Pâquis Sécheron, Ginevra, Svizzera

Pâquis Sécheron è un distretto di Ginevra (Svizzera) situato sulla riva destra del Lago di Ginevra. Nel cuore della città e in riva al lago, Pâquis Sécheron è un quartiere vivace, multiculturale e giovane. Pâquis Sécheron è uno degli otto distretti di Ginevra. Copre una vasta area a nord della riva destra del lago. Rue des Alpes lo separa dal quartiere delle Grottes Saint-Gervais. La rue de Montbrillant e la route de Ferney formano il confine con Servette Petit-Saconnex. La città di Pregny-Chambésy succede a Pâquis Sécheron a nord del Chemin de l’Impératrice.

Lo stesso settore di Pâquis si estende tra il lago e la zona ferroviaria di Montbrillant, e tra la rue des Alpes e l’avenue de France. Qui batte il cuore vivo del settore, con i suoi ristoranti, bar, le banchine Mont-Blanc e Wilson e le terme di Pâquis. È anche l’area più urbana e densamente popolata del quartiere. Un tempo formato da prati, il Pâquis Sécheron ha conosciuto un notevole sviluppo nel corso della sua storia. Oggi è un quartiere dinamico e vivace, dove la popolazione è coinvolta nel miglioramento del proprio ambiente di vita. È anche una zona vivace, con molti famosi bar e bagni.

Il carattere multiculturale di Pâquis lo rende un simbolo per Ginevra. Camminare a Pâquis è visitare il mondo. Nei suoi ristoranti scopriamo sapori da tutto il mondo. Molte nazionalità si ritrovano nelle strade. Il cosmopolitismo del Pâquis è ulteriormente accentuato dalla presenza di organizzazioni internazionali e distretti internazionali dove vivono delegati provenienti da tutto il mondo. Turisti, membri delle ambasciate, Pâquisard-es e Genevois-es si incontrano sulle banchine e nei parchi, dove è bello passeggiare con il bel tempo.

Storia
Precedentemente costituito da vasti campi, Pâquis Sécheron ha gradualmente attratto hotel di lusso, cabaret e artisti. Evoluzione del quartiere: dai prati agli hotel di lusso.

In origine i Pâquis sono pascoli che si estendono fino al lago. Sono fuori le mura della città, nell’ex comune di Petit-Saconnex. Quando compaiono i primi edifici lungo l’attuale rue de Lausanne, i loro abitanti continuano a pascolare mucche, cavalli, asini, capre e pecore in riva al lago.

Nel XIX secolo il quartiere cambiò. Al posto del porticciolo del Fossé Vert si stanno costruendo la piazza e il giardino delle Alpi. Eleganti carrozze trainate da cavalli sostituiscono le mucche in riva al lago. I pascoli lasciano il posto a graziose case circondate da giardini e alberghi di lusso. Ma la città di Ginevra è angusta e si estende oltre i bastioni. La regione tra la stazione e il lago viene quindi ricoperta da strade ad angolo retto e Pâquis Sécheron diventa un quartiere “moderno”.

Dall’inizio del XX secolo, bistrot, cabaret, sale da musica, bordelli e poi bordelli si moltiplicarono a nord di Pâquis. D’ora in poi, luoghi molto vivaci e edifici di lusso si incontrano.

Il settore residenziale di Sécheron
A nord di Avenue de France, Sécheron è un’area urbana circondata da parchi, organizzazioni internazionali e ferrovia. Dall’altra parte dei binari CFF, tra la Voie hollow e Place des Nations, negli ultimi anni è stato costruito un nuovo quartiere residenziale come estensione dei complessi edilizi nel Vermont.

Il settore internazionale delle nazioni
Il settore delle Nazioni è un importante centro di attività per la città di Ginevra. È anche un luogo apprezzato dai turisti. Molte organizzazioni internazionali hanno sede lì. Ci sono tra gli altri la sede europea delle Nazioni Unite (ONU) e quella del Comitato internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (CICR). Questo quartiere parte dalla Place des Nations, riqualificata nel 2007 in uno spazio pubblico con giochi d’acqua. Il pavimento è composto da un’alternanza di graniti, i cui colori simboleggiano la diversità delle nazioni, e strisce di cemento, un materiale tradizionale di Ginevra. C’è anche l’opera “Broken Chair”, che è una delle curiosità del quartiere.

I grandi parchi della riva destra
Il settore si estende fino al confine con i comuni di Grand-Saconnex e Pregny-Chambésy. Più vicino al lago, comprende anche i grandi parchi sulla riva destra: Mon-Repos park, Moynier, Perle du lac, Barton, William Rappard, giardino botanico e parco Ariana.

Attrazioni
Scopri una selezione delle curiosità del distretto di Pâquis Sécheron, molte delle quali sono ricche di storia.

I Bains des Pâquis
I Bains des Pâquis fanno parte della storia del quartiere dal 1872. Inizialmente privati, si chiamano “Bains Henri”, dal nome del loro proprietario. Nel 1889 divennero municipali e nel 1911 vi fu eretto un faro. Nel 1931 furono completamente ricostruiti. Minacciati di distruzione nel 1988, furono salvati da un’iniziativa popolare. Oggi, che sia per fonduta, sole o sauna, i Bains des Pâquis sono un luogo molto popolare tra la popolazione di Ginevra, che viene a frotte, estate e inverno. Una pubblicità del 1952 elogiava “Pâquis-Plage, l’istituzione ufficiale della città di Ginevra. Bagni d’Acqua, Aria e Sole ”.

“Sedia rotta” di Place des Nations
Nel cuore della Ginevra internazionale, Place des Nations offre ai cittadini del mondo una piattaforma per sfidare l’opinione pubblica e i diplomatici. Su di essa si trova la monumentale “sedia rotta”, realizzata dall’artista ginevrino Daniel Berset. Questa sedia amputata simboleggia la lotta contro le mine antiuomo.

Alberi che testimoniano la storia

Metasequoia, fossili viventi
Veri fossili viventi, la metasequoia esiste da oltre 200 milioni di anni. Nel 1943, la scoperta in Cina di diversi esemplari viventi di questa conifera, che si credeva fosse scomparsa per sempre, suscitò enorme interesse. Notando che questo albero è in pericolo, l’Arnold Arboretum di Boston distribuisce i semi raccolti durante una spedizione in Cina a diversi giardini botanici. Alcuni di loro furono seminati a Ginevra nel 1948. Oggi, i visitatori del Giardino Botanico possono ammirare tre esemplari di quest’albero, che già sfiorava i dinosauri!

I platani dell’Orto Botanico, colossi di 300 anni
Il vicolo dei platani nel giardino botanico ospita alcuni degli alberi più antichi del cantone. L’età di questi esemplari è stimata in 300 anni. Infatti, già apparivano su una pianta del 1728, depositata negli archivi del catasto del cantone. Dall’alto delle loro vette (la più alta culmina a 37 metri con una circonferenza di 4,5 metri) hanno visto il quartiere trasformarsi. Hanno assistito, tra l’altro, all’arrivo della ferrovia, alla costruzione della strada svizzera e alla creazione dell’ONU.

Monumento a Brunswick
Linguista, cavaliere e musicista, il duca di Brunswick Charles d’Este-Guelph è anche un originale e un paranoico. Nel 1830, una rivolta lo scacciò dal suo ducato nell’attuale Germania. Si stabilì prima a Parigi, dove fece fortuna, poi a Ginevra nel 1870. Quando morì nel 1873, questo duca non lasciò alcun erede. Decide quindi di lasciare in eredità la sua considerevole fortuna alla Città di Ginevra in cambio di un bellissimo funerale e di un monumento a suo nome. Fino a quel momento non era mai stato costruito un mausoleo a Ginevra. La realizzazione del monumento Brunswik nel 1879 nel Jardin des Alpes, suscitò quindi molto dibattito. Come il Duca richiede nel suo testamento, il monumento imita la tomba della famiglia Scaligeri a Verona, in Italia, un’opera del XIV secolo. 14 anni dopo, la statua equestre posta in cima al palazzo vacilla.

Escursionismo
Se la riva destra del lago ei suoi numerosi parchi sono luoghi ideali per passeggiare, anche i percorsi tematici permettono di scoprire il comprensorio.

Il sentiero culturale delle nazioni
Il Nations Cultural Trail ti porterà a incontrare sei musei:
il Conservatorio e l’Orto Botanico;
il Museo degli Svizzeri nel Mondo;
il Museo Internazionale della Croce Rossa;
il Museo Ariana;
il Museo della Società delle Nazioni;
il Museo di Storia della Scienza.
Le informazioni pratiche sono disponibili in francese e inglese.

Percorso tematico a piedi “Dallo spirito di Ginevra”
Il percorso “Nello spirito di Ginevra” vi porterà alla scoperta delle numerose organizzazioni internazionali di Ginevra, e più in particolare del quartiere Pâquis Sécheron. Lungo il percorso, vicino a Place des Nations, scoprirai le sedi delle principali organizzazioni internazionali che lavorano per un mondo migliore e plasmano lo “Spirito di Ginevra”.

Aneddoti correlati
Un’imperatrice morì sulle banchine, Casanova conquistò due ginevrini a Mon Repos, un artista secolare dipinse l’affresco delle Nazioni Unite …

Assassinio dell’Imperatrice Sissi
Il 10 settembre 1898 Elisabeth de Wittelsbach, meglio conosciuta con lo pseudonimo di Sissi, fu assassinata sul Quai du Mont-Blanc. Il quartiere Pâquis passa quindi alla storia. L’assassino è un anarchico italiano di nome Luccheni. Voleva uccidere il conte di Parigi, ma quest’ultimo aveva rimandato il suo viaggio a Ginevra. Decide quindi di pugnalare l’imperatrice Sissi quando lascia l’Hotel Beau-Rivage. La sfortunata donna pensa di essere solo ferita e si imbarca a bordo della nave di Ginevra. Deve tornare rapidamente al molo e muore. La barca non sta più navigando, ma è ancora ormeggiata al molo di Eaux-Vives. Una statua in onore di Sissi si trova sulla scena del dramma.

L’autore centenario dell’affresco dell’ONU
Quando l’affresco che illumina l’ingresso delle Nazioni Unite è stato svelato nel 2009, il suo autore, Hans Herni, aveva più di cento anni. Per celebrare l’evento, altri 56 centenari ginevrini sono invitati e possono sentire l’artista spiegare il suo lavoro: “Ho cercato di rendere questo affresco il più trasparente possibile, per dare l’illusione di bucare i muri di questa ONU, meravigliosa non organizzazione bellicosa! “.

Il Palais Mascotte, il “Geneva Pigalle”
Nel cuore delle notti ginevrine dal 1887, il Palais Mascotte è uno dei più antichi cabaret di Ginevra. Questa famosa sala da ballo in rue de Monthoux ha visto passare la maggior parte degli artisti stranieri fino alla chiusura alla fine degli anni ’90. La sua atmosfera e il suo arredamento ne hanno ispirato più di uno, incluso Enzo Corman che gli ha dedicato la sua opera Palais. Mascotte. Nel 1999 è stata addirittura presentata al Gran Consiglio una mozione per classificarlo come “monumento storico”. Dopo la sua lunga chiusura, ha riaperto nel maggio 2008.

I divertimenti di Casanova sulle rive del Lago di Ginevra
La proprietà Mon-Repos, lasciata in eredità alla città nel 1898, è il primo parco pubblico sulle rive del Lago di Ginevra. In precedenza, questa elegante villa ha visto molti ospiti famosi, tra cui lo scrittore danese Hans Christian Andersen, autore de La Sirenetta, e Casanova, il famoso libertino italiano con 122 conquiste. Nella sua “storia della mia vita”, racconta una bella cena con due ginevrini nella villa che gli era stata prestata dal suo banchiere Robert Tronchin. Dopo aver ospitato un museo etnografico e poi il primo studio televisivo francofono, la villa è attualmente sede dell’Istituto Henry-Dunant.

Nell’art
Il pittore francese Jean-Baptiste Camille Corot produsse nel 1842 un olio su tela chiamato “Le Quai des Pâquis a Ginevra”. Quest’opera è esposta al Museo di Arte e Storia;
Nella sua infanzia, Jean-Jacques Rousseau trascorreva le domeniche a Pâquis nello studio di uno dei suoi zii. Ne evoca i ricordi nelle sue fantasticherie di un camminatore solitario;
Verso la fine della sua vita, il pittore Ferdinand Hodler visse in un edificio sul Quai du Mont-Blanc. Dalla sua finestra dipinge i suoi ultimi paesaggi: il porto con i suoi cigni e le cime delle Alpi in lontananza;
Il famoso scrittore francese Chateaubriand soggiornò nel 1831 a Place de la Navigation. Non lontano da lì, una strada e una piazza portano il suo nome;
Nel XIX secolo, lo scrittore ginevrino Henri-Frédéric Amiel ha celebrato il Pâquis in versi: “Il Pâquis, quartieri ricchi / Dove fiorisce, tra i siti, / Notre Bohème, / Luoghi belli, inclusi nella concessione, / Ma dove, a notte, tornando a casa / è un problema ”.

Tags: