Abbazia di Fontevraud, Angiò, Francia

L’abbazia reale di Nostra Signora di Fontevraud o Fontevrault (in francese: abbazia di Fontevraud) era un monastero nel villaggio di Fontevraud-l’Abbaye, vicino a Chinon, nell’Angiò, in Francia. Fu fondato nel 1101 dal predicatore itinerante Roberto d’Arbrissel. La fondazione fiorì e divenne il centro di un nuovo ordine monastico, l’Ordine di Fontevrault. L’abbazia di Fontevraud era costituita da quattro comunità separate, tutte completamente gestite dalla stessa badessa.

L’abbazia reale di Fontevraud, situata dove si incontrano le tre regioni di Poitou, Anjou e Touraine, è una delle più grandi città monastiche sopravvissute del Medioevo. L’Abbazia fu classificata Monumento Storico nel 1840 e, come parte della Valle della Loira, come patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2000. In una valle verde a pochi chilometri dalla Loira, vicino a Saumur, Fontevraud è una delle tappe imperdibili per una visita nella Valle della Loira. Una fermata, ma anche una destinazione.

L’abbazia reale di Nostra Signora di Fontevraud o Fontevrault, dove si trova l’abbazia, faceva parte di quello che a volte viene definito l’Impero angioino. Il re d’Inghilterra, Enrico II, sua moglie, Eleonora d’Aquitania e il figlio, Re Riccardo Cuor di Leone furono tutti sepolti qui alla fine del 12 ° secolo. Fu disertablato come monastero durante la rivoluzione francese.

Monastero inizialmente misto, accogliendo donne e uomini negli stessi edifici, poi ingrandito in un doppio monastero nello spirito della riforma gregoriana, l’Abbazia di Fontevraud attirerà la protezione dei Conti d’Angiò e la dinastia dei Plantageneti che faranno la loro necropoli . Dopo un declino dal XIII secolo, l’abbazia è diretta per quasi due secoli da badesse della famiglia reale dei Borboni. La Rivoluzione francese ha bloccato definitivamente l’establishment religioso che è stato trasformato in uno stabilimento penitenziario fino al 1963. I vari restauri di edifici sono iniziati nel XIX secolo dopo la classificazione dell’abbazia come monumento storico nel 1840 e continuano fino ai giorni nostri. Nel 2000, l’abbazia di Fontevraud è registrata con l’eredità mondiale dell’UNESCO con l’intero sito culturale della Valle della Loira.

Il complesso monastico oggi è composto da due monasteri rimasti sui quattro originali. Il più importante è il monastero di Grand-Moûtier, aperto al pubblico, che ospita la chiesa abbaziale, la cucina romanica e la cappella Saint-Benoît del XII secolo, così come il chiostro, gli edifici conventuali, tra cui la sala capitolare, e infermerie del sedicesimo secolo. Alcuni degli edifici ora ospitano sale per seminari. Il Priorato Saint-Lazare, la cui chiesa risale al XII secolo, è stato trasformato in una residenza alberghiera.

Fin dall’inizio, arte e cultura hanno costituito una componente essenziale nella vita di Fontevraud. Anche l’effigie sdraiata di Eleanor d’Aquitania la mostra con un libro aperto in mano. L’abbazia reale, monumento storico tutelato, è un sito culturale unico. L’architettura monastica, la vita delle monache e poi dei prigionieri, la storia della Francia e dell’Europa, questo sito con i suoi nove secoli di storia è una ricca miniera di informazioni culturali.

L’abbazia reale è anche un centro di arte e cultura contemporanea. L’arte contemporanea occupa un posto importante, visibile nella nostra collezione permanente di opere d’arte. Le arti visive sono anche rappresentate nello spazio espositivo temporaneo. L’arte non è solo esposta a Fontevraud, ma anche creata. Le residenze per artisti sono numerose, in particolare nel campo dei film d’animazione, che è diventata una specialità della casa.

Alla Royal Abbey di Fontevraud vantiamo un programma culturale audace e dinamico, con qualcosa per tutti. La musica religiosa e classica si mescola a jazz, canzone, folk, slam … Si tengono anche proiezioni di film, dibattiti e conferenze. In breve, questa abbazia non è come gli altri, la cultura non è limitata alla cappella.

Storia
La Fondazione
L’abbazia di Fontevraud fu fondata nel 1101 dal monaco e eremita Robert d’Arbrissel. Nel 1096, questo riceve da Papa Urbano II una visita ad Angers, una missione di predicazione apostolica. Diventando un predicatore itinerante, Robert d’Arbrissel è presto seguito da una grande folla di uomini e donne di diverse classi sociali. Si stabilì tra il 1099 e il 1101 in una valle chiamata Fons Ebraldi e fondò lì con i suoi discepoli una casa mista, rompendo con le regole del monachesimo ordinario. In tempi di riforma gregoriana, l’atteggiamento di Robert attira l’ira della gerarchia religiosa: la coabitazione di uomini e donne nello stesso luogo va male, e Robert scandalizzato quando dorme in mezzo alle donne. La vicinanza di Robert ai sessi è spiegata dalla pratica eremitica del syneisaktismo, una pratica ascetica che consiste nella casta convivenza di persone di sesso diverso al fine di superare le tentazioni carnali.

Nel 1101, la casa viene trasformata in un doppio ordine. Separa così gli uomini (il monastero di Saint-Jean-de-l’Habit) dalle donne (il monastero di Grand-Moûtier). Vengono create anche altre due strutture: il Monastero della Maddalena per i peccatori pentiti e il convento Saint-Lazare per i lebbrosi. L’ordine di Fontevraud è riconosciuto dal 1106 dal vescovo di Poitiers e dal papa Pascal II. I primi edifici sono costruiti nel primo quarto del XII secolo, poco dopo la fondazione. Le grandi famiglie dell’aristocrazia locale, in particolare i conti di Anjou, sono pronti a sostenere la fondazione. Ermengarde d’Anjou è uno dei primi membri della famiglia angioina a prendere in considerazione l’abbazia. Figlia di Foulque il Réchin, fa ratificare da suo fratello, Foulque V, i suoi doni con l’abbazia di Fontevraud. Si ritirò lì nel 1112 e lasciò l’abbazia nel 1118. L’anno seguente, dedichiamo il coro e il transetto della chiesa dell’abbazia, presto seguita dalla navata con le cupole.

Robert d’Arbrissel quindi aggiunse i primi statuti dell’abbazia per le monache. Durante l’installazione della comunità di ghisa nel 1101, l’abbazia di Fontevraud dipendeva da Gautier de Montsoreau, diretto vassallo del conte di Angiò. La suocera di Gautier, Hersende de Champagne, diventa la prima anziana priora dell’abbazia quando Robert d’Arbrissel decide di riprendere il suo girovagare.

Una prima badessa, Petronille di Chemille, viene eletta nell’ottobre del 1115, prima della morte di Robert, il 25 febbraio dell’anno successivo13,14. Il suo corpo è sepolto nel coro della chiesa abbaziale di Fontevraud, quindi in costruzione15. Molti religiosi, tuttavia, rifiutano di sottomettersi all’amministrazione di una donna, e alcuni decidono di abbandonare il monastero. Petronille Chemillé e Mathilde d’Anjou, che gli succedettero nel 1149, decisero di coinvolgere il papa per fermare le partenze. Il problema scompare dopo l’intervento di papa Anastasio IV nel 1154. Tuttavia, riappare più tardi nel 17 ° secolo.

Per tutto il XII secolo, l’ordine di Fontevraud continua ad espandersi: alla morte di Robert d’Arbrissel, ha già trentacinque priorati, riunendo duemila religiosi e religiose. Suger, abate di Saint-Denis, conta tra le quattro e le cinquemila suore intorno al 1150. Alla fine del secolo, ci sono un centinaio di priorati in tutta la Francia e, successivamente, in Spagna e in Inghilterra.

La necropoli dei Plantageneti
La trasformazione dell’abbazia in una necropoli dinastica Plantageneti contribuisce notevolmente al suo sviluppo. Enrico II, sposato con Aliénor nel 1152, fece la sua prima visita lì il 21 maggio 1154. La coppia affidò all’abbazia i suoi due figli più piccoli: Jeanne, nata nel 1165, e Jean, futuro re d’Inghilterra. Lasciò l’abbazia dopo cinque anni, mentre Jeanne non se ne andò fino al 1176, per il suo matrimonio. Nel 1180, Enrico II finanzia la costruzione della chiesa parrocchiale di Fontevraud, la chiesa di San Michele, costruita vicino all’abbazia. Nel 1189, moralmente e fisicamente stremato dalla guerra condotta dai suoi figli e dal re di Francia, Enrico II morì a Chinon. Nessuna disposizione era stata presa per preparare il funerale. Anche se l’ex re è stato in grado di parlare di essere sepolto a Grandmont, nel Limousin, è difficile trasportare il corpo nel bel mezzo dell’estate e nessuno vuole prendere il tempo del viaggio. Fontevraud viene quindi scelto per comodità, al fine di allontanare il più frettoloso.

Richard the Lionheart morì il 6 aprile 1199 a Chalus-Chabrol. Sulla scelta di sua madre Aliénor, i resti vengono portati a Fontevraud e sepolti l’11 aprile insieme al padre. Jean Favier esprime l’idea che con questa scelta, Aliénor desidera creare una necropoli dinastica, sulle terre ancestrali della famiglia Plantagenet, ma anche al confine con il Poitou e l’Aquitania, la sua terra natale. Jeanne, colpita dalla morte di suo fratello, andò a Rouen con il fratello minore, Jean. Incinta e indebolita, si ritirò definitivamente a Fontevraud e morì l’11 luglio 1199 dando alla luce un bambino, Richard, che vivrà quanto basta per essere battezzato.

Nel 1200, di ritorno da Castiglia, Eleanor decise, a più di 80 anni, di ritirarsi in modo quasi definitivo a Fontevraud. Morì quattro anni dopo, 1 aprile 1204 a Poitiers, ed è sepolta accanto a suo marito, suo figlio Richard e sua figlia Jeanne. Dopo la morte di Aliénor, i suoi figli e nipote continuano a considerare l’abbazia come una necropoli di famiglia. Nel 1250, Raymond, conte di Tolosa e figlio di Giovanna, viene sepolto su sua richiesta a sua madre. Nel 1254, Enrico III, figlio di Jean, organizza il trasferimento dei resti di sua madre Isabelle d’Angoulême, poi sepolto ad Angoumois presso l’abbazia di Notre-Dame de la Couronne, fino a Fontevraud. Il suo cuore è depositato lì alla sua morte.

Il declino:
La fine dell’impero Plantageneto pone l’abbazia in una situazione delicata. I suoi possedimenti si estendono su tutta l’area del territorio ex plantageneto, inclusa l’Inghilterra. I possedimenti Angioini e Tourangelles sono passati dalla parte del re di Francia, ma quelli di Poitou e Guyenne sono ancora sotto l’influenza inglese più o meno forte che partecipa ad una specie di anarchia feudale in Aquitania. Questa situazione si aggiunge alla crescente povertà dell’ordine di Fontevraud. Alla fine del XII secolo, la badessa Mathilde delle Fiandre menziona “l’eccessiva povertà di cui soffriamo”. Per superare queste difficoltà finanziarie, nel 1247, le monache sono autorizzate a beneficiare della proprietà dei loro genitori in successione. La creazione di un nuovo priorato in ghisa è stata interrotta. Nel 1248, papa Innocenzo IV impose l’abbazia di dieci lire tournois per il mantenimento del vescovo di Tiberiade, un contributo rifiutato dalla badessa che pretende il costo rappresentato da 700 religiosi e personale dell’abbazia da sfamare. Alla fine del 13 ° secolo, la badessa fu costretta a scambiare la proprietà di Ponts-de-Cé vicino ad Angers al Conte d’Angiò contro un affitto di 300 doghe di grano e 70 sterline d’argento. Nel 1297, il vescovo fissò il numero massimo di monache del Grand Mouûtier a 300, contro 360 prima.

Alle difficoltà finanziarie si aggiunge l’inizio della Guerra dei Cent’anni. Nel 1369, l’abbazia perse circa il 60% delle sue rendite, aggravando una situazione finanziaria già difficile. L’abbazia non fu saccheggiata durante la guerra, ma i dintorni furono devastati più volte nel 1357, 1369 e 1380. Nel 1460, Guillaume de Bailleul, priore di Saint-Jean de l’Habit, riferisce l’indebolimento dell’ordine di fusione. Visita cinquanta priorati, tre dei quali sono abbandonati dai castelli. La maggior parte conta solo pochi religiosi.

Rinnovo
Al suo arrivo a capo dell’abbazia nel 1457, la badessa Marie de Bretagne, figlia di Richard d’Etampes, si affrettò a riformare l’ordine: rimuove il priorato troppo povero e scrive una nuova regola. Non appena sacro, il re Luigi XI non esita a sostenere l’abbazia. Conferma nuovamente i privilegi il 15 ottobre 1479. Nonostante il sostegno del papa, il successore di Marie de Bretagne, Anna di Orleans, lotta per imporre la riforma alle monache. Nel 1491 vengono riformati solo sei priorati dell’ordine.

Renée de Bourbon fu eletta badessa nel 1491, alla morte di Anna d’Orleans. È la prima di cinque badesse della famiglia reale dei Borbone ad essere eletta a Fontevraud. Non appena viene eletta, applica la riforma e intraprende una ristrutturazione architettonica. Sotto la sua abbazia, sono costruiti il ​​recinto dell’abbazia lungo un chilometro e trecento e una galleria contigua al transetto nord dell’abbazia. Rievoca la parte meridionale del chiostro costruendo sul piano primo quarantasette celle per le monache e ricostruendo il refettorio. Luisa di Borbone gli succedette e continuò la ristrutturazione del Grand Mouûtier ricostruendo le altre tre gallerie del chiostro e sviluppando l’ala est. Nel secondo, ricostruisce la sala della comunità e la sala capitolare in cui il pittore angioino Thomas Pot dipinge i dipinti della Passione di Cristo. Nel 1558 un’alluvione distrusse la maggior parte degli edifici dell’infermeria Saint-Benoît, risparmiando la cappella34. Luisa di Borbone morì nel 1575, dopo essere stata badessa per 41 anni. E ‘Eleonora di Borbone che lo succede, perseguendo anche il lavoro. Terminò il dormitorio e decise di ricostruire l’infermeria di Saint-Benoit, devastata dalle inondazioni del 1558: il lavoro, considerevole, costò 37.400 sterline.

Luisa di Borbone di Lavedan divenne badessa nel 1611. Creò nel 1618 un seminario per i monaci di Saint-Jean de l’Habit a La Flèche e acquisì nel 1632 i fondi del siniscalco di Saumur per costituire una biblioteca nel monastero. Allo stesso modo, ha scavato fossi e costruito un muro intorno a Saint-Jean de l’Habit in modo che i religiosi possano vivere in un recinto stretto, riducendo al minimo il contatto con il mondo esterno. Tuttavia, anche prima della morte di Louise nel 1637, il conflitto tra la badessa e il religioso riapparve: proprio come il fondamento dell’ordine, i religiosi accettano solo con difficoltà che una donna ha autorità su di loro. Le diserzioni si moltiplicano, i religiosi di San Giovanni dell’Abito lasciano il monastero per unirsi ad altri ordini. Bolle papali stanno cercando di arginare il movimento, ma è necessario aspettare fino al 1641 per porre fine ad esso:
la badessa Jeanne-Baptiste de Bourbon ottenne dal Consiglio di Stato un giudizio che conferma l’importanza e il ruolo della badessa nell’ordine. I monaci ribelli si sottomettono. Nel 1642 viene stampata la regola dell’ordine di Fontevraud.

Nel 1670, l’abbazia ha 230 suore, 60 religiose e molti laici incaricati dell’amministrazione e 47 servitori. La morte di Jeanne-Baptiste segnerà profondamente il destino dell’abbazia: l’ex badessa Non avendo scelto un coadiutore come era usanza, la nuova badessa viene quindi nominata dal re stesso.

Il 16 agosto 1670, Luigi XIV nominò a capo dell’Abbazia e dell’Ordine Maria Maddalena Gabrielle Rochechouart, sorella di Madame de Montespan – che creò nel 1693 l’Ospizio della Sacra Famiglia, destinato a ricevere cento poveri, che trasferirà il 14/11/1703 a Oiron (79) dominio acquisito nel marzo del 1700 per suo figlio, futuro duca di Antin – che conosceva la vita alla corte del re. A capo dell’ordine, Gabrielle de Rochechouart cerca di sopprimere gli abusi e le deroghe alla regola che ella impone di seguire rigorosamente. Completò anche la costruzione del noviziato, giardini paesaggistici, costruì una galleria che collegava l’abbazia al parco borbonico e continua la costruzione del palazzo abbaziale. Più intellettuale di un teologo, la nuova badessa instaura una certa vita mondana ricevendo la sua famiglia o facendo in modo che la commedia di Ester, l’opera di Jean Racine, deroghi alla regola dell’ordine. La signora de Montespan rimase per un anno nell’abbazia nel 1689, attirando parte della sua corte.

Louise-Françoise de Rochechouart prese la testa dell’abbazia alla morte di Gabrielle nel 1704. Nel giugno del 1738, le quattro ragazze più giovani di Luigi XV arrivano a Fontevraud dove il re le affida all’educazione delle monache. Una nuova casa è costruita a ovest, la casa borbonica, completata nel 1741, ha ampliato le nuove strutture nel 1747. Le figlie di Luigi XV rimarranno lì fino al 1750. Le ultime badesse, Marie-Louise Timbrone e Julie-Gillette de Pardaillan estendono il palazzo abbaziale, costruire gli edifici delle Fannerie e le scuderie, e erigere l’attuale portale di ingresso, alla vigilia della Rivoluzione.

Rivoluzione e soppressione dell’Ordine
La Rivoluzione francese porterà il colpo fatale all’abbazia e all’ordine di Fontevraud. In seguito agli eventi rivoluzionari, la situazione finanziaria dell’abbazia peggiora rapidamente: la decima, che gli ha portato 600 sterline all’anno, non viene più percepita. Nella notte tra il 3 e il 4 agosto, l’Assemblea nazionale decreta la fine dei privilegi e dichiara l’imposizione dei privilegi per gli ultimi sei mesi dell’anno 1789.

Il colpo di grazia arriva il 2 novembre 1789: i beni del clero sono dichiarati proprietà nazionale. L’abbazia ha ancora 70 suore, 40 conversazioni e una ventina di religiosi e l’ordine di Fontevraud dirige altri 52 conventi. Ma la badessa rifiuta di evacuare il posto. L’unità della comunità di Fontevraud è mantenuta per diversi mesi.

Il 30 aprile 1790, il sindaco di Fontevraud, Alexandre Guerrier, ex monaco di Saint-Jean de l’Habit, arriva alla porta del suo ex convento con il comune. Il convento ha solo 21 conversazioni religiose e 18 fratelli. Viene redatto un inventario della proprietà e un certo numero di religiosi ne approfitta per lasciare l’ordine e ricevere in cambio una pensione dallo Stato. Il 19 luglio, l’amministrazione del distretto di Saumur procede all’inventario del resto dei mobili dell’abbazia: ci vogliono otto giorni e termina il 26. Con l’eccezione di una sorella conversano, le suore dichiarano tutta la loro intenzione di rimanere ferme. Il 5 agosto, l’amministrazione assume gli ultimi fratelli di Saint-Jean de l’Habit per lasciare l’abbazia e paga loro un deposito sulla loro pensione. Il 2 giugno 1791, il convento è completamente vuoto e il 16 agosto i mobili restanti vengono venduti, firmando la fine di San Giovanni dell’Abitudine.

Il 17 agosto 1792, la Convenzione decreta che gli edifici ancora occupati dai religiosi devono essere evacuati prima di ottobre. Le suore lasciano l’abbazia a poco a poco durante l’autunno. Julie-Gillette di Pardaillan d’Antin, l’ultima badessa, lasciò l’abbazia per ultima, il 25 settembre 1792. La proprietà è divisa in lotti, e il mobilio è difficile da vendere il 15 ottobre. Il 30 gennaio 1793, una truppa entra nell’abbazia, nonostante l’intervento del guardiano, e comincia a saccheggiare e saccheggiare gli edifici. I sarcofagi e le bare della volta delle badesse sono rotte e le ossa abbandonate o gettate via. Per evitare ulteriori saccheggi, il comune si sta affrettando a vendere la proprietà rimanente. I 106 ex religiosi che vivono ancora a Fontevraud sono testimoni dell’estrema dispersione dei mobili e del martellamento dello stemma e dei segni dell’Ancien Régime. In pieno terrore, l’atmosfera è pesante e gli ex occupanti dell’abbazia diventano sospettosi agli occhi dell’amministrazione.

Nell’anno III, il comune prende misure per prevenire danni quotidiani e atti vandalici agli edifici. La chiesa di San Giovanni dell’abitudine minaccia la rovina, ma il comune non ha i mezzi finanziari per procedere con le riparazioni. La locazione dei terreni dell’abbazia, che incoraggia il saccheggio quotidiano, è terminata.

La prigione
Il 18 ottobre 1804, Napoleone I firmò un decreto che trasformò l’abbazia in un centro di detenzione, così come quelli di Clairvaux e Mont Saint-Michel. Il lavoro di conversione, affidato all’ingegnere Alfred Normand Roads and Bridges, ebbe luogo dal 1806 al 1814. Successive riorganizzazioni furono effettuate fino alla chiusura della prigione il 1 ° luglio 1963, senza toccare l’essenziale. strutture. Costruendo sulla vecchia recinzione, Normand costruì una vera passeggiata attorno al Grand Mouûtier. Nuovi edifici sono costruiti vicino all’abbazia e nei cortili. La navata dell’abbazia è separata da due livelli di piani per ospitare i detenuti, il coro funge da cappella. Se alcuni edifici sono distrutti o gravemente danneggiati, il lavoro e la trasformazione in carcere hanno comunque salvato la carcassa dalla rovina. I primi prigionieri arrivarono nel 1812. Il carcere fu ufficialmente aperto il 3 agosto 1814, con circa venti persone. Nel 1817, Fontevraud divenne una casa di forza e correzione per diciannove dipartimenti. Sono necessari nuovi sviluppi. Nel 1821, l’architetto Durand fu chiamato nella vecchia abbazia. Per ottenere il massimo spazio, rimuove un gran numero di partizioni e cerca di moltiplicare i piani, specialmente nella navata dell’abbazia. Le sue cupole vengono poi rase al suolo per sviluppare l’attico nel 1825. All’ala nord del chiostro viene aggiunto un piano aggiuntivo e al refettorio viene aggiunto un pavimento.

I laboratori e le fabbriche vengono creati con il lavoro dei prigionieri, le popolazioni locali trovano così un sostituto per la comunità religiosa che ha dato loro fino ad allora una certa facilità economica. Fecero bottoni in madreperla, guanti, reti, coperte per l’esercito e lavorarono anche canapa e lino. I più obbedienti sono le faccende nei campi. Le donne detenute lasciano Fontevraud nel 1850, quando vengono trasferite a Rennes.

Conosciuta come la “prigione a migliaia di finestre” a causa della sua inadeguata architettura carceraria (troppe finestre e porte per le fughe), le condizioni di detenzione sono state rese più difficili e Fontevraud è stato considerato il più importante centro penitenziario. dura in Francia, con quella di Clairvaux. La prigione in tal modo ha saputo poca fuga in 150 anni di esistenza. La più sorprendente fu una tripla fuga il 15 giugno 1955, il monitoraggio dei detenuti per nove giorni seminando la psicosi e la confusione nei tre dipartimenti vicini e terminando con una sparatoria a 50 km dal penitenziario, a Sainte-Maure-de-Touraine.

Progettato per ospitare 1.000 detenuti, il carcere riceve fino a 2.000 prigionieri nel 1830 e impiega 150 supervisori e le loro famiglie, spesso molti, il che rende il villaggio in vita con non meno di tre panetterie, un macellaio, una gastronomia e cinque negozi di alimentari. La maggior parte dei 600 prigionieri sono evacuati alla chiusura del carcere, tranne una quarantina, impiegati nella manutenzione degli spazi verdi e nella demolizione delle strutture penitenziarie. Lasciano definitivamente la prigione residua, il distretto di La Madeleine, nel 1985, data in cui i luoghi vengono restituiti alla “vita civile”.

La popolazione contava separatamente durante i censimenti della città di Fontevraud-L’Abbaye. Queste cifre comprendono tutti i detenuti, ma anche i militari e gli internati in tutto il comune (circa 1/20 del totale).

Catering e apertura al pubblico
Dal 1840, grazie all’azione di Prosper Mérimée, Ispettore Generale dei Monumenti Storici, l’ex Abbazia di Fontevraud compare nel primo elenco nazionale di classificazione dei monumenti storici.

A poco a poco, diversi edifici vengono liberati dal loro incarico: il chiostro nel 1860, il refettorio nel 1882, la torre di Évrau e la chiesa abbaziale, lunga 90 metri, all’inizio del XX secolo e sono gradualmente restaurati. Dalla chiusura nel 1963 alla fine del 20 ° secolo, i progetti di restauro quasi ininterrotti hanno dato l’aspetto che il visitatore ora scopre.

Nel 1963 il fotografo Pierre Jahan fotografa la cupola poligonale della vecchia cucina, che pubblica in Objective

Il centro culturale occidentale
Dal momento che nessuna comunità religiosa può far rivivere l’abbazia, il Centre culturel du Ouest è stato fondato nel 1975 da Olivier Guichard, presidente del consiglio regionale dei Paesi della Loira. Henri Beaugé-Bérubé è stato nominato nel 1976. Lo scopo di questa associazione riconosciuta per l’utilità pubblica è “la difesa, lo sviluppo, l’animazione e la promozione dell’abbazia di Fontevraud”.

Inizialmente questa associazione organizza corsi sul patrimonio culturale, eventi artistici, corsi introduttivi di artigianato, canti gregoriani e conferenze di ospiti, principalmente incentrati sull’Inghilterra, sull’architettura e sul canto corale.

Dal 1990, René Martin organizza concerti di musica sacra.

Il progetto “Villa Médicis du Numérique”, avviato sotto la direzione di Chantal Colleu-Dumont nel 2001, si estende al concetto di “città ideale” implementato da Xavier Kawa-Topor, direttore dell’abbazia dal 2005 in poi. sito diventa un luogo permanente per dibattiti, mostre, spettacoli, residenze di artisti soprattutto nel campo del cinema d’animazione.

L’abbazia reale di Fontevraud, Centro culturale occidentale, è membro della Rete europea dei centri di incontro culturale (quaranta membri all’inizio del XXI secolo in Europa).

Architettura
Il Grand Moûtier
La chiesa dell’abbazia
La costruzione della chiesa inizia subito dopo la fondazione dell’ordine nel 1101. Una prima chiesa è abbozzata e inizia la costruzione dell’abside. Ma il progetto si interrompe rapidamente: sotto l’affluenza dei fedeli, si trasformano i piani e si inizia la costruzione dell’attuale chiesa. Le parti inferiori del coro e del transetto sono già fortemente avanzate intorno al 1115 e consacrate il 31 agosto 1119 da Papa Calixte II. Le parti alte seguono rapidamente. Originariamente era destinato a coprire la navata di un falegname, ma dopo il 1119 l’idea viene abbandonata a favore di una volta a cupola.

La chiesa abbaziale di Fontevraud, sotto il nome di Notre-Dame, si trova a nord del monastero di Grand-Moûtier. Si compone di una navata coperta da quattro cupole, un transetto saliente con due cappelle orientate e un coro con deambulatorio e tre absidiole. L’edificio ha una lunghezza totale di 90 metri. È costruito in tufo, un calcare tenero, molto presente nel Saumuro, che permetteva l’estrazione vicino all’abbazia, nelle cave sotterranee.

L’abside del coro con deambulatorio della chiesa contrasta con il resto dell’edificio per la sua inclinazione architettonica: sale in altezza grazie a una dozzina di colonne sormontate da archi leggermente spezzati. Segue un fregio di archi ciechi, poi alte finestre, alternativamente traforate e cieche. L’abside termina in altezza con un piano di finestre superiori. L’ambulacro, delimitato attorno al coro dalle colonne, si apre su tre cappelle, due radianti e una assiale. Ciascuna delle cappelle ha una baia, completando l’abbondante luminosità di questa parte dell’edificio.

Il transetto dell’abbazia, coperto da una volta della culla rotta, è molto saliente. L’attraversamento del transetto è sormontato da una cupola, molto meno imponente di quella della navata, i cui ciondoli cadono su colonne agganciate. L’altezza sotto la croce raggiunge i 23 metri. I due bracci del transetto si aprono ciascuno su una cappella orientata. Ci sono fino a otto aperture sul North Arm, mentre gli ultimi sviluppi del Grand Moûtier hanno ostruito le aperture del South Arm.

La navata consiste di quattro cupole con un diametro di 10 metri ciascuna, che delineano le quattro campate della navata. È un prestito architettonico per l’Aquitania, che si trova ad esempio nella cattedrale di Périgueux.
Fu decorato dallo scultore Gervais I Delabarre che vi fece la tomba di Robert d’Arbrissel nel 1655, poi lo scultore Pierre Biardeau (1608-1671) gli succedette in questa impresa.

Il chiostro
Il chiostro costituisce il centro del Monastero di Grand-Moûtier. Lungo 59 metri, serve tutti i centri nevralgici della vita monastica: l’abbazia, la sala capitolare, il refettorio, le cucine e i dormitori.

Il primo chiostro fu costruito all’inizio del XII secolo. È ricostruito nel sedicesimo secolo, prima dalla galleria del sud nel 1519 che è coperta con una volta di testate, a bassa altezza. Le vene dei caveau ricadono tutte nella storia dei cul-de-lampe. L’esterno della galleria meridionale mostra un’evoluzione di stile: tra spessi contrafforti, archi a tutto sesto geminati semicircolari, separati da pilastri e adornati con un arredamento più classico. Le altre gallerie furono ricostruite nel 1548. Sono anche a volta a costoloni, le cui costole cadono su colonne semi-impegnate o cul-de-lampe di stile classico. Queste tre gallerie sono composte da aperture ad arco semicircolari i cui pilastri sono decorati con lesene classiche. Tra due archi, verso l’interno del cortile, sono state costruite due colonne di ordine ionico sormontate da una trabeazione che sostiene sia un tetto in ardesia che i piani superiori. Il muro che separa il chiostro dall’abbazia è decorato con una serie di archi a cassettoni non decorati.

La sala capitolare
La Sala Capitolare, o Stanza del Capitolo, è la stanza in cui la comunità religiosa si incontra quotidianamente. Al mattino, discute le notizie dell’abbazia: ammissione al noviziato, elezione, ricevimento della personalità, lettura di annunci o proclami del vescovo o del papa. La sera leggiamo un capitolo della regola e testi edificanti. È il posto più importante riguardante l’organizzazione della vita monastica.

L’attuale sala capitolare di Fontevraud fu eretta sotto l’abbazia di Luisa di Borbone, tra il 1534 e il 1575 dal 1541. Si tratta di una volta di testate con sei campate che cadono su basi e su due colonne, corte e fini. Si apre con un portale riccamente decorato e due baie geminate su entrambi i lati.

I dipinti della sala furono realizzati da Thomas Pot intorno al 1565. Rappresentano la Passione di Cristo fino all’assunzione della Vergine. Originariamente, Thomas Pot rappresenta Renee (a sinistra di Gesù) e Louise di Borbone (a destra di Gesù Cristo) nel mezzo delle scene della crocifissione del Nuovo Testamento. Successivamente, altre badesse di Fontevraud vengono aggiunte alle diverse scene. I dipinti sono pesantemente degradati o parzialmente distrutti durante la trasformazione della stanza in un negozio di alimentari nel diciannovesimo secolo. Lo sviluppo di una cucina nella sala della comunità contribuisce all’emergere di condizioni di umidità dannose. Una prima campagna di restauro pittorico iniziò nel 1952 per iniziativa dell’ispettore dei monumenti storici, Pierre-Marie Auzas. Nell’ottobre del 1952, il ristoratore Gaston Chauffrey descrisse i quadri come “molto malati”, ma diede loro, secondo lui, un “aspetto soddisfacente” e leggibilità alla fine del suo lavoro nel giugno del 1953. Nel 1969, Pierre-Marie Auzas divenne allarmato Ancora una volta il danno causato dalla perdita di un serbatoio, notando che in alcuni punti “la pietra viene spruzzata e la vernice si sta staccando”. Sono state predisposte diverse valutazioni ed esami della salute per studiare i degradi e proporre le appropriate misure di ripristino. I primi lavori di restauro iniziarono nel giugno 1978 con la scena della crocifissione, e terminarono nel 1984. Ma nel 1986, ci furono distacchi dovuti al cattivo invecchiamento della vernice protettiva. Una nuova campagna di restauro è stata lanciata nel 1990. I dipinti sono ora meglio documentati. Restorers can rely on reproductions of portraits of the abbesses made at the initiative of François Roger de Gaignières in the seventeenth century. The restorations were completed in 1991.

The kitchen
The building was built between 1160 and 1170, at the southwest corner of the cloister, in the continuation of the refectory.

The kitchen contains eight apsidioles, five of which are still preserved. It is based on a square rising on each side in a slightly broken arc, completed by an octagon of which each angle consists of an engaged column. Each side of the octagon hosts an apse, each open three small bays and hosting a hood. Thanks to a system of horns, the broken arc square supports the central chimney.

The exact destination of the kitchen is debating. Eugène Viollet-le-Duc proposes, in his Dictionnaire raisonné de l’architecture française, a theory on the evacuation of smoke by the different chimneys, starting from the principle that each absidiole was used as home. The art historian Michel Melot proposes as hypothesis the use of the building as a smoking room.

St. Benedict
The chapel
The chapel Saint-Benoit dates from the XII century and then serves as a chapel in the infirmary. It is of Romanesque style. The choir is then extended in a Gothic style. Under the abbey of Louise de Bourbon, the nave is separated in its upper part to arrange the apartment of the high prioress. Under the penitentiary administration, the building is transformed into a brewery.

Priory Saint-Lazare
Near the Grand Moûtier, the priory Saint-Lazare contained a community of nuns responsible for the supervision of leprous patients. There is nothing left of these early buildings and its organization remains unknown. The priory is rebuilt thanks to the gifts of Henry II Plantagenet, and the beginning of the work dates from the abbey of Mathilde d’Anjou (1149-1155), aunt of the king. The priory church is an architectural example of early Gothic Angevin.

Under the abbey of Louise de Boubon (1534-1575), various interventions are undertaken. The eighteenth century gives it its present appearance. At the end of the Ancien Régime, the priory serves only for sick or convalescent sisters. This small community enjoys a certain independence: “A nun presided at the administration, having under her orders some of her companions, her converses, servants, her kitchen, her table, in a word, holding house” as evidenced by François-Yves Bernard, a contemporary. The priory is transformed into an infirmary during the transformation of the abbey into a detention center. The priory is today a hotel-restaurant.

Saint-Jean-de-l’Habit Convent
The buildings of the convent Saint-Jean-de-l’Habit have disappeared today. Following the Revolution and the expulsion of the last religious, the convent is totally abandoned and becomes a stone quarry. The ruins of the church are still visible in the mid-nineteenth century, before being permanently dismantled.

Hospitality:
“A customer is the most important visitor on our premises. He is not dependent on us. We are dependent on him. He is not an interruption in our work. He is the purpose of it. He is not an outsider in our business. He is part of it. We are not doing him a favour by serving him. He is doing us a favour by giving us an opportunity to do so.” This quote from Gandhi perfectly illustrates our philosophy of welcome at the Fontevraud Royal Abbey. Here, beyond just a range of services, we offer real hospitality to all our guests.

The tradition of hospitality runs in our veins at Fontevraud. The Rule of Saint Benedict, which inspired Fontevraud, gave great importance to this element (Chapter 53: ‘On the reception of guests). Today’s ambitions of hospitality at the Royal Abbey are even greater. To welcome, look after, and surprise our guests, this is the team’s dearest wish. Whether a guest at our hotel or restaurant, or a day visitor, everyone is welcomed, pampered, in the same way. Hospitality … the continuation of an ancient tradition at a site wide open to the world!

Tags: