. Dopo che Dmitry Bryantsev ha assunto la guida della Ballet Company nel 1985 e Alexander Titel è diventato direttore artistico della Opera Company nel 1991, il teatro è entrato in una nuova era, rimanendo fedele alle grandi tradizioni dei padri fondatori. È stato necessario adeguare lo spazio e le attrezzature del teatro alle idee e ai concetti artistici contemporanei ed è stata riconosciuta la necessità di una nuova ricostruzione.

Tags: