Biblioteca del Museo Víctor Balaguer, Vilanova i la Geltrú, Spagna

La biblioteca del museo Víctor Balaguer, situata nel comune di Vilanova i la Geltrú, fu fondata nel 1884 da Víctor Balaguer. Balaguer voleva creare un tempio universale della conoscenza aperto a tutti per promuovere l’educazione e la cultura. È una delle strutture culturali più antiche e pionieristiche della Catalogna, poiché è stato il primo edificio pubblico nel paese a svolgere funzioni di biblioteca e museo. Dal 2000, il museo è una sezione del Museo Nazionale d’Arte della Catalogna e la sezione biblioteca della Biblioteca de Catalunya. Il suo attuale direttore è Mireia Rosich.

edifici
Attualmente la biblioteca del museo Víctor Balaguer occupa 2 edifici a Vilanova i la Geltrú. L’edificio originale dell’istituzione (che a sua volta comprende la Casa de Santa Teresa) e Casa Marqués de Castrofuerte, dove si trovano il servizio di consultazione della biblioteca e gli uffici del centro.

Palazzo principale
L’edificio principale è stato costruito su alcune terre accreditate a un prezzo simbolico dalla compagnia ferroviaria. La prima pietra fu posata il 1 gennaio 1882 e inaugurata il 26 ottobre 1884. L’edificio è opera dell’architetto Jeroni Granell i Mundet e si trova nel centro di Vilanova i la Geltrú, circondato da altri per la stazione ferroviaria, Scuola superiore di ingegneria politecnica di Vilanova i la Geltrú de la UPC e la biblioteca di questa università. È stato concepito espressamente per ospitare una biblioteca e un museo, cosa non usuale al momento. Il, con decorazioni neo-greche e neogregali, tipiche dell’architettura eclettica di fine Ottocento, poco prima del Modernismo, caratterizzato dalla fusione dell’estetica storicista con tecniche moderne, vale a dire elementi decorativi recuperati dal passato, ma il la tecnologia nei sistemi di costruzione era al top.

Nella decorazione degli esterni sono stati utilizzati dettagli di ispirazione classica (acroteris, frontone, atrio) ed egiziano (foglie stilizzate nei capitelli delle colonne, la schematizzazione della pianta di papiro), qualcosa di piuttosto insolito nell’architettura “Granell”, ma che si collega all’interesse generale che esisteva nell’antico Egitto, soprattutto a seguito delle nuove scoperte archeologiche, dell’apertura del canale di Suez (1869) o del successo dell’opera verdiana Aida (1871).

L’edificio ha similitudini con il Palau d’Exposicions de Belles Arts di Barcellona. Le finestre gemelle, separate da piccole colonne, i pilastri attaccati modulano le facciate, la pianta simmetrica con piante allungate, l’accesso centrale attraverso un portico con frontone sostenuto da due colonne e i nomi di artisti classici e contemporanei iscritti al fregio, sono alcuni dei le caratteristiche compositive comuni a entrambi gli edifici.

Sulla facciata dell’edificio si trova una scultura dell’Arcivescovo di Tarragona, Francesc Armanyà, e un altro del poeta Manuel de Cabanyes, che fu prominente Vilanova del XIX secolo. All’ingresso puoi leggere il motto Surge et ambula (Alzati e cammina, in latino). Il giardino del XIX secolo si trova anch’esso all’esterno. Nel 2009 sono stati celebrati gli atti del 125 ° anniversario e sono state ripristinate le facciate dell’edificio. I lavori consistevano nel risanamento manuale delle aree danneggiate, sia nelle aree in pietra artificiale, sia nelle stalle di calce parrocchiale restaurate. La verniciatura è stata eseguita utilizzando velours applicati in proporzioni diverse a seconda degli elementi dell’edificio: pietra artificiale, graffiti o stucco di calce.

Straniero
Nella decorazione degli esterni, sono stati usati dettagli di ispirazione classica (acroteris, frontone, atrio) ed egiziano (foglie stilizzate nei capitelli delle colonne, la schematizzazione della pianta di papiro), qualcosa di piuttosto insolito nell’architettura di Granell ma che si collega all’interesse generale che si ebbe nell’antico Egitto, soprattutto a seguito delle nuove scoperte archeologiche, dell’apertura del canale di Suez (1869) o del successo dell’opera di Verdi Aida (1871).

Portico: Il portico d’ingresso, con colonne e timpano, segue lo stesso schema di quello delle logge massoniche, coronato dall’iscrizione Surge et ambula (Alzati e cammina) un grido di progresso e progresso. Lo stesso Balaguer ha scelto queste parole come motto dell’istituzione. Rappresentano il passaggio dall’oscurità alla luce, intesa come conoscenza e connessa con lo spirito aromatico dell’autostima.

Grado: la griglia che circonda l’edificio è stata commissionata alla Terra e ai Macchinisti Marini.

Giardino: durante la costruzione dell’istituzione, è stata prestata particolare attenzione al giardino dell’edificio, dove sono state piantate acacie (legate alla simbologia massonica), palme, eucalipto e rose, tra gli altri. Il design è opera del magistrale giardiniere Joan Piera.

Sculture: la porta principale dell’edificio è fiancheggiata da due statue. L’immagine scultorea dell’Arcivescovo Armanyà fu collocata nel 1887, opera di Manuel Fuxà. La scultura del poeta Manuel de Cabanyes si stabilì sei anni dopo, il lavoro di Josep Campeny. Víctor Balaguer arrivò in città nel 1900. Entrambi furono restaurati in occasione del 125 ° anniversario.

Sgraffiti: l’edificio è stato pensato come un’intera dichiarazione di intenzioni. I 18 graffiti che decorano la facciata hanno funzionato come elementi informativi e tributi. Furono realizzati da Josep Mirabent i Gatell (1831-1899), pittore e prestigioso decoratore d’interni che si distinse per le sue opere nella decorazione dell’Auditorium dell’Università di Barcellona e il soffitto del Teatre del Liceu. I graffiti raffigurano scene simboliche di arte e scienza, e alcune di esse sono interpretate in modo massonico. Víctor Balaguer era un muratore, apparteneva a uno dei due Grandi Est di Spainexisting e ottenne il grado 33 del Sovrano Grande Ispettore Generale, secondo il rito scozzese e Memphis. Sono stati realizzati con una miscela di sabbia di calce e marmo e situati negli spazi rettangolari delimitati dai pilastri. Il set rappresentava l’evoluzione delle discipline umanistiche organizzate in quattro blocchi: arte, scienza, tecnologia e letteratura. Il successivo rimodellamento fece perdere l’esegrafiados della facciata posteriore che si riferiva alla storia di artapplied all’industria o arte suntuaria. Attualmente sono visibili solo dodici graffiti. Otto sulla facciata principale, uno su ciascun lato e due sulla facciata posteriore accanto alla biblioteca. Le cabine sono conservate nella dimensione naturale di questi graffiti. Nel corso degli anni i graffiti si sono deteriorati notevolmente e grazie al lavoro di restauro sono stati in grado di riprendersi.

Facciata principale (Storia della Grande Arte):
Arte egizia: la scena rappresenta tre personaggi egiziani che simboleggiano le arti pittoriche e scultoree. Due sono scultori e il terzo sembra disegnare.
Arte greca: Fídies sta scolpendo la famosa Atenea (Minerva dei Romani) in oro e avorio per il Partenone, mentre un giovane lavora scolpendo un frammento del portico. Fídies (V aC) è considerato uno dei migliori scultori di tutti i tempi.
Arte cristiana: Beato Angelico de Beola appare dipingendo una vergine, un giovane che lavora su una capitale e una scultura. L’era medievale è il momento di massimo splendore dei sindacati, incaricato del trasferimento dell’artigianato.
Arte del Rinascimento: Miquel Àngel è rappresentato contemplando la sua statua di Mosè e uno scultore mentre lavorava nella capitale. Ai suoi piedi compaiono gli strumenti fondamentali dello scultore: il martello e lo scalpello. Potrebbe essere una rappresentazione del suo laboratorio.

Facciata principale (Storia delle scienze):
Egitto: ci sono tre astronomi egiziani, uno di loro ha una bussola, uno strumento di misura per calcoli geometrici e numerici. La bussola è parte del simbolismo macho ufficiale e si connette con le sue origini nei costruttori del Medioevo. Inoltre è possibile fare riferimento alla costruzione dell’universo, che per le maçon è stato un lavoro perfetto e armonioso. Insieme con la bussola, anche gli astronomi hanno usato il quadrato, anche il simbolo massonico. Il sole e la luna, dai cui cicli sono state smontate le prime misure del tempo, hanno anche il loro simbolismo massonico e presiedono la loggia, il cui soffitto è decorato con costellazioni e stelle, simboli di perfezione, tra cui Stella polare. La scena può simboleggiare lo sforzo per superare la conoscenza.
Grecia: appare un oratore greco che dà lezioni alla gente. La scena evidenzia l’importanza della transizione della conoscenza tra insegnante e discepolo. Questa relazione esiste anche in muratura, che è strutturata con un rigoroso ordine gerarchico.
Era moderna: incisione in cui troviamo Cristoforo Colombo che discute con i teologi di Salamanca.
Era contemporanea: viene rappresentata una selezione di invenzioni moderne e Gutenberg, il creatore della macchina da stampa, si trova in un luogo preferenziale. I meccanici sono rappresentati dalla macchina a vapore, dalla navigazione, dalla ferrovia, ecc. Come le ultime invenzioni del tempo, appaiono i parafulmini, la lampadina e la pila di galvanizzazione. La composizione è un compendio del pensiero di Balagueran, in particolare e liberale, in generale, sempre intimamente legato all’idea di progresso e moderno.

tester:
Lato nord: il tempo coronato da una clepsidra. La figura è fiancheggiata da due personaggi alati, di un personaggio egiziano, uno di carattere classico, l’altro.
Lato sud: il tempo che porta alle ore diurne moderne che riesce a distribuire ad altri due geni di natura cristiana e rinascimentale; palme, palme e corone agli illustri, vincitori o adoratori

Facciata successiva (letteratura e poesia)
Nelle origini hanno mostrato scene della storia della letteratura e della poesia. A causa delle successive estensioni dell’edificio, al giorno d’oggi solo le scene di Dante Alighieri sono conservate recitando a Firenze le loro canzoni alla folla, e le immagini di Cervantes, Calderón de la Barca e Shakespeare come rappresentanti di letteratura e poesia moderna

Nomi: Oltre alle scene, i nomi degli scrittori nell’ala per la biblioteca e gli artisti sono anche incisi sulle facciate del museo. Il settore della biblioteca sono: Cervantes, Desclot, Garcilaso, Ausiàs March, Feijoo, Ramon Llull, Capmany, Alfonso X e Jaime I. Nella parte del museo si trovano Arnau de Vilanova, Velázquez, Alí ​​Bei, Berruguete, Campeny, Herrera , Viladomat, Murilloand Fortuny.

Interiors
L’avanzata tecnologica è nell’interno, nella struttura del tetto, realizzata con volte in ferro. Nell’edificio originale la volta ribassata è sostenuta da tralicci metallici perimetrali curvi. Più tardi, nelle estensioni successive furono usati raggi metallici di gelosia.

Pinacoteca: spazio principale in cui sono esposti dipinti e sculture di grande formato.

Saló María: ingrandimento del 1892 per coprire il fondo della scultura. In questa stanza c’erano le opere che gli scultori catalani del diciannovesimo secolo avevano donato al museo e altre che il fondatore aveva realizzato per la sua istituzione. Alcuni pezzi erano di un grosso volume e per il loro trasporto era necessaria la forza di sei uomini. Tieni presente che alla fine del XIX secolo la scultura era un’epoca di splendore. Con la riqualificazione delle città, divenne uno degli elementi principali nella decorazione degli spazi pubblici. E allo stesso tempo è servito per onorare figure storiche o idee. Il contenuto originale della stanza è cambiato. Nel corso del tempo, la collezione di arti decorative è stata trasferita (piastrelle catalane e vetro, monete e medaglie), sostituendo le sculture erano in origine, fino al 2008 è diventato lo spazio espositivo del carro armato pittura barocca spagnola e Flamenco del Prado.

Hall Isabel: Allargamento del 1898, inizialmente accolse la collezione di ceramiche, monete, medaglie e la collezione egiziana, tra gli altri. Nei suoi inizi, la collezione di arte egizia che Eduard Toda aveva dato nel 1886 al Museo si riunì. E ‘stata la prima collezione di Egitto esposta in Catalogna. Indubbiamente, il pezzo che ha attirato più attenzione su questa collezione è stata la mummia di un bambino di 5 anni, noto come Mummy Nesi. Oggi la collezione egiziana ha il suo scopo e la sala Isabel è destinata alle mostre temporanee.

Sala Silvela: ampliamento del 1919 realizzato da Font i Gumà e JFRàfols. La decorazione pittorica del soffitto era affidata a Francesc Garcia Escarré. Inizialmente, ha raccolto la collezione di arti decorative, in seguito ha raccolto la vecchia collezione di dipinti e la cattedra del Board Room. Attualmente, dopo il riordino del 2008, la sala presenta un piccolo campione di piastrelle farmaceutiche, vetro e vasi e la collezione etnologica di oggetti provenienti dall’America precolombiana, asiatica e filippina.

Rotonda: All’ingresso dell’edificio c’è una rotonda che funge da distributore tra la biblioteca e le sale del museo e, oltre al busto di Víctor Balaguer, è possibile vedere i ritratti di numerosi illustri Vilanovins: Manuel de Cabanyes, Joan Serafí Vidal, Francesc de Sales Vidal, Sebastià Anton Pascual, Francesc Armanyà, Josep Ferrer Vidal, Salvador Samà e Magí Pers i Ramona. Questi ritratti sono stati l’inizio dell’illustre Galleria Vilanovine che è esposta nel consiglio di amministrazione della sala del consiglio. Alle pareti ci sono quattro schizzi di iconografie: Storia e Poesia all’angolo della biblioteca e Pittura e architettura per il museo. Spazi come questi sono organizzati seguendo la fornitura di elementi di protezione simbolici tipici della Massoneria.

Sala del consiglio: La sala del consiglio mantiene un cadice con i nomi dei membri del consiglio e ogni anniversario Balaguer aggiunge un ritratto di una personalità importante del settore sociale, letterario, economico, religioso o politico di Vilanova.
Biblioteca

Casa di Santa Teresa
Si tratta di un edificio isolato situato accanto alla Biblioteca del Museo Víctor Balaguer e circondato da un ampio giardino, costruito nel 1890 come residenza privata di Víctor Balaguer. Deve il suo nome a sua madre ea Santa Teresa, un busto di cui è sulla facciata con uno dei suoi versi. Vivo senza vivere in me. L’edificio ha una pianta rettangolare e si compone di un seminterrato, piano terra, rialzato rispetto al pavimento, un pavimento e un tetto dove sorge la scala. La composizione delle facciate è quasi simmetrica, con finestre rettangolari e arco molto distaccato, tori e tribune. Un modanatura perimetrale separa il pavimento del primo piano in modo decorativo. L’edificio è coronato da una cornice e una ringhiera di balaustre e presenta una decorazione di strisce orizzontali che simulano i mattoni. In una delle facciate c’è un busto di Santa Teresa, eretto in memoria della madre di Víctor Balaguer, Teresa Cirera. Fu progettato dall’architetto municipale Bonaventura Pollés e Vivó e la sua costruzione fu completata nel 1889. All’inizio, l’edificio era stato costruito accanto a quello del Víctor Balaguer Library-Museum per ospitare Víctor Balaguer nel Your stay in Vilanova. Più tardi, quando insufficiente lo spazio della Biblioteca-Museo, è stato utilizzato come dipendenza di questa istituzione. Nel 1915, lo Stato fece in modo che la Biblioteca si separasse dal Museo.

Casa Marquès de Castrofuerte
La casa del marchese Castrofuerte è un edificio classificato come monumento protetto come bene culturale di interesse locale. È un grande edificio cantonale, con pianta rettangolare, costituito da un piano terra, due piani e un tetto piano. Ha un corpo laterale del piano terra a sinistra della facciata di c / Monturiol. La facciata principale è simmetrica. Il piano terra, attualmente modificato, presenta come elemento originale una porta di accesso delimitata da rami che imitano pilastri con capitelli. I due piani superiori sono dotati di balconi con ringhiere in ferro e due diversi bagliori disposti ad una velocità variabile. L’incoronazione dell’edificio è formata da una cornice sostenuta da Bacchette e una ringhiera da stiro con un frontone centrato che mostra la data del 1883. Gli elementi ornamentali più notevoli sono gli sgraffiti, in fasce orizzontali e medaglioni, i beccatelli dei mensoloni e delle palme.

Biblioteca
Concepito con l’intento di pubblicizzare, attraverso oggetti e documenti di ogni tipo, tutta la conoscenza, il suo fondatore ha contribuito con libri, riviste e documenti di ogni genere. L’intenzione del fondatore era che fosse aperta a qualsiasi cittadino, senza esclusioni di tipo economico o sociale, avanzando così nelle prime biblioteche pubbliche della Catalogna. Oltre ai libri, in seguito a successive donazioni e scambi di pubblicazioni, la biblioteca aveva manoscritti, fotografie, incisioni, mappe, pergamene e altri documenti in sospeso. Come nel caso del Museo, anche qui vengono ricevute donazioni di grande importanza come la Biblioteca di Manuel Pers i Fontanals, quella dell’ingegnere cileno Francesc Lluch i Rafecas, la raccolta di menu del Dr. Thebussem, di Eduard Toda, dal poeta Josefa Massanès, da Marià Aguiló … e anche uno scambio di doppioni fu stabilito con la Sociedad Científica de Aude in Svezia. La relazione che Balaguer mantenne con gli intellettuali del tempo favorì anche l’arrivo di materiale bibliografico di diverse origini internazionali. Nel 1884 la biblioteca aveva già l’illuminazione a gas grazie alla vicinanza della fabbrica dell’Unione Industriale.

Joan Oliva i Milà era incaricato di sviluppare il catalogo della biblioteca. Questo, grazie al desiderio di Balaguer, e al modo di addestrare, visitò le principali biblioteche di Francia e Inghilterra per imparare il mestiere secondo i canoni europei. L’attento e meticoloso lavoro svolto da Oliva nella catalogazione della collezione ha fatto della Biblioteca uno spazio di riferimento per la consultazione e lo studio. Molte personalità della cultura catalana si trasferirono, come Antoni Elias de Molins, Felip Pedrell e Francesc Macià. La Biblioteca, tuttavia, non era uno spazio esclusivo per gli intellettuali ma anche, e soprattutto, per i lavoratori e le persone della gente. Ha cercato di aprire cultura e conoscenza a tutti. Un lungo tavolo di marmo riempito con la stampa corrente è stato uno dei migliori reclami. Fino al 1965 era l’unica biblioteca pubblica a Vilanova i la Geltrú.

Attualmente ha circa 50.000 libri e quasi 2.000 titoli di periodici del XVIII e XX secolo. Inoltre, dobbiamo prendere in considerazione la raccolta di circa 50.000 lettere e vari manoscritti letterari e politici di Víctor Balaguer. Tutto ciò lo rende una delle più ricche collezioni bibliografiche del XIX secolo in Catalogna.

Ha anche documenti, archivi personali e / o artistici di personalità come Enric Cristòfor Ricart, Joan Alemany i Moyà e Eduard Toldrà, così come la raccolta bibliografica personale di Joan Rius i Vila, José Cruset o la gastronomica Joan Enric Roig Santacana, tra altri. Nella sala di lettura della Biblioteca Víctor Balaguer si trovano i busti di Dante, Calderón de la Barca e Cervantes come importanti esponenti di lettere universali.

Museo
Il Museo Víctor Balaguer ha un’estetica ottocentesca. I pezzi attualmente esposti corrispondono a quello che all’epoca era considerato la pittura moderna, cioè quello che si stava facendo in quel momento. C’era anche una vecchia sezione di pittura. Il fan cronologico andò dal barocco all’inizio del 19 ° secolo. La maggior parte erano ritratti, paesaggi e dipinti in costume. Tenete presente che nel 1884 non c’erano musei aperti al pubblico in Catalogna, dove erano permanentemente esposte opere permanenti. Balaguer ha creato una galleria d’arte catalana con nomi come rappresentanti di Martí Alsina, Joaquim Vayreda, Ramon Casas e Santiago Rusiñol, per quanto riguarda la pittura, e Damià Campeny oi fratelli Vallmitjana, per quanto riguarda la scultura. Il primo layout del museo è stato dato da Josep Ferrer i Soler, uno dei membri del consiglio.

Come gli ex collezionisti del diciannovesimo secolo, la collezione è divisa in diverse collezioni, grazie all’interesse multidisciplinare di Balaguer. Sebbene la maggior parte della collezione sia stata data dallo stesso Balaguer, nel corso degli anni il museo ha incorporato e arricchito le sue collezioni con varie acquisizioni e donazioni. Nel 2011, la collezione artistica del museo consisteva di oltre 7.000 oggetti diversi. Dall’anno di fondazione del museo, il Museo del Prado è stato depositato diverse opere, che vengono rinnovate periodicamente. Spesso questo deposito è costituito da dipinti castigliani, valenziani e andalusi dal XVI al XVIII secolo, incluse opere di artisti famosi come El Greco, Goya o Ribera, altri. Il museo conserva anche la collezione di dipinti municipali catalani del 19 ° secolo, che fino al 1996 è stata esposta al Castell de la Geltrú.

Pittura barocca
Nella cosiddetta Sala Prado (ex Saló María) si trova un importante set di pittura barocca, proveniente dal deposito del Museo del Prado. Con opere come La Sacra Famiglia di El Greco e dipinti di Luca Giordano, Bartolomé Esteban Murillo, Rubens, Ribera, Goya, ecc. Ci sono rappresentati la scuola castigliana e andalusa e, in misura minore, il fiammingo e l’italiano. I dipinti sono distribuiti in quattro aree tematiche principali: pittura religiosa, ritratto, mitologia e natura, che comprende anche nature morte.

Pittura e scultura del XIX secolo
Le pinacoteques erano grandi salotti di belle arti in cui mescolavano la pittura e la scultura, senza ordine cronologico o tematico. Molto diverso dalla disposizione che presenta le opere al giorno d’oggi nelle sale dei Musei. La sala è in gran parte mantenuta, come succede anche nella Biblioteca, l’aspetto originale del periodo. La Sala de la Pinacoteca comprende una delle migliori collezioni di pittura catalana del 19 ° secolo, con opere di Santiago Rusiñol, Ramon Casas, Joaquim Vayreda, Martí Alsina, Pau Carbonell e Dionis Baixeras, tra gli altri, mostrando sostanzialmente la collezione originale del fondatore e dipinti donati al museo dagli stessi artisti. Le opere sono esposte in ordine cronologico per evocare la scuola di Roma sull’arte catalana del XIX secolo. Si distingue il dipinto La difesa del parco di Monteleón de Sorolla, popolarmente noto come El Dos de Mayo, proprietà del Museo del Prado.

Pittura e scultura del XX secolo
I dipinti e le sculture di importanti artisti della prima metà del XX secolo sono esposti nelle sale della prima metà del XX secolo, come Santiago Rusiñol, Ramón Casas, Anglada Camarasa, Joaquim Mir, Isidre Nonell, Francesc Domingo, o Xavier Nogués, tra gli altri .. Molti di questi dipinti sono opere di piccolo formato, che sono stati portati all’Istituzione nel 1956, l’anno che dà il nome al Legacy 56. In relazione alla storia locale c’è una stanza con dipinti del ” Un vecchio Café Fomento e una breve sezione con opere della Scuola Vilanova.

Sempre su questo piano si trova la collezione di arte contemporanea degli anni ’50 e ’60, con le immagini di Ràfols Casamada, Hernández Pijuan, Tharrats, Guinovart, Antonio Saura … e sculture di Àngel Ferrant i Andreu Alfaro, tra gli altri. La maggior parte delle opere di questa collezione proviene dal fondo del primo Museum of Contemporary Art di Barcellona, ​​fondato nel 1960, che è stato ceduto al Museo della Biblioteca quattro anni dopo la sua chiusura nel 1963. S ‘impedisce così la dispersione di questo importante set , considerata come la collezione d’arte informalista più completa della Catalogna. Il museo ha anche una sala espositiva temporanea.

Collezione egiziana
La collezione ha una sala egiziana dove ci sono oggetti autentici dei tempi dell’antico Egitto. Si distingue per la sua unicità, la piccola mamma di un bambino di cinque anni, chiamata Nesi, una delle uniche cinque mummie attualmente conservate nei musei catalani. La collezione egiziana del Museo è la prima ad essere addestrata in Catalogna e fu donata nel 1886 da Eduard Toda i Güell, diplomatico e scrittore, e stretto collaboratore con Víctor Balaguer nel movimento Renaixença. Alcuni pezzi del set provengono dalla tomba di Sennedjem a Deir el Medina (West Tebes), nella cui scoperta Eduard Toda ha partecipato. La biblioteca ha anche ricevuto un’importante donazione di libri, fotografie, cartoline da tutto ciò che ha raccolto nei suoi viaggi come diplomatico in tutto il mondo.

Collezione precolombiana
La collezione precolombiana riunisce oggetti provenienti dalle aree più significative della Mesoamerica, in particolare l’altopiano del Messico, l’America centrale e il Sud America. Molti dei pezzi della collezione sono stati donati al museo da diplomatici e personaggi illustri che hanno visitato la zona e che in alcuni casi hanno partecipato a scavi archeologici. Una delle persone che ha contribuito a questo fondo è stata la baronessa di Wilson, Emília Serrano (1834-1922). La presenza in Catalogna di oggetti provenienti da culture precolombiane è iniziata nel XIX secolo, quando marinai e mercanti, noti come indiani, quando tornavano a casa, portavano le curiosità raccolte o acquistate nelle Americhe.

Collezione filippina
La collezione è composta da oggetti di uso quotidiano, guerre e oggetti di culto religioso, da mostre internazionali come il Concorso di scienze antropologiche di Parigi nel 1878 o l’Esposizione generale delle Filippine al Crystal Palace dei giardini del pensionamento di Madrid, 1887 , che Víctor Balaguer, allora ministro degli esteri, è riuscito a conservare alcuni degli oggetti del campione per il suo progetto.

Collezione orientale
La collezione orientale è formata da tre grandi donazioni: Eduard Toda, Francesc Abellá e Juan Mencarini. Tutti personaggi favoriti dalla loro relazione con Víctor Balaguer. Del set di questa collezione unica, è necessario sottolineare il fondo numismatico dato da Juan Mencarini, funzionario della dogana imperiale cinese. Formato per il suo acquisto diretto in Cina e per aver rappresentato quasi tutte le dinastie del passato imperiale cinese, fu dato nel 1888.

Collezione archeologica
La collezione archeologica consiste di due grandi blocchi. Le donazioni fondamentali da diverse parti del paese e i biglietti di scavo al territorio, in particolare nelle contee di Garraf, Alt Penedès e Baix Penedès. I principali reparti rappresentati sono Darró, Solicrup, Masia Nova, Cova Verda e Cova de Can Sadurní. All’interno del blocco corrispondente alle donazioni fondamentali, si distinguono due gruppi: le donazioni nella vita di Víctor Balaguer e le donazioni post Balaguerian, fino al 1939. La figura di Eduard Toda i Güell Come uno dei principali mecenati dell’istituzione, in aggiunta alla collezione di Egiptology, ha donato una collezione di ceramiche di vetro e romane e puniche.

Arte decorativa
Questa collezione è una collezione di altre piccole collezioni (vetro, ceramica e metallo) che danno un’immagine più arrotondata della passione per il collezionismo di Víctor Balaguer. Piccoli campioni, ma con oggetti eccezionali come un mortaio mozarabico del 12 ° secolo.

Tags: