Vivienne Westwood: corsetto che fonde moda e arte, video a 360 °, Victoria and Albert Museum

La forma della moda, vedi il corsetto che fonde moda e arte. Una volta un pezzo di biancheria intima, guarda come il corsetto ha ispirato Vivienne Westwood a riunire i mondi della moda e dell’arte in un unico posto. Esplora il capo nella realtà virtuale e scopri di più sulle storie dietro i vestiti.

Il corsetto “Boucher”, conservato nel Victoria and Albert Museum, incarna un affascinante connubio tra moda e arte e sottolinea l’impatto di Vivienne Westwood come stilista di moda. Scopri come Westwood ha trasformato questa biancheria intima su misura in un capo ricercato di oggi.

Il corsetto: modellare il corpo
Il corsetto è uno dei capi di abbigliamento più controversi nella storia della moda. Indossato da donne in tutto il mondo occidentale dal tardo Rinascimento al 20 ° secolo, il corsetto era un elemento essenziale dell’abito alla moda. I riformatori del vestito sostenevano che i corpi delle donne erano “deformati” dalla moda.

Enfatizzando le curve sessualmente dimorfiche del corpo di una donna, il corsetto ha funzionato come simbolo della bellezza femminile. Le donne con vita sottile sembrano più giovani e più femminili, perché il differenziale vita-fianchi nelle giovani donne tende a essere 0,7 (vita sette decimi grande come fianchi), in contrasto con un rapporto maschile di 0,85 o 0,9. Dopo la menopausa, quando i livelli di fertilità e di estrogeni diminuiscono, i corpi delle donne si avvicinano al rapporto maschile.

Con la rivoluzione della moda dei primi del 20 ° secolo, la maggior parte delle donne ha smesso di indossare corsetti disossati e ha adottato indumenti elasticizzati per fondotinta. Perché le donne hanno abbandonato i corsetti? Le prove storiche suggeriscono che i cambiamenti nella moda erano direttamente associati al cambiamento degli atteggiamenti nei confronti del corpo. Il corsetto non è sparito tanto quanto trasformato. Innanzitutto si è evoluto in cintura e reggiseno. Quindi, più radicalmente, il corsetto è stato interiorizzato attraverso la dieta, l’esercizio fisico e ora anche la chirurgia plastica. Il corpo duro sostituì il corsetto disossato.

La fine del 20 ° secolo
Alla fine del XX secolo, stili di strada come il punk e il nuovo romanticismo hanno riportato il corsetto di moda, come capispalla. La ricomparsa del corsetto rivela come il significato dell’abbigliamento venga costantemente ridefinito. Il corsetto certamente non significa più “rispettabilità”. Ha, invece, una serie di significati, dal seducente femminile al feroce femme fatale.

Sulla scia del movimento di liberazione sessuale, le giovani donne associate alle sottoculture punk e goth di Londra nei primi anni ’70 iniziarono a riappropriarsi del corsetto come simbolo di ribellione. I corsetti furono anche sempre più adottati da giovani uomini che indossavano il vestito nei club che accolsero l’espressione della sessualità “radicale” o “trasgressiva”.

A lungo denigrato come simbolo dell’oppressione femminile, il corsetto è stato riconcepito come simbolo dell’empowerment sessuale femminile da parte di Madonna, aiutato e incoraggiato da Jean Paul Gaultier.

Vivienne Westwood
Dame Vivienne Isabel Westwood è una stilista e imprenditrice britannica, in gran parte responsabile di portare il punk moderno e le nuove mode dell’onda nel mainstream. È stata ispirata dal valore scioccante del punk: “vedere se si potesse mettere un raggio nel sistema”.

Adottato da stilisti d’avanguardia, come Vivienne Westwood, lei stessa un punk alla fine degli anni ’70, il corsetto iniziò una seconda vita nella moda.

Il rilancio del corsetto di Vivienne Westwood potrebbe essere uno dei suoi più importanti contributi alla moda del 20 ° secolo. Anche molti altri designer sono stati ispirati dal corsetto e sembrava tornare di moda ogni due o tre anni – 1992, 1994, 1997, 2000 e 2001.

La maggior parte dei designer tende a concentrarsi su corsetti molto femminili o belli, ma ci sono anche una varietà di corsetti “esotici”. Il “corsetto” Dinka dell’Africa orientale (al centro) è stato l’ispirazione per questo abito Dior.

Un altro tipo di corsetto contemporaneo tratta il corpo non come una forma femminile idealizzata o surrogata per il corpo duro, ma piuttosto come qualcosa di profondamente vulnerabile, persino ferito.

Soprattutto nel mondo della moda, i segni culturali, come il corsetto, non hanno un significato fisso. Nel corso della storia umana, le persone di tutte le culture hanno dimostrato il bisogno di “vestire” o “modellare” i loro corpi in modo da rispondere a particolari ideali socioculturali di bellezza, erotismo, status, conformità e altre forze potenti. Mentre attraversiamo il 21 ° secolo, il corsetto non mostra segni di scomparsa.

Victoria and Albert Museum
Il Victoria and Albert Museum (spesso abbreviato come V&A) a Londra è il più grande museo al mondo di arti applicate e decorative e design, nonché scultura, che ospita una collezione permanente di oltre 2,27 milioni di oggetti. [4] Fu fondata nel 1852 e prese il nome dalla regina Vittoria e dal principe Alberto.

Come principale museo al mondo di arte e design, il V&A arricchisce la vita delle persone promuovendo la pratica del design e aumentando la conoscenza, la comprensione e il godimento del mondo progettato.

Tags: