Museo imperiale del Brasile, Rio de Janeiro

Il Museu Imperial de Petrópolis è un museo nel centro storico di Petrópolis, a Rio de Janeiro, in Brasile, ospitato nel palazzo imperiale di Petrópolis, ex palazzo d’estate dell’imperatore Pedro II (1831-1889), costruito nel 1845.

Il museo comprende il palazzo stesso, pezzi del passato monarchico del Brasile e una sala espositiva temporanea dedicata all’arte contemporanea. È uno dei più visitati ed è stato votato come il miglior museo del paese.

Storia

L’edificio
Nel 1822 l’imperatore Pedro I, in viaggio a Vila Rica, nel Minas Gerais, per cercare sostegno per il movimento dell’indipendenza del Brasile, rimase incantato dalla foresta atlantica e dal clima mite della regione montuosa. Rimase nella tenuta di Padre Correia e fece persino un’offerta per comprarlo. Di fronte al rifiuto del proprietario, Pedro acquistò la Tenuta Córrego Seco nel 1830 per Rs 20.000 $ 000, pensando di trasformarla un giorno nel Palazzo della Concordia.

Dopo la sua abdicazione e la sua partenza per il Portogallo, la tenuta fu lasciata in eredità a suo figlio, l’imperatore Pedro II, che avrebbe costruito lì la sua residenza estiva preferita.

Per volere di Pedro II, il bellissimo edificio neoclassico fu costruito, a partire dal 1845 e fu completato nel 1862. Per iniziare la costruzione, Pedro II firmò un decreto il 16 marzo 1843, creando la città di Petrópolis. Un grande contingente di immigrati europei, principalmente tedeschi, sotto il comando dell’ingegnere e sovrintendente del Tesoro Imperiale, il maggiore Julius Friedrich Koeler, fu incaricato di aumentare la città, costruire il palazzo e colonizzare la regione.

Costruito con le risorse della dotazione personale dell’imperatore, l’edificio aveva il progetto originale elaborato dallo stesso Koeler e, dopo la sua morte, fu modificato da Cristoforo Bonini, che aggiunse il portico di granito al corpo centrale. Per concludere l’opera sono stati assunti importanti architetti legati all’Accademia Imperiale delle Belle Arti: Joaquim Cândido Guillobel e José Maria Jacinto Rebelo, con la collaborazione di Manuel de Araújo Porto Alegre nella decorazione.

Il complesso fu arricchito, ancora nel 1850, con il giardino progettato ed eseguito dal paesaggista Jean-Baptiste Binot, sotto la guida del giovane imperatore. Il pavimento del vestibolo, in marmo di Carrara e marmo nero del Belgio, fu posato nel 1854, ei pavimenti e le cornici in legno duro, come la jacaranda, il cedro, il pau-satin, la rosa e le vignette, provenienti dalle varie province dell’Impero.

Gli stucchi delle sale da pranzo, le sale da musica, le visite dell’imperatrice, lo stato e la camera da letto delle loro maestà contribuiscono a dare grazia e bellezza agli ambienti del Palazzo, uno dei monumenti architettonici più importanti del Brasile.

Quando fu posata la prima pietra, vi fu il livellamento dell’area, che era conosciuta come “Morro da Santa Cruz”, per iniziare i lavori, che furono tutti finanziati dalla gestione della Casa Imperiale, come disse Pedro II, nel suo privato proprietà, non si dovrebbe usare denaro statale.

Nello stabilimento di Petrópolis, realizzato da Koeler, è indicato il luogo del palazzo in un quadrilatero tra l’Emperor Street e l’Empress Street. C’erano ancora altri edifici sulla stessa terra, la cui identificazione è impossibile da fare. I lavori iniziarono nell’ala destra del palazzo e le fondamenta vennero da una vicina cava. Buoi erano usati per “Tirare terra, pietra e legno”. I lavori furono proseguiti sull’ala sinistra (che all’inizio era vista più larga della destra e più tardi fu sistemata) il Sobrado, dove gli ingressi principali del palazzo, oltre alle stanze, erano pronti. Tutte le stanze erano decorate e arredate con bellissimi stucchi e mobili.

I giardini
Fu sotto la guida personale dell’Imperatore che i giardini che circondavano il palazzo furono costruiti dal paesaggista parigino Jean Baptiste Binot nel 1854.

Con circa 100 specie di alberi e fiori, provenienti da oltre 15 regioni del mondo (Messico, Giappone, Argentina, India, Ecuador, Cina, Australia, Madagascar, tra gli altri) e erba francese, i giardini mantengono ancora le linee del paesaggio, entrambi in relazione ai letti e alla disposizione delle specie vegetali.

La cintura verde che circonda il palazzo è caratterizzata da alberi esotici come banani del Madagascar e alberi di incenso, fiori come camelie, gelsomini, manacas e fiori dell’imperatore. Come complemento, i piedistalli di granito dove erano collocati i busti di figure mitologiche, vinsero anche tre fontane e quattro fontane. Tra questi, la Fontana della Rana, da cui gli abitanti attingevano acqua, credendo che fosse di migliore qualità.

Il primo progetto presentato fu da Glaziou, questo paesaggista ufficiale dell’Imperatore, che progettò i giardini di Quinta da Boa Vista e molti altri parchi, ma fu rifiutato. I giardini furono progettati da Binot, anch’esso francese. Si può ancora vedere la primitiva disposizione dei giardini, dai pandals dell’Africa, palme dell’Australia, alberi di incenso, tra gli altri. I giardini sono stati modificati e diminuiti nel tempo, ma possono ancora essere visti e apprezzati.

Era repubblicana
Con il colpo di stato repubblicano, il 15 novembre 1889, la famiglia imperiale fu bandita ed esiliata in Europa. Nel dicembre dello stesso anno, l’imperatrice Teresa Cristina morì in Portogallo e, due anni dopo, nel 1891, l’imperatore Pedro II morì a Parigi. Tra il 1893 e il 1908, Isabel, principessa imperiale del Brasile, come unica erede, affittò il palazzo di Petrópolis alla scuola di Notre Dame de Sion.

Poi, tra il 1909 e il 1939, il St. Vincent of Paul College ha funzionato nell’edificio. In quel periodo, gran parte dei mobili e altri oggetti furono venduti o espropriati. A San Vincenzo di Paolo, ha studiato un appassionato di storia: Alcindo de Azevedo Sodré. Grazie a lui, che aveva sognato fin dall’infanzia con la trasformazione del suo college in un museo storico, il presidente Getúlio Vargas creò, il 29 marzo 1940, con il decreto legge n. 2.096, il Museo imperiale.

Da quel momento in poi, un team tecnico guidato da Sodré stesso, che sarebbe diventato il primo direttore del Museo, studiò la storia dell’edificio e individuò pezzi appartenenti alla Famiglia Imperiale in diversi palazzi, per illustrare il XIX secolo e il giorno dopo giorno di membri della casa brasiliana di Braganza. Importanti collezionisti nazionali hanno aderito al progetto, donando oggetti di interesse storico e artistico. Come risultato, il Museo Imperiale fu inaugurato il 16 marzo 1943, con una significativa collezione di pezzi relativi al periodo imperiale brasiliano, compresi i membri della Famiglia Imperiale. Negli ultimi sette decenni ha accumulato collezioni documentarie significative, raccolte bibliografiche (molte provenienti da Château d’Eu) e oggetti grazie alle generose donazioni di centinaia di cittadini, per un totale di quasi 300 persone, 000 articoli. Gran parte della decorazione interna è ancora conservata, come i pavimenti in pietre nobili, stucchi, lampadari e mobili, ricostruendo gli ambienti.

Museo
La collezione del museo è composta da pezzi legati alla monarchia brasiliana, compresi mobili, documenti, opere d’arte e oggetti personali dei membri della Famiglia Imperiale. Nella collezione di dipinti, possiamo evidenziare la “Fala do Trono” di Pedro Américo, che rappresenta l’imperatore Pedro II all’apertura dell’Assemblea Generale, e l’ultimo ritratto dell’imperatore Pedro I, dipinto da Simplício Rodrigues de Sá.

Particolarmente importanti sono i gioielli imperiali, con la corona di Pedro II, creati da Carlos Marin soprattutto per la consacrazione e l’incoronazione del giovane imperatore, allora di 15 anni, e la corona di Pedro I, oltre a numerosi altri pezzi rari e preziosi , come la volta in bronzo dorato e porcellana offerta dal re di Francia Luigi Filippo I a suo figlio François, principe di Joinville, in occasione del suo matrimonio con la principessa Francisca del Brasile; la collana d’oro, smeraldi e rubini con le insegne dell’Impero che apparteneva all’imperatrice Leopoldina, e la collana di ametiste della Domitila de Castro, marchesa di Santos, dono di Pedro I.

La collezione è distribuita nelle seguenti aree principali:
Sala da pranzo, con un ricco set di mobili firmato F. Léger Jeanselme Père & Fils e stoviglie.
Music Hall, strumenti di conservazione come un’arpa dorata fatta da Pleyel Wolff, un salterio settecentesco realizzato a Rio de Janeiro e il pianoforte inglese di Broadwood, che secondo la tradizione appartiene all’Imperatore Pedro I e la spinetta prodotta di Mathias Bosten nel 1788, l’unico esistente nel mondo di questo autore. Completa la stanza dell’arredamento piastrellata in palissandro.
State Hall, la più importante del palazzo, dove Dom Pedro ha ricevuto visitatori ufficiali. Il trono, originariamente nel Palazzo di Quinta da Boa Vista, venne solo più tardi al Museo Imperiale, insieme ad oggetti di ornamento come vasi, porcellane di Sèvres, consolle e specchi decorati.
L’ufficio dell’imperatore Pedro II, dove l’imperatore trascorse la maggior parte della giornata tra strumenti e libri scientifici. Lì conserva, tra gli altri oggetti, la sua lunetta, il primo telefono del Brasile, che ha portato dagli Stati Uniti, la sua chaise longue e diversi ritratti dipinti della sua famiglia.
Conserve delle principesse, conservando gli ambienti originali occupati dalla principessa Isabella e la principessa Leopoldina, con mobili nello stile del re Giuseppe I del Portogallo.
Salotto dell’imperatrice, dove Teresa Cristina ricevette i suoi amici in privato, per conversazioni e sessioni di ricamo, con mobili corrispondenti.

Biblioteca
La ricca biblioteca del Museo Imperiale conserva un’importante collezione bibliografica con circa 50 mila volumi, specializzati in Storia (principalmente del Brasile in epoca imperiale), storia di Petrópolis e Arti in generale.

La sezione Opere rare contiene oggetti preziosi come edizioni del XVI-XIX secolo, periodici, spartiti, luminarie, manoscritti, ex libris, rapporti di province e ministeri e una raccolta di leggi dell’Impero per un totale di circa 8000 volumi. Di questi pezzi, diversi appartenevano alla Famiglia Imperiale e portavano note scritte a mano, rilegature e illustrazioni di lusso.

Importante è anche la sezione di libri di viaggiatori stranieri che attraversarono il Brasile nei secoli XVIII e XIX, documentando diversi aspetti della vita sociale e del paesaggio naturale brasiliano dell’epoca, con opere di Jean-Baptiste Debret, Rugendas, Saint-Hilaire, Maria Graham, Henry Koster, Louis Agassiz, Charles Darwin, Spix e Martius.

Archivio storico
Il museo ha una collezione di oltre 250.000 documenti originali risalenti al 13 ° secolo e che vanno nel 20 ° secolo. Particolarmente interessante è la raccolta di fotografie che documentano la storia e l’evoluzione degli aspetti urbani e paesaggistici dello stato di Rio de Janeiro e della città di Petrópolis.

Diverse collezioni private arricchiscono questa sezione, come João Lustosa da Cunha Paranaguá, 2 marchese di Paranaguá; quello di Ambrósio Leitão da Cunha, Baron Mamoré; la collezione Barral-Monteferrat, con la corrispondenza tra Emperos Pedro II e la contessa di Barral; l’importante Archivio della casa imperiale brasiliana e molti altri.

progetti
Il programma Visual Arts, in collaborazione con FUNARTE, cerca di organizzare mostre, seminari multidisciplinari, corsi e workshop, al fine di formare professionisti, formare nuovi pubblici e ampliare la conoscenza del grande pubblico. Cerca inoltre di discutere questioni relative alla museologia, alle collezioni nazionali e all’evoluzione delle arti visive contemporanee.
Educazione Patrimoniale, un progetto perenne del museo, che mira a educare adulti e bambini sull’appropriazione consapevole e sulla valutazione critica del loro patrimonio culturale, rafforzando il senso di identità e cittadinanza. Sovvenzionando questo progetto, il museo organizza visite guidate, laboratori teatrali per bambini, recital musicali del XIX secolo che ricostituiscono lo spirito delle serenate aristocratiche e altre attività educative.
Progetto di digitalizzazione della collezione del Museo Imperiale DAMI Questo lavoro fornisce gratuitamente immagini dell’intera collezione del Museo Imperiale su Internet. Libri, documenti e oggetti di tutti i tipi vengono scansionati e le loro informazioni vengono visualizzate nella pagina del progetto. Ci sono già migliaia di oggetti e documenti disponibili per il download.

Tags: