Le Pont-de-Claix, Isère, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Le Pont-de-Claix è un comune francese situato nel dipartimento dell’Isère, nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Il Pont de Claix deve il suo nome al Pont Lesdiguières, una struttura del XVII secolo classificata come monumento storico ed elencata tra le 7 meraviglie del Delfinato. Attraversa il Drac e collega la città alla vicina Claix.

Il comune fa parte della zona geografica di produzione e lavorazione del “Bois de Chartreuse”, il primo DOC del settore del legno in Francia. Pont de Claix si trova a sud della metropoli di Grenoble, tra il massiccio del Vercors a ovest e quello di Belledonne a est. Ha una superficie di 5,6 km2 e un’altitudine di 245 metri.

Quando fu creato nel 1873, Pont de Claix era solo una frazione di 1.032 abitanti. La sua popolazione non cambiò quasi mai fino agli anni ’50, quando lo sviluppo industriale della città portò all’accoglienza di molti immigrati. Da 3.458 abitanti nel 1954, la città è passata a 5.066 abitanti nel 1962, quindi a 10.084 abitanti nel 1968. Dagli anni ’90 la sua popolazione si è stabilizzata. Oggi, Pont de Claix conta quasi 11.000 abitanti.

Storia
Storicamente, Pont de Claix è una città essenzialmente industriale. Quasi un terzo del suo territorio è occupato da una piattaforma chimica, che è stata per molto tempo il principale datore di lavoro del comune, permeando così generazioni di famiglie Pontoise.

Una spada dell’età del bronzo medio è stata trovata sul pavimento della città in un luogo chiamato il salto del monaco. È conservato al museo Gap.

Dopo diversi fallimenti, François de Bonne (il futuro duca di Lesdiguières) si impossessò finalmente di Grenoble nel dicembre 1590. Avvierà quindi diversi lavori di ammodernamento nella regione di Grenoble. Tra questi, la costruzione tra il 1608 e il 1611 sul Drac du Pont de Claix o Pont Lesdiguières.

Questo piccolo gioiello architettonico risponde direttamente alla domanda degli orticoltori delle fertili pianure di Claix che all’epoca dovevano attraversare il Drac per vendere i loro prodotti a Grenoble.

Nel 1871 Le Pont-de-Claix diventa un comune autonomo Più di due secoli dopo la costruzione del ponte Lesdiguières, a valle del Vieux Pont Lesdiguières fu costruito un nuovo ponte, più ampio e soprattutto meno ripido. Parallelamente, il fabbricante di carta industriale che ha installato la sua fabbrica alla periferia del Drac ottiene un piccolo borgo vicino al Pont. La frazione in questione, che ha visto aumentare il numero dei suoi abitanti con l’arrivo dei lavoratori della carta, diventerà Pont de Claix con una legge del 25 giugno 1873, promulgata in Gazzetta ufficiale il 2 luglio.

Tre anni dopo, la stazione è stata messa in servizio per servire la linea delle Alpi. Fu solo nel 1911 che un municipio fu costruito alla fine del Cours Saint-André, a 246 metri di altezza.

Sotto l’impulso della prima guerra mondiale, a Pont-de-Claix fu costruito un impianto di cloro destinato alla produzione di gas da combattimento. Successivamente, il sito diventerà la piattaforma chimica di Pont-de-Claix, che ospita in particolare l’entità Rhône-Poulenc, dal nome del gruppo chimico e farmaceutico francese creato nel 1928. La piattaforma chimica di Pont-de-Claix conta attualmente quasi 800 dipendenti , di cui 550 dipendenti della società Vencorex, gli altri sono suddivisi tra le società Extracthive, Seqens, Solvay, Air Liquide e Suez.

I primi HLM furono costruiti nel 1953. La città contava allora 3.500 abitanti, tre volte in più rispetto all’inizio del secolo. L’ultimo censimento redatto il 1 ° gennaio 2013 indica 11.386 abitanti.

Industria
L’industria principale della città è la chimica con Rhône Poulenc, già PROGIL (PROduits GILLet), un sito industriale classificato come Seveso. Fino alla fine degli anni ’60 esisteva un produttore di apparecchiature radiotelevisive: Célard.

È in corso un’attività di ricerca idraulica con il Centro Studi e Ricerche di Grenoble creato nel 2007. L’azienda statunitense Medtronic ha una fabbrica nella città di aghi chirurgici.

Patrimonio storico

Ponte di Lesdiguières
Il ponte Pont-de-Claix, o ponte Lesdiguières, è citato tra le sette meraviglie del Dauphiné. Ancora di aspetto medievale con la sua carreggiata a schiena d’asino, il suo arco unico con una luce di 46 metri e alta 16 metri rappresentavano all’epoca una vera impresa tecnica. In origine si potevano leggere incise nella roccia due iscrizioni latine: UNUS DISTANCIA JUNGO (Unico nella mia lunghezza, unisco) e ROMANA MOLES PUDORE SUFFUNDO (Faccio arrossire di vergogna gli edifici romani). È classificato monumento storico con decreto del 27 maggio 1898.

Torre dell’acqua
La torre dell’acqua, che per decenni domina la città dall’alto del suo promontorio, è stata illuminata e addobbata per il 13 luglio 2013, quando la città ha celebrato il suo 140 ° anniversario.

Forte casa di Marcelline
La roccaforte delle Marcelline, oggi trasformata in masseria sulla via dei Colli, è citata nell’inventario del 1339

Patrimonio religioso
Nella religione cattolica, la Chiesa di Santo Stefano, costruita nel xix secolo ancor prima che esistesse la città, fu sostituita nel 1960 dalla Chiesa della Resurrezione. La religione musulmana è praticata in una sala di preghiera. La città non ospita un tempio o una sinagoga.

Eredità culturale
Place Michel-Couëtoux, l’Anfiteatro, una sala da spettacolo da 220 posti, si affaccia sulla biblioteca municipale di Aragona, inaugurata subito dopo la morte del poeta.

Espace Histo Bus Dauphinois
L’Espace Histo Bus Dauphinois, è un museo francese dedicato al trasporto pubblico a Grenoble e nella sua regione. È stato aperto dal 2 ottobre 2006 in un’ex fabbrica a Pont-de-Claix ed è gestito da un’associazione, Standard 216 Histo Bus Grenoblois. La sua area espositiva è di 2.600 m2. Nel 2020 conserva e ripristina 38 veicoli, la maggior parte dei quali appartengono all’associazione Standard 216 Histo Bus Grenoblois, oltre ad un certo numero di oggetti legati al trasporto pubblico: modelli, cartoline, posto di guida, oggetti vari …

Situato all’incrocio tra Avenue Charles de Gaulle e la linea delle Alpi, sulla riva destra del Drac, il museo si distingue per un affresco dipinto sulla sua facciata. Data la sua gestione da parte di volontari, il museo è aperto principalmente su prenotazione, con aperture al pubblico in occasione della Notte dei musei dell’Isère, che si svolge intorno a metà maggio, e delle Giornate europee del patrimonio a settembre.

I Grands Moulins de Villancourt
Ai margini di Échirolles si trovano i vecchi mulini di Villancourt. Fu all’inizio degli anni ’70 dell’Ottocento che i fratelli Abel e Louis Dorel, commercianti di grano a Grenoble, fecero costruire un mulino per lavorare il grano. Costruito su un canale di circonvallazione della Romanche, distrutto da un incendio nel 1871, fu subito ricostruito e ampliato in un mulino industriale, e divenne la base di una concentrazione industriale e commerciale. Il vecchio mulino ospita dal 1982 il conservatorio intercomunale di musica Jean Wiener e una sala espositiva. Nel 2017-2018 il sito è passato sotto la responsabilità di Grenoble Alpes Métropole, con l’obiettivo di dedicarvi un centro di cultura scientifica.

Pont-de-Claix e letteratura
Nel 2000, pubblicato da Albin Michel Jeunesse, un nuovo episodio della raccolta “The Furet Inquiry” dal titolo “Menace sur la ville”. Questo romanzo scritto da Frank Pavloff racconta la storia di Yannick Lerufet, un giovane nomade, per smascherare gli assassini di un uomo trovato morto in un canale vicino a Vizille. La sua indagine lo condurrà poi alla piattaforma chimica di Pont-de-Claix …

Arti dello spettacolo
Teatro, musica, danza, baia, canto … sono da scoprire all’Anfiteatro, il centro del programma culturale della città (luogo Michel Couëtoux – 220 posti a sedere). Ma il pubblico ha anche appuntamento con lo spettacolo dal vivo al Municipal Foyer (avenue du Maquis de l’Oisans – 400 posti), in biblioteca (place Michel Couëtoux), nei centri sociali Jean Moulin (12 rue doctor Valois) e Irène Joliot-Curie (27 avenue Antoine Girard) o alla Maison de l’Inhabitant (avenue des Îles de Mars).

Spazi espositivi
Pittura, scultura, fotografia … la città di Pont de Claix ospita numerose mostre, gratuite e aperte a tutti. Ogni anno, in occasione del festival del Solstizio, la chiesa di Saint-Étienne (avenue du Maquis de l’Oisans) accoglie le opere di pittori, scultori e fotografi dilettanti della città.

Musica
Creata nel 1982, su iniziativa delle città di Pont de Claix ed Échirolles, la Scuola di musica Jean Wiéner (85 cours Saint André) è un’istituzione pubblica di educazione artistica specializzata, approvata dallo Stato, situata a Mills of Villancourt. La scuola è aperta a bambini a partire dai 5 anni, adolescenti e adulti (a seconda della disponibilità), principianti o meno. Offre una formazione completa e strutturata per l’apprendimento della musica. La missione principale del CRI (Conservatorio con influenza intercomunale) Jean Wiéner è quindi quella di fornire a quante più persone possibile l’accesso a una varietà di pratiche musicali di qualità che portano alla pratica indipendente. È anche un luogo di risorse per l’insegnamento, le pratiche, la creazione e la diffusione.

Mercato
Il mercato si svolge ogni domenica dalle 8:00 alle 13:00, Place des Alpes. È il punto d’incontro e di rifornimento per molti abitanti del sud della metropoli. I suoi commercianti offrono prodotti alimentari, verdure, catering, dolci, pane, vestiti, scarpe, accessori, bazar, fiori …

Spazio naturale
Gli spazi naturali sono disseminati sulla città, in particolare il Parco Borel a sud, la cui collina sormontata da una torre d’acqua domina la città e contribuisce a dare identità al territorio. Più nuovo e più a nord, il Parco Simone Lagrange, dal nome del resistente ed ex deportato, offre 1,5 ettari di verde nel cuore del distretto di Minotiers. Quest’ultimo ridisegnerà completamente il volto del nord della città, trasformando alcuni terreni incolti in una nuova area residenziale (2.000 unità abitative previste in 20 anni) con servizi e attività.

Diversi parchi e piazze offrono spazi di verde e relax nel cuore della città, tra cui il Parco Jean de La Fontaine, il Parco Colombe, il Parco Borel, il Parco Simone Lagrange … Così come gli spazi verdi sparsi in tutta la città, vengono mantenuti dal Servizio dello Spazio Pubblico del Comune, nell’interesse del rispetto dell’ambiente: gestione differenziata del verde, zero prodotti fitosanitari utilizzati, mezzi alternativi di diserbo, acqua da pioggia raccolta per annaffiature …

Orti di riparto, 55 appezzamenti sono coltivati ​​da giardinieri dilettanti lungo il canale Drac. Sono gestiti dai centri sociali. Giardini condivisi, Nel cuore del quartiere Îles de Mars-Olympiades, un giardino condiviso e un giardino educativo sono gestiti dai centri sociali. Questi luoghi invitano i residenti a mettersi in gioco e venire a condividere momenti di relax e discussione intorno al giardinaggio. L’intrattenimento è regolarmente offerto lì.

Tags: