Ala della Galleria dei Cervi, Palazzo di Fontainebleau, Seine-et-Marne, Francia

La costruzione del Castello di Fontainebleau e i suoi successivi ampliamenti testimoniano la passione dei re di Francia per la caccia e la loro esigenza di disporre di un ambiente prestigioso dove accogliere la Corte e i loro illustri ospiti per soggiorni dedicati al loro svago preferito. La Galleria dei Cervi e l’Appartamento di Caccia, attraverso la rappresentazione dei grandi possedimenti di caccia sotto Enrico IV e delle cacce di Luigi XV, dipinte da Oudry, illustrano le decorazioni del castello sul tema della caccia.

L’appartamento Chasses (noto anche come “appartamento del Principe Imperiale” dal 1856 al 1868) si affaccia sul cortile Ovale e costituisce un collegamento con la Galleria Diana. Lo scalone della Regina e l’Appartamento di Caccia, dove soggiornò il Principe Imperiale, ospitano dal 1835 i grandi cartoni degli arazzi dei cosiddetti Paramenti di Caccia di Luigi XV, dipinti da JB Oudry. Qui sono presentate otto delle nove composizioni di questo artista.

Galleria dei cervi
La Galerie des Cerfs risale all’inizio del XVII secolo e fu restaurata durante il Secondo Impero: era stata divisa in appartamenti nel XVIII secolo e sotto Napoleone I era servita come appartamento per i fratelli e le sorelle dell’Imperatore. È lungo 74 metri e largo 7 metri. Situato al piano terra, deve il suo nome alle 43 teste di cervo (solo le corna sono naturali, le teste sono in gesso e gli occhi in vetro) che lo decorano, installate nel 1642 (furono tutte rifatte nel XIX secolo) ). È notevolmente decorato con dipinti ad olio su intonaco realizzati tra il 1601 e il 1608 da Louis Poisson, rifatti sotto Napoleone III e che presentano 13 vedute cavalleresche delle grandi residenze reali sotto Enrico IV (Saint-Germain-en-Laye, Chambord, Amboise, Villers- Cotterêts…). Queste carte hanno cornici ad imitazione dello stucco, con cartucce con motivi in ​​cuoio e paesaggi dipinti in monocromo. Il soffitto è decorato con motivi di caccia realizzati intorno al 1639-1640.

La Galleria conserva anche i caratteri originali delle copie di statue antiche eseguite dai Primaticio nel 1540. Queste statue furono portate dal Louvre nel 1967. Copie di Laocoonte e dei suoi figli, La Venere di Cnido, L’Apollo del Belvedere, L’Ercole Commodo , e l’Arianna dormiente, ma anche la Diana con la cerva, copia antica eseguita nel 1602 da Barthélémy Prieur, che già ornava il giardino di Diana. Questa galleria fu teatro dell’assassinio di Giovanni, marchese di Monaldeschi, favorito di Cristina di Svezia, il 10 novembre 1657. Fortemente rimaneggiata sotto il Secondo Impero dalle modifiche dell’inizio dell’Ottocento, la galleria subì un parziale restauro sotto il egida degli artisti Pacard e Denuelle, che si impegnarono in particolare a sostituire il rivestimento in legno della parte inferiore delle pareti, gravemente danneggiato, con un decoro che imitava identico il rivestimento in legno della cappella di Saint-Saturnin.

Galleria di Diana
Questa galleria d’oro, anticamente chiamata “galleria della regina” (collegava gli appartamenti della regina e il gabinetto delle voliere), lunga 80 m e larga circa 10 m, fu dapprima decorata con scene che illustravano il mito di Diana, quello di Apollo, e le vittorie del re, di Ambroise Dubois e Jean de Hoey, sui solai lignei delle pareti e sul soffitto della volta spezzata. Il suo arredamento antico ci è noto soprattutto grazie ad un ricco album di acquarelli del Percier, e a frammenti di dipinti e di pannellature, oggi conservati al castello.

Appartamento di caccia
Costruita sotto Enrico IV, ma ampliata nel XVIII e XIX secolo, questa parte del castello ospitava tre appartamenti in fila. Il termine Appartamento di Caccia fu riservato, durante la Restaurazione, alle stanze situate al primo piano dell’ala, ma fu esteso al piano terra quando furono realizzate nuove decorazioni durante il regno di Luigi Filippo. Il piano terra fu abitato dall’imperatrice Eugenia, che lo fece restaurare a partire dal 1861.

Uno scalone d’onore, costruito nel 1768 sul sito di un’antica scala del XVI secolo, è decorato sotto Luigi Filippo con dipinti di Alexandre-François Desportes e Jean-Baptiste Oudry che rappresentano scene di caccia e nature morte. Il soggiorno è decorato con vasti dipinti di Jean-Baptiste Oudry (Caccia di Louis nel 1835) che illustrano le cacce reali nella foresta di Compiègne. La sala è inoltre decorata con scene di caccia provenienti da Compiègne e Fontainebleau. È particolarmente arredato con il letto e il comodino del Principe Imperiale, consegnati nel 1864.

Gli appartamenti furono abitati dal cardinale Barberini nel 1625, da Mazzarino durante la reggenza di Anna d’Austria e dal duca e dalla duchessa d’Orléans sotto Luigi XIV. Furono occupati dal cardinale de Fleury nel 1743, dalle signore di Lauraguais e de Flavacourt nel 1744, da Maria Teresa Raphaëlle di Spagna nel 1745, da Marie Leszczynska nel 1746 e da Madame Élisabeth, duchessa di Parma, nel 1749. abitato da Marie-Josèphe de Saxe dal 1747 al 1767, poi dal maresciallo d’Estrées e dalla contessa di Coigny nel 1767, e da Cristiano VII di Danimarca nel 1768. Furono nuovamente occupati nel 1773, al piano superiore dalla contessa d’Artois , e al piano terra dal Delfino Luigi, poi dal Conte d’Artois.

Sotto l’Impero, gli appartamenti accolsero il barone di Dalberg nel 1804 e Marie-Julie Clary nel 1807. Furono occupati dal duca di Borbone, poi dal duca d’Angoulême durante la Restaurazione. Durante la monarchia di luglio, furono abitate dal duca d’Orléans, e dai duchi d’Aumale e Montpensier dal 1833. Nel maggio 1837 ricevettero Augusta d’Assia-Hombourg ed Elena di Meclemburgo-Schwerin, prima di ospitare nel 1838 il duca del Württemberg, sua moglie Marie e suo figlio. Alla fine ricevettero la duchessa di Kent nel 1844, il principe e la principessa di Joinville nel 1845 e il principe e la principessa di Salerno nel 1846. Sotto il Secondo Impero accolsero Luciano Bonaparte e la principessa Murat nel 1853 e furono occupati dal principe imperiale. dal 1856 al 1868.

Lo scalone della Regina e l’Appartamento di Caccia, dove soggiornò il Principe Imperiale, ospitano dal 1835 i grandi cartoni degli arazzi dei cosiddetti Paramenti di Caccia di Luigi XV, dipinti da JB Oudry. Qui sono presentate otto delle nove composizioni di questo artista. L’esecuzione dell’ordine di JB Oudry ebbe luogo dal 1733 al 1746. Doveva servire da modello per gli arazzi tessuti nella fabbrica dei Gobelins. Un paramento decorava gli appartamenti del re a Compiègne, altra residenza di caccia di Luigi XV. Suo nipote, Luigi XVI, fece realizzare miniature di queste stesse composizioni per Versailles.

Abbandonati nel 1870, gli appartamenti di caccia furono riaperti ai visitatori nel 1938, come appartamento di Luigi Bonaparte, prima di essere nuovamente chiusi alla fine degli anni ’60. Un recente progetto, guidato da Yves Carlier, curatore e chef, ha permesso di aprire una “galleria di mobili”, riunendo quasi 80 oggetti.

Related Post

Castello di Fontainebleau
Fontainebleau è una graziosa cittadina storica a 55,5 km a sud di Parigi, in Francia. È rinomato per la sua ampia e scenografica foresta che circonda un onnipotente castello, un tempo residenza di caccia amata dai re di Francia. Costruito nel XII secolo, questo castello è anche una favolosa reliquia della storia francese, dal Medioevo al Rinascimento. Nel corso di quasi otto secoli, 34 imperatori e due monarchi hanno trascorso il loro tempo nella tenuta, iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1981.

Il castello di Fontainebleau, ampliato in particolare da Francesco I, la residenza di Fontainebleau è l’unico castello abitato da ogni monarca francese per più di otto secoli. Con 1500 stanze, è uno dei castelli più grandi di Francia e il più arredato d’Europa. Testimonianza della vita delle corti ufficiali e iniziali dei monarchi attraverso i secoli, incarna meglio che altrove l’art de vivre francese.

Circondato da un vasto parco e confinante con la foresta di Fontainebleau, il castello è costituito da elementi di stile medievale, rinascimentale e classico. L’effetto complessivo è stupefacente poiché i monarchi successivi hanno aggiunto i propri tocchi personali. Fontainebleau è un luogo stimolante, ricco di dettagli ricchi. Il castello più arredato con decorazioni come affreschi rinascimentali, porcellane preziose, mobili eccezionali durante il Secondo Impero. Una passeggiata nei vasti giardini e lungo il canale progettato dall’architetto André Le Nôtre è d’obbligo.

Testimonia l’incontro tra l’arte italiana e la tradizione francese espresso sia nella sua architettura che nelle sue decorazioni interne. Questa specificità si spiega con il desiderio di Francesco I di creare a Fontainebleau una “nuova Roma” in cui gli artisti italiani vengano ad esprimere il loro talento e influenzare l’arte francese. Nacque così la Scuola di Fontainebleau, che rappresenta il periodo più ricco dell’arte rinascimentale in Francia, e ispirò la pittura francese fino alla metà del XVII secolo, e anche oltre.

Famoso per essere stato testimone di molti degli importanti punti di svolta dell’imperatore, “La vera casa dei re, la casa dei secoli”, disse una volta Napoleone riguardo a questo vasto castello costruito in stile classico e rinascimentale. Prima di diventare imperatore, Napoleone vi aveva rinchiuso a lungo il papa dell’epoca, qui Napoleone firmò anche la sua prima dichiarazione di abdicazione Da apprezzare la scalinata a doppio ferro di cavallo nel cortile principale, la Cour d’Honneur, detta anche dell’Addio Cortile, dopo che Napoleone vi si congedò il 20 aprile 1814, prima di partire per l’Isola d’Elba.

Fontainebleau non è famosa solo per il suo ruolo nelle avventure imperiali di Napoleone. Scopri i capolavori del Rinascimento commissionati da Francesco I, i grandi progetti di Enrico IV, la raffinata decorazione di Maria Antonietta, l’appartamento di Napoleone I, lo splendore di Napoleone III ed Eugenia, ecc. Dirigiti verso l’ala ovest, dove troverai il Rinascimento sale e la Galerie de François Ier riccamente decorate da Rosso Florentino, maestro della Scuola di Fontainebleau. Ammira lo spettacolare camino nella Sala delle Guardie, l’originale Cappella di Saint-Saturnin e la lussuosa Sala del Trono di Napoleone.

Scopri il Museo Cinese creato dall’Imperatrice Eugenia e i suoi preziosi oggetti d’antiquariato provenienti dalla Cina e dalla Tailandia. Esplora stanze normalmente interdette al grande pubblico, come il lussuoso teatro creato sotto Napoleone III nel 1857, simile nel suo stile raffinato a quello del Castello di Versailles. C’è anche il boudoir turco di Maria Antonietta, con la sua favolosa esuberanza orientale.

Situato in un parco di 130 ettari, il castello sviluppa la sua architettura attorno a quattro cortili principali ed è al centro di tre giardini storici tra cui il più grande parterre d’Europa (11 ettari), opera di André Le Nôtre. Andate in barca sul Carp Pond, ammirate il Grand Parterre, noto anche come Giardino alla francese, progettato da Le Nôtre e Le Vau, o fate una passeggiata nel Giardino inglese. L’impronta botanica e architettonica di ogni monarca promette una passeggiata davvero regale nel parco.

Ricco di un contesto architettonico di prim’ordine, il castello di Fontainebleau possiede anche una delle collezioni di mobili antichi più importanti di Francia, e conserva un’eccezionale collezione di dipinti, sculture e oggetti d’arte, risalenti al VI secolo fino al XIX secolo. . Un weekend preferito dai parigini, che offre una notevole qualità dell’aria e della vita nella regione parigina.

Sono disponibili piccoli giri in treno e in carrozza per una divertente gita nei giardini con la famiglia, mentre i principianti in mongolfiera sorvoleranno il castello e la foresta di Fontainebleau, una delle foreste più grandi della regione. Una pausa al Café des Mariniers sulla Cour de la Fontaine è meritata. Apprezzata una sosta al ristorante Les Petites Bouches de l’Empereur situato nel cuore del castello, nell’ala conosciuta come la “belle Cheminée”, a due passi dalla Porte Dorée decorata dal Primaticcio.

Share
Tags: France