Villa Arson, Nizza, Francia

Scuola Nazionale di Belle Arti a Villa Arson, (École Nationale Supérieure d’Arts à la Villa Arson), è un museo d’arte francese, scuola d’élite e istituto di ricerca per l’arte contemporanea, con sede a Nizza, in Francia. Ospita il Centro nazionale per l’arte contemporanea creato nel 1972 dal Ministero della Cultura con una carta ministeriale.

Costruito sulla collina di Saint-Barthélémy, la proprietà di Villa Arson si estende per oltre due ettari offrendo una magnifica vista sulla città di Nizza e sulla Baia degli Angeli. Un labirinto di cemento, pietra e vegetazione, con strade e patii interni, anfiteatri all’aperto, terrazze sospese e giardini, che si collegano armoniosamente attorno all’antica dimora della famiglia Arson.

Progettato negli anni ’60 dall’architetto Michel Marot, questo singolare complesso architettonico costruito nel mezzo di un giardino mediterraneo dovrebbe essere scoperto durante una piacevole passeggiata. L’architettura bassa costruita, che non ha facciata, si estende per oltre 17.000 metri quadrati e segue la topografia della collina. In tutta la proprietà si possono incontrare opere create da artisti contemporanei in relazione all’architettura e ai giardini.

La Villa Arson è un’istituzione nazionale unica dedicata all’arte contemporanea. Riunisce in un’unica sede una scuola d’arte, un centro d’arte, una residenza per artisti e una biblioteca specializzata. L’edificio è stato elencato Patrimonio del 20 ° secolo.

La Villa Arson fu progettata dal 1962 da Michel Marot, architetto e ex studente di Walter Gropius. Aperto nel 1972, è uno dei fiori all’occhiello dell’architettura degli anni ’60, vicino allo stile modernista e al nuovo stile Brustalisme. Impiantato su una collina dietro la città di Nizza, in Francia, la villa occupa un vasto dominio di oltre 2 ettari che si affaccia sulla Baia degli Angeli, parte della Costa Azzurra. L’edificio è un sito registrato del XX secolo.

È un’istituzione nazionale unica nel suo genere dedicata all’arte contemporanea in Francia, che unisce un Centro nazionale d’arte contemporanea, una scuola d’arte nazionale, artisti in programma di residenza e una biblioteca specializzata in arte. La cosiddetta architettura “brutalista” di Villa Arson degli anni ’60 circonda una villa in stile italiano del XVIII secolo in un piccolo complesso architettonico comune: un incrocio tra il minerale e il vegetale, fatto di ruvidi muri di cemento parzialmente ricoperti di ciottoli. Questo ambizioso progetto architettonico, che coinvolge labirinto e fortezza, è caratterizzato da un’austera grandezza.

Una sala monumentale conduce nell’edificio principale e prosegue in una “strada” centrale, scandita da cortili. Questo collega la scuola d’arte, sistemata sotto terrazze a gradini, tipi di serre sul tetto, che proteggono l’impronta e gli alberi notevoli ammirati dai primi turisti. L’Art Center e la residenza degli artisti si organizzano attorno all’ex giardino estivo. L’intero dominio è intervallato da opere site-specific.

Nel 1970 fu inaugurata la Villa Arson, l’ex scuola di Arti Decorative di Nizza (creata nel 1881 sulla strada Tonduti de l’Escarène) e il CARI (Centro artistique de rencontres internationales (Centro artistico per incontri internazionali)) fu creato con la missione di organizzare mostre tematiche e allestire una residenza per artisti. L’inaugurazione ufficiale è stata nel 1972.

A metà degli anni ’80, con la politica di sostegno alle arti visive del Ministro della Cultura Jack Lang, Villa Arson abbandonò l’insegnamento delle arti decorative e si dedicò all’insegnamento delle pratiche più contemporanee. L’École pilote internationale d’art et de recherche (Scuola internazionale d’arte e ricerca sperimentale) (ora École nationale supérieure d’art, Scuola nazionale superiore d’arte) è stata creata e il CARI è stato sostituito dal Centre national d’art contemporaneo (Centro nazionale per l’arte contemporanea).

Durante gli anni 2000 The Villa Arson è stato inserito nella lista “Heritage of the 20th century”, è stato aperto lo studio per la creazione nelle arti digitali (ora il “pôle numérique”) ed è stato creato il dipartimento Educational. Gli spazi sono stati rinnovati, gli studi sono stati riadattati, le terrazze sono state rinnovate e i giardini sono stati riconfigurati.

Le realizzazioni di Michel Marot sono costituite da diversi edifici che incorporano la vecchia villa ocra del XVIII secolo (colore rosso di Genova) nella costruzione, e investono quasi tutto il terreno (17.000 m2 costruiti sui 23.000 della trama). La realizzazione del progetto, che comprende sia l’apparente labirinto che la fortezza, ha principalmente investito la parte meridionale del sito sotto forma di una pianificazione urbana organizzata lungo l’asse di una strada centrale.

Un’ampia sala monumentale consente l’accesso agli edifici, all’antica villa, agli spazi del centro d’arte (1.200 m2), alla mediateca, ecc. Da lì, un doppio asse centrale di circolazione che, al livello superiore, si apre su grande tetti a terrazza disposti come passerelle e giardini pensili traforati da patii dai quali emergono alberi e, al piano inferiore, conducono ai laboratori della scuola. Questi laboratori, posti sotto una lastra, beneficiano di appropriati sistemi di illuminazione naturale, combinando l’illuminazione zenitale con i piramidali e l’illuminazione laterale dei lucernari.

All’interno, l’aspetto generale conferisce alla vista un’impressione di sobrietà con pareti di cemento “deco grezzo” e illuminazione naturale sapientemente padroneggiata.

All’esterno, le pareti delle pareti con ciottoli ricavati dal letto del Var si riferiscono non solo a un contesto regionale di architettura vernacolare, ma soprattutto producono un effetto puntinistico che conferisce una grande unità agli edifici.

L’ensemble ha un singolare aspetto modernista e un carattere mediterraneo.

La caratteristica principale del giardino di Villa Arson di un tempo era la sua strutturazione in tre terrazze “all’italiana” successive in direzione sud. All’inizio del XX secolo, parte del giardino fu smantellata dall’installazione di un albergo. Dal periodo della famiglia Arson oggi rimangono principalmente gli imponenti allineamenti di pini marittimi e cipressi che giustificavano la protezione nel 1943 della villa come patrimonio6 e i siti notevoli della città di Nizza.

Da allora, gli edifici contemporanei sono stati in gran parte collocati nel giardino del piacere di un tempo, ma nonostante ciò sono riusciti a mantenere l’impressione e lo spirito di un giardino. Livellando gli edifici principali su tre livelli sul versante sud, l’architetto Michel Marot è riuscito a rispettare la topografia originale del sito su tre terrazze. I patii aperti hanno conservato la vegetazione e gli alberi all’interno dell’edificio. Le terrazze-tetto composte da fioriere e massicci piantati permettono di ripristinare in modo sospeso l’architettura che ha preso nel giardino d’origine.

All’ingresso di Villa Arson, è stato creato un giardino contemporaneo, Le Bosco, caratterizzato da alti cerchi su un grande prato con alberi in diversi continenti, con riferimento alla vocazione internazionale dello stabilimento artistico. Altre piante scelte per il loro fogliame offrono una risonanza rispetto alle materie prime e nude degli edifici.

La passeggiata nel sito, proposta come un villaggio mediterraneo con la sua vegetazione, le piazze, le panchine e i vicoli pubblici, colloca il luogo nel suo spazio geografico.

Il NACC di Villa Arson appartiene a una rete di 57 centri d’arte sostenuti dal Ministero della Cultura. I centri d’arte nacquero da esperienze associative negli anni ’70, seguendo il modello della Kunsthallen tedesca. Come risultato del decentramento culturale negli anni ’80, lo Stato ha consolidato queste esperienze fornendo loro un supporto regolare. Il progetto di installazione di un centro d’arte a Villa Arson è dovuto a Henri Maccheroni, artista nizzardo, che lo depositò nel luglio 1982 presso il Ministero della Cultura. Ha la garanzia del supporto di Michel Butor e di Max Gallo.

Il CNAC è stato creato nel 1984 e sostituisce il CARI (Centre artistique de rencontres internationales) istituito all’inizio degli anni ’70 all’apertura dell’istituzione. La direzione del centro artistico è assicurata per dieci anni da Christian Bernard e consente di registrare la villa Arson nel panorama artistico francese e internazionale. Il centro supporta gli artisti nella loro ricerca, consente la realizzazione di nuovi progetti e contribuisce a rendere visibili, documentare e divulgare le loro creazioni. La sua attività principale è la progettazione e l’attuazione di un programma espositivo. Questi possono essere dedicati a uno o più artisti, per lo più all’inizio della loro carriera o non molto presenti sul territorio francese. La diversità degli spazi, che copre un’area totale di 1.200 m2, consente l’organizzazione di più mostre monografiche simultanee o importanti mostre collettive.

A differenza di un museo o di un fondo regionale d’arte contemporanea (FRAC), un centro d’arte non costituisce una collezione permanente. Agisce più come produttore, fornendo assistenza tecnica e finanziaria. Regolarmente, il centro artistico pubblica cataloghi10, contribuendo così in altro modo alla promozione degli artisti e al ricordo della creazione contemporanea.

Ex scuola nazionale delle arti decorative, fu trasformata a metà degli anni ’80 in una scuola interamente dedicata all’arte contemporanea e alle sue pratiche più sperimentali.

L’ENSA di Villa Arson11 è una delle sette scuole nazionali situate nelle regioni sotto la supervisione del Ministero della Cultura. Accoglie circa 200 studenti, in un unico dipartimento artistico, per un corso di 5 anni. Gli orientamenti pedagogici, condotti dal corpo docente, mirano a proporre un corso progressivo sancito da due diplomi di stato:

DNAP (National Diploma of Visual Arts) nel 3 ° anno;
un DNSEP (diploma nazionale superiore di espressione plastica) nel quinto anno, approvato per il grado di master nel 2012.

La caratteristica principale dell’ENSA è offrire agli studenti la possibilità di continuare i loro studi nelle immediate vicinanze del centro artistico e beneficiare della presenza di artisti ospitati in residenza o invitati a esporre. I corsi e i workshop sono organizzati in cinque aree:

polo digitale (studio del suono, video, webauthoring, ecc.)
polo editoriale e fotografico (litografia, serigrafia, incisione, fotografia digitale e argento)
volume del palo (officine metalliche, legno, taglio, ceramica)
disegno di pittura del palo
polo di insegnamenti teorici (storia dell’arte, storia delle idee, estetica, lingue)
Gli studenti sono reclutati in una competizione annuale e da equivalenti. Una visita ai laboratori è organizzata ogni anno all’inizio di marzo sotto forma di una giornata “open house”.

La mediateca è il centro di risorse dell’intera villa di Arson. Aperto a tutti, ospita principalmente ricercatori e studenti d’arte. Con una collezione di circa 35.000 riferimenti, ha una collezione di libri storici (libri rari e preziosi) risalenti al XIX secolo, che corrisponde alla collezione della vecchia scuola di arti decorative. Questa collezione comprende molti repertori di modelli usati nell’architettura e nelle arti decorative, nonché opere che trattano la storia dell’arte.

La maggior parte delle collezioni è il risultato del desiderio di 30 anni di creare un centro12 di risorse documentarie specializzate sulla creazione contemporanea conducendo una politica di acquisti e scambi tra istituzioni. Molti artisti invitati o esibiti presso la villa depositano opere. La disponibilità di 65 periodici che trattano le principali tendenze della ricerca e delle creazioni attuali attesta a questo proposito di seguire il più fedelmente possibile le notizie del mondo delle arti.

La residenza degli artisti permette di ospitare ogni anno sei residenti su invito e / o progetto legati alla programmazione artistica di Villa Arson. Ogni artista riceve una sovvenzione, ha un alloggio in loco, un laboratorio e accesso a tutti i laboratori della scuola.

In cambio, il residente si impegna a partecipare attivamente alla vita della scuola, avviando un workshop con gli studenti o organizzando incontri e conferenze con studenti e pubblico. La durata delle residenze varia tra 3 e 4 mesi al massimo.

Tags: