Museo statale di storia di San Pietroburgo, Russia

Il Museo statale di storia di San Pietroburgo è uno dei più grandi musei storici della Russia, che presenta i trecento anni di storia, cultura e vita della capitale settentrionale della Russia.

La sede del museo si trova nella fortezza di Pietro e Paolo. È stato istituito nel 1938 come Museo di storia e sviluppo di Leningrado. È il successore del Museo della Città e del Museo della Vecchia San Pietroburgo. Durante la seconda guerra mondiale sul fronte orientale il contenuto fu spostato a Sarapul. Le prime mostre storiche complete iniziarono nel 1957, in occasione del 250 ° anniversario di Leningrado. Nel 2002 il museo conteneva oltre 1 milione di oggetti, tra cui la raccolta di documenti, foto e progetti di architetti di San Pietroburgo del XVIII-XX secolo.

Storia
Il Museo statale di storia di San Pietroburgo è il successore dei musei, fondato all’inizio del XX secolo allo scopo di preservare edifici, monumenti e siti di importanza storica a San Pietroburgo.

Il Museo della Vecchia Pietroburgo fu iniziato nel 1907 dal gruppo di rinomati intenditori d’arte, artisti, architetti e collezionisti e occupò la casa del conte Suzor. Alexander Benois divenne il primo direttore del Museo, successivamente subentrato a Peter Veiner. Le collezioni fondanti consistevano in documenti unici, progetti architettonici, fotografie, oggetti d’arte, libri, manufatti, in altre parole: tutto ciò che in qualche modo era legato alla vita di San Pietroburgo. Nel 1910 fu aperta al pubblico la prima mostra museale.

Nel 1918 fu fondato il Museo della Città, dedicato al fenomeno della cultura urbana in generale. Una delle missioni del museo, insieme alla conservazione del patrimonio culturale, era lo sviluppo di nuovi concetti di pianificazione urbana. Il Museo della Vecchia Pietroburgo divenne uno dei dipartimenti del Museo della Città.

Il museo occupava tre edifici: il palazzo Anichkov, il palazzo Kuntov di Вountess (46 Fontanka Embankment) e il palazzo Serebryannikov (35 Fontanka Embankment). Nel 1918-1928, il Museo era diretto da Lev Ilyin, il principale architetto e urbanista di Leningrado. Grazie ai suoi sforzi, il Museo della Città divenne una delle più grandi strutture di ricerca di Pietrogrado-Leningrado negli anni ’20.

La fine degli anni 1920, quando in Russia era stato stabilito il dominio totalitario, fu un periodo complicato nella storia del Museo. Dipartimenti e mostre furono chiusi, gli oggetti furono confiscati, gli specialisti furono licenziati e infine il museo fu convertito in mostra, dedicata all’economia della città. Nel 1938, il Museo di Storia e Sviluppo di Leningrado fu fondato sulla base dell’ex Museo della Città e occupò il palazzo Rumyantsev. Nel 1954 il Museo cambiò il suo nome in Museo di Storia di Leningrado e acquisì una serie di edifici della Fortezza di Pietro e Paolo, tra cui la Cattedrale di Pietro e Paolo, la Cappella sepolcrale granducale, la Rimessa per imbarcazioni, i Bastioni Trubetskoy e Zotov.

L’intensificarsi della pressione ideologica che ebbe inizio nel paese alla fine degli anni 1920 influenzò anche la vita del Museo della città. Molte mostre furono riconosciute come non-core e soggette a sequestro, alcuni impiegati furono licenziati e il direttore del museo, LA Ilyin, fu rimosso dall’incarico nel 1928. Quindi la mostra nella residenza di Karlova fu chiusa, nel 1930 il dipartimento di il Museo della Vecchia Pietroburgo fu abolito, la mostra nella casa di Serebryanikov fu liquidata. Nel 1931, il Museo della Città fu ribattezzato Museo della Ricostruzione Socialista della Città, due anni dopo divenne noto come Museo-Mostra di edilizia ed economia urbana, e una mostra permanente di materiali da costruzione, strutture e progetti architettonici aprì nel Palazzo Anichkov. Nel 1935,

Nel 1938, il museo fu rinominato di nuovo, divenne noto come il “Museo di Storia e Sviluppo di Leningrado”, i reperti si trovano nella dimora di Rumyantsev all’emb. La flotta rossa, 44 anni, iniziò i lavori per la preparazione di una nuova mostra, aperta solo nel 1949. Il museo cambiò il suo nome altre due volte: nel 1951 divenne il Museo di architettura di Leningrado, dal 1953 – il Museo statale di storia di Leningrado.

Nel 1954-1987, il museo era diretto da LN Belova (1924-1993). Nel 1954 un certo numero di oggetti della Fortezza di Pietro e Paolo furono trasferiti al museo, la maggior parte dei fondi si trovava qui. I vecchi sono stati notevolmente ampliati e sono stati formati nuovi fondi, ora sono memorizzati più di 1,3 milioni di oggetti esposti (alla fine degli anni ’30, i fondi ammontavano a 121.356 unità di memoria).

I rami del museo erano la Cattedrale di Sant’Isacco (1963), la fortezza di Shlisselburg Oreshek (1965), la Cattedrale di Smolny (1974), la Chiesa di Panteleimon (1974). Nel 1971, l’inaugurazione della mostra “Architecture of St. Petersburg XVIII – inizi XX secolo” nella Engineering HousePeter e Paul Fortress, nel 1975, nella Casa del comandante, la mostra “History of St. Petersburg-Petrograd. 1703-1917 “. Nel 1976-1986, i musei di storia locale di Pushkin, Lomonosov e Zelenogorsk divennero filiali. Nel 1973 Ioannovsky Ravelin aprì la mostra commemorativa” The Museum of Gas Dynamics Laboratory. Sulla storia della scienza missilistica sovietica ”(dal 1999 – Museum of Cosmonautics and Rocket Technology intitolato a VP Glushko). Nel 1975, il Monumento agli Eroici Difensori di Leningrado in Sq. Vittoria – per aver partecipato alla creazione di questo monumento, LN Belova è stato insignito del Premio di Stato della RSFSR. Inaugurazione della filiale “A.-Blok Museum-Apartment”.

Nel 1980, il centenario della nascita del poeta, fu un grande evento nella vita della città e del paese. Nel 1983, il museo ha ricevuto la mostra “VI Lenin e il giornale” Pravda “” (ora Museo della Stampa). Le filiali sono diventate anche il museo commemorativo di SM Kirov (dal 1993), la casa-museo dell’artista MV Matyushin – il Museo di San Pietroburgo Avant-Garde (l’esposizione è stata aperta nel 2006).

Quando la città di Leningrado ha recuperato il suo nome storico nel 1991, il Museo è stato ribattezzato Museo Statale di Storia di San Pietroburgo. Oggi la fortezza di Pietro e Paolo è una delle sette branche del Museo statale di storia di San Pietroburgo. Le installazioni difensive e i vecchi edifici sono stati accuratamente restaurati. Le casamatte delle facciate continue e dei bastioni ospitano collezioni uniche, che contengono oggetti della vita quotidiana, vestiti, porcellane, mobili, disegni architettonici, grafica e dipinti. Il museo ospita una varietà di eventi durante tutto l’anno, tra cui mostre temporanee, conferenze scientifiche, serie di conferenze, festival. È diventato uno dei principali luoghi della città, dove gli specialisti possono incontrarsi per condividere le loro idee sullo sviluppo dell’architettura della città,

Esposizioni
Il Museo statale di storia di San Pietroburgo comprende sette rami: la fortezza di Pietro e Paolo, la fortezza di Shlisselburg Oreshek, il palazzo Rumyantsev, il museo Alexander Blok, il museo Sergey Kirov, il museo d’avanguardia di San Pietroburgo (Mikhail Matyushin’s House), il monumento agli eroici difensori di Leningrado, Museo della stampa.

La collezione del museo conta circa 1,5 milioni di oggetti: testimonianze materiali della storia di San Pietroburgo.

Storia di San Pietroburgo – Pietrogrado. 1703-1918
La mostra permanente nella casa del comandante di Pietro e Paolo fortezza è composta da due sezioni. La prima sezione esplora l’antica storia delle banche Neva e la storia di San Pietroburgo dei primi anni del XVIII – inizi del XIX secolo. In mostra reperti archeologici, mappe e layout, dipinti, pezzi di grafica e arte applicata, creati sotto Pietro il Grande e durante il regno dei suoi eredi.

La seconda sezione della mostra fornisce uno spaccato della vita quotidiana di San Pietroburgo nel diciannovesimo – inizi del ventesimo secolo. Ogni sala espositiva è dedicata a un argomento speciale: commercio e attività bancaria, vita in un condominio in affitto e trasporti, moda e cucina multinazionale, prodotti di design in stile Art Nouveau, servizi e cinema. Che cibo hanno mangiato i residenti di San Pietroburgo, che vestiti hanno indossato, come hanno speso soldi e cosa hanno comprato – queste sono alcune delle domande a cui è possibile rispondere durante la visita alla Casa del comandante.

Storia della fortezza di Pietro e Paolo
L’esposizione permanente nella parete divisoria di Neva esplora la storia della fortezza di Pietro e Paolo. Più di 500 oggetti della collezione museale, tra cui reperti archeologici, incisioni, fotografie, attrezzature per l’edilizia, modelli delle strutture di fortificazione, raccontano la storia della costruzione e dello sviluppo di un monumento storico unico. Disegni architettonici, layout russi e svedesi e mappe dei primi dell’Ottocento dimostrano l’importanza strategica della posizione della fortezza. La mostra è accompagnata da programmi multimediali.

Porcellana e cristalleria dei secoli XVIII-XXI
La mostra della collezione di ceramiche e oggetti in vetro del Museo statale di storia di San Pietroburgo comprende circa 5000 oggetti di porcellana e oggetti in vetro di produzione russa e dell’Europa occidentale.

La collezione di ceramiche e oggetti in vetro del Museo statale di storia di San Pietroburgo conserva 12 385 oggetti: vasi decorativi, stoviglie, piccoli oggetti in plastica e imballaggi in vetro (bottiglie di vetro per prodotti lattiero-caseari, bottiglie di vino e birra di marca, utensili farmaceutici, bottiglie di profumo ), eccetera.

Mobili del XVIII – inizi del XX secolo
Nel 2013 è stata aperta ai visitatori una mostra permanente “Collezione di mobili del XVIII – inizio XX secolo”. La collezione è tratta dal fondo di arti decorative e applicate del Museo statale di storia di San Pietroburgo.

La collezione di fondi per le arti decorative e applicate del Museo statale di storia di San Pietroburgo comprende circa 6000 articoli: mobili (circa 4000 articoli), orologi e dispositivi di illuminazione dei secoli XVIII – XX. Solo una piccola parte di questa vasta collezione è esposta alle mostre del museo. Lo scopo di aprire una mostra permanente “Collezione di mobili del XVIII – inizio XX secolo” è di familiarizzare il pubblico con le migliori opere di arredamento della collezione del museo.

La mostra espone più di 500 mobili: set da soggiorno, set da sala da pranzo, divani, poltrone, tavoli, sedie, panche, cassettiere, armadi, armadi, bruciatori di incenso, schermi per caminetti, ecc. Qui un visitatore può vedere i mobili fabbricato in diversi paesi dell’Europa occidentale, ma la maggior parte della collezione è presentata da mobili “domestici” russi. Tra i primi oggetti in mostra: una sedia dell’epoca di Pietro il Grande, il baule e le cassapanche russe del XVIII secolo e le cassettiere francesi della seconda metà del XVIII secolo. Ci sono molti campioni di mobili di famosi laboratori di San Pietroburgo: tedesco Byuhtger, Sergey Zimin, Heinrih Gambs, Fedor Meltzer, nonché oggetti creati da schizzi di famosi architetti: Leo von Klenze, Luigi Rusca, Vasily Stasov.

La collezione esposta di mobili di stili e epoche diverse darà un’idea di come fossero gli interni dei salotti, degli studi e delle sale da pranzo di San Pietroburgo per più di due secoli.

programmi
Il museo svolge grandi opere sulla conservazione, conservazione e restauro di monumenti di importanza culturale e storica. I nostri curatori sono impegnati in vari progetti espositivi ed editoriali.

L’istruzione è uno dei maggiori settori di attività del museo. Il Museo per la storia del Centro di Stato per bambini realizza oltre 20 programmi per bambini, alunni, studenti e famiglie.

Il museo ha sviluppato un programma di sviluppo di lunga durata, che comprende:

Accessibilità della collezione museale (creazione di archivi di archiviazione aperti, organizzazione di mostre, pubblicazione di cataloghi);
Uso razionale del territorio della fortezza di Pietro e Paolo con l’obiettivo di ampliare lo spazio espositivo;
Collaborazione con musei, associazioni e comitati russi e stranieri;
Creazione di moderne aree di informazione che coinvolgono tecnologie IT, sviluppo di servizi per i visitatori (negozi di musei, caffè, ecc.)

Tags: