Gran Castello Historic House, Ir-Rabat Għawdex, Malta

La Gran Castello Historic House (Maltese: Dar Storika tal-Gran Kastell), è ospitato in un gruppo di case medievali in Bernardo DeOpuo Street nella Cittadella di Victoria, a Gozo., È un museo storico dedicato al folclore gozitano a Victoria, Gozo , Malta. Si trova all’interno di un gruppo di case del 16 ° secolo nella Cittadella, che sono state riabilitate come museo nel 1983.

Le collezioni del museo riguardano il modo di vivere domestico, rurale e tradizionale nell’economia agraria delle isole maltesi e le molte abilità, mestieri e tradizioni che hanno plasmato la vita quotidiana sulle isole nel corso dei secoli.

Le case interconnesse che ospitano il museo, furono probabilmente costruite intorno agli inizi del 16 ° secolo. Le caratteristiche architettoniche tradiscono alcune influenze siciliane e catalane e mostrano la conoscenza di un sofisticato stile tardogotico. Certamente, le case appartenevano a famiglie benestanti, come dimostrano le belle caratteristiche architettoniche della facciata. Queste case sono state riabilitate come museo nel 1983.

Le caratteristiche architettoniche degli edifici che ospitano il museo sono in stile siciliano e potrebbero essere debitori dell’influenza della famiglia Chiaramonte della Sicilia e dell’Italia meridionale quando erano stati Conti di Malta alla fine del XIV secolo. Delicate facciate barocche contrastano la relativamente semplicità degli interni.

Le mostre al piano terra riguardano mestieri rurali e abilità come l’agricoltura e la muratura in pietra. Qui si trovano vari attrezzi tradizionali utilizzati in agricoltura insieme a una variegata selezione di mulini per macinare. Un esempio sostanziale occupa il centro di una grande macina ricostruita. Si trova anche una vasta selezione di strumenti utilizzati da falegnami e fabbri. Lo stesso display al piano terra include anche misure di cereali e liquidi e vari tipi di pesi e bilance.

Il display al piano mezzanino ha una sezione dedicata a tali hobby come la modellazione di chiese in miniatura, piene di accessori religiosi. Un’interessante collezione di ex-voto è un altro highlight che ritrae tradizioni religiose passate.

Il primo piano, un tempo residenza delle famiglie benestanti residenti, ospita un’esposizione di oggetti legati ad importanti mestieri locali come la lavorazione del merletto e la tessitura, a cui si aggiungono articoli legati all’industria del cotone come il gin di cotone e la ruota che gira . Un’altra piccola parte della collezione del primo piano è dedicata alla tradizionale industria della pesca.

Il tradizionale stile di vita della popolazione locale viene riportato in vita con questa serie di rappresentazioni materiali presentate per la visione pubblica in questo museo.

Nel 2016 è stato ribattezzato dal Museo del Folklore al museo della Gran-Casa d’epoca, durante il restauro della Cittadella.

Tags: