Parco naturale regionale del Verdon, Alpi dell’Alta Provenza e Var, Francia

Il parco naturale regionale del Verdon si estende per 188.000 ettari nei dipartimenti delle Alpi dell’Alta Provenza e del Var. Sin dai romani, il Verdon è stato un territorio di passaggio, un incrocio tra il Provençaux e gli Alpini. Mantiene così forti relazioni con le città di Draguignan a sud, Digne-les-Bains a nord, Manosque e Aix-en-Provence. Su più scale, locale, regionale, nazionale e persino internazionale, il Parc du Verdon è protagonista delle azioni. I Parchi operano da anni in rete su diversi temi come il turismo sostenibile, l’energia e l’agricoltura. Sono stati messi a punto diversi strumenti.

Il Parco Naturale Regionale del Verdon prende il nome da un fiume coraggioso che ha scolpito un passaggio spettacolare tra gli ammassi rocciosi delle Prealpi. Prendendo esempio dal fiume, l’uomo, sin dalla preistoria, ha plasmato i paesaggi di una terra difficile che non è mai stata terra di abbondanza. Questo lavoro immenso, inventivo e costantemente rinnovato della natura e degli uomini, nonché il connubio di influenze alpine e mediterranee, estremamente prolifiche per flora e fauna, rendono oggi la ricchezza notevole e riconosciuta di un territorio.

Libro aperto su geologia, fauna, flora e storia dell’uomo, il territorio del Parco offre un’ampia varietà di paesaggi e ambienti. Con un terzo della flora francese, la ricchezza della flora è unica. La Canepetière Bustard, il Grifone, la Lucertola Ocellata (la più grande d’Europa) e 22 delle 32 specie di pipistrelli elencate in Francia sono un esempio della diversità animale presente. Il fiume Verdon, con i suoi 165 km e una capacità di stoccaggio di 434 milioni di m3, insieme alla Durance, costituisce la torre dell’acqua della Provenza. Fornisce acqua potabile di qualità alle grandi città della regione.

La regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra ha 7 parchi naturali regionali (Alpilles, Baronnies provençales, Camargue, Luberon, Préalpes d’Azur, Queyras, Verdon) e 2 parchi in prefigurazione (Mont-Ventoux, Sainte-Baume). Si può così andare da una parte all’altra della regione, passando per l’interno della Provenza senza mai lasciare un’area del Parco. Questa continuità geografica, unica in Francia, che si estende su quasi un terzo del territorio regionale, testimonia la ricchezza dei patrimoni naturali e culturali della regione e il desiderio di preservarli.

Geografia
L’area del parco naturale si trova nelle Prealpi provenzali, in una zona di transizione tra la Provenza e le pendici delle Alpi occidentali. Comprende un paesaggio vario e riccamente frastagliato nel bacino idrografico del fiume Verdon, che sale da circa 500 metri a ovest fino a circa 1800 metri a est e nord. Il Parco Naturale Regionale del Verdon ha sette diversi paesaggi turistici:

Altopiano di Valensole
L’altopiano di Valensole si estende per oltre 800 km con una media di 500 metri. Occupato fin dai Romani (Riez), è considerato il “granaio della regione” perché sull’altopiano si concentra un’importante coltura di cereali ma anche lavandina e raccolta del tartufo. Città principale: Valensole.

Enorme mare di ciottoli accumulati per diverse centinaia di metri di spessore, l’altopiano di Valensole è il regno del grano duro e della lavandina (un ibrido di due tipi di lavanda). Blu lavanda e oro all’inizio dell’estate, rosso e grigio nel cuore dell’inverno, i suoi colori seguono le stagioni. L’allineamento geometrico delle piantagioni, il confine dei campi evidenziato da mandorli, i cubi formati da piccoli boschi, i villaggi riparati dal maestrale nelle valli, disegnano una sorta di giardino alla francese che si estende a perdita d’occhio. Questo paesaggio, uno dei più suggestivi della Provenza, deve la sua bellezza al lavoro dell’uomo.

La civiltà gallo-romana ha lasciato tracce ovunque: tempio, basilica, battistero a Riez; bagni termali a Gréoux-les-Bains. L’agricoltura, l’artigianato, soprattutto l’arte, presenti fin dall’antichità, rappresentano ancora oggi il grosso delle attività dell’Altopiano.

Laghi e montagne
Il lago di Santa Croce è stato posato nel 1974. Con una superficie di 2.200 ettari, ha inghiottito la pianura e il villaggio di Salles. Al giorno d’oggi, questo lago è diventato un importante luogo turistico. Mourre de Chanier (1930 m). Lunghe barre rocciose separano piccoli terroir arroccati. Le valli, coronate da vaste montagne pastorali, sono piantate di piccoli villaggi in cui la vita si aggrappa con ingegno e dove la forza del sole ci ricorda che il Mediterraneo è a due passi. È il regno delle stelle, uno degli ultimi luoghi dove, lontano dall’inquinamento luminoso, il cielo mostra ancora le stelle.

Sulla strada per le Alpi, il Verdon si è ritagliato una valle dove si concentrano le attività agricole e artigianali e i villaggi, oltre a due serbatoi: Castillon e Chaudanne. La città di Castellane, ricca di secoli di storia, è costruita ai piedi della sua famosa roccia. Ospitava molte concerie e oggi un altro tesoro, i fossili della Riserva geologica dell’Alta Provenza. Più a nord, Saint-André les Alpes, centro di un’importante attività di stoffa, è una delle tappe del treno delle Pignes che avvicina Nizza a Digne.

Haut-Var è la regione del Var occidentale del parco. È esteso da vaste pianure e colline boscose. Haut-Var vive principalmente di viticoltura, olivicoltura e tartufi. Città principale: Aups.

La zona alpina del parco: le Préalpes de Digne, sulla riva destra del Verdon, dominano l’altopiano di Valensole e le gole del Verdon, con il Mourre de Chanier a 1.930 m seguito dal Mont Chiran (1.905 m) e Montdenier (1.750 m ). Le Prealpi di Castellane si trovano sulla riva sinistra del Verdon con la montagna di Lachens a 1.715 me il Grand Margès a 1.577 m. Questa regione montuosa vive principalmente di pastorizia. Capoluogo: Castellane.

Basses Gorges
Le Gorges du Verdon situate tra Moustiers-Sainte-Marie e Castellane delimitano i due dipartimenti del parco regionale per oltre 50 km. Sono le gole più profonde d’Europa fino a 700 m di profondità. È il punto turistico più importante della regione, attirando oltre un milione di turisti all’anno.

Le gole inferiori del Verdon si trovano tra il lago di Sainte-Croix e la Durance. Sono meno ripidi del grand canyon e sono costituiti da laghi artificiali (laghi di Montpezat, Quinson ed Esparron), per rifornire d’acqua la regione, in particolare Aix-en-Provence. Fin dalla preistoria l’uomo si è insediato nelle grotte delle gole inferiori. Il Museo della Preistoria di Quinson raccoglie i risultati degli scavi archeologici nella regione. Città principale: Gréoux-les-Bains.

Meno impressionanti e ostili di quelle del Grand Canyon, le gole inferiori erano un luogo di vita molto presto. Gli uomini preistorici vi si stabilirono in una moltitudine di grotte e giardini segreti. L’acqua ormai calma e addomesticata taglia l’altopiano di uno stretto fossato luminoso punteggiato da una serie di laghetti con calette accoglienti e tranquille.

Lecci e lecci occupano la macchia. Sono stati a lungo la materia prima di un’industria di qualità, quella del carbone. Dominando o costeggiando il fiume che ospita quasi tutte le specie di pesci che popolano le acque dolci del sud della Francia, i villaggi offrono i loro castelli, le loro fontane zampillanti, i loro vicoli ombreggiati. Il Quinson Prehistory Museum, il più grande d’Europa, è l’anello di congiunzione tra i primi esseri umani e quelli di domani.

Artuby
L’Artuby e il Plan de Canjuers si trovano nella parte del parco del Var, sulla riva sinistra del Verdon. L’Artuby è un fiume affluente che si snoda attraverso colline a oltre 1000 m sul livello del mare, raggiungendo il Mont Lachens.

Il bacino di Artuby si estende da Castellane al campo militare di Canjuers, dal Verdon al suo affluente Artuby, passando per un altro affluente, il Jabron. Costituito da vallate delimitate da rilievi rocciosi spesso alti, dà il posto d’onore alla foresta, che alimenta la maggior parte delle attività. La foresta fornisce energia rinnovabile, legno e sottoprodotti come piante profumate. L’allevamento, soprattutto ovino, vi trova strade e risorse. Ciò significa che la pastorizia, portata avanti da una professione vivente, segna il territorio con la sua impronta. Dai pascoli estivi al fondo delle valli, la transumanza scandisce con il suo equilibrio le stagioni. La caccia e la raccolta dei funghi completano la presenza umana in un’area forestale che copre il 60% del territorio.

I villaggi, spesso arroccati, riuniscono la popolazione. Il patrimonio architettonico, legato alla vita quotidiana, offre un gran numero di cappelle, fontane, ponti, mulini, ecc. Questi testimoni di una ricca vita sociale danno una dimensione culturale ai numerosi sentieri escursionistici.

Il lago di Ste Croix
Il Verdon ha il suo grande lago: uno strato turchese di 2.200 ettari, con acque tranquille, posto lì come un grande specchio di cielo, da un lato, e di una valle agricola sommersa, dall’altro. La diga di Sainte-Croix è stata costruita nel 1974. Ha portato alla scomparsa del villaggio di Salles-du Verdon, ricostruito sopra l’acqua e che separa i villaggi vicini, un tempo collegati da quattro ponti. Tra questi, dormi sott’acqua il ponte romano eretto a sud di Sainte-Croix sull’asse della strada romana Fréjus-Riez, ea nord il ponte medievale di Aiguines.

Protetto dalla legge costiera, il lago di Sainte-Croix è soprattutto una torre d’acqua che fornisce cibo a gran parte degli abitanti della Provenza. Al centro di un paesaggio preservato e bello, le attività nautiche vengono praticate dodici mesi su dodici e completano attività più antiche come la terracotta di Moustiers, la cui notorietà non si è indebolita dal 17 ° secolo, e la tornitura del legno tradizionale e contemporanea ad Aiguines.

Il piano di Canjuers è un altopiano arido e desertico situato tra il lago di Sainte-Croix, le gole del Verdon e Artuby è oggi integrato nel campo militare di Canjuers e quindi vietato al pubblico. Città principale: Comps-sur-Artuby.

Le colline dell’Haut Var
Alternando boschi e aree coltivate dove sono accampati tranquilli villaggi, l’Haut Var si estende a perdita d’occhio con il suo immenso turbinio di colline. La sua economia, a lungo agricola, trae ancora il suo oro nero dal tartufo e il suo olio dall’oliva.

Qui la Repubblica ha una storia gloriosa. Qui abbiamo preso le armi per difenderla, nel 1851 contro il colpo di stato di Luigi Napoleone Bonaparte e nel 1940 contro l’occupante. La scritta “Libertà, uguaglianza, fraternità” viene ridipinta ogni anno a caratteri cubitali sui muri delle chiese, muro contro il quale, all’ombra tranquilla dei platani, sappiamo ancora rompere la pallina da tennis. Oggi, la resistenza assume la forma di una sfida per il futuro. La qualità della vita attira persone dal nord e dalle città. Dobbiamo far loro spazio mantenendo i villaggi l’aspetto di gruppi stretti, le pianure i loro terreni agricoli e i paesaggi la loro bellezza. È su questa bellezza che si basa l’economia di domani, quella che può fiorire nel lungo periodo: il turismo di qualità.

Le Gorges du Verdon
Montagna sottosopra, il Grand Canyon du Verdon è stato a lungo spaventoso. Solo intrepidi raccoglitori di bosso si arrampicano in fune per avventurarsi nelle ombre verdi che si scoprono, tra le due alte pareti rocciose, dai belvedere arroccati per circa 700 m sopra il fiume.

Oggi gli alpinisti hanno seguito i raccoglitori e gli escursionisti prendono le vie, aperte nel 1905, da Isidore Blanc ed Edouard-Alfred Martel, per avvicinarsi al fiume addomesticato dalle dighe. Lassù, nella luce, sotto il maestoso scivolo degli avvoltoi reintrodotti, i villaggi delle 7 gole sono i guardiani di questo grande monumento minerario. È dai loro posti di osservazione, con la necessaria distanza, che le immagini sono le più belle. È tra le loro mura che i segreti vengono condivisi, da un museo all’altro. È con le guide che si fanno gli incontri più sorprendenti con il minerale o il vegetale, con la storia o il patrimonio.

Idrologia
Il Verdon nasce a 2325 m di altitudine, nel massiccio del Trois Evêchés, nel comune di Allos. Sfocia nella Durance ai piedi del castello di Cadarache, nella città di Saint-Paul-lez-Durance. Durante i 165 km che percorre, raccoglie l’acqua che cade sul territorio dei 69 comuni che ne costituiscono lo spartiacque.

Uno spartiacque è una porzione di territorio le cui pendici conducono tutte le gocce d’acqua che ricevono verso uno sbocco comune: fiume, lago, mare. Un lavandino è uno spartiacque: i bordi del lavandino formano la linea di demarcazione tra l’acqua, l’acqua che cade vicino al lavandino non va nello scarico. Qualsiasi territorio fa parte di uno spartiacque. 69 comuni in 4 dipartimenti (Alpes-de-Haute-Provence, Var, Alpes-Maritimes, Bouches-du-Rhône) sono interessati dallo spartiacque del Verdon (per tutto o parte del loro territorio) che copre 2.289 km2.

L’acqua del Verdon è preziosa perché è una risorsa limitata, fragile e sei volte utile: è l’acqua potabile degli abitanti dello spartiacque ma anche di gran parte degli abitanti della regione Provenza-Alpi. Riviera francese; serve la natura e l’agricoltura, l’energia e l’industria, la ricreazione. La missione del Parco Naturale Regionale del Verdon è vigilare su di esso, in collaborazione con tutti coloro che lo affiancano o grazie ad esso.

Bevendo acqua
Se nel territorio dello spartiacque del Verdon, i villaggi utilizzano tradizionalmente fonti locali, le grandi città della regione sono arrivate molto presto per cercare l’acqua dal Verdon.

Dal 1875, il Canal du Verdon ha portato l’acqua nel cuore di Aix-en-Provence, grazie alla vecchia diga di Quinson e al canale di Aix-en-Provence, costruiti nel 1868. Successivamente, sono stati creati 5 nuovi serbatoi tra il 1949 e il 1975 ( dighe di Castillon, Chaudanne, Sainte-Croix, Quinson, Gréoux), e grazie alla rete di canali e condutture della Société du Canal de Provence (SCP), quest’acqua scorre attraverso i rubinetti di molte città della regione come Aix -en-Provence, Marsiglia o Tolone. Una concessione conferisce a SCP un diritto sull’acqua di 660 milioni di m 3 all’anno. Nei laghi della diga del Verdon, ha una riserva di 225 milioni di m 3. Questa riserva corrisponde approssimativamente alla quantità di acqua che preleva attualmente all’anno.

Sul territorio del Verdon, l’approvvigionamento idrico è costituito da diversi tipi di risorse: acque sotterranee (sorgente, pozzo, falda alluvionale), acque superficiali (fiume, lago). Questi prelievi sono numerosi ma non molto importanti in termini di quantità di acqua prelevata. I consumi aumentano invece nei periodi di punta turistica (inverno nell’alto Verdon, estate su tutto il territorio).

Acqua naturale
La regione del Verdon ha un patrimonio naturale eccezionale perché il fiume, i suoi affluenti e le zone umide dello spartiacque forniscono terreni di riproduzione e consentono lo sviluppo di molte specie di animali o piante, a volte uniche o in via di estinzione.

I rimboschimenti che delimitano i corsi d’acqua (bosco ripariale) sono diversi a seconda della zona. Questo bosco ripariale stabilizza gli argini e combatte l’erosione. Filtrando l’acqua, agisce come un purificatore naturale. Ospita una flora e una fauna diversificate. Contribuisce alla bellezza dei paesaggi. Le zone umide sono veri e propri serbatoi di biodiversità. Prati umidi, paludi d’alta quota, stagni o piccoli specchi d’acqua, canneti di fondovalle, solitari; svolgono un importante ruolo di autodepurazione, di accumulo dell’acqua nei periodi umidi e di restituzione ai corsi d’acqua nei periodi di siccità.

I pesci presenti nell’acqua sono numerosi e testimoniano il funzionamento ecologico dei fiumi. Nella parte a monte del bacino le acque fresche e ben ossigenate del Verdon sono favorevoli alla trota fario. Notiamo la presenza di tori, barbi meridionali, sculpini, specie in via di estinzione. Infine, il Verdon ospita l’Apron du Rhône, un pesce che non esiste più se non nei bacini della Durance, dell’Ardèche e del Doubs.

Energia
Cinque dighe costeggiano il corso del Verdon: Castillon, Chaudanne, Sainte-Croix, Quinson e Gréoux-les-Bains. Queste dighe creano degli invasi e permettono la produzione di energia elettrica grazie alla forza dell’acqua: si parla quindi di energia idroelettrica. Le centrali elettriche delle 5 dighe di cui il Verdon è stato dotato dal 1949 al 1975, consentono a Electricité de France di produrre quasi 600 milioni di kWh all’anno. Questa energia rinnovabile copre il consumo annuale di una città come Aix-en-Provence. Questa produzione aiuta a garantire l’approvvigionamento elettrico della regione in caso di guasto alla rete.

Gli impianti idroelettrici del Verdon e della Durance rappresentano il 25% dell’elettricità consumata nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e il 10% della produzione idroelettrica francese. Offrono il vantaggio di poter fornire rapidamente energia significativa. Tutti gli impianti idroelettrici della Durance e del Verdon forniscono una potenza di picco equivalente a quella di 2 reattori nucleari in meno di 10 minuti. L’energia idroelettrica è quindi l’ideale per far fronte ai cambiamenti improvvisi del fabbisogno elettrico. È una sicurezza per la regione.

Lo sviluppo idroelettrico di Durance / Verdon è stato concepito fin dall’inizio come uno sviluppo polivalente: non viene utilizzato solo per generare elettricità, ma anche per fornire acqua a città, culture e industrie. Infine, contribuisce allo sviluppo del turismo regionale grazie ai laghi formati dalle dighe. Se gli sviluppi idroelettrici hanno modificato l’ambiente e il paesaggio delle nostre valli, il loro funzionamento tiene conto di una gestione condivisa ed economica delle risorse idriche.

Le dighe hanno sconvolto profondamente l’ambiente e gli ambienti acquatici. Affinché l’energia idroelettrica continui ad essere un’energia sostenibile, gli attori del Verdon nell’ambito del SAGE (Schéma d’Aménagement et de Gestion de l’Eau) e del River Contract, cercano e implementano possibili miglioramenti per preservare sia il naturale ambienti e i molteplici usi del fiume, compreso il suo potenziale idroelettrico.

Agricolo e industriale
L’acqua del Verdon o dei suoi affluenti viene utilizzata per irrigare le colture del nostro territorio, ma anche quelle di 6.000 aziende agricole della regione, e per rifornire alcune industrie grazie ai trasferimenti idrici della Société du Canal de Provence. I diversi settori dello spartiacque del Verdon ricevono l’acqua dal cielo in modo irregolare. Queste disparità climatiche determinano la distribuzione delle colture, e quindi dei paesaggi, su un territorio ancora in gran parte agricolo. L’agricoltura occupa circa il 12% della superficie del territorio del Verdon. Pascoli e terreni “naturali” occupano ancora più superficie, quasi il 39%. Nel complesso, l’irrigazione locale riguarda l’orticoltura, gli ortaggi da campo, le colture da seme, l’arboricoltura. È più presente nelle pianure del basso Verdon, nelle valli e nel settore di Artuby.

Catturato nel bacino di Gréoux, il 40% del volume totale ritirato dall’SCP viene trasportato fuori dal territorio per usi agricoli in tutta la regione provenzale. Quest’acqua fornisce 6.000 aziende agricole e irriga 80.000 ettari. In un contesto di cambiamento climatico, quest’acqua protegge le attività agricole. Tradizionalmente non irrigati, il grano duro e la lavanda ricoprono l’altopiano arido di Valensole. Dal 1989 una parte dell’altopiano è irrigata dalla rete della Société du Canal de Provence. Le terre pastorali, le Prealpi e il cantone di Comps-sur-Artuby usano l’acqua per abbeverare gli animali e per irrigare le colture orticole di Artuby.

Il 30% va all’industria (circa 40 milioni di m 3): la qualità costante dell’acqua del Verdon è una risorsa per l’industria pesante come l’acciaio e la petrolchimica nel bacino di Fos-sur-Mer o per molte industrie all’avanguardia come la microelettronica in il bacino Rousset. Vengono rifornite più di 600 aziende.

Come ogni attività umana, l’agricoltura può avere impatti sulle risorse idriche. L’utilizzo di fertilizzanti e prodotti per il trattamento può portare all’inquinamento delle acque sotterranee: è il caso dell’altopiano di Valensole dove le acque sotterranee sono contaminate dai residui di un vecchio diserbante. Gli agricoltori sono impegnati in programmi per migliorare le pratiche. I raccolti possono anche causare danni ecologici se gestiti male: i piani di gestione del raccolto sono messi in atto in settori sensibili. Nel mondo agricolo o industriale l’acqua è ormai considerata una risorsa da rispettare. È oggetto di ricerca e nuove pratiche volte a preservarne la qualità e la quantità.

Tempo libero
Il susseguirsi di gole e la comparsa di dighe lacustri hanno fortemente incoraggiato lo sviluppo del turismo che porta attività economiche e posti di lavoro. Le attività ricreative legate all’acqua sono numerose e attraenti: pesca, nuoto, canottaggio, sport acquatici. Sono, per molti di loro, praticabili tutto l’anno. La fama del Verdon e la sua frequentazione turistica devono molto al fiume e ai laghi. Le attività direttamente collegate ai corsi d’acqua sono rafting, trekking acquatico, nuoto in acque bianche, kayak, canoa, canyoning. 30 professionisti delle acque bianche impiegano circa 90 persone. Sport o famiglia, la pesca nel Verdon è famosa in tutto il mondo. Sui laghi, vela, windsurf, pedalò, canottaggio, nuoto e pesca attirano circa un milione di visitatori all’anno. Queste diverse pratiche dipendono direttamente dall’attività delle dighe (livello del lago, rilasci d’acqua per gli sport acquatici). Tutte le attività legate all’acqua hanno vantaggi economici significativi se si tiene conto di alloggio, ristorazione e servizi.

Vegetazione e fauna
Il Grand Canyon du Verdon in particolare è un luogo di rifugio dove le condizioni di vita (clima in particolare) hanno permesso a specie molto specifiche di insediarsi e sopravvivere nel tempo. Queste sono ad esempio piante endemiche che crescono nelle scogliere, uccelli attaccati alle scogliere o anche pipistrelli specifici che hanno trovato rifugio nelle gole.

L’aumento delle presenze restringe sempre più le zone di tranquillità.

Il Parco Naturale Regionale del Verdon svolge azioni di sensibilizzazione ed educazione ambientale, per la riabilitazione del patrimonio, lo studio della fauna e della flora, la tutela dei siti sensibili, lo sviluppo delle strutture di accoglienza e informazione, lo sviluppo dei centri culturali e di intrattenimento, la gestione dei siti elencati nelle Gorges du Verdon …

La ricchezza e la varietà di paesaggi, fauna e flora spiegano l’entusiasmo del pubblico per i diversi tipi di visita.

Flora
Il territorio del parco ospita 2.200 specie, ovvero un terzo dei tipi di flora in Francia. Alcune di queste piante vivono solo nel Verdon e in nessun’altra parte del mondo (sono quindi qualificate come endemiche del Verdon).
l’Asplenium jahandiezii detto Spleenwort Verdon Spleenwort di Jahandiez (La specie è strettamente localizzata nel Verdon Canyon e nell’Artuby, Castellane a Esparron-de-Verdon nel Var e Alpes-de-Haute-Provence),
il Ginepro Phoenicia, Lycia o Ginepro Rosso ginepro (Juniperus phoenicea L.)
la quercia verde, o la quercia (Quercus ilex),
la quercia kermes o gariga (Quercus coccifera).
il Phyteuma villarsii, Rapunzel de Villars,
l’Ephedra major, la Grand Ephedra o la Great Uvette.

Fauna
Grandi rapaci
l’Aquila reale (Aquila chrysaetos); il Circaetus Jean-le-Blanc (Circaetus gallicus); il gracchio (Pyrrhocorax pyrrhocorax); il falco pellegrino (Falco peregrinus); il Corvo Imperiale (Corvus corax); il gipeto (Gypaetus barbatus); il Gufo Gufo reale (Bubo bubo) il Grifone (Gyps fulvus), o precedentemente il grifone; il monaco avvoltoio (Aegypius monachus); l’avvoltoio (Neophron percnopterus) …

Oltre alle operazioni di reintroduzione delle specie, svolte in particolare a partire dal 1999, la Lega per la Protezione degli Uccelli (LPO Antenne Verdon), con il sostegno di:
l’LPO PACA,
servizi del parco naturale regionale del Verdon,
ornitologi, dell’Ufficio Forestale Nazionale,
associazioni “Vautours des Baronnies” e “Vautours en Haute-Provence”
e la Foundation for the Conservation of the Monk Vulture,

180 specie di uccelli
lo Shrike (Lanius); la piccola otarda (Tetrax tetrax); il forte edicnema (Burhinus oedicnemus); la Lulu Lark (Lullula arborea); il Red Pipit (Anthus campestris); il Albanella reale (Circus pygargus) …

Specie acquatiche
Il gambero bianco o bianco (Austropotamobius pallipes).
Il grembiule del Rodano (Zingel asper).
Il Procione (Myocastor coypus); La fibra di ricino.
Il toporagno acquatico (Neomys fodiens).

50 specie di mammiferi, cervi, felini; sauri
di cui 22 specie di pipistrelli delle 32 elencate nella Francia continentale: il Rhinolophus hipposideros, chiamato Pipistrello ferro di cavallo minore, Pipistrello ferro di cavallo piccolo o Ferro di cavallo piccolo; il Capaccini Murine (Myotis capaccinii), o vespertilion di Capaccini; La lucertola ocellata …
Il ratto marrone; l’arvicola; il topo; la lérot; la marmotta (Marmota); lo scoiattolo, la lepre; il coniglio selvatico …
Il cervo (Capreolus capreolus); Il cinghiale (Sus scrofa); La lince; Il lupo (Canidae); Il tasso; La genetta comune; I mustelidi (Mustelidae); La volpe.

Attività umane

Patrimonio storico e architettonico
Dall’uomo preistorico agli abitanti di oggi, sono loro che hanno dato al Verdon il suo carattere. Dalla storia al suo patrimonio, ecco alcune chiavi per entrare in questo territorio. Il territorio del Verdon è ricco di strutture culturali e artistiche, che vanno dalle associazioni agli artisti e agli artigiani. Durante tutto l’anno offrono attività ed eventi per residenti e visitatori. Sono questi attori culturali che fanno del Verdon un territorio culturale molto vivace.

Nei borghi e nei terreni circostanti o alla fine dei siti più improbabili, un insieme di piccoli elementi segnano un paesaggio plasmato da più generazioni. Spesso discreto, questo patrimonio costituisce tuttavia la memoria locale del Verdon. A volte lo incontriamo senza guardarlo. Eppure le fontane ci offrono sempre la loro acqua fresca e siamo tentati di immergerci la mano. I sentieri e le strade portano i nomi della cappella o dell’oratorio che li confina, quello del forno, del pozzo, dei mulini. Il campanile segnala in lontananza la presenza del borgo. Il Parco Naturale Regionale del Verdon ha messo in luce questo patrimonio dedicando un inventario, un libretto di scoperta, mostre, ecc.

Il territorio del Verdon, ricco di una lunga tradizione agricola e pastorale, presenta un importante patrimonio di pietra a secco, testimone del duro lavoro degli antichi per addomesticare questo territorio ed estrarre le risorse necessarie. Per coltivare i pendii difficili, gli abitanti hanno pazientemente costruito muri di sostegno, chiamati localmente restanques. Variando con le fluttuazioni della popolazione, guadagnarono gradualmente le terre più lontane dal villaggio. Mantenuto da generazioni, se ne possono ancora vedere le tracce alla periferia dei villaggi, su terreni bonificati dal deserto. Se le terrazze sono le più visibili, qua e là possiamo vedere ciottoli che ricoprono i pavimenti, cabine, pareti di api …

Il carattere originale di queste opere è dovuto alla tecnica utilizzata. In un muro a secco non c’è malta tra le pietre. È il sapiente assemblaggio delle pietre tra di loro che definisce la solidità dell’edificio. Le strutture in pietra a secco hanno molti vantaggi che fanno parte delle nostre attuali preoccupazioni ambientali: da un lato, la pietra è un materiale ecologico, raccolto localmente e infinitamente riciclabile, il che spiega la perfetta integrazione di queste costruzioni nel paesaggio. D’altra parte, l’assenza di giunti conferisce a queste pareti un ruolo essenziale nel drenaggio e nella regolazione dell’acqua piovana. La costruzione in pietra a secco offre una risposta adeguata ai vincoli del terreno, permettendo così di lottare contro l’erosione del suolo e diventare un alleato contro le inondazioni.

Eredità culturale
La natura del Verdon ti delizia con la sua diversità e ricchezza. La cultura del Verdon vi condurrà in un viaggio con temi vari e inesauribili: geologia, preistoria, antichità, terracotta, arti e tradizioni popolari …

I musei di Castellane
Installati nella Maison Nature & Patrimoines situata nel cuore di Castellane, il museo Sirènes et Fossiles e il museo Moyen Verdon forniscono una panoramica e una comprensione della storia della valle di Moyen Verdon. Torna indietro di 40 milioni di anni con il Museo delle Sirene e dei Fossili, quando il mare ricopriva la regione di Castellane. Nelle lagune si sono evoluti pacifici mammiferi marini: i sireniani (famiglia dei lamantini). Forse all’origine del mito delle sirene, la loro storia vi viene raccontata con l’ausilio di modelli animali a grandezza naturale, filmati video e ricostituzione di paesaggi. Scopri il patrimonio e le tradizioni locali con il museo Moyen Verdon, Arts et Traditions Populaires. Ascoltando il paese e le persone, questo museo propone mostre temporanee che si rinnovano ogni due anni. Oggetti di uso quotidiano, fotografie,

Casa delle Gole del Verdon a La Palud-Sur-Verdon
Al 1 ° piano del castello del XVIII secolo, in un sorprendente eco-museo, segui il fiume smeraldo e scopri i diversi aspetti del Verdon e del suo Grand Canyon; dalle vette al cuore delle gole imparerai tutto su fauna, flora, geologia, idrologia, storia umana, arti e mestieri, esplorazioni, inizi del turismo … Un viaggio divertente per tutta la famiglia, avrai accesso ai vari pannelli di presentazione, videowall, film storici, vetrine e allestimento originale; utilissimo come punto di partenza per conoscere davvero questo territorio unico al mondo …

Museo della terracotta a Moustiers-Sainte-Marie
Presentazione dei materiali e delle tecniche della maiolica, dalla ceramica del XVI secolo alla produzione della terracotta di Moustiers dal XVII al XXI secolo, ovvero le produzioni artigianali odierne. La collezione permanente è completata da una mostra temporanea di creazione contemporanea.

Museo della Preistoria delle Gole del Verdon a Quinson
Il percorso museale di uno dei più grandi musei preistorici d’Europa ripercorre un milione di anni di avventure umane in Alta Provenza. Il suo percorso è scandito dalla mostra permanente di oggetti archeologici originali, pannelli esplicativi, video, console interattive e diorami: ricostruzioni spettacolari

Museo di Tourneurs-Sur-Bois ad Aiguines
Ospitato in un moderno edificio nel centro del paese, il museo dei tornitori permette di viaggiare indietro nel tempo. Scopriamo l’arte della tornitura del legno, da ieri ad oggi, con, tra l’altro, la ricostruzione della bottega di un tornitore del
inizio ‘900 e i vari attrezzi utilizzati, i manufatti, le famose palle. bosso borchiato, patrimonio essenziale della cultura provenzale. Questo museo presenta anche la qualità del lavoro svolto dagli artigiani di oggi.

Attività economica
Attività principale del Verdon fino agli anni ’70, l’agricoltura oggi resta portatrice di un’identità che va preservata. Tra le risorse agricole del territorio troviamo l’apicoltura oltre alla cultura del tartufo. Da segnalare anche la presenza di colture tradizionali di olivo e vite. Sono i pascoli delle pecore che occupano più spazio. Gli allevatori di pecore hanno quindi il pascolo nei massicci prealpini.

Come altrove, gli abitanti del Verdon hanno sviluppato un know-how strettamente legato alle risorse presenti nel territorio. Eseguite all’interno della famiglia, queste pratiche artigianali erano varie: lavorazione del legno o della pietra, concia, tessitura, vimini, lavorazione di prodotti raccolti o agricoli …

Questo know-how è stato talvolta arricchito da influenze di altre culture attraverso i tanti scambi di cui il Verdon si è nutrito nel tempo. Accanto a questo know-how tradizionale, il Verdon ha visto recentemente lo sviluppo di un importante movimento di artigiani e artisti che portano un nuovo tocco alla sua ricchezza.

Tartufo nero
Il tartufo nero è il risultato del connubio tra i filamenti sotterranei di Tuber melanosporum e le radichette di alcuni alberi caratteristici della Provenza e del Verdon come le querce bianche o il leccio, ma si può trovare anche sotto i noccioli o i tigli. Da questa relazione nascono le micorrize, metà fungo, metà radice. Questi funghi aiutano le piante a trarre nutrienti dal terreno; in cambio, le piante forniscono ai funghi zuccheri che non sono in grado di produrre da sole dall’energia del sole. I terroir più vocati al tartufo nel Verdon sono l’altopiano di Valensole e l’Haut Var. Ma puoi anche incontrarlo ai piedi di Montdenier o Artuby.

Alla fine del XIX secolo, la produzione di tartufo nero francese era di circa 1.600 tonnellate, 50 anni fa era di circa 100 tonnellate. Dall’inizio del 21 ° secolo, la produzione ha oscillato intorno alle 50 tonnellate con una leggera tendenza al rialzo negli ultimi anni. Questo forte calo della produzione è spiegato, tra l’altro, da fattori sociali come l’esodo rurale, il declino della pastorizia, i cambiamenti nell’uso del suolo e la frammentazione dei paesaggi rurali. Si parla anche di cambiamento climatico ed è certo che l’aridità del suolo ha un impatto negativo sulla produzione del tartufo.

La regione Provenza Alpi Costa Azzurra è la principale regione di produzione in Francia. Il Verdon contribuisce a questo successo con oltre 1.400 ettari di tartufaie in produzione e 7 tonnellate di tartufo, pari al 13% della produzione nazionale. 600 produttori sono coinvolti anche nei mercati locali di Aups, Riez o Montagnac-les-Truffes. La cultura del tartufo è però minacciata dal proprio insufficiente rinnovamento ma anche dalla concorrenza del tartufo straniero o dei sapori sintetici. Unioni professionali e dilettanti si stanno mobilitando oggi a fianco del Parco per creare un’identità “Provenza del tartufo” e offrire una maggiore apertura al “truffoturismo”. Questa ambizione si baserà sulla rete delle case del tartufo nel sud-est.

Api e mieli
La parte visibile e dolce del lavoro delle api è il miele che ci permettono di assaggiare. Ma raccogliendo nettare e polline nei fiori che visita, l’ape compie un lavoro di ben più notevole importanza: impollina le piante, cioè ne permette la fecondazione, e quindi la loro riproduzione. Contribuisce così non solo alla conservazione della biodiversità, ma anche ad una tappa fondamentale nel ciclo di molte produzioni agricole, ovvero la formazione dei semi.

I mieli del Verdon sono l’espressione della flora del territorio ricca di oltre 2000 specie diverse, che permette loro di offrire un’ampia varietà di sapori tra mieli di montagna e mieli di gariga. Il Parc du Verdon contraddistingue questi mieli e produttori impegnati nella biodiversità grazie al marchio Valeurs Parc naturel régional.

Pastorizia
L’allevamento e la pastorizia fanno parte del tradizionale know-how del Verdon. Le loro pratiche hanno plasmato il nostro paesaggio e nutrito il nostro patrimonio. Fanno parte dell’identità e della memoria del Paese. Il territorio del Parco, tra la Provenza e le Prealpi, beneficia di una grande diversità di terroir che va dai 300 ai 2.000 metri sul livello del mare. La presenza di un allevatore permette di utilizzare questi terreni mantenendo l’attività economica e il lavoro. La pastorizia aiuta a preservare il benessere degli animali e dell’ambiente.

Gestire la mandria all’aperto riduce i problemi di salute. Inoltre, il pascolo limita l’invasione di terreni che non possono essere meccanizzati da ginestre, bosso e poi pini. Mantiene anche il sottobosco pulito e arioso, migliorando la fertilità del suolo tra due colture. La pastorizia, mantenendo aperti gli ambienti, è quindi un alleato contro gli incendi e aiuta a preservare biodiversità e paesaggi.

Turismo
La fama del Grand Canyon du Verdon e la creazione di laghi artificiali negli anni ’70 hanno portato ad un’attività essenzialmente agricola verso il turismo stagionale (più di 1,5 milioni di visitatori all’anno). Gli spazi agitati, naturali e agricoli sono più che mai da preservare perché sono alla base dell’identità dei paesaggi e consentono loro di rimanere vivi e attraenti, preservando la qualità della vita nel paese. Il territorio del Parco è quindi bellissimo perché curato dall’uomo. Rimarrà attraente per i suoi abitanti, per un giorno o per tutta la vita, se partecipano al mantenimento del suo equilibrio. Accanto al Parco, comuni, associazioni, imprese e cittadini si impegnano per uno sviluppo più sostenibile.

La trasformazione dell’economia locale verso un’attività turistica dominante, orienta l’azione del Parco a ricomporre gli equilibri del territorio. In questo movimento, il turismo deve essere una leva che permetta di promuovere le risorse e il know-how locale, favorendo la messa in rete di professionisti e costruendo un’offerta che rispetti l’ambiente e gli ambienti di vita. Per raggiungere questi obiettivi, il Parc du Verdon, come gli altri parchi della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, ha aderito alla rete europea delle aree protette aderendo alla Carta Europea del Turismo Sostenibile. Come continuazione di questa adesione, i 5 parchi della regione hanno lanciato nel 2012, un processo di supporto per i professionisti del volontariato consentendo il loro progresso verso i valori del turismo sostenibile.

Attività all’aperto
Molte attività sono offerte ai visitatori e agli atleti nel Verdon. Da qui la difficoltà di far convivere la tutela della fauna e della flora e lo sviluppo economico, basato principalmente sul turismo.

Questa esigenza di equilibrio, che è affrontata da tutte le alture attraenti, spiega la mobilitazione di tutti gli attori pubblici e privati ​​e difensori istituzionali e associativi del parco, sia in termini di tutela ambientale che di tutela dai rischi per la salute. inquinamento generato da un aumento delle presenze scarsamente controllato.

Il Verdon ha 933 vie di arrampicata, tra cui la scogliera verticale di Escalès di 300 metri, la gola più alta d’Europa. Gli alpinisti, gli avvoltoi e il paesaggio costituiscono quindi uno spettacolo inscindibile per i turisti …

Tags: