Chateauneuf-Grasse, Alpi Marittime, Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Francia

Châteauneuf-Grasse è un comune francese situato nel dipartimento delle Alpi Marittime, nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Il villaggio stesso si trova sulla cima di una collina, ma il territorio del comune comprende altre colline e il terreno pianeggiante di Pré-du-Lac, dove negli anni ’80 si svilupparono case e attività commerciali. Le fonti sono numerose sul territorio della città (ci sono diversi lavatoi), e sono facilmente individuabili nei boschetti di platani e fichi che li circondano, come nel luogo chiamato Fouan-Figuière.

Châteauneuf si trova sulla Costa Azzurra, a poco più di 4 km da Grasse e 21 km (13 miglia) da Cannes e confina con i villaggi di Plascassier e Opio. Châteauneuf si estende su 895 ettari e ha una popolazione di poco più di 3.000 abitanti. È diviso in due distretti: Pré-du-Lac, dove si trova la maggior parte del commercio, e Le Vignal.

Châteauneuf sia ancorato nella tradizione provenzale e agricola con i suoi uliveti e il suo altopiano dalle mille querce da tartufo, determinato ad offrirti attività originali, sia artigianali che commerciali, nelle sue aree di “plurale attività”. Châteauneuf si impegna energicamente per la qualità della vita dei suoi abitanti con l’asilo nido multi-reception, scuole, festival e attività culturali e sportive.

Situato ad un’altitudine di 417 m, con una superficie di 895 ettari, Châteauneuf è una città dinamica nel medioevo. Fedele alla tradizione agricola e orticola che ha fatto la sua reputazione, la città è stata anche in grado di sviluppare altre attività economiche sia nel settore artigianale (ceramica, ceramica, sculture, ecc.) Che nel commercio. Con un ricco passato che risale alla preistoria, Châteauneuf ha visto i suoi confini cambiare notevolmente nel corso dei secoli. I confini attuali risalgono al 1830. Nel 1999 la città contava 3033 abitanti.

Storia
Il villaggio fu fondato nel XII secolo dai signori di Opio. Costruirono un nuovo castello sul punto più alto della loro signoria. C’era già una “catellara”, un recinto risalente all’età del ferro.

Il sito è stato effettivamente occupato fin dai primi anni del bronzo, ed è stato un importante punto di raccolta durante l’epoca romana. Da questa messa in scena sono iniziate grandi campagne; la storia è stata fatta. Oggi ci sono ancora molte prove del passato storico e drammatico della regione.

Gli abitanti di Opio vennero quindi a stabilirsi in questo Châteauneuf per proteggersi dalle incursioni della Grasse e il sito divenne Châteauneuf d’Opio. Un periodo travagliato segnò l’acquisizione della Provenza orientale da parte dei conti di Barcellona, ​​che divenne conti della Provenza. L’esercito del conte di Provenza comandato da Romée de Villeneuve prese Opio nel 1178. Châteauneuf d’Opio fu catturato nel 1229. Châteauneuf d’Opio si staccò da Opio nel 1257.

Una delle principali attrazioni di Châteauneuf è la cappella Notre-Dame-du-Brusc. Qui si trovano i resti di una vasta basilica costruita intorno all’XI secolo. Una nuova era nacque nel XII secolo quando i Signori di Opio costruirono un nuovo castello sul punto più alto della zona, il sito del precedente centro amministrativo romano. Questo castello divenne noto come il Castello Neuf d’Opio, con molte persone che presto si trasferirono nell’area, sfruttando la protezione fornita dal castello.

Nel 1306, il maniero appartiene alla famiglia di Grasse, Cabris, poi, in seguito a un matrimonio nella famiglia Lascaris-Ventimiglia nel 1400, e nel xvii secolo a Puget San Marco.

Il villaggio sta vivendo un boom nel xvi secolo. La cima del villaggio fu distrutta da un incendio nel xvii secolo.

Vi sono conflitti tra gli abitanti di Châteauneuf e quelli dei villaggi vicini sui pellegrinaggi verso il santuario di Notre-Dame du Brusc, in particolare nell’agosto 1763.

La città, famosa nel mondo per la sua produzione di profumi, è stata una popolare località turistica fin dal 1800 quando la sorella minore dell’imperatore Napoleone, la Principessa Paolina Bonaparte, vi risiedette nell’inverno del 1807 per riprendersi da gravi malattie. Arroccato a circa 400 metri, l’aria fresca e più pulita della regione, era considerata più sana, il ritmo della vita più lento; tutti favorevoli al benessere fisico e spirituale.

Nel 1826, gli abitanti della frazione di Bergier chiesero la separazione da Châteauneuf perché erano privati ​​dell’assistenza religiosa e le strade più utili erano impraticabili. Nel 1830, Bergier fu annesso al comune di Rouret.

Turismo
Il vecchio villaggio di Chateauneuf-Grasse è un delizioso labirinto di strade strette e stradine; perfetto per passeggiare ed esplorare tutto ciò che questa affascinante capsula del tempo ha da offrire. L’architettura è una miscela di antichi quartieri medievali in pietra e malta e case in stucco con i colori abbaglianti della Provenza, completi di persiane in legno e giardini con finestre. Il municipio è un’immagine … arancione pesca con persiane grigio-blu. Il villaggio di Châteauneuf de Grasse è elencato come uno dei siti storici nelle Alpi Marittime.

Arroccato sulle pendici di una collina, a un’altitudine di 413 metri, che copre un’area di 895 ettari, Châteauneuf de Grasse ha una vista che arriva lontano. Da qui la campagna circostante si presenta davanti a te, una tela di colori, luci e profumi … non c’è da stupirsi che la zona sia stata la dimora di molti artisti e scultori nel corso degli anni … ogni giorno è d’ispirazione. Châteauneuf de grasse è situato in una posizione comoda per una vasta gamma di passatempi e attività. Come ci si aspetterebbe dalla regione, i mesi primaverili ed estivi sono ricchi di mostre, festival e concerti.

Il villaggio
Il villaggio è costruito su una collina coltivata a ulivi secolari e domina la pianura dell’Opio. Il villaggio offre un bellissimo panorama dalle Alpi italiane all’Estérel. Una tabella di orientamento completerà il punto di vista offerto dal Vecchio Cimitero. Passeggiando per le strade fiorite del villaggio, è possibile vedere gli edifici risalenti al XVI secolo e i resti del vecchio castello-fortezza (mura di fortificazione, torre). Il grande edificio che può essere visto dalla piazza principale, soprannominato “il castello” è costruito sulle rovine del vecchio castello. Risale al 17 ° secolo ed era una proprietà signorile.

Châteauneuf si trova vicino al mare e alla montagna. Nelle vicinanze di Grasse, domina la pianura di Cannes e Opio. Nizza è a soli 30 km di distanza. Crocevia di molte strade, Châteauneuf è accessibile da Cannes, Grasse, Valbonne Sophia-Antipolis, Biot, Villeneuve-Loubet, Gréolières, Vence.

Patrimonio culturale

Cappella della Madonna di Brusc:
Situata in cima a un piccolo altopiano nella pianura dominata da Châteauneuf, questa cappella è il residuo di una vasta basilica, costruita nell’XI secolo sul sito di un’antica chiesa del V secolo. La cappella è stata restaurata e classificata come monumento storico nel 1986. La presenza di una fonte intermittente fornisce probabilmente la ragione per l’elezione di questo sito. Le fonti hanno sempre avuto una grande importanza nella religione popolare, specialmente quelle legate al ciclo simbolico delle stagioni, quelle che sono diverse dalle fonti ordinarie per qualche caratteristica insolita. Occupato fin dall’età del bronzo, il sito fu rapidamente utilizzato come luogo di ritrovo in epoca romana, quindi vide la costruzione di una chiesa e una basilica. Questo avrebbe dimensioni simili a quelle dell’Abbazia di Lerins.

Cappella della Trinità:
Era la chiesa della città di Clermont prima che fosse collegata a Chateauneuf. È magnificamente costruito su un promontorio, un ex campo romano, in un sito pastorale.

Saint-Martin:
Presente nel cuore del villaggio, questa chiesa del X secolo fu restaurata nel 1627. Domina il suo campanile di Châteauneuf e ospita una pala d’altare del XVIII secolo. Rue de l’Eglise, sorge sopra alcune scale sulla facciata ovest che apre l’ingresso principale ornato da un portico (inizi del XVII secolo). Lungo la Rectory Street lungo il maestoso giardino, abbiamo scoperto la chiesa dominata dal suo campanile quadrato ricostruito nel 1826. Alla maniera di una cappella, la chiesa si trova vicino alla casa nobile con la quale potevano comunicare direttamente. Questo ricorda la prima chiesa costruita con la creazione di Châteauneuf nel 12 ° secolo e poi una piccola cappella romanica situata all’interno del castello che occupava l’intera cima dell’attuale villaggio.

Grande fontana della lavanderia:
Quali sono le fonti che alimentano Brague con questa lavanderia recentemente rinnovata. Si possono anche osservare due trogoli e un trogolo per lavare lana e grano. Questo sito, ombreggiato da antichi platani, merita una visita. Il fiume si snoda sulla pianura Opio unisce Valbonne, Biot e sfocia nel Mediterraneo. La sua importanza nella realizzazione di questi villaggi è ovviamente significativa.

Luoghi e monumenti
Chiesa di Nostra Signora di Brusc: chiesa o cappella del XI secolo, monumento storico del 1986, dopo il suo restauro. È costruito sui resti di una basilica, anch’essa costruita sulle fondamenta di una chiesa del V secolo. È diventato un luogo di concerti e spettacoli teatrali. La chiesa fu classificata come monumento storico il 20 agosto 1986.
La chiesa di San Martino, che domina il paese, fu costruita nel xvii secolo. La chiesa è a navata unica con cappelle laterali, un transetto e un coro con abside piatta. È a volta a botte con decorazioni in stucco e altari barocchi. Il campanile fu ricostruito nel 1826.
Resti della cappella di San Sebastiano Romano tra cui un’abside in un vicolo cieco incluso in un edificio residenziale.
Cappella della Trinità, di origine medievale, costruita su un vecchio fanum, a sud-ovest del villaggio.

Museo di San Bastian
Il museo è dedicato a oggetti del passato, messi in evidenza dall’associazione di Messuguié, guidata da Marie-Claude e Jeannot. Inaugurato nel 2017, il museo è regolarmente arricchito con oggetti o persino tesori precedentemente conservati presso il Museo d’Arte e Storia della Provenza a Grasse.

Gli oggetti e gli strumenti qui esposti ricordano ai visitatori del passato il motore a benzina, l’elettricità e le tecnologie moderne. Molti ricordano ad alcuni di noi di averli usati o di averli visti solo nei nonni. Questo è il caso di molti utensili di uso quotidiano nelle nostre cucine di un tempo (mortai, rulli per ravioli, tritatutto, macinacaffè, ecc.).

L’ingresso al museo ci ricorda la Provenza con questi manichini in abiti tradizionali. Sul muro, alcune foto più o meno vecchie di Châteauneuf con quelle dell’incrocio del Pré du Lac ai tempi del tram all’inizio del secolo scorso e quelle più recenti in cui possiamo vedere chiaramente dove il quartiere prende il nome; il prato si riempì completamente d’acqua dopo la pioggia. La sala principale ci ricorda il passato agricolo della regione: la coltivazione della vite illustrata dalle macchine da stampa, le culture naturali ma anche quelle floreali e l’industria dei profumi con le sue cornici enfleurage e le sue bottiglie. Al piano superiore gli scaffali sono carichi di utensili manuali, sul muro i “giogo” di buoi e “pacchi” per caricare il mulo attestano l’aiuto degli animali nel lavoro dei campi.

Eventi e festival
Celebrazioni Per immergerti davvero nel modo di vivere semplicistico di cui godono i locali, ci sono numerosi eventi durante l’anno. Potrebbero non essere i più avvincenti o stravaganti, ma hai davvero un senso di appartenenza e comunità agli eventi.

Festival della zucca
Per più di 15 anni, l’associazione “La Courge d’Abondance” ha organizzato ogni anno, la terza domenica di ottobre, il festival dello Squash a beneficio di una o più associazioni umanitarie.

Spettacolo “L’amour Du Bois”
Una fiera commerciale per la lavorazione del legno. Informazioni esaurienti sull’industria del legno, nonché sulle attività commerciali a base di legno; Numerose dimostrazioni riguardanti questi mestieri e realizzazioni in loco di oggetti in legno; Contatta gli artigiani: tornitori di presenza, creatore di cestini, scultori, mobili da ristorante, ebanista, boscaiolo, pittore su intarsio di legno, modello, fabbricatori di coltelli, liutaio, taglierina di legno, creatore di giocattoli di legno, penne …

Festa pastorale e agricola di Nostra Signora di Brusc – la prima domenica dopo Pasqua
Festa pastorale della Santissima Trinità – la prima domenica dopo la Pentecoste
Primavera dei poeti – marzo
Festival Nights Brusc – 4 notti a luglio
Festa della zucca – metà ottobre

Attività
C’è sempre qualcosa di interessante da qualche parte; ogni hobby è pensato per gli sport acquatici, le passeggiate, il golf, la pesca, il ciclismo … così come i ristoranti, i caffè e le boutique attesi. Se ti piace viaggiare con la luce fantastica … allora la vita notturna lungo la costa non è seconda a nessuno.

Ciclismo
Ci sono alcuni eccellenti ed esaltanti percorsi in mountain bike e su strada da prendere se stai cercando un po ‘più di una scarica di adrenalina che una partita a golf. Oltre a un’auto sportiva convertibile sulle migliori strade della Costa Azzurra, il ciclismo è il modo migliore per ammirare tutti gli splendidi paesaggi di campagna nel sud della Francia. Pedala per il fitness o per il tempo libero, non rimarrai deluso dalle viste che incontri intorno a ogni curva della strada o traccia attraverso i boschi. Se sei un appassionato fan del ciclismo, Chateauneuf de Grasse potrebbe essere il posto perfetto per te mentre il Tour de France attraversa la zona.

Escursionismo
Uno dei passatempi preferiti per la gente del posto è godersi le pittoresche passeggiate attraverso la gloriosa campagna. È il modo migliore per ammirare lo scenario perché puoi prenderti il ​​tuo tempo e non essere affrettato. È il luogo perfetto per allontanarsi da tutti gli stress della vita e semplicemente prendere l’aria fresca, godersi il clima caldo e rilassarsi.

Golf
Il campo da golf Golf de la Grande Bastide è uno dei campi più pittoreschi della Costa Azzurra e offre una vista mozzafiato sulle colline e sui boschi circostanti. Si tratta di un percorso molto aperto che ha tratti accidentati brevi, facilmente navigabili e una modesta spruzzata di ostacoli d’acqua per accompagnare le trappole di sabbia che occupano ogni buca. Un posto molto rilassato per giocare a golf. Goditi l’aria fresca, i bellissimi panorami e il grande esercizio e compagnia mentre ti allontani e presto vedrai perché la vita in Costa Azzurra è migliore della vita quasi ovunque. Il ristorante sul campo da golf è un posto meraviglioso e rilassante dove mangiare dopo una partita a golf o quando vuoi regalare alla famiglia un pasto delizioso e rispettabile.

Tags: