Vizille, Isère, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Vizille è un comune francese situato, geograficamente nella valle della Romanche, amministrativamente nel dipartimento dell’Isère e nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Vizille ha un’affascinante storia di resistenza, dai guerrieri di Allobroge ai combattenti della Resistenza della seconda guerra mondiale, dall’Assemblea di Vizille che ha gettato le basi della Rivoluzione francese agli industriali che hanno dominato la terribile forza dell’acqua, le generazioni successive hanno gareggiato in tenacia .

Un tempo attaccata alla provincia del Dauphiné e culla della Rivoluzione francese e situata sulla Route Napoléon, Vizille ospita il Museo della Rivoluzione francese, ospitato nel castello di François de Bonne (1543-1626), duca di Lesdiguières, ultimo conestabile di Francia, governatore del Dauphiné, ex signore del luogo.

Luogo di resistenza durante la seconda guerra mondiale, la città fu liberata dai combattenti locali. Vizille ha un passato ricco di vicende storiche che ancora oggi testimoniano la presenza di questo castello del xvii secolo e del suo territorio che furono, per oltre un secolo, una delle residenze ufficiali del Presidente della Repubblica francese.

La maggior parte del territorio di Vizillois e la quasi totalità dell’area urbanizzata si trovano in un bacino formato dal Romanche, fiume che scorre lungo il territorio comunale nel suo limite occidentale. Il borgo centrale che si articola principalmente a nord e nord-ovest del dominio del castello (che occupa una vasta area del territorio comunale), presenta numerose case cosiddette “cittadine” oltre a edifici bassi raggruppati in blocchi e avente per scopo principale l’edilizia privata.

Storia
Dall’antichità alla rivoluzione, Vizille si legò a un ideale di patriottismo e coraggio di fronte all’invasore. Durante la seconda guerra mondiale, un giornale della stampa resistente prese il nome di questo popolo gallico. È ancora oggi sinonimo di spirito di indipendenza e libertà e fondatore di una cultura alpina.

Il periodo Dauphinoise
I Conti di Grésivaudan installano il primo castello sul Rocher de Vizille. Guigues III, il primo a essere chiamato Dauphin, morì nel 1128 nel castello di Visiliae. Vizille era in parte terra dei delfini e in parte terra del vescovo di Grenoble. Fu contro il vescovo Aymon de Chissay che nel 1378 insorsero i Vizillois. Non supportano più la durezza della sua amministrazione e Vizille inizia la rivolta popolare. Il vescovo è assediato nel suo palazzo e si rifugia a Chambéry. Il re di Francia ristabilisce l’ordine.

Le guerre di religione
Poi arriva l’era delle guerre di religione nei secoli XVI e XVII. L’importanza strategica di Vizille ne farà oggetto di guerra per diversi decenni. Presa e riconquistata, la città passò nelle mani di cattolici e protestanti, fino al giorno in cui i Vizillois trovarono il loro “maestro”: François de Bonne de Lesdiguières, leader dei protestanti del Delfinato. Enrico IV lo nominò luogotenente generale del Dauphiné, maresciallo di Francia, Pari e duca di Lesdiguières e infine, dopo la sua abiura, Gran Conestabile degli eserciti del re, governatore della Piccardia Bourbonnais e Artois. Acquistò le Terre de Vizille nel 1593 e fece costruire l’attuale castello dal 1611 al 1620 in un immenso parco di 130 ettari.

rivoluzione francese
Nel giugno 1788 Grenoble si ribellò. Sentendosi minacciate dall’aumento del prezzo dei prodotti alimentari, le famiglie protestano e chiedono ai membri del parlamento del Delfinato di portare le loro richieste all’attenzione del re di Francia Luigi XVI. Questi parlamentari non ottengono nulla dai ministri parigini e vengono cacciati dalla città di Grenoble. La rabbia popolare si sta gonfiando. Il 7 giugno 1788, il governatore del Delfinato inviò la sua guarnigione per sopprimere i rivoltosi di Grenoble che salirono sui tetti e gettarono una pioggia di tegole sui soldati. È il famoso “Tile Day”, il primo germe della rivolta che diventerà Rivoluzione.

Il 21 luglio, 491 rappresentanti dei Tre Ordini del Delfinato – 50 sacerdoti, 165 nobili e 276 rappresentanti del Terzo Stato, tra cui Mounier e Barnave – si incontrano al castello di Vizille nella sala Jeu de Paume. “Vizille, culla della Rivoluzione o della libertà”, queste qualificazioni mostrano l’immenso impatto dell’Assemblea di Vizille perché va oltre il quadro di una provincia, lancia un appello a tutta la Nazione per definire a proposito dagli Stati Generali un nuovo ordine politico, un vasto movimento che si sarebbe concluso con gli sconvolgimenti dell’estate del 1789 e la caduta della monarchia assoluta.

Napoleone e i cento giorni
Dopo aver lasciato Golf-Juan il 1 marzo 1815, dove sbarcò dall’Isola d’Elba, Napoleone risalì la strada alpina con mille soldati. È il 7 marzo a mezzogiorno nel “prato della riunione” a Laffrey (7 km da Vizille) che i soldati realisti aspettano con le ginocchia a terra pronti a sparare. Napoleone solo di fronte alla sua sorte si fa avanti e dice: “Soldati, se c’è uno tra voi che vuole uccidere il suo imperatore, eccomi qui!”. Fuoco! Grida il giovane capitano Randon ed ecco un grido enorme: “Lunga vita all’imperatore!”

Poco dopo Napoleone entra a Vizille, viene subito circondato dalla folla, l’entusiasmo è al culmine. Il sindaco lo aspetta: “Sire, benvenuto a Vizille, è qui che è nata la Rivoluzione, è in questo castello che i nostri rappresentanti hanno chiesto i nostri diritti ei nostri privilegi. sta a te farli rispettare … ”. Napoleone rispose: “Voglio solo la felicità e la gloria del popolo francese, è per assicurare loro il godimento dei benefici della Rivoluzione che sono tornato dall’Isola d’Elba, conta su di me come conto su di te”. La sera stessa l’Imperatore dirà: “Fino a Grenoble, ero un avventuriero, a Grenoble, ero un principe …”.

Durante la Restaurazione della Monarchia nel 1815, dopo l’episodio dei Cento giorni di Napoleone, è sempre da Vizille che inizierà la congiura guidata da Didier per promuovere il ritorno di Napoleone I. Fallirà in un bagno di sangue alle porte di Grenoble.

La rivoluzione industriale
Fin dall’antichità si trovavano lungo i fiumi alpini mulini, battitori, fucine, rondoni azionati da una ruota messa in moto con il semplice peso dell’acqua che cade da una certa altezza. Nell’XI secolo c’erano fabbri, cordaioli e sellai che ne utilizzavano le acque sulle rive del Romanche. C’era anche molto legno nelle vicinanze nelle nostre foreste e moltissime miniere. Alla fine del XVIII secolo, un intraprendente borghese della regione, Claude Perier, acquistò il castello abbandonato dai discendenti di Lesdiguières e vi fondò una stamperia di tessuti.

Dal 1824 la Valle Romanche ha attratto l’industria metallurgica. L’industria della carta segue alcuni decenni dopo. A cavallo del secolo successivo, le prime centrali idroelettriche sfruttando la forza delle acque romanche alimentarono forni elettrici e vasche di elettrolisi. Nel XIX secolo Vizille era diventata la città più industrializzata delle Alpi settentrionali. Le sorgenti, sgorgando da tutta Vizille, producevano acqua limpida, limpida e meravigliosamente pura. Una forza considerevole e inesauribile. Una volta introdotto nei suoi tubi, il carbone bianco, come viene chiamato, trasforma la sua energia in elettricità. Poi il passo successivo è stato la trasmissione dell’elettricità. Anche questa è una scoperta di Marcel Desprez, tra Vizille e Grenoble (1883-1884). Il carbone bianco era in concorrenza con il carbone nero. È anche l’inizio dei tram,

La forza lavoro era molto a buon mercato e lavorava sodo. È arrivato gratuitamente dai dintorni di Vizille, Oisans, Matheysine, il sud di Grenoble e quando non bastava lo cercavamo all’estero e la valle diventa un luogo dove si parla russo, italiano, cinese … Le condizioni di lavoro furono difficili nelle tante fabbriche di Vizille dove c’erano diverse migliaia di operai, ma anche operai, una delle quali, Lucie Baud, fu una delle figure del sindacalismo fin dall’inizio. del XX secolo e ha portato a gravi scioperi.

Nel 1916 furono create fabbriche chimiche a Jarrie e Pont-de-Claix. Un’epopea industriale da scoprire al Museo della Chimica a Jarrie, al Museo Romanche a Livet-et-Gavet e al Museo Formerly di Champ-sur-Drac.

La resistenza nella seconda guerra mondiale
Già nel 1942 furono creati gruppi di resistenza a Vizille: Combat, Francs Tireurs et Partisans (FTP), Secret Army … Ancora una volta la repressione fu terribile: il 17 e 18 febbraio 1944 l’esercito tedesco circondò Vizille, una ventina di Vizillois furono arrestati e deportati, molti altri furono uccisi.

Il 22 agosto 1944 fu con le armi in mano che i Vizillois, aiutati dai membri dell’FTP, il Maquis de l’Oisans e gli eserciti alleati, liberarono la loro città. Molti di loro furono uccisi durante i combattimenti avvenuti durante l’assalto a Vizille e nella valle del Romanche. Il 5 settembre 1944 si riunirono al castello di Vizille i Comitati dipartimentali per la liberazione di Alte Alpi, Drôme, Rodano, Savoia, Alta Savoia e Isère, risultanti dalla Resistenza. Insieme, hanno affermato in una solenne assemblea “la loro volontà di realizzare le vere libertà repubblicane e di istituire un sistema di giustizia sociale”. Questo appello ha naturalmente assunto una particolare risonanza nella città della “culla della Rivoluzione francese”.

Al giorno d’oggi
Un ambiente naturale eccezionale e un destino storico fanno di Vizille una tappa che accoglie ogni anno decine di migliaia di amanti della bellezza e del patrimonio. “Culla della Rivoluzione Francese”, la città è anche per i suoi abitanti e visitatori un luogo di relax, animazione ed eventi culturali, sportivi e festivi.

La RN 85, meglio conosciuta con il nome di strada Napoleone, collega Vizille a Matheysine e al sud del dipartimento. La RD 91 fa di Vizille un punto di partenza privilegiato per le località dell’Oisans. Una corsia di sorpasso collega Vizille alla A480, per un facile accesso all’agglomerato, alla tangenziale sud che serve Grésivaudan e alla A51.

In un ambiente di vita preservato, un’urbanizzazione a misura d’uomo, un ambiente e attrezzature di qualità, Vizille svolge pienamente il suo ruolo di centro cittadino e centro di servizi e attività. Numerosi servizi pubblici e strutture educative (scuole medie e superiori), sportive (stadi, palestre, ecc.), Culturali (cinema, auditorium, mediateca, sala conferenze e feste) sono a disposizione della popolazione e del pubblico. ‘una vita comunitaria ricca e diversificata.

Patrimonio storico
Il castello Lesdiguieres e la chiesa di Nostra Signora di Vizille sono classificati tra i monumenti storici

Città vecchia di Vizille
Gioiello di Vizille, il castello di Lesdiguières costruito tra il 1600 e il 1619 è oggi un dominio dipartimentale. Con i suoi 100 ettari di parco, forma un insieme che ospita il Museo della Rivoluzione Francese e un parco faunistico dove cervi e vari uccelli vivono in semi-libertà.

Riunita al castello il 21 luglio 1788 dal vice Barnave, l’Assemblea dei Deputati del Delfinato firma il primo atto di una nuova era che prefigura gli Stati Generali del 1789. Vizille diventa la “culla della Rivoluzione francese”.

Il borgo centrale che si articola principalmente a nord e nord-ovest del dominio del castello (che occupa una vasta area del territorio comunale), presenta numerose case cosiddette “cittadine” oltre a edifici bassi raggruppati in blocchi e avente per scopo principale l’edilizia privata. Questo settore ha anche edifici che ospitano strutture pubbliche e servizi locali (compreso il municipio) situati vicino a una strada centrale chiamata rue du Général de Gaulle (ex Grand’rue) e che comprende molti negozi locali. la presenza di una volta passante sotto il dominio permette di collegare il borgo centrale alla parte orientale del comune (contrade di Allas e Corniers)

Si nota nell’immediata periferia del borgo, in particolare a nord di questo, la presenza di fabbricati di costruzioni di tipo residenziale più moderno e di edifici di tipo industriale e commerciale.

Castello e dominio dipartimentale Vizille
Il dominio dipartimentale di Vizille si trova alle porte di Grenoble e del massiccio dell’Oisans, sulla RN 85 Route Napoléon. Sullo stesso sito, un patrimonio prestigioso rappresentato dal castello di Vizille con un museo e il parco del dominio dipartimentale di Vizille composto da giardini e un parco degli animali. Il dominio è aperto al pubblico, l’ingresso è gratuito.

Il castello di Vizille, già castello del duca di Lesdiguières, successivamente appartenuto alla famiglia Casimir-Perier, diventa residenza dei presidenti della Repubblica francese prima di essere venduto al Consiglio generale dell’Isère.

I giardini del parco del dominio dipartimentale di Vizille si estendono davanti al castello per oltre cento ettari. Un tempo erano terreni di caccia privati ​​del duca di Lesdiguières. Comprendono ampie distese di prati che costeggiano un canale, parterre alla francese, un bosco con alberi secolari di molteplici specie, un roseto e un parco faunistico di circa sessanta ettari. Molte specie di uccelli si trovano sui prati: anatre, cigni, oche, aironi, ecc. Le acque correnti del canale sono popolate da trote e carpe. Un trenino permette di aggirarlo per le mulattiere, da aprile a ottobre.

Il Priorato
Situato nel cimitero, il più antico istituto religioso di Vizille, il monastero di Sainte-Marie-de-Visiliae sarebbe già esistito nell’anno 726. L’abbazia di Cluny ne divenne proprietaria e costruì un priorato su questo sito dal 993. dal chiesa del xii secolo, resta la più notevole facciata a portale romanico di Dauphine, monumento storico. L’architrave e il timpano sono in marmo Notre-Dame de Mésage. Al centro del timpano scolpito siede Cristo circondato dai quattro evangelisti, mentre sull’architrave c’è l’Ultima Cena. Le teste e le mani furono rimosse o mutilate dai protestanti durante le guerre di religione.

Il castello di paglia
Il borgo si è sviluppato ai piedi dello sperone roccioso, su uno spazio in pendenza e angusto protetto dalle piene romanche. Questa zona dai tetti di paglia detta “castello di paglia”, accessibile da un vicolo situato di fronte al municipio, è stata in parte distrutta da un incendio.

Il castello di Roy
Accessibile attraverso il quartiere del castello di paglia o salendo a sinistra dell’ingresso principale del castello, l’antica fortezza rimaneggiata nel XIV, XV e XV secolo, era una delle roccaforti dei conti di Albon. I delfini vi soggiornavano spesso. Nel 1349, con il trasferimento del Delfinato in Francia, il castello divenne castello reale. Fu devastata da un incendio ai tempi di Lesdiguères.

Di questo insieme rimane il recupero della torre nella costruzione del Lesdiguères del xvi secolo e parte delle mura che circondavano il castello. Dal giardino scopriamo un punto di vista sul massiccio di Belledonne e sulla valle di Vaulnaveys.

Il municipio
Questo edificio a cui si accede dalla via General de Gaulle, è stato costruito Piazza Stalingrado sul sito di due palazzi della fine del xviii secolo, appartenenti alla famiglia dei viennesi. La facciata dal design simmetrico è opera dell’architetto Alfred Berruyer. Una scala a balaustra in pietra molto bella conduce ai due piani. Nelle vicinanze, sul fronte del Café de la Paix, si può notare un meridiano del xix secolo, che indica il periodo dell’anno a seconda del sole.

La “Marianne” di Vizille
Questa statua di Marianne è anche chiamata “Statua della Libertà”. Questo monumento si trova in Place du Château, di fronte all’ingresso del dominio della contea di Vizille.

Fu inaugurato il 21 luglio 1888 alla presenza del presidente Sadi Carnot per celebrare il centenario dell’Assemblea di Vizille. Sulla sua base sono incise alcune frasi della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789 nonché i nomi dei rappresentanti dei tre ordini del Delfinato.

Altri monumenti
La chiesa di Sainte-Marie, nella parrocchia di Saint Paul de la Romanche, diocesi di Grenoble.
Nel villaggio spiccano varie case antiche, in particolare la casa con una torretta a gradini in rue Stalingrad.

Strutture culturali

Museo della Rivoluzione Francese
Monumento storico, ex residenza del Duca di Lesdiguières, della famiglia Perier e dei Presidenti della Repubblica, il castello ospita il Museo della Rivoluzione Francese. Offre una nuova prospettiva su un periodo fondamentale della nostra storia del mondo occidentale, dalla produzione artistica o artigianale che ha scatenato in quel momento e da allora. Il museo presenta opere d’arte e oggetti storici dell’era rivoluzionaria e da due secoli si interessa di tutto ciò che è correlato o ad esso ispirato. L’originalità del museo è soprattutto quella di dare un resoconto della storia basato sulle opere d’arte. Queste non sono semplici illustrazioni degli eventi e dei principali attori della Rivoluzione. Grazie al loro potere evocativo, al loro contenuto e al contesto della loro creazione.

Il Museo della Rivoluzione francese ha aperto le sue porte nel 1984 nel castello di Vizille. Importanti collezioni di dipinti, sculture, arti decorative di strumenti musicali o oggetti storici relativi al periodo della Rivoluzione francese sono raccolte nelle varie sale del castello.

Ogni anno il museo organizza una mostra temporanea e un centro di documentazione-biblioteca mette a disposizione del pubblico una raccolta di circa ventimila libri. Installato in una ventina di sale, il museo riceve circa 60.000 visitatori all’anno.

Altre strutture culturali
La città ha la mediateca Jules-Vallès, una ludoteca, il cinema Jeu de Paume e la Casa delle pratiche artistiche.

Eventi e festività

Le feste rivoluzionarie di Vizille
A luglio (di solito intorno al 20 luglio), la città di Vizille, in collaborazione con l’Ufficio del turismo della città, la Comunità dei comuni di South Grenoblois, il Domaine de Vizille e il Consiglio generale dell’Isère, rinnova ogni anno il ” Feste rivoluzionarie di Vizille “. Questo evento intorno alla Rivoluzione francese è diventato un evento unico in Francia con i seguenti eventi in particolare
Place du Château: un mercato dei produttori locali ed eventi festivi (ricostruzione di scene rivoluzionarie)
Parc du Domaine: evocazioni della cattura delle Tuileries e fuochi d’artificio e / o uno spettacolo di suoni e luci la sera
Museo della Rivoluzione francese: lezioni su argomenti storici legati alla Rivoluzione francese

Il Festival del cinema per bambini
Questa festa locale di solito si svolge durante il periodo delle vacanze scolastiche di Ognissanti. L’obiettivo primario di questo festival è trasmettere ai bambini il piacere di andare al cinema. Gran parte del pubblico che compone la giuria responsabile della visione di tutti i film è costituito da bambini. Il programma di questo festival è generalmente intorno a un tema (il tema è “Braver les interdits” per l’edizione 2013). Le proiezioni si svolgono in 3 sale, dalle ore 10:00 alle ore 20:00, per 9 giorni, per un totale di 140 proiezioni nell’arco della settimana. La serata di chiusura prevede una cerimonia di premiazione del

Altri festival
Il festival P’tits mots, p’tits mômes, dal 30 marzo al 6 aprile 2010
Il festival D’ici Danse il 13 e il 14 maggio

Eredità naturale
A nord del territorio di Vizillois, le colline situate nel settore di Montchaboud sono separate dalla spina dorsale del Mont Sec, che è un’estremità meridionale della base di Belledonne, dal combe de Vizille che prosegue a nord verso le terme di Uriage. Una serie di faglie conosciute come “trave delle faglie di Vizille” va in un asse nord-est – sud-ovest dal nord del villaggio di Vizille, al villaggio di Pelliets per andare, a sua volta ma in un asse diverso, verso il massiccio di Belledonne. A sud di Vizille, oltre le gole della Romanche, le colline che segnano l’estremità settentrionale della catena del Conest sono attraversate da un sistema di interruzioni identiche a quelle del fascio di Vizille.

Il punto più alto di Vizille (1.016 metri) si trova ad est del territorio comunale, oltre la frazione di Corniers sul sentiero (GR 549) che porta al Mont Sec, al confine con il territorio comunale di Séchilienne. I depositi di gesso con anidrite della città sono stati sfruttati industrialmente, soprattutto l’anidrite come marmo

Parco Domaine de Vizille
Il Domaine de Vizille riunisce in un unico sito, un prestigioso patrimonio culturale e un ambiente naturale favorevole al relax. Il parco paesaggistico denominato “Remarkable Garden” offre una moltitudine di atmosfere, con creazioni floreali originali. Sono elencate quasi ottanta specie di alberi: cedro del Libano e dell’Atlante, quercia, acero, frassino, ciliegio, olmo, platano… Il parco faunistico è uno spazio privilegiato per incontrare natura e fauna selvatica. Si estende per 40 ettari e ospita 200 cervi (cervi europei, Sika asiatici, daini e daini) che vivono in semi-libertà e che possono essere osservati dall’alto della torre attrezzata per questo effetto.

Parco Chateau du Roy
Le rovine del recinto fortificato del castello del Roy (la prima testimonianza scritta conosciuta dell’esistenza di questo castello risale al 991) sono ora trasformate in un parco.

Queste fortificazioni, ristrutturate e rinforzate nel XII secolo, dominano il quartiere dell’antico castello di Paille.

Escursionismo
Lasciati sorprendere dalla natura del luogo e dai suoi mille tesori. Sulle pendici meridionali del massiccio di Belledonne, i sentieri escursionistici ti trasportano verso magnifici panorami, dai colori cangianti con le stagioni: dal candore verginale in inverno ai boschi ardenti in autunno, attraverso tutte le sfumature del verde fino alla bella stagione. Scopri la Riserva Naturale Nazionale del Petit Lac Luitel. Questa torbiera d’alta quota, unica nel suo ecosistema, ospita flora e fauna specifiche: le cordate (una piccola orchidea divenuta molto rara), varie specie di muschi dell’era glaciale, libellule, anfibi, ecc.

Tags: