Patrimonio architettonico a Nizza, Alpi Marittime, Francia

Dal suo passato, Nizza ha un ricco patrimonio architettonico. Durante il periodo savoiardo furono costruiti diversi palazzi e ville, oltre a chiese in stile barocco. Durante la Belle Époque, la città si arricchì di numerose ville e alberghi.

La Promenade des Anglais è il simbolo della città per il mondo intero. Nizza ha un gran numero di posti. Molti si trovano nel centro storico, come Place Saint-François, Place Garibaldi o Cours Saleya. Nel centro storico si trovano anche Place Courthouse, antica piazza San Domenico, e al posto della Prefettura, creata nel xix secolo. La maggior parte delle altre piazze cittadine furono progettate al xix secolo e si trovano ai margini o al di fuori della vecchia Nizza. È il caso di Place Charles-Albert e Place Masséna o di Place de la Croix de Marbre. Place Arson tra la strada Auguste Gal e la strada Arson, è dalla fine del xix secolo un luogo speciale per le palle da gioco.

Nizza ha anche conservato poche tracce del suo passato militare, a parte il forte di Mont Alban. D’altra parte, ha mantenuto una serie di edifici interessanti risalenti ai tempi moderni, come il Palais communal de Nice, il Palais du Senate de Nice o il Palais de la Préfecture de Nice, che un tempo ospitava i sovrani. de Savoie durante il soggiorno a Nizza.

Diversi monumenti e statue commemorano eventi o personaggi legati alla storia della città, come la Croce di Marmo, la Colonna del Papa o il monumento dei Fabbri. La città ha anche una serie di statue. Le più note sono la statua di Charles-Félix, la statua di Masséna e la statua di Garibaldi. Si possono citare anche il monumento alla regina Vittoria, il monumento ai morti di Rauba-Capeù e il monumento del centenario.

Architettura e urbanistica
La promenade des Anglais è sicuramente il viale più famoso della città. Nizza ha anche conservato poche tracce del suo passato militare, a parte il forte di Mont Alban. D’altra parte, ha mantenuto un certo numero di edifici interessanti risalenti all’epoca moderna, come il Palazzo Comunale di Nizza, il Palazzo del Senato di Nizza o il Palais de la Préfecture des Alpes Maritimes, che un tempo ospitava i sovrani di Savoia durante il soggiorno a Nizza.

Nizza ha un gran numero di posti. Molti si trovano nel centro storico, come Place Saint-François, Place Garibaldi o Cours Saleya. Nella vieille-ville si trovano anche il palazzo di giustizia, antica piazza San Domenico, e al posto della Prefettura, creata nel XIX secolo, la maggior parte delle altre piazze cittadine sono state progettate al XIX secolo e si trovano ai margini o all’esterno del Vecchia Nizza. È il caso di Place Charles-Albert e Place Masséna o Place de la Croix de Marbre. Place Arson, tra la via Caïs Pierlas e la via Arson, è dalla fine del XIX secolo un ottimo posto per giocare a palle.

Diversi monumenti e statue commemorano eventi o personaggi legati alla storia della città, come la Croce di marmo, la Colonna del Papa o il monumento dei Fabbri. La città ha anche una serie di statue. Le più note sono la statua di Charles-Félix, la statua di Masséna e la statua di Garibaldi. Si possono citare anche il monumento alla regina Vittoria, il monumento ai caduti di Rauba-Capeù e il monumento del Centenario.

La maggior parte delle strutture pubbliche risalgono alla seconda metà del XIX secolo o all’inizio del XX secolo. L’ospedale Saint-Roch fu così costruito nel 1853 dall’architetto Joseph Vernier. Di stile neoclassico, era, con la Chiesa del Voto, un collegamento architettonico tra le due sponde del Paillon. La stazione PLM, avenue Thiers, risale al 1865. Il suo stile Luigi XIII ha partecipato alla francizzazione dello spazio urbano, dopo l’annessione. La biblioteca comunale, boulevard Dubouchage, era originariamente una villa, costruita nel 1870.

Nel 1920 fu acquistata dal Comune, che la trasformò in biblioteca. È stato aperto nel 1925. È uno dei rari esempi di biblioteca costruita tra le due guerre. Il Palais de Marbre, avenue de Fabron, fu costruito nel 1872-1874 da Sébastien-Marcel Biasini. Lo stile è molto eclettico, spaziando dal neogotico al neoclassico. Dal 1960 ospita l’archivio comunale. Il Museo di Belle Arti, avenue des Baumettes, fu costruito nel 1878 da Constantin Scala. Il museo è dovuto ad un’iniziativa di Napoleone III. Attraverso donazioni, ospita opere dal XVI secolo alla metà del XX secolo.

Gli anni 1880 – 1890 sono particolarmente ben rappresentati. L’edificio del Crédit lyonnais, avenue Jean-Médecin, risale al 1882. Progettato da Sébastien-Marcel Biasini, è in stile palladiano e classico. Il teatro dell’opera di Nizza, rue Saint-François-de-Paule, fu costruito nel 1884-1885 dall’architetto municipale François Aune, sotto la supervisione di Charles Garnier. Lo stile dell’edificio cerca di fare la sintesi tra lo stile del Secondo Impero e l’influenza italianista. Wilson Post è stato costruito nel 1888. Come tutti gli edifici pubblici costruiti a Nizza dopo il 1860, contribuisce alla francizzazione del paesaggio urbano.

La Gare du Sud è stata costruita nel 1891 dall’architetto Prosper Bobin. Quest’ultimo è stato ispirato dalla Gare du Nord di Parigi. Il tetto in vetro che proteggeva le banchine è forse un riutilizzo di quello del padiglione austro-ungarico alla mostra di Parigi. Oggi ospita una varietà di catene di ristoranti. Il Palazzo di Giustizia risale al 1891 ed è stato costruito da Auguste-Vincent Dieudé-Defly, sul sito della chiesa domenicana. È in stile classico. La grande cupola dell’osservatorio di Nizza fu costruita nel 1884-1886 da Charles Garnier e Gustave Eiffel. È stato restaurato nel 1967.

Il Tempio dell’Amore, nel Parco Chambrun, è un palco per spettacoli inaugurato nel 1890. Fu costruito per il conte Joseph de Chambrun (1821-1899), che aveva acquistato la proprietà dal Caïs de Pierlas nel quartiere Saint-Maurice. Da allora il castello è stato gravemente sfigurato. Il parco è stato progettato dall’architetto paesaggista Philippe Randon. Il chiosco, in marmo di Carrara, si ispira al Tempio della Sibilla a Tivoli. I saloni dello Château des Chambrun e il chiosco erano uno dei luoghi più alti della vita musicale e sociale a Nizza.

L’inizio del XX secolo ha visto la costruzione di una serie di edifici interessanti. La villa della Société d’agriculture, sulla promenade des Anglais, fu costruita nel 1900-1901 da Paul Martin e inaugurata dal presidente della Repubblica Émile Loubet, nell’aprile 1901. Il liceo Masséna fu costruito dall’architetto Henri Ebrard dal 1909 al 1930. La sua architettura si ispira al classicismo. L’ufficio postale di Thiers è stato costruito nel 1931 da Guillaume Tronchet. È l’unico edificio in mattoni della città. Il Centro Universitario Mediterraneo (CUM), sulla Promenade des Anglais, è stato creato nel 1933 e inaugurato nel 1935. Mostra il desiderio di Jean Médecin di sviluppare la vocazione culturale e intellettuale di Nizza. Il suo primo amministratore fu Paul Valéry. L’edificio ha un grande anfiteatro. Danno lezioni.

Dopo la seconda guerra mondiale vengono costruiti numerosi edifici interessanti. Il Palais des Expositions è stato costruito nel 1955-1964 da Richard e Michel Laigier. Si trova sopra il Paillon e ospita spettacoli, mostre e convegni. La Facoltà di Giurisprudenza ed Economia è stata creata nel 1966 da Roger Séassal e Paul-Albert Juillet. Ospita un mosaico di Marc Chagall, Le Message d’Ulysse (1967). Il Museo Nazionale del Messaggio Biblico Marc-Chagall risale al 1973 ed è stato diretto da André Hernant. È nato dalla volontà di Chagall di riunire in un unico luogo la sua opera sulla Bibbia. Il centro congressi Acropolis, costruito sopra il Paillon, è stato inaugurato nel 1984. Si deve agli architetti Baptiste, Bernasconi e Buzzi. Il Museo di arte moderna e contemporanea, inaugurato nel 1990, è stato costruito da Yves Bayard. L’Asian Art Museum, inaugurato nel 1998,

Il cimitero del castello è stato creato nel 1783, sul sito dell’antica cittadella. Ci sono le tombe di Léon Gambetta, Rosa Garibaldi (madre del generale) e Anita Garibaldi.

Il porto di Nizza, chiamato porto di Lympia, datato XVIII secolo. Fu allestito dal 1750 al 1770 dall’ingegnere Antoine-Félix de Vincenti. Il bacino interno è stato scavato da Philippe Nicolis de Robilante. Il porto subì poi vari sviluppi e non fu completato fino al 1880. È collegato alla città da Via Cassini. È stato ampliato nel 1975 per accogliere i traghetti per la Corsica. Le vecchie piattaforme sono state trasformate in un parcheggio.

Patrimonio architettonico per tipologia

Palazzi, castelli, ville e dimore
La presenza di famiglie di notabili abbastanza potenti, poi quella dei residenti invernali, ha dotato la città di un ricco patrimonio di residenze private: castelli, palazzi e ville.

Alcune di queste residenze si trovano sulle colline che circondano Nizza. Il castello di Bellet si trova quindi nel distretto di Saint-Roman-de-Bellet. Risale al XVI secolo. Appartiene a una famiglia di aristocratici nizzardi della Savoia, i Roissard de Bellets. Il castello fu ampliato nel xix secolo e restaurato due volte nel xx secolo. Oggi si trova in mezzo ai vigneti che producono il vino Bellet. L’area ospita anche una cappella neogotica del xix secolo. Nella vigna di Bellet si trova anche il castello di Crémat, costruito nel 1906 e di stile medievale.

Il Museo Matisse era in origine una casa costruita a Cimiez nel XVII secolo da Jean-Baptiste Gubernatis, console di Nizza. Il suo stile è caratteristico di quello delle ricche residenze genovesi. La villa, chiamata Palazzo Gubernatis, fu venduta nel 1823 a un aristocratico nizzardo, Raymond Garin de Cocconato. Appartenne poi a una società immobiliare e fu poi acquistato dalla città di Nizza nel 1950. Il palazzo divenne poi Villa des Arènes e fu allestito per ospitare il Museo Matisse, inaugurato nel 1963, e il Museo Archeologico. L’edificio è stato ristrutturato dal 1987 al 1993.

Alcuni palazzi si trovano nella vecchia Nizza. Il Palazzo Lascaris, situato proprio nel centro storico, fu costruito tra il 1648 e l’inizio del xviii secolo dal maresciallo Jean Baptiste Lascaris-Ventimiglia, nipote del 55 ° Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, Rodi e Malta. I suoi discendenti, i Conti di Peille, completarono la costruzione dell’edificio. È un palazzo barocco, la cui architettura e decorazione mostrano l’influenza genovese. Il palazzo ora ospita un museo dedicato alle arti decorative e alle arti e tradizioni popolari.

Furono costruiti diversi edifici per le ricche famiglie di Nizza. Il palazzo Marie-Christine Place de la Croix-de-Marble, fu costruito nel xix secolo, dal 1800 al 1887. Fu costruito per Saïssi Châteauneuf e ha ospitato molte personalità tra cui, nel 1842, la regina Marie-Christine, vedova del Re di Sardegna Charles-Félix. Il suo stile è neoclassico.

Il Palais Masséna, rue de France, risale al 1899. Fu commissionato da Victor Masséna e progettato da Hans-Georg Tersling, architetto dell’imperatrice Eugenie. È ispirato alla villa Rothschild a Cannes. Lo stile è neoclassico, Luigi XVI e Impero. Nel 1920, la città acquistò l’edificio per trasformarlo in un museo di arte e storia locale. Altri edifici famosi della città includono il Palazzo di Marmo, costruito FABRON alla fine del XIX secolo e oggi sede degli archivi municipali di Nizza, e il Palazzo Maeterlinck, un antico palazzo del Cap de Nice.

La maggior parte dei castelli del xix secolo furono costruiti per lo svernamento, francesi o stranieri. Il castello inglese fu costruito nel 1857 da e per Robert Smith, un ex colonnello inglese. È il primo castello costruito a Nizza da un visitatore invernale. È un pastiche dei palazzi di Jaipur. Il parco e il castello di Valrose furono costruiti nel 1867 dall’architetto David Grimm per un ricco winterista russo, Paul Von Derwies. È in stile neogotico e oggi ospita la presidenza dell’Università di Nizza Sophia Antipolis. Il castello di Sainte-Hélène è stato costruito nel XIX secolo per il direttore del casinò di Monte Carlo, François Blanc. Appartenne poi al profumiere François Coty, prima di diventare il Museo Internazionale di Arte Naif Anatole Jakovsky, nel 1982. Il castello Gairaut fu costruito per Joseph Giordan.

Alcune tenute famose sono scomparse. La Villa les Tropiques, un parco di acclimatazione, è stata diretta da un naturalista, Axel Robertson-Proschowsky (1857-1944), i cui contributi botanici erano presenti in tutti i periodici specializzati. Questo spazio, espropriato dalla città di Nizza nel 1966, è ora concesso a un parco di divertimenti denominato “Parc des miniatures”. Il conte di Pierlas, amante delle piante esotiche e primo propagatore di palme a Nizza, aveva piantato nella sua proprietà a Le Ray, la Villa Pierlas, già nel 1837, Chamaedorea elegans, C. sartorii, Phoenix sylvestris e Trachycarpus martianus.

Caffè, antichi palazzi e hotel
Diverse istituzioni legate alla storia del turismo della città esistevano sin dal xix secolo e sono ancora gestite più o meno trasformate.

Il bar Torino, situato in Piazza Garibaldi, è uno dei caffè più famosi della città. Fondata nel xix secolo, era originariamente un luogo di incontro di immigrati piemontesi. La pasticceria Auer, rue Saint-François-de-Paule, aperta nel 1860, testimonia lo stile rococò, molto in voga all’epoca. La Trappa, rue Malonat, fondata nel 1886, era originariamente un ristorante di pescatori.

La proprietà alberghiera, a causa della crescita del turismo nella seconda metà del XIX secolo, è considerevole, molte istituzioni tra cui sono state costruite nella Belle Époque. I palazzi sono scomparsi (di solito trasformati in condomini residenziali), ma diversi grandi alberghi sono stati restaurati e ammodernati nella seconda metà del xx secolo.

Il vecchio Hotel Regina fu costruito sulla collina di Cimiez nel 1896 dall’architetto nizzardo Sébastien Marcel Biasini. La corona in ferro battuto dell’ala sinistra è stata realizzata secondo i piani di François-Félix Gordolon. La gigantesca Regina, che contava 400 camere e suite, ospitava la regina Vittoria, la sua piccola corte e il suo staff traboccante (il sovrano, innamorato di Nizza dal 1895, partecipò alla sua inaugurazione nel 1897). Trasformato in appartamenti privati ​​negli anni ’30, fu abitato da Henri Matisse.

Il vecchio hotel Alhambra, in Boulevard de Cimiez, fu costruito nel 1900 da Jules-Joseph Sioly. Questo architetto, noto anche per il Palais Lamartine con il suo splendore del Secondo Impero (rue Lamartine), ha consegnato qui uno dei rari esempi a Nizza dello stile dell’arte moresca. Inoltre è stato trasformato in residenza residenziale.

Il Palais Donadei ha ospitato il “Grand-Hôtel Nice-Palace” e il “Restaurant Belle Meunière” della famosa Marie Quinton (1854-1933). La villa nizzarda di La Mère Quinton è attualmente l’albergo di “La Belle Meunière”. La troviamo al Carnevale di Nizza con i carri “Belle Meunière” come quello del 1909. Infine, “La Belle Meunière de La Belle Époque, La Mère Quinton dei ruggenti anni Venti” segue la sua ricca clientela di visitatori invernali, inverno a Nizza e estate nella sua città natale di Royat-les-Bains in Alvernia. Alla fine degli anni Ottanta dell’Ottocento “La Bonne Meunière” del generale Boulanger (1837-1891) “L’imperatore degli innamorati” aveva già inviato le margherite dal mercato dei fiori di Nizza per la festa della Vicomte di Bonnemains (1853-1891) ” con i garofani rossi ”

Diversi grandi stabilimenti alberghieri sono stati costruiti lungo la Promenade des Anglais.

Il West-End Hotel, originariamente Hotel de Rome, fu costruito nel 1842 da aristocratici inglesi. Più tardi ampliato e abbellito, è il più antico dei grandi hotel sulla Promenade des Anglais. Nelle vicinanze, dal 1878 si trova il Westminster Hotel con la sua facciata rosa pallido.

Non lontano da lì, il Negresco fu costruito nel 1912 da Édouard-Jean Niermans, dall’ex cuoco e maggiordomo rumeno Henri Negresco, finanziato da gastronomi estremamente ricchi, suoi clienti, quando lavorava al Grand Cercle de Nice. lo stile è neo-Luigi XVI. L’interno è in gran parte in stile “Tardo Secondo Impero”. La sua parte nobile, ristrutturata da Paul e Jeanne Augier, è iscritta (facciate) nell’inventario dei monumenti storici dal 1975.

Jeanne Augier (“la Signora del Negresco”) è riuscita, per quasi 60 anni, a fare del suo albergo un museo dove si mescolano opere di Largillierre, François Boucher, Raymond Moretti, René Gruau, Cyril de La Patellière, ecc.

Il Palais de la Méditerranée, anch’esso sulla Promenade des Anglais, fu costruito nel 1927-1928 da Charles e Marcel Dalmas. La sua facciata è decorata con figure femminili e cavallucci marini scolpiti da Antoine Sartorio. Il complesso, che ospitava un casinò e un teatro, è stato inaugurato nel 1929. Vittima di difficoltà finanziarie, ha chiuso nel 1978. La facciata in stile Art Déco è stata salvata all’ultimo minuto dalla demolizione nel 1990. Un decennio dopo l’edificio è completamente ricostruito . È stato inaugurato nel gennaio 2004 e oggi comprende un hotel di lusso, un casinò e un auditorium, facciata originale conservata.

Fuori dalla Promenade des Anglais, tra gli hotel di lusso, troviamo il Boscolo Exedra Nice, precedentemente denominato “Atlantic”, situato sul Boulevard Victor-Hugo. Costruito nel 1913 da Charles Dalmas su ordine di un albergatore svizzero, la sua facciata è in stile Belle Époque. Acquistato nel 2000 dalla catena alberghiera italiana Boscolo, è stato completamente rinnovato dal 2005 al 2008.

Stabilimenti di gioco d’azzardo
La città di Nizza ha due casinò situati a cento metri l’uno dall’altro e appartenenti ai due maggiori gruppi francesi.

Il casinò Partouche ha aperto i battenti nel 2004 nel Palais de la Méditerranée, nel cuore della Promenade des Anglais, in sostituzione del vecchio casinò distrutto nel 1990.

Il casinò Ruhl del gruppo Barrière si trova al piano terra dell’hotel Le Méridien sulla Promenade des Anglais.

Edifici religiosi

cattolicesimo
La città conserva un gran numero di edifici religiosi, caratteristici della pietà barocca. La più antica è la chiesa di Nostra Signora di Cimiez, costruita nel 1450 e ricostruita nei secoli XVII e XIX. Prima proprietà dei monaci benedettini di Saint-Pons, fu poi ceduta ai Francescani nel 1546. Questi ultimi vi si svilupparono pellegrinaggi a Maria. La chiesa ospita tre pale d’altare di Louis Brea (XV e XVI secolo).

Soprattutto, la città ha un gran numero di edifici religiosi barocchi italiani. Tra questi, la chiesa di Saint-Jacques-le-Majeur, o del Gesù, situata in rue Droite, risale al 1607. Appartenne prima ai gesuiti poi divenne la sede della parrocchia di Saint-Jacques. La sua facciata mostra l’inizio dell’influenza del barocco romano a Nizza. È stato ridisegnato nella prima metà del XIX secolo. Il suo campanile risale al XVIII secolo. La sua pianta e la sua architettura si ispirano alla chiesa del Gesù realizzata dal Vignole a Roma. La cappella Saint-Philippe-Néri risale al 1612. La cattedrale di Sainte-Reparate, Place Rossetti, fu costruita a partire dal 1650 dall’architetto Jean-André Guibert. La chiesa è citata sin dall’XI secolo. In origine era un priorato dell’abbazia di Saint-Pons ed è promossa cattedrale nel XVI secolo,

La cattedrale fu ricostruita a metà del XVII secolo, dal 1650 al 1680 circa. La chiesa si ispira ai modelli architettonici romani del primo barocco (Vignole, Maderno). Il campanile è stato costruito nel XVIII secolo. Tra gli altri edifici religiosi barocchi, oltre alla Cappella della Visitazione e alla Cappella della Visitazione di St. Clair, troviamo la Chiesa di St. Martin-St. Augustine, che si trova in Place St. Augustine. Risale alla fine del XVII secolo ma fu completata solo nel 1830. È servito dagli Agostiniani. La sua facciata è neoclassica. Cappella di St. Jaume o Saint-Jacques-le-Majeur o St. Giaume o Santa Rita, conosciuta anche con il nome di Chiesa dell’Annunciazione, il XVI secolo è stata classificata come edificio 3 febbraio 1942. Infine, la Chiesa di Saint-François -de-Paule, nell’omonima via, è in stile tardo barocco piemontese, ma la facciata è neoclassica. Risale al XVIII secolo come la Cappella Saint-Aubert con facciata barocca.

La Chiesa del Voto, situata in Quai Saint-Jean-Baptiste, fu costruita nel 1840-1853 dall’architetto Carlo Mosca. Fu eretto per ringraziare la Vergine per aver salvato la città da un’epidemia di colera. È considerata la chiesa più bella di questo periodo, grazie all’uso di volumi semplici. La chiesa di Notre-Dame-du-Port fu costruita nel 1840-1853 secondo i piani dell’architetto Joseph Vernier. La facciata fu aggiunta nel 1896 da Jules Fèbvre.

Le confraternite dei penitenti hanno segnato anche il panorama religioso. La cappella Sainte-Croix dell’arciconfraternita dei penitenti bianchi, situata in rue Saint-Joseph, fu costruita per la prima volta dai Minimi, a partire dal 1633. Fu poi acquistata dall’Arciconfraternita dei penitenti della Santa Croce, che fa ristrutturare nel secondo metà del XVIII secolo dall’architetto Antoine Spinelli. La sua facciata è nello stile del XVII secolo. La cappella dell’Arciconfraternita della Santissima Trinità e della Sindone Si trovava in rue Jules Gilly, accanto al vecchio Senato, quando nel frattempo il XVII secolo. Modificata nel XVIII secolo dall’architetto piemontese Gio Battista Borra, appartenne alla confraternita dei penitenti della Sacra Sindone, fondata a Nizza nel 1620. È neoclassica.

Vi si stabilirono altre due confraternite, i penitenti bianchi dello Spirito Santo e i penitenti rossi, prima che le tre confraternite si fondessero e diventassero l’arciconfraternita della Santissima Trinità. Tra le altre cappelle dei penitenti, troviamo la Cappella della Misericordia dell’Arciconfraternita dei Penitenti Neri, situata a Cours Saleya e risalente al XIII secolo. L’architetto era Bernardo Antonio Vittone. Divenne proprietà dei Penitenti Neri nel 1829. Infine, la Cappella del Santo Sepolcro dell’Arciconfraternita dei Penitenti Azzurri, opera di Antoine Spinelli, situata in Piazza Garibaldi è neoclassica e risale alla fine del XVIII secolo.

L’attaccamento della contea di Nizza alla Francia portò alla costruzione di edifici religiosi in stile gotico. Così, tra il 1864 e il 1868, avenue Jean-Médecin, viene eretta la basilica di Notre-Dame su progetto dell’architetto francese Louis Lenormand. Si ispira alla Cattedrale di Angers e presenta un grande rosone circondato da due torri quadrate di 65 metri.

Tra le chiese costruite nel XX secolo, la chiesa di Sainte-Jeanne-d’Arc, Grammont Street, architettura tipica degli anni ’30 fu progettata dall’architetto Jacques Droz e completata nel 1933. La chiesa di Notre-Dame-Auxiliatrice, Place Don Bosco, è la più grande della diocesi. È in stile Art Déco. Anche la Chiesa di San Giovanni Evangelista del XX secolo, come la Chiesa armena di Santa Maria (1927-1928) e la Chiesa di Nostra Signora di Lourdes del 2004.

Ortodossia
La presenza di svernamenti stranieri a Nizza dalla seconda metà del XIX secolo ha portato alla costruzione di nuovi luoghi di culto. Così l’istituzione di una colonia russa nella città portò alla creazione di chiese ortodosse russe, la prima delle quali, Saint-Nicolas-et-Sainte-Alexandra, situata in rue de Longchamp, fu costruita nel 1858 dall’architetto Antoine-François Barraya .

Dopo la morte del figlio maggiore, Tsarevich Nicolas Alexandrovich nel 1865, Alessandro II fece costruire una cappella commemorativa sul luogo della villa in cui morì il principe. L’edificio si trova in Boulevard du Tzaréwitch.

Accanto alla cappella si trova la Cattedrale di San Nicola, costruita dal 1903 al 1912 in stile “antico russo”. Il suo architetto, Preobrazenskij, costruì anche il castello di Valrose. È il più grande edificio ortodosso russo al di fuori della Russia. Nel 2015 la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso contro una decisione che aveva dichiarato che lo Stato della Federazione Russa aveva giustificato il suo possesso.

La comunità greca della Costa Azzurra, da parte sua, ha inaugurato nel 1955, avenue Désambrois, la Chiesa ortodossa di Saint-Spyridon, che offre un esempio unico nella regione di affreschi bizantini.

Dall’inizio del XX secolo, la presenza armena traduce l’esistenza della chiesa armena di Santa Maria.

C’è anche una comunità franco-serba con la cappella della Dormition-de-la-Vierge, rue Fodéré nel quartiere del porto.

anglicanesimo
Allo stesso modo, la presenza dell’inglese a Nizza ha portato alla costruzione di una chiesa anglicana nel quartiere di Buffa, ispirata alla Cappella del King’s College dell’Università di Cambridge.

protestantesimo
A Nizza furono costruiti luoghi di culto protestanti, come il tempio protestante in Boulevard Victor-Hugo, che risale al 1887. Fu costruito per la comunità americana che, essendo diventata troppo piccola, lo vendette nel 1974 alla Chiesa riformata vodese. La sua architettura è in stile neogotico nordico.

Chiesa vodese
La forte istituzione della chiesa vodese in Piemonte e l’adozione nel 1848 dello Statuto Albertino da parte del Regno di Piemonte-Sardegna che dava libertà religiosa a questa chiesa, portò alla costruzione nel 1855 del tempio vodese, rue Gioffredo. È uno dei primi edifici religiosi costruiti a Nizza da una comunità religiosa non cattolica. È in stile antico e oggi ospita un.

Giudaismo
La sinagoga di Nizza è stata costruita nel 1885 nel centro della città e ristrutturata nel 1988.

Islam
La città ospita cinque moschee: la Moschea Al Fourkane, la Moschea Ar-Rahma (situata in avenue du Général-Saramito), la Moschea En-Nour (inaugurata l’8 luglio 2016), la Moschea Giuliani e la Moschea Imane, così come diverse stanze di preghiera.

Testimoni di Geova
La città ha 2 set di luoghi di culto chiamati Sala del Regno, uno situato in Avenue St Joseph e un altro in Rue Pie François Toesca. Le riunioni si tengono in diverse lingue tra cui inglese, spagnolo, russo, vietnamita, tagalog, lingala, pecora, cambogiano, cinese (mandarino), malgascio, creolo haitiano, serbo, armeno.

Cannone di mezzogiorno
Ogni giorno, dalla collina del castello di Nizza, la popolazione di Nizza viene avvertita che è esattamente mezzogiorno. Secondo la tradizione, lo scozzese Lord Thomas Coventry-More, ex colonnello dell’esercito inglese, veniva a Nizza ogni inverno dal 1861 al 1866. Nel 1862, desiderando pranzare con la moglie che era ancora in ritardo sulla Promenade des Anglais, ha proposto al sindaco di Nizza, François Malausséna, di sparare con un cannone ogni mezzogiorno. La sua proposta fu accettata, si fece carico dei costi e iniziarono i colpi di cannone. Dopo il 1866, furono sparati colpi ad hoc, quindi il 19 novembre 1885 un decreto istituì lou cannon de miejour. Da vent’anni, il 1 aprile, la pistola viene estratta alle undici. Già affidato alla polizia, è un artefice (Philippe Arnello dal 1992) che se ne occupa dal 1922.

Patrimonio architettonico per località

Grandi monumenti

Ex Regina Hotel
L’Excelsior Régina Palace è il nome dato a un hotel di lusso a Nizza tra il 1897 e il 1935. Si trova sulla collina di Cimiez (104 metri) sull’omonimo viale, ed è stato riconvertito negli anni ’30 in condominio. La sua costruzione fu affidata all’architetto Sébastien-Marcel Biasini (1841-1913). La superficie dell’edificio è di 6.260 m 2 distribuiti su cinque piani (più un sesto nel sottotetto) con una lunghezza della facciata sud di 104 metri e 45 metri a sud-est. Il design dell’insieme si basa su tecniche di decorazione caratteristiche della Belle Époque. Un giardino si trova di fronte all’hotel. Vi si accede tramite una passerella in marmo e metallo decorato. Coprendo un’area di 8.250 m 2, è realizzato su un terreno rialzato con terra estratta durante lo scavo delle fondamenta dell’edificio. Dal 1897,

Basilica di Notre-Dame
La basilica di Notre-Dame a Nizza è una basilica situata in Avenue Jean-Médecin, nel centro della città. Fu costruito tra il 1864 e il 1868 secondo i progetti dell’architetto francese Louis Lenormand. È la chiesa più grande di Nizza. In stile neogotico, si ispira alla cattedrale di Angers. La basilica ha due torri quadrate alte venticinque metri, sormontate su entrambi i lati da un grande rosone raffigurante scene del mistero dell’Assunta. La sua costruzione faceva parte del desiderio delle autorità di francizzare la città dopo l’annessione della contea di Nizza alla Francia. Gli edifici in stile gotico dovevano infatti essere caratteristici di uno stile francese.

Batteria Mont-Boron
La Batteria di Mont-Boron, un ex forte militare, è un recinto lungo 400 metri e 15.000 metri quadrati, costruito nel 1886-1887 e destinato alla protezione sia della Baie des Anges che della baia di Villefranche. sul mare. Sarà presto trasformato da Jean Nouvel, un grande architetto francese di fama internazionale (Museo Quai Branly / Parigi, Soho Hotel / New York, il grande parco urbano di Barcellona …) in un alto luogo di creazione e ricerca architettonica francese, un vero ponte tra patrimonio e modernità.

Meridiana
Sulla cornice del molo Rauba Capeu che collega la Promenade des Anglais al porto, fermati nel cuore della meridiana, la tua ombra ti dirà l’ora.

Forte di Mont-Alban
Il forte di Mont Alban è una fortificazione militare. Costruito tra il 1557 e il 1560, situato sull’omonimo colle, tra Nizza e la baia di Villefranche. In Francia, è un raro esempio di architettura militare della metà del XVI secolo, in buone condizioni. Situato in un punto strategico, a 220 metri sul livello del mare, offre un magnifico panorama, ad ovest sulla Baie des Anges al massiccio dell’Esterel e ad est sulla baia di Villefranche alla Riviera Ligure. Ha una pianta rettangolare, 40 metri per 46 per lato, con bastioni traforati da feritoie, ed estesa da bastioni angolari a forma di un asso di picche molto prominente, fiancheggiata da torri di guardia. Può ospitare una guarnigione di una cinquantina di soldati.

Il Negresco
Costruito sulla famosa Baie des Anges nel 1912 da Niermans per il rumeno Henri Négresco, questo palazzo della Belle Epoque rimane l’unico palazzo-museo di Nizza. Classificato come monumento storico dal 2003, ospita numerose collezioni che ripercorrono cinque secoli di storia dell’arte. Le 121 camere e 24 suite hanno ciascuna la propria decorazione. Vi sono rappresentati gli stili dei periodi più brillanti dell’arte francese, da Luigi XIII all’arte moderna. Recentemente classificato 5 *, è annoverato tra gli hotel più belli del mondo.

Il palazzo del mediterraneo
Tempio delle arti e dei giochi durante i ruggenti anni Venti, appare, dal 1927 anno della sua costruzione, come il casinò più grandioso del mondo. Chiuso nel 1978, è stato solo nel 2004, dopo tre anni di lavori, che il mito dell’architettura art déco è stato riportato in vita, grazie ad un imprenditore privato che ha restaurato l’interno dell’edificio conservandone la sontuosa facciata. elencato come monumento storico. Oggi è uno degli hotel 5 stelle più belli del mondo.

memoriale
Il progetto realizzato tra il 1924 e il 1928 a Rauba-Capeù per un costo di circa 3 milioni di franchi dal Niçois Roger Séassal (1885-1969), il Grand Prix de Rome nel 1913, lo scultore parigino Alfred Janniot (1889-1969) e il imprenditori Antoine e André Groppo, è un edificio in pietra di 32 metri di Comblanchien (Côte-d’Or) costruito nelle vecchie cave scavate nel fianco della collina del castello, preceduto da una grande piazza lastricata in pietra e cinque gradini che rappresentano i cinque anni di guerra. È stato classificato monumento storico con decreto del 24 maggio 2011.

Monumento centenario
Eretto nel 1893, il monumento del Centenario commemora il decreto relativo all’unione della Contea di Nizza alla Francia e alla creazione del dipartimento delle Alpi Marittime. Di fronte alla Promenade des Anglais e al mare, si trova ai margini del giardino Albert 1er.

La testa quadrata
Immaginata dallo scultore Sacha Sosno, la “Testa quadrata” è il simbolo chiave dell’architettura contemporanea della città. Alto 30 metri e largo 14, questo monumento-scultura non è accessibile al pubblico e ospita gli uffici della biblioteca comunale Louis Nucéra.

Vecchia Nizza
Per arrivarci, attraversate Place Masséna in direzione sud … All’ingresso della Vecchia Nizza, scoprirete rue Saint-François-de-Paule, vicino al municipio, all’Opera, alla spiaggia e ai numerosi negozi. Passiamo davanti alla chiesa di Saint François de Paule, annessa a un convento dei fratelli Minimes. Nel grigiore degli edifici vicini è appena visibile. Risalente al XVIII secolo, è decorato con dipinti di Hercules Trachel. La maestosa facciata del Teatro dell’Opera di fronte è un contrasto.

Place Masséna
Il rosso delle sue facciate, i bianchi infissi, i portici e la forma squadrata della sua parte settentrionale significano l’influenza piemontese nell’architettura di questo luogo, centro della città e centro del famoso Carnevale. Una volta tagliato in due dalla paglia, ha trovato la sua unità solo nel 1884. Porta il nome di André Masséna, un patriota francese saldamente legato alle sue origini a Nizza. Sulla “fontana del sole”, inaugurata nel 1956, ci sono cinque statue in bronzo scolpite da Alfred Janniot. Rappresentano tutti personaggi della mitologia greco-romana: Terra, Marte, Venere, Mercurio e Saturno. Al centro della fontana c’è una statua in marmo di Apollo, alta sette metri. La piazza ha anche sette statue di scribi in resina bianca, a una decina di metri dal suolo. Queste statue si illuminano di notte grazie ai mutevoli effetti di luce e le trasformano in “Sitting Tatoos”, ovvero uomini traslucidi che si accendono di colori diversi a seconda del momento. Sono stati realizzati dallo scultore catalano Jaume Plensa.

Il Paillon
Il fiume separa il centro storico dal resto della città e di cui non sospettiamo più l’esistenza perché è in gran parte coperto da una serie di monumenti (Promenade du Paillon, Teatro, Museo d’Arte Moderna, Acropoli, Palazzo dei Congressi).

musica lirica
Fu costruito nel 1855 sul sito di un vecchio teatro, dall’architetto nizzardo François Aune che si ispirò all’Opera di Parigi. Il soffitto è dipinto da Emmanuel Costa, pittore mentonese. Proseguendo verso il castello, si entra nel vasto spazio di Cours Saleya. A metà del corso, scopriamo Place Pierre Gautier con la facciata a colonne dell’ex prefettura come sfondo e alla sua destra la Cappella della Misericordia.

La vecchia Prefettura
Si trova sul sito del palazzo dei duchi di Savoia e poi del palazzo del governo. Era un luogo elevato di incontri sociali del secolo scorso. Ci sono dipinti di Jules Cheret.

La Cappella della Misericordia
Considerata la più bella cappella barocca della città, la ricchezza delle sue decorazioni interne, l’originalità dei suoi volumi e le tele del Bistolfi ne fanno il capolavoro dell’architetto Vittone.

Proseguendo verso il castello fino a rue de la Poissonnerie, potrete scoprire su una facciata del 1584 un bassorilievo scolpito e dipinto raffigurante Eva e Adamo armati di mazza, soggetto profano raro all’epoca.

Chiesa di San Giaume
A pochi passi, sorge una delle chiese più antiche della città, la Chiesa di San Giaume, edificata su una cappella che risale all’anno 900. Restaurata in stile barocco, celebra e venera Santa Rita. la costruzione in pietra è uno dei motivi dell’evoluzione delle chiese romaniche verso una trasformazione nel periodo successivo in chiesa barocca.

Il Castello
È stato costruito nel 12 ° secolo. La cittadella circondava l’intera città dal 1388, quando Nizza abbandonò la tutela francese e provenzale per scegliere la dominazione sabauda. Il castello assume un’importanza strategica e gli abitanti sono costretti a stabilirsi sulle rive del Paillon. Questo accordo non riconosciuto dai sovrani francesi porterà a molti conflitti. Ritenuto inespugnabile, il castello fu preso dalle truppe francesi nel 1706 e raso al suolo per ordine di Luigi XIV.

Cattedrale di Sainte Reparate
La rue Sainte-Reparate conduce alla Cattedrale, la cui facciata barocca e la cupola con piastrelle smaltate si affacciano su Place Rossetti. La cattedrale di Sainte Reparate fu costruita nel 1649 dall’architetto Jean-André Guibert. È dedicata al santo patrono della città.

Chiesa dei Gesuiti conosciuta come “Gésu”
Costruito nel 1607 dall’architetto André Guibert che si ispirò a una chiesa romana per la sua facciata barocca, il suo interno è molto riccamente decorato. Inizia dalla rue du Gésu che si affaccia sulla chiesa fino alla rue sainte Reparate dove sei passato in precedenza e raggiungi la rue de la Préfecture sulla sinistra.

Il Palazzo Lascaris
Residenza di tipo genovese edificata nel 1648, con facciata ornata di bracieri, ghirlande con portale d’ingresso con lesene e scalone d’onore monumentale il piano terra è riservato ad attività commerciali.

Place Saint-François
Lo caratterizza un mercato del pesce che circonda una fontana decorata con delfini. È dominata dal Palazzo Comunale, antico municipio della città, attuale mercato del lavoro, raro esempio di architettura barocca civile.

La Tour e rue Pairolière
Un po ‘più in là, all’angolo tra rue de la Tour e rue Pairolière, la graziosa torre dell’orologio è l’unica vestigia di un ex convento. La rue Pairolière conduce al boulevard Jean Jaurès. Lasciamo quindi la zona pedonale per raggiungere poco più avanti nella stessa direzione la località Garibaldi. La piazza più bella della città, circondata da portici che ospitano negozi. La parte meridionale ospita la Cappella del Santo Sepolcro conosciuta come i Penitenti Bianchi. Il centro della piazza è occupato da una statua di Garibaldi, opera dello scultore Etex (nel 1891).

Place Garibaldi
Fu realizzato nell’ambito del Longlio d’Ornato, progetto urbanistico. Dal 1850 dall’architetto Conte Robilante per rendere omaggio al sovrano piemontese Vittorio Amede III. Giuseppe Garibaldi nacque a Nizza nel 1807, ardente rivoluzionario, partecipò in Sudamerica alle guerre d’indipendenza poi per l’unità italiana contro l’Impero austriaco. Combatté per la Francia nel 1871. Verso est, raggiungerai rue Catherine Ségurane, una donna del popolo di Nizza che, durante la battaglia tra Nizza Savoia e le truppe francese e ottomana (Francesco I e Frédéric Barberousse) nel 1543, si fermò fuori per la sua audacia … la leggenda, è il simbolo del coraggio e dell’indipendenza.

La Promenade des Anglais

Già nel XIX secolo gli inglesi fecero della Baie des Anges la loro località invernale preferita, dando il nome alla passeggiata più famosa del mondo, su iniziativa del reverendo Lewis Way. Conferisce a Nizza la sua identità cosmopolita ed estetica tra mare e palme. Il rapporto di Nizza con il mare è stato a lungo puramente utilitaristico e spesso segnato dalla paura. L’utilità sta nella pesca, poco produttiva per la profondità dei fondali, e nel commercio, accolto fin dalle origini nel Settecento nell’Anse des Ponchettes, priva di impianti portuali fissi. Quanto alla paura, oltre alla violenza e alla repentinità delle tempeste nel Mediterraneo, fa molto affidamento anche sull’onnipresenza dei corsari, siano essi cristiani (genovesi, provenzali, monegaschi o catalani) o barbareschi.

A partire dal XIV secolo, questo timore portò alla costruzione di una cinta muraria lungo la parte costiera della città (cioè dell’attuale Nizza Vecchia), trafitto da un’unica porta, la Porta Marina. Il XVIII secolo vide una combinazione di diversi fatti che avrebbero improvvisamente aperto la città al mare: la distruzione delle mura da parte dell’esercito di Luigi XIV nel 1706, il trasferimento delle attività commerciali al nuovo porto di Lympia dal 1751, l’arrivo dei primi svernanti britannici negli anni ’60 del Settecento, la costruzione delle Terrazze negli anni Settanta del Settecento e l’apertura della loro passeggiata sui tetti cambiò il rapporto tra Nizza e il mare. Questo cambiamento ha permesso la creazione di una passeggiata costiera interamente e originariamente dedicata al tempo libero, la prima nella storia del mondo, la promenade des Anglais.

La nuova forma di questo percorso, che non vuole portare da un punto all’altro ma solo contemplare, immobile o al ritmo lento del lungomare, l’orizzonte del mare, genera la creazione di una nuova urbanistica “panoramica” e balneare resort composto da costruzioni fronte mare e giardini esotici. Per quanto riguarda l’accesso e il servizio, sono forniti dalla route de France, rete stradale nel senso classico del termine. Le prime costruzioni ad oggi sono, dalla fine del Settecento, imponenti ville al centro di vasti giardini di cui rimangono solo due. La Villa Furtado-Heine detta degli “Ufficiali” fu costruita nel 1787, ben prima dell’apertura della Promenade, da una donna inglese, Lady Penelope Rivers. Durante l’Impero accolse Paolina Bonaparte, sorella di Napoleone e Maria Luisa, ex regina d’Etruria. Nel 1895,

L’altra villa ancora esistente fu costruita da sua figlia e suo genero, il principe d’Essling, discendente del maresciallo Masséna. È l’ultima grande villa costruita sul lungomare nel 1900, dall’architetto Tersling. Sostituì quello costruito a metà del XIX secolo per la famiglia Diesbach in stile trovatore, dove aveva soggiornato Tsarevich Nicolas prima di stabilirsi nella villa di Bermond e lì morire (1865). Nel 1919 il figlio ed erede dello sponsor quasi lo donò alla città di Nizza a condizione di trasformarlo in un museo e di aprire i giardini al pubblico. Da allora il museo Masséna è stato dedicato alla storia di Nizza. Altre ville ora distrutte includono la Villa de Orestis, costruita nel 1845, che accolse l’imperatrice vedova Alexandra Feodorovna. Allora apparteneva al principe Stirbey, un ex hospodar della Valacchia. Suo figlio ha ospitato il grande scultore Carpeaux in uno dei padiglioni. La regina Isabella di Spagna vi soggiornò nel 1882, poco prima della sua distruzione per aprire Boulevard Gambetta.

All’angolo dell’attuale rue Andrioli, evociamo la Villa Avigdor, costruita nel 1786, lungo la strada per la Francia. Alexandra Feodorovna, il re e la regina del Württemberg, il re di Baviera, Marie Baschkirtseff vi soggiornò durante il XIX secolo. Ricordiamo infine le ville lionesi, tre edifici in un grande parco, che ospitano anche grandi famiglie aristocratiche. Luigi I di Baviera vi morì nel 1868. Per quanto riguarda i primi alberghi, furono costruiti in stile neoclassico allora in voga:

Nel 1863 la strada fu allargata di due metri, la Promenade fu aumentata con una strada rialzata di dodici metri e un marciapiede di tre metri. Trenta lampade a gas lo accendono. Nel 1864 un ponte, il Ponte Napoleone e poi il Ponte degli Angeli attraversava la foce del Paillon e lo collegava al Quai du Midi (attualmente Quai des Etats-Unis). La Promenade diventa il centro della vita sociale. L’inverno, periodo quindi privilegiato della Stagione, a fine mattinata o pomeriggio, è un incessante via vai di motociclisti, carrozzine, coupé, victorias. Camminiamo, ombrellone in mano, tra le siepi di oleandri. Nel 1867 vi fu inaugurato il primo casinò di Nizza, che il Cercle de la Méditerranée, il più elegante della città, sostituì tra il 1872 e il 1884. Così, l’hotel Savoy, demolito per essere sostituito nel 1951 dall’attuale Savoy -Palazzo, è stato costruito sul suo sito. Nel 1880 l’hotel Westminster prese il posto di due ville.

Si assiste quindi ad un mutamento architettonico al termine del quale il neoclassicismo iniziale viene sostituito da tutte le varianti di un eclettismo allora in voga. Monumento rimasto nella memoria collettiva di Nizza per la sua architettura metallica, la sua costruzione su pontile, le forme eclettiche della sua architettura, la ricchezza e la diversità del suo programma musicale, il casinò della Jetée-Promenade viene aperto nel 1891. Nel 1906, la promenade des Anglais raggiunge l’ippodromo sulle rive del Var. Era l’epoca dei palazzi con la costruzione dell’Hôtel Royal (1905) e dell’Hôtel Ruhl (1913) di Charles Dalmas, e dell’Hôtel Negresco (1913) di Edouard-Jean Niermans.

Una passeggiata moderna
Guarita dalla terribile ferita della guerra 1914-1918, la Promenade des Anglais riacquista la sua elegante animazione. Dagli anni ’20, con le sue nuove attività per il tempo libero balneare e gli sport acquatici dinamici, la stagione estiva sostituì gradualmente la stagione invernale e l’americano Franck Jay Gould finanziò un nuovo casinò: il Palais de la Méditerranée, considerato uno dei capolavori dell’Arte. In stile Déco (architetti: Charles e Marcel Dalmas), inaugurato il 10 gennaio 1929. Il nuovo sindaco di Nizza Jean Médecin decise allora di dare una nuova dimensione alla Promenade. Nel 1931-1932 viene raddoppiata la corsia riservata alle auto (dieci metri ciascuna), un’aiuola di cinque metri le separa, viene realizzato e installato nuovi arredi urbani (fontane luminose, candelabri). Il marciapiede lungo hotel e ville è largo tre metri e quello che si affaccia sulla spiaggia è aumentato a sedici metri. I nuovi sviluppi (inizialmente limitati a Boulevard Gambetta) furono inaugurati il ​​29 gennaio 1931 da uno dei figli della regina

Victoria, il duca di Connaught e la duchessa di Vendôme, sorella del re dei belgi. Molte ville stanno iniziando a essere distrutte per essere sostituite da condomini spesso di indiscutibile qualità architettonica in cui prevale uno stile seducente Art Déco sotto la firma degli architetti Dikansky, Sorg o Guillot: La Couronne (1927), La Mascotte (1930), Le Forum (1932), Solemar (1934), Palais Mecatti (1937), un movimento che continuerà e si intensificherà dopo il 1945 con Les Loggias (1947), Le Capitole (1948-1959) o il palazzo Orient (1960). La distruzione del Pier-Promenade nel 1944,

Il Castello
La Colline du Château fu il sito scelto dai Greci Foceani per stabilire la loro stazione commerciale e fondò così la città di Nizza, pochi millenni fa.

Castle Hill
Oggi, un grande parco paesaggistico nel cuore della vecchia Nizza, la collina del castello prende il nome dall’imponente fortificazione che fu costruita lì e che fu distrutta da Luigi XIV nel 1706. La città medievale prese il suo posto lì prima che l’habitat non si estendesse sotto (dal XII secolo). In particolare vi erano il palazzo dei Conti di Provenza e la cattedrale, due grandi elementi della città medievale che gli scavi archeologici stanno cercando di riscoprire.

L’interesse storico del sito
Protetto sin dal XVIII secolo da una totale assenza di sviluppo urbano, il sito racchiude nei suoi sotterranei i resti della città medievale e moderna, ma anche di periodi più antichi. Se non sappiamo ancora se la città greca di Nikaïa è davvero al suo vertice, gli scavi archeologici mostrano chiaramente un’antica occupazione, risalente all’inizio della protostoria, un millennio aC. La collina è da sempre luogo privilegiato di habitat e sorveglianza di un territorio a contatto con il mare.

I resti della fortificazione
Ci sono ancora alcune vestigia dell’antica fortificazione nel parco attuale. Ma i frammenti sono così rari che i visitatori non riescono a capirne la natura, e ancor meno a visualizzare l’insieme monumentale a cui appartenevano. Va detto che la distruzione voluta da Luigi XIV, nel 1706, dell’intero sistema fortificato di Nizza (fortificazione urbana, castello e cittadella) fu estremamente radicale. Questo è il motivo per cui è sembrato particolarmente importante fornire la rappresentazione più esatta possibile.

Tags: