Statens Museum for Kunst, København, Danimarca

La National Gallery of Denmark (danese: Statens Museum for Kunst, noto anche come “SMK”, letteralmente State Museum for Art) è la galleria nazionale danese, situata nel centro di Copenaghen.

SMK ha più di 700 anni di storia dell’arte e dell’arte. Il museo ospita circa cinque mostre speciali all’anno e visite guidate gratuite ogni domenica per bambini e adulti. Sette venerdì all’anno, il museo ospita i venerdì SMK, dove gli orari di apertura sono prolungati fino alle 22:00. 22 e SMK è il framework per esperienze artistiche informali con musica, spettacoli e conferenze artistiche.

Oltre al museo di Sølvgade, SMK ha la Royal Casting Collection, che si trova nel magazzino delle Indie occidentali (costruito nel 1797) al Toldbodgade 40 di Copenaghen. La Royal Casting Collection contiene circa 2.500 calchi in gesso di sculture del 2.500 a.C. a circa l’anno 1600 ed è aperto solo per eventi speciali.

Il museo raccoglie, registra, mantiene, ricerca e tratta l’arte danese e straniera dal 14 ° secolo ai giorni nostri.

collezioni
Le collezioni del museo costituiscono quasi 9000 dipinti e sculture, circa 240.000 opere d’arte su carta e oltre 2.600 calchi in gesso di figure dell’antichità, del Medioevo e del Rinascimento. La maggior parte degli oggetti più vecchi provengono dalla collezione reale danese. Si prevede che circa 40.000 pezzi delle collezioni saranno disponibili online entro il 2020.

Mostre permanenti
Le mostre permanenti di SMK offrono una panoramica di 700 anni di arte con opere di Mantegna, Cranach, Tizian, Rubens e Rembrandt, tra gli altri. SMK fa parte di un movimento internazionale tra le istituzioni del patrimonio culturale per rilasciare collezioni digitalizzate per uso e riciclaggio gratuiti. La mossa si chiama OpenGLAM.

Le sezioni delle collezioni esenti da copyright del museo sono trasferite al pubblico dominio e sono liberamente scaricabili e utilizzate per qualsiasi scopo.

Arte europea 1300-1800
L’esposizione di arte europea 1300-1800 è una raccolta completa di arte nel corso dei 500 anni, con opere di Mantegna, Cranach, Tiziano, Rubens e Rembrandt. L’arte si sviluppa su tredici sale ed è la più antica collezione d’arte in Danimarca, con particolare enfasi su pezzi danesi, olandesi, fiamminghi, italiani, francesi, spagnoli e tedeschi.

Arte danese e nordica 1750-1900
L’arte danese e nordica 1750-1900 illustra l’arte scandinava dagli inizi della pittura danese fino all’età dell’oro fino alla nascita del modernismo. Mostra oltre 400 opere in 24 gallerie. Presenta opere di Abildgaard, Eckersberg, Købke, Ring e Hammershøi.

Arte francese 1900-1930
SMK ottenne la sua moderna collezione d’arte francese nel 1928, quando fu donata dal defunto collezionista Johannes Rump. Questa collezione presenta alcuni dei pezzi più famosi del museo di artisti come Matisse, Picasso, Derain e Braque. La collezione fu offerta per la prima volta alla SMK da Rump nel 1923, ma fu respinta dal regista Karl Madsen, poiché non credeva che fosse di qualità abbastanza elevata.

Arte danese e internazionale dopo il 1900
Ospitata nell’estensione del museo del 1993, questa collezione del 20 ° e 21 ° secolo si concentra principalmente sugli esempi più importanti dell’arte moderna danese. Un lungo corridoio di dipinti che si affacciano sul parco Østre Anlæg funge da panoramica cronologica dell’opera di questo periodo, mentre le gallerie più piccole si concentrano su artisti o movimenti specifici.

La collezione reale di arte grafica
La Royal Collection of Graphic Art contiene oltre 240.000 opere: stampe in rame, disegni, incisioni, acquerelli, opere litografiche e altri tipi di arte su carta, che vanno dal XV secolo ai giorni nostri. Gli inizi di questa collezione furono fatti intorno al tempo di Cristiano II. Nel suo diario del 1521 il pittore tedesco Albrecht Dürer afferma di aver dato al re “i migliori pezzi di tutte le mie stampe”.

Nel 1843 le varie opere, che finora erano state la collezione privata del re, furono esposte al pubblico. Fu poi trasferito nel Museo Statens per Kunst quando il primo edificio fu completato nel 1896, insieme a The Royal Collection of Paintings e The Royal Cast Collection.

Sebbene le carte contengano un gran numero di opere straniere, l’arte danese costituisce la parte principale della collezione. Questa raccolta è aperta al pubblico attraverso la Print Room, il cui accesso deve essere prenotato prima dell’arrivo.

La collezione Royal Cast
La collezione Royal Cast si tiene presso il magazzino dell’India occidentale, Toldbodgade 40, tra La sirenetta e Nyhavn a Copenaghen. È composto da oltre 2000 calchi in gesso nudo di statue e rilievi provenienti da collezioni, musei, templi, chiese e luoghi pubblici in tutto il mondo, dall’antichità al Rinascimento. La collezione Royal Cast è aperta solo per eventi speciali. L’arte è stata messa in mostra per la prima volta nel 1895 con l’intenzione di edificare i visitatori sulla progressione delle rappresentazioni della forma umana nel tempo in parallelo con la crescente consapevolezza sociale, politica ed estetica nel mondo occidentale.

All’inizio della seconda guerra mondiale l’arte dell’antichità divenne sempre più fuori moda, associata a una tradizione artistica arcaica. Nel 1966, quando l’arte astratta divenne più popolare, la Royal Cast Collection fu trasferita in un fienile fuori da Copenaghen per essere immagazzinata e rianimò solo nel 1984 quando fu trasferita nel magazzino dell’India occidentale.

Storia
Le collezioni dell’SMK hanno le loro origini nella Camera dell’Arte dei re danesi, che risale a Cristiano II.

Nel 1721, quando furono rilevate le collezioni di Göteborg, la collezione acquisì alcune opere preziose. A questo proposito, la collezione era molto ben equipaggiata con opere d’arte particolarmente fiamminga e olandese. Tra le opere di Göteborg, molte delle opere di Lucas Cranach erano le più vecchie, motivo per cui oggi SMK ha la più grande collezione di opere di Cranach fuori dalla Germania.

Il primo marchio di Christiansborg
Al fuoco di Christiansborg nel 1794, una parte della collezione andò perduta, ma la maggior parte di essa fu salvata grazie al laccio di Johan Conrad Spengler, poiché Spengler fece evacuare i dipinti sia nel castello che nella Camera dell’Arte. Tra le opere bruciate vi furono la serie di ritratti reali danesi di Nicolai Abildgaard e un ritratto di Christian IV (1642-43) di Karel van Mander III.

Il periodo dell’età d’oro
Gli acquisti continuarono e, nel corso del XIX secolo, le opere furono quasi esclusivamente acquistate da artisti danesi e SMK ha una ricca collezione di dipinti dell’età d’oro danese. Era nuovo che il paese potesse creare immagini di alta qualità artistica. Questa fu una diretta conseguenza dell’istituzione della Royal Danish Academy of Fine Arts nel 1754. Nel 1825 la Camera d’Arte fu chiusa e le collezioni d’arte furono aperte al pubblico con il nome di Royal Painting Collection nel 1827. l’abolizione della monarchia nel 1849, i tesori artistici divennero proprietà dello Stato.

Il secondo marchio di Christiansborg
Al secondo incendio del castello nel 1884, praticamente l’intera collezione di dipinti sopravvisse. Tuttavia, la collezione divenne di nuovo senzatetto, e quindi, nel 1888, fu stampato un concorso di architettura che portò alla costruzione della parte vecchia dell’attuale edificio.

Raccolta di groppe
Ora le collezioni sono state ampliate con donazioni generose e prestiti a lungo termine. Nel 1928, il politico Johannes Rump donò al museo la sua vasta collezione di primi dipinti modernisti francesi. La collezione di Rump comprende opere di André Derain, Georges Braque e Henri Matisse di qualità eccezionale e di fama mondiale. La donazione è stata seguita da ulteriori acquisti di dipinti e sculture da artisti francesi.

Architettura
Il museo è costruito in più fasi. La Royal Collection of Paintings originariamente era appesa al castello di Christiansborg, da dove i dipinti furono salvati dall’incendio del castello nel 1884. La collezione divenne senza tetto, quindi la necessità di un nuovo edificio era urgente. Un concorso di architettura fu stampato nel 1888 e vinto dagli architetti Vilhelm Dahlerup e Georg EW Møller. Møller era particolarmente responsabile delle soluzioni tecniche, compresi i ponti di cemento dietro le facciate.

L’edificio storico del museo fu eretto tra il 1889 e il 1896 sui resti del Bastione di Peuckler e incontra l’angolo della strada in un angolo obliquo e orientato monumentalmente verso Sølvgade e Øster Voldgade. Il fulcro della facciata simmetrica ricorda un arco trionfale romano, mentre il resto è ispirato al Rinascimento italiano. A differenza delle opere precedenti di Dahlerup, il museo è realizzato con materiali “reali”: mattoni, granito e pietra calcarea per fax. Il vestibolo era caratterizzato da una monumentale scala in marmo, ornata da sculture. In origine, il piano terra era destinato alla collezione di casting e il 1 ° piano alla collezione di dipinti. Non passò molto tempo prima che i pezzi fusi fossero banditi dall’edificio a causa della mancanza di spazio.

Già negli anni 1920 apparvero i primi piani di espansione, ma solo nel 1969-1970 rimase il kgl. l’ispettore edile Nils Koppel per una drastica riqualificazione degli interni, che ha fornito dieci nuove stanze e più spazio facendo il giro della monumentale scala principale. Invece, ha messo una moderna scala salvaspazio nel portico e ha perforato il muro della sala per banchetti verso il parco. Allo stesso tempo, i dipinti decorativi e le dorature nel soffitto del vestibolo sono stati dipinti e i due cortili sono stati portati nelle stanze.

L’ultima importante estensione del museo è stata costruita a seguito di un concorso di architettura nel 1992 – 1998 ed è stata progettata dall’architetto Anna Maria Indrio di CF Møllers Tegnestue. L’ala bianca e modernista non è costruita direttamente con l’edificio più vecchio, ma è posizionata in modo tale che uno spazio lungo e alto, chiamato strada della scultura, si interponga tra l’architettura delle due diverse epoche. Nella stessa occasione, anche le scale di Koppel e altri dettagli furono cambiati. La nuova estensione contiene una sala da concerto la cui acustica si è dimostrata così scarsa che è diventata successivamente oggetto di una richiesta di risarcimento.

In origine, c’era un portico aperto davanti all’edificio del museo in modo da poter guidare fino alla scala principale, e l’unico elemento verde era un prato circolare in cui il monumento del trono di Danimarca nell’asse centrale dell’edificio. Il monumento fu eretto nel 1897 da Louis Hasselriis in ricordo del matrimonio d’oro di Cristiano IX e della Regina Luisa nel 1892. Nel 1919, l’area triangolare tra il museo, Sølvgade e Øster Voldgade fu trasformata in un parco con rose in stile francese formale, il Museo del giardino, progettato dal giardiniere cittadino Valdemar Fabricius Hansen. Allo stesso tempo, il monumento alla Danimarca è stato rimosso ed è oggi nascosto nell’Østre Anlæg. Il giardino del museo è stato restaurato nel 1999.

Il 27 gennaio 2010, il direttore del museo Karsten Ohrt ha annunciato che l’istituzione aveva ricevuto una donazione da Annie e Otto Johs. Detlefs ‘Funds di DKK 27,5 milioni di kr., Che sono stati investiti in una riprogettazione completa della grande area di 7.500 m 2 di fronte al museo. Il giardino del museo, rinnovato di recente, è stato inaugurato a settembre 2014.

SMK Digital
Nel 2008, SMK ha avviato il progetto quinquennale SMK Digital con il sostegno della Nordea Foundation. Con l’iniziativa digitale, SMK ha voluto ampliare l’esperienza del museo digitale sia sul museo stesso che sul web. L’obiettivo del progetto era sviluppare la pratica museale digitale presso SMK e sviluppare conoscenze e abilità nell’area. Il progetto SMK Digital è stato completato formalmente nel 2013, ma la pratica del museo digitale rimane centrale per il lavoro del museo.

Tags: