Teatro Bolshoi, Mosca, Russia

Il teatro Bolshoi (in russo: Большо́й теа́тр) è un teatro storico di Mosca, in Russia, originariamente progettato dall’architetto Joseph Bové, che ospita spettacoli di balletto e opera. Prima della Rivoluzione d’Ottobre faceva parte dei Teatri Imperiali dell’Impero russo insieme al Maly Theater (Piccolo Teatro) di Mosca e ad alcuni teatri di San Pietroburgo (Teatro dell’Ermitage, Teatro Bolshoi (Kamenny), in seguito Teatro Mariinsky e altri).

Il Bolshoi Ballet e la Bolshoi Opera sono tra le più antiche e rinomate compagnie di balletto e opera al mondo. È di gran lunga la più grande compagnia di balletto del mondo, con oltre 200 ballerini. Il teatro è la casa madre della Bolshoi Ballet Academy, una scuola di balletto di fama mondiale. Ha una filiale presso la Bolshoi Theatre School di Joinville, in Brasile.

L’edificio principale del teatro, ricostruito e rinnovato più volte nel corso della sua storia, è un punto di riferimento di Mosca e della Russia (la sua iconica facciata neoclassica è raffigurata sulla banconota russa da 100 rubli). Il 28 ottobre 2011, il Bolshoi ha riaperto dopo un lungo rinnovamento di sei anni. Il costo ufficiale della ristrutturazione è di 21 miliardi di rubli ($ 688 milioni). Tuttavia, altre autorità russe e altre persone ad essa collegate hanno affermato che sono stati spesi molti più soldi pubblici. La ristrutturazione ha incluso il ripristino dell’acustica alla qualità originale (che era stata persa durante l’era sovietica), così come il ripristino dell’originale decorazione imperiale del Bolshoi.

Inizialmente, il teatro era privato, ma dal 1794 divenne un teatro statale, che insieme a Maly costituì una singola compagnia di Mosca di teatri imperiali. Di tanto in tanto, lo stato della compagnia di Mosca cambiava: era subordinato al governatore generale di Mosca, o di nuovo sotto la direzione di San Pietroburgo. Ciò continuò fino alla rivoluzione del 1917, quando tutte le proprietà furono nazionalizzate e vi fu una completa separazione dei teatri di Maly e Bolshoi.

Tutta la storia della cultura teatrale di Mosca per molti anni è stata associata al Teatro Bolshoi.

Teatro Petrovsky – Teatro Meddox
La storia del teatro è solita condurre dal 17 marzo (28), 1776, quando il procuratore provinciale il principe Pyotr Vasilyevich Urusov ricevette il massimo permesso dall’imperatrice Caterina II “per contenere … tutti i tipi di spettacoli teatrali, nonché concerti , voxals e mascherate “. Il principe iniziò la costruzione del teatro, che – nella posizione in via Petrovka (sulla riva destra della Neglinka) – era chiamato Petrovsky. Il teatro Urusov è andato a fuoco anche prima della sua apertura, e il principe ha consegnato gli affari al suo compagno, l’imprenditore inglese Michael (Mikhail) Meddoks. Fu sotto la direzione di Meddox che il Teatro Bolshoi Petrovsky fu costruito nel 1776-1789 secondo il progetto dell’architetto Christian Rosberg. Il teatro prende il nome da Petrovka Street,

Un edificio di mattoni a tre piani con dettagli in pietra bianca e sotto un tetto posteriore è sorto in cinque mesi e costa a Meddok 130 mila rubli in argento, 50 mila in più rispetto alla stima. L’inaugurazione ebbe luogo il 30 dicembre 1780. Il teatro aveva una platea, tre file di logge e una galleria, che ospitava circa mille spettatori, una “sala con maschera a due luci”, una “sala da gioco” e altre sale speciali; nel 1788 fu aggiunta una nuova sala rotonda in maschera, la Rotonda. Secondo altre fonti, la sala ha ospitato 800 visitatori: “Il teatro aveva quattro piani con logge e due ampie gallerie. Nelle bancarelle c’erano due file con sedili chiusi su ciascun lato. Casette lussuosamente arredate costano da trecento a mille rubli e oltre. Un biglietto per l’orchestra costava un rublo. La sala del teatro ospitava 800 spettatori e lo stesso numero di spettatori poteva entrare nelle gallerie ”. Per i primi 14 anni di proprietà del teatro, Meddox al Teatro Petrovsky ha messo in scena 425 spettacoli di opera e balletto. Nel 1794, Meddox fu costretto a trasferire il teatro al tesoro a causa di difficoltà finanziarie; il teatro divenne l’Imperiale.

Il Teatro Petrovsky di Meddox rimase in piedi per 25 anni – l’8 ottobre 1805, l’edificio fu distrutto da un incendio. Per tre anni, la troupe ha tenuto spettacoli nei teatri domestici della nobiltà di Mosca; per qualche tempo gli spettacoli furono in possesso dei Pashkov nell’ala settentrionale dell’edificio all’angolo delle strade Mokhovaya e Bolshaya Nikitskaya (ricostruita in seguito come chiesa universitaria del martire Tatyana). Il nuovo edificio in legno è stato costruito da Ki Rossi in Piazza Arbat. Il teatro aveva una platea, un benoir, tre livelli di scatole e un rack, e si distingueva per la buona acustica; i suoi interni sono stati dipinti dall’artista MI Scotty. L’area, precedentemente caratterizzata da fango impraticabile, era livellata e pavimentata e le aiuole erano rotte di fronte al teatro. Essendo esistito per quattro anni, l’edificio del teatro fu incendiato durante l’incendio di Mosca del 1812. Successivamente, il teatro fu collocato su Znamenka nella casa di Apraksin, che fu costruita nel 1792 su progetto dell’architetto F. Camporezi. Il teatro nella casa di Apraksin era angusto e scomodo; al posto delle sedie c’erano delle panchine coperte da un panno ruvido; diverse volte durante il periodo in cui era presente il Teatro Petrovsky, vi furono incendi.

Dopo la guerra del 1812
Nel 1816, la Moscow Construction Commission annunciò un concorso per la costruzione di un nuovo edificio teatrale, un prerequisito per il quale era l’inclusione nella costruzione del muro bruciato del Teatro Meddox. Al concorso hanno partecipato L. Dubois, D. Gilardi, F. Camporezi, P. Gonzago, AN Bakarev e altri architetti, ma nessun progetto è stato accettato. Il vincitore del secondo concorso è stato il progetto del professore dell’Accademia Imperiale delle Arti AA Mikhailov. Tuttavia, il progetto di Mikhailov era considerato troppo costoso e l’edificio teatrale che aveva concepito nella sua scala, che era eccessivamente grande, non corrispondeva agli edifici circostanti. Il progetto fu affidato all’architetto OI Bove, che conservò completamente le basi della composizione di Mikhailov,

Secondo Beauvais, che attuò le idee del piano generale di Mosca sviluppato da lui e approvato nel 1817, il teatro sarebbe diventato il centro compositivo dell’impero città-chiesa, glorificando la vittoria nella seconda guerra mondiale. La grandezza del teatro fu enfatizzata dalla rigida area rettangolare che era rotta di fronte ad essa, nel 1820 fu chiamata Petrovskaya, ma presto fu ribattezzata Piazza del Teatro. Beauvais ha portato il volume progettato da Mikhailov in conformità con l’area e ha distribuito la quadriga Apollo al pubblico. Il progetto per la costruzione del teatro fu approvato il 10 novembre 1821; ancor prima della sua approvazione, Beauvais iniziò a costruire le basi del teatro secondo il suo piano, mentre parte delle fondamenta dell’edificio bruciato furono conservate.

Il teatro è stato aperto il 6 gennaio (18), 1825 con l’esibizione “Il trionfo delle Muse” – un prologo in versi di MA Dmitriev, musica di FE Sholts, AN Verstovsky e AA Alyabyev: la trama in forma allegorica raccontava come il genio di La Russia, combinata con le muse, ne ha creato uno nuovo dalle rovine del teatro bruciato di Bolshoi Petrovsky di Meddox. I ruoli sono stati interpretati dai migliori attori di Mosca: il Genio della Russia – la tragedia PS Mochalov, Apollon – il cantante NV Lavrov, la musa di Terpsichore – il principale ballerino della compagnia moscovita F. Gyullen-Sor. Dopo l’intervallo, il balletto Sandrilion (Cenerentola) è stato mostrato alla musica di F. Sora, coreografi F.-V. Gullen-Sor e IK Lobanov, messi in scena dal palcoscenico del teatro di Mokhovaya. Il giorno successivo lo spettacolo è stato ripetuto. S. Le memorie di Aksakov sono state conservate su questa scoperta: “Il Teatro Bolshoi Petrovsky, che è sorto da antiche rovine bruciate … mi ha stupito e deliziato … Un magnifico enorme edificio, dedicato esclusivamente alla mia arte preferita, già nel suo aspetto mi ha portato in gioiosa eccitazione ”; e V. Odoevsky, ammirando lo spettacolo di balletto, ha scritto di questo spettacolo come segue: “Lo splendore dei costumi, la bellezza dello scenario, in una parola, tutto lo splendore teatrale qui era unito, così come nel prologo”.

Nel 1842 il teatro passò sotto la guida della direzione dei teatri imperiali di San Pietroburgo; Una compagnia d’opera arrivò da San Pietroburgo a Mosca e il famoso compositore AN Verstovsky, che mantenne questa carica fino al 1859, fu nominato direttore dell’Ufficio del Teatro di Mosca. Una grande ricostruzione dell’edificio teatrale fu effettuata nel 1843 secondo il progetto dell’architetto AS Nikitin: sostituì i capitelli ionici del portico con capitelli di tipo Erechtheion, ricostruì la linea delle scatole laterali, i corridoi e il palcoscenico dove è apparsa la scena del palcoscenico.

L’11 marzo (23), 1853, il teatro fu bruciato; dal fuoco che è durato diversi giorni, sono sopravvissuti solo i muri esterni in pietra dell’edificio e il colonnato del portico.

Ricostruzione di A. Kavos
Gli architetti Konstantin Ton, AS Nikitin, Alexander Matveev e l’architetto capo dei Teatri Imperiali Albert Kavos furono coinvolti nella competizione per il restauro del teatro. Vinto il progetto Kavos; il teatro fu restaurato in tre anni. Fondamentalmente, il volume dell’edificio e il layout sono stati preservati, ma Kavos ha in qualche modo aumentato l’altezza dell’edificio, ha cambiato le proporzioni e ha completamente ridisegnato l’arredamento architettonico, progettando le facciate nello spirito del primo eclettismo. Invece della scultura di alabastro di Apollo che morì in un incendio, una quadriga di bronzo di Peter Klodt fu posta sopra il portico d’ingresso. Sul frontone fu installata un’aquila a due teste in gesso, emblema dello stato dell’Impero russo. Il teatro ha riaperto il 20 agosto 1856 l’anno “I Puritani” dell’opera Bellini.

Nel 1886-1893, il lato posteriore dell’edificio fu ricostruito secondo il progetto dell’architetto EK Gernet, a seguito del quale le colonne del portico conservate da Kavos erano all’interno del magazzino. Nel 1890, apparvero delle crepe nelle pareti dell’edificio; Il sondaggio ha rivelato che le basi del teatro poggiavano su pile di legno marce. Nel 1894-1898, secondo il progetto degli architetti II Rerberg, KV Tersky e K. Ya. Mayevsky, una nuova fondazione fu posta sotto l’edificio del teatro. Tuttavia, il turbamento dell’edificio non si fermò: nel 1902, durante l’esibizione, il muro dell’auditorium affondò significativamente, a seguito del quale le porte delle scatole centrali si incepparono e il pubblico fu costretto a uscire attraverso quelli vicini .

XX secolo
Dal 1918, il Teatro Bolshoi iniziò a essere chiamato accademico. Per diversi anni dopo la Rivoluzione di ottobre, le controversie sul destino del teatro non si fermarono; molti hanno parlato a favore della sua chiusura. Nel 1922, il Presidio del Comitato esecutivo centrale tutto russo decise di considerare la chiusura del teatro economicamente inappropriata. Nel 1921, l’edificio del teatro fu esaminato da una commissione che comprendeva importanti architetti di Mosca AV Shchusev, IP Mashkov, SF Voskresensky e IV Zholtovsky; La commissione giunse alla conclusione sulle condizioni catastrofiche della parete semicircolare dell’auditorium, che serviva da supporto per i corridoi e l’intero auditorium. I lavori per rafforzare il muro sotto la direzione di II Rerberg iniziarono nell’agosto-settembre 1921 e continuarono per due anni. Nel 1928, al fine di eliminare la gerarchia di classifica dei visitatori, l’architetto PA Tolstykh ha riprogettato una serie di scale e altre stanze dell’edificio. A metà degli anni 1920, il vecchio sipario raffigurante la quadriga di Apollo fu sostituito da uno nuovo, realizzato secondo il progetto di FF Fedorovsky.

Durante la Grande Guerra Patriottica, dall’ottobre 1941 al luglio 1943, il Teatro Bolshoi fu evacuato a Kuibyshev, dove eseguì regolarmente gli spettacoli “Eugene Onegin” e “Lago dei cigni”. In questo momento, lo staff teatrale ha contribuito attivamente al Fondo di difesa e ha ricevuto ringraziamenti da parte di Stalin. Artisti e musicisti vivevano in un edificio scolastico vuoto assegnato al teatro alla periferia della città, dove non c’erano mobili.

Nel 1955, una nuova lussuosa tenda in broccato, soprannominata “dorata”, è apparsa sul palcoscenico del teatro, progettato da FF Fedorovsky, che per 50 anni è stata la decorazione principale del palcoscenico. Dopo la ricostruzione del Teatro Bolshoi, il sipario in una forma restaurata e leggermente modificata (furono sostituiti gli stemmi e le iscrizioni), decorò nuovamente il palcoscenico del teatro principale del paese.

Dal 1976 al 1991, il teatro è stato ufficialmente chiamato “Lo stato due volte del Lenin Academic Bolshoi Theater dell’URSS”.

21 ° secolo

Nuova scena
Il 29 novembre 2002, la premiere dell’opera di Rimsky-Korsakov, La fanciulla di neve, ha aperto un nuovo palcoscenico per il Teatro Bolshoi. Durante la ricostruzione del Main Stage, dal 2005 al 2011, è stato eseguito l’intero repertorio di opera e balletto del Teatro Bolshoi. Attualmente, sul New Stage si stanno esibendo spettacoli del repertorio del Teatro Bolshoi e si tengono concerti di gruppi teatrali russi e stranieri.

Ricostruzione del 2005-2011
Il 1 ° luglio 2005, il palcoscenico storico del Teatro Bolshoi è stato chiuso per ricostruzione, che originariamente doveva essere completato nel 2008. L’opera di Mussorgsky Boris Godunov (30 giugno 2005) è stata l’ultima esibizione che si è svolta sul palco principale prima di chiudere. L’orario di apertura previsto è il 28 ottobre 2011, la performance è la prima dell’opera di Glinka “Ruslan and Lyudmila” (diretta da Dmitry Chernyakov). I lavori preparatori per l’imminente ricostruzione, durante i quali rimasero solo tre muri portanti dall’edificio storico – la facciata principale e le pareti laterali e una gigantesca fossa di fondazione profonda più di 30 metri furono scavate sotto la fondazione, trascinate.

Nel settembre 2009, l’UPC della Russia ha avviato un procedimento penale per spese irragionevoli di fondi. Secondo la Camera dei conti, durante il periodo di ricostruzione del Teatro Bolshoi il suo costo è aumentato di 16 volte, e secondo il ministro della Cultura AA Avdeev nel marzo 2011 ha superato i 20 miliardi di rubli (500 milioni di €), che, presumibilmente, era principalmente a causa di un forte aumento del prezzo di cemento e mattoni.

Il 14 febbraio 2012, la Camera dei conti della Federazione Russa ha indicato che “la ricostruzione del Teatro Bolshoi è costata 35,4 miliardi di rubli, anziché i previsti 37 miliardi, che rappresentano il 95,5 percento del costo stimato. Queste conclusioni sono state raggiunte dai revisori della Camera dei conti / SP / Russia sulla base dei risultati degli esami degli esperti ”.

Storia moderna
Dal 2009, dopo che Alexander Vedernikov ha lasciato l’incarico di direttore principale, i direttori musicali del teatro sono stati il ​​compositore Leonid Desyatnikov (2009-2010) e il direttore Vasily Sinaisky (2010-2013). Nel gennaio 2014, Tugan Sokhiev è diventato il principale direttore e direttore musicale del teatro. Da luglio 2013, Vladimir Urin è il direttore generale del Teatro Bolshoi.

Nel 2013, il Teatro Bolshoi ha installato un nuovo, quarto nella storia del teatro, organo a fiato prodotto dalla società tedesca di costruzioni di organo Glatter-Götz.

Nel luglio 2016, il Teatro Bolshoi, con il sostegno del gruppo Summa e del dipartimento di cultura del governo di Mosca, ha lanciato una serie di trasmissioni di strada delle sue esibizioni. Le trasmissioni furono eseguite su uno schermo speciale per tutte le stagioni montato sulla facciata principale del teatro e furono programmate per il quinto anniversario della fine del restauro. Il 1 e 2 luglio, è stata mostrata l’opera La sposa dello zar di Rimsky-Korsakov; l’8 e il 9 luglio, il balletto di George Balanchine “Jewels” è stato mostrato.

Repertorio
Durante l’esistenza del teatro, qui sono state messe in scena più di 800 opere. La prima produzione creata dalla compagnia teatrale fu l’opera Rebirth di D. Zorin (1777). Secondo le memorie dei contemporanei, il pubblico ebbe molto successo nella prima dell’opera di M. Sokolovsky “Il mago è uno stregone, un ingannatore e un fiammifero” (1779). Durante questo periodo dell’esistenza del teatro, il repertorio era piuttosto vario: opere di compositori russi e italiani, dipinti di danza della vita popolare russa, balletti, divertissements, spettacoli su temi mitologici.

XIX secolo
Nel 1840, il teatro approvò l’opera vaudeville domestica e opere romantiche su larga scala, che furono largamente facilitate dalle attività amministrative del compositore A. Verstovsky, ispettore musicale, ispettore del repertorio e direttore dell’Ufficio del Teatro di Mosca in diversi anni. Nel 1835 ebbe luogo la prima della sua opera Askold’s Grave.

Gli eventi della vita teatrale sono produzioni al Teatro dell’Opera di Glinka “Life for the Tsar” (1842) e “Ruslan and Lyudmila” (1845), il balletto di A. Adan “Giselle” (1843). Durante questo periodo, il teatro si è concentrato sulla creazione di un repertorio veramente russo, principalmente un’epopea musicale.

La seconda metà del XIX secolo fu segnata nel balletto dall’attività dell’eccezionale coreografo M. Petipa, che organizzò una serie di spettacoli a Mosca, di cui uno dei più significativi è Don Chisciotte Lamanchsky di L. Minkus (1869) . In questo momento, il repertorio è anche arricchito dalle opere di P. Ciajkovskij: “Voivode” (1869), “Lago dei cigni” (1877, coreografo Vaclav Reisinger) – il debutto del compositore in opera e balletto; “Eugene Onegin” (1881), “Mazepa” (1884). La prima dell’opera Cherevichki di Ciajkovskij nel 1887 m diventa il debutto del direttore dell’autore. Compaiono opere eccezionali di compositori del “potente pugno”: il dramma popolare “Boris Godunov” di M. Mussorgsky (1888), “La fanciulla di neve” (1893) e “La notte prima di Natale” (1898) di N. Rimsky- Korsakov, “Prince Igor” di A.

Allo stesso tempo, le opere di J. Verdi, S. Gounod, J. Bizet, R. Wagner e altri compositori stranieri furono anche messe in scena al Teatro Bolshoi.

Fine del XIX – inizio del XX secolo
A cavallo tra il XIX e il XX secolo, il teatro raggiunge l’apice. Molti artisti di Pietroburgo stanno cercando di partecipare alle esibizioni del Teatro Bolshoi. I nomi di F. Chaliapin, L. Sobinov, A. Nezhdanova stanno diventando ampiamente conosciuti in tutto il mondo.

Nel 1912 F. Chaliapin andò in scena nell’opera bolshoi M. Musorgsky “Khovanshchina”. Il repertorio include Pan Voivode, Mozart e Salieri, La sposa dello zar di Rimsky-Korsakov, Il demone di A. Rubinstein, L’anello del Nibelung di R. Wagner, opere di Verist di Leoncavallo, Mascagni, Puccini.

Durante questo periodo, S. Rakhmaninov ha collaborato attivamente con il teatro, che si è dimostrato non solo un compositore, ma anche un eccezionale direttore d’opera, attento allo stile dell’opera eseguita e realizzato in opere che combinano il massimo temperamento con la raffinata decorazione orchestrale . Rachmaninov migliora l’organizzazione del lavoro del direttore d’orchestra, quindi, grazie a lui, la console del direttore d’orchestra, che era precedentemente dietro l’orchestra (di fronte al palcoscenico), viene dispiegata e trasferita nel suo posto moderno.

Artisti eccezionali, partecipanti al mondo dell’arte, Korovin, Polenov, Bakst, Benoit, Golovin, partecipano alla creazione di spettacoli.

Periodo sovietico
I primi anni dopo la rivoluzione del 1917 furono segnati, innanzitutto, dalla lotta per preservare il Teatro Bolshoi in quanto tale e, in secondo luogo, per preservare una certa parte del suo repertorio. Quindi, l’opera Snegurochka, Aida, La Traviata e Verdi in generale furono sottoposti a critiche ideologiche. Vi furono anche dichiarazioni sulla distruzione del balletto come “una reliquia del passato borghese”. Tuttavia, nonostante ciò, sia l’opera che il balletto continuano a svilupparsi nel Bolshoi.

Le nuove produzioni sono create dal coreografo AA Gorsky, direttore di danza Yu. F. Fire – nel 1919 il primo Schiaccianoci fu messo in scena da PI Ciajkovskij, nel 1920 – apparve una nuova produzione del Lago dei Cigni.

I coreografi nello spirito dei tempi sono alla ricerca di nuove forme nell’arte. KY Goleizovskii mette il balletto “Joseph the Beautiful” SN Vasilenko (1925), LA Lashchilin e VD Tikhomirov – la commedia “The Red Poppy” RM Glier (1927), è un enorme successo di spettatori, VI Vainonen – balletto “The Flames of Paris” ”Di BV Asafiev (1933).

L’opera è dominata dalle opere di MI Glinka, AS Dargomyzhsky, PI Tchaikovsky, AP Borodin, NA Rimsky-Korsakov, MP Musorgsky. Nel 1927, il regista VA Lossky diede alla luce una nuova edizione di Boris Godunov. Sono in scena le opere dei compositori sovietici – Trilby di AI Yurasovsky (1924), Love for Three Oranges di SS Prokofiev (1927).

Sempre negli anni 1920, il teatro ha presentato al pubblico le migliori opere di compositori stranieri: “Salome” di R. Strauss (1925), “Le nozze di Figaro” di W.-A.Mozart (1926), “Cio-chiodo -san (Madame Butterfly) ”(1925) e Tosca (1930) di G. Puccini (Tosca si trasformò in un fallimento, nonostante l’enfasi nella produzione della“ linea rivoluzionaria ”).

Negli anni ’30, una richiesta di JV Stalin per la creazione di un “classico opera sovietica” apparve in stampa. Le opere di II Dzerzhinsky, BV Asafiev e RM Glier vengono messe in scena. Allo stesso tempo, è vietato il lavoro di compositori stranieri contemporanei.

Nel 1935, il pubblico ha presentato in anteprima la prima dell’opera Lady Macbeth di Mtsensk di DD Shostakovich. Tuttavia, questo lavoro, molto apprezzato dagli intenditori sovietici e stranieri, provoca un forte rifiuto del potere. L’articolo “Muddle invece della musica” è ben noto, attribuito a Stalin e che fece scomparire quest’opera dal repertorio del Bolshoi.

Il teatro segna la fine della seconda guerra mondiale con le brillanti anteprime dei balletti di S. Prokofiev Cenerentola (1945, coreografo RV Zakharov) e Romeo e Giulietta (1946, coreografo LM Lavrovsky), dove G. S recita nei ruoli principali Ulanova.

Negli anni successivi, il Teatro Bolshoi si rivolse alle opere di compositori dei “paesi fraterni” – Cecoslovacchia, Polonia e Ungheria (La sposa venduta di B. Smetana (1948), Ciottoli di S. Monyushko (1949) e altri), come oltre a rivedere opere di produzioni russe classiche (vengono create nuove produzioni di Eugene Onegin, Sadko, Boris Godunov, Khovanshchina e molte altre). Una parte significativa di queste produzioni è stata eseguita dal regista d’opera BA Pokrovsky, che è venuto al Teatro Bolshoi nel 1943. Le sue esibizioni in questi anni e nei prossimi decenni sono state il “volto” dell’opera Bolshoi.

Negli anni ’50 e ’60 compaiono nuove produzioni di opere: Verdi (Aida, 1951, Falstaff, 1962), D. Obera (Fra Devilo, 1955), Beethoven (Fidelio, 1954), il teatro collabora attivamente con artisti, musicisti, artisti stranieri , registi provenienti da Italia, Cecoslovacchia, Bulgaria, Germania orientale. Per un breve periodo, Nikolai Gyaurov, che era all’inizio della sua carriera, si unì alla compagnia del teatro.

Coreografo Yu. N. Grigorovich arriva a Bolshoi, i balletti The Stone Flower di SS Prokofiev (1959) e The Legend of Love di AD Melikov (1965), precedentemente in scena a Leningrado, vengono trasferiti sul palcoscenico di Mosca. Nel 1964, Grigorovich diresse il balletto del Teatro Bolshoi. Realizza nuove edizioni di The Nutcracker (1966) e Swan Lake (1969) di Ciajkovskij, e mette su Spartak di AI Khachaturian (1968).

Questa performance, creata in collaborazione con l’artista Simon Virsaladze e il direttore Gennady Rozhdestvensky, con la partecipazione degli artisti virtuosisti Vladimir Vasiliev, Maris Liepa, Mikhail Lavrovsky, riscuote un enorme successo di pubblico e riceve il Premio Lenin (1970).

Un altro evento nella vita del teatro è la produzione di “Carmen Suite” (1967), creata dal coreografo cubano A. Alonso sulla musica di J. Bizet e RK Shchedrin appositamente per la ballerina MM Plisetskaya.

Negli anni ’70 e ’80 V. Vasiliev e M. Plisetskaya sono i coreografi. Plisetskaya suona i balletti di RK Shchedrin “Anna Karenina” (1972), “The Seagull” (1980), “The Lady with the Dog” (1985) e Vasilyev – i balletti “Icarus” di SM Slonimsky (1976), ” Macbeth “KV Molchanova (1980),” Anyuta “di VA Gavrilin (1986).

La compagnia del Teatro Bolshoi fa spesso tournée, riscuotendo successo in Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti e molti altri paesi.

Il periodo moderno
Attualmente, il repertorio del Teatro Bolshoi conserva molte produzioni classiche di spettacoli di opera e balletto, ma allo stesso tempo il teatro si sta impegnando per nuovi esperimenti. Nel campo del balletto, vengono create le produzioni delle opere di D. Shostakovich “The Bright Stream” (2003) e “Bolt” (2005).

Il lavoro sulle opere coinvolge registi che hanno già guadagnato fama come drammatici o cineasti. Tra questi ci sono A. Sokurov, T. Chkheidze, E. Nyakroshyus e altri.

Sono in corso lavori per “ripulire” le partiture d’opera originali da strati e segni successivi e riportarle alle edizioni originali. Pertanto, è stata preparata una nuova produzione di Boris Godunov di Modest Mussorgsky (2007), Ruslan e Lyudmila di Mikhail Glinka (2011). Alcune nuove produzioni del Teatro Bolshoi causarono disapprovazione di parte del pubblico e onorarono i maestri del Bolshoi. Quindi, lo scandalo è stato accompagnato dalla produzione dell’opera di Leonid Desyatnikov “Children of Rosenthal” (2005), dovuta in gran parte alla reputazione dell’autore dello scrittore libretto Vladimir Sorokin. L’indignazione e il rifiuto del nuovo spettacolo teatrale “Eugene Onegin” (2006, regista Dmitry Chernyakov) è stato espresso dalla famosa cantante Galina Vishnevskaya, rifiutando di celebrare il suo anniversario sul palco di Bolshoi, dove si svolgono tali produzioni. Però,

Nel marzo 2010, il Teatro Bolshoi, insieme a Bel Air Media, ha iniziato a trasmettere le sue esibizioni nei cinema mondiali. L’11 marzo 2012, insieme a Google Russia, il Teatro Bolshoi ha iniziato a trasmettere spettacoli di balletto sul suo canale YouTube in Russia.

Inizialmente le riparazioni erano stimate a 15 miliardi di rubli ($ 610 milioni), ma gli ingegneri hanno scoperto che oltre il 75% della struttura era instabile e, di conseguenza, la stima dei costi è salita a 25,5 miliardi di rubli (circa $ 850 milioni). Al completamento del lavoro, tuttavia, è stato annunciato che erano stati spesi solo 21 miliardi di rubli ($ 688 milioni). Secondo The Moscow Times, il costo reale potrebbe essere stato il doppio, e Der Spiegel cita una cifra di 1,1 miliardi di dollari. La ricostruzione e il rinnovamento sono stati interamente finanziati dal governo federale.

Durante il lungo periodo di ricostruzione, la compagnia ha continuato a montare produzioni, con esibizioni tenute sul Nuovo Palco e sul palco del Great Kremlin Palace.

Il rinnovamento includeva un miglioramento dell’acustica, per tentare di replicare il suono che si credeva esistesse in epoca pre-sovietica, e il restauro dell’arredamento originale imperiale. Le fondamenta e la muratura dell’edificio sono state completamente ripristinate. All’interno, l’intero spazio era spogliato dal basso verso l’alto. Gli infissi in legno del XIX secolo, il sipario d’argento e le panche in velluto rosso di fabbricazione francese furono rimosse per la riparazione in officine specializzate. All’esterno, sulla cima della facciata, l’aquila a due teste dell’originale stemma russo fu installata nel luogo in cui il falce e il martello sovietico erano stati montati per decenni.

Infine, il 28 ottobre 2011, il Teatro Bolshoi ha riaperto con un concerto con artisti internazionali e compagnie di balletto e opera. La prima opera in scena, Ruslan e Lyudmila, seguì poco dopo.

Nel marzo 2019, per la prima volta nella sua storia di 243 anni, il Teatro Bolshoi ha messo in scena la famosa opera di Antonin Dvořák “La sirena” (diretta da Timofei Kulyabin) sul nuovo palco.

L’opera di Rossini Journey to Reims (regista – Damiano Mikieletto, direttore Tugan Sokhiev) è diventata vincitrice del premio d’opera Casta Diva 2018 nella nomination “Performance of the Year”.

Nel 2019, il balletto Nureyev è stato nominato il migliore al premio Golden Mask Theatre e il suo coreografo Yuri Posokhov è diventato un vincitore nella nomination Ballet-Contemporary Dance / Work del coreografo-coreografo.

compagnia teatrale
Il teatro comprende gruppi di balletto e opera, la Bolshoi Theatre Orchestra e la Brass Band. Al momento della creazione del teatro, la troupe comprendeva solo tredici musicisti e una trentina di artisti. Allo stesso tempo, la troupe inizialmente non aveva specializzazioni: attori drammatici prendevano parte ad opere e cantanti e ballerini in spettacoli teatrali. Quindi, la troupe in diversi momenti includeva Mikhail Shchepkin e Pavel Mochalov, che cantavano nelle opere di Cherubini, Verstovsky e altri compositori.

I titoli degli artisti dei Teatri Imperiali sono: attori che gestiscono troupe, registi, maestri di banda, coreografi, direttori d’orchestra, ballerini, musicisti, decoratori, macchinisti, ispettori dell’illuminazione e loro assistenti, pittori, capo parrucchiere, suggeritori, maestri vestitori, scultori, teatro supervisori, maestri di musica, persone coinvolte, scribi musicali, cantanti e parrucchieri; tutte queste persone sono considerate di servizio pubblico e sono divise in tre categorie, a seconda dei loro talenti e dei ruoli che occupano e posizioni.

Nel 1785, la troupe era già cresciuta fino a 80 persone e ha continuato a crescere costantemente, raggiungendo 500 all’inizio del XX secolo e nel 1990 oltre 900 artisti.

Nel corso della storia del Teatro Bolshoi, i suoi artisti, artisti, registi, direttori, senza contare l’ammirazione e la gratitudine del pubblico, hanno ricevuto ripetutamente vari segni di riconoscimento da parte dello stato. Nel periodo sovietico, oltre 80 di loro hanno ricevuto il titolo di People’s Artists dell’URSS, 4 persone hanno ricevuto il titolo di People’s Artists dell’URSS (accademico Fedor Fedorovsky, accademico Simon Virsaladze, accademico Vadim Ryndin, accademico Valery Levental), altro di cui 60 hanno ricevuto i premi Stalin e 12 hanno ricevuto i premi Lenin (Elena Obraztsova, Evgeny Nesterenko, Irina Arkhipova, Yuri Grigorovich, Maris Liepa, Mikhail Lavrovsky, Natalya Bessmertnova, Galina Ulanova, Maya Plisetskaya, Boris Pokrovsky, Simon Virsaladze, Vladimir Vasiliev) ottennero il titolo di Eroe del lavoro socialista (Irina Arkhipova, Yuri Grigorovich, Elena Obraztsova, Ivan Nestozenko, Ivan Nestozko, Ivanoest Koz Maya Plisetskaya, Marina Semenova, Galina Ulanova – due volte un eroe). Nel periodo successivo al 1991, molti artisti sono diventati artisti popolari della Federazione Russa e premi di Stato della Federazione Russa.

Balletto e opera
Il Bolshoi è un teatro di repertorio, nel senso che attinge da un elenco di produzioni, ognuna delle quali può essere eseguita in una determinata serata. Normalmente introduce da due a quattro nuove produzioni di balletto o opera ogni stagione e mette in attesa un numero simile. I set e i costumi per la maggior parte delle produzioni sono realizzati nelle officine del Bolshoi. Gli artisti sono tratti principalmente dalle compagnie di balletto e opera regolari del Bolshoi, con occasionali esibizioni di ospiti. Dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, ci sono stati alcuni tentativi di ridurre la tradizionale dipendenza del teatro dai grandi sussidi statali. La sponsorizzazione aziendale si verifica per alcune produzioni, ma i finanziamenti statali sono ancora la linfa vitale dell’azienda.

Il Bolshoi è stato associato sin dall’inizio con il balletto. Il balletto Swan Lake di Ciajkovskij fu presentato per la prima volta a teatro il 4 marzo 1877. Altre graffette del repertorio bolshoi includono La bella addormentata e lo schiaccianoci di Čajkovskij, La gisella di Adamo, Romeo e Giulietta di Prokofiev e Spartaco di Khachaturian.

Dopo la morte di Joseph Stalin, la compagnia fece un tour internazionale e divenne un’importante fonte di prestigio culturale, oltre a guadagni in valuta estera. Di conseguenza, il “Bolshoi Ballet” divenne un noto nome in Occidente. Tuttavia, il Bolshoi subì delle perdite a causa di una serie di disfunzioni dei suoi ballerini. La prima volta fu il 23 agosto 1979, con Alexander Godunov; seguito da Leonid Kozlov e Valentina Kozlova il 16 settembre 1979; e altri casi negli anni seguenti. Bolshoi continua a girare regolarmente con produzioni di opera e balletto nell’era post-sovietica.

La compagnia d’opera è specializzata in classici dell’opera russa come Boris Godunov di Mussorgsky, A Life for the Tsar di Glinka e The Tsar’s Bride di Rimsky-Korsakov, nonché le opere di Ciajkovskij. Vengono anche eseguite molte opere di compositori occidentali, in particolare opere di compositori italiani come Rossini, Verdi e Puccini. Fino alla metà degli anni ’90, la maggior parte delle opere straniere erano cantate in russo, ma l’italiano e altre lingue sono state ascoltate più frequentemente sul palco del Bolshoi negli ultimi anni.

Alcune opere, come il Principe Igor di Borodin, includono ampie sequenze di balletto. Molte produzioni, in particolare dell’opera classica russa, sono eseguite su larga scala, con decine di cantanti in costume e ballerini sul palco per scene di folla o festival.

Orchestra
L’orchestra del Teatro Bolshoi è un ensemble virtuoso a sé stante. Tiene concerti occasionali di musica sinfonica a teatro e altrove e ha fatto registrazioni. Nel corso dei decenni ha suonato all’estero come “Bolshoi Theater Orchestra”, “Bolshoi Symphony Orchestra” e, più recentemente, come “Bolshoi Orchestra”.

Il direttore musicale e direttore principale, Vassily Sinaisky, si è dimesso bruscamente all’inizio di dicembre 2013, dopo un mandato di 41 mesi, citando la necessità di evitare conflitti. Il direttore generale Vladimir Urin ha prontamente accettato le sue dimissioni e ha scelto Tugan Sokhiev come sostituto. Il contratto quadriennale di Sokhiev, risolto il 20 gennaio 2014, è entrato in vigore immediatamente. Il nuovo capo ha anche incarichi di direttore a Tolosa e Berlino.

Stato culturale
Il teatro Bolshoi è famoso in tutto il mondo e attira un gran numero di turisti. Di conseguenza, i prezzi possono essere molto più alti rispetto ad altri teatri russi. Questo è particolarmente vero per il balletto, dove i prezzi sono paragonabili a quelli delle esibizioni in Occidente. Per i cittadini locali, i concerti e le opere sono ancora relativamente convenienti, con prezzi che vanno da 100 rubli (≈ $ 1,5) (per gli studenti, per i posti sul balcone per spettacoli matinée) a 15.000 rubli (≈ $ 230) (per i posti nell’orchestra o nelle bancarelle).

controversie
Il costo di ricostruzione e ristrutturazione è stato di $ 1,1 miliardi, sedici volte la stima iniziale. Nel 2009 i pubblici ministeri hanno affermato che l’appaltatore principale è stato pagato tre volte per lo stesso lavoro.

Anastasia Volochkova, ex Bolshoi prima ballerina, ha affermato di vedere il teatro “come un grande bordello” perché, ha affermato, le ballerine sono invitate alle feste dagli amministratori del teatro e rifiutano ruoli se non accettano.

Il 17 gennaio 2013, Sergei Filin, il direttore del balletto del Bolshoi, è stato attaccato con acido solforico e di conseguenza ha perso gran parte della sua vista. Un ballerino maschio è stato successivamente accusato del crimine.

Nell’area del botteghino, un addetto al teatro ha dichiarato alla pubblicazione tedesca Der Spiegel che i biglietti vengono spesso venduti ai rivenditori di mafia, che a loro volta li vendono sul mercato nero per il doppio del valore nominale.
La qualità della performance è stata criticata dall’ex direttore musicale Alexander Vedernikov (2001-2009). Ha affermato che il Teatro Bolshoi stava mettendo “interessi burocratici prima di quelli artistici”.

L’8 luglio 2017, tre giorni prima della prima, il Teatro Bolshoi ha annullato la prima di un balletto sul leggendario ballerino Rudolf Nureyev. Il direttore generale Vladimir Urin affermò che era dovuto alla cattiva qualità della danza, tuttavia la ballerina principale Maria Alexandrova affermò che era il primo segno di una “nuova era” di censura. Era la prima volta che uno spettacolo veniva tirato in quel modo dal crollo dell’Unione Sovietica, facendo scattare voci sulla motivazione dietro di esso.

Tags: