Castello di Vaux le Vicomte, Maincy, Francia

Il castello di Vaux-le-Vicomte è un castello barocco francese situato a Maincy, vicino a Melun, a 55 chilometri a sud-est di Parigi, nel dipartimento della Seine-et-Marne in Francia, situato nel territorio della città francese di Maincy (Seine-et-Marne), 50 km a sud-est di Parigi, nei pressi di Melun è un castello del xvii secolo (1658-1661), costruito per il sovrintendente delle finanze di Luigi XIV, Nicolas Fouquet.

Quest’ultimo appello ai migliori artisti del tempo per costruire questo castello: l’architetto Louis Le Vau, primo architetto del re (1656), il pittore Charles Le Brun, fondatore dell’Accademia di pittura (1648), il paesaggista André Le Nôtre, Comptroller General of the King’s Buildings (1657) e Master Mason Michel Villedo. Il loro talento era già stato raccolto dal giovane Luigi XIV per costruire le ali nel castello di Vincennes nel 1651-1653. Re si rivolge a loro per costruire la Reggia di Versailles, il Vaux-le-Vicomte che serve da modello.

Il castello, un capolavoro dell’architettura classica della metà del xvii secolo, è ora il più grande francese di proprietà privata 2 classificato come monumento storico 3, 4 dal suo acquisto nel luglio 1875 da Alfred Mattress che vi lavorò come patrono, inseguito dai suoi discendenti. Ora è un budget annuale di 8 milioni di euro, impiega 75 dipendenti a tempo pieno e invia ogni anno a oltre 300.000 visitatori l’esperienza del Grand Siècle francese.

Storia

La costruzione del castello attuale e la creazione del parco
La costruzione sta progredendo rapidamente, ma richiede la distruzione di diverse case e il livellamento delle colline. Nel 1653-1654, Nicolas Fouquet chiese al giardiniere André Le Nôtre di modificare il giardino preesistente. Dal 1653 al 1654 furono completati i primi acquedotti (20 km di tubazioni) nel parco e l’ampliamento del grande parterre. Nel 1655, il parco è completamente recintato; il piccolo canale, le fontane, alcune aiuole e l’ampio terrazzo sono fatti. Il pavimento della corona è allungato, rendendo le sue diverse parti asimmetriche. Nel 1655 i tre letti di fronte al castello vengono ingranditi e rimodellati. Nel 1655-1656, Nicolas Poussin è chiamato a lavorare sulla decorazione del giardino, mentre i termini sono stati realizzati in Italia. Nel 1656 – 1657, Daniel Gittard continua il lavoro. La vasca quadrata e la corsia centrale vengono quindi modificate, mentre la costruzione della rete idrica è completata. Nel 1658-1660, la cascata è costruita. I lavori si svolgono nel sito dell’attuale Canal Grande, le grotte sono scolpite.

Dal settembre 1658, il pittore Charles Le Brun si insedia nel castello. Questo riceve la visita del Cardinale Mazarin il 25 giugno 1659, di Luigi XIV, di Monsieur (Philippe de France) suo fratello e della regina madre Anna d’Austria il 14 luglio.

Il 10 luglio 1660 il re e sua moglie, la regina Maria Teresa d’Austria, si fermano qui. Il padrone di casa amava ricevere i più grandi spiriti del suo tempo come Madeleine de Scudéry, Paul Pélisson o Jean de La Fontaine.

Il 12 luglio 1661, Fouquet fa una festa in onore della regina madre d’Inghilterra Henriette di Francia e, il 17 agosto, un’altra in onore di Luigi XIV. Questa festa, organizzata da François Vatel, è stata di grande splendore: spettacoli con le tecniche più avanzate del momento, spettacoli di spettacoli teatrali (tra cui Les Fâcheux de Molière) e fuochi d’artificio sono stati tra i festeggiamenti ..

Il 5 settembre 1661 il re fece arrestare il sovrintendente di Fouquet dopo un consiglio tenuto a Nantes. Nel sito di Vaux-le-Vicomte, tutto il lavoro è interrotto.

Le conseguenze dell’arresto di Nicolas Fouquet
I sigilli furono quindi apposti a Vaux, come a tutte le sue case, e la mattina del 7 settembre, “due maestri delle petizioni si presentarono al castello, in parte smontati, tendaggi disposti nell’armadio, tende tirate sugli arazzi , stoviglie preziose e premi raccolti in una cassaforte “, dove il Capitano Mathieu d’Angenville, esente dalle guardie, si stabilì fino al 1665.

Il Brun era partito lasciando gli oggetti d’arte del suo appartamento; Vatel, compromesso, fuggì in Inghilterra; Il nostro aveva ottenuto di portare i piani dei giardini. Otto giorni dopo l’inventario e il sequestro dei documenti hanno avuto luogo.

Durante il corso della procura ordinata dal re, Lefevre d’Ormesson emise ai magistrati nella paga del potere la famosa: “La Corte rende giudizi, non servizi”, che gli valse l’ostilità reale.

Nel 1705, il secondo e ultimo Fouquet, proprietario di Vaux, morì senza figli a Parigi.

Il ducato di Vaux-Villars
Tre mesi dopo, sua madre ed erede vendettero la tenuta e il visconte di Melun al maresciallo de Villars, generale degli eserciti, che, fatto duca ereditario da Luigi XIV quello stesso anno, dovette possedere una sede di terra del suo nuovo ducato, che prese il nome di Vaux-Villars, dove le sue armi sostituirono lo scoiattolo Fouquet su alcuni pannelli e facciate.

Il conquistatore meno fortunato di Denain acquistò il dominio per delega – senza averlo visto – e poi scrisse: “La sposa è troppo bella ed è costosa, troppe cascate, troppe fontane!” Dove, come un manager prudente e saggio, acquisto del rapporto sulla terra circostante.

Poi si svolgono mobili più moderni e confortevoli, così come “108 pelli di cuoio dorato”, il ritratto del maresciallo di Hyacinthe Rigaud e molti dipinti di grandi dimensioni che rappresentano le sue battaglie, dal laboratorio di Jean-Baptiste Martin detto “Battaglie di Martin”. Il nuovo proprietario si occupa della manutenzione (riparazioni di canali e giochi d’acqua) e valorizza l’area in cui, a causa di campagne militari annuali, rimane solo in inverno. Giocava a biliardo e esponeva nella Comuni diverse armi, trofei offerti dal re.

Il ducato di Vaux-Praslin
Il 17 agosto 1764, Caesar Gabriel de Choiseul-Praslin, cugino del famoso ministro, duca e pari di Praslin, luogotenente generale, diplomatico, ministro degli affari esteri e della marina, membro del Consiglio del re, accademico, acquista il proprietà e ottiene dal re che il titolo, il nome e la preminenza delle sue terre sono trasferiti al ducato-ducato, che prende il nome di Vaux-Praslin.

Nel 1770, seguì la disgrazia di suo cugino e fu esiliato nel suo ducato, dove, come il suo predecessore, rispetta l’antica decorazione dei saloni, conserva i dipinti delle battaglie di Villars, deposita un grande modello di nave in ricordo di le sue attività ministeriali, modernizzate dagli ampi appartamenti dell’architetto Berthier, ma non toccano i giardini.

Nel 1842, Charles Laure Hugues Theobald, 5 ° duca di Praslin e sua moglie Françoise Alteria Rosalba Sebastiani della Porta, figlia di Marshal, ex compagno di Napoleone I di Er, riparano la struttura della cupola e sostituiscono la lanterna dell’architetto Louis Visconti; parterre, terrazze e strutture idrauliche vengono aggiornati. Il mobiletto del bagno vede il suo soffitto circolare dipinto con bambini e ghirlande e decorato con il loro numero dorato.

Il 15 giugno 1875, Alfred Sommier, raffinatore di zucchero e ricco amante dell’arte, dopo aver visitato con il suo amico il bibliofilo Gustave Guyot de Villeneuve, prefetto regioista di Seine-et-Marne dal 1873, colpito dal buon stato delle decorazioni conservative di due secoli interno, decide di preservare questa opera d’arte globale, il cui apparente cattivo stato generale potrebbe far temere una demolizione.

L’unico acquirente all’asta del successivo 6 luglio, divenne poi proprietario in tre lotti: il castello e il suo parco, i suoi importanti annessi e annessi e tre fattorie, un’area di quasi 1.000 ettari che acquistò per 2.275.400 franchi oro. (attualmente 7 milioni di euro).

Le vendite di mobili e opere d’arte
Dopo le aste pubbliche del 1786, 1792 e 1808 dell’enorme collezione di opere d’arte create dai Choiseuls in un secolo, una vendita dei granai del castello avvenne sul posto.

Il 3, 4 e il 5 aprile 1876 furono venduti all’asta presso l’Hôtel Drouot dal banditore Charles Pillet e dall’esperto Charles Manheim i numerosi mobili e arazzi dei mobili di Praslin di Vaux-le-Vicomte, dipinto da Benjamin-Eugène Fichel ; il dipinto è stato anche venduto a Drouot-Richelieu il 22/06/2017; tra i suoi 296 lotti erano un portiere dell’unicorno dei Gobelins, dipinti, Jean-Baptiste Santerre, Jean-François de Troy), opere d’arte, tra cui un famoso regolatore d’oro e bronzi d’oro di Ferdinand Berthoud, Balthazar Lieutaud e Philippe Caffieri, e i libri esclusi dalla cessione del castello dal sesto duca di Praslin, con l’eccezione di due grandi tavoli cerimoniali ovali con piedistalli riccamente scolpiti, gli ultimi testimoni dei mobili di Fouquet, quattro busti,

Si presume che abbia fatto parte di questo mobile: una segretaria o una scrivania con un periodo di transizione, di François-Gaspard Teuné, venduto a Monaco il 17 giugno 2000, riprodotto da Angie Barth e un orologio sulla console applica la mozione Mynuel Louis (1730) , riprodotto da John Nereus Ronfort e Jean-Dominique Augard.

Più vecchio al castello, un tavolo di legno intagliato dorato (Parigi, Musée du Louvre) è stato riprodotto da Gustave Geffroy; due arazzi tessuti a Maincy per Fouquet su disegni di Charles Le Brun (1659-1660) erano in vendita François Coty, a Parigi il 30 novembre e il 1 ° dicembre 1936.

Il Sommier, salvatore di un capolavoro in pericolo
“Lui stesso, sua moglie e i suoi figli vivevano a Vaux con il rispetto e l’ammirazione di questa bellezza, che ricreavano con cura pio senza cedere alla tentazione di creare lo stile di vita del passato.»

Il materasso remeublèrent Castle mescolando pezzi antichi e mobili ispirati allo stile del xvii secolo – trattenuto in parte – dai consigli circostanti dell’architetto e decoratore Emile Peyre, con molti antiquari parigini, e realizzando un arredamento in stile appropriato, come una sontuosa piscina ispirata alle opere di André Charles Boulle dell’ebanista Henry Dasson.

Un restauro generale degli edifici fu poi intrapreso dal 1875 al 1893 dall’architetto Gabriel-Hippolyte Destailleur, coadiuvato dallo sconosciuto Elie Lainé per i giardini, e dal luglio 1877 la famiglia Sommier vi soggiornerà ogni anno da giugno a dicembre. Il restauro della tenuta gli sarebbe costato 5,6 milioni di franchi oro.

Dopo la seconda guerra mondiale
Il 30 giugno 1918, Georges Clemenceau, presidente del Consiglio e ministro della Guerra, si ferma sulla strada per il quartier generale degli Armati al castello di Bombon, con il capo dell’ufficio militare il generale Mordacq per vedere l’esercito ausiliario l’ospedale n. 23 creato all’inizio della guerra nei comuni da Germaine Sommier (1881-1968), n. Casimir-Périer, dotato di un esemplare impianto a raggi X e dove furono trattati 1115 feriti. Pranza al castello e viene fotografato con la squadra dell’ospedale e il generale Mordacq sotto il portico con vista sui giardini. Il 1 ° luglio successivo, M meSommier è citato all’ordine dell’esercito, con l’attribuzione della croce di guerra.

il 12 luglio 1918 i generali Foch e Weygand fanno lo stesso, e Foch, che divenne maresciallo di Francia, vi ritorna il 1 ° settembre.

Il dominio appartiene quindi al conte Patrice de Vogüé, che lo riceve da suo padre Jean de Vogüé, nipote di Edme Sommier (morto nel 1945 senza posteri), durante il suo matrimonio nel 1967. È Patrice de Vogüé che apre la tenuta, parco e castello, per le visite pubbliche: l’inaugurazione viene effettuata il 22 marzo 1968. Il lavoro viene svolto e sua moglie apre un ristorante, di 6 coperti all’origine e che serve 600 persone al giorno nel 2018. Negli anni ’80 vengono anche creati cene a lume di candela per i visitatori.

Descrizione del castello

Organizzazione generale
Il castello comprende cento stanze per una superficie di 2.500 m 2, distribuite su tre livelli sotto un tetto di 3.500 m 2.

Il castello conserva la tradizionale piattaforma planimetrica feudale francese circondata da grandi fossati in acqua, che occupa il sud. Due porte collegavano la casa al resto del giardino.

Le ali quasi non esistono, questo tipo di architettura è evidente durante la prima metà del xvii secolo. Il castello ha un corpo centrale con tre quarti anteriori sul lato del cortile e una rotonda al centro della facciata che si affaccia sui giardini.

Ci sono quattro padiglioni, due di forma rettangolare, lato giardino, e altri due di forma quadrata lato corte, che, visti lateralmente, sembrano tuttavia gemelli, la tradizione dell’architettura francese.

Il carattere aperto dell’edificio e il cosiddetto piano “massificato” sono caratteristici del tempo.

C’è tuttavia un’innovazione, perché il castello francese di solito comprende una serie di pezzi che vanno da un’estremità all’altra dell’edificio, disposizione nota come “corpo semplice” o “en enfilade”. A Vaux, l’architetto dimostra l’innovazione organizzando lo spazio interno con una doppia fila di stanze parallele con porte allineate o “doppio corpo”.

Questo tipo di organizzazione di un edificio era già utilizzato da Louis Le Vau all’Hotel Tambonneau nel 1640 e da François Mansart all’Hotel de Jars nel 1648, ma viene qui applicato per la prima volta in un castello.

Il salotto “rotunda” – dalla rotonda italiana – un pezzo unico, è un’altra originalità. Il tutto, formato dal vestibolo e da questo grande spazio, si forma come una baia centrale. Questa disposizione, nota anche come “lanterna”, consente al visitatore di avere una vista trasversale sull’asse di honor-perron-vestibolo-vicolo in prospettiva dei giardini situati sull’altro lato, attorno al quale gravitano due parti ciascuna con una scala.

Al piano terra, lato giardino, ci sono due appartamenti; uno, destinato al re, è a sinistra, mentre l’altro, a destra, è quello di Nicolas Fouquet.

Le stanze del piano terra sono, nel 1661, le stanze che completano il giardino laterale dei due appartamenti; è una stanza usata come sala da pranzo, una stanza apparve in Francia nel mezzo del secolo xvii.

Il seminterrato è parzialmente interrato, il che consente l’istituzione di un piano di massa. Un corridoio longitudinale attraversa il seminterrato, occupato da cucine, uffici e stanze degli ufficiali.

La cucina è l’opposto della sala da pranzo, ma comunica con il buffet al piano terra attraverso il corridoio longitudinale. Due corridoi laterali furono aggiunti nel 1659 per ordine di Vatel, allora maître d’hôtel di Nicolas Fouquet.

Al primo piano c’è anche un corridoio longitudinale. Nel luogo corrispondente al vestibolo si trovava al tempo di Nicolas Fouquet una cappella, lato cortile.

A sinistra ci sono gli appartamenti di Fouquet sul lato del cortile, e il lato del giardino di sua moglie, dodici metri davanti a un’anticamera, di una camera da letto (la stanza principale di un appartamento dove la famiglia ha libero accesso è il luogo della socialità dove si dorme, uno riceve e uno prende i pasti lì) e uno studio.

Attualmente la camera M me Fouquet è divisa in due parti, un armadio Luigi XV e una camera da letto Luigi XV.

Il lato destro del primo piano è solo brevemente lavorato.

Dettaglio

Piano terra
L’area centrale, chiamata “sala delle guardie” del xvii al secolo xix, è unica nella storia dell’architettura francese: la sua originalità deriva dalla sua forma ovale, insolita al momento per un salotto.

Si compone di due piani, secondo il cosiddetto “stile italiano”, ed è ricoperto di curvature, che è caratteristica di questa architettura, ma il “vaso” ovale di fronte è un’invenzione francese.

Nel progetto Le Vau, una delle convenzioni di mecenatismo contemplate tra l’associazione La Demeure historique e i proprietari, è quella di ripristinare le porte in vetro per creare una simbiosi tra la casa e il giardino.

Il soffitto della cupola originariamente doveva essere dipinto dal Palais du Soleil di Charles Le Brun che rappresenta la stella solare con l’emblema di Fouquet, lo scoiattolo, il cui disegno è stato inciso da Audran, ma questa importante decorazione non è stata realizzata, e la volta rimase in gesso per due secoli, finché nel 1844 o 1845 il Duca di Choiseul-Praslin chiese al pittore-decoratore Dutenhoffer di quantificare la sua esecuzione. Giudicandolo troppo costoso, egli non seguì ma lasciò che l’artista iniziasse “un cielo con aquile con le ali spiegate” (un grande centro circondato da altre cinque, cancellato ma ancora visibile) secondo la sua dichiarazione giudiziaria dell’agosto 1847 pubblicata da Patrice de Vogüé, che contraddice l’attribuzione di questa decorazione a Charles Séchan, “l’illustre decoratore dell’Opera di Parigi” secondo Théophile Gautier,

La cupola è sostenuta da una serie di sedici grandi termini scolpiti da François Girardon, dodici recano i segni dello zodiaco e quattro, i simboli delle quattro stagioni. Il pavimento è in pietra bianca e ardesia con una meridiana al centro.

Il pezzo è decorato con quattro busti del tempo di Fouquet che rappresentano personaggi romani: Octavie, sorella di Auguste, Britannicus, Octavie, moglie di Néron e Hadrien; gli altri dodici busti romani scolpiti a Firenze nel xvii secolo dalla villa pompeiana (distrutta), il principe Napoleone, Avenue Montaigne a Parigi.

Le stanze al piano terra, lato giardino, sono anche archi.

Il salone di Ercole, anticamera dell’appartamento di Fouquet, è adornato da un soffitto dipinto di una scena raffigurante un Ercole accolto dall’Olimpo. I medaglioni e pannelli che adornano la voussure rappresentano le dodici opere di Ercole di Le Brun.
La camera delle Muse – la stanza di Fouquet – è decorata con un soffitto e una stufa di Le Brun. Questa decorazione rappresenta Il trionfo della fedeltà, un’allusione alla fedeltà di Nicolas Fouquet al re durante la Fronda. Otto muse sono distribuite nei quattro angoli dell’arco. Figure tra le muse rappresentano i generi poetici. In mezzo ai lati ci sono le figure della nobiltà e della pace e una vittoria delle muse sui satiri. The Voussure evoca il patrocinio di Nicolas Fouquet. Le pareti sono coperte da una pannellatura di “supporto” e cinque arazzi che compongono l’impiccagione di La storia di Diana. La camera comprende anche un’alcova con un soffitto di Le Brun che rappresenta La Nuit.

C’è un camino chiamato “romano” che, a differenza dei caminetti “francesi”, esce dal muro.

Il piccolo armadietto dei giochi, che era quello di Fouquet, ha un soffitto di Le Brun che rappresenta Le Sommeil. La voussure e le boiserie sono decorate con una varietà di animali. Un gelato non è originale.

L’anticamera del re (attuale biblioteca) è incompiuta; è segnato dall’alternanza di dipinti e rilievi: l’ovale centrale del soffitto ha un dipinto del xviii secolo, poiché il progetto Le Brun, sconosciuto, non è stato realizzato. Al centro delle voussures ci sono quattro dipinti: Diane si toglie le scarpe dopo la caccia, Love and Lightning, Achilles implorando Venere di restituire lo scudo che l’Amore le ha rubato, Amore e un ceppo di vite. Il corpo in mogano della biblioteca datato xviii secolo. Gli angoli delle voussures includono la figura di Fouquet. La scrivania piatta assegnata ad André-Charles Boulle proviene dalla biblioteca di Pierre Randon de Boisset (1709-1777), grande amante dei mobili di questo ebanista, il suo hotel parigino in rue Neuve des Capucines, acquisita nel 1768.

Anche la stanza del re (una tradizione di creazione di un tale spazio quando la corte reale era itinerante) è incompiuta: anche se è la stanza più riccamente decorata del castello (stucchi impreziositi da foglie d’oro tra cui leoni raffigurati come potenza reale, trofei), Luigi XIV non ha mai dormito lì. Sul fregio di palmette alla base della cornice del soffitto, le capesante si alternano a scoiattoli, elemento dello stemma di Fouquet, agli angoli di questo fregio di palmette rappresentano una torre con tre merli, stemma di Maria Maddalena di Castiglia, seconda moglie di Foucquet. Agli angoli della voussure vi sono stucchi a forma di figure alate, angeli elmetti, ghirlande che incorniciano le lettere “F” (Fouquet) intrecciate in corone d’argento; sul soffitto c’è un dipinto di The Truth supportato da Time, e negli occhiali sono rappresentati dei che simboleggiano il genio di Fouquet: Bacco per l’Abbondanza, Marte per il Valore, Mercurio per la Vigilanza e Giove per il Potere. Leda, Diane, cavalieri combattenti, e le Parche sono presenti in medaglioni ottagonali. L’alcova Il soffitto della stanza non è finito, poiché il soffitto non è dipinto, così come lo studio del re: incorniciato da credenze, un grande letto in stile Regency presenta un arazzo ricamato raffigurante La storia di Psiche.

La sala da pranzo ha un soffitto a cassettoni, caratteristico dell’architettura francese. Ogni scatola riceve un tavolo; quattro, inscritti in compartimenti rettangolari e rappresentano Apollo (fuoco), Diana (aria), Flora o Cerere (Terra) e Tritoni e naiadi (acqua). Nei compartimenti ottagonali del soffitto ci sono le stagioni. Al centro del soffitto c’è Pace che riporta l’Abbondanza di Charles Le Brun, allusione alla pace dei Pirenei (1659).

Gli otto medaglioni circolari o ottagonali sopra le porte raccontano la storia di Io. Il portico con vista sul buffet presenta trofei di Guerra e Pace. Il ghiaccio non esce da Fouquet.

La stanza quadrata sarebbe appartenuta all’appartamento di Fouquet. Nel 1661, sei arazzi delle vignette di Le Brun furono impiccati sotto un dipinto che mostrava l’assedio di Friburgo comandato dal maresciallo Villars.

1 ° piano
La camera da letto dell’appartamento di Fouquet è l’unica stanza al primo piano che ha mantenuto il suo arredamento originale. I soffitti della stanza e l’alcova sono decorati con un trompe l’oeil a forma di cupola.

L’appartamento M me Fouquet era composto interamente di ghiaccio e comprendeva un’anticamera, una camera da letto e un armadio. La sala e la sala sono state completamente ridisegnate a xviii secolo.

Il mobile contiene sul soffitto un ovale con un dipinto che rappresenta il cielo; lo stemma di M me Fouquet è negli angoli.

Descrizione del parco
Nel 1641, Nicolas Fouquet acquistò la tenuta di Vaux le Vicomte venti anni dopo.

Con una lunghezza massima di giardini (dalla porta d’onore a Ercole) di 1500 me una larghezza media di 200 a 250 m, il parco ha una superficie totale di 500 ettari ed è racchiuso da un muro di 13 km di altoparlanti.

I giardini a sud del castello sono notevoli per dimensioni e stile. Alberi e cespugli tagliati (9 km di pergola per siepi alte, 300 tassi e bosso per siepi basse e topiari), stagni, statue e sentieri ben ordinati ne fanno un giardino alla francese. Per disegnarli, il suo designer, Le Nôtre, usa gli effetti ottici e le leggi della prospettiva; il rosso del “ricamo” e i letti sono fatti di mattoni frantumati.

L’arrivo al castello avviene tramite un allineamento bilaterale di 257 platani. Le due file di alberi sono molto vicine alla strada poiché sono a soli sei metri di distanza. Con la dimensione dei barili degli alberi, questo provoca un effetto “tunnel” impressionante; questo allineamento lungo 1.400 metri è classificato come monumento storico.

Il giardino è composto da tre parti:

il primo comprende un cortile e un cortile;
la seconda parte del castello e si ferma ai piccoli canali;
la terza parte consiste in ciò che è oltre i piccoli canali.
Il giardino è caratterizzato da una prospettiva rallentata: più gli elementi del giardino sono lontani dal castello, più lunghi o più alti sono. Pertanto, il parterre di “ricamo” è tre volte più piccolo del prato alla fine del giardino. Allo stesso modo, il bacino quadrato è otto volte più grande del giro d’acqua. Le sculture vicino al castello sono tre volte più basse dei termini delle caverne.

Questo processo per schiacciare la prospettiva, per rendere il giardino più piccolo di quanto non sia in realtà, viene utilizzato in Francia negli anni ’30 del secolo scorso, ma Le Nôtre lo amplifica.

Il piazzale è separato dalla strada da una serie di griglie e termini. Due porte sul cancello non servono come ingresso, perché è attraverso la griglia centrale, più modesta, che possiamo accedere al parco. La griglia ha otto pilastri sormontati da busti bifacciali di divinità greche, fauni e allegorie delle stagioni, sculture che riecheggiano i termini nella grotta del giardino.

Il recinto permette di vedere non solo il castello, ma anche, il soggiorno ovale è chiuso solo a griglie, la prospettiva che attraversa conduce al fondo del giardino (1 800 metri).

I giardini che si estendono dal castello sono costituiti da terrazze con letti e niente tranne piante di coni la cui altezza è aumentata alla fine del xix secolo e all’inizio del XX secolo, disturba il suo orizzontale dominante.

I letti di “ricamo”, il più vicino al castello, erano considerati ai tempi di Fouquet come l’ornamento più nobile di un giardino. Il loro primo utilizzo risale al 1595 per il castello di Saint-Germain-en-Laye.

Lo stato attuale del ricamo è una ricostruzione del XX secolo, più o meno vera: i rotoli erano più fini, la sabbia gialla era in contrasto con le scaglie di carbone e gli spigoli delle aiuole erano più fini. A destra dei letti da ricamo c’è un’aiuola che si trova fuori centro.

André Le Nôtre preferiva l’erba, meno soggetta alle stagioni. Lo stato attuale è recente, il prato è stato ricoperto di erba e poi è tornato a fiorire.

Il pavimento della corona, a sinistra, ha una corona reale d’oro situata al centro di uno stagno, in omaggio al re, la cui stanza al piano terra si trova anche nella parte sinistra del parco. Questi due letti sono asimmetrici rispetto all’asse centrale del giardino.

A sud di questo set c’è un asse trasversale: alla sua sinistra c’è la rete idrica, il cui nome deriva da getti d’acqua sotto forma di una griglia.

Al contrario, a destra dell’asse centrale, c’è una vera griglia da dare a un orto che Le Nôtre non ha avuto il tempo di completare.

Un terzo asse trasversale separa la grotta dai giardini. Questa presenza di assi trasversali che intersecano un asse longitudinale consente a Le Nôtre di dare un certo dinamismo alla composizione del parco, rompendo così con i giardini del Rinascimento, ordinati con una perfetta simmetria.

Il castello si riflette nel bacino quadrato, situato a 500 metri da esso. È per il canal grande che Le Nôtre fa più lavoro.

Vista del castello la grotta sembra essere situata subito dopo il grande bacino, l’oro, tra loro si trova il grande canale, lungo 875 metri e largo 35. In effetti, Le Nôtre ha creato una differenza di livello mascherando il canale negli occhi del visitatore, per apparire solo al suo avvicinarsi.

La grotta, situata oltre il Canal Grande, è dovuta a Le Nôtre e Le Brun che disegnarono le sculture. Le grotte sono state apprezzate sin dal Rinascimento, quando antiche ville furono scoperte sepolte nel terreno, il che conferì la parola grottesca per designare le loro pareti dipinte o scolpite, che divenne un motivo decorativo.

A Vaux-le-Vicomte, la sua originalità sta nel fatto che la sua facciata ha una superficie piatta, mentre tradizionalmente ha una forma di caverna; presenta elementi tradizionali come il capo e i termini, ma qui questi caratteri sono mitigati dal loro adattamento al suolo.

Di fronte alla grotta ci sono le cascate, invisibili dal castello. Questo tipo di architettura, di recente in Francia, risale alla prima metà del xvii secolo. La grotta è in gran parte di pietra grezza; le sculture sono state disegnate da Charles Le Brun e realizzate da Matthieu Lespangnel.

Le statue fluviali ai lati rappresentano il Tevere e l’Anqueil. Otto atlantidei incorniciano sette nicchie che contengono rocce artificiali. Da lontano, la grotta sembra fatta di pietra lavorata a malapena e le nicchie sembrano proteggere sculture molto elaborate, ma da vicino, è il contrario. È incorniciato da scale, rampe e terrazze. Ai piedi delle scale si trovano quattro sculture del xix secolo, che furono fornite al tempo di Nicolas Fouquet.

Il castello e il suo parco sono la quinta destinazione turistica del dipartimento di Seine-et-Marne, con una partecipazione nel 2008 di 261.000 visitatori, in crescita del 2% rispetto al 2007. Il castello è stato oggetto di un importante restauro nel 2016-2017, che include il dipinto Il trionfo della lealtà

eventi
Il castello ha ospitato, dal 2001 al 2009, il festival Open air, nel cortile.

Cultura
La casa e il suo terreno sono stati utilizzati come casa californiana del cattivo principale Hugo Drax (interpretato da Michael Lonsdale) nel film di James Bond Moonraker del 1979 [16]. Può anche essere visto sullo sfondo nel film del 1998 L’uomo nella maschera di ferro. Inoltre, il castello è apparso in diversi episodi di The Revolution, che è una serie televisiva documentaria sull’American Revolutionary War trasmessa dalla History nel 2006. La prossima top model australiana ha fatto un servizio di moda al castello per il suo settimo ciclo (episodio 02). ), trasmesso in televisione nell’agosto del 2011. Un confuso riassunto della storia di Vaux-le-Vicomte è stato dato dal personaggio di Carmine Lupertazzi nella quarta stagione di HBO The Sopranos. Più recentemente è stata rappresentata come la Reggia di Versailles per la produzione di BBC / Canal + della serie drammatica TV Versailles.

Il luogo è uno dei luoghi principali del romanzo di Alexandre Dumas Il visconte di Bragelonne: Dieci anni dopo.

Tags: