Gassin, Costa Azzurra

Gassin è un comune francese situato vicino a Saint Tropez, nel dipartimento del Var nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. La città è conosciuta per il suo villaggio, arroccata a 200 metri sul livello del mare su una roccia che domina il Golfo di Saint-Tropez e offre una vista sulla baia di Cavalaire e Maures, apprezzata dalla sua appartenenza all’associazione Les Plus Beaux Villages della Francia . Il villaggio e i suoi dintorni beneficiano della doppia protezione dei siti registrati.

La città ha conservato importanti aree non urbanizzate, costituite da foreste, aree viticole o impianti sportivi come golf e polo. Ha un ricco patrimonio naturale incorniciato da due aree naturali di interesse ecologico, faunistico e floristico. Lo sviluppo di Gassin è stato, dalla seconda metà del xix secolo, fortemente influenzato dal turismo.

Storia
Il forte medievale
Le grandi invasioni che hanno accompagnato la caduta dell’Impero romano non sembrano aver influenzato fortemente la penisola di Gassin, che beneficia della protezione naturale dei Mori. Le coste del Golfo, che non erano né protette da una flotta né da un sistema di sorveglianza, consentirono incursioni dei pirati e la rovina degli habitat costieri. È il caso di Alconis, Saint-Tropez, Samblacis. Il cronista Frédégaire collega questo evento alla rivolta di Mauront de Marseille, alleato con Yusuf ibn ‘Abd al-Rahman al-Fihri, contro Charles Martel.

Il territorio fu interessato dalla presenza saracena. Secondo il editorialista Liutprand di Cremona, venti combattenti andalusi entrarono nella penisola e vi stabilirono un campo, il Fraxinet. Dopo l’invasione della Spagna nel 711, furono compiute incursioni in Provenza come nel 728 contro le Isole Lérins, nell’838 a Marsiglia o 842 e 869 ad Arles e oltre Tolosa nel 721, Nizza nell’813 o Genova nel 935. L’occupazione musulmana di Fraxinet durò diversi decenni fino al X secolo; identificato con Garde-Freinet, il centro nevralgico dei combattenti andalusi si trova, secondo Philippe Sénac, più vicino alla costa, e quindi a Gassin, nella penisola. Da lì, hanno effettuato attacchi in tutta la Provenza, fino al Piemonte e alla Svizzera.

Uno dei caid che guidò il gruppo di combattenti fu Nasr ibn-Ahmad, ufficiale del califfo Abd al-Rahman III. Dopo il rapimento di Mayeul, abate di Cluny, fu organizzata una spedizione. L’offensiva di Guglielmo I di Provenza e Ardouin (conte di Torino) pose fine a questa presenza nel 972-975 durante un’offensiva che contrappose i nemici nella battaglia di Tourtour. Fu in questa occasione che Gibelin de Grimaldi ottenne le terre di Grimaud e l’area circostante, incluso Gassin.

Il territorio, con il suo principale sito di occupazione, l’attuale quartiere borriano (Borrianum), è menzionato nel cartulario dell’Abbazia di Saint-Victor de Marsiglia nel XI secolo. Non si fa menzione di nessun luogo di nome Gassin, Garcin o suoi derivati. Solo nel cartulare sono nomi che potrebbero essere correlati a Gassin: Arnulfus de Garcino e Aicardus de Garcin, Gaufridi de Garci e Guilelmus Garcinus. In una carta del 1083 emanata dal conte di Provenza Bertrando II, si tratta di un Petrus Garcinus; in un altro datato 1100 da un “Garcini burgo”. Gassin appare nella sua vecchia ortografia negli Statuti dell’ufficiale giudiziario di Fréjus, nel 1235.

L’habitat raggruppato attorno alla cappella di Notre-Dame-de-la-Compassion. Nonostante la presenza di un passaggio templare nel moderno villaggio e il cui nome risale solo al xx secolo, non vi è alcuna prova che esistesse un’istituzione di questo tipo. Gli autori antichi hanno immaginato che il campanile quadrato della chiesa del villaggio, sulla cima della collina che domina il Golfo di Saint-Tropez, fosse un belvedere templare. Il borgo si trasferì nell’attuale sito del villaggio. L’habitat disperso, frequente durante l’antichità, divenne scarso a causa di lunghi periodi di insicurezza. L’attuale villaggio conserva molte tracce di questo passato, inclusi i bastioni e l’habitat del vecchio forte. La Porte des Saracens segna l’ingresso in questo settore.

L’espulsione dei Saraceni non pose fine all’insicurezza che continuò per diversi secoli. I raid causano morti tra le popolazioni locali, mentre altri vengono ridotti in schiavitù. Il rapimento diventa una fonte di reddito per i pirati che a volte consentono il riscatto dei prigionieri: diverse famiglie di Gassin vengono così riunite, dopo a volte cattività di diversi anni in Nord Africa. È il caso di uno dei due fratelli Magnan, rapito e detenuto a Bône.

Il distacco di Saint-Tropez
Alla fine del Medioevo, Saint-Tropez fu staccato dalla signoria di Gassin. Un atto di riforma radicale è stato fatto nel 1470 da Jean Cossa e consente a questa città di crescere dal Xvi secolo. Ciò mira in particolare a creare nuovi sbocchi economici per i prodotti dello sfruttamento della foresta e del vigneto.

Nell’era moderna
Il catasto del 1516 mostra un villaggio fortificato costruito attorno a un’unica strada (l’attuale rue de la Tasco) e comprendente il castello e una chiesa, circondato da un sobborgo. Il castello ha poi lasciato il posto alla chiesa, completata nel 1578, un carro armato e un nome: rue du Fort. Il serbatoio era di vitale importanza per l’approvvigionamento idrico di questo sperone roccioso.

Il municipio occupa il posto che è ancora suo oggi. Il recinto fortificato si estende al vecchio borgo. Il villaggio continuò a crescere con, in particolare, comparendo sul catasto del 1728, l’ospedale a nord e la fucina a sud. Il recinto fortificato ha quindi due ingressi, uno a nord, dal Nuovo portale, l’altro a ovest con il Gran Portale. I chilometri di costa, a nord-est nel Golfo di Saint-Tropez e a sud-ovest tra Cavalaire e Cap Lardier, devono essere monitorati. Nicolas-François Milet de Monville, direttore delle fortificazioni della Provenza, osserva in un libro di memorie che la costa verso Cavalaire consente solo l’ancoraggio di piccoli edifici, in estate. Nel 1752, una batteria con quattro pistole protegge questa parte. Verso Cape Lardier, l’inaccessibilità della costa rende quindi inutile qualsiasi protezione. La cittadella di Saint-Tropez protegge l’ingresso del Golfe.

Nel xix secolo, la città castrale ha quasi raggiunto la sua attuale composizione. La città subirà un aumento significativo della popolazione tra il 1821 e il 1856 (da 491 a 833 abitanti). Il villaggio ha due forni, due frantoi (altri cinque sono nel resto della città) e sette fabbriche di sughero (con un ottavo fuori dal villaggio). Visse una seconda fase di espansione demografica che non fu fermata dalla guerra, la popolazione passò da 899 abitanti nel 1896 a 2.314 trenta anni dopo.

L’habitat disperso è più importante lì che tra i villaggi vicini, raggiungendo il 69% secondo il censimento catastale del 1841 (10% a Saint-Tropez, 13% a Cogolin e 45% ad esempio a Grimaud) dati spiegati dall’entità del suo territorio quindi. L’economia esce dal settore agricolo per l’80%.

Nell’era contemporanea
La fine del xix secolo vide lo sviluppo del turismo invernale in Costa Azzurra. Con Nizza e Hyères, la penisola di Saint-Tropez diventa popolare tra le popolazioni benestanti di Francia ed Europa. Il turismo sta causando una rottura tra la società rurale tradizionale da un lato e le nuove unità urbane che stanno crescendo rapidamente. A differenza del villaggio di Gassin, i suoi borghi marinari, Cavalaire e La Croix, si stanno sviluppando rapidamente grazie al turismo. Il settore agricolo, molto forte a Gassin, affronta la concorrenza del settore terziario nelle due frazioni. A La Croix ci sono già meno impiegati nell’agricoltura che nei servizi e nell’amministrazione. Le due frazioni si distinguono anche per gli abitanti nati fuori Gassin: 65% a Gassin, 82% a La Croix nel 1926.

La città beneficia dei benefici economici del turismo e cerca di adattarsi ad esso. Con deliberazione del 16 marzo 1913, la città chiede di essere classificata come località di cura. Se vengono elogiate le condizioni geografiche e meteorologiche, la debolezza delle condizioni igieniche è considerata proibitiva dalla commissione incaricata di studiare il file. Il relatore, al contrario, elogia le qualità di Cavalaire e La Croix. I residenti stanno dimostrando di rivendicare la loro indipendenza, denunciando in particolare l’abuso delle tasse, la riluttanza del consiglio comunale e l’opposizione tra le due entità. Dopo quattro anni di tensioni e trattative, Cavalaire fu fondata come comune il 5 agosto 1929.

Alle stesse condizioni, la frazione di La Croix-Valmer è separata da Gassin il 6 aprile 1934. Gassin perse quindi 650 quindi 2.000 ettari, più di due terzi dei suoi abitanti, e fu tagliato fuori da settori particolarmente turistici come la Baia di Cavalaire e parte del settore Trois Caps. Questa perdita si aggiunge alla vendita di una grande fascia costiera a Cogolin in precedenza.

Lo sviluppo del turismo è facilitato dall’arrivo del treno alla fine del xix secolo nel Golfo di St. Tropez. La fine dell’apertura del territorio fu segnata dalla messa in servizio della ferrovia tra La Foux e Hyères nel 1890. Questa sezione rese possibile il collegamento di Hyères a Saint-Raphaël con binari situati principalmente sul mare. Lungo 54 chilometri, è stato punteggiato da quattro fermate sul territorio di Gassin, tre stazioni e una fermata: Cavalaire, La Croix (con una semplice fermata), Gassin e La Foux.

A partire dagli anni ’80, il comune ha sviluppato una politica di promozione e accoglienza turistica. Sono stati effettuati importanti lavori di sviluppo: pavimentazione delle strade, sviluppo dell’ingresso del villaggio, tavola di orientamento, creazione di golf, polo, ecc. L’estensione del villaggio, eseguita dal 1989 al 1998 da François Spoerry – l’architetto che progettò Port Grimaud – e il suo assistente Xavier Bohl, hanno vinto il premio europeo di architettura Philippe-Rotthier. François Spoerry è anche l’autore del progetto iniziale di golf Gassin che è stato modificato sotto la pressione di diverse associazioni e dopo numerosi appelli.

Turismo
Come molte città del sud del Var e della penisola di Saint-Tropez, l’economia di Gassin è fortemente orientata verso il turismo estivo. Il turismo a Gassin era innanzitutto turismo invernale, incentrato sulle frazioni di Cavalaire e La Croix e in particolare l’arrivo di ricchi proprietari da Lione. La vista panoramica dal paese ai dintorni ha accompagnato lo sviluppo del turismo. Gassin ha anche beneficiato della sua posizione di vicino di Saint-Tropez quando quest’ultimo ha acquisito fama mondiale. Il comune ha creato nel 2016 un ufficio turistico comunale, l’ultimo prima dell’entrata in vigore della legge NOTRe per migliorare l’accoglienza turistica e quantificare meglio l’impatto del turismo. Il comune ottiene per la prima volta la sua classificazione come località turistica il 17 dicembre 2019 con decreto ministeriale.

“Gassin, una stazione dalla quale una strada per auto sale a destra, attraverso il bosco, in cima a un promontorio (dalla terrazza della chiesa, panorama ammirevole)”, scrisse Paul Joanne nel 1902 in una guida alle località invernali del Mediterraneo.

Un progetto di sviluppo turistico di Henri Prost per il Sindacato dei Comuni della Costa del Var ha dichiarato su una mappa, su Gassin: “Punto di vista notevole sul Golfo di Saint-Tropez”. In un documento scritto, ha dettagliato le attività del comune che includeva poi i settori di Cavalaire e La Croix, eretti rispettivamente come comuni nel 1929 e nel 1934. Lo sviluppo della città di Gassin è uno dei più importanti dal punto di vista turistico di Visualizza.

Il suo territorio comprende la baia di Cavalaire e gran parte di questa penisola selvaggia formata da Gassisn-Saint-Tropez e Ramatuelle. Le strutture di questi tre comuni sono strettamente collegate. Il lungomare non è l’unico da considerare; la natura pittoresca di questa regione richiede percorsi secondari che consentono numerose escursioni a punti di vista notevoli. Gli agglomerati di Gassin e Ramatuelle, molto distanti dal lungomare, sono attrazioni affascinanti in sé per il loro pittoresco e il panorama che si scopre dalle loro situazioni elevate. L’agglomerato di Gassin, molto distante dal lungomare, è caratterizzato da una pittoresca sagoma che incombe sulla cima più alta di una collina (collina 195). In questa piccola città, una terrazza ad est della chiesa si affaccia sul Golfo di Saint-Tropez, il panorama si estende oltre l’Estérel;

Al 1 ° gennaio 2016, la capacità dell’hotel era di 249 camere distribuite tra dieci hotel, tra cui cinque hotel a cinque stelle., Un hotel a quattro stelle, due hotel a tre stelle, un hotel a due stelle e un hotel non classificato. il comune ha anche due campeggi con una capacità totale di 716 posti. Gassin è anche famoso per i suoi ristoranti, in particolare quelli in Place deï Barri. Numerosi ristoranti in città sono premiati dalle principali guide culinarie nazionali: il ristorante di Villa Belrose ha conservato una stella Michelin per vent’anni. Bello Visto e La Verdoyante hanno ottenuto un Bib Gourmand a metà del 2010.

Cultura e patrimonio locali
Gassin è protetto dai siti elencati due volte: “Gassin e dintorni” e “Presqu’île de Saint-Tropez”. Il rapporto della Commissione dipartimentale per i siti, le prospettive e il paesaggio nel Var du 1 marzo 1963 descriveva in dettaglio i motivi di questa classificazione:

“Una vera vedetta sul suo promontorio, Gassin ha un bastione circolare, un belvedere molto bello da cui scopriamo un panorama molto ampio su Grimaud, Sainte-Maxime, il Golfo di Saint-Tropez, la Baia di Cavalaire, le Isole Port -Cros e Levant , con le Alpi sullo sfondo ”.

Inventario di monumenti storici
La città non ha monumenti elencati nell’inventario dei monumenti storici ma 31 luoghi e monumenti elencati nell’inventario generale del patrimonio culturale. Inoltre, ha 10 oggetti elencati nell’inventario dei monumenti storici.

I dieci oggetti elencati nell’inventario dei monumenti storici si trovano nella chiesa parrocchiale di Notre-Dame-de-l’Assomption:

il dipinto del xix secolo raffigurante “Beata Marguerite-Marie Alacoque”;
statua della Vergine con Bambino, datata tra il xvii e il xviii secolo;
statua della Vergine, datata xviii secolo;
busto-reliquiario di Saint Laurent, datato xvii secolo;
Tavola: San Francesco di Sales tra San Luigi de Gonzague, San Sebastiano e Santa Lucia, datata al xviii secolo;
Tavola: Vergine del Rosario con San Domenico, Santa Caterina da Siena e Santa Lucia, datate al xvi secolo. Questo dono del rosario (1587) è attribuito a Coriolano Malagavazzo da Patrick Varrot;
Tavola: Madonna col Bambino con San Giovanni Battista e San Lorenzo, datata xvi secolo;
campana del 18 ° secolo
Acquasantiera, datato xvi secolo
Statua di Cristo, datata xvi secolo

Inventario generale del patrimonio culturale
L’inventario cita in particolare nel seguente ordine:

Oratorio di San Giuseppe
il cimitero. Fu costruito dal 1881 all’ingresso nord del villaggio. In precedenza, Gassin ospitava due cimiteri: uno vicino alla chiesa di Notre-Dame-de-l’Assomption, l’altro vicino alla cappella di Saint-Sébastien;
il monumento dedicato a San Giuseppe. Costruito nel 1876 su una roccia, all’epoca era isolato nella guarnigione e non si conoscono i motivi della sua costruzione. Contiene i nomi di 16 persone, probabilmente i donatori che ne hanno permesso la costruzione. Quindici anni dopo, il cimitero fu creato nelle immediate vicinanze del monumento;
la casa acquisita dal comune nel 1996 a Caruby, che ospita il centro all’aperto e alloggi ufficiali
la scuola del municipio. Fu costruito sopra il forno comune nel 1584;
la casa del Domaine de Manouyie
il presbiterio. Datato xvii secolo, oggi ospita la comunità brasiliana Doce Mãe de Deus;
la casa acquisita dal comune nel 1936, che ospita il Foyer des Campagnes. La città organizza varie attività lì, in particolare in mostre estive di dipinti. La cornice d’ingresso reca la data 1552;
la casa acquisita dal comune nel 1905, ospitava l’ufficio postale dal 1905 al 2016. Quest’ultimo ha lasciato il posto a un Relais La Poste nel 2016, situato in un’azienda nel nuovo villaggio. L’edificio risale al xix secolo;
il pozzo in rue du Puits. I due ben conservati nel villaggio furono costruiti nel xvii secolo. Sono entrambi coperti con una forma ogivale;
il pozzo in rue Saint-Jean-Baptiste. Ha una profondità di circa quattordici metri;
i resti di una torre medievale di rue de la Tasco;
la fattoria Tuilière;
il mulino di Brûlat;
la Notre-Dame-de-la-Compassion, a volte chiamata la Madonna della Consolazione. Situata in un piccolo parco sotto il villaggio, la cappella fungeva da parrocchia fino all’erezione dell’attuale chiesa nel villaggio. Risale al 1090. Precedentemente circondato da un cimitero, ha una soglia in pietra dell’antica stele mortuaria di un marinaio che apparteneva alla flotta del Forum Julii. La cappella, considerata la parrocchia primitiva di Gassin, è ancora utilizzata per la messa data durante la festa del villaggio;
il borgo di Bourrian;
l’impianto siluro del Gruppo Navale;
il memoriale della guerra del 1914-1918. Fu prodotto da Henri-Paul Nénot, membro dell’Institut de France e sepolto nel cimitero di Gassin, in un mausoleo da lui progettato;
la residenza del dominio di Barbeyrolles;
la fattoria in un luogo chiamato Saint-Martin;
il mulino in un luogo chiamato Saint-Martin;
la fattoria in un posto chiamato Riboty;
la fattoria in un posto chiamato Moulin-d’Eau;
la fattoria in un posto chiamato Doctor-Champagne;
l’ovile in un luogo chiamato Gourbenet;
la località del castello Château Bertaud o Château de Bertaud;
la fattoria in un posto chiamato Carteyron;
Cappella di Saint-Julien in un luogo chiamato Cambon. Cappella romanica, fu integrata in un edificio privato;
la chiesa parrocchiale di Notre-Dame-de-l’Assomption (a volte erroneamente chiamata chiesa di Saint-Laurent per confusione con il santo patrono del villaggio). Completato nel 1557 o 1558, fu consacrato nel 1582. Il campanile era una vecchia torre di guardia. I merli di questo campanile furono distrutti durante la Rivoluzione francese. La chiesa è costruita sulla roccia attorno a una navata rettangolare con due campate di volte poggianti su quattro pilastri;
ingresso al borgo medievale, la Porta dei Saraceni
120 edifici dal 2 ° quarto del 15 ° secolo alla 2 ° metà del 16 ° secolo.

Altri luoghi e monumenti
La città è orgogliosa di avere “la via più piccola del mondo”, l’Androuno, nome che significa corsia in provenzale. Strade simili esistevano in molti villaggi della Provenza. Questo vicolo, che non consente il passaggio di un uomo dalla parte anteriore, è una curiosità locale. Nel modo più stretto, misura solo 29 centimetri.

La cappella di Saint-Laurent si trova nell’omonimo distretto di Gassin. Oggi in rovina, ha protetto fino al 1778 le reliquie di Saint-Laurent.

La cappella Saint-Sébastien, nota come cappella dei penitenti bianchi, era situata nel pozzo di rue Saint-Jean-Baptiste. Accanto c’era un cimitero. I penitenti di Gassin furono oggetto di censura episcopale nel 1754.

La città ha un fortino tipo R680 nel distretto di Foux. Questo bunker fu costruito durante la seconda guerra mondiale dall’esercito tedesco per impedire un atterraggio alleato come parte del Muro del Mediterraneo (lo sbarco della Provenza ebbe luogo in parte in questo settore: la forza Alpha al livello di Cavalaire-sur- Mer e La Croix-Valmer e la forza del Delta a Sainte-Maxime). Situato su un terreno privato, è stato oggetto di un accordo tra il proprietario privato e il municipio per consentire a una sezione locale del souvenir francese di occuparsi dei locali.

Con una superficie di circa 2.500 m 2, il giardino privato di Marie-Thérèse L’Hardy-Halos, accessibile gratuitamente, offre diverse centinaia di specie vegetali mediterranee e provenzali. Creato da Germaine L’Hardy-Denonain nel 1973, ha ricevuto l’etichetta ufficiale “giardino straordinario” dal Ministero della Cultura nel 2009. È uno dei luoghi che partecipano al Rendez-vous nei giardini organizzati ogni anno dal Ministero della comunicazione e nei giorni del patrimonio.

La città, che un tempo ospitava il Pin de Bertaud, un pino ombrellone con una circonferenza del tronco e una dimensione notevole, oggi ospita uno dei due ulivi più antichi di Francia.

Eredità naturale
La città ha tre spiagge sulla sua costa: la spiaggia di Moune che ospita una scuola di vela, quelle di Treizain e Bouillabaisse, che Gassin condivide con Saint-Tropez, punteggiano la costa di Gassin. Un sentiero costiero consente di coprire parte del mare di Gassin.

Sono stati sviluppati tre percorsi segnalati. Dal mini-stadio nel nuovo villaggio, i Boucles de l’Arlatane ti permettono di scoprire la foresta provenzale, in particolare grazie ai pannelli botanici installati sul campo. Il percorso si estende per un totale di 3,5 chilometri. Un’area picnic è allestita vicino alla sorgente dell’Arlatane.

Il percorso per la cappella di Notre-Dame-de-la-Consolation è un circuito di 4,1 km. Passa lungo la strada che costeggia la vista dei Mori, poi scende nella foresta e nei vigneti di Gassinois prima di salire su un ovile e sulla cappella.

L’ultimo percorso, lungo 16,9 chilometri, che scende a La Croix-Valmer prima di salire al villaggio, prende un piccolo passaggio dal GR 51.

Le specie vegetali presenti sul territorio di Gassin sono caratteristiche delle aree mediterranee. Le foreste sono costituite da querce lanuginose, lecci, pini a ombrello in particolare. Qui crescono anche i pini bianchi della Provenza. In Place Deï Barri e intorno al villaggio ci sono alberi di mirtilli rossi provenienti dalla Provenza.

Questi elementi e la fauna provenzale in generale sono evidenziati nel notevole giardino de L’Hardy-Denonain, ma anche in un percorso di scoperta nella foresta municipale. Cartelli botanici sono stati installati su una parte del sentiero Boucles de l’Arlatane.

Il territorio del comune è situato in due aree naturali di interesse ecologico, faunistico e floristico di tipo II: ZNIEFF 83-103-100 chiamato “Mori della Presqu’île de Saint-Tropez” e ZNIEFF 83-200 -100 chiamato “Mori “.

La fauna ha 14 specie del patrimonio: per gli uccelli circa Jean-le-Blanc, lo scoiattolo falco e il gufo comune euroasiatico in specie decisive, ma anche picchi e passeri ortolani; delle tartarughe di Hermann (Gassin è uno dei comuni in cui si applica il piano di azione nazionale per la tartaruga di Hermann), le tartarughe d’Europa e le lucertole ocelés per gli animali terrestri; il cardiophorus exaratus, gli amaurops abeillei e amaurops aberrans; il ciclope halicyclops septentrionalis e infine la lumaca deroceras.

Gassin fa parte dell’area di appartenenza ottimale (AOA) del Parco Nazionale di Port-Cros.

Un campo di grandi madreperle
Nel 2018, l’osservatorio marino ha scoperto un vasto campo di madreperla nei terreni di Château Bertaud, che copre circa 15.000 m², la seconda conchiglia più grande del mondo. Il sito è eccezionale per la sua concentrazione di una popolazione della stessa età (da 2 a 3 anni) e per la sua densità, maggiore rispetto agli altri campi del settore, superiore a quella della popolazione di madreperle nel Parco Nazionale di Port-Cros. Secondo il biologo marino Nardo Vicente, questa è la più alta densità dell’intera costa mediterranea.

La presenza di questa specie, protetta in Francia, appare come un elemento di blocco per la vendita del sito della fabbrica di siluri Gassin da parte del Gruppo Navale.

Eventi e feste culturali
Il gruppo Leï Masco (Les Masques) perpetua la cultura provenzale a Gassin durante vari eventi: messa cantata, alba, processione per la festa di San Lorenzo e la condivisione dei Tredici dessert.

The Friends of the Arts organizzano molte attività culturali: una mostra annuale delle opere dei workshop, uno spettacolo teatrale.

Per diversi anni tra il 2014 e il 2017, l’attore americano Leonardo DiCaprio ha organizzato a Gassin un’importante asta per la Fondazione Leonardo DiCaprio. L’evento ha attirato circa 900 persone nella tenuta vinicola Bertaud-Bélieu nel 2016, tra cui personalità come Arnold Schwarzenegger, Albert II (Principe di Monaco), Mariah Carey, Edward Norton, Naomi Campbell, Kate Hudson o Bono. Sono stati raccolti oltre 40 milioni di euro, parte dei quali, l’evento che si svolge pochi giorni dopo l’attacco terroristico del 14 luglio 2016 a Nizza, deve essere donato alle vittime dell’attacco.

La tenuta ospita altri eventi. Nel 2019, è il luogo in cui si svolge il galà di arrivo del Rallye des Princesses.

Dal 2020, lo stallone ospita la Fight Night, uno dei più importanti raduni di sport da combattimento in Francia.

Ogni seconda domenica di agosto, Gassin celebra il suo santo patrono, Saint Laurent. Gli eventi sono organizzati dal municipio, dall’ufficio comunale per l’intrattenimento, la cultura e il tempo libero (OMACL) e dal gruppo Leï Masco. Aubade, processione, canto di massa in provenzale, intrattenimento, pasto provenzale sono in programma ogni anno.

Un tempo coincideva con la spavalderia, guidata da un capitano, che era l’organizzatore della festa. Questa tradizione continua durante la rivoluzione quando il festival secolare si fonde con quello dei datori di lavoro.

Riviera francese
La Costa Azzurra è la costa mediterranea dell’angolo sud-est della Francia. Non esiste un confine ufficiale, ma di solito si ritiene che si estenda da Cassis, Tolone o Saint-Tropez a ovest a Mentone al confine tra Francia e Italia ad est, dove si unisce la Riviera italiana. La costa si trova interamente nella regione francese della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Il Principato di Monaco è una semi-enclave all’interno della regione, circondata su tre lati dalla Francia e che si affaccia sul Mediterraneo. Riviera è una parola italiana che corrisponde all’antico territorio ligure, incuneato tra i fiumi Var e Magra.

Il clima della Costa Azzurra è mediterraneo temperato con influenze montane sulle parti settentrionali dei dipartimenti del Var e delle Alpi Marittime. È caratterizzato da estati secche e inverni miti che aiutano a ridurre la probabilità di congelamento. La Costa Azzurra gode di un notevole soleggiamento nella Francia continentale per 300 giorni all’anno.

Questa costa è stata una delle prime aree di villeggiatura moderne. È iniziato come stazione di cura invernale per l’alta borghesia britannica alla fine del 18 ° secolo. Con l’arrivo della ferrovia a metà del XIX secolo, divenne il parco giochi e il luogo di villeggiatura di aristocratici britannici, russi e di altro tipo, come la regina Vittoria, lo zar Alessandro II e il re Edoardo VII, quando era Principe del Galles. In estate, ha anche suonato a casa molti membri della famiglia Rothschild. Nella prima metà del 20 ° secolo, fu frequentato da artisti e scrittori, tra cui Pablo Picasso, Henri Matisse, Francis Bacon, h Wharton, Somerset Maugham e Aldous Huxley, così come ricchi americani ed europei. Dopo la seconda guerra mondiale, divenne una destinazione turistica popolare e un sito congressuale. Molte celebrità, come Elton John e Brigitte Bardot, hanno case nella regione.

La parte orientale (maralpine) della Costa Azzurra è stata in gran parte trasformata dal calcestruzzo della costa legata allo sviluppo turistico degli stranieri dal Nord Europa e dai francesi. La parte del Var è meglio preservata dall’urbanizzazione, ad eccezione dell’agglomerato di Fréjus-Saint-Raphaël influenzato dalla crescita demografica della costa di Maralpin e dall’agglomerato di Tolone, che è stato caratterizzato da un’espansione urbana da parte ovest e da una diffusione di aree industriali e commerciali (Grand Var).

Tags: