Museo Roerich, ramo del Museo statale orientale, Mosca, Russia

Il Museo Roerich è un museo a Mosca dedicato alla vita e all’arte della famiglia Roerich. L’apertura del museo è avvenuta nel 2016 nella tenuta di Lopukhins, costruita tra il XVII e il XIX secolo. È un ramo del Museo statale orientale. Ha una delle più grandi collezioni di dipinti di Nikolay e Svyatoslav Roerichs in Russia, nonché il più grande fondo di archivio in Russia sulle attività della famiglia dei Roerichs.

Panoramica
Il Museo Roerich (una succursale del Museo statale orientale) è stato creato nel febbraio 2016 con decisione del Ministero della Cultura della Federazione Russa. Con la sua creazione, il desiderio di lunga data di Svyatoslav Nikolaevich Roerich di trasmettere l’eredità della famiglia Roerich a tutto il popolo dell’URSS, il cui successore è la Russia moderna, viene soddisfatto.

Il museo ha molti compiti, tra cui i principali sono la conservazione e la presentazione del diverso patrimonio artistico, culturale e filosofico della famiglia Roerich.

Nikolai Konstantinovich Roerich e membri della sua famiglia hanno dato un contributo inestimabile alla cultura russa e mondiale (arte, scienza, filosofia).

La collezione del museo comprende oltre 800 dipinti e disegni di Nikolai Konstantinovich Roerich e suo figlio Svyatoslav Nikolaevich Roerich, una grande collezione di varie opere d’arte decorativa provenienti da Russia, India, Cina, Mongolia, Egitto e altri paesi, oggetti commemorativi della famiglia Roerich . Il museo contiene un vasto fondo di archivio del patrimonio letterario di tutta la famiglia Roerich, oltre a documenti sulla vita e il lavoro di queste persone straordinarie, compresi i materiali del lavoro di numerose istituzioni e organizzazioni di Roerich.

Il museo organizza mostre, organizza seminari e conferenze scientifiche, tavole rotonde su temi attuali di studi di Roerich, storia dell’arte, conservazione dei monumenti culturali, ecologia. Il museo ha una sala conferenze in cui non solo il personale del museo parlerà, ma anche docenti ospiti, le cui esibizioni potrebbero essere di interesse per un vasto pubblico.

Si sta preparando una biblioteca per l’apertura, in cui ci saranno libri su argomenti di Roerich e sull’arte orientale, principalmente sull’arte indù e buddista, nonché sulla storia della religione.

Tra i compiti che il museo deve affrontare è quello di realizzare una moderna versione elettronica del più ricco archivio della famiglia Roerich e di fornirne libero accesso.

Il museo cerca di trovare un contatto con i giovani visitatori, attirarli con escursioni speciali, instillare l’amore per la creatività nelle lezioni di perfezionamento.

Nikolai Konstantinovich Roerich ha ripetutamente affermato che il museo dovrebbe essere un organismo vivente, la cui attività dovrebbe essere finalizzata all’illuminazione. Nel nostro lavoro, intendiamo essere guidati dalla legislazione museale della Federazione Russa e dai principi che Nikolai Konstantinovich Roerich ha lasciato in eredità.

Storia
Il Museo Roerich (una succursale del Museo statale orientale) è stato creato nel febbraio 2016 con decisione del Ministero della Cultura della Federazione Russa. Dalla metà del 2017, è stato situato nel maniero di Lopukhins. La collezione del museo comprende oltre 800 dipinti di Nikolai Konstantinovich Roerich e suo figlio Svyatoslav Nikolaevich Roerich, una vasta collezione di varie opere d’arte decorativa provenienti da Russia, India, Cina, Mongolia, Egitto e altri paesi, oggetti commemorativi della famiglia Roerich.

Costruzione
Il museo si trova nella tenuta dei secoli XVII-XIX, precedentemente di proprietà dei Lopukhins. Si basa su un edificio eretto con decreto di Fedor Lopukhin nel 1689 su terre donategli per il servizio. Dopo l’esecuzione di Evdokia Lopukhina nel 1718, la proprietà fu confiscata e conteneva ufficiali in cattività della guerra del Nord. Nel 1721, l’edificio fu trasferito all’uomo d’affari Ivan Tames, che collocò una fabbrica di biancheria sul territorio. Nel 1728, Pietro II restituì la proprietà degli edifici alla famiglia Lopukhins.

Dopo la rivoluzione del 1917, la tenuta fu nazionalizzata e quindi utilizzata come luogo di lavoro. Negli anni 1920, una filiale del Museo Karl Marx e Friedrich Engels era situata nelle sale e, dopo l’inizio della politica di compattazione, appartamenti comuni. Dal 1965 al 1990, la casa era una fiducia del Ministero dell’ingegneria pesante. Nel 1990 l’edificio fu trasferito alla Fondazione sovietica Roerich e al Museo di Nicholas Roerich. Dal 1991 al 2017, l’edificio ha ospitato il Centro internazionale dei Roerich.

Museo
Nel 1987, Svyatoslav Roerich ha sollevato per la prima volta la questione della necessità di creare un museo in cui verrà conservato il patrimonio artistico della sua famiglia. Dopo aver ricevuto l’approvazione delle autorità di Mosca, nel 1989, scelse il palazzo Lopukhins a Maly Znamensky Lane come piattaforma per l’esposizione. Nello stesso anno fu creata la “Fondazione sovietica Roerich”, i cui fondatori erano molte entità legali, che in seguito causarono contenziosi sul patrimonio di artisti. Nel 1990, l’erede della famiglia consegnò alla fondazione una collezione di dipinti, documenti d’archivio e oggetti personali.

Dopo la morte di Svyatoslav Roerich nel 1993, sua moglie Devik Rani Roerich ha presentato una richiesta al governo russo per organizzare il Museo Roerich nella tenuta di Lopukhins come ramo del Museo d’Oriente. Il 4 novembre di quell’anno, il Primo Ministro Viktor Chernomyrdin firmò un decreto “Sulla creazione del Museo di Stato di NK Roerich”, secondo il quale il Museo d’Oriente aprirà la sua filiale nei locali della tenuta di Lopukhins.

A causa dei problemi di finanziamento e dell’instabilità del potere politico, il museo non poteva essere aperto al momento giusto e l’organizzazione pubblica International Center of the Roerichs era situata nella tenuta. Il patrono Boris Bulochnik divenne il proprietario del centro, su iniziativa della quale fu effettuata una ricostruzione completa del palazzo. Parte del denaro per il restauro degli interni è stata raccolta dal pubblico. Nel 1997 fu aperto al centro il Museo Nicholas Roerich, il cui primo direttore fu l’orientalista Lyudmila Shaposhnikova.

lite
A partire dagli anni 2000, è iniziata una causa tra il Museo d’Oriente e il centro per sfidare il diritto di possedere una collezione di dipinti di Nikolai e Svyatoslav Roerichs e occupare la dimora dei Lopukhins. Entrambe le organizzazioni erano co-fondatrici della Soviet Roerich Foundation, che ha permesso loro di fare domanda per una collezione di artisti. Quindi, il centro ha contestato i 282 dipinti inclusi nel museo, esposti in una mostra itinerante di Svyatoslav Roerich negli anni ’80. Dopo la morte dell’artista, la collezione è rimasta senza proprietario e la collezione di opere è stata trasferita al museo per essere conservata.

Il Museo Roerich è stato fondato nel 2016 per ordine del Ministero della Cultura della Federazione Russa come ramo del Museo d’Oriente. Tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, il Centro internazionale dei Roerichs ha lasciato i locali della tenuta di Lopukhins. Nel 2017, per ordine di un tribunale, il Museo d’Oriente ha sequestrato circa duecento opere dal Centro Internazionale dei Roerich, che in seguito furono arrestati per circa un anno e non esposti. Secondo le ultime decisioni giudiziarie, dal 2018 il centro ha perso il diritto di rivendicare l’eredità della Fondazione sovietica Roerich. Insieme a questo, ha perso il diritto di possedere dipinti.

collezioni
La collezione comprende oltre 800 opere d’arte e grafiche di Nicholas e Svyatoslav Roerichs. Il museo presenta una collezione di oggetti di arte decorativa di Russia, Mongolia, Egitto e India, oggetti commemorativi, nonché un vasto fondo archivistico del patrimonio letterario della famiglia Roerich, che comprende documenti di istituzioni e organizzazioni di Roerich.

La collezione è stata formata sulla base di diverse fonti: un dono al Museo d’Oriente da parte della storica dell’arte Katherine Campbell (1977, 1979), una collezione di dipinti di Nikolai e Svyatoslav Roerichs che sono entrati nel Museo d’Oriente nel 1993, come così come una collezione dell’ex Fondazione sovietica Roerich è entrata nel museo nel 2017.

Mostre ed eventi

“Light from the East” (2017) – una mostra in cui sono state presentate più di 60 opere di Nikolai e Svyatoslav Roerichs.

“The Roerichs Legacy and the Oriental Vector of Russian Culture” (2017) è una conferenza scientifica in cui circa 200 persone provenienti da Mosca, San Pietroburgo, Oblast ‘di Astrachan’, Vladivostok, Kaliningrad, Kemerovo, Novosibirsk, Penza, Rostov-sul-Don, Ryazan ha preso parte, Sochi, Ufa, regione di Chelyabinsk, nonché dalla Bielorussia, Israele, Stati Uniti, Svizzera, Svezia.

“Nicholas Roerich. Ascent ”(2018) – una mostra di 190 opere di Nicholas Roerich del Museo russo, la Galleria Tretyakov, il Museo d’Oriente. Dieci dipinti hanno regalato al Nicholas Roerich Museum di New York, tra cui due opere emblematiche come “Madonna Oriflame” e “San Francesco d’Assisi”.

“India. My country is beautiful” (2018) – una mostra di 30 opere di Svyatoslav Roerich.

“Creativity of Nicholas and Svyatoslav Roerichs” (maggio 2018) è una nuova mostra permanente, che comprendeva il gabinetto commemorativo di Nicholas Roerich.

Tags: