Opéra-National de Paris, Francia

L’Opéra-National era una compagnia lirica parigina che il compositore francese Adolphe Adam fondò nel 1847 per fornire un’alternativa alle due principali compagnie operistiche francesi a Parigi, l’Opéra e l’Opéra-Comique. Gli obiettivi della nuova compagnia erano di “incoraggiare nuovi talento compositivo, “rianima opéras comiques di un periodo precedente e produci opera a un prezzo più basso per un pubblico più vasto

La compagnia si esibì per la prima volta nel relativamente grande Cirque Olympique sul Boulevard du Temple, in un quartiere operaio di Parigi. Le difficoltà finanziarie e il tumulto della rivoluzione del 1848 fecero chiudere la compagnia nel marzo di quell’anno. Fu ripreso sotto un nuovo direttore, Edmond Seveste, nel 1851, quando si trasferì al Théâtre Historique, a breve distanza sul Boulevard du Temple Nel 1852 la compagnia fu ribattezzata Théâtre Lyrique e operò con quel nome fino al 1872

L’Opera di Parigi è una delle più grandi case di opera e balletto del mondo Fondata più di tre secoli fa da Luigi XIV, possiede due teatri, il Palais Garnier (1875) e l’Opéra Bastille (1989). La sua missione è di preservare e sviluppare il nostro operismo e il balletto e dà più di 350 spettacoli all’anno Grandi compositori come Rameau, Gluck, Rossini, Verdi, Wagner, Gounod, Massenet, Poulenc e Messiaen hanno dato le prime esibizioni delle loro opere qui La compagnia di balletto, ricca di tradizione storica , si esibisce in tutto il mondo Nel corso degli anni ha ospitato i più grandi coreografi: George Balanchine, Serge Lifar, Rudolf Nureyev, Roland Petit, Maurice Béjart e, naturalmente, Pina Bausch

Nel 1791, durante la rivoluzione francese, furono rimosse molte restrizioni sui teatri. Nuove leggi permisero praticamente a chiunque di aprire un teatro Gli sviluppatori fondarono molti nuovi teatri, e divenne sempre più difficile per qualsiasi, compresi i teatri sponsorizzati dallo stato, fare soldi L’8 giugno 1806 Napoleone emanò un decreto che regolava l’apertura di nuovi teatri Nessuno poteva aprire un teatro senza l’approvazione dell’imperatore, sulla base di una proposta preparata e presentata dal ministro dell’interno. Il 25 aprile 1807 emanò un secondo decreto, più sviluppato, che determinato i generi permessi in ogni teatro. Qualsiasi teatro che voglia mettere in scena un’opera nel repertorio dell’Opéra sostenuta dallo stato, la Comédie-Française o l’Opéra-Comique dovevano pagare una tassa alla direzione della società appropriata Inoltre, solo l’Opéra poteva esibirsi in particolari balletti storici e mitologici, sovraccaricando così molte compagnie, in particolare il Théâtre de la Porte-Saint-Martin

Il teatro è stato inaugurato il 15 novembre 1847 con un prologo musicale (Les premiers o Les deux génies) e la premiere di un’opera in 3 atti Gastibelza L’opera ha avuto un libretto di Adolphe d’Ennery e Eugène Cormon, e musiche di Aimé Maillart The prologo, un pastiche con musica di Adam, Daniel Auber, Fromental Halévy e Michele Carafa, e un libretto di Alphonse Royer e Gustave Vaëz, era di grande attualità, con riferimenti alla nuova ferrovia da Parigi a Tours (una meraviglia tecnica del tempo ) e il Boulevard du Crime (soprannome del Boulevard du Temple, per i numerosi melodrammi sui crimini sensazionali eseguiti in molti dei teatri situati lì)

Nel 1851, l’Opéra-National fu rianimato, e il 1 ° maggio Edmond Seveste fu nominato direttore Entro la fine di luglio aveva preso in affitto il Théâtre Historique (72 Boulevard du Temple) Costruito dal drammaturgo Alexandre Dumas, il teatro aveva aperto il 20 febbraio 1847, chiuso il 20 dicembre 1850, e rimasto inutilizzato L’ingresso al teatro era un lungo e stretto vestibolo, stretto tra altri due edifici, con una facciata larga solo otto metri L’auditorium, situato nella parte posteriore, era insolitamente largo (20 metri) e solo 16 metri di profondità Aveva una capacità di ascolto di 1500-1700 e si pensava che avesse un’acustica eccellente per l’opera

Il teatro ha richiesto una ristrutturazione minima per il suo nuovo scopo: nuova vernice di bianco e oro, alcuni arredi e una tenda a goccia dipinta da Auguste Rubé Quattro candelabri sono stati fissati alle colonne dei palchi e i busti di Corneille e Molière sono stati sostituiti con quelli di Gluck e Lully Nel foyer è stato installato un pianoforte a coda con un busto di Weber Sono state apportate modifiche strutturali ad alcuni spazi ausiliari, compresa la conversione delle stalle utilizzate per i cavalli nei drammi storici di Dumas, nella stanza verde dei musicisti

Tags: