Sagrada Familia, Barcellona, ​​Spagna

La Basílica de la Sagrada Família, è una grande basilica cattolica romana incompiuta a Barcellona, ​​in Catalogna, Spagna. Progettato dall’architetto catalano Antoni Gaudí (1852-1926), il suo lavoro sull’edificio fa parte di un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il 7 novembre 2010, Papa Benedetto XVI ha consacrato la chiesa e l’ha proclamata basilica minore.

Il 19 marzo 1882, la costruzione della Sagrada Família iniziò sotto l’architetto Francisco de Paula del Villar. Nel 1883, quando Villar si dimise, Gaudí subentrò come architetto capo, trasformando il progetto con il suo stile architettonico e ingegneristico, combinando forme gotiche e curve in stile Art Nouveau. Gaudí ha dedicato il resto della sua vita al progetto ed è sepolto nella cripta. Al momento della sua morte nel 1926, meno di un quarto del progetto era completo.

Basandosi esclusivamente su donazioni private, la costruzione della Sagrada Família procedette lentamente e fu interrotta dalla guerra civile spagnola. Nel luglio del 1936, i rivoluzionari diedero fuoco alla cripta e si fecero strada nell’officina, distruggendo parzialmente i piani, i disegni e i modelli di gesso originali di Gaudí, che portarono a 16 anni di lavoro per mettere insieme i frammenti del modello principale. La costruzione riprese a intermittenti progressi negli anni ’50. I progressi in tecnologie come la progettazione assistita da computer e il controllo numerico computerizzato (CNC) hanno consentito da allora progressi più rapidi e la costruzione ha superato il punto centrale nel 2010. Tuttavia, rimangono alcune delle maggiori sfide del progetto, inclusa la costruzione di altre dieci guglie, ognuna delle quali simboleggia un’importante Figura biblica nel Nuovo Testamento.

La basilica ha una lunga storia di opinioni divergenti tra i residenti di Barcellona: sulla possibilità iniziale che potrebbe competere con la cattedrale di Barcellona, ​​sul progetto stesso di Gaudí, sulla possibilità che il lavoro dopo la morte di Gaudí abbia ignorato il suo progetto e la proposta del 2007 di costruire un tunnel del collegamento ferroviario ad alta velocità della Spagna con la Francia che potrebbe disturbarne la stabilità. Descrivendo la Sagrada Família, il critico d’arte Rainer Zerbst disse che “è probabilmente impossibile trovare una chiesa che costruisce qualcosa del genere in tutta la storia dell’arte”, e Paul Goldberger la descrive come “la più straordinaria interpretazione personale dell’architettura gotica dal Medioevo “. La basilica non è la chiesa cattedrale dell’arcidiocesi di Barcellona,

Storia
La Basílica de la Sagrada Família fu l’ispirazione di un libraio, Josep Maria Bocabella, fondatore dell’Asociación Espiritual de Devotos de San José (Associazione spirituale dei devoti di San Giuseppe).

Dopo una visita in Vaticano nel 1872, Bocabella tornò dall’Italia con l’intenzione di costruire una chiesa ispirata alla basilica di Loreto. La cripta absidale della chiesa, finanziata da donazioni, fu iniziata il 19 marzo 1882, in occasione della festa di San Giuseppe, su progetto dell’architetto Francisco de Paula del Villar, il cui piano era per una chiesa rinascimentale gotica di forma standard. La cripta dell’abside fu completata prima delle dimissioni di Villar il 18 marzo 1883, quando Antoni Gaudí si assunse la responsabilità del suo design, che cambiò radicalmente. Gaudì iniziò a lavorare alla chiesa nel 1883 ma non fu nominato direttore dell’architetto fino al 1884.

Costruzione
A proposito del periodo di costruzione estremamente lungo, si dice che Gaudí abbia osservato: “Il mio cliente non ha fretta.” Quando Gaudí morì nel 1926, la basilica fu completata tra il 15 e il 25 percento. Dopo la morte di Gaudí, i lavori continuarono sotto la direzione di Domènec Sugrañes i Gras fino a quando furono interrotti dalla guerra civile spagnola nel 1936.

Parti della basilica incompiuta e dei modelli e del laboratorio di Gaudí furono distrutti durante la guerra dagli anarchici catalani. Il presente progetto si basa su versioni ricostruite dei piani che sono stati bruciati in un incendio e su adattamenti moderni. Dal 1940, gli architetti Francesc Quintana, Isidre Puig Boada, Lluís Bonet i Gari e Francesc Cardoner hanno portato avanti i lavori. L’illuminazione è stata progettata da Carles Buïgas. L’attuale direttore e figlio di Lluís Bonet, Jordi Bonet i Armengol, ha introdotto i computer nel processo di progettazione e costruzione dagli anni ’80. Mark Burry della Nuova Zelanda è architetto esecutivo e ricercatore. Le sculture di J. Busquets, Etsuro Sotoo e le controverse Josep Maria Subirachs decorano le fantastiche facciate. Jordi Fauli, nato a Barcellona, ​​è diventato capo architetto nel 2012.

La volta a navata centrale fu completata nel 2000 e da allora i compiti principali sono stati la costruzione delle volte e dell’abside del transetto. A partire dal 2006, i lavori si sono concentrati sull’attraversamento e sulla struttura di supporto per il campanile principale di Gesù Cristo e sul recinto meridionale della navata centrale, che diventerà la facciata della Gloria.

La chiesa condivide il suo sito con l’edificio della Sagrada Família Schools, una scuola originariamente progettata da Gaudí nel 1909 per i bambini degli operai edili. Trasferito nel 2002 dall’angolo orientale del sito all’angolo meridionale, l’edificio ospita ora una mostra.

Stato di costruzione
L’architetto capo Jordi Fauli ha annunciato nell’ottobre 2015 che la costruzione è completa al 70% ed è entrata nella sua fase finale di raccolta di sei immensi campanili. I campanili e la maggior parte della struttura della chiesa devono essere completati entro il 2026, il centenario della morte di Gaudí; a partire da una stima del 2017, gli elementi decorativi dovrebbero essere completati entro il 2030 o il 2032. I biglietti d’ingresso per i visitatori da € 15 a € 20 finanziano il budget annuale di costruzione di € 25 milioni. La tecnologia di progettazione assistita da computer è stata utilizzata per accelerare la costruzione dell’edificio. La tecnologia attuale consente di modellare la pietra fuori sede da una fresatrice CNC, mentre nel XX secolo la pietra è stata scolpita a mano.

Nel 2008, alcuni rinomati architetti catalani hanno sostenuto l’interruzione della costruzione per rispettare i progetti originali di Gaudí, che sebbene non fossero esaustivi e parzialmente distrutti, sono stati parzialmente ricostruiti negli ultimi anni.

Nel 2018, il tipo di pietra necessario per la costruzione è stato trovato in una cava a Brinscall, vicino a Chorley, in Inghilterra.

Storia recente

Tunnel AVE
Dal 2013, i treni ad alta velocità AVE sono passati vicino alla Sagrada Família attraverso un tunnel che corre sotto il centro di Barcellona. La costruzione del tunnel, iniziata il 26 marzo 2010, è stata controversa. Il Ministero dei Lavori Pubblici di Spagna (Ministerio de Fomento) ha affermato che il progetto non ha comportato rischi per la chiesa. Gli ingegneri e gli architetti della Sagrada Família non erano d’accordo, affermando che non vi era alcuna garanzia che il tunnel non avrebbe influenzato la stabilità dell’edificio. Il Consiglio di amministrazione della Sagrada Família (Patronat de la Sagrada Família) e l’associazione di quartiere AVE pel Litoral (AVE by the Coast) avevano condotto una campagna contro questa rotta per l’AVE, senza successo.

Nell’ottobre 2010, la perforatrice del tunnel ha raggiunto la chiesa sotterranea sotto la posizione della facciata principale dell’edificio. Il servizio attraverso il tunnel è stato inaugurato l’8 gennaio 2013. Il binario nel tunnel utilizza un sistema di Edilon Sedra in cui le rotaie sono incorporate in un materiale elastico per smorzare le vibrazioni. Fino ad oggi non è stato segnalato alcun danno alla Sagrada Família.

Consacrazione
La navata principale fu coperta e un organo installato a metà del 2010, consentendo l’edificio ancora incompiuto di essere utilizzato per i servizi religiosi. La chiesa è stata consacrata da Papa Benedetto XVI il 7 novembre 2010 di fronte a una congregazione di 6.500 persone. Altre 50.000 persone hanno seguito la messa di consacrazione fuori dalla basilica, dove oltre 100 vescovi e 300 sacerdoti erano disponibili per offrire la Santa Comunione.

A partire dal 9 luglio 2017, c’è una messa internazionale celebrata nella basilica ogni domenica e il giorno santo dell’obbligo, alle 9, aperto al pubblico (fino a quando la chiesa è piena). Occasionalmente, la Messa viene celebrata altre volte, dove la partecipazione richiede un invito. Quando sono programmate messe, le istruzioni per ottenere un invito sono pubblicate sul sito web della basilica. Inoltre, i visitatori possono pregare nella cappella del Santissimo Sacramento e Penitenza.

Fuoco
Il 19 aprile 2011, un incendiario ha acceso un piccolo incendio nella sagrestia che ha costretto l’evacuazione di turisti e operai edili. La sagrestia fu danneggiata e il fuoco impiegò 45 minuti per contenere.

Design
Lo stile della Sagrada Família è variamente paragonato al tardo gotico spagnolo, al modernismo catalano o all’Art Nouveau. Mentre la Sagrada Família rientra nel periodo dell’Art Nouveau, Nikolaus Pevsner sottolinea che, insieme a Charles Rennie Mackintosh a Glasgow, Gaudí portava lo stile Art Nouveau ben oltre la sua normale applicazione come decorazione di superficie.

Piano
Pur non essendo mai stata pensata per essere una cattedrale (sede di un vescovo), la Sagrada Família fu progettata fin dall’inizio come un edificio delle dimensioni di una cattedrale. La sua pianta ha collegamenti evidenti con le precedenti cattedrali spagnole come la Cattedrale di Burgos, la Cattedrale di León e la Cattedrale di Siviglia. In comune con il catalano e molte altre cattedrali gotiche europee, la Sagrada Família è corta rispetto alla sua larghezza, e ha una grande complessità di parti, che includono doppie navate, un deambulatorio con una guancia di sette cappelle absidate, una moltitudine di campanili e tre portali, ognuno molto diverso nella struttura e nell’ornamento. Laddove è comune che le cattedrali in Spagna siano circondate da numerose cappelle ed edifici ecclesiastici, il piano di questa chiesa ha una caratteristica insolita: un passaggio o chiostro coperto che forma un rettangolo che racchiude la chiesa e passa attraverso il nartece di ciascuno dei suoi tre portali. A parte questa peculiarità, il piano, influenzato dalla cripta di Villar, accenna a malapena alla complessità del progetto di Gaudí o alle sue deviazioni dall’architettura tradizionale della chiesa. Non ci sono angoli retti esatti da vedere all’interno o all’esterno della chiesa, e poche linee rette nel design.

Spires
Il disegno originale di Gaudí prevede un totale di diciotto guglie, che rappresentano in ordine crescente di altezza i Dodici Apostoli, la Vergine Maria, i quattro Evangelisti e, il più alto di tutti, Gesù Cristo. A partire dal 2010 sono state costruite otto guglie, corrispondenti a quattro apostoli nella facciata della Natività e quattro apostoli nella facciata della Passione.

Secondo il “Rapporto lavori” del 2005 sul sito ufficiale del progetto, i disegni firmati da Gaudí e recentemente trovati negli Archivi comunali indicano che la guglia della Vergine era in realtà intesa da Gaudí per essere più corta di quella degli evangelisti. L’altezza della guglia seguirà l’intenzione di Gaudí, che secondo il rapporto funzionerà con la fondazione esistente.

Le guglie degli evangelisti saranno sormontate da sculture dei loro simboli tradizionali: un toro alato (San Luca), un uomo alato (San Matteo), un’aquila (San Giovanni) e un leone alato (San Marco). La guglia centrale di Gesù Cristo deve essere sormontata da una croce gigante; la sua altezza totale (170 metri (560 piedi)) sarà di un metro in meno di quella della collina Montjuïc di Barcellona, ​​poiché Gaudí credeva che la sua creazione non dovesse superare Dio. Le guglie inferiori sono sormontate da ospiti di comunione con fasci di grano e calici con grappoli d’uva, che rappresentano l’Eucaristia. I piani prevedono che le campane tubolari vengano posizionate all’interno delle guglie, spinte dalla forza del vento e che spingano il suono verso l’interno della chiesa. Gaudí eseguì studi acustici per ottenere i risultati acustici appropriati all’interno del tempio. Tuttavia,

Il completamento delle guglie renderà la Sagrada Família l’edificio della chiesa più alto del mondo.

facciate
La chiesa avrà tre grandi facciate: la facciata della Natività ad est, la facciata della Passione ad ovest e la facciata della Gloria a sud (ancora da completare). La facciata della Natività fu costruita prima che il lavoro fosse interrotto nel 1935 e porta l’influenza Gaudí più diretta. La facciata della Passione fu costruita secondo il progetto creato da Gaudì nel 1917. La costruzione iniziò nel 1954 e i campanili, costruiti sopra il piano ellittico, furono terminati nel 1976. Colpisce soprattutto per i suoi personaggi liberi, scarni e tormentati, tra cui figure emaciate di Cristo vengono flagellate al pilastro; e Cristo sulla croce. Questi disegni controversi sono opera di Josep Maria Subirachs. La facciata della Gloria, su cui iniziò la costruzione nel 2002, sarà la più grande e monumentale delle tre e rappresenterà la propria ascensione a Dio.

Facciata della Natività
Costruita tra il 1894 e il 1930, la facciata della Natività fu la prima facciata ad essere completata. Dedicato alla nascita di Gesù, è decorato con scene che ricordano elementi della vita. Caratteristica dello stile naturalistico di Gaudí, le sculture sono riccamente decorate e decorate con scene e immagini della natura, ognuna un simbolo a modo suo. Ad esempio, i tre portici sono separati da due grandi colonne e alla base di ciascuno si trova una tartaruga o una tartaruga (una per rappresentare la terra e l’altra il mare; ognuna è simbolo del tempo come qualcosa incastonato nella pietra e immutabile) . Contrariamente alle figure delle tartarughe e al loro simbolismo, due camaleonti si trovano ai lati della facciata e sono simbolici di cambiamento.

La facciata è rivolta verso il sole nascente a nord-est, un simbolo per la nascita di Cristo. È diviso in tre portici, ognuno dei quali rappresenta una virtù teologale (Speranza, Fede e Carità). L’Albero della Vita sorge sopra la porta di Gesù nel portico della Carità. Quattro campanili completano la facciata e sono ciascuno dedicato a un santo (Mattia, Barnaba, Giuda apostolo e Simone lo zelota).

In origine, Gaudí intendeva che questa facciata fosse policroma, per ogni archivolto da dipingere con una vasta gamma di colori. Voleva che ogni statua e figura fosse dipinta. In questo modo le figure degli umani sembrerebbero tanto vive quanto le figure di piante e animali.

Gaudí scelse questa facciata per incarnare la struttura e la decorazione di tutta la chiesa. Era ben consapevole che non avrebbe finito la chiesa e che avrebbe dovuto dare un esempio artistico e architettonico affinché altri lo seguissero. Ha anche scelto che questa facciata fosse la prima su cui iniziare la costruzione e che fosse, a suo avviso, la più attraente e accessibile al pubblico. Credeva che se avesse iniziato la costruzione con la facciata della Passione, una che sarebbe stata dura e spoglia (come se fosse fatta di ossa), prima della facciata della Natività, la gente si sarebbe ritirata alla vista di essa. Alcune statue furono distrutte nel 1936 durante la guerra civile spagnola, e successivamente furono ricostruite dall’artista giapponese Etsuro Sotoo.

Facciata della passione
Contrariamente alla facciata della Natività altamente decorata, la facciata della Passione è austera, semplice e semplice, con ampia pietra nuda, ed è scolpita con linee dritte e rigide per assomigliare alle ossa di uno scheletro. Dedicata alla Passione di Cristo, alla sofferenza di Gesù durante la sua crocifissione, la facciata aveva lo scopo di ritrarre i peccati dell’uomo. La costruzione iniziò nel 1954, seguendo i disegni e le istruzioni lasciati da Gaudí per futuri architetti e scultori. I campanili furono completati nel 1976 e nel 1987 una squadra di scultori, guidata da Josep Maria Subirachs, iniziò a lavorare scolpendo le varie scene e dettagli della facciata. Hanno mirato a dare una forma rigida e angolare per provocare un effetto drammatico. Gaudí intendeva che questa facciata colpisse lo spettatore. Voleva “spezzare” archi e “tagliare” colonne,

Di fronte al sole al tramonto, indicativo e simbolico della morte di Cristo, la facciata della Passione è sostenuta da sei grandi e inclinate colonne, progettate per assomigliare a tronchi di sequoia. Sopra c’è un frontone piramidale, composto da diciotto colonne a forma di osso, che culminano in una grande croce con una corona di spine. Ognuno dei quattro campanili è dedicato ad un apostolo (Giacomo, Tommaso, Filippo e Bartolomeo) e, come la facciata della Natività, ci sono tre portici, ognuno dei quali rappresenta le virtù teologiche, sebbene in una luce molto diversa.

Le scene scolpite nella facciata possono essere divise in tre livelli, che salgono in una forma a S e riproducono le stazioni della Croce (Via Crucis of Christ). Il livello più basso raffigura scene dell’ultima notte di Gesù prima della crocifissione, tra cui l’Ultima Cena, Il bacio di Giuda, Ecce homo e il processo Sinedrio di Gesù. Il livello intermedio raffigura il Calvario, o Golgota, di Cristo, e comprende Le tre Marie, San Longino, Santa Veronica e un’illusione di Cristo sul volto di Veronica. Nel terzo e ultimo livello si possono vedere la morte, la sepoltura e la risurrezione di Cristo. Una figura in bronzo situata su un ponte che crea un collegamento tra i campanili di San Bartolomeo e San Tommaso rappresenta l’Ascensione di Gesù.

La facciata contiene un quadrato magico basato sul quadrato magico nella stampa Melencolia I. del 1514. Il quadrato viene ruotato e un numero in ogni riga e colonna viene ridotto di uno, quindi le righe e le colonne aggiungono fino a 33 anziché lo standard 34 per un Quadrato magico 4×4.

Glory Façade
La più grande e sorprendente delle facciate sarà la Glory Façade, sulla quale iniziò la costruzione nel 2002. Sarà la facciata principale e offrirà l’accesso alla navata centrale. Dedicato alla gloria celeste di Gesù, rappresenta la strada verso Dio: morte, giudizio finale e gloria, mentre l’inferno è lasciato a coloro che si discostano dalla volontà di Dio. Consapevole di non vivere abbastanza a lungo per vedere completata questa facciata, Gaudí realizzò un modello che fu demolito nel 1936, i cui frammenti originali furono la base per lo sviluppo del progetto per la facciata. Il completamento di questa facciata potrebbe richiedere la parziale demolizione del blocco con edifici attraverso la Carrer de Mallorca.

Per raggiungere il Portico della Gloria, la grande scala conduce al passaggio sotterraneo costruito sopra Carrer de Mallorca con la decorazione che rappresenta l’Inferno e il vizio. Su altri progetti Carrer de Mallorca dovrà andare sottoterra. Sarà decorato con demoni, idoli, falsi dei, eresie e scismi, ecc. Saranno anche rappresentati il ​​purgatorio e la morte, quest’ultimo usando tombe lungo il terreno. Il portico avrà sette grandi colonne dedicate ai doni dello Spirito Santo. Alla base delle colonne ci saranno rappresentazioni dei sette peccati capitali, e in alto, le sette virtù.

Doni: saggezza, comprensione, consiglio, fortezza, conoscenza, pietà e paura del Signore.
Peccati: avidità, lussuria, orgoglio, gola, pigrizia, ira, invidia.
Virtù: gentilezza, diligenza, pazienza, carità, temperanza, umiltà, castità.

Questa facciata avrà cinque porte corrispondenti alle cinque navate del tempio, con quella centrale a tripla entrata, che darà alla facciata della gloria un totale di sette porte che rappresentano i sacramenti:

Battesimo
Conferma
eucaristia
Penitenza
Ordini sacri
Matrimonio
Unzione dei malati

Nel settembre 2008 sono state installate le porte della facciata della Gloria, di Subirachs. Inscritti con la preghiera del Signore, queste porte centrali sono inscritte con le parole “Dacci il nostro pane quotidiano” in cinquanta lingue diverse. Le maniglie della porta sono le lettere “A” e “G” che formano le iniziali di Antoni Gaudí all’interno della frase “non ci conducono alla tentazione”.

interno
Il piano della chiesa è quello di una croce latina a cinque navate. Le volte della navata centrale raggiungono i quarantacinque metri (148 piedi) mentre le volte della navata laterale raggiungono i trenta metri (98 piedi). Il transetto ha tre navate. Le colonne si trovano su una griglia di 7,5 metri (25 piedi). Tuttavia, le colonne dell’abside, poggiate sulle fondamenta del Villar, non aderiscono alla griglia, richiedendo una sezione di colonne dell’ambulatorio per passare alla griglia creando così un motivo a ferro di cavallo al layout di quelle colonne. L’incrocio poggia sulle quattro colonne centrali di porfido che sostengono un grande iperboloide circondato da due anelli di dodici iperboloidi (attualmente in costruzione). La volta centrale raggiunge i sessanta metri (200 piedi). L’abside è ricoperta da una volta iperboloide che raggiunge i settantacinque metri (246 piedi). Gaudí intendeva che un visitatore in piedi all’ingresso principale potesse vedere le volte della navata, l’attraversamento e l’abside; quindi l’aumento graduale del loft del caveau.

Ci sono spazi vuoti nel pavimento dell’abside, che offre una vista sulla cripta sottostante.

Le colonne degli interni sono un design Gaudí unico. Oltre a ramificarsi per sostenere il loro carico, le loro superfici in continua evoluzione sono il risultato dell’intersezione di varie forme geometriche. L’esempio più semplice è quello di una base quadrata che si evolve in un ottagono all’aumentare della colonna, quindi in una forma a sedici facce e infine in un cerchio. Questo effetto è il risultato di un’intersezione tridimensionale di colonne elicoidali (ad esempio una colonna di sezione trasversale quadrata che ruota in senso orario e una simile che si attorciglia in senso antiorario).

Sostanzialmente nessuna delle superfici interne è piatta; l’ornamento è completo e ricco, costituito in gran parte da forme astratte che combinano curve morbide e punti frastagliati. Anche lavori a livello di dettaglio come le ringhiere in ferro per balconi e scale sono pieni di elaborazioni curvilinee.

Organo
Nel 2010 un organo è stato installato nel coro dai costruttori di organi Blancafort Orgueners de Montserrat. Lo strumento ha 26 arresti (1.492 tubi) su due manuali e una pedaliera.

Per superare le singolari sfide acustiche poste dall’architettura della chiesa e dalle grandi dimensioni, verranno installati diversi organi aggiuntivi in ​​vari punti all’interno dell’edificio. Questi strumenti saranno suonabili separatamente (dalle loro singole console) e simultaneamente (da una singola console mobile), producendo un organo di circa 8000 canne una volta completato.

Dettagli geometrici
I campanili della facciata della Natività sono coronati da cime dalla forma geometrica che ricordano il cubismo (sono state rifinite intorno al 1930), e la complessa decorazione è contemporanea allo stile dell’Art Nouveau, ma lo stile unico di Gaudí è attinto principalmente dalla natura, non da altri artisti o architetti e resiste alla categorizzazione.

Gaudí usò strutture iperboloidi nei successivi progetti della Sagrada Família (più ovviamente dopo il 1914). Tuttavia, ci sono alcuni posti sulla facciata della Natività — un disegno non equiparato al disegno della superficie governata di Gaudí — dove l’iperboloide cresce. Ad esempio, intorno alla scena con il pellicano, ci sono numerosi esempi (incluso il cestino tenuto da una delle figure). C’è un iperboloide che aggiunge stabilità strutturale al cipresso (collegandolo al ponte). E infine, le guglie della “mitra del vescovo” sono ricoperte da strutture iperboloidi. Nei suoi progetti successivi, le superfici rigate sono prominenti nelle volte e finestre della navata e le superfici della facciata della Passione.

Simbolismo
I temi della decorazione includono parole della liturgia. I campanili sono decorati con parole come “Osanna”, “Excelsis” e “Sanctus”; le grandi porte della facciata della Passione riproducono brani della Passione di Gesù del Nuovo Testamento in varie lingue, principalmente catalano; e la facciata della Gloria deve essere decorata con le parole del Credo degli Apostoli, mentre la sua porta principale riproduce l’intera preghiera del Signore in catalano, circondata da molteplici varianti di “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” in altre lingue. I tre ingressi simboleggiano le tre virtù: Fede, Speranza e Amore. Ognuno di loro è anche dedicato a una parte della vita di Cristo. La facciata della Natività è dedicata alla sua nascita; ha anche un cipresso che simboleggia l’albero della vita. La facciata della Gloria è dedicata al suo periodo di gloria. La facciata della Passione è simbolica della sua sofferenza. Il campanile dell’abside reca il testo latino di Ave Maria. Tutto sommato, la Sagrada Família è il simbolo della vita di Cristo.

Le aree del santuario saranno designate per rappresentare vari concetti, come santi, virtù e peccati, e concetti secolari come le regioni, presumibilmente con decorazioni da abbinare.

sepolture
Josep Maria Bocabella
Antoni Gaudí

Valutazione
Lo storico dell’arte Nikolaus Pevsner, scrivendo negli anni ’60, ha definito gli edifici di Gaudí “crescenti” come pagnotte di zucchero e formicai e descrive l’ornamento di edifici con frammenti di ceramica rotta come possibilmente “cattivo gusto”, ma gestito con vitalità e “audacia spietata” .

Il design dell’edificio stesso è stato polarizzante. Le valutazioni dei colleghi architetti di Gaudí erano generalmente positive; Louis Sullivan lo ammirava moltissimo, descrivendo la Sagrada Família come “il più grande pezzo di architettura creativa degli ultimi venticinque anni. È lo spirito simbolizzato nella pietra!” Walter Gropius ha anche elogiato la Sagrada Família, descrivendo le pareti dell’edificio come “una meraviglia della perfezione tecnica”. Time Magazine lo definì “sensuale, spirituale, stravagante, esuberante”, George Orwell lo definì “uno degli edifici più orribili al mondo”, James A. Michener lo definì “uno degli edifici più strani dall’aspetto più strano al mondo” e Lo storico britannico Gerald Brenan ha dichiarato l’edificio ”

Stato del patrimonio mondiale
Insieme ad altri sei edifici di Gaudí a Barcellona, ​​parte della Sagrada Família è patrimonio mondiale dell’UNESCO, a testimonianza del “eccezionale contributo creativo di Gaudí allo sviluppo dell’architettura e della tecnologia edile”, “avendo rappresentato il Modernismo della Catalogna” e “anticipato e influenzò molte delle forme e delle tecniche che erano rilevanti per lo sviluppo della costruzione moderna nel 20 ° secolo “. L’iscrizione include solo la cripta e la facciata della Natività.

Accesso dei visitatori
I visitatori possono accedere ai campanili della Nave, della Cripta, del Museo, del Negozio e della Passione e della Natività. L’ingresso a uno dei campanili richiede una prenotazione e l’acquisto anticipato di un biglietto. L’accesso è possibile solo con l’ascensore (ascensore) e una breve passeggiata fino al resto delle guglie fino al ponte tra le guglie. La discesa avviene tramite una scala a chiocciola molto stretta di oltre 300 gradini. C’è un’avvertenza postata per quelli con condizioni mediche.

A partire da giugno 2017, l’acquisto di biglietti online è stato disponibile. Ad agosto 2010, c’era stato un servizio in base al quale i visitatori potevano acquistare un codice di ingresso nei chioschi ATM Servicaixa (parte di CaixaBank) o online. Durante l’alta stagione, da maggio a ottobre, i ritardi nelle prenotazioni per l’ingresso fino a qualche giorno non sono insoliti.

Tags: