Fiera internazionale del vino e degli alcolici di Hong Kong 2010, Cina

La 3a edizione della Hong Kong International Wine & Spirits Fair, tenutasi dal 4 al 6 novembre, presso l’Hong Kong Convention and Exhibition Centre, ha attirato quasi 700 espositori da 29 paesi e regioni, presentando un’ampia varietà di vini, liquori e altri alcolici bevande, insieme ad accessori e attrezzature per il vino. Le nazioni con la maggiore presenza all’estero in fiera includono Australia, Francia, Italia e Spagna, rappresentate da un totale complessivo di oltre 370 espositori.

Quest’anno la fiera è onorata di invitare l’Australia come paese partner, che è il terzo più grande fornitore di vino a Hong Kong, ha 69 espositori in fiera. Tra le tante attività australiane che si sono svolte alla fiera, un punto culminante è stato il Vino Syrah / Shiraz Forum che riunisce rinomati vigneti che producono Shiraz. Hanno partecipato aziende provenienti da Australia, Cile, Stati Uniti e altro ancora. Ci sono stati molti seminari interattivi che hanno presentato le diverse regioni produttrici di vino dell’Australia e le sessioni di degustazione di vini e i workshop consentono ai partecipanti di saperne di più sul vino australiano.

The Wine & Spirits Fair è più di una semplice piattaforma di trading d’élite per il vino; l’evento è anche una vetrina di competenze di mercato che attraggono buyer, produttori, sommelier, albergatori, ristoratori, importatori e distributori. C’è anche molto di più da sperimentare oltre al vino, poiché la Fiera offre anche liquori, birre artigianali, cocktail e altre bevande che riflettono la cultura mondiale.

Hanno partecipato circa 65 missioni di acquisto da 41 paesi e regioni, in rappresentanza di quasi 2.000 acquirenti di aziende come la cooperativa di fornitori australiana ILG, la francese Millesima, la Sula Selections dell’India e le principali catene di negozi come Lawson Inc dal Giappone e LOTTE dalla Corea del Sud.

La fiera offre una piattaforma impareggiabile di vini e liquori di alto livello da tutto il mondo e rimane il palcoscenico perfetto per l’approvvigionamento di annate straordinarie, soddisfacendo gli acquirenti globali alla ricerca della grandezza dalla produzione alle vendite.

I tre giorni di intenso scambio tra interessi commerciali globali e costruzione di relazioni interpersonali, raccolta di informazioni e promozione della cultura del vino internazionale. L’evento pone inoltre un forte accento sui servizi, gli investimenti, la logistica e la formazione legati al vino.

Tendenze del settore
Quest’anno, Hong Kong che sorpassa Londra è diventata il secondo più grande centro per le aste di vino al mondo, solo dietro a New York. L’apprezzamento del vino è una tendenza in aumento in Asia, poiché la domanda di vino rimane forte e i consumatori sono sempre più esperti di vino. Le prospettive ottimistiche degli affari continueranno a incoraggiare il commercio di vino attraverso l’Oceano Pacifico e ad alimentare il vivace mercato del vino.

Da quando il governo di Hong Kong ha eliminato i dazi sul vino nel 2008, il settore del vino di Hong Kong è decollato. Hong Kong si sta trasformando in un hub regionale del commercio di vino e sta diventando una porta del vino verso la Cina continentale.

In quanto porto duty-free con una buona connettività aerea e eccellenti strutture di stoccaggio, Hong Kong è riconosciuta a livello mondiale come il centro di distribuzione del vino più conveniente. I commercianti di vino di tutto il mondo preferiscono Hong Kong come trampolino di lancio per espandere la propria attività in Asia e nel continente.

I produttori devono disporre di canali promozionali efficaci, mentre gli acquirenti dovrebbero adattarsi alle tendenze del mercato e soddisfare le esigenze dei consumatori. Poiché Hong Kong offre servizi di esposizione e commercio di prim’ordine, le fiere di Hong Kong rimangono la scelta migliore per fornitori e acquirenti.

In particolare, Hong Kong è diventata una piattaforma per il commercio di vino con la terraferma, che è stato a lungo il più grande mercato per i vini riesportati dalla città. Poiché le misure di facilitazione sono state ora estese a tutti i distretti doganali, i commercianti di vino godono di uno sdoganamento più rapido e di una maggiore certezza quando riesportano i vini attraverso Hong Kong.

Aggiungendo ai vantaggi di Hong Kong come infrastrutture avanzate, reti di trasporto e professionisti del settore esperti, le nuove misure rafforzano ulteriormente la posizione di Hong Kong come centro commerciale del vino attirando più commercianti di vino globali per accedere al mercato continentale attraverso la città.

Punti salienti
La fiera presenta anche sezioni speciali, comprese quelle incentrate su prodotti per liquori e bevande, accessori e attrezzature per il vino e servizi per il vino. Una sezione, Friends of Wine, presenta articoli che completano il vino, inclusi prodotti da forno, dolciumi, biscotti e pasta.

Anche lo stoccaggio e la gestione del vino sono stati sotto i riflettori, con rappresentanti dell’Agenzia di garanzia della qualità di Hong Kong che hanno parlato del loro schema di certificazione dei sistemi di gestione della conservazione del vino lanciato di recente. Coloro che stanno dietro a strutture accreditate come Crown Wine Cellars, DHL e Supply Chain Solutions parlano delle loro migliori pratiche.

I prodotti di punta in mostra includono:
Jebsen Fine Wines, un espositore della fiera del vino, promuove due aziende vinicole australiane alla fiera: Twinwoods e Penfolds. Jebsen ha investito in Twinwoods, un’azienda vinicola relativamente nuova dell’Australia occidentale. Penfolds è tra le cantine più importanti del paese.

Italian Wine Merchants Hong Kong, importatore di vini di Bodega Charcra in Argentina e Movia in Slovenia, era presente in fiera, le due cantine adottano un metodo di vinificazione naturale

Global Link Winery è un agente per una serie di vini italiani, compresi quelli delle Cantine Giacomo Montresor, che è stata selezionata quest’anno come migliore azienda vinicola in Italia. Il design speciale delle bottiglie della cantina consente ai clienti di conservare le etichette per il riacquisto.

Eventi speciali
L’Australia è il Paese partner di quest’anno. Evidenziando le numerose attività australiane della fiera, il Forum Vino Syrah / Shiraz di venerdì mattina ospiterà rinomati produttori di Shiraz provenienti da Australia, Cile, Stati Uniti e altrove.

La fiera propone più di 30 attività collaterali, tra cui l’Italian Cuisine World Summit sponsorizzato da Vinitaly. Il vertice prevede dimostrazioni culinarie e vino presso il Padiglione Italia per tutta la fiera. I maestri chef ospiti, molti dei quali provenienti da ristoranti con stelle Michelin, rivelano i loro segreti di preparazione dei cibi durante i corsi di cucina, offrendo ai visitatori la possibilità di assaggiare le loro creazioni insieme ad un buon vino italiano.

L’Asia Top Sommeliers ‘Summit, il 5 novembre, riunisce i principali sommelier di tutto il mondo. Nel pomeriggio, la Wine Industry Conference offre approfondimenti su argomenti come la produzione di vino nella Cina continentale. Inoltre, una serie di corsi di perfezionamento sono organizzati dall’Institute of Masters of Wine, dal Wine & Spirit Education Trust e dall’Asia Wine Service and Education Center.

Torna la seconda edizione della Cathay Pacific Hong Kong International Wine & Spirit Competition, in collaborazione con la London International Wine & Spirit Competition. Quest’anno sono stati presentati circa 1.300 vini e il giudice ospite internazionale è Tim Atkin, uno scrittore di vini pluripremiato. Il miglior vino con il sashimi è una nuova aggiunta al concorso di abbinamento vino e cibo, insieme alle quattro categorie esistenti: Miglior vino con Dim Sum, pollo Kung Pao, abalone brasato e anatra alla pechinese. La consegna del premio si è tenuta durante la cena di gala di stasera.

Giornata pubblica
La fiera è stata aperta al pubblico, dalle 18 in su, l’ultimo giorno, il 6 novembre. I visitatori hanno potuto partecipare al gioco di votazione The Most Beloved Wine, con la cerimonia di premiazione che si è svolta lo stesso giorno. I visitatori possono anche ottenere informazioni in diversi seminari, che vanno da How to Build a Winning Wine Collection a Australian Wine.

Oltre alle degustazioni di vino e ai corsi di perfezionamento, la Wine Gallery offre un’ampia varietà di vini, accessori per il vino e libri da tutto il mondo, con un focus sull’Australia. In base all’ordine di arrivo, i visitatori pubblici possono ricevere un bicchiere di vino in cristallo Lucaris gratuito.

In concomitanza con la fiera, circa 100 ristoranti partecipanti rinunciano alle loro spese di tappatura fino al 14 novembre, con un coupon che può essere ottenuto dal banco della promozione dei visitatori della fiera. I membri di Asia Miles hanno potuto usufruire di un massimo di 1.000 miglia gratuite acquistando vino o liquori dagli espositori alla fiera il 6 novembre.

HKTDC
Istituito nel 1966, l’Hong Kong Trade Development Council (HKTDC) è un organo statutario dedicato alla creazione di opportunità per le imprese di Hong Kong. Con più di 40 uffici in tutto il mondo, di cui 13 nella Cina continentale, l’HKTDC promuove Hong Kong come piattaforma per fare affari con la Cina, l’Asia e il mondo. Con 50 anni di esperienza, l’HKTDC organizza mostre internazionali, conferenze e missioni commerciali per fornire alle aziende, in particolare alle PMI, opportunità di business sulla terraferma e sui mercati internazionali, fornendo informazioni tramite pubblicazioni commerciali, rapporti di ricerca e canali digitali, inclusa la sala multimediale.

Tags: