Villeurbanne, metropoli di Lione, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Villeurbanne è un comune al confine con Lione, situato nella metropoli di Lione nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Villeurbanne è la seconda città più grande dell’area metropolitana di Lione e la ventesima più popolata in Francia. Nel 2013, Villeurbanne è stata eletta la città con la migliore amministrazione della Francia, che attira sempre più persone. Con 147.712 abitanti al 1 ° gennaio 2017. È la città nella periferia più popolata della Francia.

Storia
Villeurbanne è stata abitata fin dal 6000 aC e appartiene al regno di Francia dal 1349. Fino al XIX secolo, la città era solo un mosaico di villaggi distinti separati da campi e terreni non edificati. Questi villaggi sono per lo più sopravvissuti e oggi formano i quartieri di Charpennes, Cusset, Croix-Luizet, Maisons-Neuves, ecc.

Con l’era industriale, l’economia di Villeurbanne è esplosa: l’industria tessile è stata la prima a fiorire, seguita da quella meccanica e chimica. Le fabbriche attiravano numerosi immigrati, in particolare dall’Italia. Trasformandosi da una comunità rurale in una città industriale, Villeurbanne ha subito un enorme boom demografico alla fine degli anni ’20.

Il sindaco Lazare Goujon (eletto nel 1924) impegnò la città in una vasta iniziativa di lavori pubblici. Probabilmente il patrimonio più visibile di questo programma è il Gratte-Ciel, un complesso residenziale composto da due torri Art Déco e annessi edifici più piccoli, allineati lungo Avenue Henri Barbusse. Queste strutture sono opera dell’architetto Môrice Leroux e una delle strutture Art Deco più importanti in Francia. Dopo aver subito un accurato restauro, le torri gemelle di 19 piani sono diventate un emblema della città.

Medioevo
Nel XIV secolo, la città di Villeurbanne faceva parte del Dauphiné Viennese, stato feudale, il Rodano era il confine occidentale. Lione si trovava allora in territorio straniero e mantenne rapporti a volte tesi con Villeurbanne.

Alla fine del regno del Delfino Umberto II di Viennois, nel 1349, Villeurbanne fu annessa contemporaneamente alla provincia del Dauphiné de Viennois al Regno di Francia sotto il regno del re Filippo VI di Valois. Il villaggio continuò tuttavia a far parte della provincia del Dauphiné, fino alla soppressione delle amministrazioni dell’Ancien Régime da parte della Rivoluzione.

rivoluzione francese
Nel 1790 Villeurbanne entrò a far parte del nuovissimo dipartimento dell’Isère, di cui Grenoble era la capitale, e fu incluso nel distretto di Vienne. Anche durante la Rivoluzione, la città di Villeurbanne si staccò dal mandement (la signoria) di Vaulx-en-Velin e elesse Étienne Debourg come primo sindaco.

Il XIX secolo e il XX secolo
Essenzialmente agricola, la città acquisì importanza con la creazione nel 1837 e poi negli anni ’50 dell’Ottocento di dighe per contenere il Rodano, le cui alluvioni episodiche coprivano fino ad allora gran parte della pianura. Questa protezione contro le inondazioni ha permesso la creazione di fabbriche nel distretto di Charpennes, fabbriche che si vive anche all’inizio del XIX secolo sotto l’attuale punto Grandclément. Nel 1852, la città fu staccata dal dipartimento dell’Isère (nell’arrondissement di Vienne) e si unì al dipartimento del Rodano. A quel tempo, tuttavia, si rifiutava di essere attaccata alla città di Lione, a differenza di altri sobborghi come Vaise, la Guillotière o la Croix-Rousse. Tuttavia, Lione si è appropriata, approvando una legge nel 1894, la parte del Parc de la Tête d ‘

Verso la fine del XIX secolo, Villeurbanne sta crescendo rapidamente come sobborgo industriale di Lione (caratteristica che è ancora riflessa oggi da un’ancora politica di sinistra). Dal 1899, Villeurbanne ha approfittato della vicinanza della fabbrica Cusset sul canale Jonage, una centrale idroelettrica a bassa prevalenza. Villeurbanne partecipa così all’espansione di Lione, energia elettrica che energizza i tessuti, la meccanica e la chimica, aggiungendo le proprie attività. Una grande vetreria impiegherà specialisti nel vetro e nell’arte che ne deriva.

Durante la guerra del 14-18, le società lionesi e quelle ritirate si imbarcarono in apparecchiature radio (costruite inizialmente in rue Racine) e in vari subappalti innovativi come l’elettricità automobilistica. Un trasmettitore radiotelegrafico che fa da collegamento tra l’America e la Russia viene installato nel 1914 sul campo militare di La Doua; l’infrastruttura dispone poi di otto piloni alti 120 m. Manca la forza lavoro, i salari sono modesti ma le promozioni sono veloci. Oltre ai lavoratori riformati o richiamati dal fronte, venivano assunte donne, poi coloniali o straniere. Il distretto di Tonkin ospita molti lavoratori vietnamiti, necessari per le industrie chimiche di Lione. Villeurbanne vide anche la costituzione di un’importante colonia italiana.

Nel 1927 Lazare Goujon lanciò la costruzione del quartiere dei grattacieli. È sia un programma sociale che un programma di pianificazione urbana che crea un nuovo centro, con l’obiettivo di accelerare la fusione dei villaggi costituenti. Questa zona ospita nel 1934 il municipio in sostituzione del vecchio impianto Julius Grandclément, inaugurato il 2 febbraio 1904. Negli anni ’30, Henri Seguin, figlio dell’ucciso de Verdun creò la sua compagnia di bronzi d’arte, che in seguito fornì l’illuminazione a molti municipi, dopo la guerra del 1939/45, quando era a Lione, fine del Cours Henri (ora corso del dottor Long), artigiano di giorno e FFI di notte con il cognato, ex marinaio.

Nel 1944, durante l’insurrezione di Villeurbanne, la città fu liberata dall’FTP-MOI e dall’Union des juifs pour la Résistance poco prima dell’arrivo delle truppe sbarcate in Provenza, poi conquistate dai tedeschi e nuovamente liberate. Durante la seconda guerra mondiale, molti combattenti della Resistenza furono arrestati da una Gestapo criminale guidata da Barbie, tra Villeurbanne e Montchat (come il dottor Long), le reti di resistenza che avevano diramazioni in tutti i distretti della metropoli.

L’azione dei comuni nello sviluppo dell’istruzione primaria e professionale a Villeurbanne nella prima metà del XX secolo gioca un ruolo importante nelle successive carriere dei bambini del comune.

Sul terreno di una ex caserma inizia nel 1957 la costruzione dell’INSA di Lione, a cui si affianca successivamente l’Università Claude-Bernard, costituendo così alla Doua un rinomato campus di cento ettari.

Dal 1960, le fabbriche e le piccole proprietà sono state gradualmente sostituite da condomini, facilitando l’alloggio per le classi medie.

Il 21 ° secolo
La Grande Lione scompare il 1 ° gennaio 2015 e lascia spazio all’autorità locale della metropoli di Lione.

Patrimonio storico
Attraverso la sua audacia architettonica, le sue avanguardie artistiche e le numerose testimonianze del suo passato industriale, Villeurbanne possiede un patrimonio non classificabile, che oggi fa il suo fascino e la sua differenza. Passeggiando per i quartieri della città, scoprirai luoghi essenziali, grandi progetti faro dalla loro architettura e altri meno visibili, più modesti, ma che partecipano anche alla storia della città.

Municipio (1934)
Il progetto dell’architetto lionese Robert Giroud fu scelto nel 1930 per l’estetica di un tempio secolare e il suo campanile di 65 metri che, secondo il sindaco Lazare Goujon, doveva dare “un’impressione di solidità e grandezza ma senza sfarzi inutili”. Di tendenza italiana, persino mussoliniana, il municipio colpisce per le dimensioni degli ingressi e dei saloni centrali.

Palazzo del Lavoro
Fu progettando il Palais du Travail che l’architetto Morice Leroux si dimostrò, prima di essere eletto per il progetto Skyscraper. È anche il primo elemento costruito nel grande progetto per creare un nuovo quartiere su iniziativa del sindaco Lazare Goujon.

Teatro popolare nazionale (NPT)
Il Théâtre de la Cité, inaugurato nel 1934, alterna per decenni spettacoli di music hall, concerti, operetta e teatro. Affidato a Roger Planchon nel 1957, ha assunto lo status di Teatro Nazionale Popolare nel 1972, quando Jean Vilar ha lasciato il Palais de Chaillot. Diventa così un simbolo di decentralizzazione.

La piscina del TNP (1933)
Sotto il Palais du Travail, scavato negli scantinati, c’è … una piscina. Inaugurata nel 1933, in piena voga per il nuoto, verrà poi chiamata la piscina invernale.

Piazza Lazare Goujon (1934)
Prima chiamata Place du Nouvel Hôtel de Ville poi Place Albert Thomas, è solo dal 1966 che Place Lazare Goujon porta il nome dell’ex sindaco di Villeurbanne. La piazza centrale, situata tra il Municipio e il TNP, troverà una seconda vita nel 2007 dopo la costruzione di un parcheggio sotterraneo.

La casa del libro, dell’immagine e del suono (1988)
Inaugurato dal Presidente della Repubblica François Mitterrand il 15 ottobre 1988, il MLIS è uno degli edifici più prestigiosi del periodo di costruzione degli anni ’90. Luogo privilegiato per gli scambi culturali che associano intorno al libro e alla scrittura le tecniche dell’immagine e del suono, il MLIS ospita ogni anno il Festival del libro della gioventù.

Sala Raphaël-de-Barros (1957 – 251-253 cours Emile-Zola)
L’ex Maison des Sports, costruita negli anni 1955-1957, è stata teatro delle imprese di Asvel per quasi quarant’anni. Nove volte campione di Francia durante il mandato del suo presidente Raphaël de Barros, dal 1963 al 1988, Asvel continua a lasciare il segno nella storia ma in un luogo più adatto alle ambizioni del club, l’Astroballe.

Astroballe
Nel 1995 l’Astroballe ha ospitato la sua prima partita di Asvel. 5.600 posti, 9.000 mq, ambizioso il progetto per la realizzazione di un palazzetto polisportivo ai margini della tangenziale. Estetico, funzionale e scalabile, il grande edificio bianco ospita tutte le partite ASVEL e i maggiori eventi sportivi di altre discipline.

Chiesa di Sainte-Athanase (350 cours Emile-Zola)
È il monumento più antico di Villeurbanne. Gli elementi più antichi risalgono al XIII secolo. La piccola chiesa di Saint-Athanase è stata per lungo tempo l’unica chiesa di Villeurbanne e la proprietà più antica della città. Dal 1969 è assegnata al culto cattolico ucraino di rito greco-bizantino.

La Chiesa della Sacra Famiglia (1937 – 9 rue Longchamp)
Teatro delle grandi feste di Saint-Roch, care al cuore degli italiani, questa chiesa in stile art-déco è stata molto importante per la loro comunità, soprattutto tra le due guerre. Dal 1996 è sede di una biennale d’arte sacra.

Centrale idroelettrica di Cusset (1899-82 rue Pierrefitte)
Installato sul canale Jonage, scavato tra il 1892 e il 1899, la centrale idroelettrica ha avuto il suo massimo splendore alla fine del XIX secolo, quando la sua produzione era sufficiente per fornire elettricità alla città di Villeurbanne. Il 15 gennaio 2002 Electricité de France ha ottenuto il rinnovo della concessione di esercizio per un periodo di quarant’anni.

Giardini dei lavoratori
Negli anni ’30, i giardini di riparto lasciarono il quartiere di Gratte-ciel per Saint-Jean, ai margini di Vaulx-en-Velin. Vero luogo di vita, dove coltiviamo con amore i nostri ortaggi, fiori e frutti, questi orti sono anche un luogo di incontro, dove tutti si conoscono e si aiutano a vicenda.

Il giardino dei più piccoli (1929 – avenue Marc Sangnier 17)
Questa piazza fu inaugurata nel 1929 dal sindaco Lazare Goujon, alla presenza di Pauline Lafont. Questa generosa benefattrice ha donato il terreno alla città per realizzare un giardino pubblico riservato ai bambini sotto i 6 anni e agli adulti che li accompagnano.

Il giardino dai mille colori (1999 – rue Pierre Baratin)
Questo giardino, inaugurato nel 1999, è stato scelto dal consiglio distrettuale di Cusset-Bonnevay come simbolo della restituzione del centro della vita dell’antico borgo di Cusset. I mille colori si riferiscono ai primi abitanti, i Celti, gli Allobrogi, i Romani, i Burgundi ea coloro che si sono stabiliti più recentemente: Italiani, Spagnoli, Nordafricani.

Il vecchio cimitero (1863 – 1 rue du Cimetière)
La necropoli militare di La Doua, visibile dalla tangenziale, contiene 6.346 tombe di soldati francesi, belgi, inglesi, russi o polacchi “morti per la Francia”. Le migliaia di croci bianche allineate, le stele nelle piazze ebraiche e musulmane portano i primi nomi, nomi ed età di giovani morti in combattimento, sepolti in questa necropoli tra il 1953 e il 1986.

La necropoli di La Doua (Cimitero Nazionale di La Doua – Croix Luizet)
La necropoli militare di La Doua, visibile dalla tangenziale, contiene 6.346 tombe di soldati francesi, belgi, inglesi, russi o polacchi “morti per la Francia”. Le migliaia di croci bianche allineate, le stele nelle piazze ebraiche e musulmane portano i primi nomi, nomi ed età di giovani morti in combattimento, sepolti in questa necropoli tra il 1953 e il 1986.

Il Liceo Frédéric Faÿs (46 rue Frédéric-Faÿs – 1907)
Prima di diventare un istituto scolastico, l’ospedale-ospizio di Villeurbanne subirà i capricci delle guerre successive e svolgerà a sua volta le funzioni di ospizio per anziani, ospedale militare e persino caserma tedesca per i vigili del fuoco tedeschi. Non è stato fino al 1947 che gli edifici accoglieranno i loro primi scolari, grazie all’ex sindaco comunista Camille Joly, anche lui insegnante.

Studio 24 (24 rue Emile-Decorps)
Enorme rettangolo di cinque piani, rosso, blu, verde – i colori del modello di prova video – sulla strada, nero sulla facciata principale, lo studio 24 è un risultato estremamente raro in Francia. Ha una doppia vocazione: ospitare rappresentazioni teatrali, con una capienza di 500 posti, e riprese cinematografiche. Una grande varietà di usi che lo rende un importante patrimonio economico per la regione.

Cinema Le Zola (117 cours Emile-Zola)
Ultimo sopravvissuto della ventina di cinema che esistevano a Villeurbanne durante il periodo tra le due guerre, l’ex cinema La Family è stato aperto all’inizio degli anni ’20. Acquistato dal Comune nel 1980, è gestito dall’associazione Pour le Cinema, che ogni anno organizza anche diversi festival, incontri e settimane tematiche.

Stazione est (1881)
Inaugurata nel 1881, la linea orientale ha svolto un ruolo importante durante la guerra per l’approvvigionamento della macchia e il trasporto di combattenti della resistenza e profughi. È anche dalla stazione che i rastrellamenti del 1 marzo 1943 subirono un terribile destino. Nel 1946 la stazione riprese il servizio all’altezza del servizio merci prima che il traffico diminuisse gradualmente fino al 1980. Rinasce dalle sue ceneri nel 2006 con l’entrata in servizio delle linee tranviarie Léa e Leslys, attualmente T3 e T4.

La casa Berty-Albrecht
Costruita negli anni ’30, questa bella casa borghese ospitava durante la guerra l’ufficio dell’assistente ispettore responsabile dell’elenco dei disoccupati femminili, Berty Albrecht. È qui che questa grande figura della resistenza ha lavorato per quasi due anni per la rete di combattimento. Attualmente la casa ospita circa 70 associazioni di tutti i tipi e offre loro sale riunioni.

L’Hôtel des Postes (Place Grandclément – 1904)
Chi ricorda che l’attuale posto di Place Grandclément è stato a lungo il municipio di Villeurbanne? Dopo l’inaugurazione dell’edificio nel 1904, i servizi comunali vi rimasero per 30 anni prima di trasferirsi al municipio nel cuore del nuovo quartiere di Gratte-Ciel.

Le Rize, Memory & Society Center
Inaugurato nel febbraio 2008, il Rize è una struttura culturale e di ricerca. Offre a tutti i pubblici letture chiave per comprendere meglio la città di oggi e immaginare quella di domani. Riunisce una mediateca di 2.600 m², archivi comunali e spazi culturali ed educativi.

Institute of Contemporary Art (IAC)
Inaugurato nel 1982, il New Museum, oggi Istituto di arte contemporanea, è uno dei primissimi centri francesi di arte contemporanea. L’edificio che lo ospita è una ex scuola, la scuola della città, una delle prime del tipo Jules Ferry, costruita negli anni ’90 dell’Ottocento. In vent’anni sono state prodotte più di cinquanta mostre, alcuni artisti descritti come storici.

L’edificio Septen (1984 – 12-14 avenue Dutriévoz)
Gli architetti Claude Parent e René Gimbert e Jacques Vergély hanno firmato un’architettura originale, basata sui principi di trasparenza e comunicazione. Con il suo ampio tetto in vetro, la sua facciata in granito lucido e la vegetazione lussureggiante che si trova al centro del cortile interno, l’edificio Septem (il dipartimento di studi e progetti di energia termica e nucleare della Francia) ha ancora il suo effetto.

grattacieli
Nel 1924 il nuovo sindaco Lazare Goujon, medico socialista con idee igieniche, intende creare un nuovo centro cittadino, trasferendo quello allora esistente nell’attuale centro cittadino. Il progetto prevede la costruzione del municipio, un palazzo del lavoro, un teatro e edifici in affitto che offrono tutti i comfort moderni.

Cultura
Durante i 3/4 del XX secolo, uno stabilimento situato a Villeurbanne, boulevard Stalingrad, ai margini del Parc de la Tète d’Or a Lione, ospitò la “Sala da musica più grande d’Europa”, il Palazzo d’Inverno creato dal Lamour famiglia, che ha prodotto, contemporaneamente alla Salle de la Bourse du Travail di Lione, i più bei spettacoli di varietà, canzoni e jazz della regione di Lione. Da Charles Trenet a Jacques Brel, passando per Duke Ellington o Ray Charles, vi si esibiranno i più famosi artisti discografici e radiofonici, spesso in anteprima all’Olympia di Parigi.

Alla fine degli anni ’80, una mediateca, chiamata Maison du livre, de l’image et du son, o Médiathèque François Mitterrand, fu costruita secondo i progetti dell’artista svizzero Mario Botta.

Il Rize, struttura culturale e di ricerca, ha aperto i battenti il ​​16 febbraio 2008 al 23-25 ​​rue Valentin-Haüy (quartiere Grandclément). Luogo di dibattiti, incontri e scambi, riunisce su 2.660 m 2 gli archivi comunali, una mediateca e spazi per attività culturali ed educative. The Rize offre a tutti gli spettatori una lettura chiave per comprendere meglio la città di oggi e immaginare quella di domani.

Villeurbanne ospita l’Institut d’art contemporain de Villeurbanne, il fondo regionale per l’arte contemporanea (FRAC) della regione Rhône-Alpes.

Dal 2002 Villeurbanne possiede un Metropolitan Centre for Urban Arts: Les Ateliers Frappaz. Questa struttura co-organizza con i servizi culturali di Villeurbanne il festival Les Invites de Villeurbanne che attira una media di 80.000 spettatori a metà giugno.

Opera monumentale su un grattacielo dell’artista Guillaume Bottazzi.

Il Centro culturale ecumenico Jean-Pierre-Lachaize (CCO Villeurbanne) è un centro culturale creato nel 1963 a Villeurbanne, vicino al complesso universitario dell’INSA e della Doua. Il CCO è una struttura di supporto per i promotori di progetti collettivi, associazioni e artisti. La struttura svolge anche progetti di azione culturale e innovazione sociale come lo sviluppo della capacità di agire e la tutela dei diritti culturali.

Edifici religiosi
A causa della distruzione del castello della Ferrandière e del recente sviluppo della città, il monumento più antico di Villeurbanne è la chiesa di Saint-Athanase.

Chiesa della Natività
La Chiesa della Natività fu costruita nel 1835 in Place Grandclément.

Chiesa del Cuore Immacolato di Maria
La Chiesa del Cuore Immacolato di Maria fu consacrata nel 1842 nei pressi dell’antico castello della Ferrandière.

Chiesa della Sacra Famiglia
La Chiesa della Sacra Famiglia è un edificio religioso cattolico francese, situato a Villeurbanne nella metropoli di Lione.

Chiesa di Saint-Julien de Cusset / Saint-Athanase
In origine, semplice cappella costruita forse intorno all’800, dai marinai del Rodano che un braccio navigabile andava ai piedi di questa collina, questa ex chiesa parrocchiale del XVI secolo era conosciuta da tempo con il nome di Saint-Julien de Cusset. Lì hanno scritto quaderni di rimostranze e hanno tenuto le prime assemblee municipali. Ora chiamata Chiesa di Sant’Atanasio, è usata dagli Uniati (cattolici ucraini di rito bizantino). Ospita un patrimonio religioso (vergine in legno dorato) e ucraino (iconostasi, icone, ecc.).

Istituzione dell’Immacolata Concezione
L’istituto dell’Immacolata Concezione fu creato nel 1846 dalla congregazione delle Suore della Provvidenza di Corenc e secondo i piani di Madre Sainte-Céleste, ospitò nel 1854 un collegio cattolico per ragazze fino al 1905, data della legge di separazione del Chiese e Stato dove l’istituzione diventerà laica. A seguito di un accordo con lo Stato tra il 1959 e il 1962, l’istituzione è tornata cattolica. L ‘”Immac” è oggi un complesso scolastico composto da una scuola elementare, una scuola media e una scuola superiore.

Eredità culturale

Villa Lafont
La villa Lafont fu costruita in cemento armato nel 1930 dall’ingegnere Léon Lelièvre per la famiglia Lafont, industriali di Villeurbanne. Alcune parti della villa sono state registrate come monumenti storici dal 29 aprile 1991.

Centro
Complesso monumentale costruito su iniziativa del sindaco Lazare Goujon. 1927–1931 Cité des Gratte-ciel (condomini), municipio e Palais du Travail (1928-1930) che ora ospita il Teatro Nazionale del Popolo.

Necropoli Nazionale Doua
La necropoli nazionale della Doua è un cimitero militare, situato a Villeurbanne, in Francia. Il cimitero raccoglie le tombe di soldati o combattenti della resistenza, francesi o delle truppe alleate della prima guerra mondiale o della seconda guerra mondiale, tutti morti per la Francia. Durante la seconda guerra mondiale, il luogo, allora ex campo di addestramento dell’esercito francese, fu utilizzato dai nazisti occupanti del luogo regolare dei tiri di resistenza; in particolare, prigionieri della resistenza a Montluc.

Feste ed eventi

Marzo: Riflessioni sul cinema iberico e latinoamericano, alla Zola, cinema d’arte e saggi di architettura degli anni ’30
Marzo: i passi di Villeurbanne, corsa pedonale
Marzo: Karnaval Humanitaire, festival di solidarietà nel campus di DOUA.
Aprile: Festival del libro per bambini
Aprile: Le Reperkusound, festival di musica elettronica.
Maggio: le piante buone di Villeurbanne, giorni alla scoperta dell’ambiente locale
Maggio: la 24 ore di INSA Lyon, fine settimana di varie festività in tutto il campus Doua
Metà giugno: Les Invites de Villeurbanne, festival di teatro di strada
Metà novembre: Villeurbanne Short Film Festival
Ottobre: ​​Un Doua de Jazz Festival

Tags: