Teatro nazionale Ivan Vazov, Sofia, Bulgaria

Il Teatro Nazionale Ivan Vazov è il teatro nazionale bulgaro, nonché il teatro più antico e autorevole del paese e uno dei monumenti più importanti di Sofia, la capitale della Bulgaria. Si trova nel centro della città, con la facciata di fronte al City Garden.

Il Teatro Nazionale Ivan Vazava è il teatro più autorevole in Bulgaria dopo la Liberazione, è il successore del gruppo drammatico metropolitano “Lacrime e risate”, che nel 1904 fu trasformato nel Teatro Nazionale Bulgaro, dal 1906 al 1952 – il Teatro Nazionale, in gli anni 1952-62 furono chiamati teatro nazionale Krstyu Sarafovo, in futuro, nel 1962 – 77 anni e dal 1982 in ogni momento – Teatro nazionale Ivan Vazava.

Panoramica
Il Teatro Nazionale Ivan Vazava si trova in un lussuoso edificio teatrale appositamente costruito a ul. Ignazio diacono, b. 5, Sofia 1000 (Bulgaria).

L’edificio del teatro fu eretto nel 1906, progettato da Office Fellner & Helmer. La costruzione ha subito diversi incendi, ma ogni volta è stata ricostruita.

Attualmente, il Sophia National Theater ha attrezzature avanzate e un grande palco con 750 posti a sedere, e una sala da camera con 120 posti a sedere e un palco al quarto piano con 70 posti a sedere per gli spettatori.

Attualmente, il regista teatrale è Pavel Vasin (bulgaro:.: Paul Vasey).

L’edificio del teatro
Con ordinanza del 14 luglio 1903, il ministro Dr. Yves. D. Shishmanov nomina un comitato guidato da Ilia Milarov per preparare una proposta per la costruzione di un edificio per il Teatro Nazionale di Sofia. L’assemblea nazionale prese una decisione e con decreto del principe Ferdinando I alienò il terreno al posto dell’ex pensione “Osnova”, dove nel giugno 1904 la costruzione dell’edificio iniziò con la progettazione degli architetti viennesi Ferdinand Felner e Hermann Helmer . La pittoresca disposizione del soffitto e delle pareti dell’auditorium, con 848 posti a sedere, è stata commissionata dal famoso artista viennese Rudolf Fuchs. Il Teatro Nazionale apre le sue porte il 3 gennaio 1907 con un’esibizione speciale. Prima dell’inaugurazione, molti studenti hanno denunciato il Principe Ferdinando I e con decreto hanno deciso di chiudere l’Università di Sofia per sei mesi.

Il 10 febbraio 1923, durante lo spettacolo giubilare “L’Apoteosi dell’arte drammatica nativa”, scoppiò un incendio, distruggendo il teatro. Dall’inizio della nuova stagione, la troupe è stata divisa in due parti in diverse città della Bulgaria, e poi per sei anni – sul palco del Free Theater appositamente rinnovato a Sofia.

La costruzione del Teatro Nazionale fu ricostruita nel periodo 1924-1928 dal progetto dell’architetto tedesco Martin Dulfer e dell’ingegnere civile bulgaro, laureato a Monaco, Kiril Chaparov. Oltre alla costruzione della nuova struttura in cemento armato, la meccanizzazione scenica è stata prodotta dalla Germania, prodotta dalle compagnie Krupp e MAN, così come solo i migliori teatri delle metropoli europee. Questa tecnica funziona dal 1929 ad oggi, utilizzata in tutte le esibizioni sul Grand Stage del teatro.

Durante i bombardamenti di Sofia durante la seconda guerra mondiale, l’ala meridionale del teatro fu distrutta. Dopo la guerra, l’edificio fu ricostruito e nell’aprile del 1945 il Teatro Nazionale riaprì le sue porte al pubblico. L’ultima ricostruzione e restauro è stato effettuato tra il 1972 e il 1975 sotto la direzione del prof. Venelin Venkov, durante la costruzione di una scena da camera speciale. La decorazione generale è opera degli artisti Dechko Uzunov, Georgi Chapkanov e Ivan Kirkov, che è anche l’autore del sipario del teatro – la fenice estinguente.

Storia del teatro
Il Teatro Nazionale “Ivan Vazov” è il primo e il più autorevole palcoscenico bulgaro, con una ricca storia, saldamente ancorato alle sue tradizioni, con una presenza imponente e protea nella modernità del presente. Il teatro offre un vasto repertorio di spettacoli sia contemporanei che classici che fanno appello al pubblico più vasto possibile.

Un’attenzione speciale è dedicata allo sviluppo della drammaturgia nazionale e allo stesso tempo le tre fasi del Teatro Nazionale sono aperte a tutti gli sforzi creativi innovativi e degni di nota.

1904-1944
Nel 1904, il Ministro dell’Istruzione Prof. Ivan Shishmanov, una figura di spicco, che studiò in Austria, Germania e Svizzera, trasformò su richiesta e sollecitato dai rappresentanti più influenti della cultura bulgara la compagnia teatrale A Tear and Laughter di proprietà privata in un istituzione statale denominata Teatro Nazionale. La costruzione del nuovo teatro nazionale è iniziata proprio nel cuore di Sofia, sul sito dell’antica sala da gioco in legno di Osnova (Fondazione).

Il Teatro Nazionale ha una storia impressionante più di un secolo. Diventando il centro della vita culturale della Bulgaria, il luogo conserva nella sua memoria i trionfi dei più grandi registi e attori bulgari sul palco; il lavoro dei poeti e scrittori nazionali che hanno contribuito al teatro nel corso degli anni.

Attori e attrici eccezionali come Vasil Kirkov, Adriana Budevska, Krustio Sarafov, Atanas Kirchev, Vera Ignatieva, Zlatina Nedeva, Ivan Popov, Geno Kirov, Elena Snezhina, Theodorina Stoicheva sono stati tra i fondatori della compagnia creativa del Teatro Nazionale. Hanno formato la cosiddetta Prima generazione di stelle della principale compagnia bulgara che mostra una varietà di brillanti talenti sia nel repertorio classico che nelle produzioni di spettacoli bulgari, stabilendo una scuola che ha dato il via alle migliori tradizioni di recitazione bulgara. Il poeta Pencho Slaveikov nella sua veste di regista del teatro e in seguito, personaggi illustri come i poeti Peyo Yavorov, Nikolay Liliev, Geo Milev e il regista Nikolay Massalitinov hanno dato un contributo eccezionale alla formazione della natura creativa del teatro.

Non c’è da meravigliarsi che il Teatro Nazionale porti il ​​nome del grande scrittore e poeta nazionale bulgaro Ivan Vazov (1850-1921), i cui drammi storici, tragedie e commedie brillanti hanno contribuito a costruire e sviluppare un repertorio ampio e inclusivo della principale compagnia bulgara. Oltre a contribuire devotamente come drammaturgo, Ivan Vazov è stato anche uno dei fanatici del teatro. Fino alla fine della sua vita aveva un posto permanentemente riservato nella seconda fila delle bancarelle anteriori, conservato fino ad oggi e contrassegnato con una targa commemorativa “Il sedile di Ivan Vazov”.

La costruzione del Teatro Nazionale fu terminata nel 1906 e la cerimonia di apertura si tenne il 3 gennaio 1907. Fu progettata dagli architetti Ferdinand Fellner e Hermann Helmer, che erano molto popolari all’inizio del XX secolo, per diventare uno dei più imponenti di Sofia e edifici rappresentativi in ​​stile Art Nouveau, che era di gran moda in quei giorni. Il soffitto e le pareti dell’auditorium con 848 posti a sedere sono stati dipinti dall’artista Rudolf Fuchs di Vienna.

Le commedie sono interpretate da Ivan Popov e dal croato Srdjan Tutsic, e successivamente viene invitato l’importante attore ceco Josef Schmaha, che diventa il regista e direttore artistico del teatro. Oltre a lui, i registi includono Geno Kirov, Pencho Slaveikov, PK Yavorov, Hristo Ganchev, Pavel Ivanovski, Sava Ognyanov.

Dopo i primi passi del Teatro Nazionale, iniziò un processo di crescente interesse degli scrittori bulgari per le arti dello spettacolo. Alcune delle opere più significative che sono diventate classiche per la drammaturgia bulgara sono state create: una versione teatrale di “Under the Yoke” e “The Queen of Kazalars” di Ivan Vazov, “The Vampire” e “Over the Crossless Tombs” di Anton Strashimirov, “Boyan the Magician” di Kiril Hristov, The Men’s Frost di St. L. Kostov, “Ai piedi di Vitosha” di PK Yavorovand e altri. Viene creato l’istituto Segretario artistico e Consiglio artistico del teatro, direttamente responsabile del rapporto con gli autori. Gli spettacoli teatrali vengono prodotti sia dai drammaturghi classici del mondo sia dai più importanti autori contemporanei europei – Strindberg, Ibsen,

I registi includono Krustyo Sarafov, Stoyan Buchvarov, Vasil Kirkov, Geo Milev, Georgi Stamatov. Questo periodo si distingue per il ruolo principale del cast nelle esibizioni. Accese discussioni sulla stampa continuano costantemente sul repertorio, la regia o la sua assenza e le crisi croniche della gestione del teatro.

Alla fine del secondo decennio del XX secolo, la costruzione istituzionale e artistica del Teatro Nazionale, la sua graduale professionalizzazione, era paragonabile al processo dei Balcani e, in una certa misura, a livello teatrale paneuropeo. Con la morte di Ivan Vazov nel 1922, terminò il periodo di costruzione del Teatro Nazionale come principale istituto culturale della Bulgaria.

All’inizio del 1923, un incendio scoppiò in teatro durante un’esibizione, inghiottendo il palcoscenico, parte dell’auditorium e il guardaroba. La compagnia del Teatro Nazionale si trasferì a suonare allo Svoboden Teatur e fece molti tour del paese.

Dopo che il teatro fu bruciato nel 1923, la troupe rimase in campagna per un po ‘, ma tornò a Sofia alla fine dell’autunno e suonò nel teatro libero per sei anni. Il noto critico letterario ed editore della rivista Zlatorog Vladimir Vasilev è stato nominato direttore, che invita Andrei Protich, St. L. Kostov e Sirak Skitnik. Sono stati nominati nuovi artisti, tra cui Lyubomir Zolotovich, Ivan Dimov, Petya Gerganova, e non molto tempo dopo, i giovani Zorka Yordanova, Boris Ganchev, Konstantin Kisimov, Mara Penkova, Olga Kircheva, Marta Popova, Georgi Gromov, Boris Borozanov, Vladimir Trandafilov e altri. L’attore Hrisan Tsankov, che ha studiato a Mosca e Berlino con Max Reinhardt, è stato nominato segretario artistico. Presto iniziò a dirigere come regista e come drammaturgo fu coinvolto il grande poeta Nikolay Liliev. Nel 1925 il regista russo NO Masalitinov fu nominato direttore, proponendo di aprire una scuola di recitazione al Teatro Nazionale. Include non solo tutti i giovani artisti e stagisti, ma anche stelle premiate come Kr. Sarafov e G. Stamatov. Già con la sua prima produzione della Dodicesima notte di Shakespeare, che viene accolta come una vera vacanza teatrale, Masalitin mostra che la professionalità conquisterà sempre più il teatro in futuro. Fino alla fine della seconda guerra mondiale, una sorta di duello estetico fu condotto sul palcoscenico del Teatro Nazionale tra Hrisan Tsankov, che definì il regista come un “autore” e con il quale prevalse la condizionalità, la stilizzazione, l’espressione e la richiesta di sintesi e il “classico” NO Masalitinov con il suo teatro psicologico realistico, dove la regia è intrecciata nel testo e nascosta nella recitazione. Questo è il periodo durante il quale spettacoli come “Masters” di R. Stoyanov, “Golemanov” e “Enemy” di St. L. Kostov, “Masonry” di P. Yu. Todorov, “Albena” e “Boryana” di Y. Yovkov, “Suocera” di A. Strashimirov e altri.

Alcune delle figure più significative di questo periodo sono i registi Hristo Tsankov – Derizhan, il Prof. Mikhail Arnaudov, Vladimir Polyanov, i drammaturghi Prof. Alexander Balabanov, Dimitar Podzavachov, Theodor Trayanov, i registi Yosif Osipov, Yuriy Yakovlevnikov, Artur Mikhailovski e Artisti Borisov Alexander Bozhinov, Ivan Penkov.

Nel 1929, l’edificio fu riaperto in seguito a una ricostruzione dell’architetto tedesco Martin Dülfer. È stato completamente modernizzato, il palcoscenico è stato dotato di sistemi tecnici all’avanguardia che all’epoca solo due o tre teatri in Europa si vantavano. L’auditorium ha ospitato 1.236.

Nel 1943 fu istituita una Scuola Nazionale di Teatro al Teatro Nazionale. I docenti sono il direttore principale NO Masalitinov e gli artisti G. Stamatov, Vl. Trandafilov, P. Atanasov. La scuola segna l’inizio dell’educazione al teatro professionale in Bulgaria. Nel 1948 fu trasformato nella State Higher Theatre School e separato dal National Theatre come istituzione indipendente, che nel 1956 è ora chiamata Krustyo Sarafov VITIZ.

1944-1989
Il cambiamento politico del 9 settembre 1944 rifletté, ovviamente, sull’aspetto artistico generale del Teatro Nazionale. Una “purga” è stata effettuata nella gestione del teatro e Hrisan Tsankov è stato rimosso. Oltre a NO Masalitinov, il consiglio di amministrazione comprende le giovani speranze di Stefan Sarchadzhiev, Krustyo Mirski, Mois Benesh. Nel 1947, Boyan Danowski fu nominato direttore. Il regista Philip Filipov ha la sua prima premiere, che per molti anni determinerà l’aspetto artistico del teatro. La struttura del repertorio è completamente cambiata, da qualche tempo sono scomparsi autori europei contemporanei, con numerose opere russe e sovietiche e alcune opere bulgare minori. Il realismo conquista la scena. L’introduzione del sistema Stanislavsky divenne un prerequisito per il metodo del realismo socialista,

Nell’incursione aerea di Sofia del 10 gennaio 1944, parte dell’auditorium fu distrutta insieme ad alcune delle sale adiacenti e l’intera ala sud fino al palco stesso. La compagnia fu evacuata nella piccola città di montagna di Pirdop per tornare a Sofia più tardi nello stesso anno, offrendo spettacoli nel teatro dei Balcani fino alla ricostruzione del Teatro Nazionale nel 1949.

Nonostante il controllo politico e la ricerca dell’arte di essere soggetti al dogma di un ristretto quadro politico, le produzioni di alto livello artistico furono create al Teatro Nazionale dopo il 1944. Tra loro ci sono “Il diario di Annie Frank” con il regista M. Benes , “Cyrano de Bergerac” con il regista St. Sarchadzhiev, Ivan Shishman con N. Lyutskanov, “E il suo saggio è un po ‘semplice” con F. Filipov, Maria Stewart con Kr. Mirski, “Tentativo di volo” con dir. Kiselov, “Last Deadline” con il regista Kr. Azaryan et al.

Il teatro continua ad essere una compagnia di attori molto forte, che oltre ai veterani degli anni precedenti, già protagonisti e Ruzha Delcheva, Magda Kolchakova, Irina Tasseva, Ivanka Ivanova, Margarita Duparinova, Slavka Slavova, Mila Pavlova, Andrey Chaprazov, Rachko Yabandzhiev, Assen Milanov, Georgi Radanov, Spa Dzhonev, Apostle Karamatev, Jordan Matev, Stefan Getsov, Lyubomir Kabakchiev, Leo Conforti, Georgi Georgiev – Getz e molti altri artisti di talento.

In diversi anni, i registi invitati dall’estero sono stati messi in scena al Teatro Nazionale:

Rasa Plaowicz e Arsa Jovanovic (SFRY), Boris Babochkin (URSS), Takis Muzenidis (Grecia), Jacek Voscherovich (Polonia), Boris Livanov e Boris Zahava (URSS), Clifford Williams (UK), Andrey Goncharev, Oleg Goncharev, Oleg Goncharev (URSS), Brako Plesha (SFRY).

Nel 1972-1976, l’edificio subì una ricostruzione su larga scala guidata dall’architetto bulgaro Ivan Tomov e dagli artisti Zlatka Kozhuharova, mantenendo la sua forma originale come progettata e costruita da Fellner e Helmer nel 1907. La sala della camera da 120 posti a sedere e un molo sotterraneo erano completato. L’auditorium, le hall, i foyer e il frontone sopra l’entrata centrale sono stati resi antisismici utilizzando strutture in cemento armato in situ progettate per resistere a un terremoto di 9,0 sulla scala Richter.

L’edificio ricostruito aveva attrezzature tecniche all’avanguardia e attrezzature sceniche. L’auditorium ospitava il 780. L’arazzo unico del sipario di facciata fu progettato dagli artisti Ivan Kirkov e Angel Peichev; il soffitto e le pareti della casa sono stati ridipinti da pittori bulgari famosi come Dechko Ouzounov e Ivan Kirkov.

1989-2019
All’inizio del 1989 era in preparazione l’introduzione del cosiddetto “sistema contrattuale”. La crisi tra la fine del 1989 e l’inizio del 1990 è stata avvertita anche a teatro. Il Consiglio artistico, che aveva il compito di legalizzare le esibizioni, andò in pezzi. Il Teatro Nazionale è percepito come un simbolo della cultura socialista ufficiale ed è soggetto ai più forti colpi. Anche Diko Fuchedzhiev, il regista di allora, si ritirò dall’inizio della nuova stagione 1990-1991.

Il teatro porta sotto il suo tetto il teatro sperimentale TR “Sfumato” e i suoi registi Margarita Mladenova e Ivan Dobchev diventano parte del teatro. I registi sono Leon Leon, Krikor Azarian, Krasimir Spasov. “The Fireplace” di M. Minkov e “The Last Krap Tape” di S. Beckett, diretto da Krikor Azaryan, “The Price” di A. Miller, diretto da L. Daniel, “Vasa Zheleznova – 1910” di M. Gorky , dir .. Kr. Spasov, “Remembering a Revolution” di Buchner e Müller e “Easter Wine” di K. Iliev con il regista Iv. Dobchev, “Lorenzacho” di Al. De Mousse, “Ai piedi della Vitosha” di PK Yavorov e “Nirvana” di K. Iliev con il regista M. Mladenova sono tra i più forti successi teatrali, non solo nel repertorio del Teatro Nazionale.

All’inizio del 1993 fu nominato il regista Alexander Morfov. La sua prima esibizione di Don Chisciotte su Cervantes è stata selezionata tra le esibizioni della stagione. Crea una nuova immagine del teatro e introduce un nuovo pubblico giovane nelle sue sale. Le esibizioni di Morphov ribaltano e parodiano le famose interpretazioni pretenziose dei classici. L’aspetto di Morphov simboleggia in modo efficace e spettacolare l’alienazione radicale del teatro dal suo passato. L’immagine degli spettacoli di questo periodo è un collage di tentativi postmodernisti, della regia rianimata del segno, di interpretazioni moderniste. Parodia, ironia, rassegnazione segnano il mondo del palcoscenico per la maggior parte di loro. Forse il più sintomatico in questo senso è l’esecuzione del “Bottom” di Alexander Morfov di Maxim Gorky.

Verso la fine degli anni ’90 il prof. V. Stefanov se ne andò. All’inizio del 2000 Alexander Morfov divenne direttore artistico del Teatro Nazionale e Pavel Vasev divenne direttore amministrativo. Non molto tempo dopo, P. Vasev prima e poi Morfov se ne andò. Alla vigilia del centenario del Teatro Nazionale nel 2003, il professor Vasil Stefanov ha ripreso la direzione. Segue un altro mandato di Pavel Vasev come regista, dopo il quale è stato nominato temporaneamente Alexander Morfov. Ha mantenuto l’incarico da gennaio a settembre 2015, rassegnandosi alle modifiche programmate nel bilancio dei teatri che non tengono conto dello status del teatro di un istituto culturale nazionale di importanza nazionale. Il direttore ad interim è Militsa Traykova (vicedirettore degli affari finanziari a lungo termine). Alexander Morfov è il direttore e direttore della politica artistica. A bordo, “La vita è meravigliosa” di N. Erdman, “Il volo sul nido del cuculo” di Ken Kissi, “Don Juan” di Moliere, “Hash” di Ivan Vazov – sono tra i titoli che attirano il maggior numero di spettatori nel teatro. Dall’estate del 2016, il direttore del Teatro Nazionale è stato l’attore Marius Donkin.

Tra le esibizioni di maggior successo degli ultimi due decenni sul Big Stage ci sono anche “King Lear” di W. Shakespeare, produzione di Yavor Gerdev, “Pygmalion” di B. Shaw nella produzione di Leon Daniel, “Cherry Garden” di AP Cechov, produzione di Krikor Azaryan, giacca di velluto di St. Stratiev, opera teatrale di Boyko Bogdanov, “The Perfect Man” di O. Wild e “The Ball of Thieves” di J. Anui, messo in scena da Thierry Arkur.

Molte delle esibizioni hanno una lunga vita, tra cui “Mr. Ibrahim and the Qur’an’s Flowers” di E.-E. Schmidt, produzione di SN. Tankovska con oltre 150 spettacoli, contrabbasso con oltre 200, hash con oltre 250.

Il Teatro Nazionale Ivan Vazov ha tre scene: un grande palcoscenico con 860 posti a sedere, una scena da camera con 130 posti a sedere e un palco al IV piano, che riceve 90 spettatori. La troupe si esibisce tra le 8 e le 10 anteprime per stagione teatrale. Sul palco recitano attori come Yordanka Kuzmanova, Anya Pencheva, Stefan Danailov, Reni Vrangov, Stoyan Alexiev, Valentin Ganev, Valentin Tanev, Nikolay Urumov, Anna Papadopoulou, George Mamalev, Joreta Nikolova, Dejan Donkov, Zachary Baharov, Marin Yanev, Marius Donkin , Maria Kavardzhikova, Mikhail Petrov e altri.

Il National Theatre mantiene un ricco repertorio di titoli contemporanei e classici, focalizzato sull’interesse e l’attenzione del grande pubblico.

A seguito di cambiamenti democratici, il teatro ha instaurato relazioni durature con i palcoscenici di altri paesi europei. Ha partecipato ai festival teatrali BITF, alla Biennale di Bonn Nuovi pezzi dall’Europa, NET (Mosca), al Festival europeo dei teatri di Varsavia e molti altri.

Attualmente, il Teatro Nazionale è l’istituzione teatrale bulgara più significativa e rappresentativa con le sue tre fasi, una compagnia teatrale permanente e un ricco repertorio che mette in scena una decina di premiere per stagione.

Attualmente, il Teatro Nazionale ha un auditorium principale che può ospitare 780 persone e attrezzature per palcoscenico avanzate; una sala da 120 posti a sedere e un palco al quarto piano con una capienza di 90 posti.

Tags: