Santa Maria de Vilabertran, Catalogna, Spagna

Santa Maria de Vilabertran è un monastero romanico situato a Vilabertran (Alt Empordà). È stato un sito del patrimonio culturale di interesse nazionale dal 1930. Attualmente fa parte del Museo di Storia della Catalogna.

Storia
La chiesa canonica di Santa Maria de Vilabertran, eretta sul sito di una chiesa dedicata a Santa Maria documentata tra il 954 e il 986, fu fondata da Pere Rigald, che nel 1060 entrò a far parte di una comunità di sacerdoti che adottò il dominio di Sant’Agostino. circa 1080. A seguito di una donazione di terra da parte di 1069 famiglie della zona, la comunità pone le basi per un monastero e viene istituita a Pere Rigau come capo. La donazione del terreno comprendeva un perimetro di 60 gradini per la costruzione di un cimitero e una fontana di fronte alla chiesa. A poco a poco, una comunità di canonici risiedeva in una casa adiacente alla chiesa di Santa Maria. La nuova comunità ha adottato le regole di Sant’Agostino. Rigau fu il suo primo abate e fu deciso che alla sua morte i membri della congregazione avrebbero scelto il suo successore.

Nel 1080 iniziò la costruzione del nuovo monastero. La nuova chiesa fu consacrata l’11 novembre 1100 dal vescovo di Girona Bernat Umbert. Rigau cercò di espandere i domini del monastero; Il suo tentativo di annettere il monastero di Sant Joan de les Abadesses fallì, ma il monastero di Santa Maria de Lladó divenne infine una filiale di Vilabertran.

Rigall morì in una data indeterminata tra il 1107 e il 1114. Sebbene non abbia mai seguito un processo di beatificazione, alla fine è stato venerato come santo. Il monastero ha continuato a prosperare dopo la sua morte. Era un centro per i pellegrini che andavano in Terra Santa, poiché aveva un ospedale. Gli abati di Pere de Torroja (fratello di Arnau de Torroja, Gran Maestro dell’Ordine del Tempio) e di Ramon d’Usall (1152-1179) furono particolarmente importanti in questa collaborazione con gli Ordini militari e il Passaggio. in Terra Santa. Nel 1176, il visconte Gifré de Rocabertí donò all’abate Ramon della città di Vilabertran per il monastero.

Il 29 ottobre 1295, il legame tra il re Giacomo II d’Aragona e Blanca de Naples, la sua seconda moglie, fu celebrato a Santa Maria. A metà del XIV secolo fu dotato di una grande croce d’argento con cammei egiziani, con una reliquia del Veracreu probabilmente dell’ambasciata eterica d’Usall (1303-1304, 1305-1306) che la liberazione di Fra Dalmau de Rocabertí , dalla casa dei signori di Peralada e Vilabertran. Questa ipotesi supporta l’affermazione fatta da p. Dromendari che p. Dalmau de Rocabertí, il templare, sarebbe morto a Vilabertran nel 1326.

Nel 15 ° secolo, l’abate Antoni Girgós (1410-1424) costruì il palazzo dell’abbazia, fortificò il monastero e costruì la Torre dell’Orologio. Nel 1592 il canone fu secolarizzato e trasformato in collegiata governata da un arciprete. Nel corso del XVIII secolo la cappella dei dolori e la nuova sagrestia furono aggiunte al fianco nord della chiesa. Alla fine del XVIII secolo, l’archivio e la biblioteca furono persi a causa del saccheggio delle truppe francesi durante la Grande Guerra (1794). Con la confisca del 1835, tutte le unità, ad eccezione della chiesa, furono passate nelle mani di privati ​​e subirono un importante processo di degrado. Il recupero del monastero iniziò nel 1941, dopo che nel 1930 fu dichiarato monumento nazionale.

Tra il 1948 e il 1955, sotto la direzione dell’architetto Pelayo Martínez, furono eseguiti i primi lavori di restauro, incentrati sulla chiesa, e nonostante la sua correzione, fu eseguita la demolizione di una parte dei lavori di fortificazione del XV secolo. Il palazzo dell’abbazia e il resto delle fortificazioni sono stati particolarmente protetti dalla legge 16/85 del “patrimonio storico spagnolo”. Tra il 1980 e il 1991, il complesso monastico fu completamente integrato dalla Generalitat della Catalogna.

Descrizione
Situato nel centro della città di Vilabertran, sul lato occidentale del termine, delimitato dalla strada dell’Abbazia e dalle piazze della Chiesa e del Monastero. Il complesso architettonico è costituito dalla chiesa, dal chiostro, dagli annessi monastici e da un’estensione successiva, situata sul lato sud, formata dal perimetro murato e dal palazzo dell’abbazia.

Chiesa
Chiesa con pianta basilicale a tre navate con transetto e tre absidi semicircolari dirette a est. La navata centrale è coperta da una volta a botte rinforzata da quattro archi, che allo stesso tempo poggiano su colonne cilindriche con capitelli stampati, e sono fissate alle pareti. Le navi laterali, invece, hanno curve a quarto di cerchio e meno altezze rispetto a quelle centrali, che si aprono attraverso archi semicircolari sostenuti da colonne cilindriche e lesene rettangolari con capitelli. Il transetto è coperto da una volta a botte e comunica con le navi laterali con archi a quarto di cerchio. Sia l’abside che le due absidiole sono coperte da volte a un quarto di giro e si aprono alla crociera da archi semicircolari con capitelli sagomati.

L’arco trionfale dell’abside maggiore è costituito da due archi semicircolari, poggianti su colonne a pianta semicircolare con capitelli decorati. Sul pilastro accanto al Vangelo dell’arco trionfale, una lapide incisa indica il luogo di riposo di “parte dei resti, il più importante” di Alfons el Cast, re d’Aragona e conte di Barcellona. Probabilmente si riferisce alle viscere, che furono deposte lì mentre il resto del corpo si trasferì a Santa Maria de Poblet.

Intorno al muro che forma il bacino absidale dell’abside maggiore è una successione di sette archi semicircolari, sostenuti da colonne circolari con capitelli decorati e seduti su una base. Nel 14 ° secolo, la cappella funebre Rocabertí fu aggiunta al lato nord della nave da crociera. È coperto da una volta a costine con il centrotavola decorato e i bordi sostenuti da sottili colonne attaccate alle pareti. La cappella si apre alla crociera per mezzo di un sottile arco appuntito con colonne e capitelli a terrazze. Sotto è la Cappella dei Dolori, aggiunta al set nel 18 ° secolo e rinnovata nel 1960 dall’architetto Pelai Martínez.

Si compone di due stanze, la prima coperta da una volta a crociera e la seconda da una cupola che poggia su una cornice modellata. Le sale sono collegate da un arco semicircolare sorretto da pilastri attaccati alle pareti, con capitelli sagomati. La porta di accesso alla cappella è un arco semicircolare. Accanto alla cappella si trova la nuova sagrestia, costruita nel XVIII secolo. Il tempio si illumina attraverso diverse finestre. Le tre aperture dell’abside, le sei della navata centrale e quella del lato sud del transetto sono archi a doppia spaccatura e semicircolari. Sopra l’arco trionfale dell’abside maggiore e le due absidi sono a occhio di bue, e nella cappella Rocabertí c’è un grande rosone e due finestre ad arco appuntito.

Per quanto riguarda i portali, quello che dà accesso alla sagrestia è di un arco ribassato a volta, mentre quello che comunica con il chiostro, attaccato alla navata di mezzogiorno, ha un arco a punta con colonne e capitelli decorati. L’antica porta romanica, attualmente coperta, è un arco semicircolare con architrave e timpano decorato con la rappresentazione pittorica di Agnus dei. Ai piedi della chiesa, racchiuso nelle pareti laterali, si trovano le tombe dell’abate Rigall e dell’abate Hortolà. La facciata principale del tempio, rivolta a ovest, ha una porta di accesso rettangolare con architrave e timpano semicircolare. Questa apertura è il prodotto di una riforma incompiuta che ha cercato di monumentalizzarla.

La merce ha anche tre finestre con doppi vetri e archi semicircolari, decorati con denti di sega e situati sui lati e sui lati del portale. All’estremità nord-ovest del muro si trova il campanile. È quadrangolare e si sviluppa su tre piani, con doppie finestre semicircolari incorniciate da quattro archi lombardi su tutti i lati. La separazione tra i piani è contrassegnata da un fregio a dente di sega. È coperto da una cupola interna e da un tetto a quattro falde all’esterno. La facciata dovrebbe avere un altro campanile a destra che non si è alzato.

Esternamente, l’abside centrale presenta lastre nella parte inferiore del muro e un fregio a dente di sega attraversa le tre absidi sotto i tetti. La finestra dell’abside principale ha anche una decorazione a dente di sega. La cappella del Rocabertí ha rinforzi contrafforti sugli angoli. Le aperture esterne che illuminano la nuova sagrestia, sul lato nord del portale, presentano archi ribassati e sono incorniciate da conci di calcare. La costruzione è impalcata con piccoli conci irregolari nella parte inferiore del muro e con conci più grandi, ben lucidati e disposti in file. All’interno, le pareti e le volte sono costituite da conci regolari di varie dimensioni, e gli archi sono realizzati in voussoir ruvido.

Senato
Il chiostro, attaccato alla navata del tempio a mezzogiorno, è a pianta trapezoidale, con un giardino centrale e circondato da diverse unità monastiche. Le quattro gallerie del chiostro presentano tetti a pendenza singola, mentre l’interno è coperto da volte a quarto di cerchio. Sono costituiti da portici di otto archi su ciascun lato. Gli archi semicircolari sono sostenuti da coppie di colonne e pilastri, o due colonne alternativamente, con capitelli semplici e decorati con motivi vegetali. La porta di accesso all’interno della chiesa, situata nella galleria Tramuntana, è rettangolare e incorniciata da conci di pietra, con la data 1722 incisa sull’architrave. Sul lato esterno hanno fregi a dente di sega. Il muro è costruito con conci ben macinati disposti in file.

Gli edifici che compongono le dipendenze del monastero sono rettangolari, con due tetti di tegole e distribuiti al piano terra e al piano, ad eccezione dell’ala di mezzogiorno, su un unico livello. L’ala est presentava, al piano terra, la vecchia sagrestia e la sala capitolare, sebbene al momento sia uno spazio unico. È coperto da una volta a botte molto bassa e presenta aperture semicircolari con voussoirs nella parte superiore, sostenute dal lato interno. Al piano superiore si trova la camera da letto dei canonici, con il suo tetto a due livelli rinforzato con archi a punta sostenuti sulle pareti laterali. La facciata est, rivolta verso l’esterno, presenta due porte semicircolari con voussoirs e strette aperture strette a forma di feritoie. Sul pavimento, le finestre sono rettangolari,

Nell’ala di mezzogiorno c’era il refettorio. È coperto da una volta a punta e presenta, sulla facciata sud, cinque grandi finestre a doppi vetri e archi semicircolari. Anche l’ala ovest è coperta da una volta a punta e presenta un portale di accesso dall’esterno, costruito nel XVI secolo., Quando questo spazio era destinato alla cappella di Sant Ferriol. Si tratta di un’apertura ad arco in carpanel incorniciata da conci di pietra e belle colonne con capitelli piuttosto ornati. Sopra è un oculo grumoso. Nell’angolo sud-ovest del chiostro si trovano la cucina e la cantina, spazi coperti con volte a costine su lesene a terrazze a un livello molto basso. Le costruzioni sono costruite con conci di pietra grezza disposti in file. Da queste stanze si accede al cortile del palazzo dell’abbazia, situato a mezzogiorno del chiostro. Il cortile è delimitato da mura fortificate che rafforzano anche la parte superiore degli annessi monastici sul lato est e il palazzo dell’abbazia. Sono sormontati da merlature rettangolari e anelli aperti nel mezzo e sono fatti di pietra non lavorata di varie dimensioni,

Palazzo degli abati
Il palazzo dell’abbazia, situato sul lato sud del cortile, è rettangolare, con un tetto a due lati e distribuito su tre piani. La facciata principale ha un grande portale semicircolare che dà accesso diretto al patio e diverse feritoie allungate al piano terra. Sul pavimento sono grandi finestre rettangolari con archi trilobati sostenute da colonne e capitelli decorati. Alcune finestre sono biforate e altre triforate. Sopra il portale è una nicchia ad arco appuntito con l’immagine della Vergine. Attaccato al lato est del palazzo è un’altra delle unità del monastero, identificata con il possibile ospedale del 12 ° secolo. Al suo interno ha stanze coperte con volte a botte basse e altre fatte di mattoni planari con una cronologia successiva. Sì Si apre sul cortile attraverso un portale semicircolare e due grandi archi ad arco in pietra grezza. Entrambe le costruzioni sono impalcate con pietre non funzionanti legate con malta di calce.

Tags: