Guida di viaggio del virus Zika

Il virus Zika è la causa della febbre di Zika, un’infezione trasmessa dalle zanzare in varie zone tropicali. La malattia non è particolarmente grave per la maggior parte delle persone e non è pericolosa per la vita, ma può danneggiare gravemente i bambini nel grembo materno.

Molti governi raccomandano che le donne che sono o potrebbero diventare incinte dovrebbero evitare di recarsi in zone in cui Zika è a rischio, e alcuni (Colombia, Repubblica Dominicana, Ecuador, El Salvador, Giamaica e Filippine a inizio 2016) raccomandano che i loro residenti rimandare la gravidanza. Quando il governo di un Paese completamente cattolico inizia a distribuire preservativi gratuiti – come la Colombia ha, sia per i locali che per l’aeroporto per i visitatori che arrivano per Carnivale 2016 – è chiaro che prendono davvero seriamente la minaccia.

Comprendere
Il primo virus del genere Zikavirus è stato identificato nel 1947 su un Rhesus Macaque (Macaca mulatta) usato come sentinella durante uno studio sulla febbre gialla nella piccola foresta di Zika vicino a Kisubi tra Kampala ed Entebbe in Uganda. Nel 1948, il Il virus è isolato, ancora a Kisubi, da una femmina Aedes africanus e la trasmissione da parte di una zanzara del genere Ædes è dimostrata, nel 1956, in un laboratorio di Barcellona. Tra il 1954 e il 1981, nell’Africa sub-sahariana, nel subcontinente indiano e nel sud-est asiatico, sono state rilevate evidenze di infezione umana, ma non è stato fino al 1964 per la prima vera descrizione di un caso umano.

Il primo focolaio noto si è verificato nell’aprile del 2007 e ha colpito le Isole Yap negli Stati federati della Micronesia occidentali. Il secondo si è verificato durante l’ultimo trimestre del 2013 nella Polinesia francese, dove si stima che un quinto della popolazione sia stata colpita. L’epidemia attuale, sebbene dichiarata nel maggio 2015 in Brasile, sarebbe legata all’organizzazione dei Mondiali di calcio 2014, durante i quali il paese ha ricevuto turisti da tutte le parti del mondo, comprese le aree con forti tensioni del virus. All’inizio di gennaio 2016, questa epidemia, considerata emergente, si è diffusa in tutto il Sud America (tranne in Cile), in Messico e nei Caraibi, ma anche a Capo Verde, Tonga e alle Maldive. All’inizio di febbraio 2016,

Alla fine del 2015, i medici brasiliani mostrano una correlazione tra l’azione del virus e l’aumento dei casi di microcefalia non congenita con il ritrovamento, a partire dal 20 gennaio 2016 dalla Pan American Health Organization (PAHO) di 3.893 casi sospetti e 462 casi confermati dalla presenza del virus nel tessuto cerebrale del feto o del bambino. TheMarch 15, 2016, Capo Verde registra il suo primo caso di microcefalia.

Anche il numero di casi di pazienti che sviluppano la sindrome di Guillain-Barré è chiaramente in aumento. All’inizio di febbraio 2016, la Colombia annuncia che tre pazienti che hanno contratto la febbre da Zika seguita dalla sindrome di Guillain-Barré sono morti. Costituiscono quindi le prime morti mai osservate in diretta relazione con la presenza del virus. L’11 febbraio, il Venezuela ha anche annunciato la morte di tre persone che hanno avuto complicanze associate allo Zikavirus.

Senza prove della capacità di trasmissione, i ricercatori brasiliani hanno scoperto lo Zikavirus, in forma attiva, nella saliva e nelle urine dei pazienti. Straniero, due viaggiatori (un americano e uno svizzero) che hanno contratto la febbre di Zika ciascuno durante un soggiorno in una zona epidemica diversa hanno trasmesso il virus al loro partner durante il rapporto sessuale. Questo fatto sarebbe il primo di un Flavivirus. Se la causa dell’effetto dovesse essere dimostrata, significherebbe che il virus avrebbe la possibilità di infettare altre specie di Ædes per le quali è sconosciuto, come la zanzara tigre (Aedes albopictus), che infettano se stesse gli esseri umani.

All’inizio di marzo 2016 in Colombia, il primo caso di microcefalia registrato e, in Guadalupa, una nuova scoperta con il caso di un giovane paziente con mielite trasversa nella fase di stato della sua infezione a causa della presenza del virus nel suo cervello cerebrovascolare fluido. spinale.

Se l’OMS dichiara l’epidemia il 1 ° febbraio 2017, continua a emettere, ogni mese, rapporti sull’evoluzione della malattia paese per paese.

Centro di crisi – l’evoluzione della malattia paese per paese Bollettini emessi dall’OMS

Sedi
Fino al 2007 circa, questa era una malattia rara e geograficamente limitata a poche parti dell’Africa e dell’Asia. Tuttavia, da allora si è diffuso e nel 2015 ha raggiunto livelli epidemici in gran parte del Sud America, Centro America e Caraibi. Nel febbraio 2016, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato che si tratta di un’emergenza sanitaria internazionale. Nell’emisfero occidentale la malattia si è diffusa in Florida con diversi casi autoctoni nella regione di Miami. Ad agosto e settembre 2016 a Singapore sono state segnalate diverse centinaia di infezioni Zika trasmesse localmente, anche se all’inizio di novembre ci sono solo poche nuove infezioni ogni settimana.

Zika è anche abbastanza comune in tutto il sud-est asiatico e si verifica in alcune parti dell’Africa, dell’Asia meridionale e delle isole del Pacifico, comprese le Hawaii.

Anche nelle parti del mondo affette da Zika, Zika è molto meno a rischio ad altitudini più elevate, definite come 2000 m o 6500 piedi sopra il livello del mare dove la zanzara aedes aegypti che diffonde la malattia non “di solito” esiste.

Diagnosi
È molto difficile fare una diagnosi valida senza eseguire un test RT-PCR poiché i sintomi sono simili a quelli di altre malattie virali come la dengue o la chikungunya, o anche la rosolia, il morbillo o persino l’influenza se non si verifica. Non c’è eruzione cutanea.

Sintomi
I principali sintomi compaiono dopo una fase di incubazione che dura da 3 a 12 giorni. È una condizione continua di febbre, mal di testa, dolori muscolari e articolari (principalmente nelle caviglie e nelle mani), stanchezza generale, congiuntivite, eruzione cutanea sul viso prima di estendersi al resto del corpo. Questi sintomi possono essere accompagnati da disturbi gastrici e disturbi neurologici come vertigini o vertigini.

Segni clinici
La storia sarà seguita da un test ELISA per rilevare la presenza di anticorpi di tipo immunoglobulinico M (IgM) o anti-Zika la presenza di antigeni virali. L’IgM è rilevabile 3 giorni dopo l’inizio della fase di invasione. Tuttavia, questo test può mostrare reazioni crociate con la presenza di altri flavivirus, in particolare con quello responsabile della febbre dengue, specialmente se il paziente ha precedentemente avuto un’infezione da Flavivirus.

L’unica diagnosi definitiva sarà basata su un test RT-PCR, reso possibile dal 2006 e sul sequenziamento del genoma di Zikavirus, che consente di rilevare la presenza dell’enzima virale specifico per Zikavirus nel siero e nelle urine. Questo test può essere fatto entro un periodo massimo di 15 giorni, per le urine, dopo l’inizio della fase di invasione.

RT-PCR di Zikavirus – Esecuzione di un test RT-PCR condotto dal Laboratorio Centrale di Biologia Clinica dell’Istituto Principe Leopoldo di Medicina Tropicale.

Trattamento
Solo una persona su cinque infettata dal virus sviluppa sintomi. Per quelli che lo fanno, Zika è generalmente un’infezione abbastanza lieve, circa come un’influenza, spesso con febbre, eruzione cutanea e / o infiammazione degli occhi. I sintomi durano in genere meno di una settimana e la malattia di solito non uccide.

L’infezione da Zika nelle donne in gravidanza è stata collegata a deformità congenite e disturbi dello sviluppo, in particolare la microcefalia, il che significa che un bambino nasce con un cervello molto più piccolo rispetto alle capacità intellettuali normali e gravemente compromesse.

Non esiste alcun vaccino, nessun farmaco che previene l’infezione, nessuna cura se non quella di aspettarlo e nessun trattamento che eliminerà il virus. Tutti i dottori possono fare consigliare riposo e liquidi e possibilmente prescrivere farmaci per il dolore e la febbre.

Se si sospetta un’infezione da Zika, consultare un medico piuttosto che auto-medicare. Zika è facilmente confuso con Chikungunya o con febbre dengue, malattie causate da virus correlati portati dallo stesso genere di zanzara, con sintomi simili e una distribuzione geografica simile. Se quello che hai è dengue, prendere alcuni farmaci da banco comuni come l’aspirina e l’ibuprofina aumenterà il rischio di pericolose complicazioni.

Lo Zika è trasmesso principalmente dalle zanzare, ma può anche essere trasmesso da madre a figlio nell’utero e da uomo a donna durante il sesso. Non è noto se sia possibile un’altra trasmissione sessuale.

Possibili conseguenze
Microcefalia per il feto che appare allo stadio infantile.
Sindrome di Guillain-Barré con casi due volte più alti nelle donne che negli uomini.

Precauzioni
Anche per le donne incinte, Zika non è ancora al livello di avvertimento critico. CDC usa una scala a tre punti per i loro avvertimenti:

1 prendi le normali precauzioni
2 evita il viaggio se possibile e prendi precauzioni migliorate se vai
3 evita tutti i viaggi non essenziali

A metà 2016, Zika è solo al Livello 2. Le precauzioni migliorate per Zika significano fare attenzione a evitare le punture di zanzara: finestre schermate, zanzariere, vestiti che coprono la maggior parte della pelle, permetrina per abbigliamento e attrezzi e repellenti per insetti . I partner sessuali di una donna che potrebbe essere incinta o in seguito dovrebbero adottare le stesse precauzioni e gli uomini che potrebbero aver ricevuto l’infezione (indipendentemente dal fatto che abbiano o meno sintomi) dovrebbero usare il preservativo per evitare la trasmissione del virus, per un periodo di sei mesi .

Protezione contro il vettore
Evitare la febbre di Zika è prima di tutto evitare le punture di zanzare prendendo alcune precauzioni. Le femmine dedes le zanzare sono attive durante il giorno con picchi di iperattività all’alba e al tramonto. Sono allo stesso tempo esofili, vale a dire che vivono fuori dalle abitazioni e sono endofili, cioè vivono all’interno delle case. D’altra parte, è raro che provino a prendere il loro pasto di sangue su un essere in movimento.

Alcuni consigli per la protezione:

indossare abiti larghi, lunghi e di colore chiaro;
rivestire gli indumenti di permetrina o la pelle di un repellente costituito da una soluzione contenente il 30% di DEET per gli adulti o il 10% dello stesso prodotto per i bambini di età compresa tra 2 e 12 anni;
usa un insetticida nelle case;
utilizzare un ventilatore, anche se la stanza ha un sistema di aria condizionata, dal momento che le zanzare sono sensibili al movimento dell’aria;
utilizzare una zanzariera con maglie di dimensioni inferiori a 1,5 mm se si riposa durante il giorno e, se possibile, impregnare con insetticida per proteggere le parti del corpo che vengono a contatto con la rete. Prima di ogni pausa, assicurati di controllare che la rete sia in perfette condizioni.
Fai attenzione che se le femmine di Ædes, i propagatori della febbre di Zika, della febbre gialla, della chikungunya e della dengue, vengono attivate tra l’alba e il tramonto, le femmine di altre specie di zanzare, i propagatori di altre malattie virali, come l’encefalite giapponese e o’nyong-nyong, o malattie parassitarie come la malaria, sono attive durante la notte. Le stesse precauzioni sono quindi auspicabili durante il periodo notturno.

Protezione contro il virus
All’inizio del 2016, non esiste una protezione profilattica o terapeutica contro lo Zikavirus. La ricerca per la creazione di un vaccino è iniziata nel 2015, tra gli altri negli Stati Uniti e presso l’Università di Montpellier in Francia, ma i ricercatori stimano che ci vorranno tra 10 e 12 anni per ottenere un vaccino. vaccino valido.

L’unico metodo di prevenzione generale è di ridurre i siti di deposizione delle uova del vettore asciugando i fossati, proteggendo l’approvvigionamento idrico con una zanzariera o copertura, eliminando dalla natura qualsiasi oggetto che possa raccogliere acqua piovana come vecchie pentole o vecchi pneumatici , cioè lasciarsi andare nella natura di maschi sterili grazie a un’infezione causata da un batterio del genere Wolbachia o ancora scatenare zanzare maschili geneticamente modificate e incapaci di riprodursi. Quest’ultimo metodo, ora controverso, è stato utilizzato nel 2015 nel nord-est del Brasile, dove è iniziata l’epidemia del 2015 e sono stati rilevati i primi casi di microcefalia.

Un altro metodo di prevenzione generale è quello di impostare facilmente le trappole per uova ottenibili. Per quest’ultimo, è sufficiente riempire un contenitore con acqua, per immergere, obliquamente, una lingua di legno che consenta alla femmina di zanzare di riposare durante la posa e versare nell’acqua granuli o tavolette larvicide (tipo “CULINEX Tab plus”) , ecc.) per uccidere le larve che si schiudono nella trappola.

Maggiori informazioni
Tre fonti per informazioni complete su Zika sono:

Il Centro per il controllo delle malattie (CDC)
del governo degli Stati Uniti L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO)
Health Canada

A metà giugno 2018, il CDC ha consigli di viaggio relativi a Zika per 91 paesi, oltre ai territori statunitensi di Porto Rico e delle Isole Vergini americane. L’elenco cambia spesso. Il rapporto sulla situazione dell’OMS a marzo 2017 elenca 84 paesi in cui sono state segnalate infezioni.

Tags: