Vichinghi e il viaggio storico del Vecchio Norvegese

I paesi nordici sono ricordati per l’epoca vichinga, un periodo durante il 9 ° e il 10 ° secolo, quando i norvegesi navigarono nei mari e nei fiumi dell’Europa, arrivando fino al Canada, al Nord Africa e all’Asia centrale. Prima dell’era vichinga, l’Europa settentrionale ha anche un’interessante preistoria, che risale alla fine dell’era glaciale, attorno al 10.000 aC.

Capisci
Molti anglofoni che visitano i paesi nordici chiedono dove possono vedere i veri vichinghi. Tuttavia, nessuna tribù o nazione è mai stata chiamata Viking; è semplicemente la parola per “marinaio” o “pirata” in antico norvegese, una lingua parlata in Danimarca, Norvegia e Svezia prima del 1000 d.C. Mentre alcuni norreni viaggiavano oltremare per insediamento, pesca e commercio, e alcuni perseguitarono una carriera come banditi o mercenari (i veri vichinghi), la maggior parte rimase in Scandinavia, vivendo di agricoltura e altre professioni banali.

Quando si tratta di altri paesi nordici, l’Islanda e le Isole Faroe sono state colonizzate dai norreni nel IX secolo e vi erano anche insediamenti norreni in Gran Bretagna e nelle isole al largo. La Finlandia, così come la Svezia e la Norvegia più settentrionali, sono stati popolati dai finlandesi e dai Sami fin dalla preistoria. I Sami sono un popolo ugro-finnico, la cui cultura era completamente diversa dai norvegesi fino a quando quelle aree furono annesse dalla Svezia e dalla Norvegia durante il 13 ° e il 14 ° secolo.

Sebbene i Norsemen avessero già attraversato il Mar Baltico per secoli, gli storici considerano l’Era vichinga iniziare con l’incursione a Lindisfarne nel 793 d.C. e terminare con la cristianizzazione e l’unificazione dei regni di Danimarca, Norvegia e Svezia intorno all’anno 1000, anche se alcuni lo estendono alla battaglia di Hastings nel 1066.

La preistoria dei norvegesi
Durante l’ultima era glaciale, la maggior parte delle volte la Scandinavia era coperta di ghiacciai, ma intorno al 10.000 aC, con l’aumento delle temperature, iniziò una ritirata generale della solida copertura di ghiaccio. Il mito della creazione norvegese, in linea con la realtà, descrive la patria dei Norreni come creata dal ghiaccio che si scioglie da un fuoco ardente. Il ghiaccio sciolto rivelò il gigante Ymir, che fu poi ucciso dagli dei, che costruirono la Terra fuori dal suo corpo. Sollevata dalla pesante coltre di ghiaccio, la penisola scandinava è in costante aumento dalla fine dell’era glaciale, in alcuni punti fino a 1 metro ogni 100 anni (vedi paesi nordici # Understand). Pertanto, lo scenario e le coste stanno cambiando, e molti fairway dei Vichinghi sono oggi terra asciutta.

I resti dei cacciatori dell’età della pietra che visitavano temporaneamente la Scandinavia durante brevi epoche calde dell’ultima era glaciale sono stati scoperti, ma la grotta di Karijoki è l’unico insediamento umano pre-glaciale conosciuto in tutta la Scandinavia.

I primi coloni seguirono il ghiaccio che si scioglieva. L’agricoltura e la lavorazione dei metalli si diffuse dall’Europa meridionale alla Scandinavia; tuttavia, ci sono molti siti archeologici, con resti di ceramiche e incisioni rupestri. Mentre la lavorazione dei metalli e altri mestieri venivano importati da più a sud, il sistema di tre età (pietra, bronzo e ferro) è in realtà basato sull’archeologia nordica.

Gli abitanti della Scandinavia comprendevano molte tribù diverse come gli svedesi, i Geat, Gutes (forse imparentati con i Goti), Augandzi, Ranii, Halogi, Herules, Jutes e in seguito i danesi, ma condividevano una cultura norrena in qualche modo simile – eccetto il nomade e Sami sciamanico – annunciando gli dei nordici, parlando l’antica lingua norvegese e usando un alfabeto runico comune. I norvegesi erano popoli germanici culturalmente legati alle molte altre tribù germaniche nel resto dell’Europa, ma quando l’Europa continentale e le isole britanniche furono cristianizzate durante l’alto Medioevo, la cultura e la mitologia pagana germanica continuarono a prevalere in Scandinavia.

I norvegesi non si sono mai isolati dal mondo. Mantennero importanti legami commerciali sia con le tribù celtiche e slave europee che con l’impero romano, scambiandosi beni pregiati come lana, pellicce, avorio di tricheco e ambra (vedi Strada dell’Ambra) per vino, vetro e metalli preziosi e furono a lungo ricercati come mercenari e guardie per i Romani.

Durante il periodo di migrazione dal 4 ° all’8 ° secolo, alcune tribù emigrarono verso sud dall’Europa settentrionale, verso il marraneo. A causa della mancanza di fonti affidabili, il confine tra realtà e finzione è difficile da disegnare. Si ritiene che i leggendari Goti, che invasero Roma durante il V secolo, siano parzialmente discesi dagli Scandinavi meridionali sia da Götaland sia da Gotland.

Il “periodo Vendel”
L’inizio del sesto secolo è stato un periodo molto dirompente nella storia nordica. A causa di una combinazione di fattori, tra cui gli ultimi giorni dell’era migratoria, la piaga di Giustiniano e alcuni eventi meteorologici estremi globali nel 535-536 che causarono un’età glaciale minore, molti vecchi insediamenti nordici furono abbandonati mentre altri furono stabiliti . Durante questa era furono sviluppati molti tratti che divennero caratteristici dell’era vichinga, come le barche costruite con clink e lo stile popolare di arte ornamentale degli animali. La nuova cultura che si è evoluta nel VI secolo è chiamata “era del Vendel” nella storiografia svedese dopo un ricco campo di sepoltura del VII secolo nella contea settentrionale di Uppsala. Nel mondo anglosassone potrebbe essere meglio conosciuto come l’era di Beowulf, un poema epico inglese antico ambientato nella Danimarca del VI secolo.

Durante questo periodo, Uppsala era il centro politico e religioso della terra che sarebbe poi diventata la Svezia, con un famoso tempio pagano e un’assemblea politica chiamata “La cosa di tutti gli svedesi”. I re svedesi furono sepolti accanto al tempio in tumuli monumentali che ancora esistono. L’era è anche nota per le sue numerose tombe, come quelle di Vendel e di Valsgärde nei pressi di Uppsala. Sono simili alla famosa tomba di barca contemporanea a Sutton Hoo, nell’Inghilterra orientale, a indicare che i Norsanni dell’epoca vendica avevano ancora qualche contatto con i loro cugini anglo-sassoni. Molte di queste tombe di epoca Vendel sono ancora più ricche e lussuose di quelle dei successivi vichinghi.

Nell’VIII secolo l’era Vendel si sviluppò nell’era dei Vichinghi, mentre i Norsemen assumevano una posizione molto più attiva sulla scena internazionale.

I vichinghi
“A furore Normannorum libera nos, Domine”.
“Dalla furia degli Uomini del Nord liberaci, o Signore.”
-Parrello presumibilmente detto dai monaci inglesi

Mentre le avventure all’estero non erano nulla di nuovo per i popoli norvegesi, la loro portata e intensità diventarono estreme durante l’VIII-XI secolo.

La maggior parte della gente svedese, norvegese e danese faceva affidamento sull’agricoltura locale, sulla pesca, sulla caccia e su alcuni mestieri e commerci nell’età del ferro nordico, ma con l’inizio dell’era vichinga e, per ragioni ancora non chiare, grandi e ben organizzate le destinazioni al di fuori della Scandinavia sono iniziate, stabilendosi fino in Groenlandia e in Canada e facendo irruzione fino al Mar Nero e al Marocco. Alcune delle spedizioni dei norvegesi nell’era vichinga ruotavano attorno al commercio e all’esplorazione, altre erano raid più o meno puri, rendendo i norvegesi conosciuti e temuti come vichinghi in tutta Europa. Durante l’era vichinga, i norvegesi assunsero anche l’impiego come guardie del corpo e mercenari, in particolare la Guardia Varangiana dell’impero bizantino, e si stabilirono ad esempio nelle isole britanniche e in Normandia.

Mentre i vichinghi dei pirati vichinghi, che saccheggiarono monasteri e altri insediamenti, erano solo un aspetto della cultura norrena, questo era quello che divennero noti e temuti per tutta l’Europa in quel periodo, specialmente in Francia e nelle isole britanniche, portando all’immagine stereotipata del Norreni come nient’altro che selvaggi, sanguinari, barbari pagani. I norvegesi dell’epoca vichinga sono ancora generalmente (erroneamente) indicati come vichinghi oggi.

Gli schiavi erano schiavi o servi nelle antiche società norrene; per nascita, a causa della povertà, o prigionieri di guerra. Alcuni norvegesi si guadagnavano da vivere catturando e vendendo schiavi. La parola inglese schiavo deriva dalla parola etnica slava, come alcuni prigionieri erano operai dei popoli slavi. La schiavitù sopravvisse localmente fino al XIII secolo. Il titolo di un uomo libero era karl, che è ancora la parola nordica per “uomo” / “compagno” e un nome comune (Carl o Charles in inglese).

I norvegesi furono i primi a conoscere l’attraversamento dell’Atlantico. L’Islanda fu colonizzata durante il IX secolo, con Reykjavík come primo insediamento. Nel 930 dC i coloni fondarono l’Alþing, il più antico parlamento superstite del mondo.

C’erano insediamenti norreni anche in Groenlandia e Terranova. Intorno al 1000 dC, un’espansione guidata da Leif Eriksson lasciò la Groenlandia, attraversò il Mar del Labrador e arrivò all’Isola di Baffin e in seguito a Terranova, circa 500 anni prima dei viaggi di Cristoforo Colombo. Questi insediamenti si estinsero a causa del peggioramento del clima, delle lotte intestine all’interno delle comunità e del conflitto con i nativi.

I popoli nordici sono generalmente considerati gli ultimi europei da cristianizzare. I primi missionari cristiani arrivarono nel IX secolo, ma la chiesa prese piede solo nell’XI secolo, quando i re nordici furono battezzati e i regni svedese, norvegese e danese si consolidarono. In Norvegia, l’assemblea Moster del 1024 accettò il cristianesimo come “legge della terra”. Il paganesimo rimase in alcune zone fino al XII-XIV secolo, con molti resti culturali ancora oggi. La Lega Anseatica arrivò a dominare il commercio sul Nord e sul Mar Baltico.

I Normanni
I Normanni erano discendenti dei Vichinghi che si stabilirono nel nord della Francia, dando il loro nome in Normandia. Hanno giurato fedeltà all’impero franco, sono diventati fedeli cattolici e hanno adottato un linguaggio simile al francese. I Normanni invasero l’Inghilterra nel 1066 e successivamente la Scozia, il Galles e l’Irlanda, portando a un insediamento della cultura francese sulle isole britanniche fino ai tempi moderni. Fino al XV secolo, le flotte normanne intrapresero guerre in tutta Europa, fino alle isole Canarie e al Libano.

Navi norvegesi e navigazione
I norvegesi non avrebbero mai avuto l’impressione di aver fatto senza le loro navi eccezionali. Le navi da guerra erano veloci con poca corrente, consentendo alle navi di atterrare su qualsiasi spiaggia e dando agli abitanti del luogo un tempo limitato per reagire ai predoni in avvicinamento. La costruzione leggera consentiva il trasporto delle navi tra i fiumi che scorrono verso il Mar Baltico e quelli che fluiscono verso il Mar Nero e oltre le Dnieper Rapids. E c’erano navi abbastanza navigabili da permettere di attraversare l’Atlantico.

Le repliche furono costruite presto (una attraversò l’Atlantico per la mostra mondiale a Chicago nel 1893), ma la ricerca sulle navi norvegesi è avanzata enormemente dall’ultimo secolo. Le navi Gokstad e Oseberg erano abbastanza complete, ma in parte erano crollate, e ricostruire la loro forma era un enorme puzzle – e sono state fatte alcune scorciatoie. I modelli e le simulazioni al computer hanno in seguito dato un po ‘di intuizione. Le navi da guerra avevano infatti uno scafo planante o semiplanante, con le navi da crociera che si riteneva in grado di navigare fino a 15-20 nodi in circostanze ideali (quasi alla stessa velocità dei clipper e dei windjammer molto più grandi degli ultimi secoli).

La replica del longship Sea Stallion, costruita e gestita come un progetto di archeologia sperimentale dal museo delle navi vichinghe a Roskilde, salpò per Dublino e nel 2007-2008. Molto è stato imparato per tentativi ed errori, e la navigabilità della nave è stata confermata. Sebbene i longships preferissero (e lo Stallion facesse) aspettare il bel tempo, ha avuto venti fortissimi in condizioni avverse nel Canale Nord e nel Mar Celtico. Il viaggio ha anche confermato che era necessario un po ‘di abilità e durezza per utilizzare con successo questo tipo di nave.

Anche se le navi lunghe sono le più famose – e versatili – i norvegesi avevano molti tipi di vascelli: quelli più piccoli per la navigazione costiera e la pesca, i knarr più alti e più larghi e probabilmente le navi leggere per i fiumi. Le navi vichinghe erano in grado di battere, almeno con le vele giuste (le vele di lana tendono ad allungarsi), ma spesso si preferiva remare o aspettare un vento migliore.

Deve essere stato molto difficile trasportare una nave in grado di attraversare mari e trasportare un numero significativo di uomini e merci. Diversi viaggi sui fiumi russi sono stati fatti con repliche, alcuni in cui la prodezza si è dimostrata davvero difficile, altri in cui la nave è stata trovata sorprendentemente facile da trasportare. Poiché non è stata trovata alcuna nave che sia stata utilizzata su queste rotte, i progetti dovevano scegliere il modello (e adattarlo) in base al proprio ragionamento.

Il knarr era idoneo alla navigazione, a volte tappezzato, e per lo più navigato (mentre i long run venivano spesso azionati dai remi su passaggi più brevi). È stato costruito per il commercio estero e il tipo utilizzato nella maggior parte dei viaggi transatlantici. Una replica di un knarr, Saga Siglar, circumnavigò il globo 1984-1986 anche in visita in Groenlandia.

Non è del tutto chiaro come i norvegesi siano stati in grado di navigare in mare aperto. Avevano una buona conoscenza delle correnti e dei venti, usavano avvistamenti di balene e uccelli, e avevano alcuni strumenti, come le meridiane che sembra aver permesso loro di seguire una latitudine, e alcuni marinai sembrano aver avuto “pietre del sole”, che ha detto la direzione al sole anche quando il cielo era coperto (forse usando la polarizzazione della luce).

Vecchie eredità norvegesi Le
navi vichinghe, alcune in gran parte intatte, con altri manufatti sono state scoperte dai tumuli funerari. Le chiese di stecca sono emerse alla fine dell’era vichinga e presumibilmente riflettono la tecnologia del legno e l’arte decorativa delle navi e degli edifici delle case vichinghe. Circa 30 di questi edifici sono sopravvissuti nella Norvegia rurale e possono essere visti sul posto.

Letteratura e storia scritta
Con il cristianesimo e la monarchia vennero chiese di pietra, castelli e le prime cronache scritte complete, segnando l’inizio del tempo storico in Scandinavia e nel Medioevo. Gli stessi norvegesi pagani lasciarono dietro di sé un lascito letterario piuttosto scarno, come le pietre runiche con brevi messaggi (in uno stile di scrittura simile ai messaggi istantanei del 21 ° secolo) e iscrizioni su armi e utensili di uso quotidiano. La maggior parte di ciò che pensiamo di sapere su di loro e sul loro mondo proviene da registrazioni del 12 ° -13 ° secolo delle famose saghe vichinghe, degli Edda e della poesia scaldica che in precedenza venivano insegnate con il passaparola. Hanno anche lasciato dietro di sé un’eredità archeologica di edifici, castelli, artigianato, tumuli e navi che sono state sempre più studiate.

La maggior parte della letteratura norvegese, come l’Edda, un poema epico che contiene gran parte della mitologia norrena, così come le saghe che descrivono la storia dell’Islanda, furono tramandate dalla tradizione orale, fino a essere annotate nei secoli XII-XV. scrittori come Snorri Sturluson, quando la religione norrena e lo stile di vita vichingo erano stati sostituiti dal cristianesimo e da regni più organizzati. Le lacune nella conoscenza sono state in gran parte colmate dalla conoscenza degli studiosi europei del politeismo greco-romano. Ciò tuttavia è problematico in misura in cui i romani cercarono di riconciliare diversi panteon (iniziando con il loro e il greco) dando loro un’interpretazione romana e quindi (talvolta falsamente) equiparando gli dei a quelli romani. Quindi i primi documenti scritti sulle tribù germaniche,

La maggior parte delle registrazioni sui vichinghi della loro età sono state scritte dai loro nemici o missionari cristiani, con un pregiudizio che li descrive come più brutali di quanto non fossero in realtà. La maggioranza silenziosa degli agricoltori nordici sedentari fu dimenticata nel contesto.

Mitologia e leggende
Molti elementi dell’antica mitologia pagana germanica sono sopravvissuti fino ai tempi moderni sotto forma di folclore e leggende, anche se alcuni elementi religiosi sono stati rimossi o cristianizzati, e molte opere fantasy moderne, forse la più famosa delle quali è JRR Tolkien. Il Signore degli Anelli, continua ad essere influenzato dalla mitologia norrena fino ad oggi. Il romanticismo vichingo era anche incluso nell’ideologia nazionalsocialista, sia nella stessa Germania nazista, sia nei successivi movimenti di estrema destra. Questi movimenti hanno creato un tabù attorno al simbolismo dei norreni. La maggior parte degli entusiasti vichinghi è tuttavia chiaramente anti-razzista.

Dalla fine del 20 ° secolo, ci sono società neopagane nei paesi nordici e Asatru (Beleif in Æsir) è ormai una religione riconosciuta. Le loro pratiche non assomigliano necessariamente al vero vecchio paganesimo norreno e non vengono prese troppo sul serio. La religione norrena è molto ciò che ne fai. L’età vichinga è anche un tema popolare per la rievocazione storica e il LARP.

Poiché gli edifici in legno non hanno resistito alla prova del tempo, tutti i villaggi “vichinghi” che possono essere visitati oggi sono ricostruzioni moderne.

Elmi
L’antica tradizione norvegese, in particolare l’identità vichinga, è stata ripresa attraverso un’ondata di nazionalismo nel 19 ° secolo, anche se non molto fedele alla realtà. Mentre i caschi con le corna sono stereotipati oggetti di scena vichinghi durante eventi sportivi e feste in maschera, i veri vichinghi non avevano elmi con le corna. Se ci pensi, un casco con le corna sarebbe un immenso svantaggio in una situazione di combattimento in quanto il tuo avversario potrebbe afferrare le corna, o un’arma che altrimenti sarebbe deviata potrebbe rimanere intrappolata nelle corna, causando un danno significativamente maggiore.

Non è chiaro se i Vichinghi usassero regolarmente elmi di metallo o se semplicemente usassero un tipo di cappelli di cuoio per la protezione. In Norvegia è stato scoperto un singolo elmetto in metallo di epoca vichinga.

sedi

Siti di età pre-Viking
Ales Stenar (Ale’s Stones), Kåseberga (15 km a est di Ystad). Soprannominata “la Stonehenge di Svezia”, ​​una nave di pietra lunga 67 metri formata da 59 grandi massi di arenaria, un monumento megalitico dell’età del ferro nordico, intorno al 600 d.C. È possibile raggiungere il sito in auto o in autobus da Ystad. Ci sono molti segnali informativi nel parcheggio. Percorri i 700 metri su per la collina dal parcheggio e raggiungerai le pietre. Non ci sono biglietti d’ingresso per gli Stones, ma un tour guidato ti costerà 40 SEK a persona, gratis per i bambini di età inferiore ai 17 anni.
Alta Rock Carvings. Un patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Incisioni rupestri a Tanum. Un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Le sculture sono state fatte durante l’età del bronzo svedese.

Età vichinga
Poiché i Vichinghi erano quei popoli nordici che viaggiavano oltreoceano, gli insediamenti in Scandinavia erano per definizione non città vichinghe; sebbene molti di loro contenessero manufatti portati a casa dai Vichinghi.

Svezia
Ale Vikingagård (a nord di Göteborg). Aperto tutte le domeniche Una fattoria vichinga. Eventi durante tutto l’anno tra cui feste e mercati in primavera (inizio maggio), autunno dopo il periodo del raccolto a fine ottobre all’inizio di novembre e intorno a luglio, una celebrazione pagana norrena nel periodo natalizio.
Birka (Ekerö, Contea di Stoccolma). Patrimonio mondiale dell’UNESCO vicino a Stoccolma. Birka fu fondata nell’VIII secolo e fu un importante centro commerciale nell’era vichinga. C’è un museo sull’isola di Björkö, incluso un villaggio vichingo ricostruito. Giochi di ruolo, visite guidate, artigiani ed eventi durante tutto l’anno.
Museo Foteviken (a sud di Malmö). Un museo vichingo a cielo aperto incentrato su una grande ricostruzione di insediamenti vichinghi. L’area è un importante sito archeologico dell’età vichinga e la battaglia navale di Fotevik fu combattuta qui intorno nel 1134. Archeologia sperimentale, giochi di ruolo e programma di stagione e attività coinvolgenti per tutta la famiglia.
Gamla Uppsala (Old Uppsala) (5 km a nord di Uppsala). Gamla Uppsala è un ex insediamento al di fuori della città moderna di Uppsala, ed era il centro politico e religioso della Svezia di epoca vichinga. Un tempo era il sito di un leggendario tempio pagano norvegese, che portava visitatori da tutta la Scandinavia. Il tempio fu tuttavia perso; nessuno sa come appariva o dove si trovava esattamente. Il sito ospita anche imponenti tumuli funerari e un grande museo.
Museo Gamla Uppsala (Old Uppsala Museum), Disavägen, 46 +46 18-239312. Gen-Mar e Ott-Dic: MW Sa Su 12: 00-16: 00. Apr, maggio, settembre: tutti i giorni dalle 11: 00-17: 00. Da giugno ad agosto: tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00. Ospita molti reperti archeologici dell’epoca vichinga della vecchia Uppsala. 80SEK.
Museo di Gotlands, Strandgatan 14 (Visby, Gotland). Aperto dalle 10:00 alle 18:00. Sebbene l’età d’oro di Gotland fosse durante gli anni della lega anseatica del 13 ° secolo, l’isola era un centro commerciale molto prima, forse la casa dei leggendari Goti. Ingresso: 80-100 SEK.
Gunnes gård, Ryttargatan 270 (Upplands Väsby). Una fattoria ricostruita di età vichinga, per lo più aperta durante l’estate.
Gustavianum, Akademigatan 3 (Uppsala), ☏ +46 18-4717571. Set-Mag: Tu-Su 11: 00-16: 00, giugno-agosto: Tu-Su 10: 00-16: 00. È il museo universitario dell’Università di Uppsala e, tra le altre cose, espone i reperti del campo di sepoltura delle imbarcazioni Vendel e Viking nel nono posto “Valsgärde”.
50 SEK per adulti, 40 SEK per anziani e studenti e ingresso gratuito per bambini sotto i 19 anni . Järnåldershuset i Körunda (Nord di Nynäshamn). Una casa lunga ricostruita di epoca vichinga. (Q20164941) su Wikidata
Medeltidsveckan (settimana medievale) (Visby, Gotland). Mentre la conversione al cristianesimo nell’XI secolo segnò una divisione tra l’età vichinga e il Medioevo, Gotland rimase una terra decentrata di pacifici marinai e mercanti (farmaðr, farmän), finché la Svezia non annesse l’isola nel 17 ° secolo. Mentre il popolo di Gotland non era vero vichingo (pirati o mercenari), questa settimana del festival crea un’atmosfera da Viking.
Rök Runestone (vicino Ödeshög, Östergötland). La pietra runica più grande al mondo e la più antica documentazione scritta in Svezia. Il nome del villaggio Rök ha le stesse radici del rock (chiamato per la pietra), il che significa che Rök Stone è una tautologia.
Stallarholmen Viking Festival (vicino a Strängnäs). Annualmente il primo fine settimana di luglio, in un villaggio con molte pietre runiche e altri manufatti di epoca vichinga.
Storholmen (a nord di Norrtälje). Un villaggio vichingo ricostruito situato sulla riva del lago Erken. Una piccola riserva naturale di Norr Malma a sud, tra cui un grande cimitero dell’età del ferro. L’intera regione – conosciuta come Roslagen – è ricca di storia. Nell’era vichinga c’era un commercio importante con l’Oriente. C’è una bella locanda del 18 ° secolo e un ristorante nelle vicinanze e una spiaggia sul lago a misura di bambino.
Museo di storia svedese (Historiska Museet), Narvavägen 13-17 (Stoccolma / Östermalm). Aperto tutti i giorni 10: 00-17: 00 maggio-settembre, martedì 11: 00-17: 00 e giovedì 11: 00-20: 00 ottobre-aprile. Se sei interessato alla storia scandinava più antica, dall’età della pietra ai vichinghi, ti consigliamo di visitare il Museo di storia svedese. Nella Gold Room troverai tesori d’oro dall’età del bronzo al XVI secolo.
Trelleborgen (Nella moderna città portuale di Trelleborg in Scania, vicino al Museo di Foteviken o a 20 minuti di auto da Malmö). Da aprile a ottobre Uno dei soli sette castelli vichinghi conosciuti degli anni ’80. “Trelleborg” è il nome della città, il castello e un termine generico per i Castelli delle Viking Ring. Ha un diametro di 143 metri ed è stato in gran parte ricostruito con palizzate e case nel 1995. Attività per tutte le età con costruzione di musei, negozi e caffè. Guarda i giochi di ruolo e le rievocazioni o partecipa al mercato Viking, cambiando eventi o giochi da tavolo Viking. Le storie della mitologia norvegese sono occasionalmente drammatizzate qui, ma solo in svedese. SEK 40, gratuito per le persone sotto i 20 anni.
Centro Uppåkra Arkeologiska (Centro archeologico di Uppåkra), Stora Uppåkravägen 101 (4 km a sud di Lund), 46 +46 70-825 49 60. Giu-Aug-Do 10-14. Sep Tu-Sa 12-15. Un museo storico di e sul sito archeologico dell’era vichinga Uppåkra. Questa zona era presumibilmente un centro culturale e religioso in Scania con un tempio pagano, ma fu abbandonata a favore della moderna Lund intorno all’anno 990.
Vikingaliv, Djurgårdsvägen 48. Nel 2017 è stato aperto un museo dei Vichinghi. L’attrazione principale è la saga di Ragnfrids, una corsa oscura di 11 minuti attraverso i diorami raffiguranti un’avventura vichinga. C’è anche un’esibizione (piuttosto piccola) con repliche di oggetti vichinghi. Buono per i visitatori che desiderano una breve introduzione ai vichinghi e non sono infastiditi dal costo della copertura o dall’assenza di artefatti autentici. un giorno 160/140/120 kr; un anno 250/200 kr; contanti non accettati.
Vikingatider, Ådalsvägen 18, SE-246 35 Löddeköpinge (Nel villaggio di Löddeköpinge vicino a Lund, a circa 20 km a nord di Malmö con la E6). Da maggio a settembre Un museo archeologico a tema vichingo e paesaggio con case e fattorie vichinghe. Impegnati nelle attività quotidiane dei vichinghi nella fattoria o nei laboratori. Visite guidate (in inglese) dell’insediamento e del paesaggio circostante e eventi speciali durante tutto l’anno, tra cui rievocazioni, laboratori e mercati.
Årsjögård (Nel villaggio lacustre di Årsunda, a sud di Sandviken). Un museo all’aperto incentrato su una fattoria viking ricostruita nel mezzo di una regione storica conosciuta come Järnriket (The Iron Realm). Archeologia sperimentale e giochi di ruolo occasionali, rievocazioni, feste, musica e artigianato. Scopri di più sulla storia culturale di questa zona, in particolare sull’era vichinga. Nelle vicinanze si trovano i campi di Sörby con 90 tumuli funerari e strutture in pietra, così come il famoso stabilimento balneare di Strandbaden sul lago di Storsjön, localmente noto come “riviera di Gästriklands”. A Strandbaden troverete un campeggio e un ristorante.

Islanda
871 ± 2 (The Settlement Exhibition), Corner of Aðalstræti e Suðurgata, Reykjavík, ☏ +354 411 6300, ✉ museum@reykjavik.is. 10 AM-5PM ogni giorno. Gestita dal Museo della città di Reykjavík, questa mostra nel centro di Reykjavík è stata costruita intorno alle più antiche rovine archeologiche in Islanda. Come indica il nome, queste rovine risalgono intorno all’anno 870. Queste mostre interattive ti portano alla storia antica dell’area che oggi forma il centro di Reykjavík. 1000 kr, gratuito per i minori di 18 anni.
Museo Nazionale dell’Islanda (Þjóðminjasafnið), Suðurgata 41, Reykjavík (autobus n. 1,3,4,5,6,12 e 14 di fronte o nei pressi del museo), ☏ +354 530 2200, ✉ thjodminjasafn @ thjodminjasafn. è. Questo museo, situato proprio accanto al campus dell’Università dell’Islanda, conduce il visitatore attraverso la storia di una nazione dall’insediamento ad oggi. Include una caffetteria e un negozio del museo. Ammissione generale: 1500 kr, anziani e studenti: 750 kr, minori di 18 anni: gratis ..
Museo della città di Reykjavík (Árbæjarsafn), Kistuhyl (autobus n. 19 di Hlemmur), 35 +354 411 6300, ✉ museum@reykjavik.is. 10 AM-5PM ogni giorno tra il 1 giugno e il 31 agosto. Durante l’inverno ci sono visite guidate alle 13:00 il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Nel sobborgo di Árbær, spesso chiamato Árbæjarsafn (museo di Árbær), questo museo a cielo aperto ospita sia la vecchia fattoria di Árbær sia molti edifici del centro di Reykjavík che vi furono trasferiti per far posto alla costruzione. Il risultato è un villaggio di vecchi edifici in cui lo staff ti porta attraverso la storia di una città. Lo staff è vestito con vecchi stili di abbigliamento islandese e addestrato in varie tecniche tradizionali, ad esempio nella preparazione di prodotti caseari o nella preparazione della lana. 1000 kr, gratuito per i minori di 18 anni.
Þingvellir. Il luogo in cui si riuniva il parlamento islandese (Alþing) per alcuni giorni ogni anno, dal 930 al 1798. Questo evento annuale serviva anche come corte suprema e un enorme mercato e luogo di incontro per persone provenienti da tutta l’Islanda.
The Settlement Center, Brákarbraut 13-15, Borgarnes. 10-21. Un media center che mostra le saghe vichinghe, storie o descrizioni della loro vita quotidiana.
Eiríksstaðir (Búðardalur, circa 150 km a nord di Reykjavik). Un museo all’aperto, incentrato sulla ricostruzione della fattoria di Erik il Rosso e di suo figlio Leif Eriksson (considerato il primo europeo a mettere piede in America).
Centro Saga (a Hvolsvöllur, 15 km a sud-est di Hella). Un museo in mostra Njals Saga, la principale saga degli islandesi.
Snorrastofa (Reykholt). Un museo e centro di ricerca in mostra Saga di Snorri, scritto dallo scrittore Snorri Strulasson del 12 ° e 13 ° secolo.
Viking World (Reykjanesbær, vicino a Keflavík). Un museo con cinque mostre vichinghe, tra cui una replica di una nave.

Norvegia
Lofotr Viking Museum (Lofotr Vikingmuseum), Prestegårdsveien 59, NO-8360 Bøstad (Vai all’isola di Vestvågøya). Maggio – Settembre. Situato sull’isola di Vestvågøya nell’arcipelago delle Lofoten, è un’enorme sala ricostruita dei capi vichinghi situata in un paesaggio spettacolare. La sala ospita mostre e ci sono sentieri nel paesaggio circostante. Eventi e programmi stagionali con giochi di ruolo, feste vichinghe, festival dei vichinghi e altro ancora. Animali e una fucina. In estate è possibile navigare con la replica di una nave vichinga nelle vicinanze.
Il Museo delle navi vichinghe (Vikingskipshuset), Porta Frederiks 2, Oslo (Vai all’isola di Bygdøy). Tutto l’anno. Le attrazioni principali qui sono le navi Gokstad, Oseberg e Tune Viking, tutte originali. Il Museo delle navi vichinghe fa parte del Museo di storia culturale, a sua volta un dipartimento dell’Università di Oslo (UiO). Il Museo di storia culturale ospita anche il Museo storico con un’esposizione permanente a tema in particolare in norvegese e vichingo. I biglietti includono l’ingresso ad entrambi i musei entro 48 ore. L’isola Bygdøy può essere raggiunta via strada o traghetto (in estate).
Gokstad Mound (Gokstadhaugen) (Gokstad, Sandefjord). Tutto l’anno. Il tumulo a Gokstad dove fu scoperta la nave Gokstad nel 1880. La nave è la più grande trovata in Norvegia ed è ora esposta nel museo delle navi vichinghe di Oslo. Il governo norvegese ha chiesto all’UNESCO di includere il tumulo sulla lista del patrimonio mondiale. Sito della battaglia nell’anno 1030, dove re Olav morì.
Centro storico di Trondenes, Trondenesveien 122, Harstad. Mostrando più di 2000 anni di storia nella regione, che era un centro di potere vichingo (Tore Hund da Bjarkøy, appena a nord di Harstad, uccise St Olav nella battaglia di Stiklestad, secondo la saga).
Tre spade. (Sverd i fjell, letteralmente Sword in Mountain), un monumento fuori dal centro di Stavanger, vicino al fiordo Hafrsfjord. Le spade stesse sono enormi e sullo sfondo c’è il fiordo. Il monumento ricorda la battaglia di Hafrsfjord alla fine dell’800, quando Harald Hårfagre sconfisse la sua opposizione orientale e divenne il primo re di Norvegia.
Midgardsenteret (Borrehaugen), Birkelyveien 9, 3182 Borre (Horten), ☏ +47 33 07 18 50. stagione: 1 maggio – 15 settembre, aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 16:00. Offpeak Th – Su open 11am – 4pm, Mo – Abbiamo chiuso. Nuovo museo sulla storia, la religione e le guerre dei vichinghi, accanto a Borrehaugen, il cimitero vichingo. Caffetteria. Adulto 60 NOK, bambino 40 NOK.
Kaupang (fuori da Larvik). Intorno all’800 dC vi fu istituita una sede commerciale vichinga, che oggi è sia un sito archeologico che una sede per eventi vichinghi in estate.
Bronseplassen. Aperto da maggio a settembre. Case ricostruite dell’età del bronzo e dell’epoca vichinga e si trova a Høvåg, a ca. 15 km a ovest di Lillesand. Ci sono anche barche di corteccia, labirinto, che offre spazio e cimitero.
Avaldsnes (circa 8,5 km a sud di Haugesund). Un ex insediamento vichingo, al giorno d’oggi con una fattoria vichinga, un centro storico, tumuli e scavi archeologici.
Assemblea di Gulen (Gulating), Eivindvik (Sognefjorden). Gulating era l’assemblea legislativa dell’epoca vichinga e l’alta corte (þing) per la Norvegia occidentale. Il sito aveva una posizione centrale lungo la corsia di spedizione (l’autostrada del tempo). L’assemblea potrebbe essere stata fondata da Harald Hairfair intorno all’anno 900 (forse più vecchio) ed esisteva fino al 1300. La legge di Guling era la legislazione corrispondente e nella sua estensione copriva la Norvegia occidentale e le contee di Agder, Valdres e Hallingdal. La legge Gulating ha avuto origine intorno al 900 (o prima) è la più antica legislazione norvegese ed era in vigore fino al 1688 (alcune regole sono ancora rilevanti). Originariamente Gulating era una “assemblea comune” in cui tutti gli “uomini liberi” si univano per l’incontro annuale, in seguito solo delegati di ogni distretto. Verso l’anno 1300 l’assemblea si riunì a Bergen anziché a Gulen. Oggi il nome è conservato nella corte d’appello di Gulating a Bergen. Due antiche croci di pietra segnano il sito originale e un nuovo monumento segna un sito successivo nelle vicinanze. Insiemi e leggi simili esistevano per Trøndelag e per la Norvegia orientale. Quando la moderna costituzione norvegese fu costruita nel 1814, fu adottato il nome Storting (grande assemblea).
Assemblaggio Frosta (Frostating), Frosta (Trøndelag). Frostating era la corte dell’epoca vichinga e l’assemblea generale per l’area di Trøndelag, simile a Gulating per la Norvegia occidentale. La “Cosa collina” è segnata e può essere visitata.

Danimarca
Bork Vikingehavn (Nel villaggio di Bork vicino a Skjern e Ringkøbing, nella parte inferiore di una grande laguna). Aprile – Ottobre. Villaggio vichingo e area portuale con repliche di navi vichinghe e un mercato cittadino. Rievocazioni e giochi di ruolo che varia durante tutto l’anno. Ottimo con i bambini.
Fyrkat (a ovest di Hobro). Castello del Viking Ring e case vichinghe ricostruite. A volte giochi di ruolo e artigiani. Nessuna spesa di iscrizione
Jelling Monuments (In Jelling). Patrimonio mondiale dell’UNESCO a Jelling, residenza reale vichinga. Enorme monumento di pietra, tumuli funerari, pietre runiche e chiesa del X secolo. Esploratori di nuova costruzione che danno vita alla ricca storia del sito. Buono per tutte le età. Gratuito.
Lindholm Høje (a nord di Aalborg). Cimitero di età del ferro pagano e età vichinga con centinaia di tombe incastonate. Edificio del museo
Ribe Vikingecenter (a Ribe). Da fine aprile a ottobre. Grande centro vichingo e museo cittadino a cielo aperto ricostruito nell’ex sito di una grande città vichinga. Rievocazioni, artigiani, giochi di ruolo e archeologia sperimentale di vari temi durante tutto l’anno. Cavalca cavalli islandesi, aiuta i contadini, guarda le esposizioni di falconeria, spara con gli archi o impara a combattere come i vichinghi; ci sono molte attività qui adatte a tutte le età e interessi.
Sagnlandet Lejre (a sud di Roskilde). Marzo – Dicembre. Grande centro vichingo e preistorico a cielo aperto con temi che risalgono all’età della pietra mentre si svolgeva in Scandinavia. Situato a Lejre, un’antica patria reale nella Nordic Iron Age e nella prima età dei Vichinghi. Attività coinvolgenti per tutte le età.
Castello di Trelleborg (ad est di Slagelse). Un castello di Viking Ring, uno dei soli sette conosciuti nel suo genere. Piccolo museo e alcuni edifici vichinghi ricostruiti. DKK 100.
Museo delle navi vichinghe, Vindeboder 12 a Roskilde (seguire le indicazioni dalla cattedrale), 45 +45 4630 0200, ✉ booking@vikingeskibsmuseet.dk. 10:00-05:00. Un museo con diverse navi vichinghe originali, un centro di ricerca viking, un porto con copie di navi vichinghe e un cantiere navale che costruisce nuove navi. Studia gli originali, osserva come gli archeologi li conservano e intraprendi un piccolo viaggio per mare con le navi replica nei mesi estivi. 80-115 Kr, studenti 70-100 Kr, bambini gratis.

Germania
Haithabu (Hedeby) (Appena a sud di Schleswig). Situato all’estremità meridionale della penisola dello Jutland, Haithabu era un tempo la sede della più grande città vichinga della Scandinavia. Ora un museo cittadino a cielo aperto con ricostruite case vichinghe. Archeologia sperimentale, artigiani e coinvolgenti giochi di ruolo e rievocazioni della vita precedente nella città dell’era vichinga. Insieme alle mura difensive e alle trincee di Danevirke nelle vicinanze, è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale nel 2018.

Groenlandia
insediamenti norvegesi in Groenlandia. I Vichinghi sistemarono parti della Groenlandia meridionale, iniziando con Erik il Rosso, che diede il nome alla terra per renderla attraente per i viaggiatori. Resti e ricostruzioni degli insediamenti norreni possono ancora essere visitati, alcuni dei quali formano un sito del patrimonio mondiale.

Sito storico nazionale del Canada L’Anse aux Meadows (Great Northern Peninsula, Newfoundland). Sito archeologico con i resti degli insediamenti vichinghi nordamericani descritti nelle sagome di Vinland: depressioni nel terreno che un tempo erano le fondamenta delle case, un longhouse ricostruito secondo i metodi di costruzione dell’epoca vichinga, oltre ad alcuni reperti rinvenuti esposti nel museo nel centro visitatori Visite guidate ed eventi speciali occasionali.
Norstead (Great Northern Peninsula, Terranova). Situato proprio lungo la strada dal sito UNESCO, Norstead intraprende un approccio più interattivo e vivente al tema dell’incursione norvegese nel Nord America, con un “villaggio” di case lunghe ricostruite popolate da interpreti in costume che ricreano la vita quotidiana in un 12 °- secolo “Porto di commercio vichingo” con un grado rispettabile di accuratezza storica.

Lettonia
Grobiņa Viking Settlement, Skābaržkalns, Grobiņa, vicino a Liepāja. La costa occidentale della Lettonia vanta un patrimonio vichingo, dove un tempo sorgeva un insediamento chiamato Seeburg (ora nella città di Grobiņa).

Regno Unito
Jorvik Viking Centre (York, Inghilterra), ☏ +44 1904 543400. Ogni giorno dalle 10:00 alle 16:00 (inverno), dalle 10:00 alle 17:00 (estate). Il famoso Jorvik Viking Center è un must per i visitatori della città di York ed è una delle attrazioni turistiche più popolari nel Regno Unito, fuori Londra. Accogliendo oltre 16 milioni di visitatori dal 1984, il Centro vichingo di Jorvik invita i visitatori a percorrere la ricostruzione delle strade dell’era vichinga come avrebbero visto 1000 anni fa. £ 6,25 e verso l’alto.
Lindisfarne, in Inghilterra. Un monastero paleocristiano sulla costa rocciosa di Northsea. Il raid norvegese a Lindisfarne nel 793 dC segna solitamente l’inizio dell’era vichinga.
Up Helly Aa (Isole Shetland). Il festival di fuoco più grande e famoso d’Europa. Si svolge l’ultimo martedì di gennaio. Nel corso dell’anno il “Guizer Jarl” o il capo dei vichinghi e la sua squadra preparano costumi, armi e uno stile araldico di replica, vichinghi e torce. C’è una processione con fiaccolata di oltre 800 partecipanti e poi la galera viene bruciata cerimoniosamente. I biglietti per le sale sono solo su invito, ma i biglietti pubblici sono disponibili per il municipio dal comitato. Sebbene il festival di Lerwick sia il più grande e il più famoso, si svolgono altre undici feste di fuoco attraverso le isole.

I Normanni
Battle Abbey e sito della Battaglia di Hastings (Battaglia, Inghilterra), 44 +44 1424 773792, fax: +44 1424 775059. aperto 1 aprile-30 set 10 AM-6PM, 1 ott-31 mar 10 AM-4PM, chiuso 24- 26 dicembre e 1 gennaio. Ora conservata dall’English Heritage, l’Abbazia fu fondata dopo il 1070 sul sito della Battaglia di Hastings nel 1066, il Papa aveva decretato che i conquistatori normanni dovevano fare penitenze pratiche per le morti inflitte nella loro conquista dell’Inghilterra . Guglielmo il Conquistatore iniziò l’edificio, ma fu solo completato e consacrato nel 1094 durante il regno di suo figlio Guglielmo II (Rufus). L’Abbazia si trova in uno stato incompleto, in parte rovinoso, essendo stata dissolta durante la Riforma, poi riutilizzata come casa privata. I visitatori possono sostare sul famoso sito in cui Harold fu ucciso il 14 ottobre 1066. adulti £ 7,80, bambini £ 4,70, concessioni £ 7,
Bayeux (Normandia, Francia). Una città cattedrale che presenta l’arazzo di Bayeux, che racconta l’invasione normanna dell’Inghilterra, culminata nella vittoria di William su Harold nel 1066.