Deutsche Oper di Berlino, Germania

La Deutsche Oper di Berlino è la più grande delle tre teatri d’opera di Berlino. L’edificio Bismarckstraße 34-37 a Charlottenburg fu inaugurato nel 1961 e sostituì lo stesso posto nella seconda guerra mondiale nel 1943, distrusse l’Opera tedesca. La Charlottenburger Haus è uno dei più grandi teatri in Germania con 1859 posti.

La Deutsche Oper Berlin incarnava l’ideale di un teatro dell’opera “democratico”, in cui ogni posto offriva una visione completa del palcoscenico. La ricostruzione dell’edificio di Fritz Bornemann, inaugurata nel 1961, è rimasta fedele alla tradizione di un’opera per il popolo, senza pompa e circostanza. Ancora oggi, le sue eccellenti visioni e l’acustica preparano il terreno per un eccezionale teatro musicale, con spazio per quasi 2.000 spettatori ogni notte. I generosi foyer, la cui eleganza architettonica viene oggi rivalutata, rimangono un centro di raccolta culturale centrale per la capitale.

Un’ottima acustica e linee visive forniscono l’ambientazione per un eccezionale teatro musicale; gli ampi foyer dell’opera sono luoghi di ritrovo per gli amanti della cultura dell’alta capitale. Star internazionali, ensemble di prim’ordine e direttori di distinzione presentano un repertorio che spazia da Mozart all’opera moderna e comprende Verdi, Wagner, Puccini, Strauss, Meyerbeer, Berlioz e Britten. L’orchestra diretta da Donald Runnicles è famosa nel mondo e ospite regolare al Musikfest di Berlino e ai BBC Proms.

La Deutsche Oper di Berlino è una compagnia operistica situata nel distretto di Charlottenburg a Berlino, in Germania. L’edificio residente è il secondo più grande teatro dell’opera del paese e ospita anche il Balletto di Stato di Berlino.

Storia
L’iniziativa per la fondazione è tornata ai circoli borghesi nell’indipendente Charlottenburg. Come pilastro economico dello stato e pioniere intellettuale, gli abitanti della città più ricca della Prussia volevano un teatro “per sé” come alternativa al palcoscenico “congelato” dell’Hofoper Unter den Linden.

Dal 1911 al 1912 il teatro dell’opera tedesco fu costruito dalla città di Charlottenburg su progetto di Heinrich Seeling e inaugurato sotto la direzione di Ignatz Waghalter il 7 novembre 1912 con Fidelio di Ludwig van Beethoven. Con la legge sulla formazione di un nuovo quartiere di Berlino (grande legge di Berlino) Charlottenburg 1920 parte della capitale regno e la casa oltre 2300 posti ribattezzata casa in opera municipale.

Durante il periodo del nazionalsocialismo, la casa di Charlottenburg, che fu ribattezzata Deutsches Opernhaus, divenne proprietà del Reich nel 1934 ed era sotto la giurisdizione del ministero del Reich per l’illuminazione popolare e la propaganda di Joseph Goebbels. Come Primo Ministro del Free State of Prussia, tuttavia, Hermann Göring ha diretto la Staatsoper Unter den Linden, con le case che a volte rivaleggiavano con i loro vice. Sotto la direzione di Paul Baumgarten, nel 1935 fu effettuata una conversione a 2098 posti e, contrariamente al progetto originale, fu creata una “cabina di guida” con un auditorium indipendente dallo stand. Dopo la distruzione della casa, il 23 novembre 1943, le esibizioni si svolsero fino all’autunno del 1944 nell’Ammiral Palace di Berlino-Mitte.

Durante il periodo del nazionalsocialismo, la Deutsche Operhaus fu considerata, oltre al Festspielhaus di Bayreuth, come la fase di rappresentanza del regime nazista per eccellenza. Già nella primavera del 1933, per il compleanno dell’Intendente Max von Schilling, negli opuscoli dell’opera si diceva: “Potremmo concludere, se non fosse possibile, in un luogo in cui è possibile realizzare prodotti dei più alieni Il bolscevismo artistico è gradito ad un pubblico borghese pronto ad essere influenzato ora per ripristinare i valori di carattere più puro e tedesco. ”

Nel mezzo della seconda guerra mondiale, il regista Rode fu sostituito nell’estate del 1943 dal conduttore di Amburgo di successo Hans Schmidt-Isserstedt. Con Günther Rennert e Leopold Ludwig ottiene due giovani artisti nel suo gruppo dirigente, che si riferiscono già alla partenza artistica del teatro del dopoguerra. Tuttavia, il loro lavoro ha trovato poca risonanza nelle crescenti turbolenze e nella distruzione della guerra. Così fan tutte è stato il primo regista di Rennert nell’autunno del 1943 – è stata giudicata “facile, arguta, fantasiosa”. Due settimane dopo, il 23 novembre 1943, la casa fu bombardata, poco dopo tutti i teatri furono chiusi dal regime.

Dopo la fine della guerra, l’Opera Municipale usò di nuovo l’edificio del Theater des Westens vicino allo Zoo di Berlino Bahnhof fino a quando il nuovo edificio costruito da Fritz Bornemann tra il 1957 e il 1961 con 1865 posti il ​​24 settembre 1961 con il Don Giovanni di Mozart poteva essere aperto; il nuovo edificio è costato 27,5 milioni di marchi (la potenza d’acquisto è stata regolata nella valuta odierna: circa 61 milioni di euro). Nel 1961, su suggerimento di Ferenc Fricsay come reazione alla costruzione del muro, ribattezzò l’attuale nome Deutsche Oper Berlin. Nel 1959, l’Opera Municipale ricevette il Premio della Critica tedesca.

Nel periodo dall’apertura del nuovo edificio, la Deutsche Oper, contrariamente al suo scopo originale di fondare, nel ruolo della Casa di rappresentanza del paese di Berlino (Ovest), come la Staatsoper Unter den Linden, che aveva tradizionalmente giocato a questo ruolo a Berlino, insieme con la parte orientale di Berlino e la DDR è stata chiusa.

Al fine di evitare confusione con la Deutsche Oper di Berlino, l’Opera House Unter den Linden ha ricevuto il suo nome prebellico Staatsoper Unter den Linden dopo la riunificazione tedesca negli anni ’90. Nell’era della DDR, fu dapprima ribattezzata Opera di Stato tedesca per sottolineare l’importanza della DDR come stato tedesco indipendente.

L’edificio dell’opera
L’architetto Fritz Bornemann ha progettato un massiccio muro esterno sulla Bismarckstraße a sei corsie, sulla quale si trova l’edificio. Il muro protegge completamente l’auditorium dai rumori della strada. L’effetto di supporto di questa facciata principale rende possibili facciate laterali di scale di vetro nude e senza colonne, che mirano alla leggerezza e alla trasparenza. Scala e foyer sono popolari per film e pubblicità a causa di questo effetto spaziale come sfondo.

Negli edifici storici del teatro, i foyer e le stanze per le pause sono stati generalmente riadattati, poiché le logge servivano il soggiorno, compresi i pasti e le discussioni durante lo spettacolo, mentre le altre stanze erano disadorne e il parquet non era usato come pista da ballo. Al contrario, i foyer della Deutsche Oper sono stati progettati fin dall’inizio come elementi architettonici importanti e importanti. Pertanto, non sono nascosti nascosti nei mezzanini o negli scantinati, ma mantengono la loro importanza quasi uguale in termini di dimensioni e visibilità oltre all’auditorium. Loro stessi sono progettati per lo spazio e la trasparenza, che è determinata nell’arredamento con semplicità e riduzione tipiche del tempo. A causa delle loro dimensioni, alcune parti dei foyer possono essere divise e utilizzate per spettacoli teatrali, conferenze e feste. In caso contrario, offrono nelle pause a causa della facciata in vetro “vista panoramica” a est e ovest.

L’auditorium non è un teatro a ferro di cavallo a forma di U, ma piuttosto largo e solo leggermente arcuato, con balconi a sbalzo. Da ogni posto puoi vedere completamente l’ampio palco. L’acustica è il migliore di tutti i palcoscenici del teatro musicale di Berlino (solo l’opera tedesca e l’opera buffa suonano a Berlino le rappresentazioni di opera senza impianto sonoro elettronico per l’ottimizzazione acustica). Così, l’architettura dell’auditorium della Deutsche Oper offre una contro-proposta diametrica al Paulick-Saal della Staatsoper unter den Linden, che viene discussa come parte della prossima ristrutturazione dopo una competizione nel senso di una concezione, come Bornemann nell’opera tedesca realizzata. L’austero rivestimento della parete dei legni tropicali esotici della hall, la combinazione di colori e l’illuminazione mirata nella sala dovrebbero concentrarsi sul palco e chiarire che le prestazioni e non la rappresentazione sono in primo piano. La sala non ha scatole classiche. Quasi tutte le idee sono fornite per una migliore comprensione del testo con i sopratitoli. Come una grande architettura teatrale del 20 ° secolo, l’edificio è un edificio storico.

Tischlerei è la seconda sede della Deutsche Oper di Berlino. Si trova sul retro dell’edificio della Deutsche Oper di Berlino. L’ex laboratorio di falegnami è stato ricostruito nel 2012 in uno spazio teatrale, da allora ci sono per stagione circa dieci anteprime, spettacoli ospiti e riammissioni. Ci sono anche diverse serie di concerti. La sede è architettonicamente uno spazio aperto senza buca dell’orchestra, torre scenica, palco laterale o posteriore. Una tribuna pubblica può essere utilizzata in modo flessibile. Programmaticamente, le anteprime mondiali sono al centro del programma: composizioni commissionate, sviluppo di pezzi e adattamenti di opere precedenti. Il falegname si considera un laboratorio per il teatro musicale del XXI secolo, sia per il pubblico giovane che per quello adulto. Cantanti e musicisti della Deutsche Oper di Berlino si incontrano nella falegnameria di artisti di Berlino e nella scena libera internazionale – da avanguardie, pop, arti visive, danza e performance.

Profilo artistico
Con 1859 posti a sedere, la Deutsche Oper di Berlino è di gran lunga il più grande teatro d’opera di Berlino oggi. Solo questo offre circa il 42 percento dei posti delle tre case di Berlino della Fondazione Opera. Ecco perché la casa con le sue rappresentazioni liriche attira il maggior numero di visitatori dei tre teatri di Berlino. Da un lato, l’utilizzo percentuale è superiore a quello della Komische Oper Berlin, ma d’altra parte inferiore a quello della Staatsoper Unter den Linden, che, tuttavia, ha solo 1396 posti.

Il compito della Deutsche Oper di Berlino è quindi il mantenimento del “grande” repertorio del 19 ° secolo con punti chiave come Richard Strauss, Richard Wagner, Giacomo Puccini e Giuseppe Verdi. Qui c’erano in passato sia i grandi successi alla regia di Götz Friedrich, Hans Neuenfels, Achim Freyer o negli ultimi anni z. B. I Maestri di Norimberga e Tristano e Isotta di Richard Wagner. Tra i riscoperti di successo presso la Deutsche Oper nelle ultime stagioni u. un. Scene della vita di St. Johanna von Walter Braunfels e del colonnello Chabert di Hermann Wolfgang von Waltershausen.

La Charlottenburg Opera Orchestra è lodata soprattutto per la sua particolare versatilità e il suo modo di suonare wagneriano, motivo per cui la Deutsche Oper Orchestra è una delle più grandi fonti di reclutamento per l’Orchestra del Festival di Bayreuth. Nella casa sulla Bismarckstrasse il parsifal di Richard Wagner 1914 dopo la scadenza del periodo di protezione prima tedesca al di fuori di Bayreuth. Il Der Ring des Nibelungen di Wagner nella messa in scena di Götz Friedrich (ancora mostrato) è considerato un lavoro registico epocale.

Anche in caso contrario, la Deutsche Oper è strettamente associata al Bayreuth Wagner Festival. La regista Katharina Wagner ha diretto Il tratico di Giacomo Puccini alla Deutsche Oper di Berlino. E se la famiglia Wagner non è d’accordo sul nuovo posto del Festival di Bayreuth, allora il Consiglio di Fondazione del Festival deve consultare un consiglio di direttori d’opera secondo i suoi statuti, primo fra tutti il ​​direttore della Deutsche Oper di Berlino. Il direttore musicale generale Donald Runnicles continua questa tradizione come specialista di Wagner e Strauss (anche lui esperto di Bayreuth).

Inoltre, la casa è in debito con il lavoro di Hans Werner Henze, di cui numerose opere sono state eseguite e in anteprima qui. Ultimo ma non meno importante, la coltivazione del repertorio di Leoš Janáček ha un grande significato per la Deutsche Oper di Berlino.

Tra le registrazioni dell’Orchestra della Deutsche Oper sono alcune “scatti di riferimento”, sei tu. un. Die Meistersinger von Nürnberg di Wagner sotto Eugen Jochum con Dietrich Fischer-Dieskau, Catarina Ligendza, Christa Ludwig, Placido Domingo; Il Macbeth di Verdi con Giuseppe Sinopoli con Renato Bruson, Mara Zampieri, James Morris e Orff’s Carmina Burana con Eugen Jochum con Gundula Janowitz e Dietrich Fischer-Dieskau.

Anche il coro della Deutsche Oper di Berlino si è fatto un nome negli ultimi tempi. Per tre volte di fila, negli anni 2008, 2009 e 2010, l’ensemble ha vinto il titolo “Chor des Jahres”, che la rivista presta al mondo dell’opera attraverso un sondaggio di importanti critici. Nel 2012, il coro è stato insignito del premio europeo per il coro della Fondazione culturale europea “Pro Europa”. Il successo dell’ensemble è anche attribuito al continuo lavoro del primo direttore corale William Spaulding, che è stato in carica dalla stagione 2007/2008. Da febbraio 2012, l’ex presidente federale Richard von Weizsäcker membro onorario del coro della Deutsche Oper di Berlino.

Tags: