Memoriale di Xuanzang, Nava Nalanda Mahavihara, Bargaon, India

Xuanzang (cinese: 玄奘 602-664), era un monaco, studioso, viaggiatore e traduttore buddista cinese che descriveva l’interazione tra il buddismo cinese e il buddismo indiano nella prima dinastia Tang. Divenne famoso per i suoi diciassette anni di viaggio via terra in India, che è registrato in dettaglio nel classico testo cinese Great Tang Records sulle regioni occidentali.

Nalanda era stata un’antica sede di studi e un centro religioso che impartiva molte conoscenze. Esisteva nell’antico Magadha (attualmente, Bihar e parti del Bengala, Orisha in India) tra il V secolo e il Dodicesimo secolo. Si credeva che il termine “Nalanda” potesse essere originato dalla parola nalam (loto), o da nalanda, che significa “donatore di conoscenza”. L’antico Mahavihara di Nalanda fu fondato durante il regno di un re chiamato Śakrāditya, della dinastia Gupta.

[colonne galleria = “3” size = “medium” ids = “16754,16550,16522,16518” orderby = “rand”]

L’istituzione di Nava Nalanda Mahavihara (Università Deemed, Ministero della Cultura, Governo dell’India) era di sviluppare un centro di studi superiori in Pali e buddismo seguendo le linee dell’antica Nalanda Mahavihara. Fin dall’inizio, l’istituto ha funzionato come istituzione residenziale, con un numero limitato di studenti indiani e stranieri. Nālandā e le rovine dell’antica Nālandā Mahāvihāra sono quasi sinonimi. Il nome Nālandā evoca un’immagine dell’antico Mahāvihāra, che fu una grande sede di educazione buddista per quasi 700 anni tra il V e il XII secolo. Sua Eccellenza, il dottor Rajendra Prasad, il primo presidente della Repubblica dell’India, aveva avviato l’idea e dichiarato che l’antica sede dell’apprendimento buddhista a Nālandā sarebbe stata ripresa e così aveva emanato la visione di stabilire la Nava Nalanda Mahavihara. Il 20 novembre 1951 fu posata la prima pietra del primo edificio con la seguente incisione: “Lascia che i raggi del sole di Nalanda salgano dalla cima di questa roccia per illuminare il volgare (lokabhāsā in Pali) dopo il trapasso. lontano dalle sue notti di oscurità (periodo della sua oscurità). ”

Nalanda fu visitata da Buddha e Mahavira nel V e VI secolo aC. Era anche il luogo di nascita e il nirvana di Sariputta, uno dei famosi discepoli del Buddha. Molti dei famosi studiosi buddisti avevano studiato e insegnato a Nalanda, incluso Nagarjuna, che formalizzò il concetto di Sunyata; Dharmapala, l’insegnante di Xuan Zang; Dharmakirti, il logico; Dinnaga, il fondatore della logica buddista; Jinamitra Santaraksita, che fondò il primo ordine monastico in Tibet; Padmasambhava, il maestro del buddismo tantrico; Candrakīrti, Śīlabhadra e Atisa.

Xuanzang viaggiò attraverso l’India tra il 630 e il 643 dC e visitò Nalanda prima nel 637 e poi di nuovo nel 642, trascorrendo un totale di circa due anni nel monastero. Fu accolto calorosamente a Nalanda dove ricevette il nome indiano di Mokshadeva e studiò sotto la guida di Shilabhadra, il venerabile capo dell’istituzione in quel momento. Credeva che lo scopo del suo arduo viaggio via terra in India fosse stato raggiunto come a Shilabhadra aveva finalmente trovato un insegnante incomparabile per istruirlo a Yogachara, una scuola di pensiero che era stata trasmessa solo in parte in Cina. Oltre agli studi buddisti, il monaco frequentò anche corsi di grammatica, logica e sanscrito, e in seguito anche lezioni al Mahavihara.

Nel resoconto dettagliato del suo soggiorno a Nalanda, il pellegrino descrive la vista dalla finestra dei suoi alloggi così,

Inoltre, l’intero stabilimento è circondato da un muro di mattoni, che racchiude l’intero convento dall’esterno. Un cancello si apre nel grande collegio, dal quale sono separate otto altre sale nel mezzo (del Sangharama). Le torri riccamente ornate e le torrette simili a fate, come le cime delle colline appuntite, sono riunite insieme. Gli osservatori sembrano essere persi nei vapori (del mattino), e le stanze superiori torreggiano sopra le nuvole.

Xuanzang era un ospite contemporaneo e stimato di Harsha e catalogava in dettaglio la munificenza dell’imperatore. Secondo il biografo di Xuanzang, Hwui-Li, Nalanda fu disprezzato da alcuni Sthavira per la sua enfasi sulla filosofia Mahayana. Secondo quanto riferito, il re Harsha ha intimidito il patronato di Nalanda durante una delle sue visite all’Odisha, prendendo in giro la filosofia del “cielo-fiore” insegnata lì e suggerendo che potrebbe anche proteggere un tempio Kapalika. Quando ciò accadde, Harsha notificò al cancelliere di Nalanda, che inviò i monaci Sagaramati, Prajnyarashmi, Simharashmi e Xuanzang a confutare le opinioni dei monaci di Odisha.

Xuanzang ritornò in Cina con 657 testi buddisti (molti dei quali mahayanisti) e 150 reliquie trasportate da 20 cavalli in 520 casi, e tradusse 74 dei testi lui stesso. Nei trent’anni successivi al suo ritorno, non meno di undici viaggiatori provenienti da Cina e Corea sono stati conosciuti per aver visitato la famosa Nalanda.

Nalanda è stata una delle prime università residenziali del mondo. Più di 10.000 studenti e 2.000 insegnanti hanno risieduto in questo campus monastico. Il Mahavihara, costruito in mattoni rossi, era considerato un capolavoro architettonico. Aveva otto composti separati e dieci templi, insieme a molte altre sale di meditazione e aule. La biblioteca si trovava in un edificio di nove piani in cui venivano prodotte copie di testi di valore. Le materie insegnate dai famosi maestri hanno ammassato ogni campo dell’apprendimento e hanno attratto allievi e studiosi da tutte le parti del mondo: Corea, Giappone, Cina, Tibet, Indonesia, Persia e Turchia. Nalanda fu saccheggiata e distrutta da un esercito della dinastia mamelucco musulmana sotto Ikhtiyar ad-Din Muhammad bin Bakhtiyar Khilji nel 1193 d.C.

Attualmente, le rovine dell’antica Nalanda Mahavihara occupano un’area di 14 ettari e la maggior parte rimane inesplorata. Il significato storico di Nalanda, Rajgir e Bodhgaya attirano ogni anno migliaia di turisti sia dall’India che dall’estero.

Tags: