Six-Fours-les-Plages, Costa Azzurra

Six-Fours-les-Plages è un comune francese situato ai margini del Mediterraneo nel dipartimento del Var, nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Fa parte della metropoli mediterranea di Tolone Provenza. Il suo territorio, geograficamente privilegiato sebbene soggetto a un importante maestrale, è caratterizzato da un’importante parte boschiva e da un’urbanizzazione concentrata sulla costa e attorno al forte di Six-Fours. Quest’ultimo si trova su una notevole collina e protegge il porto di Tolone, che circonda la città.

La città offre diversi punti di interesse. Il forte sulla collina che domina la città confina con una cappella dell’XI secolo, San Pietro “collégiale”. Ci sono anche belle spiagge dalla famosa “spiaggia brutale”, famosa per il windsurf fino alla baia segreta nel massiccio del Sicié. L’Île des Embiez è il sito di un centro di ricerca oceanografica, e l’Île Gaou più piccola è il luogo dove vengono organizzati concerti ogni estate.

Geografia
Six-Fours si trova tra i comuni di Ollioules, Sanary-sur-Mer e La Seyne-sur-Mer. Forma con La Seyne-sur-Mer e Saint-Mandrier una penisola che avanza nel Mar Mediterraneo e protegge il porto di Tolone. La protezione offerta alla base navale spiega le numerose opere militari presenti nella città (Fort de Six-Fours, batterie di Cap Nègre e Cap Sicié). La sua costa è esposta a ovest, rendendola molto sensibile agli episodi di Maestrale le cui raffiche possono facilmente superare i 100 km / h nei periodi più violenti. Le isole Embiez e Gaou segnano l’estremità sud-ovest della città e costituiscono preziose riserve naturali e una popolare destinazione turistica. Il Cape Sicié costituisce la punta meridionale del comune,

Storia
Da un semplice borgo situato sulla collina del forte e circondato da un’imponente cinta muraria composta da diverse torri (da cui la sua toponomastica), la città vide la sua popolazione aumentare dagli anni ’60 con lo sviluppo del turismo. successiva urbanizzazione. Oggi è sia un sobborgo residenziale di Tolone che una stazione balneare apprezzata per il suo patrimonio naturale.

Periodo greco-romano
Le tracce più significative dell’era greco-romana sono state rinvenute nella località: la Cittadella, nella frazione di Brusc. Questo luogo, che si affaccia sul porto di Brusc, è stato sovra-urbanizzato dalla seconda guerra mondiale. Si potevano ancora vedere i resti di fortificazioni (un muro solido di oltre un metro di spessore). Vi furono rinvenute monete massaliote, greche e romane, ma anche oggetti in bronzo, ceramiche sigillate, vetro, ossa, macine di mulini a braccio in basalto e oggetti in ferro e piombo.

Nel 1953 scoprimmo, per caso, una galleria sotterranea sotto la strada per la Cittadella. In realtà sono le basi di un acquedotto che probabilmente riforniva Le Brusc di acqua potabile e riforniva le navi. La costruzione di questo edificio può essere attribuita solo ai Greci della colonia Massaliote. Altri oggetti trovati durante gli scavi circostanti testimoniano l’importante attività di questa colonia greca.

Tauroies – Tauroentium: la posizione di questa colonia Marsiglia Marsiglia è stata oggetto di vari litigi tra archeologi. Tuttavia, le scoperte subacquee dimostrano che era ben posizionato a Brusc. Marsiglia, alleata della Pompée durante la prima guerra civile, Cesare ne fece la sede e la prese in 49 av. Per rappresaglia, la cittadella di Tauroentium fu distrutta.

L’importanza strategica di questo posto avanzato a Marsiglia è quindi ben giustificata. Resta comunque da evidenziare l’Acropoli (luogo di fuoco sacro e sacrifici) poiché la fondazione di una colonia greca è stata fatta secondo un preciso rito religioso. Sfortunatamente, nessuna traccia è stata evidenziata. L’acquedotto rimane sepolto ed è visibile solo quando si attraversa un caffè.

Civiltà gallo-romana: moltissime scoperte (detriti di mosaici, tombe con piastrelle, ceramiche sigillate rosse, ceramiche campane, macine, fiale di vetro …) sono state fatte sulle abitazioni di Six-Fours: il frutteto, le crotte, Lerys, Petugue, Sauviou, Playes (grande villaggio gallo-romano), Calade, Pépiole (vicino alla cappella).

A causa della profusione di costruzioni, è probabile che molte ricerche e tracce del passato rimangano per sempre nel terreno. Ma queste scoperte all’inizio del xx secolo sono comunque significative per l’attività gallo-romana.

Medioevo
La Gallia all’inizio del IV secolo fu testimone di un importante sviluppo religioso. Trenta vescovi nel 313 e circa 360 sulle coste del Mediterraneo furono costruiti i conventi. In tal modo l’influenza romana si attenua e lascia il posto a un mondo cristiano. Si noti che i primi vescovi di Tolone, sono augurali tra il 441 e il 450 e Honoré esisteva nel 450. I Visigoti (nel 412) fecero incursioni in Provenza, poi negli Ostrogoti e nei Franchi.

In questa regione, fu gradualmente creata una civiltà originale che mescolava le tradizioni romane e le usanze degli invasori nordici. Ma l’uso del latino si perde, il potere religioso degrada la miseria e aumenta la barbarie. La Provenza, del 771, è inclusa nel Sacro Romano Impero e rimane legata al XIV secolo.

La morte della regina Giovanna I aprì una crisi di successione a capo della contea di Provenza, le città dell’Unione di Aix (1382-1387) a sostegno di Carlo di Durazzo contro Luigi I d’Angiò. La comunità di Six-Fours sostiene Duras fino al 1386, quindi cambiò parte per unirsi agli Angioini attraverso la paziente negoziazione di Marie de Blois, vedova di Luigi I e reggente del figlio Luigi II. La resa di Aix potrebbe anche svolgere un ruolo nel volto della comunità.

Turismo
In Provenza, ai margini del Mediterraneo, Six Fours les Plages, città turistica, meta sportiva e balneare, vi dà il benvenuto tutto l’anno.

Dalla punta di Cap Nègre, passando per la penisola di Gaou al sito eccezionale della foresta protetta di Cap Sicié. Vieni a scoprire 19 km di coste alternate a spiagge, calette segrete per la felicità di tutti. Per sfruttare appieno questi magnifici panorami, entra in acqua (paddle, windsurf, jet …) o sott’acqua (immersioni subacquee) in sicurezza.

Dal Brusc imbarcarsi in un arcipelago paradisiaco, la famosa isola di Paul Ricard: Les Embiez, soprannominata l’isola dei fiori, l’isola è anche nota per la sua azione in materia di protezione dell’ambiente marino.

Gli amanti della storia saranno sedotti dalla collegiata di Saint-Pierre, unica traccia del villaggio feudale di Six Fours, dalla cappella di Pepiole nel suo caso di ulivi e viti e dalla cappella di Notre Dame du Mai che domina e domina la massiccio del Cap Sicié. Six Fours, che ha vissuto a lungo al ritmo delle sue 120 frazioni, vi accoglie oggi attraverso i suoi mercati provenzali e i suoi numerosi eventi tra cui il festival bouillabaisse che si svolge sul pittoresco Port du Brusc e le sue cime.

Six Fours è anche una destinazione per il tempo libero in cui è possibile praticare molte attività familiari, tra mare e foresta (parco avventura tra gli alberi, mountain bike, equitazione …).

Patrimonio culturale

Cappella della Madonna di Pepiole
Cappella preromanica a 3 navate e absidiole, restaurata nel 1956 da padre Charlier.

Cappella della Madonna di maggio
Cappella oggetto di pellegrinaggi costruita nel 1625. Impressionante vista sul mare aperto e sulla costa.

Chiesa di Saint Pierre du Brusc
Costruito su iniziativa di Jules de Greling nel 1873 e completato nel 1874. La famiglia Landowski vi dipinse l’affresco del coro nel 1942, le Stazioni della Croce nel 1960 e le vetrate nel 1973.

Istituto oceanografico Paul Ricard
La missione del Paul Ricard Oceanographic Institute è di contribuire alla conoscenza e alla protezione dell’ambiente marino nel Mediterraneo. Il museo sostiene azioni di sensibilizzazione …

Collegiata di Saint-Pierre
Questo monumento storico elencato si trova a 210 metri in cima alla collina di Vieux Six Fours. Parte romanica dell’XI secolo, campanile del XIII secolo ed estensione gotica nel 1608.

Cappella di Sainte Cécile
La cappella di Sainte Cécile, in stile romanico, è stata inaugurata da Paul Ricard il 16 luglio 1992.

Batteria Cap Nègre
La prima batteria fu riorganizzata sotto Louis Philippe 1er (1846-50). Sede della mostra.

Patrimonio architettonico civile
La villa Cécile, proprietà privata chiusa al pubblico, che faceva parte nel xvii secolo di un dominio più ampio che raggruppava terreni agricoli e boschi e che apparteneva alla confraternita Su Saint Esperit. L’architettura del palazzo è di ispirazione italiana. Nel notevole parco botanico che circonda la proprietà, vengono coltivate rare palme, in particolare arcontophoenix. Nel parco esiste ancora una caccia al tè.
La villa Saint Ange (1933), route de la Lecque, costruita dall’architetto Barry Dierks su commissione di Hedwige d’Ursel. Membro dell’alta aristocrazia belga, protettore dei bambini reali Albert e Baudouin durante l’occupazione, intimo di molti capi incoronati d’Europa, Edvige di Ursel, contessa del Sacro Impero inviterà l’ex imperatrice d’Austria e i suoi figli a trascorrere il estate del 1937 a casa sua. Proprietà privata chiusa al pubblico.
Il faro del Grand Rouveau.
Il trasmettitore di Cape Sicié con una torre radio alta 82 metri.

Patrimonio militare
Costruito nel xix secolo, il Forte dei Sei-Quattro (alt. 210 m) domina la città. È usato come centro di ascolto militare per l’area del Mediterraneo e come centro operativo per l’aeronautica navale.
La batteria Cap Nègre, costruita tra il 1846 e il 1850.
I fortini risalenti alla seconda guerra mondiale si trovano lungo tutta la costa (da Capo Sicié a Brusc in particolare) e ad ovest del forte di Six-Fours (terreno militare, accesso limitato).

Patrimonio religioso
La cappella di Notre-Dame de la Pépiole. Questa cappella, composta da pietre rosa, gialle e grigie, due affascinanti campanili e tre “absidiole”, si trova nel mezzo di un sito meraviglioso: un paesaggio fatto di pini, cipressi, ulivi, viti e ginestra sullo sfondo della montagna di Tolone. Le sue tre primitive cappelle romaniche, originariamente indipendenti, furono riorganizzate in un unico luogo di culto dal piercing di grandi archi laterali di pietra blu. Statua interna del xvii secolo Nostra Signora di Pépiole. Questa piccola cappella rurale dipendeva dal vescovato di Tolone prima di essere integrata nel terroir di Six-Fours. Risale al V o VI secolo (periodo merovingio), rendendolo uno degli edifici cristiani ancora in piedi tra i più antichi di Francia. Fu ampliato nell’XI o XII secolo.
La collegiata di Saint-Pierre, adiacente al forte di Six-Fours, è costituita da un originale edificio romanico del XIII secolo che fu ampliato all’inizio del xvii secolo da un edificio gotico. Dalla sua posizione, si ha uno straordinario panorama sui porti di Tolone e Sanary. Questa chiesa appartenne a lungo all’abbazia di Montmajour, poi passò al monastero di Saint-Victor di Marsiglia. Si notano una dozzina di dipinti, tra cui un trittico, un magnifico polittico attribuito a Louis Brea e “Discesa dalla croce” della scuola fiamminga (fine del xvii secolo). Ospita anche diverse statue, tra cui una bellissima statua della Vergine (ma erroneamente attribuita a Pierre Puget). La chiesa è oggetto di argomento storiografico: secondo l’opera più frequente la chiesa fu costruita su una chiesa primitiva del V o V secolo (essa stessa forse seduta sulle rovine di un tempio greco-romano). Altri confutano queste origini e si attengono a una prima chiesa romanica del XII secolo (vedi Bibliografia. Western Heritage Notebook Var n. 11 (2007) e n. 13 (2010)).
La cappella di Notre-Dame-du-Mai, costruita in riconoscimento delle guardie risparmiate dai fulmini nel 1625 nella loro Torre di Guardia. Il coro della cappella Notre-Dame-de-Bonne-Garde, che si affaccia su Capo Sicié, si trova nella città di Six-Fours (il resto dell’edificio si trova nella città di La Seyne-sur-Mer).

Patrimonio ambientale
Cap Sicié, a ovest che ha trovato l’arcipelago di Embiez e il villaggio di pescatori di Brusc, e ad est di La Seyne-sur-Mer. Questa avanzata nel mare è rinomata per il suo aspetto selvaggio e il suo ambiente marittimo. Sulla sua cima è eretta (a 357 m) la cappella di Notre-Dame-du-Mai, o la Guardia; protegge molti ex voto, in riconoscimento della vita dei marinai risparmiati dal mare.
La laguna di Brusc, classificata come area Natura 2000.
Cap Nègre e il parco mediterraneo costruito su una parte di esso.

Massiccio del Capo Sicé
Foresta mediterranea su terreno scisto (picco a 350 m) gestita dall’Ufficio Nazionale delle Foreste, che si estende tra Brusc (Six Fours) e Fabrégas (La Seyne) di 1600 ha Da scoprire soprattutto in primavera e in autunno. Molte specie di piante, alcune protette: cisti, querce da sughero, ginestra, pini d’Aleppo, ginepri … Ci sono molti sentieri escursionistici, non esitate a ottenere mappe IGN (in vendita presso la nostra reception) o guide topo (in vendita al solito punti vendita).

Punto Di Vista Del Collegiale Saint Pierre
Situato sulla cima della collina di Vieux Six Fours, la collegiata di Saint Pierre è un monumento storico risalente al periodo romanico. Beneficia quindi di un panorama eccezionale che spazia dalla città dei Six Fours fino al porto di Tolone.

Le isole
L’arcipelago di Embiez è ora ben noto al grande pubblico grazie al suo fondatore Paul Ricard. L’isola di Embiez è anche chiamata “L’isola dei fiori”. Un piccolo paradiso in terra.

Le isole di Petit e Grand Gaou spesso chiamate semplicemente “le Gaou” sono molto popolari tra i locali e i turisti che amano andare lì per un picnic con la famiglia o con gli amici, o giocare a bocce sotto i pini.

Gaou Island
Le isole di Petit e Grand Gaou spesso chiamate semplicemente “le Gaou”. L’isola di Gaou, si trova nell’estensione del porto di Brusc, di fronte all’isola di Embiez. Questo piccolo paradiso è accessibile da una passerella. È molto popolare tra i locali e i turisti che amano andare lì per un picnic con la famiglia o con gli amici, o giocare a bocce sotto i pini. Questi famosi pini scolpiti dal vento noti come pini anemomorfi.

Piccolo angolo sotto gli alberi, piccole spiagge, ampi spazi per giocare a palla, la penisola è abbastanza varia e tutti trovano piacere lì. Con il brutto tempo, Gaou ha anche una piccola somiglianza con la Bretagna, e questo non ci dispiacerà.

La costa di fronte al mare presenta piccole scogliere e acque turchesi. è bene atterrare sulle panchine per ammirare il paesaggio, il tramonto o scattare foto. È possibile nuotare nella parte dell’isola che si affaccia sull’Embiez. L’acqua è poco profonda e quindi ideale per le famiglie.

Il Festival des Voix Du Gaou, un festival di musica all’aperto contemporanea dove si sono esibite grandi star internazionali, si è tenuto poco tempo fa. Di recente, il Pointu Festival ha incontrato la musica e gli amanti dei luoghi a luglio. Questo festival è gratuito e offre, come suggerisce il nome, un avanzato programma indie / rock.

La sua superficie marittima si trova nell’estensione del porto di Brusc all’isola di Gaou. L’acqua è calma come un lago e poco profonda. Questo ambiente naturale è doppiamente protetto dall’area Natura 2000 e dal Conservatoire du Littoral. La laguna è un terreno fertile per le specie, un vivaio per pesci e ospita una flora marina diversificata tra cui l’erbario di Posidonia. Questa zona è quindi vietata per la navigazione a motore, l’ancoraggio, il calpestio e la pratica del windsurf.

L’isola di Embiez
Un’isola da sognare, un’isola da sfuggire … L’arcipelago di Embiez comprende l’isola di Embiez, le isole Petit e Grand Rouveau e le rocce dei magnoni.

Embiez Island, un’isola per sognare: allontanarsi da tutto, riposare, festeggiare, divertirsi, stare insieme, Les Embiez è a la carte. Con il 90% delle specie naturali del Mediterraneo, l’isola di Embiez è ricca di flora e fauna abbondanti. Il suo lato selvaggio è sia il più sorprendente che il più apprezzato: calette segrete, scogliere, pinete e macchia, fiori e viti. A piedi, in bicicletta o sul trenino, le viste spettacolari dell’isola e la sua naturale diversità sono un’esperienza unica … Sito di fama internazionale per i navigatori, i sub e gli amanti del mare, l’isola è anche conosciuta per il suo Paul Ricard Oceanographic Institute che ospita un acquario.

Conservata dal cemento, favorendo le modalità di viaggio morbide, l’isola è una vera oasi di verde e insenature selvagge che ospitano il 90% delle specie vegetali mediterranee ed è un rifugio per gli uccelli. L’arcipelago di Embiez ha classificato l’area Natura 2000. La rete Natura 2000 è un insieme di siti naturali europei, terrestri e marini, identificati per la scarsità o la fragilità di specie selvatiche, animali o vegetali e dei loro habitat. Natura 2000 concilia la conservazione della natura e le preoccupazioni socioeconomiche. In Francia, la rete Natura 2000 comprende 1.758 siti.

I due fratelli
I 2 fratelli sono due gemelli a forma di pagnotta di zucchero situata ad est di Cap Sicié. Con una presenza sorprendente, sono la fonte di molte leggende che ancora perseguitano le onde … Questa è “la storia”: 2 fratelli hanno trovato una sirena ferita una sera sulla spiaggia … L’hanno trattata e si sono innamorati follemente. Nella loro follia, si sono uccisi a vicenda. La sirena, prima di riguadagnare le onde, implorò Poseidone di lasciare loro una forma apparente in memoria della loro passione. Il dio del mare ha eretto lì le 2 rocce.

Spiagge
Calette di Gaou
Calette sabbiose paradisiache e ghiaia accessibili da una passerella pedonale nell’estensione del porto di Brusc. L’acqua è cristallina ed è bello mettersi all’ombra dei pini anemomorfi.

Coucoussa Creek
Ai piedi della collina Coucoussa dove si trova la Torre Marina, una piccola spiaggia di ciottoli con acqua cristallina, ben protetta dal vento, un accesso un po ‘ripido. Magnifico panorama sul mare aperto e sulla costa.

Rix Beach
Insenatura selvaggia con acque limpide. Accesso sportivo, percorso molto ripido.

Croisette Cove
A sinistra della spiaggia di Gabrielle, un susseguirsi di insenature e spiagge di ghiaia selvaggia che offrono una vista superba dell’isola di Grand Rouveau.

Spiaggia dei tedeschi
Sabbia e acque cristalline sono all’appuntamento sulla spiaggia più grande dell’isola di Embiez, che è protetta dal vento e il cui accesso è facile da un piccolo sentiero. Magnifica vista dell’isola di Rouveau.

La Gabrielle Beach
Piccola spiaggia selvaggia con acqua color smeraldo. Accesso da un ripido sentiero.

Saint Pierre Beach
Raggiungi questa graziosa caletta di ciottoli attraverso un sentiero sassoso. Nuota a tuo rischio e pericolo.

Spiaggia del Petit Rouveau
Spiaggia di ghiaia molto piccola. L’accesso è difficile, devi arrancare un po ‘ma i tuoi sforzi saranno ricompensati dalla bellezza del sito.

Salins Beach
Piccola spiaggia di sabbia stretta sulla destra quando si arriva dal porto.

Spiaggia del Grand Rouveau
Piccola spiaggia di ghiaia vicino al molo.

Spiaggia delle Charmettes
Spiaggia di ciottoli molto piccola nell’estensione della spiaggia di Cros, molto popolare in estate e apprezzata dai surfisti in caso di maestrale. Nelle vicinanze, avrai l’opportunità di praticare sport acquatici: windsurf, stand up paddle, kayak … e di mangiare in stabilimenti situati sulla spiaggia o sul porto di Brusc.

Cros Beach
600 metri dal piccolo porto di Brusc, spiaggia sabbiosa, lungo la sporgenza di Cros, vicino alla strada ma con una magnifica vista sull’isola di Embiez.

Rayolet Beach
Questa lingua di stretta spiaggia sabbiosa situata tra due punti è accessibile dai sentieri autorizzati del distretto di Rayolet, è necessario parcheggiare lungo la strada in direzione di Brusc poche centinaia di metri dopo la spiaggia di La Coudoulière.

La Coudoulière Beach
Successione di piccole insenature quindi una grande insenatura sabbiosa lontano dal traffico in direzione di Brusc. Spiaggia molto adatta alle famiglie situata vicino a residenze turistiche, negozi, ristoranti e tempo libero.

Spiaggia di Roches Brunes
Piccola spiaggia di ghiaia situata dopo Cap Nègre in direzione di Brusc, ideale per famiglie con bambini e sport acquatici (jet-ski, immersioni, noleggio di barche, windsurf). Parcheggio a pagamento, stazione di pronto soccorso.

Cap Nègre Coves
Piccole calette selvagge con piacevoli fondali lungo il sentiero costiero. Accessibile a piedi dal porto del Mediterraneo o da un percorso pedonale che scende dalla Corniche de Solviou.

Bonnegrace Beach
Questa grande spiaggia di ghiaia è la più grande di Six Fours. Misura circa 1,2 km e si trova sul lungomare Charles de Gaulle. Ci sono molti ristoranti e stabilimenti balneari per il noleggio di materassi e ombrelloni. Questa spiaggia è monitorata durante la stagione turistica da maggio a fine settembre e viene allestito uno spazio per nuotare tra le dighe. Alla fine della spiaggia, verso La Coudoulière, si trova una parte della spiaggia chiamata Brutal Beach. È il luogo d’incontro per i surfisti e i surfisti, che in caso di vento da maestrale beneficiano delle onde generose.

Frégate Beach
Proseguendo dalla spiaggia di Bonnegrace La Frégate si trova ai margini di Sanary. È una piccola spiaggia tranquilla ideale per le famiglie, la sabbia che consente ai bambini di costruire molti castelli di sabbia.

Riviera francese
La Costa Azzurra è la costa mediterranea dell’angolo sud-est della Francia. Non esiste un confine ufficiale, ma di solito si ritiene che si estenda da Cassis, Tolone o Saint-Tropez a ovest a Mentone al confine tra Francia e Italia ad est, dove si unisce la Riviera italiana. La costa si trova interamente nella regione francese della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Il Principato di Monaco è una semi-enclave all’interno della regione, circondata su tre lati dalla Francia e che si affaccia sul Mediterraneo. Riviera è una parola italiana che corrisponde all’antico territorio ligure, incuneato tra i fiumi Var e Magra.

Il clima della Costa Azzurra è mediterraneo temperato con influenze montane sulle parti settentrionali dei dipartimenti del Var e delle Alpi Marittime. È caratterizzato da estati secche e inverni miti che aiutano a ridurre la probabilità di congelamento. La Costa Azzurra gode di un notevole soleggiamento nella Francia continentale per 300 giorni all’anno.

Questa costa è stata una delle prime aree di villeggiatura moderne. È iniziato come stazione di cura invernale per l’alta borghesia britannica alla fine del 18 ° secolo. Con l’arrivo della ferrovia a metà del XIX secolo, divenne il parco giochi e il luogo di villeggiatura di aristocratici britannici, russi e di altro tipo, come la regina Vittoria, lo zar Alessandro II e il re Edoardo VII, quando era Principe del Galles. In estate, ha anche suonato a casa molti membri della famiglia Rothschild. Nella prima metà del 20 ° secolo, fu frequentato da artisti e scrittori, tra cui Pablo Picasso, Henri Matisse, Francis Bacon, h Wharton, Somerset Maugham e Aldous Huxley, oltre a ricchi americani ed europei. Dopo la seconda guerra mondiale, divenne una destinazione turistica popolare e un sito congressuale. Molte celebrità, come Elton John e Brigitte Bardot, hanno case nella regione.

La parte orientale (maralpine) della Costa Azzurra è stata in gran parte trasformata dal calcestruzzo della costa legata allo sviluppo turistico degli stranieri dal Nord Europa e dai francesi. La parte del Var è meglio preservata dall’urbanizzazione, ad eccezione dell’agglomerato di Fréjus-Saint-Raphaël, influenzato dalla crescita demografica della costa di Maralpin e dall’agglomerato di Tolone, che è stato caratterizzato da un’espansione urbana da parte ovest e da una diffusione di aree industriali e commerciali (Grand Var).

Tags: