Museo Reina Sofía National Art Center, Madrid, Spagna

Il Museo Reina Sofía National Art Center (in spagnolo: Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía MNCARS) è il museo nazionale spagnolo di arte moderna e arte contemporanea dedicato a tutta la produzione artistica dall’inizio del XX secolo ad oggi.

Fondato nel 1990 dopo essere stato originariamente creato come centro d’arte, il Museo Reina Sofía è tra gli eventi culminanti della transizione alla democrazia spagnola, il recupero di Guernica di Pablo Picasso e una rappresentazione eccezionale delle avanguardie e neo-avanguardie internazionali. In breve, la fondazione di questo museo significa il recupero dell’esperienza della modernità che prima mancava nel contesto spagnolo e l’opportunità di sperimentare nuovi modelli di narrazione da una periferia che non è né laterale né derivativa, ma è piuttosto un modo di ingresso per nuovi storie, modelli storiografici ed episodi artistici che fanno la punta sull’equilibrio del canone ortodosso dei principali musei.

Il museo è stato ufficialmente inaugurato il 10 settembre 1992 e prende il nome dalla regina Sofia. Si trova a Madrid, vicino alle stazioni del treno e della metropolitana di Atocha, all’estremità meridionale del cosiddetto Triangolo d’Oro dell’Arte.

Il museo è principalmente dedicato all’arte spagnola. I punti salienti del museo includono eccellenti collezioni dei due maggiori maestri del XX secolo in Spagna, Pablo Picasso e Salvador Dalí. Certamente, il capolavoro più famoso del museo è la pittura di Picasso Guernica. La collezione Reina Sofía ha opere di artisti come Eduardo Chillida, Pablo Gargallo, Julio González, Luis Gordillo, Juan Gris, José Gutiérrez Solana, Joan Miró, Lucio Muñoz, Jorge Oteiza, Pablo Serrano e Antoni Tàpies.

Gli artisti internazionali sono pochi nella collezione, ma ci sono opere di Francis Bacon, Joseph Beuys, Pierre Bonnard, Georges Braque, Alexander Calder, Robert Delaunay, Max Ernst, Lucio Fontana, Damien Hirst, Donald Judd, Vasily Kandinsky, Paul Klee, Yves Klein, Fernand Léger, Jacques Lipchitz, Magritte, Henry Moore, Bruce Nauman, Gabriel Orozco, Nam June Paik, Man Ray, Diego Rivera, Mark Rothko, Julian Schnabel, Richard Serra, Cindy Sherman, Clyfford Still, Yves Tanguy e Wolf Vostell .

Il programma Museo Reina Sofía è triplice: da un lato, ripensare la funzione del museo oggi; d’altra parte, analizzando i meccanismi di mediazione tra pubblico e istituzione; e infine, proponendo nuovi contesti e storie attraverso la collezione e le mostre che portano a una nuova nozione di modernità.

L’istituzione non considera più il suo compito essere semplicemente la trasmissione della cultura. Invece, lavora con altri agenti e istituzioni, creando reti e alleanze che rafforzano la sfera pubblica e posizionano il Museo Reina Sofía come riferimento di primaria importanza nel sud geopolitico. Allo stesso modo, il pubblico non è più concepito come una moltitudine omogenea e uniforme, ma piuttosto come un collettivo, agente multiplo che mette in discussione, rifiuta e forma opinioni, che costruisce, per così dire, il suo rapporto con il Museo attraverso la singolarità dell’arte Esperienza.

L’edificio che ospita il Museo Reina Sofía è composto da due parti: la nuova ala del museo, inaugurata nel 2005 e costruita sotto la direzione dell’architetto francese Jean Nouvel, e la parte originariamente costruita come Ospedale Generale, promossa da Filippo II di Spagna nel 16 ° secolo e successivamente da Carlo III di Spagna. I piani originali furono elaborati dall’ingegnere e architetto Jose Agustín de Hermosilla nel 1756 e proseguiti dall’architetto italiano Francesco Sabatini durante la seconda metà del XVIII secolo. Oggi la sua apparizione è lontana dalla concezione iniziale, a causa delle molteplici modifiche subite nonostante continuasse ad essere utilizzata come ospedale fino al 1968. Fu quindi abbandonata, portando al suo deterioramento negli anni successivi, fino a quando fu acquisita dal Ministero della Pubblica Istruzione, nel 1976, da ristrutturare e trasformare in un centro culturale. Nel 1986, come culmine della transizione della Spagna verso la democrazia, fu creato il Centro d’Arte Reina Sofia (Centro de Arte Reina Sofía). Quattro anni dopo sarebbe diventato un Museo Nazionale (Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía), con la fondazione dell’attuale museo.

Il continuo sviluppo del museo in termini di collezioni e attività ha portato alla decisione di studiare la possibilità di aumentare la superficie del pavimento. Gli studi si sono conclusi nel 1999 e, in seguito a un bando internazionale per le offerte, l’architetto Jean Nouvel è stato scelto per dirigere la costruzione del nuovo edificio. I suoi piani, oltre a soddisfare le esigenze espresse dal Museo, richiedevano un ruolo attivo nel quartiere, intervenendo e trasformando l’ambiente urbano, generando nuovi servizi e una piazza pubblica. La creazione di quest’ultimo, resa possibile dalla sistemazione di nuovi edifici e dalla facciata sud-ovest dell’attuale museo, ha dato un nuovo spazio alla città.

Storia:
Le origini del MNCARS risalgono al Museum of Modern Art (MAM), un’istituzione creata nel 1894 e inaugurata quattro anni dopo, che si trovava nell’angolo sud-ovest della Biblioteca Nazionale e del Palazzo della Biblioteca. Cominciò con le opere degli artisti del XIX secolo dopo Goya, anche se nel corso degli anni vennero incorporati nuovi pezzi, molti dei quali dipinti del XX secolo, che stavano guadagnando una crescente importanza nella collezione e simultaneamente relegati al diciannovesimo secolo, che erano sempre più visto come un peso per l’immagine della modernità che era destinata a dare al museo. In questo modo, un gruppo di artisti, guidati dall’architetto José Luis Fernández del Amo, realizzò che con Decreto del 9 ottobre 1951 il Museo di Arte Moderna era diviso in due, il Museo Nazionale d’Arte del XIX secolo e il Museo Nacional de Arte Contemporáneo, senza cambiare la sua posizione, con il Museo di arte contemporanea con la parte bassa della sede e il 19 con l’Alta. Fernández del Amo fu il suo primo direttore, posizione in cui rimase fino al 1958. Tuttavia, nel 1968 entrambe le collezioni furono riunite, costituendo con esse il Museo spagnolo di arte contemporanea (MEAC), sebbene l’unificazione fosse effimera, dato che l’Ordine ministeriale di febbraio 5, 1971, fu creata la “Sezione d’arte del XIX secolo”. del Museo del Prado, che prevedeva il trasferimento di opere dell’Ottocento a questo museo, che furono esposte al Casón del Buen Retiro dal 24 giugno dello stesso anno, quando la sezione fu inaugurata, mentre i pezzi del XX secolo rimasero nel MEAC fino alla sua dissoluzione e alla sua integrazione nella Reina Sofía.

L’edificio si trova sul sito del primo ospedale generale di Madrid. Il re Filippo II centralizzò tutti gli ospedali che erano sparpagliati in tutta la corte. Nel diciottesimo secolo, il re Ferdinando VI decise di costruire un nuovo ospedale perché le strutture dell’epoca erano insufficienti per la città. L’edificio è stato progettato dall’architetto José de Hermosilla e dal suo successore Francisco Sabatini che ha realizzato la maggior parte del lavoro. Nel 1805, dopo numerose interruzioni del lavoro, l’edificio doveva assumere la funzione per la quale era stato costruito, che era un ospedale, sebbene solo un terzo del progetto proposto da Sabatini fosse completato. Da allora ha subito varie modifiche e aggiunte fino a quando, nel 1969, fu chiuso come ospedale.

I vasti lavori di ristrutturazione e ampliamento del vecchio edificio sono stati realizzati a partire dal 1980. L’edificio centrale del museo era un tempo un ospedale del XVIII secolo. L’edificio ha funzionato come Centro dell’Arte dal 1986 fino a diventare il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía nel 1988. Nel 1988, alcune parti del nuovo museo sono state aperte al pubblico, per lo più in configurazioni temporanee; quello stesso anno fu decretato dal Ministero della Cultura come museo nazionale. La sua identità architettonica è stata radicalmente cambiata nel 1989 da Ian Ritchie con l’aggiunta di tre torri di circolazione in vetro.

Successivamente, la collezione fu trasferita in un edificio nella città universitaria di Madrid, fino a quando nel 1986 fu creato il centro artistico Queen Sofia e una parte importante dei fondi (specialmente quelli del 20 ° secolo) furono trasferiti nell’attuale edificio. Il piano terra dell’edificio della Città universitaria è stato poi assegnato al National Exhibition Centre e il resto al Museo del Popolo Spagnolo, integrato dal 1993 nel Museo Nazionale di Antropologia. Dal 2004, dopo la riabilitazione, l’intera proprietà funge da sede del Museo del Costume.

Installato nell’edificio Sabatini, ex ospedale generale di Madrid, il museo è stato ufficialmente inaugurato il 26 maggio 1986 come Reina Sofía Art Center, in onore della regina Sofia di Spagna.

Il suo obiettivo iniziale era quello di ospitare mostre temporanee (da cui il nome come centro e non come museo), ma due anni dopo, attraverso il regio decreto 535/1988, del 27 maggio, divenne un museo statale, prendendo il nome di Museo Nazionale Centro d’arte Reina Sofia. Ha aperto le sue porte al pubblico il 10 settembre 1992, con fondi artistici del MEAC. Il suo nuovo status di museo nazionale ha portato a una politica di acquisti e prestiti molto attiva, al fine di offrire un solido repertorio di arte spagnola in connessione con le correnti internazionali.

Un’espansione di 8000 m2 (86.000 piedi quadrati) costata 92 milioni di euro progettata dall’architetto francese Jean Nouvel è stata inaugurata nell’ottobre 2005. L’ampliamento comprende spazi per mostre temporanee, un auditorium da 500 posti e un auditorium da 200 posti, una libreria, ristoranti e amministrazione uffici. ducks scéno era consulente per le attrezzature scenografiche di auditorium e Arau Acustica per gli studi acustici.

Insieme alla sua vasta collezione, il museo offre una miscela di mostre temporanee nazionali e internazionali nelle sue numerose gallerie, rendendolo uno dei più grandi musei al mondo per l’arte moderna e contemporanea.

Il Museo Reina Sofía è diviso, quindi, in due edifici, chiamati Sabatini e Nouvel, oltre a due sedi espositive nel Parco del Retiro: il Palacio de Cristal e il Palacio de Velázquez, entrambi costruiti dall’architetto spagnolo Ricardo Velázquez Bosco. Queste ultime due sedi ospitano mostre temporanee o presentazioni speciali di artisti o opere della collezione del museo.

collezioni:
Cronologicamente, la collezione è un’estensione del Museo del Prado, che copre il periodo tra la fine del XIX secolo e il presente. Il decreto reale 410/1995, del 17 marzo, ripensò alle collezioni statali, segnando l’anno di nascita di Picasso (1881) come la linea divisoria tra il Prado e Reina Sofía, un criterio che è stato messo in discussione come troppo rigido e che sta per essere diluito dalle ultime iniziative di questo museo, come l’incorporazione di esempi da Goya e Sorolla.

La traiettoria dell’arte contemporanea in Spagna, per decenni ignorata dal collezionismo privato e dagli enti pubblici, spiega che ci sono molte lacune nel repertorio internazionale del museo, sebbene abbia alcuni esempi rilevanti di più artisti. La collezione prende come nucleo l’arte contemporanea spagnola e la contestualizza nelle correnti internazionali con esempi di autori stranieri, da Pierre Bonnard a Louise Bourgeois, sottolineando quelli legati alla Spagna, come Robert e Sonia Delaunay, André Masson, Francis Picabia, Alexander Calder, Torres García o Rafael Barradas.

L’inventario dei beni artistici comprende, a settembre 2014, 18.154 opere, tra cui 3408 dipinti, 1654 sculture e installazioni, 3148 disegni, 5502 stampe, 3630 fotografie, 346 pezzi di video, film e audiovisivi, 354 di arti performative e intermedio e 98 di architettura, design e arti decorative. Di questi, 1100 sono esposti, 6% .15 D’altra parte, alcuni pezzi venduti in deposito da terze parti sono anche esposti al fine di completare i fondi del museo stesso.

Nel settembre 2014 è stata pubblicata l’eredità che il collezionista Soledad Lorenzo ha intenzione di donare al Museo, e consiste in quasi 400 opere di artisti importanti come Antoni Tàpies, Txomin Badiola, Miquel Barceló, José María Sicilia, José Manuel Broto e Eduardo Chillida , tra gli altri.

All’inizio del XX secolo
La collezione inizia con autori spagnoli del secolo, come Ramón Casas, Anglada Camarasa, Romero de Torres, Ignacio Zuloaga, Isidro Nonell, Joaquín Mir, María Blanchard, López Mezquita, Julio González, Santiago Rusiñol, José Clará, Francisco Iturrino, Julio Antonio o José Gutiérrez Solana (pittore il cui dossier è stato acquisito anche nel 1999).

Sono artisti appartenenti a diverse tendenze, come Modernismo, Realismo o l’incipiente Cubismo, riflesso della varietà dell’arte del primo Novecento. Secondo criteri più stilistici che cronologici, il repertorio esponeva artisti ignorati come Joaquín Sorolla, la cui assenza era paludata con l’olio di arrivo della pesca, depositato dal Museo di Belle Arti delle Asturie.

Nella collezione sono presenti anche artisti internazionali contemporanei come Pierre Bonnard, George Grosz, Medardo Rosso, Albert Marquet, Kandinsky, Joaquin Torres Garcia o Willi Baumeister.

Lo sfondo delle opere appartenenti al cubismo è di grande importanza, aggiungendo ai dipinti di Picasso e Gris quelli di Georges Braque (Bottle and Fruits, 1911; Playing cards and dice, 1914), Albert Gleizes, Fernand Léger, André Lhote, Amédée Ozenfant e altri autori come Robert e Sonia Delaunay, così come sculture di Henri Laurens, Jacques Lipchitz e lo stesso Picasso.

Anche l’insieme delle opere attribuite al surrealismo e ai movimenti correlati è eccezionale e riunisce una lista molto varia di autori: Francis Picabia (di cui esiste un’eccellente rappresentazione, con dipinti e disegni), René Magritte (Le secret du cortège, 1927 ; Grelots roses, ciels in lambeaux, 1930), Yves Tanguy, Man Ray, Marcel Duchamp, Brassaï, Victor Brauner, Jean Arp, Paul Klee, Kurt Schwitters (collage dadaista), Max Ernst o Joseph Cornell. Particolarmente degno di nota la collezione di opere dell’artista francese André Masson, in cui spiccano gli oli La famille en état de métamorphose (1929) o La sorcière (1942-43), oltre a numerosi disegni e schizzi relativi alla corrida e allo spagnolo paesaggi

Gris, Picasso, Dalí e Miró
Il Museo Reina Sofia ospita eccellenti collezioni di Juan Gris, Pablo Picasso, Salvador Dalí e Joan Miró, quattro artisti spagnoli tra i più importanti del XX secolo e le cui opere costituiscono il cardine del museo.

Il repertorio di Juan Gris di Madrid è singolarmente ricco, nonostante debba essere riunito nella sua totalità negli ultimi decenni, dal momento che il suo primo lavoro non è stato incorporato nelle collezioni nazionali spagnole fino a molto tardi. Era La guitare devant la mer (La chitarra davanti al mare), acquistata nel 1977 per il MEAC.19 Tuttavia, al momento la collezione dell’autore comprende diciannove dipinti, tra cui alcuni dei suoi lavori migliori, tra cui The bouteille d’anis (La bottiglia di anice) (1914), Ritratto di Madame Josette Gray (Ritratto di Madame Josette Grey) (1916) o la chitarra The before the sea (1925).

La rappresentazione di Picasso nel museo è incentrata sugli anni ’30, perché sebbene la collezione dell’artista sia stata gradualmente rafforzata con diverse acquisizioni, la presenza di opere di altri periodi è ancora limitata. La prima opera dell’artista che conserva la regina Sofia è la donna in blu, 1901, appartenente al cosiddetto «palcoscenico blu», seguito da due dipinti di cubismo analitico (The fruit seller, 1910, e The Dead Birds, 1912 ), altri surrealisti, molti dei suoi stili espressionisti degli anni ’30 e alcuni dei suoi ultimi anni (tre grandi tele sul tema Il pittore e la modella, 1963). La collezione comprende un totale di 292 opere, tra cui 29 dipinti, 18 e quattro delle principali sculture: Tête de femme (Fernande) (Testa di una donna [Fernande]), considerata la prima scultura cubista, Femme au jardin (Donna in il giardino), La femme au vase (La dama oferente) e L’homme au mouton (L’uomo dell’agnello), così come i disegni e le incisioni. Tra questi ultimi spiccano Sueño y mentira de Franco e La Minotauromaquia. Tuttavia, non ha alcuna rappresentazione del suo importante lavoro nel campo della ceramica.

L’opera più conosciuta del museo è senza dubbio Guernica, una delle opere più rilevanti e iconiche dell’arte moderna, che viene esposta insieme a molteplici bozzetti preparatori e fotografie originali che documentano la sua realizzazione, scattate da Dora Maar. Il dipinto e alcuni dei bozzetti furono custoditi per decenni nel MOMA di New York e giunsero in Spagna nel 1981, inizialmente depositati nel Casón del Buen Retiro, fino a quando il gruppo si trasferì in questo museo nel 1992. Picasso aveva dipinto questo lavoro commissionato dal governo della Seconda Repubblica, per decorare il Padiglione della Repubblica spagnola dell’Esposizione Internazionale di Parigi nel 1937. Un’altra opera per lo stesso padiglione, scultura La città spagnola ha una strada che porta a una stella, di Alberto Sánchez presiede il Ingresso MNCARS.

La notevole collezione di opere di Salvador Dalí è dovuta in gran parte all’eredità del pittore, che lasciò in eredità la sua proprietà allo Stato spagnolo, distribuita tra questo museo e il Museo-Museo di Figueras. Evidenzia capolavori come Ritratto di Luis Buñuel, Ragazza alla finestra, L’infinito enigma e Il grande masturbatore, oltre a sculture e disegni.

Insieme a Gris, Picasso e Dalí, spicca lo sfondo di Joan Miró. Inizialmente fu integrato quasi interamente dalle opere consegnate nel 1985 come pagamento dell’imposta di successione dalla sua vedova, Pilar Juncosa, e il resto dei suoi eredi: 24 dipinti e 203 stampe. Quasi tutti i dipinti erano datati tra gli anni 50 e nel 1983, ma in seguito, grazie agli acquisti, stavano entrando anche opere della sua prima volta, intorno agli anni ’20. Tra le numerose opere di questo artista che conserva il museo, tra cui ci sono cinquantacinque dipinti, spiccano La casa della palma (1918), Femme et chien devant la lune (Donna e cane di fronte alla luna) ( 1936), o Le sourire des ailes flamboyantes (Il sorriso con le ali infuocate) (1953). Nel patio centrale è esposta una delle sue sculture, Oiseau lunaire (Moonbird) (1966).

Arte spagnola della seconda metà del XX secolo: dall’astrazione alla Pop art
L’arte figurativa spagnola dei decenni centrali del XX secolo ha esempi di artisti come Pablo Gargallo, Pancho Cossío, Francisco Arias Álvarez, Francisco Bores, Benjamín Palencia, Maruja Mallo, Alberto Sánchez, il surrealista Óscar Domínguez, José de Togores, Ángeles Santos Torroella, Joaquín Sunyer o Joan Ponç.

Da parte sua, il modo astratto della metà del ventesimo secolo in Spagna ha opere degli scultori Jorge Oteiza e Eduardo Chillida, quest’ultimo presente con alcuni pezzi di grandi dimensioni e diverse tonnellate di peso. Altri autori sono: Pablo Palazuelo, Pablo Serrano, Antoni Tàpies, Manuel Millares, Lucio Muñoz, Luis Feito, Rafael Canogar, José Guerrero, Esteban Vicente, Eusebio Sempere, Team 57, Gustavo Torner, Antonio Saura; successivamente figure figurative, come Antonio López García e Carmen Laffón, per culminare infine nell’estetica della “Pop art”, seguita (con variazioni) da Equipo Crónica, Luis Gordillo, Eduardo Arroyo o Guillermo Pérez Villalta.

Autori spagnoli di riconosciuto prestigio, come Miquel Barceló, Jaume Plensa e Juan Muñoz, insieme a giovani artisti che sviluppano il loro lavoro negli ultimi decenni, completano il viaggio completo attraverso l’arte contemporanea spagnola e il suo contributo alla scena artistica mondiale.

Arte internazionale della seconda metà del 20 ° secolo
La presenza di artisti stranieri è aumentata notevolmente nelle collezioni del museo, soprattutto per quanto riguarda la seconda metà del XX secolo.

Il fondo della metà del secolo comprende opere di Diego Rivera (venditore di fiori, 1949), Wifredo Lam, Roberto Matta, Henry Moore, Anthony Caro, Roy Lichtenstein, Robert Rauschenberg, Francis Bacon (figura Lying, 1966), Yves Klein (sculture) e dipinti, tra cui una delle sue famose antropometrie), Nancy Spero, Jean Tinguely, Asger Jorn, Pierre Alechinsky, Pol Bury, Constant (gli ultimi quattro, membri del gruppo CoBrA), Lucio Fontana (Concetto spaziale, La Fine di Dio, 1963 ) o Christo.

Sono rappresentati artisti di diverse tendenze come il tachismo (Jean Dubuffet, Henri Michaux, Wols, Jean Fautrier, Serge Poliakoff), la Pop art (Andy Warhol, Richard Hamilton, Alex Katz), l’arte concettuale (Joseph Kosuth, Daniel Buren, Hans Haacke , Cildo Meireles, Marcel Broodthaers), l’astrazione nelle sue varie forme, Arte Povera (Mario Merz, Michelangelo Pistoletto, Luciano Fabro, Jannis Kounellis), Arte cinetica (Alexander Calder, Jesus Soto), Land Art o minimalismo (Donald Judd, Robert Mangold , Ellsworth Kelly, Dan Flavin, Sol LeWitt, Carl Andre). Da quest’ultimo movimento è nata l’opportunità nel 1988 di acquisire, in condizioni economiche vantaggiose, una parte sostanziale della collezione Panza di Biumo, una delle migliori al mondo, ma Reina Sofía ha rifiutato l’offerta. D’altra parte, l’espressionismo astratto nordamericano, nonostante la sua trascendenza nell’arte dopo la seconda guerra mondiale, è uno dei movimenti contemporanei più scarsamente rappresentati nel museo, a causa del suo alto prezzo nel mercato. Ci sono pochissime opere di Mark Rothko, Sam Francis e Cy Twombly, tre di Robert Motherwell (inclusa una delle sue serie più importanti, Elegy alla Repubblica spagnola), e molte altre di Morris Louis (Vernal, Crown (Corona) e Lamed Beth, tutti appartenenti alla sua serie Veils (Veils) – gli ultimi due lasciati in eredità dalla sua vedova – e niente di Jackson Pollock, Jasper Johns, Willem de Kooning o Clyfford Still.

Artisti del tardo XX secolo come il movimento Fluxus (Wolf Vostell, Nam June Paik, Robert Filliou, Öyvind Fahlström), Anish Kapoor, Gerhard Richter, Georg Baselitz, Richard Serra, Julian Schnabel (serie di dipinti Al popolo di Spagna, 1991 ), Louise Bourgeois, Cindy Sherman, Martin Kippenberger, Olafur Eliasson, ecc., Mostrano le ultime tendenze dell’arte contemporanea a livello internazionale.

2009: riordino
Seguendo un piano promosso dal suo nuovo direttore, Manuel Borja-Villel, il museo ha presentato il 28 maggio 2009 un riordino delle sue collezioni, la più profonda in vent’anni. Le sue principali novità furono la rottura del criterio puramente lineare della disposizione precedente, la mescolanza di autori disparati che formavano stanze tematiche, e l’incorporazione di numerose opere nuove e archiviate, così come le incisioni di Francisco de Goya, con copie inizialmente fornite dal Museo del prato e posteriomente dalla National Calcography. Goya è considerato un precursore di molte correnti moderne ma è stato escluso da questo museo a causa di limitazioni cronologiche.

La nuova sistemazione inizia al 2 ° piano dell’edificio Sabatini, con opere fino agli anni ’30. Continua al 4 ° piano dello stesso edificio, con l’arte che va dal dopoguerra agli inizi degli anni ’60; questa sezione è stata nuovamente riordinata nel 2010. Il percorso passa al primo piano del nuovo edificio Nouvel e si conclude sul 0 ° piano di detto edificio, con le opere più recenti.

Mostre temporanee
All’inizio del suo viaggio come museo e centro d’arte, con la collezione permanente non ancora delineata del tutto, le mostre erano un complemento fondamentale, dal momento che accoglievano gli artisti o le tendenze poco o nulla. Nel corso del tempo, sono state celebrate importanti antologie che completano o completano ciò che esiste nel museo: così, quelli dedicati ad Antonio López nel 1993, a Picasso nel 2006, o il più recente di Dalí nel 2013 sono stati particolarmente importanti. , tutti con un’eccellente accoglienza da parte del pubblico30

biblioteca
Il Reina Sofía Museum ospita anche una biblioteca ad accesso gratuito specializzata in arte, i cui fondi ammontano a più di 100.000 libri, 3500 registrazioni audio e quasi 1.000 video. La biblioteca si trova nell’ala dell’estensione di Jean Nouvel, aperta verso l’esterno da grandi finestre e con una grande lampada di vetro della Fabbrica Reale La Granja che presiede la sala di lettura.

Tags: