Museo nazionale della musica, Lisbona, Portogallo

Il Museo Nazionale della Musica è il museo nazionale del Portogallo dedicato alla musica, ha una delle più importanti collezioni di strumenti in Europa. Alcuni di questi strumenti sono classificati come tesori nazionali. come nel caso del violoncello Stradivarius Chevillard – Re del Portogallo, Garofano Antunes o Garofano di Pascal Taskin.

Il Museu Nacional da Música ospita una delle più ricche collezioni di strumenti musicali d’Europa, alcune classificate come tesori nazionali portoghesi, come il violoncello Stradivari – Re del Portogallo, il clavicembalo Antunes o il clavicembalo Pascal Taskin. La collezione risale al XVI e al XXI secolo e comprende strumenti portoghesi e internazionali di tradizione sia erudita che popolare. Oltre agli strumenti musicali, i visitatori possono trovare documenti, fonogrammi e iconografia. Il museo ospita anche un centro di documentazione. Il suo vasto programma culturale comprende concerti, tour tematici e workshop. Il museo si trova in una delle stazioni della metropolitana di Lisbona.

La missione del Museo è “salvaguardare, conservare, studiare, valorizzare, diffondere e sviluppare i beni culturali del Museo, promuovendo il patrimonio musicologico, fonografico e organologico portoghese, al fine di incoraggiare la qualificazione e la diffusione della cultura musicale portoghese”.

Oltre agli strumenti musicali, i visitatori possono trovare nei documenti del Museo, fonogrammi e iconografie. Il National Museum of Music ha anche un centro di documentazione e ospita un vasto programma di estensione culturale, con enfasi su concerti, visite tematiche e workshop.

Dal 1994, il museo è stato installato presso la stazione della metropolitana Alto dos Moinhos di Lisbona.

Il Museo Nazionale della Musica sarà completamente installato nel Palazzo Nazionale di Mafra, dove dovrebbe essere aperto al pubblico nel 2021.

Storia
La storia del Museo Nazionale della Musica risale agli inizi del XX secolo e si estende nel corso degli anni, in un percorso travagliato che avrebbe portato la raccolta dello spazio nello spazio fino all’installazione presso la stazione della metropolitana Alto dos Moinhos, dove è stata operativa dal 1994.

1911-1931 – Il museo strumentale Michel’angelo Lambertini
Le prime idee per la creazione di un museo strumentale in Portogallo vennero dal re D. Luís I e, poco dopo, da Alfredo Keil, proprietario di un’importante collezione di strumenti musicali. Tuttavia, sarebbe il musicologo Michel’angelo Lambertini a raccogliere la sfida.

Nel 1911, in seguito alla fondazione della repubblica, Lambertini riuscì a farsi nominare dal governo per iniziare a collezionare strumenti musicali, spartiti e pezzi di iconografia musicale sparsi in edifici pubblici e religiosi, un progetto a cui è impegnato con entusiasmo.

Tuttavia, il musicologo si trova rapidamente di fronte alla riluttanza della classe dominante, e nel 1913 un dispaccio ufficiale lo rimuove dalle sue funzioni. Quindi riequilibra il progetto museale, cercando l’aiuto delle persone.

Nel 1915, Teófilo Braga, allora presidente della Repubblica, firma un decreto che istituisce, nell’edificio Rua dos Caetanos, il Museo strumentale del Conservatorio. Lambertini è invitato a inventario e organizzare gli oggetti raccolti, senza alcuna maturità, un invito che accetta. Tuttavia, il Museo non aveva strutture adeguate o la necessaria protezione di bilancio.

Torna quindi all’idea di creare il Museo Strumentale di Lisbona con l’aiuto di privati. Nel 1916, fa appello ad António Carvalho Monteiro, anch’egli collezionista, per acquisire la collezione di Keil, in pericolo di andare all’estero. Gli vende la sua collezione e propone di spostare insieme il progetto.

Carvalho Monteiro accetta e cede uno spazio per l’alloggio di esemplari in un edificio di Rua do Alecrim, dove si incontrano le collezioni di Lambertini, Alfredo Keil e Carvalho Monteiro. La raccolta continuerà fino alla morte, nel 1920, quando la raccolta ammonta a più di 500 esemplari.

Con la morte di Carvalho Monteiro e Lambertini, il progetto di creazione del museo strumentale viene rinviato. Di conseguenza, la raccolta raccolta rimane negli scantinati dell’edificio su Rua do Alecrim fino al 1931.

1931-1971 – Museo strumentale del Conservatorio
Dato il valore della collezione raccolta da Lambertini e il suo abbandono, lo Stato cerca di acquisirla con l’intenzione di far avanzare il Conservatory Instrumental Museum, creato con decreto nel 1915. Tomás Borba, conservatore dell’allora National Conservatory Museum and Library, è in incaricato di procedere con l’acquisizione della collezione agli eredi di Carvalho Monteiro. Concluso questo processo nel 1931 viene trasferito al Conservatorio Nazionale, poi diretto da Viana da Mota.

In seguito si unirono anche gli strumenti appartenuti al re D. Luís, che si trovavano nel palazzo Ajuda, e alcuni pezzi venduti durante il periodo di abbandono su Rua do Alecrim, acquistati all’asta dal Conservatorio Nazionale.

Il patrimonio del Museo strumentale del Conservatorio si arricchisce di importanti acquisizioni di strumenti musicali, spartiti e altri materiali accessori, estendendo la collezione a strumenti afro-asiatici. È in questo momento che, per la prima volta, viene creato uno spazio espositivo, mentre alcuni strumenti vengono restaurati e utilizzati nei recital di musica barocca.

Dal 1946, con la riapertura del Conservatorio dopo i lavori di miglioramento, il museo viene ufficialmente inaugurato, vivendo un periodo di sviluppo dell’aspetto museologico e la preoccupazione dell’accesso del pubblico che si estende fino al 1971.

1971-1975 – Pepper Palace
All’inizio degli anni ’70, lo spazio occupato dal museo nel Conservatorio divenne necessario a causa della creazione di tre nuove scuole: danza, cinema e istruzione attraverso l’arte. In vista della possibilità di avere il proprio spazio, i 658 pezzi, che allora costituirono la collezione, furono trasferiti, nel 1971, al Palazzo Pimenta di Campo Grande, che avrebbe successivamente ospitato il Museo della Città. Rimangono lì fino al 1975, in condizioni precarie. Quell’anno, con decisione di João de Freitas Branco, allora Segretario di Stato per la Cultura, e la Conservatory School of Music, vengono nuovamente trasferiti, questa volta alla Biblioteca Nazionale.

1975-1991 – Biblioteca nazionale
Alla Biblioteca nazionale il musicologo Santiago Kastner viene nominato direttore e inizia l’inventario degli esemplari. Dal 1977, sotto la guida dell’ispettore Humberto d’Ávila, direttore del dipartimento di musicologia, furono acquisiti vari tipi di strumenti, spartiti, stampe, dipinti, programmi di concerti, ecc.

Sebbene sia ospitato nella Biblioteca Nazionale, il Museo è di nuovo aperto al pubblico, conservando la designazione del Museo Strumentale del Conservatorio.

Durante questo periodo, le commissioni istituite discutono il posto migliore per allestire il museo e accolgono con favore la sua collezione in costante aumento. Diversi edifici sono ipotizzati, ma per vari motivi nessuno di loro avrebbe ospitato il museo.

1991-1993 – The National Library at Upper Mills
Nel 1991, con decisione della Segreteria di Stato della Cultura, e secondo i desideri del Consiglio della Biblioteca Nazionale, rivendicando la mancanza di spazio, le raccolte vengono impacchettate e trasferite di nuovo. Gli strumenti vengono imballati e inviati al Palazzo Nazionale di Mafra, le registrazioni sonore al Museo Nazionale di Etnologia e la raccolta di incisioni al Museo Nazionale di Arte Antica, con solo la raccolta bibliografica rimasta nella stessa sede.

1993-2018 – Museo della musica
Con la firma, il 1 ° ottobre 1993, della Giornata mondiale della musica, un protocollo, ai sensi della legge sul patrocinio, tra l’Istituto portoghese di musei (attuale direzione generale per i Beni culturali) e il metropolita di Lisbona, soddisfano le condizioni per l’installazione di il Museo della stazione della metropolitana Alto dos Moinhos per un periodo di 20 anni (1993-2013).

Seguendo il protocollo firmato, i lavori iniziano e il Museo della musica viene aperto il 26 luglio 1994. Durante questo periodo, il Museo sviluppa la sua attività, presentando regolarmente mostre temporanee, organizzando eventi diversificati, promuovendo attività di ampliamento. studiare, inventariare e sviluppare le loro collezioni …

Nonostante l’apparente normalità, la natura temporanea della sua installazione in Alto dos Moinhos sarebbe sempre presente all’orizzonte, quindi nel corso degli anni le discussioni sul suo futuro dovrebbero essere rinnovate nel corso degli anni.

Nel 2007, il PRACE (Programma di riforma dell’amministrazione centrale dello Stato) discute della creazione del Museo del suono, una struttura che dovrebbe includere il Museo della musica e un archivio sonoro nazionale che sarebbe responsabile del deposito legale dei fonogrammi. Con il cambio del detentore del portafoglio culturale nel gennaio 2008, questa idea non funziona.

Tre anni dopo, nel 2010, l’allora Segretario di Stato per la Cultura, Elísio Sumavielle, annuncia, in occasione della Giornata internazionale dei musei, che il Museo della musica verrà trasferito al convento di São Bento de Cástris, a Évora, in un processo in corso. fino al 2014.

Questa decisione sarebbe stata annullata da un altro Segretario di Stato per la Cultura (Jorge Barreto Xavier) nel 2014, annunciando piuttosto l’installazione nel Palazzo Nazionale di Mafra, che dovrebbe avvenire fino a novembre 2017.

Tuttavia, alla fine del 2013 è previsto il passaggio di 20 anni con la metropolitana di Lisbona per rimanere nella stazione di Alto dos Moinhos. Data questa situazione, il protocollo viene rinnovato per altri 5 anni, fino alla fine del 2018, garantendo così che il Museo, promosso nel maggio 2015 al Museo Nazionale, possa continuare a sviluppare la sua attività.

Collezione strumentale
Il Museo Nazionale della Musica ha una collezione di oltre mille strumenti musicali dal XVI al XX secolo, principalmente europei, ma anche africani e asiatici, di erudita e tradizione popolare. Gran parte della sua collezione proviene dalle vecchie collezioni di Alfredo Keil, Michel’angelo Lambertini e Carvalho Monteiro.

La collezione comprende strumenti rari di alto valore storico e organologico, come il pianoforte (Boisselot & Fils) che Franz Liszt portò dalla Francia nel 1845, il corno di Marcel-Auguste Raoux, costruito per Joaquim Pedro Quintela, 1. Conte di Farrobo, Il violoncello di Antonio Stradivari, che apparteneva ed era suonato dal re D. Luís, il violoncello di Henry Lockey Hill, di proprietà del violoncellista Guilhermina Suggia o del clavicembalo francese di Pascal Taskin costruito su richiesta del re Luigi XVI, più pomeriggio appartiene al Marchese del Cadaval.

Il museo si distingue anche per la quantità e la qualità degli strumenti della fabbricazione portoghese, tra cui il clavicembalo di Joaquim José Antunes (Lisbona, 1758), i flauti trasversali della famiglia Haupt (XVIII-XIX) o i clavicordios del XVIII secolo di Lisbona e seminari di Porto ..

Ci sono anche esempi curiosi, come violini tascabili, flauti di canna, flauto di vetro, il melofono di Jean Louis Olivier Cossoul o le trombe marine.

Collezione iconografica
Il Museo Nazionale della Musica ha nelle sue collezioni numerosi esempi di materiale iconografico in ceramica, disegno, scultura, fotografia, incisione e serigrafia o pittura.

Il dipinto comprende alcuni oli dal XVI al XIX secolo. Tra gli altri, si può apprezzare l ‘”Assunzione della Vergine” di Gregório Lopes (XVI secolo); un ritratto del compositore João Domingos Bomtempo (1814) dipinto da Henrique José da Silva; un altro di mezzosoprano, Luisa Tod i, di Marie Louise Elisabeth Vigée-Lebrun. Notevoli anche i dipinti di José Malhoa, 1903, consacranti Beethoven e Musica, e quattro medaglioni dello stesso autore dedicati a Bach, Mozart, Schumann e Brahms.

Nella scultura troviamo il liuto che suona angeli musicisti (18 ° secolo) e un set di biscotti putti (19 ° / 20 ° secolo), suonando e ballando. Per quanto riguarda la fotografia, la collezione comprende diversi ritratti di personalità dell’ambiente musicale della seconda metà del XIX secolo, all’inizio del XX secolo, come José Viana da Mota, Guilhermina Suggia o Ferruccio Busoni.

Tra le ceramiche e il disegno, possiamo citare i piatti “ratinhos” di Coimbra, contenenti rappresentazioni di giocatori o iscrizioni che alludono a pratiche musicali, e un disegno di António Carneiro, che rappresenta Bernardo Valentim Moreira de Sá.

Il Museo ha anche circa 150 incisioni e serigrafie di figure legate al mondo del teatro e della musica, come compositori (ex. Marcos Portugal), strumentisti (ex. Liszt) e cantanti d’opera del 18 ° e 19 ° secolo (ex. Adelina Patti) , tra l’altro da famosi registratori come Henri Thomassin o Francesco Bartolozzi, tra gli altri.

Collezione di documentari
Il Museo Nazionale della Musica ha numerosi documenti grafici, tra cui alcune centinaia di spartiti stampati e scritti a mano del XIX e XX secolo, pezzi di composizione, estratti di teatro leggero e opere di autori come Fernando Lopes Graça, Armando Jose Fernandes, Cláudio Carneiro, José Viana da Mota, Oscar da Silva, tra molti altri.

Notevoli anche le monografie e i periodici di musica e organologia, il libretto, i programmi di concerti e le lettere di varie personalità dell’ambiente musicale, documenti che integrano diversi set, ovvero il bottino di Alfredo Keil; il suo collaboratore e autore di opere teatrali leggere, Luís Filgueiras; Michel’angelo Lambertini; Josefina Andersen; Pedro Prado; cantante lirico Tomás Alcaide; il violinista Júlio Cardona e suo padre Ferreira da Silva; della pianista Ella Eleanore Amzel e del direttore José de Sousa.

Un musicista, un mecenate
“A Musician, a Mecenas” è un ciclo di concerti con strumenti storici della collezione del Museu Nacional da Música. Questo ciclo cerca di promuovere una delle più importanti collezioni strumentali in Europa, con l’aiuto di musicisti eccezionali che suonano pro bono e danno voce a tesori e strumenti nazionali portoghesi di grande valore storico. Questa mostra rievoca la storia di questo ciclo dalla sua prima stagione nel 2013 fino al 2018.

I concerti del ciclo sono veri e propri viaggi nella collezione del Museo, facendo conoscere gli strumenti attraverso concerti commentati e una contestualizzazione storica, spesso estesa al repertorio prescelto.

Il mantenimento e l’interpretazione degli strumenti musicali e la comunicazione della storia di ciascuno sono fattori strettamente collegati e sfociano in un’azione combinata tra il Museo e gli avventori del ciclo (musicisti, costruttori / restauratori e altri partner).

Alla fine della stagione 2018 il ciclo prevede 53 concerti, eseguiti da oltre 50 musicisti che utilizzano 24 strumenti storici della collezione del Museo, 6 dei quali restaurati a seguito del lavoro svolto, ma molti altri sono intervenuti e mantenuti.

Mette in risalto

Clavicembalo (1758)
Il clavicembalo Antunes del 1758 era presente in tutte le stagioni del ciclo tra il 2013 e il 2018, essendo, insieme, il violoncello “Stradivarius” lo strumento più suonato. José Carlos Araújo (in quattro occasioni), Joana Bagulho, Jenny Silvestre, Enno Kastens, Michele Benuzzi, Cristiano Holtz, Flávia Castro, Masumi Yakamoto e Miguel Jalôto sono stati i musicisti che hanno avuto l’opportunità di dar vita a questo clavicembalo, in concerti da solista o che accompagna altri strumenti della collezione.

Piano (1922)
Il pianoforte appartenuto al compositore portoghese Luís de Freitas Branco (1880-1955) fu utilizzato in sei concerti del ciclo da Duarte Pereira Martins, João Paulo Santos (in due occasioni), Jill Lawson, Luís Costa e Akari Komiya, accompagnando il Violoncelli “Stradivarius” e “Lockey Hill” e la viola costruita da Francesco Emiliani. Il concerto di Luís Costa, che accompagna suo fratello Fernando Costa, è stato registrato da RTP2.

Violoncello (prima metà del XIX secolo)
Il violoncello “Lockey Hill” che apparteneva al violoncellista portoghese Guilhermina Suggia (1885-1950) brillò in quattro concerti del ciclo, interpretato da Nuno M. Cardoso (in due occasioni), Fernando Costa e Teresa Valente Pereira. Nei primi tre casi è stato accompagnato dai due pianoforti Bechstein del Museo e, nell’ultimo, ha integrato un quartetto con altri tre violoncelli della collezione. Affinché potesse essere suonato, il violoncello è stato intervenuto dal liutaio Christian Bayon.

Violoncello (1725)
Essendo uno dei pezzi più emblematici della collezione del Museo, il violoncello “Stradivarius” è stato ascoltato in tutte le stagioni del ciclo, come il clavicembalo Antunes del 1758. Al fine di garantirne la conservazione, questo violoncello viene suonato solo un numero molto limitato di volte all’anno. Durante il ciclo questo privilegio apparteneva a Irene Lima, Levon Mouradian e Pavel Gomziakov (in due occasioni ciascuna) e Clélia Vital, Paulo Gaio Lima, Marco Pereira, Maria José Falcão, Filipe Quaresma e Varoujan Bartikian.

Fortepiano (1763)
Il pianoforte van Casteel è uno dei rarissimi pianoforti originali costruiti in Portogallo che sono sopravvissuti. Nel 2013 questo strumento ha celebrato 250 anni. Grazie alla visibilità raggiunta con il ciclo, è stato possibile proseguire con il suo restauro, un intervento condotto da Geert Karman, un rinomato restauratore olandese e costruttore di vecchi strumenti chiave. Dopo il suo lavoro, il pianoforte sarebbe stato poi suonato in tre concerti di José Carlos Araújo (in due occasioni) e Pieter-Jan Belder.

Violino (1780)
Il violino “Galrão” del 1780 è uno dei due violini costruiti da Joaquim José Galrão appartenenti alla collezione del Museo. È stato suonato da Raquel Cravino nel 2013 e da Daniel Bolito nel 2017 in concerti in cui ha accompagnato un violoncello dello stesso costruttore e il clavicembalo Antunes del 1758, il pianoforte Bechstein del 1925 e il violoncello ‘Dinis’ del 1797.

Violoncello (1769)
Questo violoncello è stato costruito da Joaquim José Galrão ed apparteneva al re D. Luís I del Portogallo. Durante il ciclo è stato suonato da Nuno M. Cardoso, Amarilis Dueñas Castán, Raquel Reis e Marco Pereira, in concerti in cui è stato accompagnato da altri violoncelli della collezione (1781 Galrão, Lockey Hill e Dinis), un violino (anche Galrão) e il clavicembalo Antunes del 1758.

Bass viola da gamba (prima metà del XVIII secolo)
Viola da Gamba costruita dal prestigioso costruttore Pieter Rombouts (1677-1749), discepolo di Hendrick Jacobs. Risalente alla prima metà del XVIII secolo e costruito ad Amsterdam, questo strumento è stato suonato nel 2014 da Birgund Meyer-Ohme e, nel 2016, da Sofia Diniz in concerti in cui è stato accompagnato dal clavicembalo Antunes del 1758.

Oboe (prima metà del XVIII secolo)
Johann Heinrich Eichentopf fu probabilmente il più importante costruttore di strumenti a fiato del suo tempo. L’oboe della sua stessa paternità che integra la collezione del Museo è uno strumento estremamente raro. Durante il ciclo è stato suonato da Pedro Castro insieme a una copia moderna dello strumento, costruito dal costruttore portoghese Diogo Leal. Ciò ha permesso al pubblico di confrontare il suono dei due oboi.

Violoncello (1781)
Esperanza Rama, Martin Henneken e Fernando Costa furono i musicisti responsabili di suonare il violoncello Galrão del 1781 durante il ciclo. Nei concerti si è tenuto accompagnato dal violoncello del 1769 dello stesso costruttore e, in un’altra occasione, anche dai violoncelli “Lockey Hill” e “Dinis”.

Violoncello (1797)
Il violoncello Dinis del 1797 fu presentato in quattro concerti del ciclo, beneficiando di un intervento della liutaia Elise Derochefort. Diana Vinagre (in due occasioni), Gonçalo Lélis e Nuno M. Cardoso furono i musicisti che diedero vita a questo strumento, insieme all’organo Fontanes, altri tre violoncelli (due Galrões e Lockey Hill) e il piano Bechstein del 1925 insieme al violino Galrão del 1780.

Organo (1780-1790)
L’organo costruito da Joaquim António Peres Fontanes è uno dei tesori nazionali del Museo. Nel corso del ciclo è stato suonato da Miguel Jalôto in due concerti nelle stagioni 2015 e 2016, accompagnando, in due occasioni, il violoncello Diniz suonato da Diana Vinagre.

Theorbo (1608)
Il teorico del 1608 del costruttore tedesco Matheus Buchenberg è uno degli strumenti restaurati nell’ambito del lavoro sviluppato per il ciclo, in questo caso grazie alla sponsorizzazione di Agostinho da Silva (amministratore del gruppo CEI-Zipor). Il restauro è stato effettuato nel 2014 dal costruttore e restauratore Orlando Trindade e ha permesso l’uso del teorico in quattro concerti di quattro musicisti diversi: Hugo Sanches (con il soprano Manuela Lopes e Pedro Sousa Silva sui flauti), Pietro Prosser, Helena Raposo (con Orlanda Velez nella voce) e Vinicius Perez.

Piano (1925)
Il pianoforte a coda Bechstein risalente al 1925 fu un altro strumento restaurato grazie al lavoro svolto per il ciclo, in questo caso dalla compagnia pianos.pt. Una volta restaurato, divenne uno degli strumenti più ricorrenti, suonato da Duarte Pereira Martins (in tre occasioni), Marina Dellalyan, Joana David, Anne Kaasa, António Rosado e Lucjan Luc ai concerti in cui accompagnava violoncelli e violini del Museo collezione.

Clavichord (1783)
Data la sua fragilità, il clavicordo costruito da Jacinto Ferreira nel 1783 non fu effettivamente suonato nel corso del ciclo. Tuttavia, una copia moderna di questo strumento sarebbe stata utilizzata da Cremilde Fernandes in un concerto del 2015. In questo concerto il pubblico ha potuto godere dello strumento originale in contrapposizione con la sua copia.

Fagotto (1801)
Il fagotto realizzato dal costruttore tedesco Heinrich Grenser fu usato da Hugues Kesteman in un concerto con l’Ensemble Contágio Barroco formato anche da Filipa Oliveira (Flauto di bisonte), João Paulo Janeiro (clavicembalo) e Remi Kesteman (violoncello).

Clavicordo (1730-1760)
Costruito nella regione di Aveiro, in Portogallo, questo clavicordo di autore ignoto è uno dei tesori nazionali del Museo. È stato interpretato da José Carlos Araújo per interpretare la musica iberica del XVIII secolo.

Clavicordo (XVIII secolo)
Questo clavicordo del XVIII secolo di autore ignoto, pensato per essere stato costruito in Germania, è stato suonato di tanto in tanto nel tempo, l’ultimo di José Carlos Araújo in un concerto della stagione 2016 del ciclo. In questo concerto Araújo ha suonato l’ennesimo clavicordo della collezione.

Chitarra portoghese (1959)
La chitarra portoghese prodotta da Kim Grácio e donata al Museo da António Brochado da Mota nel 2015, è stata lo strumento utilizzato da Luísa Amaro e António Chainho nei concerti che si sono esibiti per il ciclo, rispettivamente nel 2016 e nel 2017.

Violino (1867)
Il violino del 1867 costruito da António Joaquim Sanhudo fu lo strumento usato da Daniel Bolito per suonare Beethoven e Brahms nel concerto di chiusura della stagione 2016 del ciclo, accompagnato dal pianoforte Bechstein del 1925.

Viola (1748)
Roxanne Dykstra era il violista responsabile della presentazione della viola del 1748 costruita da Francesco Emiliani, in un concerto della stagione 2018, in cui era accompagnata dal pianoforte Bechstein del 1922.

Clavicembalo (1789)
Il clavicembalo Antunes del 1789 fu uno degli strumenti restaurati da Geert Karman in seguito al lavoro sviluppato per il ciclo. Sarà presentato in anteprima nel 2018 in un concerto in cui avrà la compagnia del clavicembalo del 1758. I due strumenti saranno suonati da José Carlos Araújo e Miguel Jalôto. Fino alla fine della stagione 2018 sarà anche interpretato da Cremilde Rosado Fernandes.

Clavicembalo (1782)
Tesoro nazionale e strumento di enorme valore storico e organologico, il clavicembalo Taskin attendeva da alcuni anni la conclusione del suo processo di restauro, che sarebbe finalmente avvenuto nel 2018, in un processo che ha coinvolto diversi intervenienti: Ulrich Weymar (restauro organologico), Laboratório José de Figueiredo (restauro di elementi decorativi), Geert Karman (armonizzazione, messa a punto e sostituzione dei salti) e alcuni altri collaboratori. Ora che questo processo è completato, il clavicembalo sarà finalmente presentato in un concerto nel 2018.

Piano (1844)
Il concerto di chiusura della stagione 2018 del ciclo vedrà come protagonista il pianoforte Boisselot & Fils che Franz Liszt (1811-1886) portò con sé in Portogallo nel 1845. Questo strumento viene restaurato a seguito del lavoro sviluppato per il ciclo. Una volta concluso questo processo, il Museo disporrà di uno strumento emblematico della sua collezione in condizioni di riproduzione.

Tags: