Opera nazionale lettone, Riga, Lettonia

L’Opera nazionale lettone (LNO, opera della Latvijas Nacionālā), Riga, è l’opera nazionale della Lettonia. La compagnia d’opera comprende il Lettone National Ballet (LNB), LNO Chorus e LNO Orchestra. Nel corso di una stagione che va da settembre a giugno, l’Opera e il balletto nazionale lettone esegue più di 200 spettacoli, mettendo in scena in media sei nuove produzioni ogni stagione di opera e balletto.

L’Opera e il balletto nazionale lettone (LNOB) è un’opera di repertorio presso Aspazijas bulvāris 3, Riga. Il repertorio include spettacoli di opera e balletti che vengono mostrati nella stagione (da metà settembre a fine maggio). Quasi 200 spettacoli sono mostrati al LNOB durante una stagione, e una media di 6 nuovi lavori sono preparati. La Sala Grande ha 946 posti a sedere, nella Sala Nuova, da 250 a 300 posti. Impiega più di 600 membri dello staff: 28 solisti d’opera, 105 orchestrali, 62 coristi e 70 membri della compagnia di balletto. L’edificio si trova nella zona verde del centro del centro di Riga.

Le origini dell’opera e del balletto nazionale lettone risalgono al 1782, quando fu scoperta la casa di Rigaer Stadttheater, costruita con il progetto Haberland, con 500 posti per spettatori, nota anche come Muse House. Il suo direttore, Otto Hermann von Fittinghof-Shel, era a sua disposizione da 24 grandi orchestre sinfoniche. Konrad Feige, che ha diretto spettacoli non solo a Riga, ma anche a San Pietroburgo, Revel e Tērbatas, è stato invitato a concertare e lirica concertmaster e direttore d’orchestra. Quando Fitchinghof si trasferì a San Pietroburgo nel 1788, l’attore Meierer divenne il direttore della casa di Musa. Nel 1815, il museo della Musa (die Gesellschaft der Musse) fu acquistato dalla famiglia dei Fittingshof. 1837-1839. Il maestro della cappella del teatro era Richard Wagner.

1860-1863. Costruito un nuovo edificio del Teatro della città di Riga con quasi 2.000 siti di spettatori, che è stato inaugurato con il “Vallenstein’s Camp” di Friedrich Schiller e le produzioni “Fidelio” di Ludwig van Beethoven. Il 14 giugno 1882, il teatro cittadino di Riga fu bruciato, lasciando le mura da solo. 1882-1887. L’edificio bruciato dall’architetto cittadino Rheinhold Schmelling è stato restaurato nel corso dell’anno. Durante la prima guerra mondiale, i teatri furono chiusi e il Deutsches Stadttheater riprese le sue attività solo dopo che le truppe tedesche arrivarono a Riga nel 1917.

Insieme al 1912, sotto la guida di Pavlo Jurjana (1866-1948), il primo operante lettone, il teatro privato “Latvian Opera” (chiamato anche “Opera lettone”) iniziò a funzionare a Riga. Durante la prima guerra mondiale, la troupe fu evacuata in Russia, ma dopo la conclusione del trattato di pace di Brestitovsky nel 1918, tornò a Riga. Il 15 ottobre, con il sostegno del capo della città di Riga Pauls Hopf, la performance del “Flying Dutchman” di Rihards Wagner si è svolta negli attuali locali del Teatro Nazionale (l’orchestra è stata diretta da Teodor Reiter). Il 19 novembre “The Flying Dutchman” è stato mostrato senza modificare la decorazione della Dichiarazione dello Stato di Lettonia rilasciata la scorsa notte.
Dopo che il governo della LSSR prese il potere, il 23 gennaio 1919, con l’ordine del capo del Dipartimento di Arte, Dipartimento dell’educazione, Andrejs Upits, la squadra operistica lettone si trasferì nell’edificio del teatro cittadino tedesco a Riga. Il 9 febbraio, con la base del decreto governativo Pētera Stučka sulle basi cooperative, l’Opera lettone è stata nazionalizzata e proclamata “Opera lettone sovietica”, fornendo finanziamenti regolari dal bilancio statale.

Dopo il licenziamento del governo di P. Stucka il 22 maggio 1919, la troupe tornò al nome Latvian Opera e fu assegnata alla brigata lettone meridionale. A sua volta, dopo la chiusura del cessate il fuoco di Strazdumuiza il 15 agosto, entrambi i teatri della città furono requisiti, la compagnia teatrale tedesca fu sfrattata dalla sua costruzione e l’Opera lettone fu radunata lì. Il 23 settembre 1919, nella riunione del Gabinetto dei Ministri della Repubblica di Lettonia, furono adottate le “Norme sull’Opera Nazionale”. Un paio di volte, come durante l’era sovietica, vi era un edificio del teatro legalmente garantito, lo stato dell’opera nazionale e il finanziamento pubblico. 2
La performance dei “Tanheizers” di Rihard Wagner è stata eseguita all’Opera Nazionale Lettone a dicembre, e questa data è stata celebrata come il giorno in cui si sono formati l’Opera Nazionale e il Balletto Lettone (durante la LSSR, l’opera è stata celebrata il 23 gennaio, poi ancora 2 dicembre).

Il primo direttore dell’opera era Jānis Zālītis. Dal 1920 al 1940, l’Opera Nazionale Lettone fu il centro della vita musicale a Riga. Ogni anno ha prodotto fino a 8 nuove produzioni di opere e le esecuzioni di balletto sono iniziate nel 1923. Più di 300 spettacoli hanno avuto luogo negli ultimi 20 anni, con una media di 220.000 spettatori ogni anno.

Nel 1940, quando l’Unione Sovietica occupò la Lettonia, il teatro dell’opera fu cambiato in “Teatro dell’Opera e del Balletto dello Stato della Lettonia SSR”. Durante i successivi 3 anni di occupazione della Germania nazista (1941-1944), divenne “Riga Operetta”, e poi di nuovo il nome del 1940. Il 24 aprile 1989, la celebrazione del 70 ° anniversario dell’Opera Nazionale Lettone e il ritorno al titolo utilizzato durante il periodo tra le due guerre.

La stagione 1990 fu chiusa dallo spettacolo “Mask Ball” di Giuseppe Verdi, che iniziò la ricostruzione dell’edificio, che fu completato nel 1995. La troupe dell’opera tornò sul palco con la produzione dell’opera “Fire and Night” di Johnny Medin. Nel 2001, ha completato la costruzione di un complesso adiacente con la New Hall e 300 siti di spettatori.

Dopo il restauro dell’opera nazionale lettone dal 1996 al 2013, è stato diretto da Andrejs Žagars e, dal 4 novembre 2013, è diretto da Zigmars Liepins.

Il primo tentativo di creare un’opera nazionale lettone fu il 1893, quando fu eseguito lo Spoku stunda di Jēkabs Ozols (“The Ghostly Hour”). L’opera lettone (Latviešu Opera) fu fondata nel 1912 da Pāvuls Jurjāns, anche se quasi immediatamente, durante la prima guerra mondiale, la compagnia d’opera fu evacuata in Russia. Nel 1918, l’opera ricominciava (Latvju Opera) guidata da Jāzeps Vītols, il fondatore dell’Accademia musicale lettone. L’esibizione di debutto, il 23 gennaio 1919, fu di Der fliegende Holländer di Wagner. Dal 1944, dopo l’occupazione della Lettonia da parte dell’Unione Sovietica e l’incorporazione nell’Unione Sovietica, l’Opera Nazionale Lettone divenne la lettone S.S.R. Teatro dell’Opera e del Balletto. Nel 1990, il teatro fu ribattezzato Opera Nazionale Lettone, ma quasi immediatamente l’edificio fu chiuso fino al 1995 per ristrutturazione e la compagnia si trasferì in locali temporanei. Per la riapertura nel 1995, la prima opera è stata Jānis Mediņš ‘Uguns un nakts (Fuoco e notte).

Edificio dell’Opera Nazionale agli inizi del XX secolo.
L’Opera Nazionale è stata costruita nel 1863 dall’architetto di San Pietroburgo Ludwig Bohnstedt, per l’allora Teatro comunale di lingua tedesca, ed è stata rinnovata più volte; 1882-1887 (a seguito di un incendio nel 1882), 1957-1958, 1991-1995 (in seguito all’indipendenza). Nel 2001 è stata aggiunta una moderna dependance con una nuova sala da 300 posti.

Tags: