Guida turistica per la febbre gialla

La febbre gialla è una malattia tropicale potenzialmente fatale causata da un virus che viene trasmesso agli esseri umani attraverso il morso delle zanzare infette. La malattia varia in gravità da una sindrome simil-influenzale a grave epatite e febbre emorragica. La febbre gialla può essere prevenuta con la vaccinazione. I viaggiatori in aree con trasmissione della febbre gialla dovrebbero prendere precauzioni contro l’esposizione alle zanzare.

La prova della vaccinazione contro la febbre gialla è un requisito di ingresso per i viaggiatori provenienti da zone ad alto rischio in molti stati. Un certificato di dieci anni riconosciuto a livello internazionale è il passaporto dell’OMS giallo. Il vaccino stesso deve, a causa dei possibili effetti collaterali e delle condizioni di conservazione del vaccino sensibile, essere somministrato da organismi autorizzati che, se incompatibili, possono rilasciare un certificato di esenzione.

La malattia, una febbre emorragica indotta da virus, si verifica nell’Africa tropicale e nel Sud America. Alcuni paesi asiatici sono almeno teoricamente minacciati di febbre gialla, senza che la malattia si verifichi lì. Come vettori solo le zanzare e i primati vengono messi in discussione. Poiché la malaria si verifica anche nella maggior parte delle regioni colpite, la prevenzione delle punture di zanzara è molto importante.

La protezione del vaccino inizia dopo dieci giorni, cioè può essere possibile, se ai valichi di frontiera viene richiesta una mancanza di vaccinazione, l’ingresso è negato. I bambini possono essere vaccinati a partire dal sesto mese, tuttavia, nelle zone endemiche le vaccinazioni sono raccomandate solo all’età di un anno. Gli ultrasessantenni devono essere vaccinati solo dopo un’attenta valutazione e le persone con infezione da HIV devono essere vaccinate dopo aver ripristinato alcune funzioni immunitarie mediante la terapia antiretrovirale.

Alla 67a Assemblea mondiale della sanità tenutasi a Ginevra nel maggio 2014, è stata adottata una modifica all’allegato 7 del regolamento sanitario internazionale (IGV, 2005). Ora la prova unica del vaccino dura per tutta la vita, un vaccino di richiamo non è più necessario. Secondo il direttore generale dell’OMS, questa modifica diventerà vincolante 24 mesi dopo la notifica, vale a dire l’11 luglio 2016, ma l’attuazione sarà comunque lasciata ai singoli Stati.

Comprendere
Il virus della febbre gialla (dall’amaro giallo spagnolo) responsabile della febbre gialla è un arbovirus del genere Flavivirus, responsabile anche di altre malattie virali, e trasmesso solo dal morso di una zanzara femmina.

In precedenza, il virus era confinato nelle foreste tropicali dell’America centrale e la malattia veniva trasmessa da scimmia a scimmia. Mentre gli umani passavano attraverso queste foreste, la malattia veniva prima trasmessa da scimmia a uomo e poi da uomo a uomo. La prima epidemia conosciuta risale al 1648 e colpì lo Yucatan. Attraverso il movimento di esseri umani infetti, il virus è stato in grado di trasferirsi prima in Nord America e in Europa, poi in Africa. Ciò è dovuto principalmente all’eradicazione delle specie di zanzare.

Diagnosi
La diagnosi viene effettuata sulla comparsa della curva di temperatura specifica per le febbri emorragiche virali, i segni di un esame clinico e un esame del sangue per eliminare qualsiasi altra causa (malaria, febbre emergente o ricorrente a causa di un batterio).

Sintomi
Insorgenza improvvisa di malessere, forte mal di testa, sensazione di “cambio di rotta” posteriore e febbrile a 39 ° C. Durante i tre giorni successivi, l’ipertermia a volte supera i 39 ° C con una dissociazione temperatura-impulso (cioè senza accelerazione dell’impulso). Dopo una caduta della temperatura corporea per 24 ore, recrudescenza di questa temperatura per tre nuovi giorni con comparsa di ittero e vomito di colore nero, da qui il nome di vomito negro dato alla febbre gialla nei paesi dell’America Latina, a causa di emorragie digestive.

I sintomi sono: febbre, mal di testa, brividi, nausea, vomito, dolori muscolari, ittero (la pelle e gli occhi ingialliscono) e sanguinamento (gengive, naso, stomaco, intestino e urina).

Terapia
Non esiste un trattamento specifico per la febbre gialla, che è una malattia virale, ed è per questo che la vaccinazione preventiva è così importante. L’unica cosa da fare è isolare il paziente, sotto una zanzariera nelle aree a rischio, per almeno 5-6 giorni, per idratare regolarmente e, possibilmente, somministrare farmaci per combattere l’ipertermia. I casi più gravi possono essere azioni pesanti come trasfusioni di sangue o dialisi epatica.

Segni
clinici L’esame clinico consiste nello studio della curva di temperatura che dovrebbe tendere verso la normalità dopo un periodo di sette-otto giorni. Questo sviluppo favorevole deve essere accompagnato da una ripresa della secrezione urinaria.

Prevenzione
L’unico modo per evitare la febbre gialla selvaggia è la vaccinazione contro la malattia. Oltre alle campagne di vaccinazione, è necessario informare la popolazione circa l’insorgenza della malattia e su come evitarla.

Il vaccino è gratuito e deve essere disponibile presso le cliniche in qualsiasi momento dell’anno. Deve essere applicato 10 giorni prima del viaggio in aree a rischio di trasmissione della malattia. Può essere applicato da 9 mesi ed è valido per 10 anni.

Il vaccino è controindicato nelle donne in gravidanza, immunocompromesse (persone con un sistema immunitario indebolito) e persone che sono allergiche al tuorlo d’uovo.

Protezione contro il vettore
Evitare la febbre gialla significa innanzitutto evitare le punture di zanzare prendendo alcune precauzioni. Le zanzare femmina Aedes vengono attivate tra l’alba e il tramonto.

indossare abiti larghi, lunghi e di colore chiaro;
rivestire gli indumenti di permetrina o la pelle con un repellente costituito da una soluzione contenente il 30% di DEET per gli adulti o il 10% dello stesso prodotto per i bambini di età compresa tra 2 e 12 anni;
usa un insetticida nelle case;
le zanzare essendo sensibili al movimento dell’aria, l’azione di un ventilatore, anche se la stanza è dotata di un sistema di aria condizionata, farà anche parte dei mezzi di protezione;
se stai riposando durante il giorno, fallo sotto una zanzariera con una maglia di dimensioni inferiori a 1,5 mm e, se possibile, con un insetticida, che protegga le parti del corpo che vengono a contatto con la zanzariera. È inoltre indispensabile controllare, prima di ogni riposo, se la rete è in perfette condizioni.
Fai attenzione che se le femmine di, des, propagatori di febbre gialla, chikungunya e dengue, sono attive tra l’alba e il tramonto, le femmine di altre specie di zanzare, propagatori di altre malattie virali, come l’encefalite giapponese e o’nyong-nyong, o infezioni parassitarie come la malaria, sono attive durante la notte. Le stesse precauzioni sono quindi auspicabili durante il periodo notturno.

Protezione contro il virus La
protezione contro il flavivirus è una vaccinazione contro la febbre gialla che può essere praticata all’età di sei mesi ed è valida per dieci anni. I seguenti solleciti possono essere fatti tra, in teoria, il giorno della partenza e, in effetti, dieci giorni prima della partenza verso una zona a rischio.

Attenzione, solo i centri autorizzati possono iniettarti questo vaccino, informarsi presso le autorità sanitarie del tuo paese. Va inoltre notato che alcuni paesi ti proibiranno di accedere al loro territorio, a seconda dell’origine geografica, se non sei vaccinato. Quindi porta il tuo certificato internazionale di vaccinazione o profilassi con un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla.

Vaccinazione
È disponibile un vaccino che fornisce immunità per almeno dieci anni. Molti paesi richiederanno di essere vaccinati contro la febbre gialla se si proviene da un paese in cui è presente o è stato in tale paese negli ultimi 6 giorni (il periodo di incubazione). In tal caso, è necessario presentare un certificato di vaccinazione internazionale dell’Organizzazione mondiale della sanità con una certificazione opportunamente datata alla pagina “Certificato internazionale di vaccinazione o rivaccinazione contro la febbre gialla” ai funzionari dell’immigrazione. Questo piccolo libretto giallo ti verrà dato quando sarai vaccinato contro la febbre gialla per la prima volta. Portalo con il tuo passaporto: in genere lo presenterai ai funzionari dell’immigrazione allo stesso tempo.

In genere è più facile ottenere una vaccinazione contro la febbre gialla nel tuo paese prima di partire. La vaccinazione non è nei normali schemi di vaccinazione di molti paesi al di fuori delle aree infette poiché non è necessaria a meno che non si viaggi e abbia un rischio leggermente maggiore di complicanze rispetto a molti altri vaccini. Dovrai richiedere in particolare una vaccinazione contro la febbre gialla da un centro di vaccinazione contro la febbre gialla designato. Si considera che l’immunità inizi 10 giorni dopo la vaccinazione, quindi assicurati di essere vaccinato 10 giorni prima di entrare in un paese infetto. Il vaccino è vivo e non del tutto inattivo: molte persone hanno sintomi lievi di tipo influenzale per un paio di giorni dopo aver ricevuto questo vaccino, quindi sarebbe bene non pianificare qualcosa di faticoso in quei giorni.

A seconda di come viene coltivato il vaccino, potrebbe essere necessario concedere circa mezz’ora per una vaccinazione contro la febbre gialla, in quanto verrà osservato per una reazione allergica dopo la sua somministrazione.

Requisiti di vaccinazione
Alcuni paesi hanno requisiti di vaccinazione contro la febbre gialla obbligatori. I requisiti esatti variano da paese a paese e possono anche variare di volta in volta. Quanto segue è un elenco di paesi e territori che avevano requisiti di vaccinazione contro la febbre gialla a partire dal 2017 secondo il CDC. I paesi che richiedono la prova della vaccinazione all’arrivo da tutti gli altri paesi (rispetto al solo arrivo da paesi endemici) per tutti i viaggiatori di età superiore a un anno sono indicati di seguito.

Tra i paesi che lo richiedono all’arrivo da zone endemiche, alcuni escludono alcuni paesi o regioni individuali da questo requisito, quindi cerca i dettagli per la tua destinazione o destinazione specifica. Alcuni addirittura richiedono il vaccino se si cambia aereo in un paese endemico, anche se non si lascia l’aeroporto. Altri non contano le soste in aeroporto, o si preoccupano solo di loro se sono più lunghi di un certo numero di ore.

Tags: