Centre National du Costume de Scène, Moulins, France

Centre national du costume de scène (CNCS), è un museo francese dedicato ai costumi e alle scenografie teatrali.

È stato inaugurato il 1 ° luglio 2006 a Moulins, Allier da Renaud Donnedieu de Vabres, ministro della cultura, Pierre-André Périssol, sindaco di Moulins e Christian Lacroix, sarto e presidente del consiglio di amministrazione. L’attuale regista è Delphine Pinasa, il cui ritratto è esposto al museo.

Il National Center of Stage Costume è la prima struttura di conservazione, in Francia o all’estero, interamente dedicata al patrimonio materiale dei teatri.

La sua missione è la conservazione, lo studio e la valorizzazione di una collezione del patrimonio di 10.000 costumi di teatro, opera e balletto oltre a scenografie dipinte, fornite dalle tre istituzioni fondatrici del centro, la Biblioteca Nazionale di Francia, la Comédie-Française e la Opera Nazionale di Parigi. Il centro ha anche ricevuto numerose donazioni da artisti e teatri.

Panoramica
Il museo è la prima struttura, in Francia o all’estero, interamente dedicata alla scenografia e al costume. La sua missione è di preservare, studiare e aumentare il valore di una collezione di 10.000 costumi teatrali, opera e balletto. Mostra anche dipinti, in prestito dalla Bibliothèque Nationale de France (Biblioteca Nazionale di Francia), la Comédie-Française e l’Opéra de Paris (Opera di Parigi).

Il museo ha quattro aree: le riserve, le sale espositive, la biblioteca e il centro di formazione. C’è una galleria di mostre temporanee di 1.500 metri quadrati (16.000 piedi quadrati) dietro otto finestre. Una grande sala mostra i costumi in un contesto scenografico. Ha anche spazi educativi, un auditorium e un centro di documentazione.

Il suo ristorante è stato decorato da Christian Lacroix, e ha un negozio del museo.

Storia
I Villars Quarters, situati in un sito di quattro ettari, attirano la nostra attenzione da lontano attraverso il fiume Allier e mantengono tutte le sue promesse una volta entrati: un monumento veramente elegante e marziale con le sue tre scale in pietra arenaria che sembrano venire fuori da uno spadaccino film.

Iniziata nel 1767, la costruzione continuò per oltre un secolo. Il suo primo architetto, Jacques Denis Antoine, un noto artista, è stato responsabile della progettazione dell’Hôtel des Monnaies a Parigi. Sublime, necessariamente sublime, Villars Quarters riflette la magnificenza della monarchia e del suo esercito! In effetti fu la prima caserma dell’esercito costruita sotto il regno di Luigi XV, come parte della riforma militare avviata dal Duca di Choiseul, mettendo fine alla pratica di alloggiare soldati in abitazioni locali, fonte di numerosi disordini.

Nominato Villars, in omaggio al maresciallo Claude Louis Hector di Moulins, duca di Villars (1653 -1734), grande capo militare di Luigi XIV, la caserma ospitava un reggimento di cavalleria. È stato progettato in linea con l’estetica classica del XVIII secolo: è costituito da un edificio centrale circondato da due bassi padiglioni, con tre scale interne che collegano le scuderie al piano terra e i quartieri del dragone sopra. Gli edifici, che sono fatti di arenaria di Coulandon (una cava locale), mostrano l’abilità tecnica dei suoi muratori di pietra e l’ingegnosità della sua struttura progettata per consentire la rapida mobilitazione delle truppe fornendo al tempo stesso un alloggio confortevole per gli uomini e i loro animali

Nel corso dei secoli, Villars Quarters ospitò una varietà di diversi corpi dell’esercito con conseguenti cambiamenti sensibili all’architettura. Le magnifiche caserme, al confine con un’opera d’arte, hanno conosciuto la sua ora di gloria: recensioni, manovre, balli e concerti. È sul braccio di un affascinante ufficiale di cavalleria di stanza a Villars Quarters che una bella giovane sarta, Gabrielle Chanel, soprannominata Coco, lasciò Moulins per “salire” a Parigi e diventare un’icona della moda.

La prima guerra mondiale segnò l’inizio del declino della caserma con la progressiva sostituzione della cavalleria con truppe corazzate. Danneggiato nel 1940, l’edificio principale fu occupato da un’unità di polizia fino all’inizio degli anni ’80, e poi abbandonato. È rinato nel 2006 per ospitare il CNCS e il suo reggimento di costumi.

collezioni
Composto da circa 10.000 costumi ed elementi scenici dalla metà del XIX secolo fino ai giorni nostri, le collezioni provengono da teatri, opere, balletti come l’Opera nazionale di Parigi, la Comédie-Française e la Biblioteca nazionale di Francia.

Il museo ha una collezione di costumi di Rudolf Nureyev, come richiesto nella sua volontà di essere un “luogo della memoria”. Nureyev, che è stato il direttore del Balletto dell’Opera di Parigi, aveva voluto che la sua collezione fosse collocata in un museo a Parigi, ma non era possibile trovare luoghi adatti. Così, la sua collezione è stata collocata nel museo di questo museo della regione dell’Auvergne, che dista circa 3 ore di treno da Parigi. È “una collezione permanente che offre ai visitatori il senso della sua personalità esuberante e vagabonda e la passione per tutto ciò che era raro e bello”. La collezione ha reperti storici della carriera di Nureyev, tra cui film e materiale fotografico, oltre a 70 costumi.

Costumi di scena
Diverse compagnie teatrali e teatri, tra cui la Comédie Française e l’Opera di Parigi, inviano i loro costumi al museo dopo il loro spettacolo finale. Al museo sono disponibili per essere esposti e conservati. Sono anche disponibili per ricercatori e studenti per lo studio.

Le collezioni: il ricordo di istituzioni e artisti leggendari
Anche se i costumi di scena rappresentavano un patrimonio molto importante in termini di spese e proprietà per i teatri, non c’era mai stata una vera politica di protezione fino alla creazione del centro. Testimoniano la creatività dei costumisti che li hanno disegnati e il know-how dei laboratori che li hanno realizzati. Portano in loro le tracce degli artisti che li hanno valorizzati sul palco.

I costumi più antichi risalgono al XVIII secolo. Sono abiti autentici (cappotti e gilet maschili) donati o acquistati dalla Comédie-Française dopo la rivoluzione francese per essere utilizzati in un repertorio di ispirazione settecentesca (Marivaux, Beaumarchais …). Oltre a questi pezzi eccezionali, la collezione comprende principalmente costumi provenienti da produzioni create dalla seconda metà del 19 ° secolo. Il progetto è nato nel 1995 quando il Ministero della Cultura e della Comunicazione ha sollecitato le principali istituzioni nazionali, la National Library of France (Performing Arts Department), la Comédie-Française e l’Opera Nazionale di Parigi per costituire la prima collezione composta da 8500 costumi per l’apertura del CNC.

La collezione fornita dalla National Library of France riflette la ricchezza e la varietà della collezione del Performing Art Department. Comprende i costumi della truppa di Renaud-Barrault, il Théâtre de l’Atelier sotto la direzione di Charles Dullin, il Théâtre du Campagnol diretto da Jean-Claude Penchenat oltre ai costumi di Philippe Guillotel per le Olimpiadi di Albertville drammatizzate da Philippe Decouflé, nel 1992.

La collezione della Comédie-Française copre tre secoli della storia di questo grande teatro. I costumi sono stati realizzati in rinomati laboratori di cucito, in particolare per l’abbigliamento storico. Alcuni sono stati creati da Suzanne Lalique, Lila de Nobili o Thierry Mugler e indossati da Sarah Bernhardt, Mounet-Sully o Jean Marais …

La collezione dell’Opera Nazionale di Parigi comprende 5000 opere e costumi di balletto che coprono un periodo di centocinquanta anni dal 1872, con costumi disegnati da Bakst, Benois, Derain, Cocteau … La maggior parte di essi sono stati realizzati nei laboratori di cucito di l’opera e indossata da tutte le più grandi star, Serge Lifar, Yvette Chauviré, Maria Callas, Rudolf Nureyev, Régine Crespin, Luciano Pavarotti …

Il CNCS ospita una collezione eccezionale di circa 2000 disegni e modelli di costumi creati da Christian Lacroix per il palcoscenico (opera, danza e teatro). Lo stilista Frank Sorbier ha anche donato i suoi modelli in costume per due opere, la Traviata e The Tales of Hoffmann.

Una collezione di elementi scenici scenici
Il National Center of Stage Costumes and Scenography ospita una collezione di tele dipinte, elementi decorativi e macchinari scenici (telai, attrezzature di sollevamento, alberi, praticabili, strumenti) risalenti alla metà del XX secolo. In questa continuità, diverse truppe di danza contemporanea hanno lasciato in eredità alcuni dei loro allestimenti teatrali insieme alle loro donazioni in costume.

Su 1.730 m2, le riserve comprendono, al piano terra, aree di lavoro (ricevimento costumi e zone di partenza, blocco del trasporto, sale di imballaggio e smistamento, stanza di isolamento, laboratorio di manichini …).

Poi, nei tre piani seguenti, le riserve sono state dotate di sistemi di scaffalature compatte, ampi armadi scorrevoli che includono sia lo spazio per appendere che i cassetti, consentendo quindi lo stoccaggio di circa diecimila costumi. Queste riserve sono conformi alle più severe raccomandazioni per la sicurezza sanitaria e fisica delle opere d’arte e beneficiano di un condizionamento d’aria totalmente indipendente.

In origine, il piano terra a volta ospitava le stalle; oggi è la reception. Le vendite dei biglietti sono seguite da boutique, poi guardaroba, un ristorante e un auditorium da 100 posti.

L’intero primo piano, che in passato ospitava soldati e ufficiali, è ora dedicato alle mostre. Otto sale espositive in vetrina fungono da palcoscenici in miniatura che espongono i costumi in un contesto scenografico. Altre due sale possono essere utilizzate per una grande varietà di scopi.

Infine, la grande sala su due livelli, dotata di una griglia teatrale, chiamata “salle du gril”, o sala della griglia, consente di visualizzare decori e oggetti di scena dipinti insieme a tutti i tipi di altre caratteristiche stravaganti o esempi di smodatezza teatrale.

Il secondo piano, oltre lo spazio ufficio, comprende un centro di documentazione e un centro educativo. Il centro di documentazione è dedicato alla storia generale delle arti dello spettacolo e delle professioni teatrali.

Le quattro aule didattiche sono state molto attive da quando il Centro ha aperto, accogliendo in successione giovani e anziani, dalle classi dell’infanzia agli studenti dell’Ecole du Louvre, dai piccoli danzatori alle abili ricamatrici … Tutti i livelli del sistema educativo nazionale francese sono rappresentati e workshop sono organizzati durante le vacanze scolastiche.

Lo stilista Christian Lacroix, presidente onorario del CNCS, nel 2011 ha completamente rimodellato il ristorante-caffetteria del museo. In stile barocco con colori scintillanti, possiamo trovare un mix di vecchie stampe, colori frizzanti e arabeggianti combinati su un tappeto creato da il designer in esclusiva per il museo.

Situato al piano terra dell’edificio, l’auditorium CNCS, con una superficie di circa 140 m², può accogliere fino a 90 persone. Situata alla fine del circuito espositivo, questa sala consente ai visitatori di continuare la loro visita con una proiezione di film che presentano il design dei costumi esposti. La programmazione è adattata ad ogni mostra in collaborazione con l’Istituto Nazionale Audiovisivo.

Nella regione di Auvergne, situata nel centro della Francia, nel cuore stesso del Bourbonnais nel dipartimento di Allier, si trova l’affascinante città di Moulins, con i suoi tipici mattoni rosa e neri, apprezzati da molti personaggi famosi. Moulins vanta una miriade di belle chiese, case nobiliari e una cattedrale che ospita uno dei più grandi capolavori francesi del tardo XV secolo, il trittico Maître de Moulins, insieme al sontuoso mausoleo del Duca di Montmorency, uno dei monumenti funerari più belli del 17 ° secolo , raffigurante il grande guerriero che sviene sulle sue ginocchia di vedove piangenti.