Il centro culturale Carmen di San Cristóbal a Las Casas, Chiapas, Messico

La Carmen di San Cristóbal a Las Casas, in precedenza fungeva da porta di accesso alla Ciudad Real, e oggi è stata adottata come simbolo dell’identità. È un annesso del tempio del Carmen. La sua funzione iniziale era quella di fungere da campanile alla chiesa. Uno spazio nella sua parte inferiore forse dava accesso al convento, o fungeva da passaggio tra due parti della città; la sua immagine è diventata una parte importante della città.

Nel convento dell’Incarnazione delle monache concezioniste, l’unico convento di religiosi di Ciudad Real, costruito nel 1597, furono impartite istruzioni sulle arti femminili dell’epoca. La sua costruzione fu autorizzata da Felipe II da Cédula Real il 30 novembre 1595

È considerato “L’edificio coloniale più suggestivo della città” e “uno dei monumenti più notevoli e unici nel Nuovo Mondo”.

Storia
Costruito nel 1677 nel più puro stile mudéjar in epoca coloniale, apparteneva al Convento di La Encarnación. Questo edificio in precedenza fungeva da porta di accesso alla Ciudad Real e oggi è stato adottato come simbolo di identità.

È un annesso del Tempio del Carmen, la sua funzione iniziale era quella di fungere da campanile alla Chiesa. Un vano nella parte centrale superiore dava accesso al Convento.

Architettura
Questa costruzione, unica in Messico, è considerata parte della collezione Mudejar del Chiapas per la sua pianta quadrata di proporzioni massicce, le sue applicazioni ornamentali in mortaio e la volta in legno ottagonale con una stella a otto punte, che ricorda la pietra dell’arte islamica.

All’inizio del 1677, José Antonio de Torres, amministratore del Convento, chiese al Consiglio Comunale di Ciudad Real il permesso di costruire un campanile, sostenendo che il convento aveva bisogno di una torre per le sue campane; per farlo, aveva bisogno che fosse sulla strada di Paso Real, che va dalla piazza del paese alla meta di quel convento.

Le suore del convento Encarnación decisero di raccogliere fondi per la costruzione del campanile del convento, ma l’unico posto dove poteva essere costruito quell’edificio era sul Paso Real. Questa importante strada va dal convento Encarnación alla piazza della città, quindi l’amministratore del convento ha chiesto al Comune di San Cristóbal de las Casas il permesso di costruire il campanile sulla strada principale. Dopo diversi negoziati, il Consiglio Comunale ha accolto la richiesta con la sola condizione che il Paso Real non venisse ostacolato.

Le suore fecero un tale investimento, perché la torre serviva come accesso agli edifici del convento dall’altra parte della strada, in modo che le suore potessero passare da una parte all’altra senza rompere il voto di chiusura. La torre serviva come accesso della chiesa all’ex convento e come coro della chiesa, al secondo piano.

Ecco come fu costruito l’Arco del Carmen. Il colossale edificio aveva tre piani: in cima c’era il campanile. Il piano intermedio fungeva da corridoio per le suore da attraversare da un lato all’altro degli edifici del convento, senza rompere il voto di chiusura. Al piano terra, il famoso arco fu costruito sulla strada principale, in modo che la gente potesse continuare ad attraversarlo senza ostacolarne il passaggio.

Alle difficoltà incontrate durante la sua costruzione – la carenza di risorse umane e risorse sono state aggiunte danni da alluvioni e terremoti. Ristrutturato tra il 1753 e il 1766, dal 1869 furono istituiti sul posto l’ospedale, l’asilo, la scuola femminile e le botteghe artigiane, l’Istituto di scienze e arti, la caserma e un tempio massonico. Quando le suore concezioniste lasciarono la città, il culto del Ministero dell’Incarnazione finì, prevalse quello di Nostra Signora del Carmen.

In fondo, l’arco principale fungeva da porta della città. Al secondo livello, le suore potevano accedere al tempio del convento scendendo dal coro e fungeva da campanile al tempio del convento. Il suo campanile, la torre di El Carmen, è un segno distintivo della città.

Leggenda
L’Arco del Carmen simboleggia la porta dell’avventura. Chiunque fosse passato sotto di lui sarebbe rimasto per sempre a San Cristóbal de las Casas. La leggenda narra che qualsiasi viaggiatore che attraversi la porta di Ciudad Real rimarrà lì per sempre. La magia che la porta possedeva era molto potente. Il maestoso monumento ha attirato tutti i viaggiatori che erano in giro, facendoli innamorare della sua splendida architettura e dei suoi colori vivaci.

Con il passare del tempo, l’Arco del Carmen, situato ai margini di San Cristóbal de las Casas, divenne un punto di riferimento per tutte le persone che passavano. In pochi anni, questo caratteristico edificio divenne l’entrata principale e la porta della Ciudad Real.

Oggi il monumento è protetto e non può più essere superato sotto di esso.

Carmen Temple
La costruzione originale di questo tempio risale al 16 ° secolo. Ospita la Capilla del Carmen; Questa cappella è quella che ha causato il nuovo nome, che gli è stato concesso all’inizio del XX secolo; In origine era sotto la dedicazione di San Sebastián Mártir, a cui il tempio fu dedicato nel 1578; Successivamente fu cambiato nel Mistero di Ubilla, quando fu scelto dalla chiesa monaca per il consiglio ecclesiastico, con l’approvazione della “giustizia e reggimento” di Ciudad Real.

Tra il 1753 e il 1766, quando su iniziativa del vescovo Moctezuma furono intrapresi un completo rinnovamento e ricostruzione del convento, alcuni lavori devono essere stati eseguiti anche sul tempio, poiché la copertina del braccio del transetto ha la data del 1764 incisa. Si ritiene che a quel tempo costruì la Capilla del Carmen.

La mattina del 23 marzo 1993, un cortocircuito nella libreria vicino al tempio causò un incendio che si diffuse nella Chiesa e distrusse il suo interno, perdendo i soffitti a cassettoni, le pale d’altare, i dipinti, le sculture e i pezzi d’oro, d’argento e di bronzo . opere d’arte inestimabili; Tra questi, spicca una scultura anonima del 16 ° secolo, che rappresenta San Sebastián, considerato il nudo anatomico più perfetto in America Latina.

Del vecchio complesso conventuale de La Encarnación, l’unica cosa che rimane attualmente è il tempio a doppia porta, la torre e la piazza Carmen.

Simbolo
Non era solo simbolico, ma funzionale, poiché l’Arco del Carmen consentiva alle suore del convento di avere molte libertà. Ha permesso loro di attraversare il Paso Real per raggiungere le dipendenze del convento senza dover infrangere il voto di chiusura. Nel tempo, è stato riconosciuto come “l’edificio viceregale più sorprendente della città” grazie alla sua bellezza mudéjar.

Inoltre, all’epoca l’Arco del Carmen era considerato uno dei monumenti più importanti del Nuovo Mondo. Ora questa porta, il campanile e l’accesso al convento sono diventati una delle cartoline di San Cristóbal de las Casas. È una tappa imperdibile del tuo viaggio quando visiti la più magica città magica del Messico.

Restauro
Nel 1980 fu restaurato l’ex convento de La Encarnación, oggi casa della cultura. Il chiostro è situato in una piazza, esente dal tempio. La facciata principale è sobria. Al suo interno conserva il suo originale partito architettonico.

Questo edificio rappresenta l’ultimo residuo del Convento dell’Incarnazione di Ciudad Real, attualmente restaurato da FONATUR, da quando qui si è tenuto il vertice mondiale del turismo. Attualmente possiamo goderci il chiostro, con il suo patio centrale, e il centro congressi è ospitato nella parte posteriore. All’interno dei suoi spazi ha anche un giardino epitite e laboratori per bambini e anziani.

Tags: