Museo della casa di Korney Chukovsky, Mosca, Russia

Il Museo della casa di Korney Chukovsky è un museo commemorativo di Korney Chukovsky situato nell’ex casa estiva dello scrittore a Peredelkino. L’apertura del museo ebbe luogo nel 1994 come sede del Museo letterario statale.

Biografia
Korney Ivanovich Chukovsky (31 marzo NS 1882 – 28 ottobre 1969) fu uno dei poeti per bambini più popolari in lingua russa. I suoi ritmi orecchiabili, le rime inventive e i personaggi assurdi hanno invitato i confronti con l’autore per bambini americano Dr. Seuss. Le poesie di Chukovsky Tarakanishche (“The Monster Cockroach”), Krokodil (“The Crocodile”), Telefon (“The Telephone”) e Moydodyr (“Wash-’em-Clean”) sono state le preferite di molte generazioni di bambini russofoni. Le linee delle sue poesie, in particolare Telefon, sono diventate frasi universali nei media russi e nelle conversazioni quotidiane. Ha adattato le storie di Doctor Dolittle in una poesia russa lunga un libro come Doctor Aybolit (“Dr. Ow-It-Hurts”), e tradotto in russo una parte sostanziale del canone di Mother Goose come Angliyskiye Narodnyye Pesenki (“Rime folk inglesi”). Fu anche un influente critico letterario e saggista.

Giornalismo
Dal 1901, Chukovsky ha iniziato a scrivere articoli su Odessa News. Nella letteratura di Chukovsky ha introdotto la sua stretta palestra amico, giornalista V. Ye. Zhabotinsky. Zhabotinsky era anche il garante dello sposo al matrimonio di Chukovsky e Maria Borisovna Goldfeld.

Quindi, nel 1903, Chukovsky, come unico corrispondente di giornale che conosceva l’inglese (che studiò indipendentemente dall’auto-tutorial di Olendorf in inglese), sedotto da un alto stipendio in quel momento – l’editore promise a 100 rubli al mese – andò a Odessa News come corrispondente a Londra, dove se ne andò con la sua giovane moglie. Oltre a Odessa News, gli articoli inglesi di Chukovsky sono stati pubblicati su Yuzhny Obozreniye e su alcuni giornali di Kiev. Ma le tasse dalla Russia arrivarono in modo irregolare e poi cessarono completamente. La moglie incinta dovette essere rimandata a Odessa. Chukovsky illuminò le liste di corrispondenza al British Museum. Ma a Londra, Chukovsky ha familiarizzato a fondo con la letteratura inglese – ha letto nell’originale Dickens, Thackeray.

Ritornato a Odessa alla fine del 1904, Chukovsky si stabilì con la sua famiglia in Bazarnaya Street, n. 2, e si immerse negli eventi della rivoluzione del 1905. Chukovsky fu catturato dalla rivoluzione. Ha visitato due volte la corazzata ribelle “Potemkin”, tra le altre cose, accettando lettere ai parenti dei marinai ribelli.

A San Pietroburgo, ha iniziato a pubblicare la rivista satirica Signal. Tra gli autori della rivista c’erano scrittori famosi come Kuprin, Fedor Sologub e Teffi. Dopo il quarto numero, fu arrestato per “aver insultato Maestà”. Fu difeso dal famoso avvocato Gruzenberg, che si era giustificato. Chukovsky fu arrestato per 9 giorni. In seguito ha ricordato il discorso di Gruzenberg al processo come segue:

– Immagina che io … beh, almeno qui su questo muro … disegno … beh, facciamo il culo. E alcuni passanti senza motivo dichiarano: questo è il procuratore Kamyshansky. <...> Chi offende il procuratore? Sto disegnando un asino o quel passante che si permette di affermare che per qualche ragione vede nel mio semplice disegno le caratteristiche di un rispettato funzionario di corte? Il punto è chiaro: ovviamente un passante. La stessa cosa succede qui. Cosa fa il mio cliente? Disegna un asino, degenerato, pigmeo. E Pyotr Konstantinovich Kamyshansky ha il coraggio di affermare pubblicamente che è una persona sacra della sua maestà imperiale, ora l’imperatore regnante zar Nicola II. Lascialo ripetere queste parole e saremo costretti a trattenerlo, il pubblico ministero, responsabile, applicare a lui, al pubblico ministero, un formidabile articolo 103,
– Korney Chukovsky. Come sono diventato uno scrittore

Nel 1906, Korney Ivanovich arrivò nella città finlandese di Kuokkala (ora Repino, il distretto turistico di San Pietroburgo), dove conobbe l’artista Ilya Repin e lo scrittore Korolenko. Fu Chukovsky a convincere Repin a prendere sul serio la sua scrittura e a preparare un libro di memorie, “Far Close”. A Kuokkale, Chukovsky visse per circa 10 anni. Dalla combinazione delle parole Chukovsky e Kuokkala, nacque “Chukokkala” (inventato da Repin) – il nome di un almanacco umoristico scritto a mano che Korney Ivanovich condusse fino agli ultimi giorni della sua vita.

Nel 1907 Chukovsky pubblicò le traduzioni di Walt Whitman. Il libro divenne popolare, il che aumentò Chukovsky conosciuto nei circoli letterari. Chukovsky divenne un critico influente, parlando in modo beffardo delle allora in voga opere di letteratura di massa e narrativa popolare: i libri di Lydia Charskaya e Anastasia Verbitskaya, Pinkertonism e altri, difesero argutamente i futuristi – sia in articoli che in conferenze pubbliche – dagli attacchi della critica tradizionale (Mi sono incontrato a Kuokkala con Mayakovsky e successivamente sono diventato amico di lui), anche se gli stessi futuristi gli erano tutt’altro che grati per questo; ha sviluppato il suo modo riconoscibile (ricostruzione dell’aspetto psicologico dello scrittore basato su numerose citazioni da lui).

Nel 1916 Chukovskij con la delegazione della Duma di Stato visitò nuovamente l’Inghilterra. Nel 1917, il libro di Patterson, “With the Jewish Distachment in Gallipoli” (sulla legione ebraica nell’esercito britannico) fu pubblicato, curato e con una prefazione di Chukovsky.

Dopo la rivoluzione Chukovsky continuò le sue critiche pubblicando due dei più famosi dei suoi libri contemporanei – “Il libro di Alexander Blok” (“Blok come uomo e poeta”) e “Akhmatova e Mayakovsky”. Le condizioni dell’era sovietica si rivelarono sfavorevoli per l’attività critica e Chukovsky dovette “seppellire questo suo talento”, che in seguito si pentì.

Studi letterari
Nel 1908, i suoi saggi critici furono pubblicati sugli scrittori Cechov, Balmont, Blok, Sergeev-Tsensky, Kuprin, Gorky, Artsybashev, Merezhkovsky, Bryusov e altri, che compilarono la raccolta “Da Cechov ai giorni nostri”, che è sopravvissuto a tre edizioni durante l’anno.

Dal 1917, Chukovsky iniziò i suoi molti anni di lavoro su Nekrasov, il suo amato poeta. I suoi sforzi lasciarono la prima raccolta sovietica di poesie di Nekrasov. Chukovsky finì di lavorarci solo nel 1926, dopo aver elaborato molti manoscritti e fornito ai testi commenti scientifici. La monografia “La Maestria di Nekrasov”, pubblicata nel 1952, fu ristampata più volte e nel 1962 a Chukovsky fu assegnato il Premio Lenin. Dopo il 1917, fu possibile pubblicare una parte significativa delle poesie di Nekrasov, che erano state precedentemente vietate dalla censura zarista, o che erano state poste il veto dai detentori del copyright. Circa un quarto delle linee poetiche di Nekrasov attualmente conosciute furono introdotte in circolazione da Korney Chukovsky. Inoltre,

Oltre a Nekrasov, Chukovsky era impegnato nella biografia e nel lavoro di numerosi altri scrittori del diciannovesimo secolo (Cechov, Dostoevskij, Sleptsov), che è dedicato, in particolare, al suo libro People and Books of the Sixties, a cui ha partecipato la preparazione del testo e l’editing di numerose pubblicazioni. Chukovsky considerava Cechov lo scrittore più vicino.

Poesie e fiabe per bambini
Il fascino della letteratura per bambini, glorificando Chukovsky, iniziò relativamente tardi, quando era già un famoso critico. Nel 1916, Chukovsky compilò una raccolta di “L’albero di Natale” e scrisse la sua prima fiaba, “Coccodrillo”. Nel 1923 furono pubblicate le sue famose fiabe “Moidodyr” e “Tarakanische”, e un anno dopo – “Barmaley”.

Nonostante il fatto che le fiabe siano state stampate in una grande tiratura e abbiano resistito a molte edizioni, non hanno soddisfatto pienamente i compiti della pedagogia sovietica. Nel febbraio del 1928, Pravda pubblicò un articolo del Vice Commissario per l’Educazione del Popolo della RSFSR NK Krupskaya “Sul coccodrillo Chukovsky”:

Tali chiacchiere sono mancanza di rispetto per il bambino. Innanzitutto, è attratto da un pan di zenzero: rime divertenti e innocenti e immagini comiche, e lungo la strada gli fanno inghiottire alcune fecce che non passeranno senza lasciare traccia per lui. Penso che “Crocodile” i nostri ragazzi non debbano dare …
Presto il termine “Chukovism” apparve tra i critici e gli editori del partito. Accettando le critiche, Chukovsky nel dicembre del 1929 in Literaturnaya Gazeta pubblicherà una lettera in cui “rinuncerà” ai vecchi racconti e dichiarerà le sue intenzioni di cambiare la direzione del suo lavoro scrivendo una raccolta di poesie “Merry Collective Farm”, ma non lo farà mantieni la sua promessa. La collezione non uscirà mai dalla sua penna e la prossima fiaba sarà scritta solo dopo 13 anni.

Nonostante le critiche alla Chukovschina, fu durante questo periodo che furono composte sculture basate sulle storie di Chukovsky in diverse città dell’Unione Sovietica. La più famosa è la fontana di Barmaley (danza rotonda per bambini, bambini e coccodrillo) del famoso scultore sovietico RR Iodko, installata nel 1930 secondo un tipico progetto a Stalingrado e in altre città della Russia e dell’Ucraina. La composizione è un’illustrazione dell’omonima fiaba di Chukovsky. La fontana di Stalingrado è famosa come uno dei pochi edifici sopravvissuti alla battaglia di Stalingrado.

Nella vita di Chukovsky, all’inizio degli anni ’30, apparve un altro hobby: lo studio della psiche dei bambini e il modo in cui padroneggiano il discorso. Ha registrato le sue osservazioni sui bambini, la loro creatività verbale nel libro “Da due a cinque” (1933).

Tutte le altre mie opere sono così oscurate dalle storie dei miei figli che, nelle menti di molti lettori, io, oltre a Moidodyr e Mokha-Tsokotuha, non ho scritto nulla.
– Chukovsky KI “About Me” // Opere raccolte: 15 vol. T. 1. – 2a edizione, elettronica, rev .. – M .: FTM Agency, Ltd., 2013. – P. 11-12. – 598 p.

Altre opere
Negli anni ’30, Chukovsky fu molto coinvolto nella teoria della traduzione letteraria (il libro “The Art of Translation” pubblicato nel 1936 fu ristampato prima dello scoppio della guerra, nel 1941, con il titolo “High Art”) e traduzioni in russo (M. Twain, O Wilde, R. Kipling e altri, anche sotto forma di “retelling” per i bambini).

Comincia a scrivere memorie su cui lavora fino alla fine della sua vita (“Contemporanei” nella serie “ZhZL”). Pubblicato postumo “Diari 1901-1969”.

Durante la guerra fu evacuato a Tashkent. Il figlio più giovane Boris è morto nella parte anteriore. Come riportato dall’NKGB al Comitato Centrale del Partito Comunista All-Union dei bolscevichi, durante gli anni della guerra Chukovsky disse: “… Con tutto il cuore auguro la morte di Hitler e il crollo delle sue folli idee. Con la caduta del dispotismo nazista, il mondo della democrazia si troverà faccia a faccia con il dispotismo sovietico. Aspetteremo “.

1 marzo 1944, sul giornale Pravda, fu pubblicato un articolo di P. Yudin “L’intruglio volgare e dannoso di K. Chukovsky”, in cui l’analisi del libro di Chukovsky “Overcome Barmalei! “Fu pubblicato a Tashkent nel 1943.” (Aibolitia è in guerra con Svirepiya e il suo re Barmaley), e questo libro è stato riconosciuto come dannoso nell’articolo:

La fiaba di K. Chukovsky è una cucina dannosa, capace di distorcere la realtà dei bambini moderni.

Il “racconto militare” di K. Chukovsky caratterizza l’autore come una persona che o non capisce il dovere di uno scrittore nella seconda guerra mondiale o che deliberatamente volgarizza i grandi compiti di allevare i bambini nello spirito del patriottismo socialista.

Chukovsky e la Bibbia per bambini
Negli anni ’60, K. Chukovsky concepì una rivisitazione della Bibbia per bambini. Ha attirato scrittori e scrittori a questo progetto e curato con cura il loro lavoro. Il progetto stesso fu molto difficile a causa della posizione anti-religiosa del governo sovietico. In particolare, hanno chiesto a Chukovsky che le parole “Dio” e “Ebrei” non debbano essere menzionate nel libro; dalle forze degli scrittori per Dio fu coniato lo pseudonimo di “Mago Yahweh”. Un libro intitolato The Tower of Babel and Other Ancient Legends è stato pubblicato nella casa editrice Children’s Literature nel 1968, ma la sua intera diffusione è stata distrutta dalle autorità. Le circostanze del divieto di pubblicazione furono in seguito descritte da Valentin Berestov, uno degli autori del libro: “Era l’apice della grande rivoluzione culturale in Cina. The Hunweibins, notando la pubblicazione, chiese a gran voce di schiacciare la testa del vecchio revisionista Chukovsky, intasando la coscienza dei bambini sovietici con sciocchezze religiose. L’Occidente ha risposto con il titolo “Nuova apertura delle guardie rosse” e le nostre autorità hanno reagito nel solito modo. “Il libro è stato pubblicato nel 1990.

Anni recenti
Negli ultimi anni, Chukovsky, un favorito popolare, vincitore di numerosi premi statali e detentore di ordini, allo stesso tempo ha mantenuto i contatti con i dissidenti (Alexander Solzhenitsyn, Litvinov, sua figlia Lydia era anche un’importante attivista per i diritti umani). Alla dacia di Peredelkino, dove lo scrittore ha vissuto in modo permanente negli ultimi anni, ha organizzato incontri con i bambini circostanti, ha parlato con loro, letto poesie, invitato personaggi famosi, famosi piloti, artisti, scrittori, poeti agli incontri. I bambini di Peredelkino, che sono stati a lungo adulti, ricordano ancora le riunioni di questi bambini nella dacia di Chukovsky.

Nel 1966, firmò una lettera di 25 personaggi culturali e scientifici al Segretario Generale del Comitato Centrale del PCUS, LI Breznev, contro la riabilitazione di Stalin.

Korney Ivanovich è morto il 28 ottobre 1969 per epatite virale. Nel cottage di Peredelkino, dove lo scrittore visse gran parte della sua vita, ora opera il suo museo.

Dalle memorie di Yu. G. Oksman:
Lidia Korneevna Chukovskaya aveva precedentemente trasferito al consiglio della filiale di Mosca dell’Unione degli scrittori un elenco di coloro che suo padre aveva chiesto di non invitare al funerale. Questo è probabilmente il motivo per cui Arkady Vasiliev e altre centinaia di neri della letteratura non sono visibili. Pochissimi moscoviti sono venuti a salutare: non c’era una sola riga sui giornali per l’imminente servizio commemorativo. Ci sono poche persone, ma, come al funerale di Erenburg, Paustovsky, la polizia è oscurità. Oltre alle uniformi, ci sono molti “ragazzi” in abiti civili, con facce cupe e sprezzanti. I ragazzi iniziarono legando le sedie nell’atrio, impedendo a chiunque di indugiare, sedendosi. Arrivò uno Shostakovich gravemente malato. Nell’atrio non gli era permesso di togliersi il cappotto. Nella sala vietato sedersi su una sedia.

Servizio funebre civile. Balbuzie S. Mikhalkov pronuncia parole oscene che non si adattano in alcun modo alla sua intonazione indifferente, persino sdegnosa: “Dall’Unione degli scrittori dell’URSS …”, “Dall’Unione degli scrittori dell’RSFSR …”, “Da la casa editrice “Letteratura per bambini“ … ”,“ Dal Ministero della Pubblica Istruzione e dall’Accademia di Scienze Pedagogiche … ”Tutto questo è pronunciato con un significato sciocco, con il quale, probabilmente, i portieri del secolo scorso hanno chiamato il trasporto di tale e tale principe durante la partenza degli ospiti. Chi stiamo seppellendo alla fine? Un bonzu ufficiale o una Corney allegra e beffarda? Battere la sua “lezione” A. Barto. Cassille eseguì una complessa piroetta verbale in modo che il pubblico capisse quanto fosse vicino personalmente al defunto. OnlyL. Panteleev, rompendo il blocco del dominio ufficiale, Disse goffamente e amaramente alcune parole sul volto civile di Chukovsky. I parenti di Korney Ivanovich hanno chiesto a L. Kabo di parlare, ma quando si è seduta al tavolo per scarabocchiare il testo del suo discorso, il generale del KGB Ilyin (il segretario mondiale per le questioni organizzative della Moscow Writing Organization) le si è avvicinato e con fermezza, ma con fermezza le disse che non le avrebbe permesso di parlare.

Museo della casa
Korney Chukovsky si trasferì a Mosca nel 1937 e un anno dopo ottenne una casa nel villaggio degli scrittori di Peredelkino. La maggior parte degli edifici dell’insediamento furono costruiti negli anni ’30 secondo il progetto dell’architetto tedesco Ernst May, tuttavia, avevano spesso alcuni problemi interni e richiedevano ulteriori riparazioni. Quindi, la casa di Chukovsky non era adatta a vivere a basse temperature, a causa della quale lo scrittore trascorse solo i mesi estivi all’inizio. Nel 1950 l’edificio fu completamente isolato e Chukovsky fu in grado di trasferirsi su di esso su base continuativa. In questa casa, ha scritto i libri “Bibigon”, “Living as Life” e altri.

Dopo la morte di Chukovsky nel 1969, i fan del lavoro dello scrittore iniziarono a venire a casa. La figlia Lydia Chukovskaya ha ricordato:

“Improvvisamente si è scoperto … le persone che amano i suoi libri, che vogliono approfondire la storia della cultura russa, sono molto più di quanto pensassimo. Non un singolo annuncio su un giornale o ovunque, ma vanno e vanno e vanno, loro vieni a piedi, vengono in treno, in autobus del sanatorio, in auto private. ”

Per molto tempo il museo è esistito su base volontaria, i parenti dello scrittore hanno continuato a vivere nell’edificio e condurre escursioni per i visitatori. Nel 1974, Lidia Chukovskaya fu espulsa dall’Unione degli scrittori e il Fondo letterario iniziò lo sfratto della famiglia dall’edificio. Nel 1975, il Ministero della Cultura della RSFSR ha protetto la casa dello scrittore come monumento culturale, ma il Fondo letterario ha contestato la decisione della corte; nel 1982, la Writers ‘Union aveva preso una decisione giudiziaria positiva per sfrattare la famiglia Chukovsky.

In risposta a ciò, iniziò un’ondata di protesta, in difesa di Lydia Chukovskaya c’erano personaggi pubblici e letterari. Nel 1989, il Fondo Cultura era diretto da Dmitry Likhachev, che raggiunse l’abolizione delle decisioni giudiziarie e restituì lo status di monumento culturale alla casa Chukovsky. Inoltre, su iniziativa dell’accademico, è stato creato un progetto per la ricostruzione dell’edificio.

Dal 1992 al 1994, la casa è stata sottoposta a un restauro su larga scala, durante il quale sono stati sostituiti i soffitti interni e i sistemi di comunicazione interna. L’apertura del museo ebbe luogo nel 1994 come sede del Museo letterario statale, il critico letterario Lev Shilov fu nominato primo direttore.

Mostra
Tutti i reperti del museo sono commemorativi e una volta erano nella casa dello scrittore, il cui interno è stato completamente restaurato. Tra gli oggetti sopravvissuti più preziosi vi sono libri della biblioteca di famiglia Chukovsky, autografi Anna Akhmatova, Alexander Twardowski, Vasily Rozanov, Mantle Doctor of Literature dell’Università di Oxford, un telefono e un lanciatore che fu il prototipo della copertina di “Moidodir”. Il museo presenta una stanza in cui sono conservati gli effetti personali di Alexander Solzhenitsyn, che visitava spesso il Chukovsky.

Nel cortile è una biblioteca costruita da Korney Chukovsky a sue spese per i bambini di Peredelkino e dei villaggi circostanti. L’edificio fu perduto nel 1943 durante i combattimenti della Grande Guerra Patriottica. Dopo la guerra, è stato ricostruito.

“È stato ieri a Peredelkino, per la prima volta in tutta l’estate. Con inesprimibile orrore ho visto che tutta la mia biblioteca era stata saccheggiata. I legami sono stati strappati dai pochi libri rimasti.”