Fiera internazionale del vino e degli alcolici di Hong Kong 2011, Cina

La 4a edizione della Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si è tenuta dal 3 al 5 novembre, presso l’Hong Kong Convention and Exhibition Centre, ha attirato più di 930 espositori da 37 paesi e regioni, presentando un’ampia varietà di vini, liquori e altri alcolici bevande, insieme ad accessori e attrezzature per il vino. Georgia, Israele, Lettonia, Malta, Repubblica slovacca e Svezia partecipano per la prima volta.

The Wine & Spirits Fair è più di una semplice piattaforma di trading d’élite per il vino; l’evento è anche una vetrina di competenze di mercato che attraggono buyer, produttori, sommelier, albergatori, ristoratori, importatori e distributori. C’è anche molto di più da sperimentare oltre al vino, poiché la Fiera offre anche liquori, birre artigianali, cocktail e altre bevande che riflettono la cultura mondiale.

Quest’anno la fiera è onorata di invitare l’Italia come paese partner, l’Italia presenta il più grande padiglione del gruppo, con più di 200 espositori. Il Forum del Vino Sangiovese è una delle tante attività che si concentrano sul Paese Partner. Presso il Padiglione Vinitaly è stata allestita una speciale area degustazione dedicata all’educazione al vino italiano. L’organizzatore, Veronafiere, offre anche un forum sul vino italiano, seminari, degustazioni guidate da sommelier e dimostrazioni di cucina di abbinamento di vini. E il Gala Wine Dinner, l’evento simbolo della fiera, ha un tema italiano.

Più di 19.000 buyer da tutto il mondo hanno partecipato alla quarta Hong Kong International Wine & Spirits Fair. Tra gli acquirenti della fiera ci sono 73 missioni di acquisto da 28 paesi e regioni. Rappresentano 2.750 buyer e 1.774 aziende. La fiera offre una piattaforma impareggiabile di vini e liquori di alto livello da tutto il mondo e rimane il palcoscenico perfetto per l’approvvigionamento di annate straordinarie, soddisfacendo gli acquirenti globali alla ricerca della grandezza dalla produzione alle vendite.

I tre giorni di intenso scambio tra interessi commerciali globali e costruzione di relazioni interpersonali, raccolta di informazioni e promozione della cultura del vino internazionale. L’evento pone inoltre un forte accento sui servizi, gli investimenti, la logistica e la formazione legati al vino.

Tendenze del settore
L’apprezzamento del vino è una tendenza in aumento in Asia, poiché la domanda di vino rimane forte e i consumatori sono sempre più esperti di vino. Le prospettive ottimistiche degli affari continueranno a incoraggiare il commercio di vino attraverso l’Oceano Pacifico e ad alimentare il vivace mercato del vino.

Da quando il governo di Hong Kong ha eliminato i dazi sul vino nel 2008, il settore del vino di Hong Kong è decollato. Hong Kong si sta trasformando in un hub regionale del commercio di vino e sta diventando una porta del vino verso la Cina continentale.

In quanto porto duty-free con una buona connettività aerea e eccellenti strutture di stoccaggio, Hong Kong è riconosciuta a livello mondiale come il centro di distribuzione del vino più conveniente. I commercianti di vino di tutto il mondo preferiscono Hong Kong come trampolino di lancio per espandere la propria attività in Asia e nel continente.

I produttori devono disporre di canali promozionali efficaci, mentre gli acquirenti dovrebbero adattarsi alle tendenze del mercato e soddisfare le esigenze dei consumatori. Poiché Hong Kong offre servizi di esposizione e commercio di prim’ordine, le fiere di Hong Kong rimangono la scelta migliore per fornitori e acquirenti.

In particolare, Hong Kong è diventata una piattaforma per il commercio di vino con la terraferma, che è stato a lungo il più grande mercato per i vini riesportati dalla città. Poiché le misure di facilitazione sono state ora estese a tutti i distretti doganali, i commercianti di vino godono di uno sdoganamento più rapido e di una maggiore certezza quando riesportano i vini attraverso Hong Kong.

Aggiungendo ai vantaggi di Hong Kong come infrastrutture avanzate, reti di trasporto e professionisti del settore esperti, le nuove misure rafforzano ulteriormente la posizione di Hong Kong come centro commerciale del vino attirando più commercianti di vino globali per accedere al mercato continentale attraverso la città.

Punti salienti
Le principali categorie espositive di quest’anno includono: Liquori e bevande; Servizi enologici (stoccaggio, istruzione e confezionamento); Accessori e attrezzature per il vino; e Friends of Wine (prodotti da forno, dolciumi, frutti di mare, pasta, ecc.).

I momenti salienti di quest’anno includevano un vino tradizionale georgiano fatto in barattoli di ceramica sepolti sottoterra per la fermentazione e il vino italiano prodotto per celebrare il 150 ° anniversario dell’Unità d’Italia.

Inoltre, in fiera debutta una Wine Investment Zone. La zona ha attratto leader del settore come la più grande casa d’aste americana Acker Merrall & Condit; l’agente di vino Berry Bros e Rudd, un fornitore di vino reale dal 1903; Liv-Ex, l’unica attività di commercio di vino online al mondo; Ottaviano, la più grande cantina di vini del mondo; e Wing Lung Bank, la prima banca di Hong Kong a fornire prestiti per il vino.

L’Italia ha presentato alla Fiera del Vino due vini, uno rosso e uno bianco. I due vini speciali sono stati prodotti appositamente per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ogni vino è stato ottenuto miscelando 20 varietà di vino utilizzando uve provenienti da varie regioni d’Italia

La Georgian Wine Association (Stand: 3G-E06) è la prima volta che espone alla fiera del vino. L’associazione spera di rendere gli acquirenti globali più consapevoli del vino distintivo della Georgia

Lorence and Company (Stand: 3D-D08) promuove in fiera il marchio italiano Alexander’s Rose Grappa

Apple Kam, responsabile vendite e marketing di Kung Kai Hong & Co (stand: 3E-D39), afferma che l’azienda espone tre serie di bicchieri da vino Lucaris alla fiera: Tokyo Temptation, Shanghai Soul e Bangkok Bliss

Alla fiera partecipa anche Quails ‘Gate Winery. Una selezione del vino dell’azienda canadese è stata versata durante una cena a cui hanno partecipato il Duca e la Duchessa di Cambridge, quando la coppia reale ha visitato il Canada all’inizio di quest’anno. Gli alcolici in vetrina includeranno una bottiglia di Dupuy 1940 Cognac. La bottiglia, al prezzo di HK $ 111.000, è una delle uniche due al mondo e può essere acquistata in fiera.

Eventi
La fiera presenta quasi 60 eventi speciali, tra cui la Conferenza sull’industria del vino, l’Asia Top Sommelier Summit, una varietà di seminari, sessioni di degustazione di vini, master class, cocktail, una cena di gala e il terzo Cathay Pacific Hong Kong International Wine & Spirit Competition.

Eventi salienti tra cui la Conferenza sull’industria del vino il 3 novembre, l’Asia Top Sommelier Summit il 4 novembre, con sommelier provenienti da circa 10 paesi e regioni, e la terza Cathay Pacific Hong Kong International Wine & Spirit Competition. Aperto alle categorie di spiriti per la prima volta, ha ricevuto oltre 1.700 candidature. Il giudice ospite del concorso, Alberto Antonini, è un enologo e consulente enologico italiano.

Giornata pubblica
L’ultimo giorno, il 5 novembre, è stato aperto al pubblico. Comprende un’asta di vini e un forum sugli investimenti, insieme a una varietà di seminari. Si svolgono due sessioni di “Grand Tasting of Finest Wine”, una dedicata alla Spagna, l’altra anche all’Italia.

Bordeaux Index, Wines from Spain e Spanish Trade Commission (Hong Kong) offrono vini classificati 90 o superiori dal noto critico di vini Robert Parker.

Altri eventi includono seminari sulle aste di vino e sugli investimenti e sull’apprezzamento del vino italiano, oltre a dimostrazioni di cocktail. Ha luogo anche la presentazione del premio del gioco di voto Most Beloved Wine.

Anche quest’anno si svolgerà la giornata senza tappo. I visitatori della fiera devono solo presentare un biglietto da visita al banco della promozione dei visitatori per ricevere un coupon che esenta dall’addebito del tappo per una bottiglia di vino o liquori, dal 3 al 13 novembre 2011, quando cenano in uno dei 109 ristoranti partecipanti di Hong Kong.

HKTDC
Istituito nel 1966, l’Hong Kong Trade Development Council (HKTDC) è un organo statutario dedicato alla creazione di opportunità per le imprese di Hong Kong. Con più di 40 uffici in tutto il mondo, di cui 13 nella Cina continentale, l’HKTDC promuove Hong Kong come piattaforma per fare affari con la Cina, l’Asia e il mondo. Con 50 anni di esperienza, l’HKTDC organizza mostre internazionali, conferenze e missioni commerciali per fornire alle aziende, in particolare alle PMI, opportunità di business sulla terraferma e sui mercati internazionali, fornendo informazioni tramite pubblicazioni commerciali, rapporti di ricerca e canali digitali, inclusa la sala multimediale.

Tags: