Biblioteca Ambrosiana, Milano, Italia

La Biblioteca Ambrosiana è una biblioteca storica di Milano, in Italia, che ospita anche la Pinacoteca Ambrosiana, la galleria d’arte ambrosiana. Prende il nome da Ambrogio, il santo patrono di Milano, fu fondato nel 1609 dal cardinale Federico Borromeo, i cui agenti perquisirono l’Europa occidentale e persino la Grecia e la Siria per libri e manoscritti. Alcune importanti acquisizioni di biblioteche complete furono i manoscritti del monastero benedettino di Bobbio (1606) e la biblioteca del padovano Vincenzo Pinelli, i cui oltre 800 manoscritti riempirono 70 casi quando furono inviati a Milano e includevano il famoso Iliade, Ilias Picta .

La Veneranda Biblioteca Ambrosiana, fondata dal cardinale Federico Borromeo il 7 settembre 1607, fu una delle prime biblioteche ad essere aperta al pubblico, grazie al gesto di un illustre mecenate. È stato concepito dal fondatore come un centro di studio e cultura: accanto alla Biblioteca originale – che oggi contiene circa un milione di volumi stampati e 40.000 manoscritti in greco, latino, vernacolare e altre lingue orientali – ha istituito anche una Pinacoteca (Galleria d’arte) e un’accademia di belle arti.

Nel 1618 il Cardinale donò la sua collezione di dipinti, disegni, stampe e sculture all’Istituzione: è il nucleo originale della Galleria d’Arte Ambrosiana, che verrà continuamente arricchita nei quattro secoli successivi con numerosi capolavori dell’arte italiana ed europea. Tuttavia, non concepì la sua Galleria come una semplice mostra di opere d’arte, ma anche come uno strumento educativo: infatti, nel 1620 fondò una Accademia di Belle Arti, per l’insegnamento della pittura, della scultura e dell’architettura. L’Accademia è stata rifondata nel 2008; ora è dedicato a favorire il dialogo tra popoli e culture diverse ed è organizzato in otto classi per studi borromei, ambrosiani, estremo-orientali, italiani, slavi, orientali, greci e latini, africani.

Storia
Durante i soggiorni del Cardinale Borromeo a Roma, 1585-1595 e 1597-1601, immaginò di sviluppare questa biblioteca a Milano come aperta agli studiosi e che sarebbe stata un baluardo della borsa di studio cattolica al servizio della Controriforma contro i trattati emanati da Presse protestanti. Per ospitare i 15.000 manoscritti del cardinale e il doppio di molti libri stampati, la costruzione iniziò nel 1603 su progetto e direzione di Lelio Buzzi e Francesco Maria Richini. Quando la sua prima sala di lettura, la Sala Fredericiana, fu aperta al pubblico l’8 dicembre 1609 fu, dopo la Bodleian Library di Oxford, la seconda biblioteca pubblica in Europa. Un’innovazione è stata che i suoi libri erano alloggiati in custodie disposte lungo le pareti, piuttosto che incatenate ai tavoli da lettura, quest’ultima pratica medievale vista ancora oggi nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze.

Le acquisizioni costanti, presto aumentate dai lasciti, hanno richiesto l’ampliamento dello spazio. Borromeo intendeva un’accademia (che fu aperta nel 1625) e una collezione di quadri, per i quali fu avviato un nuovo edificio nel 1611–18 per ospitare i dipinti e i disegni del Cardinale, il nucleo della Pinacoteca.

Anche il cardinale Borromeo ha consegnato la sua collezione di dipinti e disegni alla biblioteca. Poco dopo la morte del cardinale, la sua biblioteca acquisì dodici manoscritti di Leonardo da Vinci, incluso il Codice Atlantico. La biblioteca ora contiene circa 12.000 disegni di artisti europei, dal XIV al XIX secolo, che provengono dalle collezioni di una vasta gamma di mecenati e artisti, accademici, collezionisti, commercianti d’arte e architetti. Manoscritti preziosi, inclusi i codici Leonardo, furono requisiti dai francesi durante l’occupazione napoleonica e ritornarono solo parzialmente dopo il 1815.

Il 15 ottobre 1816 il poeta romantico Lord Byron visitò la biblioteca. Fu deliziato dalle lettere tra Lucrezia Borgia e Pietro Bembo (“Le più belle lettere d’amore del mondo”) e affermò di essere riuscita a rubarle una ciocca di capelli (“la più bella e la più bella che si possa immaginare”) esposta.

La scrittrice Mary Shelley visitò la biblioteca il 14 settembre 1840 ma fu delusa dalla stretta sicurezza provocata dal recente tentato furto di “alcune delle reliquie di Petrarca” ospitate lì.

Tra i 30.000 manoscritti, che vanno dal greco e dal latino all’ebraico, siriaco, arabo, etiope, turco e persiano, c’è il frammento muratoriano, del 170 d.C. circa, il primo esempio di canone biblico e una copia originale di De divina proportione di Luca Pacioli. Tra i manoscritti arabi cristiani e islamici vi sono trattati di medicina, un unico diwan di poeti dell’XI secolo e la più antica copia del Kitab Sibawahaihi.

La biblioteca ha un collegio di dottori, simile agli scrittori della Biblioteca Vaticana. Tra i personaggi di spicco figurano Giuseppe Ripamonti, Ludovico Antonio Muratori, Giuseppe Antonio Sassi, il cardinale Angelo Mai e, all’inizio del XX secolo, Antonio Maria Ceriani, Achille Ratti (l’8 novembre 1888, il futuro papa Pio XI e Giovanni Mercati Ratti scrisse una nuova edizione dell’Acta Ecclesiae Mediolanensis (“Atti della Chiesa di Milano”), opera latina pubblicata per la prima volta dal cardinale Federico Borromeo nel 1582 <. L'edificio fu danneggiato nella seconda guerra mondiale, con la perdita degli archivi dei libretti d'opera della Scala, ma fu restaurato nel 1952 e subì importanti restauri nel 1990-97. Le opere alla Pinacoteca Ambrosiana includono "Ritratto di musicista" di Da Vinci, "Cesto di frutta" di Caravaggio e il cartone animato di Raffaello di "La scuola di Atene". Istituzione Nel 1604 il Cardinale Federico Borromeo affidò l'attività scientifica e culturale dell'Ambrosiana a un Collegio dei Medici, presieduto da un Prefetto che, secondo le Regole promulgate nel 1998 dall'Arcivescovo di Milano, Carlo Maria Martini, viene nominato dall'Arcivescovo. Il Collegio dei Dottori e la Biblioteca Ambrosiana hanno avuto un destino felice, supportato da sagge regole stabilite dal fondatore, che ha assicurato la sua continuità istituendo anche una Congregazione di Conservatori e fornendole risorse adeguate. I dottori inizialmente erano previsti per un massimo di dodici ecclesiastici, affiancati da quattro dottori laici. I motori di ricerca, insegnamento e studio devono essere stati i membri di tre collegi che avrebbero dovuto svolgere un'azione coordinata: di medici, professori e studenti. La missione e l'identità dell'Ambrosiana sono state così rintracciate come un centro di eccellenza letterario, scientifico e artistico con un carattere interdisciplinare e universitario, secondo il motto ancora in vigore Singuli singula. Dal 2008, la Fondazione Cardinale Federico Borromeo fu istituita per offrire supporto finanziario alle sempre più numerose attività culturali ambrosiane, ora ampliate e potenziate. La Biblioteca Con l'apertura al pubblico della Biblioteca Ambrosiana, l'8 dicembre 1609, ciò che nacque nel 1623 quando Galileo Galilei scrisse al Cardinale Federico e definì "la biblioteca eroica e immortale". Il patrimonio originale comprendeva circa 30.000 stampe e 8.000 manoscritti, acquistati da tutto il mondo, dalle terre lontane di Arabia, Cina, Russia, India e Giappone, tra i più preziosi nella storia della cultura e della scienza, sia occidentali che orientali. Possiamo ricordare tra questi: l'Ilias Picta del V secolo, precedentemente di proprietà di Gian Vincenzo Pinelli, il Virgilio apparteneva a Francesco Petrarca contenente il frontespizio del commento di Servio a Virgilio illuminato da Simone Martini, il كتاب لاحيوان Kitāb al-Hayawān miniato da Amr b. Bahr al-Giāhiz, la mappa cinese di Giulio Aleni 《萬 國 全 圖》. La fama dell'Ambrosiana ha attratto altre donazioni eccezionali, come: I codici di Leonardo offerti da Galeazzo Arconati nel 1637, di cui dodici sono ora conservati nella Biblioteca Nazionale di Parigi, mentre il Codice Atlantico è conservato nell'Ambrosiana, il meraviglioso Museo di Manfredo Settala. Le donazioni continuarono nel corso dei secoli, consentendo nel 1909 l'acquisizione dei 1600 codici arabi della collezione Caprotti, fino a quelli più recenti dell'indologo Enrico Fasana, dell'Istituto italo-cinese Vittorino Colombo e di altre istituzioni culturali italiane e straniere . Dal 2009, nella Sala Federiciana dell'Ambrosiana e nella Sacrestia monumentale del Bramante a Santa Maria delle Grazie, la serie di Mostre che - culminando nel 2015, anno dell'Expo mondiale di Milano - espongono gradualmente il capolavoro del genio nella sua insieme di Leonardo da Vinci, con oltre 2000 disegni raccolti nelle 1119 schede del Codice Atlantico. La Pinacoteca Federico Borromeo fu il primo sostenitore e successivamente Patrono dell'Accademia di San Luca, progettato da Papa Gregorio XIII nel 1577 e inaugurato a Roma da Federico Zuccari nel 1593. Arrivato a Milano nel 1595 come arcivescovo, progettò di fondare un Accademia lì, uguale a quelli di Firenze e Roma. Tra i molti mentori del programma del cardinale c'erano Giusto Lipsio, professore a Lovanio, Ericio Puteano, professore alle Scuole Palatine di Milano e, tra gli artisti, i fratelli Brueghel e Brill. Nel 1618 Federico donò la sua collezione di dipinti e disegni all'Ambrosiana, costituendo così il nucleo iniziale della Pinacoteca, con opere di Raffaello, Caravaggio, Leonardo, Tiziano, Bernardino Luini. La fondazione dell'Accademia di design, pittura, scultura e architettura avvennero il 25 giugno 1620, con la nomina dei tre maestri Giovanni Battista Crespi detto il Cerano, Gian Andrea Biffi e Fabio Mangone, registi rispettivamente di pittura, scultura e architettura; i primi studenti erano nove. Oggi la Pinacoteca comprende 24 sale e permette di ammirare circa 300 capolavori dei più grandi artisti italiani ed europei, con un piano pluriennale di mostre anche all'estero, incluso quello a Tokyo in aprile-giugno 2013. (vedi Newsletter 2013/6) L'Accademia La ricerca accademica è diventata più intensa con la fondazione, nel 1963, dell'Accademia di S. Carlo Borromeo da parte dell'arcivescovo cardinale Giovanni Battista Montini, allora papa Paolo VI; nel 1976 il cardinale Giovanni Colombo con il nuovo statuto affidò la direzione a monsignor Carlo Marcora, medico dell'Ambrosiana. Dopo un ulteriore rinnovo dello statuto voluto dal cardinale Carlo Maria Martini nel 1994, nel 2003 fu fondata l'Accademia di Sant'Ambrogio, entrambe fuse nel 2008 dall'arcivescovo di Milano il cardinale Dionigi Tettamanzi in un'unica Accademia ambrosiana con 7 classi di studi: Borroma , Ambrosiano, greco e latino, italiano, slavo, nel Medio Oriente e in Estremo Oriente. Queste ultime due classi comprendono 7 sezioni di studi arabi, armeni, ebraici e siriaci e, nell'Asia orientale, studi sulle diverse culture della zona, in particolare cinese, Il collegamento tra l'Accademia e il Collegio è assicurato dalla nomina del direttore di ciascuna classe, scelto tra i dottori del Collegio. Circa 250 professori universitari da tutto il mondo sono ora membri dell'Accademia, assistiti da 14 segretari accademici. Ogni classe pubblica la propria serie di volumi vari con saggi e ricerche specifiche, mentre le monografie di interesse generale per l'intera Accademia sono pubblicate nella serie di Fonti e studi. Museo della casa Ludwig Pogliaghi La casa museo di Lodovico Pogliaghi appartiene alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, per il lascito testamentario dello stesso artista, con tutte le sue collezioni archeologiche, artistiche e di libri. La villa, situata alla fine del Viale delle Cappelle del Sacro Monte di Varese, è stata riaperta al pubblico nel maggio 2014.

Tags: