Fondazione culturale Ema Gordon Klabin, San Paolo, Brasile

La Fondazione culturale Ema Gordon Klabin è un museo d’arte situato nella città di San Paolo, in Brasile. Istituita ufficialmente nel 1978, è un’istituzione privata senza fini di lucro, legalmente dichiarata come organizzazione di interesse pubblico federale. È stato creato dal collezionista e filantropo brasiliano Ema Gordon Klabin (1907–1994), con lo scopo di preservare e mostrare la sua collezione d’arte, oltre a promuovere attività culturali, artistiche e scientifiche. La fondazione ha sede nell’ex casa di Ema nel quartiere Jardins, progettata appositamente dall’architetto Alfredo Ernesto Becker negli anni ’50 per contenere la sua collezione. La casa è circondata da un giardino di 4.000 metri quadrati progettato dall’architetto paesaggista brasiliano Roberto Burle Marx.

La collezione della Fondazione comprende oltre 1.500 pezzi, che coprono alcuni dei periodi più avvincenti della storia dell’arte occidentale, dalle civiltà greca ed etrusca a maestri europei, con importanti opere delle scuole olandesi, fiamminghe, italiane e francesi, nonché opere asiatiche culture, arte africana e precolombiana. Anche l’arte brasiliana è delineata nella collezione, che comprende esempi che vanno dal periodo coloniale alle prime generazioni di modernisti. La biblioteca della Fondazione contiene un insieme di libri rari, che vanno dai manoscritti miniati agli incunaboli.

Storia

Ema Klabin
Nata a Rio de Janeiro nel 1907, Ema Gordon Klabin era figlia di Hessel Klabin e Fany Gordon Klabin, immigrati lituani che vennero in Brasile nell’ultimo decennio del XIX secolo. Suo padre e gli zii Maurício, Salomão e Miguel hanno creato, nel 1899, la società Klabin Irmãos e Cia, che ha avuto un ruolo di primo piano nello sviluppo del settore della cellulosa, della carta e degli imballaggi nel paese.

Ha trascorso gran parte della sua infanzia in Europa, facendo frequenti viaggi in patria. Colta di sorpresa dalla prima guerra mondiale, la famiglia, che viveva in Germania dal 1913, fu costretta a trasferirsi in Svizzera, dove rimase fino al 1919. Durante questo periodo, Ema ottenne la sua unica istruzione formale. Dopo essere tornata in Brasile, ha studiato solo con insegnanti privati, poiché a quel tempo non c’erano condizioni per le donne a studiare, tranne che nelle scuole cattoliche, a cui non poteva frequentare a causa della sua origine ebraica. È cresciuta come grande apprezzatrice di musica e arte, avida lettrice e frequentatrice di concerti, teatro, opera e balletto. Ben presto ha sviluppato un grande interesse per il collezionismo. Le sue prime acquisizioni furono tappeti orientali, porcellane e argenteria.

Oltre al suo ruolo di imprenditrice, Ema Klabin ha svolto un ruolo significativo nella vita culturale della città, con la partecipazione nei consigli di amministrazione di diverse istituzioni, oltre a promuovere artisti, musicisti e orchestre. Alla fine degli anni ’40, dopo la morte di suo padre, iniziò ad acquisire importanti opere d’arte, formando una collezione completa e diversificata. Con una visione diversa da quella di uno storico o curatore dell’arte, ha riempito i suoi ambienti domestici con oltre 1600 pezzi di diversi periodi, tecniche e origini.

Dopo la morte di Hessel Klabin nel 1946, Ema e sua sorella Eva divennero eredi della fortuna della famiglia. Ema divenne anche il successore di suo padre nel consiglio aziendale. Non si è mai sposata né ha avuto figli, dedicandosi esclusivamente agli affari, alle attività filantropiche e culturali. Come sua sorella, Ema ha anche continuato ad espandere la sua collezione d’arte, facendo frequenti viaggi in Europa e negli Stati Uniti per acquisire nuovi oggetti. Nel 1948, incaricò l’architetto Alfredo Ernesto Becker di proiettarle una nuova casa in un appezzamento di terra ereditato da suo padre, situato nel distretto di Jardins, al fine di conservare la sua crescente collezione. Qualche tempo dopo, avrebbe ordinato la costruzione di una casa di campagna invernale a Campos do Jordão, quando non c’era più spazio per tenere le sue frequenti acquisizioni.

Ema è stata significativamente coinvolta nella vita culturale di San Paolo. Ha lavorato come membro dei consigli di amministrazione del Museo d’Arte di San Paolo, del Museo di Arte Moderna di San Paolo e della Biennale dell’Arte di San Paolo. Ha collaborato alla creazione del Museo Lasar Segall e della Fondazione Magda Tagliaferro, ed è stata anche membro e sostenitore della Sociedade de Cultura Artística e dell’Orchestra Filarmonica di San Paolo. Tra le sue attività filantropiche, la sua opera più significativa è stata la donazione dell’importo necessario per acquistare il lotto in cui sarebbe stato costruito l’Ospedale Albert Einstein, nonché l’organizzazione di attività di raccolta fondi per contribuire a finanziarne la costruzione. Ha anche collaborato con l’Associazione dei genitori e degli amici dei portatori di handicap di San Paolo (APAE), l’Associazione per l’assistenza ai bambini con difetti alla nascita (AACD) e l’ospedale per il cancro.

Negli anni ’70, Ema iniziò a preoccuparsi del futuro della sua collezione. Una delle sue prime idee è stata quella di donare gran parte di essa ai musei brasiliani. Ma dopo il tragico incendio che nel 1978 distrusse quasi l’intera collezione del Museo d’Arte Moderna di Rio de Janeiro, decise, come sua sorella, di creare una fondazione con lo scopo di tenere insieme la collezione e trasformare la sua casa in un museo aperto alla visita pubblica dopo la sua morte. Ema è morta nel 1994, all’età di 86 anni.

La Fondazione
La Fondazione fu ufficialmente registrata nel 1978. Dopo la morte di Ema, la sua casa rimase chiusa per tre anni, fino alla fine del 1996, quando l’architetto Paulo de Freitas Costa fu invitato a costituire una squadra per iniziare le attività e in seguito fu nominato curatore di l’istituzione. Il lavoro di ricerca e catalogazione della collezione è iniziato nel 1997, condotto attraverso consultazioni con specialisti e istituzioni in Brasile e all’estero, con l’obiettivo di risolvere le questioni relative all’identificazione, all’attribuzione e all’autenticità dei pezzi, oltre a determinarne il valore artistico e storico. Le azioni di restauro sono state anche realizzate in molti pezzi attraverso accordi o collaborazioni con altre istituzioni. La definizione che si applica meglio alla Fondazione Ema Klabin è quella di una “casa-museo”, in cui una “collezione chiusa” è sistemata in modo permanente secondo il gusto e il desiderio del suo creatore, preservando così il carattere originale, l’idiosincrasia e la personalità del collettore.

Negli ultimi anni, la Fondazione Ema Klabin ha compiuto sforzi per diffondere informazioni sulla collezione, anche prestando pezzi per mostre temporanee organizzate nei musei di San Paolo, Rio de Janeiro e Porto Alegre. Alcuni pezzi della collezione sono stati anche esposti in mostre straniere, come il Brasile attraverso European Eyes, tenutasi a Londra, Brésil Baroque, tenutasi al Petit Palais di Parigi, Chaim Soutine, tenutasi al Musée d’Art Moderne de Céret e l’ebraico Museum Vienna e la mostra retrospettiva Lasar Segall: un expressionista brasileño presso il Museo de Arte Moderno di Città del Messico e il Museo d’arte latinoamericana di Buenos Aires.

La casa
Il quartier generale della Fondazione Ema Klabin si trova in un terreno di 4.000 metri quadrati nel quartiere Jardim Europa, una suddivisione di alto livello progettata da Hipólito Pujol Júnior alla fine degli anni 1920, seguendo il modello delle città-giardino in stile britannico nel quartiere adiacente di Jardim América, progettato dal pianificatore urbano inglese Richard Barry Parker nel decennio precedente. La casa ha una superficie di 900 metri quadrati ed è stata progettata alla fine degli anni ’40 dall’architetto Alfredo Ernesto Becker. I suoi giardini sono stati progettati da Roberto Burle Marx.

La casa, realizzata su misura per ospitare la collezione, ispirata al palazzo Sanssouci in Germania, con materiali moderni nelle finiture degli interni. L’italiano Terri Della Stuffa, pioniere del design d’interni a San Paolo, era responsabile della decorazione eclettica della casa e Roberto Burle Marx realizzò il progetto iniziale del grande giardino.

La casa presenta uno stile eclettico, fondendo elementi moderni e classici. Sembra ispirato ai padiglioni del palazzo europeo, in particolare al palazzo Sanssouci di Potsdam, visitato da Ema nella sua infanzia e adolescenza. È un edificio a piano unico organizzato in una lunga galleria semicircolare, di fronte al giardino, attorno al quale sono distribuite tutte le stanze. Sebbene presenti una scala impressionante, come si vede dai soffitti alti quasi cinque metri, possiede relativamente poche stanze.

Camera da letto principale
Nella sua stanza, Ema ha cercato di riprodurre la decorazione delle stanze di Federico II a Sanssouci, così come gli appartamenti francesi del 18 ° secolo, usando colori rococò e forme decorative.

sala
Progettato per ricevere molti ospiti, il salone è decorato con colori caldi, guidato dai colori della tela Il trionfo di Bacco e Arianna, disposti sopra il camino, che si ripetono nei toni dei tessuti e del tappeto, sul grande tappeto Ersari , originario dell’Afghanistan.

Sala da pranzo
La decorazione della sala da pranzo è caratterizzata dal barocco brasiliano, che, nel discorso dei modernisti, è stato visto come una vera manifestazione artistica della nostra storia

Galleria
Collegando tutte le stanze della casa, la galleria fa riferimento alle grandi gallerie dei palazzi europei, dove sono stati esposti pezzi preziosi di una collezione d’arte.

Biblioteca
Questo era l’ambiente in cui Ema trascorreva gran parte della giornata, ascoltando musica e godendosi i suoi libri, e riceveva la sua famiglia e gli amici più cari per lunghe conversazioni. Il formato circolare è stato ispirato dalla biblioteca di Federico II a Sanssouci

La Biblioteca della Fondazione Ema Klabin contiene una raccolta di oltre 3.000 libri. Anche se di piccole dimensioni, include un’importante serie di opere rare, come manoscritti miniati, incunaboli ed edizioni Aldine. Contiene anche una raccolta di notizie di viaggiatori europei in Brasile, che vanno dal 16 ° al 19 ° secolo, tra cui opere di André Thévet, Arnoldus Montanus, Robert Southey, Willem Blaeu, Maria Graham, von Spix, von Martius, ecc. collezione è l’insieme di libri di lusso pubblicati dalla Società dei cento bibliofili del Brasile, illustrati da alcuni dei più importanti artisti modernisti brasiliani.

Sala della musica
Quasi tutti i progetti per la nuova casa includevano uno spazio riservato alla musica – una delle grandi passioni di Ema – dove poteva ospitare il pianoforte francese Érard, acquistato da suo padre nel 1912.

Blue Room
L’atmosfera della stanza degli ospiti deriva dalla natura ricettiva della stanza: la presenza di mobili portoghese-brasiliani in palissandro (18 ° secolo), insieme al dipinto di Tarsila do Amaral

Sala circolare
La sala circolare ripete, su piccola scala, il progetto della Galleria del Marmo del Palazzo di Sanssouci, con lo stesso materiale sul pavimento. I pezzi qui esposti, che uniscono materiali, periodi e tecniche diversi, sono armonizzati da forme, colori e trame.

Entrata principale
Il vestibolo, o ingresso principale, era il luogo in cui venivano ricevuti gli ospiti, con accesso al copricapo e alla toilette sul lato.

Giardino principale
Dalla Galleria possiamo vedere il giardino della casa, un progetto del paesaggista, architetto e artista Roberto Burle Marx, in cui possiamo vedere alcune delle sue caratteristiche più sorprendenti come il layout e l’uso di specie brasiliane.

Giardino interno
Poiché la sala da pranzo non si affaccia sul giardino principale, è stato creato un cortile interno, caratterizzato da una ricca vegetazione e dalla fontana in marmo italiano (18 ° secolo), acquistata a Roma durante la costruzione della casa.

Collezione

Arte africana
La collezione di arte africana comprende oggetti religiosi e rituali, eseguiti in legno, avorio e bronzo da distinti gruppi etnici dell’Africa occidentale, come Ashanti, Bambara, Yoruba, Mossi, Dan, Baoulé, Bakongo e Bakuba, molti dei quali risalenti a fine XIX e inizio XX secolo.

Arte asiatica
La collezione di arte asiatica comprende oggetti provenienti da diverse culture, dal Vicino Oriente alle Isole del Pacifico, tra cui Turchia, Persia, India, Cina, Giappone e Asia sud-orientale. Comprende tappeti, sculture, dipinti, stampe, mobili e decorazioni decorative e rituali. Tra questi, spiccano le opere cinesi, sia in termini di qualità che di quantità. La collezione comprende un importante assemblaggio di bronzi rituali risalenti a Shang (14 ° -9 ° secolo a.C.) e dinastie Zhou (10 ° -3 ° secolo a.C.), figure funerarie in ceramica prodotte durante la dinastia Tang (8 ° secolo) e sculture in legno policromo del Ming Dinastia (dal 14 ° al 17 ° secolo).

Arte brasiliana
L’arte coloniale brasiliana è rappresentata da un gruppo di 24 immagini sacre barocche, nonché da una serie di sculture in legno policromo (colonne, porte, terminali ecc.). Di particolare importanza sono quelli realizzati da Valentim da Fonseca e Silva (Maestro Valentim), provenienti dalla chiesa demolita di São Pedro dos Clérigos, a Rio de Janeiro. Da artisti brasiliani modernisti, la collezione comprende importanti dipinti di Lasar Segall, Candido Portinari, Emiliano Di Cavalcanti e Tarsila do Amaral, nonché sculture di Victor Brecheret, Bruno Giorgi e Bella Prado. Ci sono anche disegni e stampe di Clóvis Graciano, Iberê Camargo, Maria Bonomi, Marcelo Grassmann, Poty Lazzarotto, ecc.

Antichità classica
La collezione di antichità della Fondazione Ema Klabin comprende opere in ceramica, terracotta, bronzo e marmo di civiltà greca, etrusca e romana, la maggior parte delle quali prodotte tra il IV secolo a.C. e il I secolo d.C. Comprende sculture, aryballos, anfore, figurine di Tanagra, ecc. Tra le sculture spicca una testa in marmo greco di Zeus (V secolo a.C.).

Arti decorative e applicate
La collezione di arti decorative e applicate comprende un numero relativamente elevato di pezzi, come lampade, tappeti, statuette, frontoni per caminetti, specchi e oggetti decorativi in ​​generale. Vi è una vasta collezione di stoviglie, tra cui porcellana (Sèvres, Limoges, Meissen) e bicchieri di cristallo (Baccarat, Boemia).

La collezione di mobili è composta principalmente da pezzi italiani e francesi, che vanno dal 16 ° al 19 ° secolo, tra cui tavoli, mobili e altri oggetti. Le opere più importanti della collezione, tuttavia, sono quelle di origine portoghese-brasiliana, prodotte con Jacaranda, essendo l’esempio più evidente una scrivania da tavolo da gioco portoghese con diverse coperture intarsiate in avorio, commissionate dalla regalità portoghese. La collezione comprende anche molti esempi di tappezzerie prodotte da Terry Della Stuffa, nonché tavoli e armadi cinesi, ecc.

Il museo ospita anche una collezione di argenteria espressiva, composta da oltre 150 pezzi. Tra questi spiccano l’assemblaggio di antichi calici cerimoniali, provenienti da Inghilterra, Germania e Russia, la collezione di portastuzzicadenti portoghesi del XIX secolo, la collezione di candelieri inglesi e portoghesi, barche e lampadari per incenso e l’argenteria religiosa brasiliana, che comprende candelabri , lanterne da processione, ecc. La collezione di stoviglie d’argento è composta principalmente da pezzi britannici, eseguiti da importanti scultori argentieri, come Paul de Lamerie, Paul Storr e John Wakelin.

Arte europea
La collezione comprende una serie di dipinti italiani risalenti al XVI e al XVIII secolo. Tra questi spiccano le scene religiose e mitologiche di Raffaellino del Garbo, Giacomo Francia, Giovanni Battista Gaulli e Sebastiano Ricci, oltre ai ritratti di Alessandro Allori e Pompeo Batoni.

La collezione presenta un ampio panorama di scuole fiamminghe e olandesi, che vanno dal XV al XVII secolo, con una forte enfasi nei dipinti barocchi. Include opere di genere, scene di caccia, paesaggi, ritratti e nature morte di artisti come Jan Brueghel il Vecchio, Jan van Goyen, David Teniers il Giovane, Gerard ter Borch, Abraham Brueghel, Philips Wouwerman e Abraham Hondius, accanto a due piccoli pannelli attribuiti a Dirk Bouts. La collezione comprende anche due dipinti di paesaggi di Frans Post, tra cui Vista di Olinda, probabilmente la tela più preziosa del museo.

Tra i dipinti francesi spicca la tela Ariadne di Jean-Baptiste Greuze. Ci sono anche paesaggi e scene mitologiche di Claude Lorrain, Gabriel Briard, Nicolas-Antoine Taunay, una natura morta di Pierre-Auguste Renoir e opere dei pittori della Scuola di Parigi, come Chaim Soutine e Maurice de Vlaminck, accanto a due importanti tele di Marc Chagall: À la campagne e Coppia con fiori e gallo.

La collezione europea include anche stampe di Albrecht Dürer, Rembrandt, Francisco de Goya, Pablo Picasso, tra gli altri, oltre a una serie di icone orientali.

Arte precolombiana
Questa piccola collezione è composta da oggetti prodotti prima del XVI secolo, provenienti da importanti siti archeologici nell’attuale Bolivia, Perù e Messico, come Tiwanaku, Chancay e Nazca. Comprende opere in terracotta, pietra, legno e tessuto prodotte da civiltà come Chavín, Moche, Chimú, Toltec e Nazca.

Fatti interessanti
Firmata dall’ingegnere-architetto Alfredo Ernesto Becker, la Ema Klabin House-Museum è stata ispirata dal Palazzo Sanssouci a Potsdam, vicino a Berlino, frequentato da Ema in gioventù. Il palazzo impiegò più di dieci anni per essere completato.

Le opere sono state acquisite da Ema Klabin in gallerie e negozi di antiquariato in tutto il mondo. Uno dei primi acquisti, nel 1948, fu fatto su raccomandazione di Pietro Maria Bardi, che iniziò a formare la collezione MASP.

In una forma sinuosa e con uno splendido laghetto koi, il giardino di Ema Klabin è stato progettato da uno dei più importanti architetti del paesaggio del 20 ° secolo, Roberto Burle Marx.

Nella collezione della Fondazione ci sono pezzi di grande valore storico come “Vista de Olinda” (1650), di Frans Post, uno dei primi dipinti realizzati sul Brasile. Il dipinto faceva parte di una serie di doni dati dal conte Maurício de Nassau, che governò il Brasile olandese tra il 1637 e il 1644, al re francese Luigi XIV.

Ema Klabin ha anche raccolto orchidee e aveva più di 400 vasi nel suo vivaio, con specie portate da tutto il mondo. Ha registrato tutte le fioriture sui suoi quaderni e ha persino avuto vasi premiati in occasione di mostre.

Ema ha registrato tutte le sue squisite cene in un apposito taccuino, dove ha scritto di tutto, dalla porcellana e l’argenteria utilizzate, al menu, agli asciugamani, ai vini e alle composizioni floreali (prese dal suo giardino). Ha sempre ricevuto visitatori illustri come Assis Chateaubriand, Magda Tagliaferro, João Carlos Martins e José Mindlin, tra gli altri. Attualmente, ogni semestre, il tavolo nella casa del museo è ancora impostato per riprodurre una di queste cene.

Per allestire la sua biblioteca, con 3000 volumi, Ema inizialmente ricevette la guida del bibliofilo José Mindlin. La collezione ha libri rari, che vanno dai manoscritti miniati e alle prime copie del libro stampato (edizioni di incunaboli e aldine), ai resoconti dei viaggiatori europei in Brasile, che vanno dal 16 ° al 19 ° secolo, oltre a diverse edizioni di lusso illustrate, come la raccolta dei cento bibliofili del Brasile.

Ema si è dedicata a numerose attività filantropiche e di assistenza, tra le quali spicca la donazione di terreni per la costruzione dell’ospedale Israelita Albert Einstein, a San Paolo.
La collezione di Ema Klabin ha un carattere panoramico e storico, con molte gemme. Il pezzo più antico è una coppa di bronzo cinese del 14 ° secolo a.C., e la più recente è un’incisione di Renina Katz del 1987. Tra loro, ci sono quasi 3.400 anni di storia e arte.

Negli anni ’70, senza avere eredi diretti e preoccuparsi del destino della sua collezione, la collezionista iniziò a consultare specialisti per assisterla nella scelta delle istituzioni in grado di ricevere una collezione. L’incendio al Museum of Modern Art di Rio, MAM (1978), tuttavia, gli ha fatto scegliere di creare nella sua casa un museo aperto al pubblico.

Tags: