Città di architettura e patrimonio, Parigi, Francia

La città dell’architettura e del patrimonio (in francese: Cité de l’Architecture et du Patrimoine) è un museo di architettura e scultura monumentale situato nel Palais de Chaillot (Trocadéro), a Parigi, Francia. La sua collezione permanente è anche conosciuta come Musée des Monuments Français (Museo dei monumenti francesi). Fu stabilito per la prima volta nel 1879 da Eugène Viollet-le-Duc. Il museo è stato rinnovato nel 2007 e copre 9.000 metri quadrati di spazio espositivo. Accanto a mostre temporanee, è costituito da tre mostre permanenti:

Storia
Il patrimonio Cité de l’architecture nasce dalla fusione iniziale di tre istituzioni, secondo il suo statuto dal decreto n. 2004-683 del 9 luglio 2004, codificato negli articoli R. 142-1 e seguenti del codice del patrimonio:

Il Museo dei Monumenti Francesi, la cui origine risale al museo della scultura comparativa creato nel 1879 da Viollet-le-Duc. Riunisce le collezioni di modelli, ma anche modanature, murales e vetrate che riproducono capolavori a grandezza naturale della storia del patrimonio francese dal 21 ° secolo;
La Scuola di Chaillot, che forma, dal 1887, i praticanti destinati alle competizioni e alle carriere del capo architetto dei monumenti storici (ACMH), allora architetto degli edifici di Francia (ABF), oggi “architetto urbano dello Stato” ( AUE, opzione Heritage), così come architetti del patrimonio francese e straniero che ottengono il diploma di specializzazione e approfondimento (DSA) in “architettura e patrimonio”;
L’Istituto francese di architettura (IFA), creato nel 1981 per promuovere l’architettura contemporanea francese e mantenere gli archivi degli architetti.
Nel 2016, la Cité è stata riorganizzata in cinque dipartimenti. Comprende una grande biblioteca specializzata, spazi espositivi temporanei, una collezione di calchi e opere d’arte, un centro archivio, una sala auditorium-cinema, laboratori didattici, un ristorante e una libreria.

La prefigurazione della città dell’architettura è stata fatta nel 1998 da Jean-Louis Cohen. François de Mazières è stato, nel 2004, responsabile della presidenza di questa nuova entità. Dopo la riqualificazione degli edifici di Jean-François Bodin, la città è stata inaugurata il 17 settembre 2007. Nell’ottobre 2009, François de Mazières viene riconfermato a presiedere l’edificio pubblico della Città dell’architettura e del patrimonio. Dalla fine del 2012, la presidenza è stata affidata a Guy Amsellem.

Per la sua attività, la Cité de l’Architecture integra risorse finanziarie anche da partner privati, di cui tre sin dalla sua fondazione: Bouygues Immobilier (sviluppo immobiliare), Groupe Moniteur (stampa specializzata), Vitra (mobili).

Nel settembre 2014, il CAPA è stato oggetto di un audit approfondito, nonché di una relazione della Corte dei conti.

François de Mazières servirà due termini successivi a capo dello stabilimento. Nominato per un primo mandato di 5 anni con decreto 11 del Presidente della Repubblica nel luglio 2004 e rinnovato, nell’ottobre 2009, con decreto del Ministro della Cultura, Frédéric Mitterrand. Ha scelto nel giugno 2012 per dimettersi, dopo la sua elezione alla delegazione. Guy Amsellem gli è succeduto tra novembre 2012 e ottobre 2017. Marie-Christine Labourdette è stata a capo dell’istituzione dal 1 ° marzo 2018.

Il museo dei monumenti francesi
La Città dell’Architettura e del Patrimonio è oggi un attore chiave nella diffusione della cultura architettonica, sia che trasmetta conoscenza, supporti la qualità architettonica, contribuisca alla protezione degli elementi di architettura in sospeso. il nostro patrimonio costruito, o per aiutare con creatività e innovazione. Questo luogo poliedrico vuole pensare e risvegliare lo spirito critico, al fine di rendere i cittadini attori del fatto architettonico e urbano per il futuro.

Il museo risponde in gran parte a queste missioni, essendo il punto di riferimento sull’arte della costruzione e la sua posta in gioco. È un mezzo per sensibilizzare l’architettura e il patrimonio, che si rivolge alla didattica a tutto il pubblico, sia che stiano cercando un’iniziazione o un approfondimento professionale o scientifico. Il museo offre una narrazione della storia dell’architettura, dal Medioevo ai giorni nostri: come sono costruiti i principali edifici del nostro tempo e del passato? Perché e per chi sono stati costruiti?

Il visitatore troverà un’apprensione globale dell’architettura, delle dimensioni della città e dello sviluppo dei territori e un approccio differenziato, approfondendo alcuni capolavori o narrazioni trasversali sull’abitazione, gli edifici pubblici, le tecniche, gli attori di l’architettura o l’urbanistica.

Il Museo dei Monumenti Francesi ci ricorda che l’architettura e il patrimonio sono affari di tutti: l’architettura aiuta a comprendere l’organizzazione e le aspirazioni di una società nel tempo e deve tenere conto delle sfide che ci troviamo ad affrontare: pressione demografica, crescita delle città, evoluzione di la famiglia e il suo impatto sull’edilizia, le pressioni ambientali legate al cambiamento climatico, la creazione di città e lo sviluppo sostenibile … Il patrimonio costruito, quello dei monumenti storici o di interesse storico, è inseparabile dalla creazione architettonica, portatrice di coesione sociale e la condivisione, tocca tutti i cittadini, che possono scoprire i gioielli, dal più antico al più recente, così come tutti i problemi del loro restauro, al Museo dei Monumenti Francesi.

collezioni
La collezione della Città dell’architettura e del patrimonio comprende oltre 7000 casi architettonici, presentati in particolare nella “galleria di calchi” creata nel 1879, 350 riproduzioni di murales, oltre 300 modelli antichi e moderni, archiviati in particolare dal centro di ricerca della biblioteca multimediale dell’architettura e dell’eredità, così come la sua biblioteca materiale ospitata dalla Scuola di Chaillot per servire come supporto educativo ai suoi studenti 14, 4000 opere grafiche e più di 450 fondi di archivi di architetti (Hennebique, Perret, Sauvage, Aillaud, Arretche, Andrault e Parat, Candilis, Carlu, Balladur, Bonnier, Dubuisson, Fainsilber, Gillet, Laprade, Lods, Lurcat, Moreux, Patout, Genitore, Pingusson, Prost, Riboulet, Subes, Süe, Zehrfuss … ) inclusi centinaia di migliaia di piani e fotografie e 600 modelli aggiuntivi.Questi fondi, conservati presso il Centro per l’archivio di architettura xx secolo, annesso alla città situata in rue de Tolbiac 127 nel 13 ° arrondissement, sono disponibili sulla base dell’Archiwebture.

Le collezioni del museo sono divise in tre gallerie:

al piano terra, la galleria di getti presenta oltre 350 getti di gesso fino a 10 metri di altezza e 60 modelli;

al primo piano, la galleria di architettura moderna e contemporanea, presenta gran parte del suo background di 300 modelli e circa 900 disegni, oltre a elementi architettonici a grandezza naturale tra cui un tipico appartamento dell’unità abitativa di Marsiglia di Le Corbusier;

negli ultimi due livelli del museo, la galleria di murales e vetrate, comprende 36 copie in scala di murales tridimensionali, 48 riproduzioni di quadri piatti, 6 vetrate e 30 modelli.

Dal Medioevo al XIX secolo
La galleria di getti e la galleria di murales e vetrate offrono due vedute complementari sull’architettura e la decorazione monumentale dipinte e scolpite, dal periodo romanico (XII secolo) ai tempi moderni (diciassettesimo-diciannovesimo secolo). Sfoglia le due gallerie storiche del museo è un grande viaggio nel tempo, per scoprire i monumenti, i più famosi edifici civili e religiosi nell’esagono. È anche un passo nella storia sociale e culturale del romanico, gotico, rinascimentale e moderno, incontrando sponsor, architetti e architetti, artigiani e artisti che hanno presieduto le creazioni architettoniche più audaci.

Grandezza, prodigalità e immersione sono le parole chiave di questo tour in Francia come nessun altro.

Con oltre trecentocinquanta getti di gesso (a volte alti più di 10 metri!) E sessanta modelli architettonici, la galleria dei getti ripercorre più di sei secoli di innovazione architettonica ed evoluzione della decorazione monumentale scolpita. Le chiese di Moissac, Conques o Vézelay, le cattedrali di Parigi, Reims o Strasburgo, l’arco trionfale di Place de l’Étoile a Parigi o l’arco di Gros-Horloge a Rouen … sono tutti rappresentati da getti di vita reale di le loro migliori sculture, frammenti di architettura e ornamenti. Le sculture in gesso interagiscono tra loro, invitando il confronto stilistico e la soddisfazione dell’occhio. Si rivelano in ciò che hanno di più ammirevole, sottolineato dall’eccezionale architettura che funge da vetrina.

La galleria di murales e vetrate è esposta negli ultimi due livelli del museo. Il viaggio è cronologico; segue l’evoluzione della decorazione pittorica, dal periodo romanico al rinascimento. Trentasei dipinti murali in scala uno sono disponibili per la contemplazione e la comprensione pubblica, in volumi architettonici simili a quelli delle opere originali. La volta di Saint-Savin-sur-Gartempe, la cripta di Tavant o la cupola di Cahors sono tra i capolavori di questi dipinti chiamati “per volume”, ai quali si aggiungono trenta modelli, quarantotto copie di quadri dipinti e sei tinti riproduzioni di vetro.

I dettagli di architettura, sculture e dipinti che, negli edifici stessi, spesso sfuggono alla vista, sono, grazie a questo straordinario museo, accessibile a tutti. Mentre le sculture e i dipinti originali possono essere stati alterati dal tempo e dagli uomini, le collezioni del museo presentano uno stato spesso precedente a questi degradi. Investiti in un valore archeologico inestimabile, portano oggi un rinnovato sguardo alle opere originali che riproducono.

Dalla rivoluzione industriale ai giorni nostri
Inaugurata nel 2007, la galleria di architettura moderna e contemporanea presenta un centinaio di edifici pionieristici nella storia dell’architettura in Francia dal 1850 ad oggi attraverso un insieme unico di modelli, elementi su misura, fotografie, archivi di film e stampati. Da Gustave Eiffel a Jean Nouvel, il tour tematico offre uno spaccato delle pietre miliari che hanno portato a nuovi modi di pensare e fare architettura.

Nel XIX e XX secolo lo sviluppo delle società moderne e delle potenze industriali è accompagnato da profonde trasformazioni della produzione architettonica. In mostra nella galleria le risposte di architetti, ingegneri e urbanisti ai cambiamenti nella società francese: tendenze demografiche e abitative, crisi economiche, ricostruzione e urbanizzazione, crescita e industria, vacanze retribuite e villaggi turistici, democratizzazione culturale e luoghi della memoria . sfondo di una storia di costruzione alla base del nostro mondo moderno.

Il modello monumentale del Crystal Palace in costruzione, le tavole dell’opera di Parigi, la mappa di Paris Haussmann, le fotografie del cantiere del CNIT, la ricostruzione di un appartamento dell’unità abitativa di Marsiglia o il modello della torre di Jean Nouvel senza fine , consentire a tutti di imparare a vedere e comprendere l’architettura. La mostra permanente racconta la storia degli attori e degli edifici che hanno rivoluzionato l’arte della costruzione e hanno dato vita all’architettura moderna. L’industrializzazione è al centro di questo processo: lo sviluppo di nuovi materiali come ferro e cemento e lo sviluppo di processi di costruzione innovativi favoriscono abilità tecniche e nuove forme. Grattacieli, grandi sale, vele di cemento e pareti di vetro, aeroporti e stazioni ferroviarie,

Archivi di architettura del 20 ° secolo
Gli archivi architettonici sono un elemento essenziale per la scrittura della storia dell’architettura, per il rinnovamento degli approcci architettonici e urbani, per l’insegnamento dell’architettura. Dagli anni ’80, il Centro d’archivi d’architettura del XX secolo, creato dall’Istituto francese di architettura, ha svolto un ruolo di primo piano nel loro sostegno da parte dello Stato.

Il Centro dell’archivio dell’architettura del XX secolo si trova a Parigi nel 13 ° distretto. È il principale centro archivistico dell’architettura in Francia. Raccoglie archivi di architetti, progettisti, ingegneri o designer di beni francesi dalla fine del XIX secolo. I fondi che raccoglie sono per la maggior parte, legalmente, depositi statali (Ministero della Cultura); alcuni sono depositi dell’Academy of Architecture o del National Conservatory of Arts and Crafts.

Il Centro degli archivi architettonici conserva circa 400 archivi rappresentativi di molti periodi e tendenze dell’architettura francese del XX secolo, come esempi, gli archivi dei pionieri del cemento armato (Hennebique, Auguste Perret), degli architetti Art Deco (Louis Bonnier, Henri Sauvage , Jean-Charles Moreux) o rappresentanti del Movimento Moderno (André Lurcat, Georges-Henri Pingusson), attori importanti nell’attrezzatura della Francia del dopoguerra (Georges Candilis, Emile Aillaud, Bernard Zehrfuss, Jean Dubuisson, Guillaume Gillet, Louis Arretche ), rappresentanti mutamenti di architettura alla fine del XX secolo (Adrien Fainsilber, Bernard Huet) di figure singolari (Roger Le Flanchec, André Bruyère).

Gli archivi comprendono centinaia di migliaia di piani, disegni, fotografie, modelli (circa 700), file di progetti scritti e innumerevoli documenti personali, circa 7 km lineari.

La presentazione dei fondi, le biografie degli architetti e gli inventari illustrati possono essere consultati online nel database ArchiWebture.

I documenti di questi archivi vengono regolarmente presentati al museo e nelle mostre della Città dell’architettura e del patrimonio. Le mostre virtuali mostrano selezioni di documenti d’archivio arricchiti con complementi (film, interviste, presentazioni).

La collezione del Centro di Archivio di Architettura del XX secolo della Città di Architettura e Patrimonio è stata costituita in tre fasi da tre istituzioni.

Il Conservatorio nazionale delle arti e dei mestieri ha raccolto gli archivi dei principali “pionieri del cemento armato” francesi, dagli archivi dei fratelli Perret acquisiti nel 1959.

L’Accademia di architettura riuniva elementi provenienti dagli archivi dei suoi membri, specialmente negli anni ’80, e spesso retrospettivamente; Per quanto riguarda il XX secolo è stato depositato presso l’Archives of architecture Center mentre la parte più antica è ancora conservata dall’Academy of Architecture.

Come parte di un accordo con l’Archives de France, l’Istituto francese di architettura (e poi la città di architettura e patrimonio) ha raccolto il maggior numero di fondi nella collezione, dal 1981.

Il Architecture Archive Center è stato aperto al pubblico nel 1991 e oggi ospita gli archivi di oltre 400 architetti. La collezione testimonia, da parte sua, del primo interesse pubblico e riservato per questa fonte storica prima e specialmente dopo gli anni ’70, quando ricercatori e architetti hanno chiesto la costituzione di una grande collezione nazionale in questo campo.

È la principale collezione di interi archivi in ​​Francia, da incrociare con molti fondi custoditi negli Archivi nazionali, negli Archivi dipartimentali e negli archivi comunali, e con serie di disegni, fotografie e modelli (Centre Pompidou collezioni MNAM / CCI, Centro FRAC, Musée d’Orsay, ecc.).

Biblioteca
Oltre al Centro dell’archivio dell’architettura del 20 ° secolo, l’architettura della città comprende una biblioteca di 43.500 libri, 414 riviste, documentari e documenti elettronici con 100 posti su 1300 m2 e offre diversi portali online. Il suo soffitto a volta riproduce in dimensioni reali gli affreschi romanici della navata dell’abbazia di Saint – Savin – sur – Gartempe.

Una libreria e boutique Moniteur si trova anche nella hall, con una sala da pranzo con vista sulla Torre Eiffel.

Programmazione
Dalla sua apertura nel 2007, la città offre un programma ambizioso proponendo numerose mostre, simposi, conferenze, dibattiti, cicli (come “Focus”, su base tematica o “Duomi e dibattiti”, alla presenza di architetti), Studio professionale giorni, in particolare sulla conservazione di monumenti storici, corsi pubblici di architettura, sessioni di film, attività educative, in locali dedicati tra cui un auditorium da 277 posti, che era l’ex sala della Cinémathèque française.

La Cité de l’architecture ospita quindi gli album di Young Architects e Landscape Architects e il pubblico di Palmarès, presentando notizie architettoniche da concorsi pubblici, il Laboratorio Housing, le critiche Rendez-vous, i metropoliti Rendez-vous, il design Rendez-vous e la luce ecc. o Entretiens de Chaillot, una conferenza mensile di un architetto, urbanista o paesaggista francese o straniero. È all’origine della creazione dell’Osservatorio della città, che mira a “portare ai molti attori di questo settore (abitanti, promotori, funzionari eletti, architetti, urbanisti …) un luogo di informazione, di prospettiva riflessione e scambi, al fine di creare le circostanze favorevoli al dibattito, immaginare soluzioni innovative e proporre applicazioni concrete agli attori della città di domani.

Il Global Award for Sustainable Architecture, fondato nel 2006 dall’architetto e professore Jana Revedin, con la Città dell’architettura e del patrimonio come partner culturale e con il patrocinio dell’UNESCO, è stato assegnato alla Cité dal 2007.

Esposizioni
La città ha spazi espositivi all’interno di ciascuna delle due gallerie della mostra permanente, la sala Viollet-le-Duc e cinque spazi espositivi temporanei ai piani inferiori, la grande galleria superiore di 900 m2 che ospita una o due grandi mostre annuali e la 382 m2 bassa galleria, mentre le strade alte e basse presentano mostre documentarie, tra cui quelle dei laboratori scolastici Chaillot e la sala espositiva delle mostre. Piattaforma di creazione architettonica e laboratorio abitativo per un totale di oltre 2.000 m2. Questa molteplicità di spazi consente di organizzare una dozzina circa all’anno.

Mostre principali:

Nel 2009, la mostra “Grand Pari de l’agglomération parisienne” ha presentato i risultati di una consultazione internazionale lanciata dal Presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy, sul futuro dell’agglomerato. Jean-Christophe Quinton, architetto e direttore della Scuola nazionale di architettura di Versailles, è stato il curatore. La partecipazione è stata di oltre 210.000 visitatori. È prevista anche una mostra su “L’habitat ecologico” Dominique Gauzin Muller, un riferimento su questo argomento, è il commissario.

Nel 2010, il fumetto è sotto i riflettori con la mostra “Archi & BD, the comic city”. Jean-Marc Thevenet nel curatore e la sua presenza è di 108 000 visitatori.

Nel 2011, la mostra “L’Hotel particulier, un’ambizione parigina” è curata dallo storico dell’arte Alexandre Gady con una presenza di visitatori di 101 000 visitatori 17 e “la città fertile” è affidata a Nicolas Gilsoul, architetto, paesaggista e Michel Pena e Michel Audouy, paesaggisti.

Nel 2012, la mostra “Circulate, quando i nostri movimenti plasmano la città”, consente al visitatore di seguire le origini nel prossimo futuro, l’evoluzione delle concezioni urbane, degli spazi urbani e degli edifici generati dalla circolazione di persone attraverso i territori. Il curatore di questa mostra è l’architetto e ingegnere Jean-Marie Duthilleul.

Nel 2013, il movimento art deco è oggetto della mostra “1925, quando l’Art Deco seduce il mondo”. Guy Amsellem, che è arrivato alla Cité nel novembre 2012, trova questa mostra programmata dal suo predecessore François de Mazières, che ha eletto il deputato dimissionato nel giugno 2012, e Emmanuel Bréon, capo curatore di La Cité. La scelta del nuovo presidente di mantenere questa mostra è buona, dal momento che ospita quasi 205.000 visitatori.

Nel 2014 vengono presentate due importanti mostre, “Revoir Paris”, per le quali François Schuiten e Benoît Peeters, autori delle Città oscure, hanno la loro visione futuristica del dialogo Città della Luce con una selezione di disegni di architetti e progetti di urbanistica. progettato per Parigi per due secoli, così come una mostra del patrimonio “Viollet-le-Duc, le visioni di un architetto”.

Nel 2015 la mostra “Tutto è paesaggio, un’architettura abitata – Simone e Lucien Krol” e la Piattaforma della creazione architettonica inaugura nella sala espositiva le sue mostre trimestrali “Duomi e dibattiti” che associano due workshop di architetti, uno francese, l’altro europeo .

Nel 2016, la mostra “Tous à la plage” offre una panoramica della storia delle città di mare in Francia, per quanto riguarda le pratiche europee, dalle origini ai giorni nostri.

Nel 2017 vengono proposte due importanti mostre: “The Architect: Portraits and Clichés” presenta l’evoluzione della professione architettonica in tutti i suoi aspetti fin dall’antichità e “Globes, Architectures and Sciences explore the world”, mostra attraverso 90 progetti e realizzazioni di sferiche edifici, come gli architetti, insieme a astronomi, geografi, scrittori di fantascienza, ecc. hanno partecipato alla scoperta del mondo terrestre e celeste e della sua rappresentazione dell’antichità fino ai nostri giorni. Inoltre, la Cité celebra il suo decimo anniversario con le mostre “10 anni di acquisizioni (2007-2017)” e “10 anni di restauri (2007-2017)”.

Nel 2018, la mostra “.Architecture anche May” ci invita a rivisitare gli anni venti dal 1962 al 1984, dove il rinnovamento dell’insegnamento ha accompagnato quello di architettura e urbanistica e due mostre monografiche presentano l’opera di Alvar Aalto e Georges-Henri Pingusson.

Tags: