Recensione di Art Basel Hong Kong 2017, Cina

La 5a edizione di Art Basel ad Hong Kong, aperta al pubblico dal 29 al 31 marzo, presso l’Hong Kong Convention and Exhibition Centre. La mostra 242 gallerie premier da 34 paesi e territori. Le opere di presentazione comprendevano progetti accuratamente curati, che andavano da mostre tematiche personali e collettive a vetrine storico-artistiche e film.

Hong Kong è il luogo perfetto per la fiera d’arte grazie alla sua scena artistica circostante, alla sua comunità artistica solidale e alla sua posizione come mercato dell’arte leader in Asia. Con il 2017 di Hong Kong Art Basel, offri agli appassionati d’arte l’opportunità di incontrarsi, sperimentare l’arte e scambiare idee.

La mostra di quest’anno presenta 29 nuove gallerie che hanno preso parte per la prima volta, incluse dieci nuove gallerie asiatiche: A + Contemporary, Bank, C-Space e Hive Center for Contemporary Art (Cina continentale); imura art gallery e The Third Gallery Aya (Giappone); Jhaveri Contemporary (India); Kwai Fung Hin Art Gallery (Hong Kong), Mind Set Art Center (Taiwan cinese) e The Third Line (Dubai).

Per quanto riguarda l’Europa, c’erano dieci nuove gallerie, tra cui Alfonso Artiaco e Thomas Brambilla (Italia); Galerie Buchholz, Dittrich & Schlechtriem, Kadel Willborn e König Galerie (Germania); High Art and mor charpentier (Francia), Project Native Informant e Waddington Custot (Regno Unito).

Le ultime nove nuove gallerie provenivano dalle Americhe e includono Aicon Gallery, Clearing, Luxembourg & Dayan, Sundaram Tagore Gallery e Various Small Fires (Stati Uniti); Bergamin & Gomide, Athena Contemporânea, Fortes D’Aloia & Gabriel (Brasile) e kurimanzutto (Messico).

Scopri l’incredibile varietà di arte moderna e contemporanea in mostra nei cinque settori principali della mostra: approfondimenti, scoperte, incontri, Kabinett e gallerie, tra cui Kabinett è un nuovo settore quest’anno. Immergiti nelle storie di Art Basel per uno sguardo più approfondito ai protagonisti e ai momenti salienti dello spettacolo.

Ad Hong Kong, la crescita della fiera sotto la gestione di Art Basel, è sbocciata in un rapporto simbiotico con la rapida ascesa del mercato dell’arte nella regione e l’aumento lampo del numero di importanti gallerie che si stabiliscono a Hong Kong. La fiera e la scena artistica di Hong Kong stanno sicuramente guadagnando slancio, un fatturato significativo con una forte risposta da parte dei collezionisti asiatici, compresi quelli provenienti da Corea, Cina continentale, Hong Kong e Giappone.

Punti salienti
Nel settore Gallerie, 190 espositori, tra cui gallerie di prim’ordine come Gagosian, Acquavella, Blum & Poe, Hauser & Wirth, Sean Kelly, Sprüth Magers e Victoria Miro, hanno presentato una varietà di opere moderne e contemporanee.

Uno dei momenti salienti di questa edizione di Art Basel Hong Kong 2017 è stata l’applicazione della tecnologia della realtà virtuale per creare arte. Nello spettacolo sono state presentate opere in realtà virtuale di rinomati artisti internazionali boychild, Cao Fei, Robin Rhode, Sun Xun e Yang Yongliang. Sono stati creati con Tilt Brush di Google, che è servito come strumento di applicazione per il disegno e la pittura 3D nella collaborazione tra Art Basel e Google Arts & Culture. Quella realtà virtuale è stata utilizzata come mezzo per la produzione di arte – piuttosto che semplicemente per l’esperienza immersiva di un’opera d’arte esistente – e ha segnato un cambiamento nel processo creativo dell’arte.

La Osage Gallery, fondata a Hong Kong nel 2004, ha riunito tre artisti cinesi nella loro presentazione di gruppo nello stand della galleria del settore Insights. Gli artisti erano Jiang Zhi, Shen Shaomin e Zhao Zhao. Tremble, un’opera di Jiang Zhi, ha attirato grandi gruppi di visitatori curiosi dell’installazione video a sette canali raffigurante sette figure nude a grandezza naturale che lottano per stare in piedi correttamente su piastre vibranti.

Bengalese e con sede a Londra, Begum utilizza la scultura per combinare due mondi: i suoi ricordi d’infanzia di arte e architettura islamica con ideali del minimalismo occidentale, risultando in questi piani di colore che vengono fuori dalle pareti e stanno in piedi sul pavimento. In The Deep Blue Sea, le strisce lucide che scendono dal soffitto trasmettono un sottotesto politico più profondo. Queste sono singole immagini del Mar Mediterraneo allungate su rotoli di 150 piedi che richiamano l’attenzione sulla crisi dei rifugiati in corso in quelle acque.

L’artista cinese tibetano Gonkar Gyatso, il suo album di famiglia è proprio questo: ritagli a grandezza naturale di immagini di 17 membri della famiglia in varie forme di abbigliamento. Il loro mix di costumi tradizionali tibetani per le feste, uniformi militari, abiti e cravatte e maglie Adidas simboleggia una cultura tibetana in evoluzione in un mondo in via di globalizzazione.

In primo piano e al centro del primo piano della mostra a due piani, c’è l’affascinante “Oggetto deduttivo” dell’artista concettuale coreano Kimsooja, un uovo monolitico modellato sulla tradizione indiana di scultura di pietra Barhmanda e rigato nei tradizionali colori obangsaek coreani, campo di piastrelle riflettenti.

Gli schizzi preliminari di Joshua Nathanson si svolgono sul suo iPad, un effetto sfocato che replica nella vita reale usando un aerografo su tela. La sua scena raffigura i punti salienti della vita di Los Angeles: la costa, il centro commerciale e LAX, i locali della sua galleria, pensava che Various Small Fires potesse risuonare a Hong Kong.

Nella sezione Scoperte tante sorprese tra gli artisti emergenti. Gli artisti regionali stanno crescendo ogni anno alla fiera di Hong Kong, e c’erano molte critiche e commenti sulle questioni sociali e politiche contemporanee.

L’installazione multimediale di immagini, specchi e oggetti di Kathrin Sonntag, con sede a Berlino, ha giocato con la percezione alla Galerie Kadel Willborn.

Protein Boy di Huang Po Chih, allo spazio mattutino, una toccante installazione di disegni, scritti, oggetti, fotografie e film che esplorano la disintegrazione della mente del padre mentalmente malato dell’artista.

Alla STPI Gallery, stampe e dipinti su carta di pasta di cellulosa luminosi di Shinro Ohtake facevano riferimento al disastro di Fukushima;

Le accattivanti opere audaci di Eko Nugroho alla Arario Gallery hanno trasmesso un messaggio politico zuccherino ma potente sui rifugiati e la migrazione;

Le sculture di armature metalliche dell’artista pakistana Naiza Khan di Rossi & Rossi hanno esplorato il corpo femminile come un luogo politicizzato di guerra e repressione.

Nella sezione Incontri, la politica e l’arte erano strettamente intrecciate, riflettono la percolazione dei recenti eventi politici attraverso il loro lavoro e gli spettatori potevano interagire con i meme sociopolitici.

Il Summit di Shen Shaomin è stato collocato accanto a un’opera dell’artista filippino Pio Abad, che ha presentato Non uno scudo, ma un’arma (2016), un’installazione di 180 imitazioni della borsa nera Asprey di Margaret Thatcher.

Un meridiano posizionato un po ‘più avanti, grandi risme di carta fotografica a cascata raffiguravano immagini digitali allungate e distorte di rifugiati in barca. “Questi rifugiati diventano per noi astratti, un’estetica distorta piuttosto che una vera sofferenza umana. Il lavoro rappresenta la nostra distanza emotiva dalla realtà di ciò che sta realmente accadendo nella crisi dei rifugiati e nella guerra.

“Incontro nascosto” dell’artista cinese di Taiwan Joyce Ho, è stato creato per “chi infrange le regole, i curiosi e gli avventurosi”. Composta da tre stanze separate, l’installazione era qualcosa di più di un oggetto; il lavoro ha creato incontri tra individui.

Conversazioni d’arte
Programmato da Stephanie Bailey, scrittrice ed editrice d’arte, relatori da tutto il mondo si impegnano in discussioni sul mondo dell’arte. I colloqui includono una conversazione tra l’artista di Hong Kong Kingsley Ng e la curatrice Valerie C. Doran sul progetto Twenty-Five Minutes Older di Ng. Il progetto è stato presentato per la prima volta come parte della mostra che celebra il 20 ° anniversario dell’Arts Development Council di Hong Kong. L’opera ha trasformato due tram pubblici di Hong Kong in telecamere oscure in movimento, evidenziando l’effimero della città.

Oltre ai discorsi, le proiezioni dei film della fiera, curate dall’artista multimediale e produttore cinematografico di Pechino e Zurigo, Li Zhenhua, includono una proiezione speciale di Sky Ladder: The Art of Cai Guo Qiang (2016) diretto da Kevin McDonald. Il documentario ha rivelato come Cai ha creato il suo lavoro su larga scala utilizzando il suo mezzo preferito di fuochi d’artificio ed esplosivi. Una breve azienda chiamata Data, Algorithm and Beyond ha esplorato come la nostra percezione del mondo sarebbe alterata quando arte e realtà virtuale si intrecciano tra loro.

Tags: