Grasse Travel Guide, Alpi Marittime, Francia

Grasse è una città francese della Provenza, situata nel dipartimento delle Alpi Marittime nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Dal 17 ° secolo, la città è considerata la capitale mondiale del profumo. Ha ottenuto tre fiori nel Concorso di città e villaggi in fiore ed è stata promossa “Città d’Arte e Storia”. È anche “Internet City”.

Grasse è una città di circa 50.000 abitanti situata all’interno della Costa Azzurra, a circa 15 km da Cannes e 30 km da Nizza. A un’altitudine compresa tra 100 e 1000 m, Grasse è costituita da un centro città e da numerosi quartieri o frazioni. Il suo posizionamento tra mare e montagna, la relativa distanza dalla costa, il suo centro città e le sue profumerie, la vicinanza di grandi città e infrastrutture lo rendono un posto molto piacevole in cui vivere, e una popolare città turistica.

Storia
Nel Medioevo, Grasse si specializza nell’abbronzatura della pelle. Una volta conciate, le pelli vengono spesso esportate a Genova o Pisa con cui Grasse aveva stretto un’alleanza commerciale. Diversi secoli di questa intensa attività hanno visto numerosi progressi tecnici nelle industrie della conceria. Le pelli Grasse hanno acquisito una reputazione per l’alta qualità. Ma la pelle ha un cattivo odore, qualcosa che non soddisfa la nobiltà che indossa guanti in questa materia. Fu Galimard, un conciatore a Grasse, che ebbe l’idea di creare guanti di pelle profumata in “bagni profumati” (acqua di rose, spezie), secondo il metodo orientale. Offre una coppia a Catherine de Medici che è sedotta dal dono. Da quel momento in poi, i conciatori gonfiarono le pelli di cuoio e il guanto profumato si diffuse alla Corte e in tutta l’alta società. Ha reso Grasse la capitale mondiale del profumo, soppiantando Montpellier, la cui facoltà di farmacia era la fonte della creazione di unguenti e profumi. Nel 17 ° secolo è il periodo d’oro dei “profumieri Glovers” che sviluppano il “guanto frangipane”, “provenzale”.

Medioevo
Nel 875, la Provenza si unì al Regno di Francia e Boson, il nuovo re, gli fece firmare un atto di fedeltà il 15 ottobre 879. Grasse rifiuta di firmarlo e quindi si stacca dalla Provenza. Viene quindi annesso al Regno di Lombardia sotto il regno di Carlo II il Grasso nell’879, quindi al Regno di Borgogna Giurania sotto Rodolfo II, al Regno di Arles sotto Rodolfo III. Devastata dagli arabi, Grasse e la sua regione furono riconquistati dai principi di Arles che diedero la città e la metà del territorio del vescovato di Antibes come feudo a Rodoard che aveva aiutato questa liberazione e fondatore della casa di Grasse, signori di Antibes.

La sottomissione feudale della città doveva essere di breve durata. Dal 1138 vediamo che Raimond de Grasse, che tratta della Repubblica di Genova, firma un protocollo nel solo nome di Antibois senza menzionare il popolo di Grasse. Il popolo di Grasse abolì il servo e la città fu gestita da consoli eletti per un anno, quattro in numero. Rappresentano la città per altre repubbliche, signori, città vicine, il vescovo, hanno il potere giudiziario, sebbene assistiti dal “judex consulum”, organizzano la difesa della città, stabiliscono le tasse e nominano i funzionari della città.

Nel 1171 il Consolato firmò un trattato politico e commerciale con Genova per un periodo di 29 anni, il primo di una lunga serie che durò quasi tre secoli. Nel 1179, fu con Pisa che Grasse firmò un trattato per 26 anni. La città ama commerciare con città indipendenti come Genova esportando o importando tela, pelle, grano, pelli grezze, pelli conciate, vino e bestiame. La sua nuova libertà fece fiorire il commercio con le città vicine che cercavano di concludere alleanze con i Consoli.

Nel 1250, Grasse divenne anche la capitale di Viguerie. Grasse ottiene i privilegi dal Conte di Provenza, quindi dai Re e dalle Regine di Francia: libertà di commercio, libertà di eredità, diritto di eredità e pascolo nei luoghi vicini, riduzioni fiscali ed esenzioni, libertà di cultura e riproduzione, diritto di possedere un campana, indulgenze giudiziarie, carità per i poveri di Grasse. La famiglia reale mostrò così la sua gratitudine per la lealtà di Grasse alla sua causa fino a Luigi XIV, che rispettava meno questi franchise. L’artigianato della conceria è la principale attività economica e commerciale.

Il 14 ° secolo è l’edificio religioso di nuovi monasteri e ampliare i bastioni per proteggere. Dietro queste nuove fortificazioni, nuove case vengono create intorno a Place aux Aires. La popolazione sta crescendo. Nel 1321, Grasse aveva 6000 abitanti. Il 25 ottobre 1384 Foulques d’Agout, Seneschal di Provenza, donò beni alla città di Grasse come ricompensa per il suo attaccamento alla causa della Casa d’Angiò, e fece i castelli.

Alla fine del XIV secolo, il consiglio comunale è organizzato e funziona regolarmente; è il Consiglio ordinario, Consilium ordinarium. Ha venti membri: sono avvocati, notai, ricchi proprietari terrieri, alcuni mercanti e artigiani. I notai e le persone con un ufficio devono rinunciare alle loro funzioni mentre sono ammessi al Consiglio.

Il 15 ° secolo è teatro di molte disgrazie. Per proteggere la Provenza dalle truppe omicide del re Alfonso d’Angiò, il popolo di Grasse combatte e si indebolisce. Quindi, due epidemie di peste nel 1451 e 1470 uccisero un terzo della popolazione. Nel 1482, Luigi XI allargò il suo regno e annesse la Provenza. Grasse diventa francese.

Tempi moderni
Durante il Rinascimento, Grasse subì l’invasione di Charles Quint, durante la quale la città fu incendiata e saccheggiata. Nel 1589, Grasse prese posizione a favore di Enrico IV e del suo editto di Nantes nelle guerre di religione, che provocarono l’ira del barone de Vins, che assediò la città per otto giorni. Grasse si arrese, il Primo Console Antoine Taulane e altre 17 persone di Grasse si sacrificarono per salvare la città, ma il barone fu ucciso.

Durante il 17 ° secolo, Grasse sorge. È l’apogeo dell’industria della conceria, ma anche l’inizio di quello del profumo e dei “guanti profumati” Grasse è noto nell’Illuminismo per l’intervento cruciale delle truppe navali dell’ammiraglio de Grasse, discendente dalla linea dei Conti di Grasse , nella vittoria degli Stati Uniti contro i coloni britannici. Fu a bordo di La Ville de Paris che vinse la vittoria di Chesapeake.

Jean Honoré Fragonard, un bambino di Grasse, divenne “pittore del re” sotto la pressione della Marchesa di Pompadour. Hervé Court de Fontmichel nella sua opera “Le Pays de Grasse” scrive che alla fine del 18 ° secolo l’alta società estremamente chiusa di Grasse comprendeva una minoranza aristocratica di origine feudale e una maggioranza di famiglie, nobili o notabili, del mondo di attività commerciale. Queste famiglie vivono in case molto belle, la vita mondana si sviluppa in eleganza e sfarzo. Alla vigilia della rivoluzione, i saloni della Marchesa di Cabris, sorella di Mirabeau e di Mons. Prunières, vescovo di Grasse, saranno particolarmente brillanti. Place aux Aires è abbellita con la costruzione di una fontana.

rivoluzione francese
Poco prima della Rivoluzione francese, l’agitazione è aumentata. Oltre ai problemi fiscali presenti da diversi anni, il raccolto del 1788 fu pessimo e l’inverno del 1788-89 molto freddo. Le elezioni degli Stati generali del 1789 erano state preparate da quelle degli Stati di Provenza 1788 e gennaio 1789, che avevano contribuito a sottolineare l’opposizione politica di classe e suscitare scalpore.

Grasse è quindi una città di tradizione opportunista e commerciale, globalmente contraria alla Rivoluzione. “Gli artigiani di Grasse sono divisi in due fazioni i cui leader appartengono alla borghesia mercantile e che competono per il municipio e la strada per tutta la rivoluzione. Anche se sembrano essere più numerosi nel Partito Repubblicano, la maggior parte di questa borghesia mercantile partecipa nel movimento rivoluzionario contro … Tuttavia i Grasse imprigionati per aver mostrato la loro ostilità alla Rivoluzione e una ghigliottina installata dove trenta “nemici del popolo” furono giustiziati.

Periodo contemporaneo
Il 19 ° secolo, tuttavia, è un secolo di prosperità. Il profumo si sta sviluppando e Grasse diventa “Capitale mondiale dei profumi”. Si apre verso l’esterno e compaiono grandi fabbriche, un segno di adesione alla rivoluzione industriale. È anche l’inizio del turismo: apprezziamo la qualità della vita, i paesaggi e il clima che vi regna. La principessa Pauline vi rimase nel 1811 e diede il suo nome al giardino dove le piaceva riposare. I ricchi stranieri costruiscono magnifiche ville e la città si arricchisce di varie curiosità. Quando i dipartimenti furono creati nel 1790, Grasse apparteneva al Var, di cui fu persino la capitale dal 1793 al 1795. Il suo arrondissement fu staccato da esso nel 1860 per formare, con la Contea di Nizza che era stata appena attaccata alla Francia, le Alpi Marittime.

Nel 20 ° secolo, Grasse mantiene la sua reputazione turistica e l’industria delle fragranze viene trasformata e modernizzata.

Profumo
Grasse ha avuto una prospera industria dei profumi dalla fine del 18 ° secolo. Grasse è il centro dell’industria francese dei profumi ed è conosciuta come la capitale mondiale dei profumi (la capitale mondiale des parfums). Molti “nasi” vengono addestrati o hanno trascorso del tempo a Grasse per distinguere oltre 2000 tipi di profumi. Grasse produce oltre i due terzi degli aromi naturali della Francia (per i profumi e gli aromi alimentari). Questo settore genera oltre 600 milioni di euro all’anno.

Il particolare microclima di Grasse ha incoraggiato l’industria florovivaistica. È caldo e sufficientemente interno per essere riparato dall’aria di mare. Vi è abbondanza di acqua, grazie alla sua situazione sulle colline e alla costruzione del canale Siagne nel 1860 a scopo di irrigazione. La città si trova a 350 m (1.148,29 piedi) sul livello del mare e 20 km (12 miglia) dalla costa (Costa Azzurra). Il gelsomino, un ingrediente chiave di molti profumi, fu portato nel sud della Francia dai Mori nel XVI secolo. Ventisette tonnellate di gelsomino vengono ora raccolte a Grasse ogni anno. Ci sono numerose vecchie “profumerie” a Grasse, come Galimard, Molinard e Fragonard, ognuna con visite guidate e un museo.

Il commercio di pelli e concia si sviluppò nel corso del XII secolo attorno al piccolo canale che attraversa la città. Questa attività ha prodotto un forte odore sgradevole. Al tempo del Rinascimento i produttori di profumi iniziarono la produzione di guanti, borse e cintura (abbigliamento), per incontrare la nuova moda dall’Italia con l’entourage della regina Caterina de ‘Medici.

La campagna intorno alla città iniziò a coltivare campi di fiori, offrendo nuovi profumi dalla città. Nel 1614, il re riconobbe la nuova società di “profumieri”. A metà del XVIII secolo, la profumeria stava vivendo uno sviluppo molto importante. Le aziende leader risalenti a questo periodo includono la più antica profumeria francese e la terza più antica profumeria in Europa, fondata nel 1747 da Galimard. L’introduzione di nuovi metodi di produzione ha trasformato la produzione di profumi in un vero settore che potrebbe adattarsi alle nuove esigenze del mercato.

Nel diciannovesimo secolo, le materie prime iniziarono ad essere importate dall’estero. Nel corso del XX secolo la creazione di prodotti sintetici ha portato alla democratizzazione e alla convenienza dei profumi e dei loro derivati; (shampoo e deodoranti, panna (farmaceutica) e detergenti, aromi alimentari per biscotti, gelati e prodotti lattiero-caseari, bevande, cibi pronti, confetteria, conserve e sciroppi). Nel 1905 furono raccolte seicento tonnellate di fiori, mentre negli anni ’40 furono prodotte cinquemila tonnellate all’anno. Tuttavia, all’inizio del 2000, la produzione era inferiore a 30 tonnellate per tutti i fiori combinati.

Attività storica
Nel Medioevo, Grasse si specializza nell’abbronzatura della pelle. Una volta abbronzati, le pelli venivano spesso esportate a Genova o Pisa, città che condividevano un’alleanza commerciale con Grasse. Diversi secoli di questa intensa attività hanno visto molti progressi tecnologici nelle industrie conciarie. Le pelli di Grasse hanno acquisito una reputazione per l’alta qualità. Ma la pelle aveva un cattivo odore, qualcosa che non piaceva al guanto che indossava la nobiltà. Questo è quando Galimard, un conciatore di Grasse, ha avuto l’idea di guanti in pelle profumata. Offrì un paio di guanti profumati a Catherine de Medici che fu sedotta dal dono. Successivamente, il prodotto si diffuse attraverso la Corte Reale e l’alta società, e questo divenne una reputazione mondiale per Grasse.

Il diciassettesimo secolo divenne il periodo di massimo splendore di “Glovers Perfumers”. Tuttavia, le tasse elevate sulla pelle e sulla concorrenza di Nizza portarono un declino per l’industria della pelle a Grasse e cessò la produzione di profumi di cuoio. I rari profumi di Grasse (lavanda, mirto, gelsomino, rosa, fiori d’arancio e mimosa selvatica) ha vinto il titolo di Grasse come la capitale del profumo del mondo. La raccolta del gelsomino è stata un’attività ad alta intensità di lavoro solo pochi decenni fa. I fiori dovevano essere raccolti a mano all’alba, quando il loro il profumo è il più sviluppato e immediatamente da trattare con enfleurage freddo.

Industria moderna
Una rete di sessanta aziende dà lavoro a 3.500 persone in città e nei dintorni. Inoltre, circa 10.000 residenti di Grasse sono impiegati indirettamente nell’industria dei profumi. Quasi la metà della tassa sulle imprese per la città proviene dal settore dei profumi e questo è in anticipo rispetto al turismo e ai servizi. L’attività principale della profumeria a Grasse è la produzione di materie prime naturali (olii essenziali, calcestruzzi, assoluti, resinoidi e distillazione molecolare) e la produzione di concentrato, chiamato anche succo. Un concentrato è il prodotto principale che, se diluito in almeno l’80% di alcol, fornisce un profumo. Anche gli aromi alimentari, sviluppati dagli anni ’70, rappresentano oggi oltre la metà della produzione.

Ciò rappresenta quasi la metà della produzione di profumi e aromi francesi e circa il 7-8% dell’attività globale totale. Tuttavia, negli anni ’60 e ’70 grandi gruppi internazionali acquistarono gradualmente fabbriche familiari locali (Chiris, Givaudan-Roure e Lautier, per esempio). Poco dopo la loro produzione è stata spesso trasferita all’estero. Solo 30 anni fa la maggior parte delle aziende si concentrava sulla produzione di materie prime. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle fragranze moderne contiene sostanze chimiche sintetiche in parte o nel loro insieme. Le aziende di profumi Grasse si sono quindi adattate rivolgendosi alla sintesi aromatica e soprattutto agli aromi alimentari e hanno concluso con successo una lunga stagnazione. L’industria dei profumi di Grasse non può competere con le grandi multinazionali chimiche, ma trae grande vantaggio dal vantaggio della sua conoscenza di materie prime, strutture,

Produttore di profumi
Tre profumerie, Fragonard, Molinard e Galimard hanno aperto le loro porte al pubblico e offrono tour gratuiti che spiegano i processi di produzione di un profumo. È possibile creare il proprio profumo, acqua di profumo o acqua di toilette e partecipare a tutte le fasi della produzione dalla raccolta dei fiori all’imbottigliamento.

La profumeria Galimard, fondata nel 1747 da Jean de Galimard, fornì alla corte reale pomate e profumi. È la terza più antica compagnia di profumi al mondo dopo Farina Gegenüber e Floris di Londra ed è stata ripresa dopo la guerra da Gaston de Fontmichel e Joseph Roux.
Molinard è stata fondata nel 1849 e le loro bottiglie di profumo erano realizzate in cristallo Baccarat e vetro Lalique. I clienti possono creare il proprio profumo personalizzato durante il seminario del corso di fragranza Tarinology.
La profumeria Fragonard è stata fondata nel 1926 in una delle fabbriche più antiche della città. Il suo museo Fragonard Musée du Parfum espone oggetti rari che spiegano la storia della profumeria, che copre 5000 anni.
Museo internazionale del profumo. Inaugurato nel 1989, il museo ripercorre l’evoluzione delle tecniche durante i 5.000 anni di storia della profumeria e l’ampio contributo dell’area di Grasse alla creazione di profumi. È stato rinnovato e ampliato (raddoppiando le dimensioni) tra il 2007 e il 2008.

Patrimonio storico

Cattedrale di Notre Dame du Puy
La cattedrale risale alla metà del 13 ° secolo (trasferimento del vescovato nel 1244). La sua architettura è influenzata dalla Liguria e dalla Lombardia (pianta, decorazioni, volte). La facciata principale è semplice e discreta. Riflette la disposizione interna: una navata centrale rialzata e due navate laterali.

Nel 18 ° secolo, una cripta fu scavata sotto la cattedrale e il pavimento interno e i gradini furono rifatti. Il portale centrale diventa l’unico accesso a questa facciata. È arricchito da una scala a doppia rampa. Il portale è sormontato da una statua della Vergine. Le porte in noce sono scolpite da due ebanisti di Grasse: Deschamps e Raybaud.

La cattedrale di Grasse ospita molte opere d’arte, alcune classificate come Monumenti Storici: “Saint-Honorat, Saint Clément e Saint Lambert”, pala d’altare attribuita alla scuola di Louis Brea, La “corona di spine”, “Sant’Elena e l’Esaltazione della Santa Croce “e” L’Erezione della Croce “sono opere attribuite a Peter-Paul Rubens o alla sua scuola. Il “lavaggio dei piedi” di Jean-Honoré Fragonard del 1754 è una delle rare opere religiose dell’artista di Grasse. La croce monumentale nella navata è una croce di missione del 1830. I grandi organi risalgono al 1855, realizzati dal costruttore di organi di Tolosa Jungk. La “morte di Saint-Paul, eremita” di Charles Nègre (artista di Grasse)

La cattedrale ha 6 vetrate e quattro statue di Baillet che rappresentano i quattro evangelisti: Saint Mathieu, Saint Marc, Saint Luc e Saint Jean.

Borgo medievale
Il carattere autentico dei villaggi della Pays de Grasse che creano il fascino della Costa Azzurra. Dalla valle della Siagne, dove questo magnifico fiume si snoda con nonchalance ai villaggi del sud del territorio fino all’Haut Pays, dove apprezzerai la ricchezza e il patrimonio dei resti dei villaggi medievali, il Pays de Grasse è un sapiente mix di serenità e pace della mente. Magnifiche vecchie case di pietra, attraversa immense vallate, scoprite il patrimonio locale, assaporate le specialità …

Municipio (ex vescovato):
la monumentale porta del municipio in pietra vestita e incoronata con le braccia di Grasse conduce nel cortile interno dove la fontana è in trono sormontata dalla statua di Rabuis che rappresenta l’allegorizzata Grasse. Sulla destra, si può ammirare la facciata ben conservata del vecchio palazzo episcopale. Alla fine, un giardino discreto offre un panorama sul centro della città. All’interno del municipio, nella hall, sono notevoli due archi del XII secolo, così come la cappella privata dei vescovi di Grasse (XII secolo) al secondo piano, oggi sala delle nozze. Quando il vescovato fu rimosso nel 1790, l’edificio divenne municipio.

Profumerie:
assolutamente da vedere quando si visita Grasse. Tre di loro, Fragonard, Galimard e Molinard aprono le porte al pubblico e offrono visite guidate gratuite per spiegare i processi di produzione del profumo. Puoi creare il tuo profumo o l’eau de toilette e partecipare a tutte le fasi della sua produzione, dalla raccolta dei fiori all’imbottigliamento del profumo.

La profumeria Galimard,
creato nel 1747 da Jean de Galimard fornì alla corte pomate e profumi. Fu rilanciato dopo la guerra da Gaston de Fontmichel e Joseph Roux. Il profumo Molinard presenta bottiglie antiche firmate Baccarat e Lalique, serie di etichette. Il laboratorio di tarinologia ti consente di creare il tuo profumo. La profumeria Fragonard è stata installata dal 1926 in una delle fabbriche più antiche della città. Il suo museo presenta oggetti rari che rievocano la storia della profumeria per oltre 5.000 anni.

Luogo e monumenti
La torre saracena:
Torre di guardia antica, quadrata, alta 30 m.
Statua in bronzo dell’ammiraglio de Grasse situata sulla Cours Honoré Cresp dallo scultore Cyril de La Patellière, inaugurata il 10 ottobre 1988 alla presenza di Hervé de Fontmichel, sindaco, del conte Bruno Deydier de Pierrefeu in rappresentanza del Cincinatti, del principe Louis de Polignac, di il Marchese de Grasse, del vice ammiraglio Duthoit, prefetto marittimo.
La tenuta di Manon coltiva rose e gelsomini.
Il giardino della Principessa Paolina, dal nome della sorella di Napoleone I che rimase in città nel 1807-1808 e gli piaceva questo giardino.

Arte e cultura:

Museo Fragonard:
museo dedicato al pittore creato su iniziativa di François Carnot con l’aiuto della sua Fragonard Society, il Fragonard Museum di Grasse voleva essere il museo regionale che mancava nella Provenza orientale. L’hotel Clapier-Cabris, vandalizzato e devastato per un secolo, è stato pazientemente e metodicamente rinnovato, quindi riempito con mille tesori da molti entusiasti collaboratori. Inaugurato nel 1921, il museo, nonostante il suo nome, non ha esposto una tela di Jean-Honoré Fragonard per più di venti anni. Oggi possiede tredici dei più vari. Il museo presenta anche repliche di quattro dipinti che ha dipinto per la Contessa du Barry. La tromba delle scale presenta un sorprendente trompe-l’oeil che il figlio di Fragonard, il giovane Alexandre, avrebbe prodotto all’età di tredici anni.

Museo internazionale del profumo:
Unico, l’International Perfume Museum è il primo istituto pubblico dedicato alla protezione e alla promozione del patrimonio mondiale di odori, aromi e fragranze, il museo ripercorre l’evoluzione delle tecniche e i 4.000 anni di storia del profumo a cui Grasse ha ampiamente contribuito. È stato rinnovato e ampliato (raddoppiando l’area) tra il 2007 e il 2008.

Creato nel 1989 e rinnovato nel 2008, l’International Perfume Museum si trova naturalmente a Grasse, la culla della profumeria di lusso. Unico, l’International Perfume Museum è il primo stabilimento pubblico dedicato alla protezione e alla promozione del patrimonio mondiale di odori, aromi e fragranze.

Luogo vivente della memoria, il Museo internazionale del profumo affronta la storia del profumo dai suoi vari aspetti: materie prime, produzione, industria, innovazione, commercio, design, marketing, usi. Il profumo è anche espresso attraverso favolosi oggetti provenienti da cinque continenti come opere d’arte, tessuti, testimonianze archeologiche … Il Museo internazionale del profumo è anche un audace progetto architettonico di Frédéric Jung costruito intorno a un bastione del 14 ° secolo e la dimora di Pontevès, cioè 3.500 m2 con giardini e terrazze in un ambiente paesaggistico eccezionale.

Comunicare, trattare, sedurre …
Queste sono le principali missioni di profumo e i tre assi di presentazione delle collezioni al MIP e ai Jardins du MIP.

Comunicare: durante l’antichità, comunichiamo con l’aldilà per mezzo di incenso e altri unguenti sacri. Oggi, la funzione di comunicazione del profumo viene utilizzata per altre applicazioni come il marketing dei profumi.

Trattare: nel Medioevo, abbiamo scoperto le virtù terapeutiche di piante e spezie e abbiamo gettato le basi dell’attuale aromaterapia.

Per sedurre: dal 17 ° secolo, il profumo si afferma come un artificio di seduzione che continuerà ad evolversi fino alle composizioni creative di oggi, trasportate da una comunicazione pubblicitaria sempre più forte.

Museo d’Arte e Storia della Provenza
Il Museo d’Arte e Storia della Provenza (mahP) riunisce, all’interno dell’Hôtel de Clapiers-Cabris, importanti collezioni dedicate da una parte alla vita quotidiana nella Provenza orientale dalla Preistoria, e dall’altra alle Belle arti e alla decorazione arti dal 17 ° secolo alla prima metà del 20 ° secolo. Ospitato a Villa Clapiers-Cabris, sede della Marchesa de Cabris, e presenta la storia di Grasse e della sua regione. Un annesso del museo, situato proprio nella strada, contiene costumi provenzali e gioielli del 18 ° e 19 ° secolo.

Questo museo regionalista è opera di François Carnot (1872-1960), figlio dell’ex presidente della Repubblica sposato a Grasse, con Valentine Chiris, figlia dell’industriale in profumo che è all’origine dell’estrazione del solvente. La creazione di questo museo ha rapidamente riunito l’élite locale e numerosi donatori francesi e stranieri. Si basa su una grande società di amici del museo, proprietaria delle collezioni, che oggi supporta lo sviluppo e le attività del museo. Intorno all’archeologia regionale e alle arti e tradizioni popolari, una selezione di dipinti, sculture, arti grafiche, mobili, ceramiche, oggetti in vetro, tessuti, gioielli e armi, il museo ricrea la storia della Provenza orientale le cui tradizioni, saldamente ancorate alla vita quotidiana, hanno favorito l’emergere di forti identità locali.

In questa dimora, che ha conservato la sua distribuzione originale di sale cerimoniali e spazi privati, ricostruzioni di stanze dove la vita è buona e mostre educative convivono armoniosamente su tre livelli aperti a sud, con vista sul giardino.

Museo marittimo – Ammiraglio commemorativo di Grasse
Museo dedicato alla vita e alla carriera di un grande marinaio della Provenza e dei suoi compagni: François-Joseph Paul Comte de Grasse (1722-1788). Vincendo la battaglia navale del Chesapeake il 5 settembre 1781, L’Amiral de Grasse pose fine alla guerra di indipendenza degli Stati Uniti d’America.

Il piano terra di Villa Fragonard ospita il Museo della Marina dal 2007, precedentemente situato nell’Hotel Pontevès. Questo museo è dedicato alla vita e alla carriera di un grande marinaio della Provenza e dei suoi compagni. Trenta modelli di navi sono esposti nelle varie sale al piano terra.

Museo del costume e dei gioielli provenzali
Ex dimora della marchesa di Cabris, sorella di Mirabeau, il palazzo di Clapier-Cabris ospita dal 1997 il Museo provenzale di costumi e gioielli. Presenta una collezione privata (dipendenza dal profumo Fragonard) che visita il delicato universo femminile del 18 ° secolo .

Pazientemente assemblata da Hélène Costa, l’eccezionale collezione privata del museo è composta da costumi e gioielli provenzali del 18 ° e 19 ° secolo: abiti, sottovesti con cuciture indiane, ornamenti in pizzo, copricapo, ecc. Questi abiti raccontano la storia della vita di Provenzali, contadini , artigiani e bastidani della nostra regione.

Villa-Museum Fragonard
Questa elegante casa di campagna della fine del 17 ° secolo, con il suo magnifico giardino, ospita le opere del famoso pittore di Grasse Jean-Honoré Fragonard e dei suoi discendenti. Questo cantore dell’amore galante dipinse quattro superbe scene intitolate “I giochi d’amore” per la contessa du Barry, la preferita del re.

Oggi, splendide repliche di questi dipinti adornano i salotti del museo. Oltre ai disegni e dipinti originali di questo artista, scopriamo nella tromba delle scale, una sorprendente decorazione trompe-l’oeil, attribuita ad Alexandre-Évariste Fragonard, figlio di Jean-Honoré Fragonard, che avrebbe prodotto all’età di 13 anni .

Museo Fragonard – Collezione Hélène e Jean-François Costa
Il museo Fragonard si trova nell’Hôtel de Villeneuve, un magnifico edificio storico restaurato nello spirito delle grandi residenze Grasse del XVIII secolo. Dedicato al figlio più famoso della città di Grasse, il pittore Jean-Honoré Fragonard (1732-1806), questo museo presenta una quindicina di importanti opere dell’artista.

Ospita anche una collezione di dipinti di altri due artisti di Grasse, Marguerite Gérard (1761-1837) e Jean-Baptiste Mallet (1759-1835). Questo set costituisce la seconda collezione francese di opere di Jean-Honoré Fragonard dopo quella del Louvre e la prima riguardante gli altri due artisti.

Spazio d’arte concreta
L’EAC è un centro di arte contemporanea con una collezione di arte astratta unica in Francia, la Donation Albers-Honegger. La donazione Albers-Honegger, classificata come tesoro nazionale, offre al pubblico una serie di 618 opere rappresentative delle molteplici tendenze dell’astrazione geometrica.

Situato nel parco del castello, l’ea. si sviluppa su tre edifici: le mostre temporanee al primo piano del castello (costruito all’inizio del XVI secolo e con una pianta triangolare molto rara in Francia), la collezione permanente in un edificio contemporaneo (2004, architetti: Annette Gigon e Mike Guyer) e i Laboratori didattici, sotto l’Esplanade du Château (1998, architetto: Marc Barani).

Tema del profumo
Il “know-how relativo al profumo nel Paese di Grasse” è stato registrato come patrimonio immateriale dell’umanità. Questo storico evento per la Francia e per la storia mondiale della profumeria, si è tenuto a Port-Louis sotto la presidenza di SE Hon Prithvirajsing Roopun, ministro delle arti e della cultura della Repubblica di Mauritius, alla presenza di rappresentanti diplomatici dei 178 stati firmatari di la Convenzione sul patrimonio culturale immateriale e gli esperti ICH di paesi che hanno ratificato la convenzione.

L’approccio è stato avviato quasi 10 anni fa, sostenuto dall’Associazione Living Heritage del Pays de Grasse, che riunisce tutti i professionisti del settore, siano essi agricoltori della fabbrica di profumi, esperti di materie prime o ancora i profumieri senza dimenticare gli storici, scienziati, ricercatori … Un approccio unificante che cerca di esprimere un riconoscimento nei confronti delle generazioni passate che hanno lavorato così duramente per offrirci questo patrimonio.

Profumeria Molinard
Entra con facilità in questa bellissima famiglia bastide … Per scoprire le diverse fasi della produzione di profumi, automi a grandezza naturale e giochi interattivi.

Poche aziende familiari attraversano i secoli con entusiasmo e richieste sempre rinnovati. Creata nel 1849, la Maison Molinard è una di queste. A Grasse, la capitale mondiale della profumeria, cinque generazioni successive suscitano emozioni. Riconosciuto dalla più alta distinzione “Living Heritage Company”, in omaggio al suo raro e ancestrale know-how, la casa si reinventa ogni giorno con la passione di creare come patrimonio.

Parfumerie Galimard
Jean de Galimard, Lord of Seranon, imparentato con il conte di Thorenc, visse a Grasse dove nel 1747 creò la Parfumerie Galimard. Fondatore della corporazione dei produttori di guanti e dei profumieri, ha poi fornito alla Corte di Roy Louis “Le Bien-Aimé” oli di oliva, pomate e profumi, di cui è stato l’inventore delle prime formule. Per oltre 264 anni, Parfumerie Galimard ha continuato la tradizione del suo illustre fondatore e perpetua i processi che hanno fatto la reputazione dei suoi prodotti.

Profumatore – Creatore di profumi nella più pura tradizione francese, GALIMARD è riuscito a rimanere una casa interamente di famiglia e rendere l’artigianato una fonte di creatività contemporanea. Scopri i segreti e le tecniche di produzione durante una visita guidata gratuita delle nostre fabbriche. Vengono anche offerti seminari sulla creazione di profumi.

Profumeria Fragonard
Fabbrica dei fiori: dedicata alla profumeria e alle piante aromatiche, la Fabbrica dei fiori è circondata da un magnifico giardino di piante da profumo. Alle porte di Grasse, questa fabbrica contemporanea inaugurata nel 1986 è dotata di macchine molto moderne per la fabbricazione e l’imballaggio dei nostri prodotti. Scopri i segreti del nostro know-how e della nostra professione di profumiere di Grasse.

Fabbrica storica: la storica fabbrica Fragonard è una fabbrica di produzione attiva risalente al 19 ° secolo, in cui è possibile seguire i passaggi nella creazione di un profumo, in un ambiente tradizionale e autentico. Nel cuore del centro storico, la nostra fabbrica storica è una delle più antiche di Grasse … In effetti, i locali attuali hanno ospitato dalla loro origine, nel 1782, una fabbrica di profumi. Fu nel 1926, in omaggio al famoso pittore Jean-Honoré Fragonard, che prese il nome di Parfumerie Fragonard. Da allora, ogni giorno, produciamo i nostri profumi, cosmetici e saponi lì in un quadro che rispetta la tradizione.

Coltivazione di fiori

Domaine du Mas de L’olivine
Due amanti della terra e dei profumi, Audrey (da una famiglia di raccoglitori da 4 generazioni) e Thierry BORTOLINI (giardiniere, dopo aver realizzato i più bei giardini privati ​​del Mediterraneo), aprono le porte della loro tenuta familiare del 18 ° secolo: il Domaine du Mas de l’Olivine a Peymeinade (10 minuti da Grasse).

I buongustai trasformano i loro fiori in se stessi in pasticceria. Durante tutto l’anno, il proprietario ti mostrerà la coltivazione dei fiori emblematici del Pays de Grasse (Iris, Lys, Rose, Jasmine, ecc.) Con numerose sorprese olfattive e gustative. Queste piante da profumo sono coltivate in modo tradizionale nel mezzo di un uliveto di oltre 300 alberi che seguono la forma del paesaggio: le terrazze.

La Bastide Isnard
Visita guidata di un’autentica terra di profumieri. La Bastide Isnard è unica per il suo ambiente costituito da un uliveto centenario di un ettaro, sorgenti naturali, sotterranei ancestrali e piantato con fiori di profumo (rosa, gelsomino, tuberosa, lavanda, ecc.) Che hanno reso la profumeria così ricco. dal 18 ° secolo. Questo luogo ti permette di scoprire l’eccezionale patrimonio di Grasse, la capitale mondiale dei profumi. Oggi questa proprietà è stata abitata dagli Isnardi, dai profumieri di Grasse e da una famiglia emblematica della città per più di mille anni.

Pasticceria Florian
Creata nel 1949, la Confiserie Florian des Gorges du Loup si trova in un sito eccezionale tra il torrente Gorges du Loup e le montagne dell’entroterra di Grasse. Decorato con mobili antichi del sud della Francia risalenti al 17 ° e 18 ° secolo, Confiseries Florian è riuscito a unire tradizione, raffinatezza e sapori. Durante tutto l’anno, la pasticceria Florian accoglie visitatori da tutto il mondo per aiutarli a scoprire la produzione di specialità del sud della Francia.

Testimone della trasformazione dei migliori frutti e dei fiori più belli della regione in prodotti dolciari. In inverno, vedrai il lavoro degli agrumi trasformato in marmellate, bucce d’arancia con diversi cioccolatini e la glassa dei canditi. Da febbraio ad agosto vedrai il lavoro della viola, poi la rosa di Tango, il gelsomino e la verbena trasformati in deliziosi fiori cristallizzati o persino confetti floreali per il piacere di tutti i buongustai. Durante tutto l’anno, parteciperai alla preparazione di cioccolatini fatti in casa, caramelle e caramelle acide con i sapori della Provenza.

Eventi e festività
Grasse organizza eventi, mostre e conferenze durante tutto l’anno, ma soprattutto durante i periodi turistici, molto concentrati sulla profumeria o sulle tradizioni locali.

La Fête du Jasmine si svolge all’inizio di agosto. Ci sono sfilate di carri allegorici, bande di ottoni, fuochi d’artificio e spettacoli culturali attorno al tema del fiore di gelsomino. In totale, 150.000 vengono utilizzati per la celebrazione. La prima edizione di questo festival popolare e turistico ebbe luogo nel 1946 e il principio delle sfilate risale al 1948.

L’Exporose o International Rose Exhibition si svolgono a maggio. Ci sono mostre di rose di ogni genere, mercati, vendite, tour della città, spettacoli e concorsi sul tema della rosa. Esiste dal 1972.

Bio Grasse si svolge all’inizio di settembre. Esiste un mercato di prodotti biologici, eventi ed esposizioni sull’agricoltura biologica, lo sviluppo sostenibile e l’ecologia. La prima edizione risale al 1996.

Olivéa si svolge a giugno. È una fiera che ospita mercati, concorsi, mostre, dibattiti, eventi, conferenze … attorno al tema dell’olivo, ma anche di tutte le tradizioni locali provenzali.

Vénusia o International Congress of Cosmetology si svolge ad aprile al Palais des Congrès e presenta conferenze su bellezza e profumi.

Il Congresso Centifolia si svolge in ottobre dal 2001. Il suo obiettivo è presentare l’industria dei profumi, il settore economico principale della città, e per il quale è stato etichettato un cluster di competitività, attraverso conferenze.

Simposio internazionale di aromaterapia e piante medicinali.

Il festival Didascalies si svolge in primavera, di solito a maggio. È un festival di teatro scolastico che riunisce quasi 20 troupes (300 attori), 10.500 visitatori ogni anno. Creato nel 1990 dall’Istituto Fénelon, il festival accoglie oltre alle truppe locali diverse truppe straniere che si esibiscono in francese. Nonostante le difficoltà, la squadra organizzatrice rifiuta (con il sostegno degli studenti delle truppe del festival principale) di limitarsi a un festival franco-francese. Fino al 2011 le truppe hanno gareggiato per vincere la sfida. Tuttavia, la disuguaglianza tra le truppe ha costretto l’associazione a chiudere la sfida e rendere il festival un incontro amichevole attorno al teatro. Le truppe principali sono quelle dell’Istituto Fénelon (che ha più di 500 attori, seminari del

Il festival “Le primissime volte” è un festival cinematografico creato nel 1998 che si svolge ogni anno per una settimana ad aprile. È organizzato dall’associazione “Cinéma au Parfum de Grasse”, nata nel giugno 1997. Durante la settimana, ci sono proiezioni di lungometraggi e un concorso di cortometraggi, premiati con un premio dotato, il Jasmin d’Or. C’è anche un concorso di produzione video, assegnato il premio Lavandes d’Or. Infine, sono previsti incontri tra il pubblico (compresi gli scolari) e i professionisti del cinema.

Eredità naturale

Il parco naturale delle Préalpes D’azur
Il Parco Naturale Regionale delle Préalpes d’Azur è un territorio rurale abitato ma con un fragile equilibrio, unito da un progetto comune. È un territorio vivo e dinamico. È riconosciuto a livello nazionale per la ricchezza del suo patrimonio naturale e culturale e per i suoi paesaggi. Questa è un’etichetta che premia un territorio eccezionale con un progetto di sviluppo sostenibile. È soprattutto uno strumento di competenza, animazione, educazione, dialogo e mediazione per la protezione e la valorizzazione del patrimonio e dello sviluppo locale.

Terre del lago
Terre des Lacs è il parco eco-turistico del comune di Saint-Auban. Ai piedi del villaggio di Saint-Auban, nell’alto paese di Grasse, a soli 45 minuti di auto da GRASSE, il nostro parco vi accoglie in estate e in inverno e offre soggiorni in armonia con la natura.

Attività: discesa dei canyon Esteron, trekking sugli alberi, arrampicata, equitazione, pesca alla trota, trekking, racchette da neve … Alloggio adattato per ogni richiesta: solo, coppia, famiglia o gruppo, mezza pensione o pensione completa. Un ristorante – La Source – nel parco, con vista sui 2 graziosi laghi e sulla valle, rinomata per i suoi magnifici tramonti.

La grotta di Saint-Cézaire
La grotta di Saint-Cézaire si trova nel paese di Grasse, a circa quindici minuti dalla capitale dei profumi. La visita guidata, con commento in francese e inglese, si svolge per oltre 200 m, quasi 40 m sotto terra, su un percorso progettato per un facile accesso per tutta la famiglia. A 15 ° C, sia in estate che in inverno, i vestiti caldi sono i benvenuti e le scarpe chiuse sono adatte per terreni bagnati. Il favoloso spettacolo delle ricchezze sotterranee può essere scoperto da una stanza all’altra: drappeggi maestosi, grandiose stalattiti, concrezioni stellate, meduse luminose e uno spettacolo sonoro su stalattiti musicali. Scopri la vegetazione mediterranea, un negozio di souvenir, un’area picnic e un grande parco alberato di 6 ettari. Un ristorante aperto a pranzo tutto l’anno offre sapori provenzali al servizio della cucina familiare.

Grotta del balsamo scuro
È in uno spazio naturale preservato dove pascolano capre e pecore, nel cuore di un vasto altopiano calcareo boscoso che domina le gole dell’Alta Siagne, che un vero gioiello della natura è stato nascosto per migliaia di anni: la grotta di Baume Obscure. Questa cavità sotterranea è stata costruita per il massimo piacere di tutti a una profondità di sessanta metri. Consente, sia nel seminterrato che in superficie, la scoperta di un patrimonio eccezionale specifico per i terreni calcarei (carsici) della montagna mediterranea: particolari formazioni geologiche e minerali, paleontologici (fossili) e tesori archeologici (resti storici e preistorici ), biodiversità (fauna e flora). La grotta e i suoi spazi naturali circostanti formano oggi uno dei siti più insoliti, misteriosi e divertenti da visitare nel Parco Naturale Regionale delle Préalpes d’Azur.

La riserva biologica di Monts D’azur
Situata nella città di Thorenc, nelle Alpi marittime, a 40 minuti da Grasse, la Riserva di Monts d’Azur è un mosaico di ambienti sorprendenti e affascinanti: scogliere rocciose, distese di prati, boschi notevoli … Entra nella Riserva di Monts d’Azur e scopri un sito eccezionale dove bisonti europei, cavalli selvaggi, cervi, caprioli, cinghiali, volpi … fauna selvatica europea in libertà! Da soli o con la tua famiglia, vivi un’avventura eccezionale durante un safari guidato e un soggiorno di immersione al fianco di Patrice e Alena Longour, così come i loro team di guide animali.

specie musmatiche presenti sul sito, possiamo osservare il cavallo del bisonte europeo e di Przewalski, reintrodotto con successo dalle squadre del dottor Longour. Rapidamente acclimatato a questo ambiente che i loro antenati hanno calpestato pochi millenni fa, questa reintroduzione ha avuto anche significativi impatti positivi sulla biodiversità del sito, con un notevole sviluppo della flora presente e un’apertura abbastanza notevole degli ambienti.

Attività

Strolling
Prenditi il ​​tempo, esplora l’essenziale, a piedi, in bicicletta, durante le escursioni. Al Pays de Grasse non mancano risorse o buoni indirizzi per variare i piaceri: parchi e scoperta della natura, borghi medievali, resti, trame ombreggiate. Attraverso il mercato provenzale , miscela di colori, profumi e sapori … i nostri produttori concentrano il meglio dei prodotti locali. Fai una deviazione ai nostri artigiani e artisti locali. Scultura, ceramica, mosaico, pittura, legno …, un know-how da scoprire di laboratorio in laboratorio.

Degustazione
Condividi le nostre tradizioni sull’olio d’oliva, il miele, i formaggi, le caramelle e le caramelle ai fiori, il cioccolato, le birre artigianali e tutte le specialità che delizieranno le papille gustative di grandi e piccini. Scopri gli indirizzi preferiti in tutte le stagioni, vivi l’atmosfera dei mercati, per non parlare dei negozi dove la dolcezza fa rima con piacere!

Escursionismo o ciclismo
A piedi, a cavallo, in bici, sono tutti modi per scoprire la bellezza della natura che ci circonda. Il Pays de Grasse e i suoi numerosi percorsi sono perle della natura che possono essere scoperte lungo la strada. Dal Canal de la Siagne, attraverso le Traverses de Grasse o anche il Mont Peygros fino all’Haut Pays, i molteplici paesaggi del Pays de Grasse rivelano i loro segreti e ti seducono con la loro intensa bellezza.

Fare il bagno o pescare
Il Pays de Grasse offre oasi di freschezza. Stagni, fiumi, indizi, piscine, che tu sia con amici, familiari o amanti, ogni luogo ha la sua parte di peculiarità e sorprese, tra cui la pesca e l’installazione di una tovaglia a scacchi per la pausa picnic.

Golf
Scopri i campi da golf della zona e i 35 campi da golf della Regione Sud con il Golf Pass Provenza Costa Azzurra. Destinazione di golf di prima scelta, il Pays de Grasse offre tutte le caratteristiche di un momento privilegiato, associando la pratica sportiva e l’arte di vivere secondo le stagioni.

Ammirare
Una natura e ambienti sorprendenti, fare una deviazione nelle nostre grotte e nei nostri parchi e riserve, è sicuramente un’avventura eccezionale e affascinante. Il Pays de Grasse, per la sua posizione, tra mare e montagna, offre una vista mozzafiato sul Mediterraneo, dal Golfo di Napoule, dalle Isole Lérins, ai piedi del Tanneron fino al Lago di Saint-Cassien e alla catena delle Alpi. Route des Arts, route du Mimosa, route Napoléon, route des Clues, tutti i percorsi che offrono un’innegabile attrazione turistica per scoprire il fascino discreto dei nostri villaggi provenzali.

Tags: