Ceramica, ceramica e argilla a Vallauris, Alpes-Maritimes, Francia

Vallauris è un comune francese situato nel dipartimento delle Alpi Marittime, nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. La ceramica culinaria industriale è sempre stata, nei secoli, insieme alla lavorazione della terra, l’attività principale della città. Ma all’inizio del xx secolo, diventa ceramica artistica e ceramica, con la famiglia Massier. La biennale internazionale continua a fare della città “la” città francese della ceramica.

L’espansione della frazione di Golfe-Juan è legata allo sviluppo del turismo, e soprattutto all’arrivo della ferrovia nella seconda metà del xix secolo. Personalità illustri hanno ville costruite sul fianco della collina. Dopo la seconda guerra mondiale, Vallauris conobbe un periodo molto prospero in cui si stabilirono artisti famosi, attratti dalla reputazione della città, tra cui Pablo Picasso. Ha donato alla città dell’Uomo con la pecora nel 1950 e, nel 1955, dell’affresco Guerra e Pace installato in una sala del castello che è diventata museo nazionale.

Il declino della ceramica è accelerato negli ultimi anni, con laboratori che sono passati da circa 250 negli anni ’60 a poche unità oggi. Le botteghe dedicate alla ceramica hanno tenuto il passo e sono scomparse o sono state sostituite da attività (banche, agenzie immobiliari) che di solito segnalano la scomparsa del settore commerciale urbano.

Ceramica Vallauris
La leggenda vuole che a Vallauris l’origine della ceramica risalga alla notte dei tempi. Se ne conserviamo tracce risalenti all’antichità, fu all’inizio del XVI secolo, quando la città fu ripopolata da famiglie italiane, che nacque un’importante attività ceramica fino a diventare l’attività principale della città nel XVII secolo.

La ceramica lavora poi sulla modalità dei piccoli mestieri familiari. Bisognerà attendere la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento per lo sviluppo di grandi fabbriche e l’emergere di una vera organizzazione industriale e commerciale. Così, nel 1875 e nel 1890, apparvero aziende come “The Reunited Manufacturers” e “The Gaunet Frères Company”, per combattere la dispersione delle vendite e la disparità dei prezzi. Molto presto le ceramiche tradizionali note come “terraille” venivano esportate a dorso di mulo, dove i pinoli sono la produzione più comune.

La fine del XIX secolo corrisponde allo sviluppo delle ceramiche culinarie esportate da Golfe-Juan via terra e via mare. Vallauris è specializzata in utensili da cucina (pentola rotonda, con una coda, bassa; pentola rotonda, ecc.) Semplicemente rivestiti con una vernice incolore.

Intorno alla metà del XVIII secolo, una sottoveste marrone, arancione o bianca copre parzialmente i pezzi. Contemporaneamente compare la cosiddetta decorazione “maculata”, costituita da spruzzi di engobbi di diverse tonalità.

Intorno al 1920, la Société Générale offrì tre tipi di finitura: ceramica “ordinaria” (esterno in terra cruda e interno smaltato di rosso o giallo chiaro), ceramica “verniciata” (esterno smaltato giallo dorato e interno smaltato rosso o giallo. Trasparente), ” ceramica “marmorizzata” (esterno smaltato giallo limone con marmorizzazione e interno smaltato rosso o giallo chiaro). Tradizionalmente, queste ceramiche hanno sulla pancia un numero corrispondente a misure ancestrali derivate dal piede e dal pollice.

Al fine di ridurre i rischi di avvelenamento legati all’alquifoux (vernice al piombo), la Società Industriale creò negli anni ’20 una Ceramica Igienica (verde all’esterno e bianca all’interno) in cui lo smalto è privo di piombo. Allo stesso modo, negli anni ’30 e ’50, Baptistin Georgis creò ceramiche smaltate senza piombo.

L’industria culinaria
Sebbene le argille refrattarie di Vallauris abbiano innegabili qualità per la produzione di ceramiche culinarie, ad oggi, nessuna traccia di attività della ceramica è stata trovata nella regione di Vallauris prima dei tempi moderni. Non si conoscono ceramiche antiche o medievali realizzate nella caratteristica argilla di Vallauris.

Solo nel XVI secolo 70 famiglie del quartiere genovese, tra cui vasai, ripopolano il borgo devastato dalla peste. La produzione locale si è poi sviluppata nonostante la mediocrità dei mezzi di comunicazione. Si scende dalla “terraille” a dorso di mulo fino alla riva del Golfe-Juan dove si imbarca su tartanes (barche a fondo piatto).

Alla fine del XIX secolo, l’arrivo della ferrovia consente la massiccia espansione della produzione. Le piccole officine si trasformano in vere e proprie fabbriche e compaiono aziende che raggruppano sotto un nome collettivo diversi produttori per lottare contro la concorrenza. Questi membri segneranno l’inizio della piccola industria.

Crisi e rinnovamento
All’inizio del XX secolo, come in altri centri ceramici francesi, la ceramica culinaria inizia a declinare, concorrenza dei contenitori di metallo. La crisi economica della fine degli anni ’30 e l’arrivo di materiali più appropriati (alluminio, ghisa, acciaio inossidabile, ecc.) Allontanarono la ceramica dalla sua funzione utilitaristica e, verso la fine degli anni ’40, iniziò uno sviluppo completamente diverso: la ceramica artistico.

Questo movimento artistico è presente dalla fine del XIX secolo con la famiglia Massier. Clément, Delphin e Jérôme hanno introdotto smalti colorati e pigmenti metallici nelle loro ceramiche.

Nel 1930, Jean Gerbino (1876-1966) aprì un laboratorio in cui creò numerosi pezzi di ceramica utilizzando il suo esclusivo processo a mosaico di terre colorate. Ma è nel 1947, con l’arrivo di Picasso e la sua sorprendente produzione di ceramiche realizzata presso il laboratorio di Madoura, che l’immagine di Vallauris come centro tradizionale della ceramica lascia definitivamente il posto a quella di una città in cui si incontrano artisti. e artigiani.

Picasso a Vallauris
Nel 1948 Picasso si trasferì a Vallauris, dove rimase fino al 1955. Durante questi anni, Picasso realizzò molte sculture e dipinti, tra cui Guerra e Pace, una delle opere maggiori di questo periodo. Ha inoltre intrapreso un’intensa produzione ceramica, rinnovando e sconvolgendo profondamente il linguaggio creativo in questo campo.

Fu nel 1946, durante la visita alla mostra annuale dei vasai di Vallauris, per caso di un incontro con Suzanne e Georges Ramié, titolari di una fabbrica di ceramiche, la bottega di Madoura, che Picasso, curioso di tutto, realizzò le sue prime prove ceramiche. Decide quindi di dedicarsi a questa attività che gli offre nuove prospettive creative grazie alla plasticità della terra e alla magia della cottura, che svela i colori abbaglianti dello smalto e la brillantezza delle vernici.

Fu in questo periodo (1946) che Sima, che praticava la ceramica a Vallauris, portò lì Picasso, che in seguito lavorò con il Ramié alla ceramica Madoura, una ceramica dove Sima produsse una serie di suggestivi ritratti di Picasso. Francoise Gilot e Michel Sima testimoniano questo periodo nel film di “Christian Tran, Picasso e Sima, il modellatore dell’amicizia, produzione Artis, Lyon TV, 2009, 58 min”:

“Quell’anno, nonostante tutto, è dove abbiamo visto per la prima volta anche i Ramiers. I Ramiers di Madoura ceramiche. Anche con Sima. Sima ha avuto un’intuizione straordinaria perché ha comunque anticipato che Picasso potrebbe forse fare la ceramica. È davvero straordinario e non era scritto nelle stelle che vedi “. F. Gilot

“Per alcuni giorni sono scomparso, quindi Picasso si è sorpreso di non potermi vedere, ma sono tornato un po ‘a Vallauris (…) ci ho lavorato molto. Siamo andati a Vallauris e gli ho mostrato le ceramiche “. Signor Sima

La ceramica accompagna da sempre il lavoro di Picasso, nativo di Malaga, importante centro della ceramica ispano-moresca. Tuttavia, la sua ricerca è rimasta confidenziale fino alla sua installazione a Vallauris.

La sua pratica non è ortodossa. Picasso – scultore – plasma fauni e ninfe nell’argilla, affonda la terra come si fa il bronzo, decora instancabilmente piatti e piatti con i suoi temi preferiti (corrida, donna, gufo, capra …), utilizza i mezzi più imprevisti (frammenti pignate, casette, materiale da forno o mattoni rotti), inventa paste bianche che sono ceramiche non smaltate decorate con elementi in rilievo. La ceramica non è affatto un’arte minore per Picasso.

Nel laboratorio di Madoura, utilizza opere create da Suzanne Ramié e prodotte dal laboratorio. Le forme della bottega di Madoura sono forse ritoccate, ancora fresche, da Picasso che le completa con una decorazione pittorica, aggiungendo all’abilità del vasaio il tocco espressivo dello scultore e del pittore. decora anche forme ricavate da disegni preparatori.

Dal 1946 al 1971 Picasso ha prodotto quattromila opere originali. Secondo la sua volontà verranno pubblicate alcune ceramiche (sono stati così pubblicati 633 modelli con stampe che vanno da 25 a 500 copie). Sceglie i modelli per l’edizione con Suzanne e Georges Ramié, decide con loro la quantità di ogni stampa e ne cura la realizzazione tecnica. Madoura avrà l’esclusiva della produzione e distribuzione delle edizioni.

Voleva che queste ceramiche modificate avessero un uso quotidiano mentre si apre ad André Malraux:
“Ho preparato i piatti, possiamo mangiarci sopra.”

Attirò la sua attenzione anche un’altra tecnica, l’incisione su linoleum, che praticò con lo stampatore Hidalgo Arnera (1922-2007) e, dal 1963, con Aldo e Piero Crommelynck. I primi lavori furono prodotti per manifesti di corse di tori o per mostre di ceramica in città. Lo trasformò rapidamente in un vero e proprio mezzo di espressione con un’enfasi sui colori.

L’eccezionale reputazione di Picasso produce un effetto di attrazione intorno alla piccola città di Vallauris. Molti designer vengono a stabilirsi in città o nei suoi dintorni e conoscere la ceramica. Questo entusiasmo e il ruolo centrale di Picasso spiegano la rinascita della ceramica Vallauris negli anni ’50, che viene presentata come l’età d’oro di Vallauris.

Una nuova età dell’oro
All’inizio degli anni ’50, architetti e artisti delle scuole di belle arti convergono a Vallauris. L’arrivo di Suzanne Ramié, André Baud, Roger Capron, Alice Colonieu, Robert Picault, Jean Derval, Henri Grailhe, Robert Pérot o Juliette Mazaudois segna la rinascita della ceramica locale. La prima mostra dei vasai di Vallauris nel 1946, organizzata dalla bottega Madoura, André Baud e dalla bottega Callis (Capron e Picault), è il punto di partenza di una nuova era caratterizzata da una grande diversità di stili.

La nuova ondata di artisti crea in libertà, si oppone a tutti i conformismi, applica i principi cardine del modernismo dove si mescolano forme espressioniste e sensibilità mediterranea. Emergono due tendenze generali, l’interesse per i soggetti animali e quello per le decorazioni geometriche. La convivenza tra artisti “importati” e ceramisti tradizionali sarà comunque sempre conflittuale e si formeranno due clan ben distinti.

La presenza di Picasso a Vallauris amplifica il movimento e attrae altri artisti, pittori e scultori venuti per cimentarsi con la ceramica. Picasso stimola, attraverso il suo potere creativo, l’emergere di veri ceramisti. Uno spirito innovativo soffia a Vallauris. Il primo concorso nazionale di ceramica nasce nel 1966 con l’obiettivo di affermare e mantenere la qualità della produzione. Si moltiplicano le mostre, dedicate alla storia delle arti del fuoco, la prima biennale viene organizzata nel 1968.

I vari ceramisti della città sono tutti ottimi tecnici e appassionati ricercatori. Tra questi emergono i nomi di André Baud, Roger Capron, Marcel Giraud, Robert Picault, René Maurel, Henri Grailhe, Ozère, Juliette Laurent-Mazaudois, Max Boissaud, Les Archanges (Gilbert Valentin), La poterie du Grand Chêne (Odette Gourju) e Lubina Naumovitch), Jacques Innocenti, Juliette Derel, Les Argonautes (Isabelle Ferlay e Frédérique Bourguet), Eugène Fidler, Alexandre Kostanda, Gilbert Portanier, François Raty, Jean Derval, theGreen Carpet workshop, Gabriel-Sébastien Simonet noto come “Sébastien”.

A poco a poco, le loro personalità si staccano dall’influenza di Picasso. Intorno al 1972, la ceramica vallauriana era in piena espansione. Dopo il passaggio di Picasso (morto nel 1973), Vallauris rimane un centro di ceramiche artistiche e pezzi unici. Grandi nomi come Boncompain, Roger Capron, Roger Collet, Jean Derval, Robert Picault, Gilbert Portanier, Francine Del Pierre, Jaque Sagan, Marius Musarra, Olivier Roy, Gilbert Valentin, Albert e Pyot Thiry, tengono i loro laboratori in città.

Tuttavia, la dissolutezza dei prodotti e degli oggetti decorativi per i turisti spesso maschera questa vena creativa.

Tra le innumerevoli fabbriche che hanno firmato collettivamente ‘Vallauris’, senza identificarsi, troviamo interessanti opere, caratterizzate da coperture del tipo ‘sea foam’, che richiamano la ‘grassa lava’ delle ceramiche industriali tedesche degli anni ’60 e ’70. L’attenzione esclusiva ai grandi nomi di Vallauris nelle pubblicazioni maschera, ahimè, questi contributi rimasti anonimi, o che utilizzavano un timbro generico, come quello di Jérome Massier, sotto la direzione di Maunier, negli anni ’60. collettivi, non rivendicati da personalità artistiche, meritano tuttavia di essere riconosciuti per il loro contributo alla reputazione di Vallauris come centro ceramico mondiale, per il loro contributo di modernità e di spirito sperimentale popolare accessibile a tutti.

Influenze
Erede di una lunga tradizione ceramica legata a un sottosuolo ricco di argille, Vallauris si distingue da molti anni grazie alla ceramica culinaria. È solo alla fine del XIX secolo che la ceramica artistica si affianca a questa produzione tradizionale. Questo fu introdotto in particolare dalla famiglia Massier … Nel 1948, l’arrivo di Picasso nella città dei vasai e la sua sorprendente produzione contribuirono in gran parte al rilancio di questa attività. Ha anche incoraggiato l’installazione a Vallauris di molti artisti venuti anche per conoscere le “arti del fuoco”. Sono gli anni ’50 che la ceramica di Vallauris vive la sua “età dell’oro”, periodo durante il quale assistiamo all’avvento di grandi nomi come Roger Collet, Gilbert Portanier, Roger Capron, Jean Derval … Oggi,

Gli anni Cinquanta segnano un definitivo punto di rottura con la produzione tradizionale in declino, a favore di una produzione artistica in forte espansione. Sappiamo che anche prima dell’arrivo di Pablo Picasso, Vallauris aveva accolto nuovi candidati ceramisti provenienti da altri orizzonti. Secondo la loro stessa testimonianza, vivevano separati dai vasai che non ammettevano il loro modo di vivere. Questi artisti furono poi chiamati Roger Capron, Jean Derval, Robert Picault, tutti e tre della School of Applied Arts di Parigi.

La presenza di Picasso amplierà notevolmente questo movimento. La popolarità del pittore attira una folla di curiosi, dilettanti e Vallauris, in piena effervescenza, beneficia di un pubblico mondiale attirando così altri artisti tra cui Gilbert Portanier e Roger Collet.

Lo stile vallauriano come le opere di tutti sono il risultato di individualità molto marcate e il frutto di una ricerca personale. Alcuni si concentrano sull’aspetto pittorico, altri lavorano sulla magia dei colori, altri ancora sui volumi. È tuffandoci nel cuore della città che scopriamo questi piccoli laboratori dove gli artisti gestiscono il suolo con talento.

Musei
Il castello di Vallauris, ex priorato dell’abbazia di Lérins, ricostruito nel XVI secolo è uno dei rari edifici rinascimentali della regione. Ospita il Museo Nazionale Picasso “Guerra e Pace” nella cappella romanica, il Museo Magnelli e il Museo della Ceramica.

Il Museo Magnelli
Il castello di Vallauris ospita collezioni dedicate al pittore fiorentino Alberto Magnelli e alla ceramica. Alberto Magnelli (1888-1971) contemporaneo di Picasso, Alberto Magnelli (1888-1971) è un pittore italiano, pioniere dell’arte astratta. Durante la seconda guerra mondiale si rifugiò a Grasse dove visse dal 1940 al 1970.

Il museo ospita vari aspetti della ceramica vallauriana di ieri e di oggi: opere premiate alle biennali ceramiche dal 1968, e oggetti della tradizione culinaria ceramica, anticamente denominata terraille, costituiti da pignate e padelle, presentati nell’antica cucina dei monaci di Lérins.

Il museo nazionale picasso “guerra e pace”
Il Museo Nazionale Picasso della Guerra e della Pace si trova nell’antica cappella romanica (XII secolo) del priorato. I visitatori possono ammirare il lavoro di Picasso su Guerra e pace, prodotto nel 1952.

Poesia di argilla
Gli scambi tra Vallauris e il Giappone fanno parte di una lunga storia di quasi settant’anni. Dal 1951, Vallauris ha ospitato una mostra Contemporary Ceramics from Japan nella sala Nerolium, in parallelo con la mostra annuale dei vasai della città. Questo evento è stato organizzato su iniziativa di René Grousset, allora direttore del museo Cernushi dove è stato presentato per la prima volta. È la prima mostra del dopoguerra ad essere mostrata in un paese occidentale da ceramisti giapponesi contemporanei. Dopo che l’influenza delle arti del Giappone, molto significativa nella seconda metà dell’Ottocento, vacillò all’inizio del secolo successivo, a partire dal 1945, emerge un nuovo movimento giapponese.

Dal 1970 la partecipazione di artisti giapponesi alla Biennale Internazionale della Ceramica d’Arte, coronata da numerosi premi, ha permesso la scoperta di nuove tecniche e materiali associati ad un’estetica moderna. Tra i ceramisti giapponesi selezionati figurano eminenti attori del revival della ceramica giapponese come Suzuki Osamu e Hayashi Yasuo. La Biennale Internazionale della Ceramica d’Arte ha così svolto un ruolo preponderante nella promozione in Francia dell’avanguardia giapponese nel campo della ceramica.

Questi scambi culturali hanno anche preso la forma di mostre organizzate nello spazio Grandjean, tra cui la mostra inaugurale del luogo nel 1990 e la creazione del festival Japan Aurea, Manga e Asian Culture nel 2007.

Le opere presentate, scelte dalla vasta collezione del Museo Magnelli, museo della ceramica, catturano cinquant’anni di creazione giapponese nella sua diversità e ricchezza. Rivelano un delicato equilibrio tra modernismo delle forme e rispetto della tradizione negli approcci tecnici e attaccamento alla materia. Questa selezione sottolinea l’approccio specifico della ceramica giapponese dove l’argilla è, più che un supporto, un linguaggio plastico attraverso il quale si esprime una grande sensibilità poetica.

Progetti

Visite ai laboratori di ceramica
I vasai di Vallauris ti danno il benvenuto nei loro laboratori per aiutarti a scoprire il loro know-how. Eseguiranno riprese e dimostrazioni di decorazioni davanti ai tuoi occhi e ti spiegheranno le diverse tecniche di produzione. Un laboratorio diverso da visitare ogni giorno.

Corsi di scoperta in tecniche ceramiche
L’Ufficio del Turismo organizza, in collaborazione con la Scuola Comunale di Belle Arti, diversi cicli di scoperta e perfezionamento nelle diverse discipline che interessano questo know-how che ha reso innegabile la reputazione di Vallauris nel mondo. Questi corsi sono rivolti a bambini e adulti e sono un modo meraviglioso per migliorare le loro vacanze. Raku, riprese, scultura, modellismo, decorazione, arti plastiche… tante tecniche da scoprire o migliorare con insegnanti la cui reputazione è ben consolidata sia per il loro talento artistico che per le loro capacità di insegnamento.

Tags: