Museo del Collegio Sant’Ignazio di Loyola Biscaynes, Città del Messico, Messico

Il patrimonio artistico e storico protetto dal Museo Biscayan è stato plasmato da vari momenti storici. Alcuni pezzi provengono dalla soppressa Confraternita di Nostra Signora di Aránzazu, altri sono stati portati dalle scuole femminili scomparse di San Miguel de Belén e Nostra Signora della Carità, che si sono aggiunte alle opere che erano già nel Collegio di Biscaynes.

La ricchezza del patrimonio che unisce il Museo di Biscaynes ha attirato l’attenzione di curatori specializzati che hanno incluso pezzi della nostra collezione in varie mostre in Messico al Museo Franz Mayer, al Museo Nazionale di Antropologia, al Museo MODO, al Museo Amparo, e il Museo di storia messicana, per citarne solo alcuni.

Cappella
Ha cinque pale d’altare d’oro, che sono state sponsorizzate da illustri personaggi e famiglie Novo-Ispaniche, attribuite al laboratorio di José Joaquín de Sáyagos. Queste opere sono dedicate rispettivamente a San Ignacio, alla Vergine di Aranzazu, alla Vergine Addolorata, alla Vergine di Loreto e alla Vergine di Guadalupe.

Pittura
La collezione pittorica è composta da opere di rinomati pittori viceregali come Miguel Cabrera, José de Ibarra, Cristóbal de Villalpando e Juan Correa. Abbiamo opere del XIX secolo eseguite da Santiago Rebull e alcune studentesse virtuose.

Scultura
La nostra collezione scultorea riunisce immagini devozionali scolpite nel legno con straordinari stufati, nonché abiti, oltre a due cristi sulla croce d’avorio.

Tessile
La collezione tessile raccoglie oltre 1.200 opere, tra cui bustine, ricami di vari temi creati con materiali pregiati: tessuti e fili di seta, pizzi, nappe, fili e lamelle metalliche di oro e argento, nonché perle naturali.

Collezione scientifica
Abbiamo campioni, strumenti di laboratorio e vari dispositivi per la sperimentazione scientifica corrispondenti al diciannovesimo e al ventesimo secolo, con i quali alle studentesse venivano insegnate elettricità, fisica, ottica, chimica, tra gli altri.

Mobili e oggetti
Proteggiamo un’importante collezione di argenteria, mobili per la casa e la scuola, nonché materiale didattico, di diverse temporalità.

Collegio Sant’Ignazio di Loyola Biscaynes
Il Colegio de San Ignacio de Loyola Vizcaínas è un’istituzione educativa senza scopo di lucro fondata a metà del XVIII secolo in un edificio barocco che occupa un intero isolato nel centro storico di Città del Messico. La scuola ha mantenuto gran parte della sua missione e organizzazione ed è l’unica istituzione dell’era coloniale in funzione ininterrottamente in Messico. È stato originariamente istituito per l’educazione delle ragazze e delle vedove orfane, ma ora è co-educativo. Offre istruzione dall’asilo fino alla scuola superiore (preparatoria, che significa “scuola preparatoria”). L’edificio non è generalmente aperto ai turisti, ma può essere affittato per eventi sociali, come il matrimonio di Shallalom.

La scuola
Il Colegio è un’istituzione privata senza fini di lucro dedicata all’istruzione. È una scuola co-educativa con uno staff laico, che fornisce istruzione dall’asilo alla scuola preparatoria. È stato fondato nel 18 ° secolo nell’edificio che è ancora occupato nel sud del centro storico di Città del Messico. La scuola è l’unica istituzione educativa dell’era coloniale che ha continuato a operare senza chiusure sin dalla sua fondazione. Va ancora a beneficio di chi ha bisogno di borse di studio ed è ancora governato da un “patronato”, che è il successore di una linea che risale ai fondatori originali.

Due delle ex-alunne più importanti della scuola sono Josefa Ortiz de Domínguez, protagonista durante la guerra d’indipendenza messicana e Sara García, nota come “abuelita (nonna)” del cinema messicano. Due dei costi principali per il mantenimento della scuola sono le borse di studio e la necessità di preservare la struttura barocca del XVIII secolo. La posizione della scuola è ancora piuttosto scarsa, il che rende più difficile la riabilitazione e la conservazione dell’edificio. Gli sforzi di conservazione sono continui. Ad esempio, tre figure di Cristo sono state recentemente inviate dalla scuola alla Escuela Nacional de Conservación, Restauración y Museografía per essere restaurata dagli studenti lì. La scuola è affiliata all’INAH.

Trattandosi di un’istituzione privata, i turisti non sono generalmente ammessi all’interno. Uno dei mezzi principali con cui l’istituzione riceve entrate oltre alle donazioni è il noleggio dell’edificio stesso per eventi sociali. L’edificio può essere affittato per matrimoni, presentazione di libri e lauree. Alcuni dei personaggi famosi che si sono sposati qui includono Lucero e Manuel Mijares, Ninfal Salina, la figlia di Ricardo Salinas Pliego, la figlia di Carlos Slim e Bernardo Sepúlveda Amor, María Inés Guerra e Gustavo Guzmán Favela. L’edificio è stato anche utilizzato per ospitare dignitari stranieri come il re di Spagna. Nel gennaio 2009, è stato affittato per un concerto di beneficenza tenuto dai musicisti Elton John e James Blunt, come parte di un tour in America Latina. Il palcoscenico è stato allestito al centro del cortile principale. Il cortile principale può contenere 1.200 persone con altri 350 nella cappella. Il costo medio per l’affitto dell’edificio è di circa 350.000 pesos. In genere, si tratta di affitti per il fine settimana solo perché la scuola organizza ancora lezioni dal lunedì al venerdì. Le prenotazioni sono richieste da sei a otto mesi di anticipo.

L’edificio
L’edificio occupa un intero isolato delimitato da Las Vizcaínas, Manuel Aldaco e San Ignacio Street con la Plaza de Vizcaínas a sud. Lungo i lati est, ovest e sud, il livello del suolo era una serie di scomparti che si aprivano sulla strada ma non verso l’interno. Questi scomparti furono affittati come alloggi e come centri commerciali. Questi erano previsti per svolgere due funzioni. In primo luogo hanno fornito entrate per l’affitto alla scuola e hanno anche offerto una barriera a questo livello tra le strade trafficate e le ragazze e le donne all’interno. L’edificio è stato progettato in questo modo perché all’epoca la solitudine era considerata parte integrante della formazione delle donne. Tuttavia, quasi tutti questi scomparti sono ora chiusi.

L’edificio ha avuto problemi con l’affondamento da quando è stato costruito, a causa della scarsa terra su cui è stato costruito e degli eventi naturali come inondazioni e terremoti. L’estrazione di acque sotterranee sotto Città del Messico ha accelerato il processo. Il danno arrecato all’edificio nel tempo si vede meglio nelle onde che ora si formano nelle travi di pietra in via Aldaco, insieme ai graffiti sui muri coperti di tezontle. Tuttavia, rimane la struttura barocca meglio conservata della città.

La facciata dell’edificio è un sobrio barocco. Le diverse sezioni dell’edificio sono divise da lesene coronate da pinnacoli. Tutte e quattro le facciate dell’edificio sono rivestite in pietra tezontle con arenaria bianca grigiastra come accenti. Un tempo, questi accenti erano dipinti di colori vivaci, ma si perdevano nel tempo. Vi sono tre portali, uno centrale e due laterali. Uno dei portali laterali ha l’antico stemma del Messico e un’immagine della prima santa del Nuovo Mondo, Rosa di Lima. L’altro portale laterale ha lo stemma spagnolo e un’immagine della Vergine di Aránzazu. Il portale principale fu un po ‘più tardi aggiunto quando l’architetto Lorenzo Rodriguez fu assunto nel 1771 per crearlo e alcune altre modifiche. Questo portale parte dal più sobrio barocco del resto dell’edificio a qualcosa di un po ‘più elaborato. È affiancato da due lesene molto insolite. Una delle nicchie sul secondo corpo porta un’immagine di Ignazio di Loyola. Le altre due nicchie del portale principale contengono immagini di San Luis Gonzaga e Estanislao de Koski. Queste statue furono realizzate da qualcuno di nome Don Ignacio con Pedro Alyala e José de Olivera incaricato di dipingerle. Sebbene non sia evidente, le finestre dei piani superiore e inferiore differiscono in modo significativo, quelle al piano terra sono rettangolari e quelle sopra sono ottagonali. Sono armonizzati dagli elaborati modanature che incorniciano ciascuno. Molte finestre hanno ringhiere in ferro battuto.

All’interno, un’imponente scalinata conduce a una cappella all’interno di un ampio cortile delimitato da archi. Ci sono undici cortili interni, che hanno ancora le loro piastrelle originali. Oltre alle numerose aule e uffici, ci sono alcune altre caratteristiche. L’Archivio storico conserva i registri della scuola sin dall’inizio e ha anche un proprio museo. I quartieri dei cappellani sono situati su un pezzo di proprietà che non è stato incluso con la concessione di terra originale nel 18 ° secolo. Senza di essa, la proprietà non era esattamente rettangolare. La costruzione fu temporaneamente sospesa per negoziare un accordo con il proprietario della casa in quel momento per acquisire il terreno.

Tuttavia, l’aspetto più impressionante dell’interno è la cappella. Questa cappella è in elaborato stile Churrigueresque con colonne a piramide tronca capovolta con cinque pale d’altare dorate e una zona del coro che ha uno dei pochi organi sopravvissuti del 18 ° secolo nel paese. La cappella era rigorosamente privata e quindi era lussuosamente arredata, a cominciare da una porta d’ingresso molto elaborata. Le cinque pale d’altare furono create da José Joaquín de Sáyagos nell’ultimo 18 ° secolo, le più importanti sono quelle dedicate a Nuestra Señora de Loreto e San Giuseppe. Una delle pale d’altare è circondata da angeli volanti. Sáyagos scolpì anche l’immagine della Vergine di Guadalupe per una delle porte interne della cappella. Lorenzo Rodriguez ha creato l’arco del coro inferiore con la sua ringhiera installata per modestia. Una delle migliori sculture della scuola era l’immagine della Vergine del Coro “Virgen del Coro”, sia per la sua qualità che per i suoi ornamenti con gioielli. Questa statua fu venduta, con il permesso del presidente del Messico nel 1904, a un gioielliere di nome La Esmeralda. I soldi di quella vendita furono usati per costruire un’infermeria nel 1905.

Storia
Secondo la leggenda, tre baschi si imbatterono in alcune ragazze che giocavano in un mucchio di letame e usando un linguaggio volgare. Dopo aver castigato i bambini, gli uomini hanno deciso che le ragazze stesse non erano in colpa, ma piuttosto la società per l’incapacità di fornire un’istruzione. Decisero di fondare una scuola femminile. I nomi di questi baschi sono nelle strade circostanti, Ambrosio de Meave, Francisco de Echeveste e José de Aldaco.

Fino alla fondazione della scuola non esisteva una scuola per ragazze a livello preparatorio. L’educazione delle ragazze si limitava principalmente alla lettura e alla scrittura e alla fabbricazione di artigianato, senza istruzione formale. L’istituzione di questa scuola è considerata uno dei primi passi verso l’uguaglianza educativa tra i sessi in Messico. La scuola è stata fondata da una confraternita di baschi che vivono in Messico durante il periodo coloniale. Questa fratellanza si chiamava Nuestra Señora de Aránzazu ed era formata da baschi appartenenti alla Royal Society Bascongada e la maggior parte proveniva da ambienti clericali, mercantili e nobili, che provenivano dalle province spagnole di Vizcaya, Álava, Guipúzcoa e Navarra. La fratellanza era associata al monastero di San Francisco, tuttavia mantennero una grande indipendenza dai frati. Nel 1732, la Confraternita di Nuestra Señora de Aránzazu decise di fondare una scuola per proteggere ed educare le ragazze e le vedove orfane. Il progetto è stato sostenuto da tutta la fratellanza, ma tre membri hanno guidato Francisco de Echeveste, Manuel de Aldaco e Ambrosio de Meave. Il progetto è stato fortemente sostenuto dalla comunità basca in Messico al di fuori della fratellanza.

In origine la fratellanza ha chiesto un grande terreno dove oggi si trova Avenida Juarez, ma è stato negato. Invece, gli fu offerta la zona che era il mercato (tianguis) per il quartiere di San Juan, ma da allora era diventata una discarica. All’epoca l’area era considerata di classe molto bassa. Nonostante ciò e il fatto che l’area necessitava di un importante drenaggio, il sito è stato accettato. Il progetto fu iniziato da Pedro Bueno Bazori ma morì molto prima che il progetto fosse terminato. Gli architetti successivi furono Miguel José de Quiera e Miguel de Rivera. Il progetto iniziò formalmente il 31 luglio 1734, giorno della festa del santo patrono basco, Ignazio di Loyola, quando il viceré Juan Antonio de Vizarrón ed Eguiarreta posò la prima pietra. Mentre era iniziato in questa data, la patrona della scuola era la Vergine di Aránzazu, un’apparizione di Maria nel territorio basco. Quando fu posata la pietra, fu sepolta una scatola con monete d’oro e d’argento e una placca argentata. La posizione di questi elementi non è nota. L’edificio costò 2 milioni di pesos e fu completato nel 1750.

Il nome attuale del Las Vizcainas College deriva dal fatto che è stato progettato per fornire riparo a vedove e ragazze povere, preferibilmente di origine basca o almeno spagnola. Non essere un convento e non richiedere alle ragazze di emettere i voti ne ha fatto un’istituzione in anticipo sui tempi e l’inaugurazione è stata ritardata. La corona spagnola esitò a concedere le approvazioni finali e non lo fece fino a quando non fu approvata da papa Clemente XIII e l’ascensione di Carlo III al trono. Quell’approvazione finale arrivò nel 1767.

In origine il nome della scuola era il Real Colegio de San Ignacio de Loyola. Mentre gli studenti erano considerati laici, la loro educazione era comunque basata su principi cattolici tra cui l’istruzione morale e religiosa. Dopo l’indipendenza, il nome ha lasciato cadere la parola “reale” (reale) in favore di Nacional (nazionale). Le leggi sulla riforma hanno cambiato il nome della scuola in Colegio de la Paz Vizcaínas. Nel 1998, l’istituzione ha ripreso il nome del santo ed è ora formalmente chiamata Colegio de San Ignacio de Loyola Vizcaínas.

Dal 1767 al 1861 l’istituzione ha operato sotto i suoi mandati e organizzazione originali. Dal 1861 al 1912 ottenne il favore del governo ma perse l’autonomia, in particolare nella designazione dei membri del consiglio di amministrazione. Con le leggi di riforma, la scuola ha smesso di offrire la messa nella sua cappella che giaceva semi abbandonata per qualche tempo. Gli alloggi del cappellano funzionarono per un breve periodo come una scuola associata al Segretariato della Pubblica Istruzione. Tuttavia, quest’area è stata modificata in modo tale da costituire un rischio per l’integrità del resto dell’edificio. Il danno è stato tale che il governo ha abbandonato questa parte dell’edificio che è stata inutilizzabile per qualche tempo a causa dell’affondamento del pavimento. Dal 1912 in poi, la scuola ha recuperato la sua indipendenza. Dal 1878 in poi, il college si è modernizzato per concentrarsi sulla preparazione tecnica e professionale. Negli anni ’90, questa parte dell’edificio abbandonato dal governo è stata restaurata per riportarla al suo stato originale, per quanto possibile. L’area è stata quindi convertita in museo per mostrare la collezione di oggetti religiosi, documenti storici e altro della scuola. Allo stesso tempo, la cappella e i suoi annessi furono restaurati.

Durante la storia della scuola, il Messico ha visto la guerra di indipendenza, la guerra messicano-americana, la guerra di riforma, l’intervento francese e la rivoluzione messicana con la scuola rimasta aperta tutto il tempo.

Tags: